N n

na1 avv. Proprio adesso; solo un momentino; ecco, prontamente: na, sta’ brape la putèa proprio adesso apre la bottega; na, quantu cu mpùsumu sta camisa solo un momento, fintanto che appretto questa camicia; sta’ benimu, na! veniamo, ecco, siamo pronti.

na2 avv. Ecco, toh, tieni, tenete: na, a ttie la mègghiu toh, a te la migliore; enchìtinde nna ucala, na riempìtene un boccale, tenete; na, zzìccalu, na! ecco, afferralo, su!

na3 inter. di meraviglia oppure di contrarietà. Oh, ma guarda!; guarda un po'!; che sento!: na, cce sta’ ssuccete? Oh, che cosa succede?; na, stu nunnu, me sta’ ddae pròpiu fastìtiu ma guarda un po', questo tizio mi sta dando proprio fastidio!

nabbabbu sm. Persona assai ricca, che vive di rendita e nel lusso e nei piaceri.

naca sf. Culla rudimentale di assi di legno oppure fatta a guscio * detto: piccinnu te naca nnu giurnu ìnchie e nnu giurnu diàca bimbo di culla un giorno ingrassa e un giorno dimagrisce * prov. Ci à ffattu lu fìgghiu, sse fazza la naca chi ha fatto il figlio, appronti la culla. [gr. naké].
DE D. …"forsi la rapa de quist'àrveru / serve pe nnaca de li fili nesci!"

nachiceδδa sf. Culletta. [dim. di naca].

nachiru sm. Nocchiero, il capo dei frantoiani. [gr. nàukleros, lat. nauclerus].

nae , nave sf. Nave. [lat. navis].

naecante, navecante sm. e f. Navigante. [lat. navigans -antis].
DE D. Ahi, pori pacci, pori naecanti / perduti de la vita all'àutu mare!

naecare, navecare intr.; pres. nàecu, nàechi, nàeca, naecamu, ecc.; p. rem. naecài, ecc.; pp. naecatu. Navigare.
Da c. p. Ci uèi bieni cu mmie àusa le vele / e ttorna pe sti mari a nnaecare.

naèra sf. Nòria, congegno di sollevamento dell'acqua dei pozzi, costituito principalmente da una ruota con tanti secchi e azionato da un asinello bendato, che gira torno torno. [dall'arabo na'era].

naetta sf. 1- Navetta del telaio, spola * 2- Cunetta, zanella. [fr. navette].

disegno
naetta

Naianu, Neianu geogr. Neviano.

Nana, Naneδδa pers. Gaetana.

nana sf. Voce infantile che indica la gallina ed anche il gallo: le nane fàcenu l'oe le galline fanno le uova.

nanà…nanà inter. Voce per chiamare le galline.

nanca sf. 1- Grosso grumo di sporcizia * 2- Un vello sporco di stallatico.

Nandu, Nandinu, Nanduzzu pers. Ferdinando.

naniceδδu sm. Nanetto. [dim. di nanu].

nanna1 sf. Nonna molto vecchia, ava: la nanna Runzina nu ssape quanti anni tene nonna Oronza non sa quanti anni ha; stìamu nturnisçiati alla nanna, ca ni cuntàa tanti culacchi stavamo tutt' intorno alla vegliarda, la quale ci raccontava tante fole * Con i possessivi in pos. encl.: nànnama, nànnata, nànnasa mia nonna, tua nonna, sua nonna.

nanna2 sf. Voce del linguaggio infantile indicante il sonno: ci nu ffaci nanna, chiamu lu Masimoru se non fai la nanna, chiamo 'Masimoro'.

nanna nanna sf. Suono onomatopeico sussurrato cantalenando per conciliare il sonno ai bambini.

nannareδδa sf. Sonnellino diurno degli infanti. [dim. di nanna2].

nannarisçiare tr.; pres. nannarìsçiu, ecc.; impf. nannarisçiàa, ecc.; p. rem. nannarisçiài, ecc.; pp. nannarisçiatu. Ninnare, cullare. [da nanna2 + suff. iter. -sçiare].

nannàsçenu agg. Antenato: ci se zàanu li nannàsçeni nesci, se facìanu la cruce alla mmersa se si alzassero i nostri antenati, rimarrebbero sbalorditi e si farebbero la croce alla rovescia e con la mano sinistra * sm. Bisnonno, trisavolo: me suntu nannàsçeni pe pparte te mama mi sono bisnonni per parte di mia madre; lu nannàsçenu miu era puparu, lu tata rande tenìa nna putèa te cartapista il bisnonno mio costruiva pupi di creta, il nonno gestiva un laboratorio per la lavorazione della cartapesta. [da nonnu]

nannercu sm. 1- Orco; personaggio invocato come spauracchio: lu nannercu se màngia li piccinni tristi l'orco divora i bimbi cattivi; (De Dominicis) I' ca ene lu Nannercu e tte nde porta! attento che viene l'orco e ti porta via! * 2- fig. Vecchio dormiglione; persona barbone.

nanni sm. 1- Nonno: lu nanni miu stae buenu a ssordi mio nonno è ricco * 2- Avo, antenato: amu mutu la terra te li nanni mei amo molto la terra dei miei avi * 3- Persona molto vecchia * Con i possessivi in pos. encl.: nànnima, nànnita, nànnisa il mio avo, il tuo avo, il suo avo.

nannieδδu sm. Lembo di un vestito da donna, l'orlo inferiore della veste.

nannorca sf. Orchessa, la moglie dell'orco * fig. Donna assai vecchia, grassa e brutta d'aspetto, megera.

nanti, nanzi, a nnanti, nnanti avv. 1- Davanti, innanzi: mìntite nanti mèttiti davanti; tie te mini a nnanti cu nnu rriesti a rretu tu ti precipiti innanzi per non restare ultimo; ci me ene a nnanti, ni tiru nnu sçaffune se mi càpita davanti, gli mollo un ceffone * 2- Piuttosto: nanti rrumagnu senza ièu piuttosto rimango io senza; nanti te àcqua, nc'ete besegnu te sule piuttosto che di pioggia, c'è necessità di sole * prep. Davanti, di fronte a…: tiàulu, spunda te nanti all'ecchi mei! diavolo, sparisci davanti agli occhi miei!; nnanti all'artare se genucchiàu davanti all'altare si inginocchiò * cong. Prima che, prima di: cerca cu tte sprichi nanzi bbene sirda cerca di sbrigarti prima che torni tuo padre; nanti mme lu dica, ièu capìi cce bulìa prima che me lo dicesse, io capii che cosa volesse. [dal lat. in antea].

nanticàmmera sm. Ingressino * sf. Anticamera, attesa.

nantienìre1 sm. Avvenire, futuro: lu nantienìre lu ìsçiu nìuru pe lli giòeni vedo nero l'avvenire per i giovani * prov. Ci se sapìa lu nantienìre, nisciunu murìa puerieδδu se si potesse conoscere il futuro, nessuno morirebbe povero. [dal lat. ante venire].

nantienire2 intr.; pres. nantiegnu, ecc.; (si coniuga come il semplice enìre). Precedere, venire prima: nantienìanu le erginelle vanivano per prime le veriginelle.

nantiesçìglia sf. Antivigilia. [dal lat. ante vigiliam].

nantimane avv. Prima, poco prima; non molto tempo fa.

nantimìntere tr.; pres. nantimintu, ecc. (segue la coniugazione del semplice mìntere). Anteporre * rifl. Intromettersi.

nantimisu agg. Incaricato di intervenire e intromettersi a fin di bene: doi nantimise cèrcanu cu mìntenu pace ci sono due incaricate, le quali cercano di riportare la pace.

nantipròsemu sm. Presentimento, previsione piuttosto inquieta.

nantiretu, nanziretu avv. All'indietro; all'inverso.

Nanu, Naneδδu, Naniceδδu pers. Gaetano.

nanu sm. Nano. [lat. nanus].

nanulìcchiu sm. Nanetto. [dim. di nànulu].

nànulu1 sm. Nano: lu Pici nànulu s'à ddatu alla lemòsena Luigi, il nano, s'è messo a elemosinare. [dim. di nanu].

disegno
nànulu

nànulu2 sm. Bledone o blido, pianta erbacea delle amarantacee, infestante dei coltivi; ha rametti striscianti coperti da foglioline cenerognole; i fiorellini si infittiscono all'apice dello stelo che tende a piegarsi in alto.

nanzi v. nanti.

nanziparte, nantiparte sf. Attribuzione patrimoniale fatta prima della morte del titolare: la chesura l'àggiu uta comu nanziparte ho avuto in proprietà il podere come anticipo * prov. Fessa δδu sire ci dae nantiparte stupido quel padre che assegna in eresità anticipatamente.

nappa sf. Mestola di latta a bordi molto slargati, usata per raccogliere le chiazze d'olio che galleggiano sulla sentina. [dal lat. mappa, m>n].

napuletanu agg. Napoletano, di Napoli * sm. Abitante di Napoli.

Nàpuli geogr. Napoli, la città sempre considerata capitale dell'Italia meridionale.

Napulione pers. Napoleone.

narcisu (lett.) sm. Narciso, pianta a fiori bianchi con corona interna gialla, coltivata in vaso per il profumo. [gr. nàrkissos]. V. anche cìceri e ttrie.

Nardò geogr. Nardò.

narduianu, narduiese agg. Di Nardò, neretino * sm. Abitante di Nardò.

nasça sf. 1- Naso evidentemente camuso * 2- La parte della faccia tra gli occhi e la bocca. [lat. nas(i)ca].

nascente agg. Nascente, che sorge.

nàscere, nascìre intr.; pres. nascu,… nascimu, ecc.; p. rem. nascìi,… nascemmu, ecc.; pp. (nasciutu) natu. Nascere: à nnatu nnu bellu piccinnu è nato un bel bambino; ànu nate tante paparine sono spuntati tanti rosolacci; lu ranu sta’ nnasce il grano germoglia * detto: te cosa nasce cosa ogni causa ha il suo effetto * provv. Pe llu nàscere e llu murìre à rriare l'ura sia per nascere che per morire deve arrivare l'ora stabilita e nessuno può mutare l'evento § Se sape a ddu se nasce e nnu sse sape a ddu se more conosciamo il luogo di nascita ma non possiamo sapere il luogo di morte. [dal lat. nasci].
DE D. Pe nàscere lu crai quistu giurnu ha murire; / ogne ura ca passa la facce a nui ni cangia / e nnàscenu li fili de l'osse de lu sire!

nàsceta, nàscita sf. Nascita; origine, generazione: la nàsceta te lu Mamminieδδu la nascita di Gesù Bambinello; ete signura te nàscita è nobile di origine.

nasìcchiu sm. Nasino. [dim. di nasu].

nasiceδδu sm. Nasino, naso piccolino. [altro dim. di nasu].

nasieδδu1 sm. Nasiera, arnese di ferro che, tirando una funicella, si chiude a tenaglia sul naso delle bestie da tiro scalpitanti. [dal lecc. nasu].

disegno
nasieδδu

nasieδδu2 sm. Nasello, pesce marino simile al merluzzo, dalle carni pregiata. [dal lat. asellus].

nasilengu (f. nasilonga) agg. Nasone, di persona dal naso lungo; ficcanaso.

nasinprufelatu agg. Di persona dal naso profilato.

nasiscrafazzatu agg. Con il naso schiacciato, perciò camuso.

nasituertu, nasitertu (f. nasitorta) agg. Dal naso storto.

nassa sf. Nassa, gabbia di giunchi usata per la pesca.

nasu sm. 1- Naso; fiuto: nasu a ppeperussu, a ccaffetta, te ccionni naso a peperone, naso con verruca, naso adunco; stùsçiate li mucci te lu nasu pulìsciti il mòccio del naso; sta cane tene nnu nasu mutu finu questa cagna ha un fiuto assai fine * provv. Nu ccementare lu cane, quandu ni fuma lu nasu non stuzzicare il cane allorché gli fuma il naso § Nasu enta et entre rusçe il fiuto avverte il buon odorino e il ventre bròntola dalla voglia * 2- fig. Comprendonio * prov. Ci tene nasu, tene crianza chi possiede buon fiuto e comprendonio, ha buona creanza. [lat. nasus].

nasu te cane sm. Naso rincagnato.

nasu te SanCarlu sm.Naso grosso, nasone.

Natale sm. Natale, la solennità che ricorda la nascita di Gesù Cristu * detti: Te Santa Lucia a Natale quantu ncuèfeni e ffaci lu pane dal 13 al 25 dicembre sono così pochi i giorni che c'è appena il tempo per fare il bucato e cuocere il pane § te Natale a Santu Stèfanu in breve tempo, di breve durata § Dopu Natale lu giurnu pare dopo il 25 dicembre si nota che il dì si allunga * prov. Te Natale a ccasa toa, te Pasca cu cci uèi a Natale a casa tua, a Pasqua con chi vuoi. [dal lat. natalis].

Natalinu, Natinu pers. Natalino.

nàteca sf. Nàtica. [lat. nàtica]. V. pure capìcchia.

natecale sm. Traversone di legno nella parte anteriore del carro, adiacente alle natiche della bestia da tiro.

Natina pers. dim. di Donata, di Natalina, di Zenàide, ecc.

natu agg. Nato: cecu natu cieco dalla nascita; mbrugghiùni nati imbroglioni da sempre, per natura. [lat. natus].

Natùccia pers. Donata.

natura sf. 1- Natura, essenza naturale * provv. Cosa te natura fena alla morte tura l'essenza naturale dura sino alla morte § Cangiare te natura e' ccosa troppu dura mutare di natura è cosa assai difficile § Ci te natura ete, cangiare nu sse pote se è di natura, non si può cambiare * 2- Carattere, istinto naturale: la mita ete latra te natura la gazza è ladra per istinto; la natura te la mùscia ete cu zzicca surgi il carattere naturale della gatta è quello di acchiappare topi * 3- Ambiente naturale: la natura sta’ berdìsçia la natura (la campagna) verdeggia. [lat. natura].
Da c. p. Mmacari ca te llai dintra all'àcqua, / sempre nìura rrumani pe nnatura.

naturale agg. Naturale; genuino; autentico. [lat. naturalis].

nàusia (neol.) sf. Nausea. [lat. nausea]. V. i più comuni mmossa, tristu.

nausiante agg. Nauseante.

nausiare tr.; pres. nàusiu, ecc.; impf. nausiàa, ecc.; p. rem. nausiài, ecc.; pp. nausiatu. Nauseare, disgustare.

nausiatu agg. Nauseato, disgustato.

nave, nae sf. Nave. [lat. navis].

navicatu agg. Di persona molto esperta in affari non sempre leciti.

nazzione sf. Nazione, Stato. [dal lat. natio -onis].
D’AM. Lu pruèrbiu è generale / e llu sape ogne nazzione: / ola l'omu senza l'ale, / basta ca hae na prutezzione.

nazziunale agg. Nazionale, dello Stato * sf. Tipo di sigaretta di media qualità del Monopolio italiano.

ncacchiare tr.; pres. ncàcchiu, ecc.; impf. ncacchiàa, ecc.; p. rem. ncacchiài, ecc.; pp. ncacchiatu. Fare un cappio: ncacchiammu li scannacaδδi e cchiappammu le lucèrte facemmo il cappio agli steli di forasacco e catturammo le lucertole. [da càcchiu].

ncaδδarìre intr. e tr.; pres. ncaδδariscu,… ncaδδarimu, ecc.; p. rem. ncaδδarìi,… ncaδδaremmu, ecc.; pp. ncaδδarutu * intr. Indurire sgradevolmente acquistando le caratteristiche del callo e del durone; incallire: fatiandu fatiandu, le manu ncaδδarìanu lavorando lavorando le mani incallivano * tr. Riempire di calli, provocare duroni: la zappa me ncaδδarìu le manu la zappa fece diventare callose le mie mani; le scarpe stritte ncaδδarèra le tìsçete te li pieti, parlandu ccrianza le scarpe strette provocarono i calli alle dita dei piedi, parlando con rispetto. [da caδδu2].

ncaδδarutu agg. Incallito, indurito: li mòneci tènenu le sçenùcchie ncaδδarute i monaci hanno i ginocchi incalliti.

ncaδδisçiare intr. e tr.; pres. ncaδδìsciu, ecc.; impf. ncaδδisçiàa, ecc.; p. rem. ncaδδisçiài, ecc.; pp. ncaδδisçiatu * intr. Fare i calli stàndosene inoperoso; fare assuefazione; sentire fastidio per la durata di qualcosa di importuno; annoiarsi, stufarsi: ci ni nde stamu cu lle mànure su lla panza, ncaδδisçiàmu se ce ne stiamo con le mani sulla pancia, ci annoiamo; cu nfila tabbaccu, ncaδδìsçia si stufa a star lì ad infilzare foglie di tabacco * tr. Averne a ufo, stufare, stufarsi di qualcosa: prestu ncaδδisçiàu la zappa presto ebbe a noia la zappa * modo di dire: se ncaδδìsçia lu fiaccu nu llu buenu ci si stufa delle cose cattive, non delle cose buone. [da caδδu2 + suff. durat. -sçiare].

ncaδδu avv. A cavalcioni; sopra: se nde sçìu ncaδδu a llu mulu se ne andò a cavalcioni sul mulo * prov. Quandu criti ca stai a ncaδδu, stai alla mpete quando credi di essere a cavallo, ti ritrovi appiedato. [da caδδu1).

ncaδδu llu ciùcciu loc. avv. Alla berlina: nu mbògghiu la gente cu tte porta ncaδδu a nnu ciùcciu non permetto che la gente ti metta alla berlina.

ncaδδusu agg. Indolente; che si annoia facilmente; che prende a uggia ogni cosa e ogni occupazione.

ncaδδuzzare intr.; pres. ncaδδuzzu,… ncaδδuzzamu, ecc.; p. rem. ncaδδuzzài, ecc.; pp. ncaδδuzzatu. Ingalluzzire, ringalluzzire.

ncafare intr. e tr.; pres. ncafu,… ncafamu, ecc.; p. rem. ncafài, ecc.; pp. ncafatu * intr. Affondare nel terreno soffice: le rote ncafàanu intra a lla rena le ruote affondavano nella sabbia * tr. Calcare, premere dentro, pressare: ni ncafasti la còppula subbra all'ecchi gli calcasti il berretto sugli occhi. [dal lat. incavare, v>f].

ncafatieδδu agg. Abbacchiato, acciaccato; depresso.

ncafuδδare tr.; pres. ncafoδδu, ncafueδδi, ncafoδδa, ncafuδδamu, ecc.; p. rem. ncafuδδài, ecc.; pp. ncafuδδatu. Ingoiare oltre la sazietà; ingollare; ingozzare: se ncafuδδàra tantu nnu stanatu te parmiggiana ingollarono un tegame grande così di melanzane alla parmigiana; ni ncafuδδasti nna suppiera te pappareδδa gli facesti mangiare a forza una zuppiera di pappa * fig. Saziare di botte: ci l'ìanu zzeccatu, l'ìanu ncafuδδatu te càuci, sçaffe e ttàfari se lo avessero acchiappato, lo avrebbero colmato di calci, schiaffi e pugni. [dal lat. fullare, lat. volg. *con-fullare].

ncafuδδatu agg. Compresso, pigiato, stretto stretto.

ncafurchiare tr.; pres. ncafòrchiu, ncafuerchi, ncafòrchia, ncafurchiamu, ecc.; p. rem. ncafurchiài, ecc.; pp. ncafurchiatu. Ficcare in una buca; nascondere sotto terra; rinchiudere in un luogo profondo: a ddu tiàmmena ncafurchiasti li turnisi toi? dove diamine sotterrasti i tuoi soldi? * rifl. Rifugiarsi; rintanarsi: lu lèpure se ncafurchiàa ntra llu scrasçiale la lepre si rintanava dentro la siepe di rovi. [dal lecc. cafòrchia].

ncafurchiatu agg. Rintanato; nascosto in una buca, in un luogo ristretto.

ncagghieppu sm. Groviglio; incaglio. [incr. tra sp. encallar e it. viluppo].

ncagghiuppare tr.; pres. ncagghioppu, ncagghiueppi, ncagghioppa, ncagghiuppamu, ecc.; p. rem. ncagghiuppài, ecc.; pp. ncagghiuppatu. Ammassare fittamente, avviluppare * rifl. Raggrumarsi, raggrumolarsi; aggrovigliarsi: nu mmangiare ficalìndie e ua te paru, senone li nùzzuli se ncagghiòppanu non mangiare contemporaneamente fichidindia e uva, altrimenti i noccioli si raggrumano. [da un incr. tra it. incagliare e aggruppare e il lecc. ncagghieppu].

ncagghiuppatu agg. Aggrovigliato; ammassato e intrecciato; raggrumato; raggruppato strettamente.

ncagghiuppulare tr.; pres. ncagghiòppulu, ncagghiuèppuli, ncagghiòppula, ncagghiuppulamu, ecc.; p. rem. ncagghiuppulài, ecc.; pp. ncagghiuppulatu. Aggrovigliare; appallottolare sostanze poco consistenti o filamentose; infittire; raggrumolare. [intens. di ncagghiuppare].

ncaggiulare tr.; pres. ncaggiulu,… ncaggiulamu, ecc.; p. rem. ncaggiulài, ecc.; pp. ncaggiulatu. Ingabbiare * rifl. fig. Chiudersi in casa isolandosi. V. pure ncargiulare.

ncagnamientu sm. Rottura di ogni rapporto sociale; risentimento prolungato; rottura di fidanzamento.

ncagnare rifl.; pres. me ncagnu,… ni ncagnamu, ecc.; p. rem. me ncagnài, ecc.; pp. ncagnatu. Inimicarsi come cani; guardarsi in cagnesco; offendersi e rompere ogni rapporto affettivo; rompere il fidanzamento o l'amicizia: làssala, nu lla nzurtare senò se ncagna làsciala, non la stuzzicare, altrimenti si offende e ti pianta; li ziti dopu sei anni se ncagnàra gli innamorati dopo sei anni litigarono e si lasciarono. [dall'it. ant. incagnare].
Da c. p. Ue' ssacci quandu cu ttie me ncagnu? / quandu lu ranu se mete lu iernu!

ncagnatu agg. Risentito e offeso, imbronciato: stanu ncagnati e nnu sse pàrlanu e nnu sse uàrdanu sono tra loro imbronciati e non si parlano e non si guardano.

ncagnusu agg. 1- Permaloso, incline a offendersi, suscettibile * 2- Crucciato.

ncalamare tr.; pres. ncalamu,… ncalamamu, ecc.; p. rem. ncalamài, ecc.; pp. ncalamatu. Ridurre la bambagia in calami, affusolare. [dal lecc. càlamu].

ncammerare intr.; pres. ncàmmeru,… ncammeramu, ecc.; p. rem. ncammerài, ecc.; pp. ncammeratu * 1- Mangiare di grasso in periodo di astinenza: crai ete ernetìa e nnu sse ncàmmera domani è venerdì e non si viene meno all'astinenza * 2- Rompere il digiuno ecclesiastico: ncàmmeri puru ci te mini a mmucca nna muδδìcula rompi il digiuno anche se porti in bocca una briciola di pane; foi la Matonna e ncammeràu cu nnu sulu semente persino la Madonna ruppe il digiuno mangiando un solo seme di zucca. [dall'it. incamerare].

ncàmmeru sm. Rottura dell'astinenza o del digiuno comandati: ci lu malatu face ncàmmeru, nu fface peccatu se il malato viene meno al rispetto dell'astinenza, non commette peccato.

ncammi avv. Invece, in cambio: ncammi te nnu asu, me tese nna sçaffa nfacce in cambio di un bacio, mi dette uno schiaffo sulla guancia.
D’AM. Dimme a mmie: putìalu fare / ncammi bessa nu carusu, / cu tte fazza nnamurare / te nu ècchiu tabbaccusu?

ncanare tr.; pres. ncanu,… ncanamu, ecc.; p. rem. ncanài, ecc.; pp. ncanatu. Aizzare il cane contro: ncànani lu uagliò allu latru aizza il cane contro il ladro. [da cane].

ncanìcchia sf. Chiave di pietra, concio opportunamente sagomato e utilizzato ad incastro come unione di due elementi di sostegno in strutture murarie, specialmente in archi e in architravi. V. pure canìcchia.

ncanicchiare tr.; pres. ncanìcchiu, ecc.; impf. ncanicchiàa, ecc.; p. rem. ncanicchiài, ecc.; pp. ncanicchiatu * tr. Congiungere saldamente; unire strettamente * 2- Congiungersi carnalmente. [da canìcchia].

ncanicchiatu agg. Unito saldamente; incastrato.

ncanicchiatura sf. Operazione di incastro; opera di incastro.

ncanna avv. e complemento di luogo. In gola: mina a ncanna e ffùttitende manda in gola e impìpatene; δδa cosa tuce me rrimase ncanna (la voglia di) quel dolcetto mi rimase in gola.

ncannàgghia sf. 1- Sottogola * 2- Fune che passa sotto la gola dei buoi aggiogati.

ncannale sm. Striscia di cuoio che serve a legare al gioco il collo dei buoi.

ncannare tr. e intr.; pres. ncannu,… ncannamu, ecc.; p. rem. ncannài, ecc.; pp. ncannatu * tr. 1- Stringere alla gola; afferrare per la gola * 2- Dare una spinta al torchio, facendogli compiere una girata * 3- rifl. Attaccarsi con la bocca ad un recipiente e bere ingordamente: te ncannasti allu rsulu te lu mieru, a? ti attaccasti all'orciolo del vino, nevvero? * intr. fig. Inclinare ad una piacevole occupazione, dedicarsi con impegno: à ncannatu allu sçecu si è attaccato al gioco. [da canna3, ncanna].

ncannata sf. Pressione sul torchio; una girata del torchio.

ncannatu agg. Fatto di canne: case ncannate case con il tetto di cannicci.

ncanneδδare intr.; pres. ncanneδδu, ncannieδδi, ncanneδδa, ncanneδδamu, ecc.; p. rem. ncanneδδài, ecc.; pp. ncanneδδatu. Inverminire, andare a male facendo i vermi. [da canneδδa].

ncanneδδatu agg. Inverminito; bacato: mile ncanneδδate mele del tutto bacate.

ncannicchiare rifl.; pres. me ncannìcchiu, ecc.; impf. me ncannicchiàa, ecc.; p. rem. me ncannicchiài, ecc.; pp. ncannicchiatu. Avvinghiarsi; sospendersi (per es. ad un asse) afferrandosi con le mani e con le gambe; congiungersi, accoppiarsi strettamente. V. anche ncanicchiare.

ncannicchiatu agg. Avvinghiato; attorcigliato intorno.

ncannizzare tr.; pres. ncannizzu,… ncannizzamu, ecc.; p. rem. ncannizzài, ecc.; pp. ncannizzatu. Coprire con cannicci. [dal lecc. cannizzu].

ncannulare tr.; pres. ncànnulu,… ncannulamu, ecc.; impf. ncannulàa,… ncannulaàmu, ecc.; p. rem. ncannulài, ecc.; pp. ncannulatu * 1- Incannare, avvolgere il filo al rocchetto servendosi di qualsiasi attrezzo; operazione che precede l'orditura del filato nel telaio: la nanna felàa cu llu fusu e lla nepute ncannulàa cu llu ndelecaturu la nonna filava con il fuso e la nipote avvolgeva il filo al rocchetto con l'incannatoio * 2- Inanellare; avvolgere a spirale: perde tiempu cu nni ncànnula li capiδδi perde tempo a inanellarle i capelli; le sagne, ci le ncannulati, nu sse ncòδδanu se le attorcigliate a spirale, le lasagne non si appìccicano. [da cànnulu].
Ninna nanna: Ninni, nanu, nanu, ninu, / ncannulamu e ppoi tessimu, / la tila nòscia e' ffatta, / quantu sçiamu e lla crescimu, / la tila nòscia e' llonga, / sçiamu a Lecce e lla endimu.

ncannulatu agg. Inanellato, attorcigliato per lungo su se stesso: sagne ncannulate lasagne attorcigliate.

ncannulaturu sm. Incannatoio manuale, costituito da un'asta di ferro cui è infisso un volano, il quale ne agevola il moto rotatorio. V. pure fusufierru e ndelecaturu.

ncantare tr.; pres. ncantu,… ncantamu, ecc.; p. rem. ncantài, ecc.; pp. ncantatu. Applicare il cerchione di ferro alla ruota di legno. [da cantu2]. V. anche cantisçiare.

ncantèsemu sm. Incantesimo.

ncantu sm. Incanto, cosa bellissima e meravigliosa.

ncantunare v. ccantunare.

ncapare intr.; pres. ncapu,… ncapamu, ecc.; p. rem. ncapài, ecc.; pp. ncapatu. Riuscire a farcela; raggiungere con sforzo un intento: tantu spattèra ca nci ncapàra fecero tanti tentativi che alla fine ci riuscirono. [dal lecc. capu1].

ncaparrare tr.; pres. ncaparru,… ncaparramu, ecc.; p. rem. ncaparrài, ecc.; pp. ncaparratu. Accaparrare. [da caparra].

ncapezzare tr.; pres. ncapezzu, ncapiezzi, ncapezza, ncapezzamu, ecc.; p. rem. ncapezzài, ecc.; pp. ncapezzatu. Mettere la cavezza * fig. Accalappiare, circuire e prendere con astuzia. [da capezza].

ncapisciare tr.; pres. ncapìsciu, ecc.; impf. ncapisciàa, ecc.; p. rem. ncapisciài, ecc. ; pp. ncapisciatu. Mettere il capestro con le briglie ad un animale * rifl. Avvilupparsi nelle redini. [da capisci].

ncappucciare tr.; pres. ncappùcciu, ecc.; impf. ncappucciàa, ecc.; p. rem. ncappucciài, ecc.; pp. ncappucciatu * 1- Incappucciare * 2- Legare una fine pezzuola ad alcune erbe alimentari (scariole, verze) affinché le foglie crescano tenere e bianche senza clorofilla. [da cappùcciu].

ncapputtare tr.; pres. ncappottu, ncappuetti, ncappotta, ncapputtamu, ecc.; p. rem. ncapputtài, ecc.; pp. ncapputtatu. Incappottare; imbacuccare. [da cappottu].

ncapulare tr. e intr.; pres. ncàpulu,… ncapulamu, ecc.; p. rem. ncapulài, ecc.; pp. ncapulatu * tr. Aggiogare le bestie da tiro al carro o all'aratro * intr. fig. Mettersi al lavoro giornaliero: ogne mmatina alle sei ncàpulanu ogni mattina alle sei danno inizio al lavoro. [dal lat. in-capulare, legare al cappio]. Come contrario v. scapulare.

ncapunare tr.; pres. ncapunu,… ncapunamu, ecc. ; p. rem. ncapunài, ecc.; pp. ncapunatu. Accapponare i galletti castrandoli * fig. in minacce scherzose. Rendere cappone, rendere privo di vitalità un altro: nu biti lu poru Coccu ca le zei l'ànu ncapunatu? non ti accorgi che le zie hanno svigorito il povero Rodolfo?. [da capune].

ncapunìre rifl.; pres. me ncapuniscu,… ni ncapunimu, ecc.; p. rem. me ncapunìi,… ni ncapunemmu, ecc.; pp. ncapunutu. Incaponirsi, ostinarsi caparbiamente.

ncapunitu agg. Intestardito, ostinato, caparbio.

ncapuzzare tr. e intr.; pres. ncapuzzu,… ncapuzzamu, ecc.; p. rem. ncapuzzài, ecc.; pp. ncapuzzatu * tr. Costringere uno a piegare la testa; spingere in giù il capo di qualcuno: ncapuzzàu la fìgghia ntra ll'àcqua te la pileδδa immerse a forza la testa della figlia nell'acqua della pila piccola * rifl. Piegare il capo, abbassare la testa in avanti: ncapùzzate ca te fazzu la scrima piega la testa che ti faccio la scriminatura * intr. Cadere con la testa in giù: sta’ ncapuzzàa intra a lla cisterna e llu ntartinni stava per precipitare nella cisterna e io lo trattenni * fig. Piegare il capo, sottomettersi: poi ncapuzzàra a llu patrunu infine si sottomisero al padrone; ncapuzzasti e stiesti cittu piegasti il capo e facesti silenzio. [dal lat. volg. in-caputiare].

ncapuzzatu agg. A testa china, inchinato.

ncarare tr. e intr.; pres. ncaru,… ncaramu, ecc.; p. rem. ncarài, ecc.; pp. ncaratu * tr. Rincarare, aumentare il prezzo di qualcosa * intr. Diventare più caro, aumentare di prezzo. [dal lecc. caru]. V. pure ncarìre.

ncarcagnare tr. e intr.; pres. ncarcagnu,… ncarcagnamu, ecc.; p. rem. ncarcagnài, ecc.; pp. ncarcagnatu * tr. Calcare, battere con il calcagno * intr. Camminare sollevando a fatica i talloni; camminare facendo sentire il rumore dei tacchi; andare sollecito, trotterellare: se nde sçìu ncarcagnandu se ne andò taccheggiando. [da carcagnu].
DE D. Ncignàu cu li scarpuni a ncarcagnare / e pe la pressa piertu se scerràu.

ncarcare tr.; pres. ncarcu, ncarchi, ncarca, ncarcamu, ecc. ; p. rem. ncarcài, ecc.; pp. ncarcatu * 1- Calcare, premere: sta’ ncarcàa le fiche ntra llu capasunceδδu calcava i fichi secchi nell'apposito recipiente di creta * 2- Accavallare, sovrapporre: ncarcàu l'anche e rrumase ssettatu fena a ssira tardu accavallò le gambe e rimase seduto sino a sera inoltrata * 3- Cavalcare: ncarca lu ciùcciu e sse nde torna alla casìpula cavalca l'asino e torna alla casupola * 4- fig. Montare una femmina di animale.

ncarcatu agg. 1- Accavallato, accatastato * 2- Montato a cavalcioni.
D’AM. Già ncarcatu a na sçiumenta / ci camina senza ttoppa comu ientu…

ncarcerare tr.; pres. ncàrceru,… ncarceramu, ecc.; p. rem. ncarcerài, ecc.; pp. ncarceratu. Incarcerare. V. carcerare.

ncarcuni avv. A cavalcioni: mìntite ncarcuni mettiti a cavalcioni: à ffatta furtuna e ppote stare cu nn'anca a ncarcuni ha fatto fortuna e può stàrsene con le gambe accavallate .

ncarecare tr.; pres. ncàrecu, ncàrechi, ncàreca, ncarecamu, ecc.; p. rem. ncarecài, ecc.; pp. ncarecatu. Incaricare, affidare un incarico * rifl. Assumere un incarico; occuparsi quasi indebitamente di un affare.

ncargiulare, ncaggiulare tr.; pres. ncargiulu,… ncargiulamu, ecc.; p. rem. ncargiulài, ecc.; pp. ncargiulatu. Ingabbiare, chiudere in gabbia * fig. Togliere la libertà personale * rifl. Tapparsi in casa; legarsi ad altra persona limitando la propria libertà. [da cargiula, caggiula].

ncarìre tr. e intr.; pres. ncariscu,… ncarimu, ecc.; impf. ncarìa, ecc.; p. rem. ncarìi,… ncaremmu, ecc.; pp. ncarutu * tr. Rincarare, aumentare il prezzo: ci nu ncariti l'uègghiu, nu nde essiti te le spese se non rincarate l'olio, non uscirete dalle spese (e non avrete alcun guadagno) * intr. Aumentare di prezzo: lu ranu ncarìa gne ssemana il prezzo del grano aumentava di settimana in settimana.

ncarizzare tr.; pres. ncarizzu,… ncarizzamu, ecc.; p. rem. ncarizzài, ecc.; pp. ncarizzatu. Accarezzare * prov. Quandu lu tiàulu te ncarizza, l'ànema nde ole quando il maligno ti accarezza, significa che vuole impossessarsi della tua anima. [da carizzu].

ncarizzusu agg. Carezzevole; dilettevole: all'ària cita se sentìa nna bella mùseca ncarizzusa all'aria placida si udiva una melodiosa musica dilettevole.

ncarnare intr.; pres. ncarnu,… ncarnamu, ecc.; p; rem. ncarnài, ecc.; pp. ncarnatu. Incarnire, penetrare nella carne: cu lle scarpe stritte le ugne ncàrnanu a causa delle scarpe strette le unghie incarnìscono * fig. Appassionarsi; applicarsi con gusto e ardore: era buenu ci ncarnàa allu stùtiu comu ncarna allu sçecu sarebbe bello se si appassionasse allo studio così come si appassiona al gioco. [dal lecc. carne].

ncarnatu agg. Incarnato, trattenuto sotto pelle: ugna ncarnata unghia incarnita; pili ncarnati peli sottocutanei.

ncarrare tr.; pres. ncarru,… ncarramu, ecc.; impf. ncarràa, ecc.; p. rem. ncarrài, ecc.; pp. ncarratu * 1- Spingere: sta’ ncàrranu cu ttutte le forse, ma lu trainieδδu nu sse mmoe spingono con tutte le forze, ma il carretto non si muove * 2- Calcare, comprimere, pigiare, premere, pressare: ncarràanu cu ttutte doi le mànure calcavano con ambedue le mani * modo di dire: ncarrare la manu mettere in soprappiù, aumentare la dose dovuta. [dal lecc. carru incr. con it. calcare].

ncarratura sf. Carreggiata, solco profondo tracciato dal frequente passaggio delle ruote dei carri. V. cazzatura.

ncàrrecu, ncàrecu sm. Incarico, commissione; briga; ufficio.

ncarrocciulare tr.; pres. ncarròcciulu, ncarruècciuli, ncarròcciula, ncarrocciulamu, ecc.; p. rem. ncarrocciulài, ecc.; pp. ncarrocciulatu. Arricciare, formare dei bòccoli; inanellare, pettinare arricciando.

ncarrocciulatu agg. Inanellato, pettinato a bòccoli.

ncarrucciatu agg. Riccioluto; adorno di bòccoli.

ncarruzzata sf. Scarrozzata, giro in carrozza.

ncartare tr.; pres. ncartu,… ncartamu, ecc.; p. rem. ncartài, ecc.; pp. ncartatu. Incartare [da carta].

ncartata sf. Incartata; le cose avvolte nella carta; involto: nna ncartata te pisce friscu un'involto di pesce fresco.

ncartateδδa sf. Fagottino.

ncarteδδata v. carteδδata.

ncartucciare tr.; pres. ncartòcciu, ncartuecci, ncartòccia, ncartucciamu, ecc.; p. rem. ncartucciài, ecc.; pp. ncartucciatu. Accartocciare. [da cartòcciu].

ncarutu agg. Rincarato, aumentato di prezzo. [da ncarire].

ncasare tr.; pres. ncasu,… ncasamu, ecc.; p. rem. ncasài, ecc.; pp. ncasatu. Far trovare posto pressando in un recipiente; rassettare calcando, sistemare pigiando, rassodare. [dal lecc. casa].

ncasaturu sm. Pestone di legno adoperato per rassodare la terra smossa. [da ncasatu + suff. funz. -uru].

ncasciare tr.; pres. ncàsciu, ecc.; impf. ncasciàa, ecc.; p. rem. ncasciài, ecc.; pp. ncasciatu * 1- Incassare, sistemare nella cassa: sta’ ncàscianu le nzerte te tabbaccu sistemano nelle casse le filze del tabacco * 2- fig. Colmare di busse: moi ci ieni lu tata te le ncàscia ora che torni, il babbo ti riempirà di botte * rifl. fig. Riempire la pancia, saziarsi completamente, rimpinzarsi: bu iti ncasciati te mieru, a? vi siete abbuffati di vino, nevvero?; se ncasciàu te semulata si riempì la pancia di semolata. [da càscia].

ncasciatieδδu1 (f. ncasciateδδa) agg. fig. Costipato, raffreddato con il naso intasato; alquanto deperito per malattia.

ncasciatieδδu2 sm. La sponda anteriore e la sponda posteriore del carro agricolo. [dim. di ncasciatu].

ncasciatu sm. Ciascuna delle due lunghe sponde laterali del carro.

ncàsciu sm. Futile aspettativa; vana speranza; inutile attesa: la Mària stae cu llu ncàsciu ca poi fìgghiasa la iuta Amalia sta in vana attesa che sua figlia poi la aiuti; te ffranchi cu ttieni sti ncasci è inutile che tu abbia queste futili aspettative; e stàtiu cu sti ncasci! e vivete con queste speranze! [dall'it. incasso, realizzo].

ncascizzu sm. Mangiatore smodato, che si rimpinza; pieno zeppo.

ncaseδδare tr.; pres. ncaseδδu, ncasieδδi, ncaseδδa, ncaseδδamu, ecc.; p. rem. ncaseδδài, ecc.; pp. ncaseδδatu. Incasellare pigiando; dare con una pressione un'adatta sistemazione in un contenitore: defriscu te Diu, l'osse mei l'àggiu ntise ncaseδδare ristoro di Dio, ho sentito le mie ossa rassettarsi. [incr. tra lecc. ncasare e caseδδa].

ncastrare tr.; pres. ncastru,… ncastramu, ecc.; p. rem. ncastrài, ecc.; pp. ncastratu. Incastrare * fig. Obbligare qualcuno a fare qualcosa contro la sua volontà.

ncastru sm. Incastro.

ncatarrare rifl.; pres. me ncatarru,… ni ncatarramu, ecc.; p. rem. me ncatarrài, ecc.; pp. ncatarratu. Ammalarsi di catarro o di bronchite acuta mucosa. [da catarru].

ncatarratu agg. Costipato di catarro * fig. Indebitato sino al collo.

ncatastare tr.; pres. ncatastu,… ncatastamu, ecc.; p. rem. ncatastài, ecc.; pp. ncatastatu. Accatastare. [da catasta].

ncatenare tr.; pres. ncatinu,… ncatenamu, ecc.; p. rem. ncatenài, ecc.; pp. ncatenatu. Incatenare. [da catina].

ncatramare tr.; pres. ncatramu,… ncatramamu, ecc.; impf. ncatramàa, ecc.; p. rem. ncatramài, ecc.; pp. ncatramatu. Incatramare; asfaltare. [da catrame].

ncatramatu agg. Spalmato di catrame * fig. Coperto di crediti inestinguibili: sta’ llea te sutta ca stae ncatramatu te tutti li pariani soi chiude bottega, perché è coperto dei crediti dei suoi clienti.

ncazzafittare tr.; pres. ncazzafittu,… ncazzafittamu, ecc.; p. rem. ncazzafittài, ecc.; pp. ncazzafittatu. Intonacare a zone sparse, là dove precedentemente è stato tolto l'intonaco. [da cazzafitta]. V. scazzafittare, con significato contrario.

ncazzare rifl.; pres. me ncazzu,… ni ncazzamu, ecc.; p. rem. me ncazzài, ecc.; pp. ncazzatu. Incazzarsi, arrabbiarsi, inquietarsi, irritarsi.

ncazzatu agg. Incazzato, infuriato, adirato; (del mare) agitato, tempestoso: la mmassara stae ncazzata cu ll'antara la massara è infuriata con la caposquadra delle contadine; lu mare ncazzatu iundìsçia contru la pèntuma il mare agitato scaglia le ondate contro il grosso scoglio.

ncazzatura sf. Incazzatura, arrabbiatura furiosa.

ncazzusu agg. Collerico, che facilmente e per un nonnulla si adira; incline e facile ad arrabbiarsi.

ncazzuttare tr.; pres. ncazzottu, ncazzuetti, ncazzotta, ncazzuttamu, ecc.; p. rem. ncazzuttài, ecc. ; pp. ncazzuttatu. Incazzottare, prendere a pugni. [da cazzottu].

ncennerire tr.; pres. ncenneriscu,… ncennerimu, ecc.; p. rem. ncennerìi,… ncenneremmu, ecc.; pp. ncennerutu. Incenerire. [da cìnnere].

ncensamientu, ncenzamentu sm. Incensamento, tributo di adulazione.

ncensare, ncenzare (neol.) tr.; pres. ncensu, nciensi, ncensa, ncensamu, ecc.; p. rem. ncensài, ecc.; pp. ncensatu. Incensare * fig. Adulare smaccatamente. [da ncenzu] V. pure genziare.

ncensu (neol.) sm. Incenso aromatico. [lat. incensum]. V. gènziu.

nceppare tr. e intr.; pres. nceppu, ncieppi, nceppa, nceppamu, ecc.; p. rem. nceppài, ecc.; pp. nceppatu * tr. 1- Rincalzare con terra il ceppo di un alberello * 2- Puntellere i fusti o i rami cascanti delle piante * intr. Delle piante, attecchire; del ceppo, gettare molte radichette * rifl. Incepparsi.

ncerchiamientu sm. Accerchiamento.

ncerchiare tr.; pres. ncèrchiu, ncierchi, ncèrchia, ncerchiamu, ecc.; impf. ncerchiàa, ecc.; p. rem. ncerchiài, ecc.; pp. ncerchiatu. Accerchiare, circondare da ogni parte. [dal lecc. cèrchiu].

ncerniare tr. e intr.; pres. ncèrniu, ncierni, ncèrnia, ncerniamu, ecc.; impf. ncerniàa. ecc.; p. rem. ncerniài, ecc.; pp. ncerniatu * 1- tr. Istupidire, stordire confondendo le facoltà intellettive * rifl. Ubbriacarsi * 2- intr. Imbecillire. [da cernia, pesce ritenuto lento di riflessi].

nceruttare (lett.) tr.; pres. ncerottu,… nceruttamu, ecc.; p. rem. nceruttài, ecc.; pp. nceruttatu. Incerottare. [da cerottu].

ncetrare intr.; pres. ncitru,… ncetramu, ecc.; p. rem. ncetrài, ecc.; pp. ncetratu. Ghiacciare, gelare; formarsi della crosta di ghiaccio. [da citru].

nchesta sf. Orchestra, piattaforma rotonda o a mezzaluna sulla quale si dispongono i musicanti. V. urchestra.

nchiaccare tr.; pres. nchiaccu, nchiacchi, nchiacca, nchiaccamu, ecc.; p. rem. nchiaccài, ecc.; pp. nchiaccatu. Insudiciare a chiazze, imbrattare. [incr. tra lecc. nquacchiare e it. chiazzare].

nchiaccatu agg. Insudiciato, imbrattato, sporco di macchie di unto: essìu cu lla facce nchiaccata te tinta uscì con il viso imbrattato di tinta.

nchiacchisçiare tr.; pres. nchiacchìsçiu, ecc.; impf. nchiacchisçiàa, ecc.; p. rem. nchicchisçiài, ecc.; pp. nchiacchisçiatu. Imbrattare in ogni dove all'intorno. [nchiaccare + suff. iter.-intens. -sçiare].

nchiaccu sm. 1- Lordura, sudiciume * 2- Pittura con soggetto incomprensibile * 3- Scarabocchio. V. pure nquàcchiu.

nchiali sm. pl. 1- Occhiali * 2- Paraocchi della testiera del cavallo.

nchialone, nchialune sm. Occhialone.

nchianare intr. e tr.; pres. nchianu,… nchianamu, ecc.; p. rem. nchianài, ecc.; pp. nchianatu * intr. Salire su un piano; montare sopra: nchianàu subbra all'ancutieδδu salì sullo sgabello * tr. Trasportare salendo, portare su: a unu a unu ni nchianàa li piezzi chianulisçiati ad uno ad uno portava su i conci piallati. [da chianu1).

nchianata sf. Salita su un piano; tratto di strada in salita; salitella.

nchiare tr. e intr.; pres. ùnchiu, unchi, ùnchia, nchiamu, nchiati, ùnchianu; impf. nchiàa, ecc.; p. rem. nchiài, ecc.; pp. nchiatu. Gonfiare, enfiare: ci me ccappi, te ùnchiu l'ecchi se ti acchiappo, ti gonfio gli occhi * fig. Istigare. V. anche unchiare, bunchiare.

nchiatu agg. Gonfio, enfiato: tegnu li pieti nchiati, parlandu ccrianza ho i piedi gonfi, parlando con rispetto; te fazzu la facce nchiata cussine ti faccio il volto gonfio così; me sta’ ssentu la entre nchiata mi sento il ventre gonfio * fig. 1- Imbronciato, gonfio di stizza: stia nchiatu cu ssorsa era imbronciato con sua sorella; tegnu lu core nchiatu ho il cuore gonfio * 2- Spocchioso: camina nchiatu comu nnu ianu cammina tronfio come un tacchino * sm. Gonfiore; protuberanza; bubbone: n'à bessutu nnu nchiatu sutta a llu rechìδδecu gli è uscito un gonfiore sotto l'ascella. [dal lat. (i)nflatus, fl>chi].

nchinare (lett.) tr.; pres. nchinu,… nchinamu, ecc.; p. rem. nchinài, ecc.; pp. nchinatu. Inchinare * rifl. Fare un inchino per riverenza. [lat. inclinare]. V. chicare e ncrinare.

nchinu sm. Inchino.

nchiostru sm. 1- Inchiostro, miscela in cui si intinge il pennino per scrivere * 2- L'umore nero della seppia e del calamaro marino. [dal lat. encaustrum, il lat. volg. *enclaustrum].

nchiuare tr.; pres. nchiuòu (nchiòu), nchiuèi (nchèi), nchiuòa (nchiòa), nchiuamu, ecc.; impf. nchiuàa, ecc.; p. rem. nchiuài, ecc.; pp. nchiuatu * 1- Inchiodare, fissare con chiodi * 2- Immobilizzare: la putàreca lu nchiàu a nna sèggia la podagra lo immobilizzò su una sedia. [da chièu].

nchiuatu agg. Inchiodato; fisso per sempre; immobile: lu Signore nchiuatu alla cruce il Signore inchiodato alla croce; stae nchiuata a llu talaru è continuamente attaccata al telaio.

nchiummare tr.; pres. nchiummu,… nchiummamu, ecc.; p. rem. nchiummài, ecc.; pp. nchiummatu. Impiombare; appesantire con il piombo * fig. Rimpinzare, riempire al massimo appesantendo. [da chiummu].

nchiuppare tr.; pres. nchiuppu,… nchiuppamu, ecc.; p. rem. nchiuppài, ecc.; pp. nchiuppatu. Unire a gruppi: nchiuppàanu le nzerte a ssei a ssei raggruppavano le filze a sei a sei; agghi nchiuppati a ffiette agli uniti a trecce * rifl. Aggropparsi, aggrumolarsi. [da chiuppu].

nci avv. Qui, in questo luogo; lì, in quel luogo; ci, vi, usato sia in pos. enclitica che in pos. proclitica: sçiàtinci osçe stessu andateci oggi stesso; nci mandàu caniàtasa ci mandò sua cognata; iti ci nci nd'ete ncora guarda se ce ne sono ancora; ièninci ca iti cu ll'ecchi toi vieni qui e vedrai con gli occhi tuoi; càtinci e tte spuggi lu nasu càscaci e ti farai sangue al naso; nc'ete ceδδi?  c'è qualcuno? nc'era nna fiata c'era una volta * pron. Di ciò, a ciò, in ciò: nci nde mise nnu picca ci mise un pochino di questo; tie nci criti?  tu credi a ciò?; nu nci trou custu non trovo gusto in ciò; crìtinci, ca ete la erdate crèdici, ché è la verità * particella avverbiale e pronominale: nci se minte puru iδδu ci si mette pure lui; cùrcatenci còricati in esso, còricatici. [lat. hinc, it. ant. inci].
D’AM. E δδu iancu de lu cueδδu / ci passàunci tanta ernice?

ncicciare tr.; pres. ncìcciu, ecc.; impf. ncicciàa, ecc.; p. rem. ncicciài, ecc.; pp. ncicciatu. Accarezzare lisciando e palpeggiando lievemente * fig. Abituare agli agi e alle comodità di una vita troppo facile, sì da metter ciccia. [dal suono onom. nc…nci, combinato con cìccia].

ncicciatu agg. Abituato alle carezze ed ai vezzi svenevoli; abituato al dolce far niente e, perciò, bene in carne.

ncicciulare tr.; pres. ncìcciulu,… ncicciulamu, ecc.; p. rem. ncicciulài, ecc.; pp. ncicciulatu. Carezzando e vezzeggiando, ammansire oltremisura tanto da fare assumere cattive abitudini; coccolare eccessivamente e abituare male: spiccia ca tie lu ncìcciuli lu caniceδδu finirà che tu abituerai all'inerzia il cagnolino.

ncicciulatu agg. Eccessivamente ammansito; coccolato e viziato all'ozio * prov. Mùscia ncicciulata nu ppìgghia surgi gatta allevata con riguardi non acchiappa topi.

ncicignare tr. e intr.; pres. ncicignu,… ncicignamu, ecc.; impf. ncicignàa, ecc.; p. rem. ncicignài, ecc.; pp. ncicignatu * tr. A forza di palpeggiare, gualcire malamente * intr. 1- Crescere stentatamente; allampanare * 2- Striminzire. [dall'it. incignare incr. con cencio].

ncicignatu agg. 1- Sgualcito * 2- Malridotto, malmesso in salute.

ncicignulare tr. e intr.; pres. ncicìgnulu,… ncicignulamu, ecc.; p. rem. ncicignulài, ecc.; pp. ncicignulatu * tr. Brancicare; spiegazzare * intr. 1- Restringersi; sgualcirsi * 2- fig. Rimpicciolirsi a causa del freddo penetrante: sta’ ncicignulàanu ssettati susu a lli scaluni te la chèsia intirizzivano seduti sui gradini della chiesa. [forma intens. del lecc. ncicignare].

ncicignulatu agg. 1- Sgualcito * 2- Intirizzito e raccolto in se stesso.

ncicirignare tr. e intr.; pres. ncicirignu,… ncicirignamu, ecc.; p. rem. ncicirignài, ecc.; pp. ncicirignatu * tr. Rattrappire, contrarre stringendo e pressando * rifl. fig. Cioncare, tracannare, bere con avidità scomposta e ubriacarsi * intr. 1- Rattrappirsi, contrarsi * 2- Deperire, intristire; intirizzire raggomitolandosi. [da cìceru, il legume raggrinzito, incr. con ncicignare].

ncicirignatu agg. 1- Rattrappito, intorpidito * 2- Deperito, denutrito e intristito * 3- Ubriaco fradicio.

ncignare tr. e intr.; pres. ncignu,… ncignamu, ecc.; p. rem. ncignài, ecc.; pp. ncignatu * tr. Cominciare, iniziare: crai ncignati la mmunda domani comincerete la rimonda dei rami * rifl. Accingersi: bu ncignastu a ppreparare cominciaste a prepararvi * intr. Avere inizio, cominciare: lu iernu à ncignatu è iniziato l'inverno; lu spettàculu ncigna alle ottu lo spettacolo avrà inizio alle ore otto. [lat. encœniare, it. ant. inciniare].

ncignatu agg. Cominciato, iniziato.

ncignatu e llassatu agg. Incompiuto: la tila stae allu talaru ncignata e llassata la tela è rimasta non finita lì al telaio.

ncignulare tr.; pres. ncìgnulu,… ncignulamu, ecc.; p. rem. ncignulài, ecc.; pp. ncignulatu. Attorcigliare con pollice e indice: sta’ ncìgnulanu duppi li pendìnguli pe lla fràngia attorcigliano a fili doppi i cordoncini della frangia. [da ncignare incr. con lucignu>lucìgnulu].

ncina sf. Ciascuna delle due prolunghe laterali a scaletta del basto: li mannucchi mpòggiali susu a nna ncina, le panare ppièndile all'àura ncina sistema i covoni sopra una prolunga del basto, all'altra prolunga appendi i panieri * detto: Marcu, Lia e mànecu te ncina Tizio, Caio e un altro appiccicato alle costole * sf. pl. Arcioni.

ncinu sm. Uncino di metallo, gancio acuminato. [dal lat. uncinus].

ncipienzia, ncipienza (lett.) sf. Inizio, principio. [dal lat. incipientia].

ncippare tr. e intr.; pres. ncippu,… ncippamu, ecc.; p. rem. ncippài, ecc.; pp. ncippatu. Mettere in serbo nel salvadanaio, cioè introitare, incassare: e ncippamu…, a? e accumuliamo…, vero?

ncipriare tr.; pres. ncìpriu, ecc.; impf. ncipriàa, ecc.; p. rem. ncipriài, ecc.; pp. ncipriatu. Incipriare. [dal lecc. cìpriu].

ncipriatu agg. 1- Incipriato * 2- Cosparso di polvere bianca, di farina.

ncirare tr. e intr.; pres. nciru,… nciramu, ecc.; p. rem. ncirài, ecc.; pp. nciratu * tr. Incerare, spalmare di cera * intr. Indurirsi dello strato superficiale: lu casu friscu sta’ ncira il formaggio fresco fa la crosta. [da cira].

ncirata sf. Incerata, tela impermealizzata.

nciratu agg. 1- Incerato, spalmato di materia cerosa * 2- Della consistenza della cera: oe ncirate uova esteriormente rassodate, non del tutto sode.

ncirifugghiare tr.; pres. ncirifùgghiu, ecc.; impf. ncirifugghiàa, ecc.; p. rem. ncirifugghiài, ecc.; pp. ncirifugghiatu. Attorcere, attorcigliare, ingarbugliare. [dal lecc. ncirifùgghiu].

ncirifugghiata sf. Attorcigliamento.

ncirifugghiatu agg. Attorcigliato, ingarbugliato.

ncirifùgghiu sm. i- Grumolo tenero di un cespo di foglie aggrovigliate * 2- Ghirigoro, fregio capriccioso.

ncivile agg. Incivile; barbaro, rozzo straniero. [lat. incivilis].
da c. p. O figghia, figghia, cce àggiu benetire, / ci t’à zzeccata lu tùrcghiu ncivile?

ncoccalìre v. ncuccalìre.

ncoculare tr.; pres. ncòculu, ncuèculi, ncòcula, ncoculamu, ecc.; p. rem. ncoculài, ecc.; pp. ncoculatu. Appallottolare. [da còcula].

ncògghiere, ncugghìre tr.; pres. ncògghiu, ncuegghi, ncògghie, ncugghimu, ecc.; p. rem. ncugghìi,… ncugghiemmu, ecc.; pp. ncugghiutu. Raccogliere: sta’ ncògghienu ulie raccolgono olive; ncugghiti li fierri raccogliete gli arnesi * rifl. Rincasare: marìtuma se ncugghìu tardu mio marito rincasò tardi. [dall'it. in-cogliere]. V. pure ncugghìre e ccògghiere.

ncommutare, ncummutare tr.; pres. ncòmmutu, ncuèmmuti, ncòmmuta, ncommutamu (ncummutamu), ecc.; p. rem. ncommutài (ncummutài), ecc.; pp. ncommutatu (ncummutatu) . Incomodare, disturbare: pe sti cannàmeni nu sse ncòmmutanu le signure per queste sciocchezze non devono essere incomodate le signore. V. pure ncumutare.

ncòmmutu sm. Incomodo, disagio; disturbo: nu tte sia te ncòmmutu: me faci passare? non ti sia di disturbo: mi fai passare? * fig. Compenso per una prestazione disagevole; onorario di un professionista: quantu ete lu ncòmmutu te signurìa? quanto è il tuo onorario?; pe llu ncòmmutu se pigghiàu centu lire a ìseta per le sue prestazioni si prese cento lire a visita. [lat. incommodum].

ncontru avv. Incontro: presçiata sçiu ncontru alle amiche allegra e contenta andò incontro alle amiche. [lat. incontra].

ncoppulare, ncuppulare tr.; pres. ncòppulu, ncuèppuli, ncòppula, ncoppulamu (ncuppulamu), ecc.; impf. ncoppulàa, ecc.; p. rem. ncoppulài (ncuppulài), ecc.; pp. ncoppulatu (ncuppulatu) . Ribaltare qualcosa (di solido) sulla testa: pigghiàu e nni sçìu ncoppulàu δδa fucazza? non vuoi che gli andò a scodellare quella focaccia sulla testa? [da còppula].

ncora avv. Ancora: nu ll'à' capita ncora ca quista ete la legge te lu cchiù' fforte? non hai ancora capito che questa è la legge del più forte? [fr. encore].

ncordu sm. Accordo * prov. Ale cchiùi nnu tristu ncordu cca nna bona lite vale più un duro accordo che una lite con esito favorevole. V. pure ccuerdu.

ncornatura sf. Incornata. V. ncurnata.

ncornulare, ncurnulare intr.; pres. ncòrnulu, ncuèrnuli, ncòrnula, ncornulamu (ncurnulamu), ecc.; p. rem. ncornulài (ncurnulài), ecc.; pp. ncornulatu (ncurnulatu) . Rinsecchire, disseccarsi a mo' di carruba. [da còrnula].

ncornulatu, ncurnulatu agg. Rinsecchito, rimpicciolito e indurito, disseccato e rattrappito.

ncorpurare, ncurpurare tr. e intr.; pres. ncòrpuru, ncuèrpuri, ncòrpura, ncorpuramu (ncurpuramu), ecc.; p. rem. ncorpurài (ncurpurài), ecc.; pp. ncorpuratu (ncurpuratu) * tr. Incorporare * intr. Essere aderente; essere adiacente.

ncoste avv. 1- Accanto: mìntite ncoste a ffràita mèttiti accanto a tuo fratello * 2- A confronto, a paragone: ncoste a ssirma zìuta nun era cieδδi a paragone di mio padre tuo zio era nessuno. [dal lecc. coste].

ncrapazzare intr.; pres. ncrapazzu,… ncrapazzamu, ecc.; p. rem. ncrapazzài, ecc.; pp. ncrapazzatu * 1- Cadere a terra battendo il capo; stramazzare, abbattersi pesantemente al suolo * 2- Peggiorare in salute; ricadere in una grave malattia.

ncrapicciare rifl.; pres. me ncrapìcciu, ecc.; impf. me ncrapicciàa, ecc.; p. rem. me ncrapicciài, ecc.; pp. ncrapicciatu. Incapricciarsi; invaghirsi, innamorarsi: quandu se ncrapìccia, nu nde lu spònia cchiùi nisciunu quando si incaprìccia, non ne lo distoglie più nessuno. [da crapìcciu].

ncresciogna sm. e f. Pigrone.

ncresciusu agg. Pigro, indolente, sfaticato, lavativo. [da ncrisci].

ncrètulu agg. Incredulo: (De Domin.) fici nnu ncrètulu cu ccrìsçia a Diu indussi un incredulo a credere in Dio. [lat. incredulus].

ncrinare tr.; e intr.; pres. ncrinu,… ncrinamu, ecc.; p. rem. ncrinài, ecc.; pp. ncrinatu * tr. Inclinare, piegare in posizione obliqua: ncrina l'asta cu ttaccu lu stendardu piega l'asta affinché attacchi il drappo dello stendardo * intr. Propendere: la zappa ni fetìa e ncrinàu alla mercatanzìa la zappa gli puzzava e rivolse la sua inclinazione al commercio. [lat. inclinare].
Da c. p. L'àrveru ncrina a ddu la fronda pende, / lu gioanettu a ddu e' nnamuratu. (variante) L'àrveru ncrina a ddu lu ramu pende / e lla ziteδδa a ddu l'amore face.

ncrinazione sf. 1- Inclinazione, posizione inclinata * 2- Propensione, tendenza psicologica individuale. [lat. inclinatio -onis].

ncrinu sm. Inclinazione, tendenza di carattere: sempre à ttenutu lu ncrinu alle cose te la scola sempre ha avuto una particolare tendenza alle attività scolastiche.

ncrìscere, ncrescìre intr. impers., usato solo nelle terze persone; pres. ncrisce, ncrìscenu; impf. ncrescìa, ncrescìanu; p. rem. ncrescìu, ncrescèra; pp. ncresciutu * 1- Rincrescere, dispiacere, riuscire di noia e di fastidio: δδi mpacchi cu ll'àcqua fridda me pròpiu ncrescìanu quegli impacchi con l'acqua fredda mi rincrescevano proprio; a ccanàtuta ogne ffatìa ni ncrisce a tuo cognato qualsiasi lavoro rincresce * 2- Provare rincrescimento; non avere voglia di agire e fare: ni ncrescìu llassamu lu cauticeδδu te lu liettu ci rincrebbe lasciare il calduccio del letto; ci nu mme ncrescìa, partìa a żżata te sule se avessi voglia, io partirei al sorgere del sole * provv. Quiδδu ci te ncrisce e' bbuenu ffaci mprima ciò che ti rincresce è bene fare al più presto § Ci màngia carne e pisce, la vita nu nni ncrisce a colui che può mangiare carne e pesce la vita non (gli) viene a noia. [dal lat. increscere].

ncrisci sm. Svogliatezza; indolenza; pigrizia; ipocondria.

ncriscimientu sm. Rincrescimento.

ncristare tr.; pres. ncristu,… ncristamu, ecc.; p. rem. ncristài, ecc.; pp. ncristatu. Fare la cresta a un argine; fare l'orlo a un semenzaio, a un'aiola. [dal lecc. crista].

ncròciu (lett.) sm. Incrocio di strade, crocevia. V. spartistrate.

ncruciare tr.; pres. ncrùciu, ecc.; impf. ncruciàa, ecc.; p. rem. ncruciài, ecc.; pp. ncruciatu * 1- Incrociare, mettere in croce, crocefiggere.
DE D.   Tie mantieni lu puntu, caru tata, / e ièu lu rìcchia m'àggiu sci' ncruciare?
* 2- Disporre in croce: ncruciàu le tìsçete e giuràu incrociò le dita e giurò * 3- Tormentare, opprimere: lu ccuntentàra e ccussì nu ncruciàu cchiùi δδi pori siri soi lo accontenarono e così non tormentò più quei poveri suoi genitori. [dal lecc. cruce].

ncruciatu agg. fig. Oberato di lavoro; impedito.

ncruciuni avv. A braccia conserte; a gambe incrociate.

ncrustare tr.; pres. ncrostu, ncruesti, ncrosta, ncrustamu, ecc.; p. rem. ncrustài, ecc.; pp. ncrustatu. Incrostare.

ncrustatu agg. Incrostato.

ncrustatura sf. Incrostatura; incrostazione, formazione di croste.

ncrutulire intr.; pres. ncrutuliscu,… ncrutulimu, ecc.; p. rem. ncrutulìi,… ncrutulemmu, ecc.; pp. ncrutulutu. Di legumi, indurirsi durante la cottura; normalmente cottoi, risultare duri alla cottura.

ncuccalìre, ncoccalire intr.; pres. ncuccaliscu (ncoccaliscu),… ncuccalimu (ncoccalimu), ecc.; p. rem. ncuccalìi (ncoccalìi), ecc.; pp. ncuccalutu (ncoccalutu) . Indurire ammuffendo, indurire e diventare immangiabile. [da còccalu, la sommità del capo].

ncuccalutu, ncoccalutu agg. Di alimento, indurito sgradevolmente: le stozze te pane ncuccalute le mmueδδi e lle dai alle aδδine i frammenti induriti di pane li metti a mollo e li dai alle galline.

ncucchiare1 tr.; pres. ncòcchiu, ncuecchi, ncòcchia, ncucchiamu, ecc.; p. rem. ncucchiài, ecc.; pp. ncucchiatu * 1- Accoppiare, unire: ci li ncucchiàu lu tiàulu o Santu Nicola? chi li accoppiò il diavolo o S. Nicola?; quandu tutti se ncucchiàra, partèra quando tutti si radunarono, partirono * detto: quandu se ncòcchia lu oi cu lla vacca, ci cchiùi pote fare cu ffazza quando si accoppia il bue e la vacca, ciascuno faccia il meglio che può * 2- Racimolare; risparmiare: ncucchiàra li turnisi e sse spusàra racimolarono i quattrini e si sposarono; δδa ecchiareδδa sta’ ncòcchia pe cquandu more quella vecchietta risparmia per le spese del suo funerale * 3 fig. Connettere, ragionare: nu ncucchiàa do' palore non connetteva due parole; nu sta’ ncòcchia filu non ragiona affatto.

ncucchiare2 intr. Riuscire; essere capace: nu ncòcchia cu ddica quattru fessarèi non riesce a dire quattro sciocchezze; iti ci ncuecchi prova se sei capace.

ncùcchiu avv. Da vicino: stanni ncùcchiu ncùcchiu tie ca sinti lu cchiù' rrande stai loro vicino vicino tu che sei il più grande d'età; uàrdale a ncùcchiu e poi te rrièculi osservale da vicino e poi ti regolerai.

ncucciare rifl.; pres. me ncùcciu, ecc.; impf. me ncucciàa, ecc.; p. rem. me ncucciài, ecc.; pp. ncucciatu. Accucciarsi. [da cùccia].

ncucciatieδδu agg. Raccolto in se stesso con poca vitalità; malaticcio.

ncucciatu agg. Accucciato, rannicchiato.

ncucciulare tr.; pres. ncùcciulu,… ncucciulamu, ecc.; p. rem. ncucciulài, ecc.; pp. ncucciulatu. Addomesticare come un cucciolo; ammansire un po' troppo.

ncucciulatu agg. Ammansito troppo; reso del tutto inoffensivo; di animale, anche domestico, privato delle sue facoltà istintive.

ncuδδare tr.; pres. ncoδδu, ncueδδi, ncoδδa, ncuδδamu, ecc.; p. rem. ncuδδài, ecc.; pp. ncuδδatu * 1- Incollare, attaccare: sta’ ncuδδàa la cuta alla cumeta incollava la coda all'aquilone 2- Contagiare, infettare: ni ncuδδàu la nnicateδδa gli attaccò la pertosse 3- * fig. Appioppare; darla a intendere: me ncuδδàra ca s'ìanu ncagnati mi diedero a intendere che avevano rotto il fidanzamento * modo di dire: sputa ca ncoδδa appena detto il fatto, si avvera , detto fatto * prov. A bècchiu e a ffurestieri le ncueδδi comu uèi a vecchio e a forestiero l'appioppi come vuoi. [dal lecc. coδδa].

ncuδδatizzu agg. Appiccicaticcio.

ncuδδatu agg. Incollato; attaccato tenacemente.

ncuδδatura sf. 1- Incollatura, incollamento * 2- Punto di attacco di due forme di pasta aderenti * prov. Ci ole la muδδica, ci ole la scorsa, ci ola la ncoδδatura te lu pane c'è chi desidera la mollica, c'è chi desidera la crosta e c'è chi preferisce l'incollatura della pagnotta.

ncuδδusu agg. Colloso, appiccicoso, attaccaticcio * fig. Attaccabottoni.

ncueδδu avv. Sul collo, sul dorso, sulle spalle: tanti uài porta ncueδδu tanti guai ha sul collo.

ncuèmmetu sm. Incomodo, disagio, disturbo: nu bu sia te ncuèmmetu non vi sia di fastidio. V. ncòmmutu.

ncufenare, ncofenare, ncufanare tr.; pres. ncòfenu (ncòfana), ncuèfeni, ncòfena, ncufenamu, ecc.; p. rem. ncufenài (ncufanài), ecc.; pp. ncufenatu (ncufanatu) . Mettere nella conca del bucato; fare il bucato: pe osçe ncòfenanu sulamente per oggi sistemano soltanto i panni nella conca; prima ncufenàa ogne uettu, moi ncòfena ogne cquìndici prima faceva il bucato ogni otto giorni, adesso lo fa ogni quindici. [dal lecc. còfanu].

ncugghìre, ncògghiere tr.; pres. ncògghiu, ncuegghi, ncògghie, ncugghimu, ecc.; p. rem. ncugghìi (ncuesi), ncugghisti, ncugghìu (ncose), ncugghemmu (ncòsemu), ncugghestu, ncugghèra (ncòsera) ; imper. ncuegghi, ncugghiti; pp. (ncugghiutu) ncuetu * 1- Recuperare da terra: a' ncuegghi δδe rrobbe ssucate vai a riprendere quei panni asciugati * 2- Raccogliere quanto produce la terra: sta’ ncògghenu lu tabbaccu, li pesieδδi, li spuriati, le ulìe, ecc. raccolgono il tabacco, i piselli, i cavolfiori, le olive, ecc. * prov. Ci sìmmena ientu, ncògghie tempesta chi semina vento, raccoglie tempesta.
Da c. p. Se pìgghia le sazze e sse nd'ae fore / e bae ncugghiendu rose damaschine, / fugghiazze te merànguli pe ddore.
* 3- Mettere insieme: ncòsera inti migghiare te lire pe lla festa te la Matonna te le Ràzzie raccolsero ventimila lire per i festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie * rifl. fig. 1- Rincasare: s'à ncuetu straccu e spamecatu è rincasato stanco e affamato * Sbrigarsi, far presto: nu sse ncugghìa cu ffazza le servìzie te casa non si sbrigava a fare le faccende domestiche; ci fena alle ttrete te la èspera me ncògghiu, egnu bu ttrou se per le ore 15 mi sbrigo, verrò a trovarvi. [da in e lat. colli(g)ere, lli>gghi]. V. anche ccògghiere.

ncugnare tr.; pres. ncugnu,… ncugnamu, ecc.; p. rem. ncugnài, ecc.; pp. ncugnatu. Fissare con cunei: ncugnati le rote te lu carrettone fermate con i cunei il carro a quattro ruote; tocca cu ncugni mègghiu sti cristi devi fissare meglio questi puntelli a crociera. [dal lecc. cugnu].

ncuietare rifl. pres. me ncuietu,… ni ncuietamu, ecc.; p. rem. me ncuietài, ecc.; pp. ncuietatu. Inquietarsi: ni ncuietammu a biru filu a buècchiu ci inquietammo sul serio e non a vanvera * prov. Lu ciùcciu ni tai pàgghia e rràgghia, ni tai cupeta e sse ncuieta se ad un asino dai paglia esso raglia di contentezza, se gli offri torrone si inquieta e tira calci. [lat. inquietare].

ncuietu agg. Inquieto, turbato, preoccupato. [lat. inquietus].

nculare tr.; pres. nculu,… nculamu, ecc.; p. rem. nculài, ecc.; pp. nculatu * 1- Mettere nel didietro * 2- fig. Bidonare, imbrogliare. [da culu].

nculasçiare rifl.; pres. me nculàsçiu, ecc.; impf. me nculasçiàa, ecc.; p. rem. me nculasçiài, ecc.; pp. nculasçiatu. Appiccicarsi sul fondo del recipiente; spiaccicarsi su fondo. V. pure nculastrare.

nculasçiatu agg. Appiccicato, incollato sul fondo.

nculastrare rifl.; pres. me nculastru,… ni nculastramu, ecc.; p. rem. me nculastrài, ecc.; pp. nculastratu. Appiccicarsi sul fondo del contenitore.

nculata sf. 1- Colpo di natiche * 2- fig. Batosta, danno irreparabile.

nculatu agg. Gabbato, ingannato; rimasto gravemente danneggiato.

nculazzare tr. e intr.; pres. nculazzu,… nculazzamu, ecc.; p. rem. nculazzài, ecc.; pp. nculazzatu * tr. Accostare la parte posteriore di un veicolo: nculazzammu lu sciarabbà contru lu molu accostammo il carro dal didietro alla banchina * intr. Rinculare; battere il sedere arretrando: lu mulu nculazzàu contru lu paritieδδu il mulo battè col sedere contro il muretto. [da culazza].

nculazzata sf. Colpo dato con la culatta; contraccolpo.

nculumare tr.; pres. nculumu,… nculumamu, ecc.; p. rem. nculumài, ecc.; pp. nculumatu. Colmare: òsera cu nculùmanu lu tinu e llu fìcera spetterrare vollero colmare il tino e fecero fuoriuscire il liquido. V. il più comune ncurmunare.

nculumatu agg. Colmo, pieno zeppo, riempito sino all'orlo.

nculu nculu avv. Appiccicato alle spalle, vicino vicino di dietro.

nculunnare tr.; pres. nculonnu, nculuenni, nculonna, nculunnamu, ecc.; p. rem. nculunnài, ecc.; pp. nculunnatu. Incolonnare. [da culonna].

ncumetare rifl.; pres. me ncòmecu, te ncuèmeti, se ncòmeta, ni ncumetamu, ecc.; p. rem. me ncumetài, ecc.; pp. ncumetatu. Mettersi d'accordo; concordare il prezzo: prima ni lletecammu e poi ni ncumetammu prima discutemmo sul prezzo e poi trovammo l'accordo; se ncumetàra pe nnuanta lire concordarono per novanta lire. [dal lat. volg. in-comitiare, discutere].

ncumetatu agg. Concordato, stabilito; (essere) d'accordo.
DE D. Lu diàulu disse: "Simu ncumetati, / nu sçiardenieri appuntu me servìa".

ncummeniente sm. Inconveniente, lieve danno: quisti suntu li ncummenienti te la gnurànzia questi sono gli inconvenienti dell'ignoranza. [lat. inconveniens -entis].

ncummeniènzia, ncummenienza, ncummenenza sf. Inconvenienza. [dal lat. inconvenientia].

ncummènzia sf. Incombenza; commissione, incarico.

ncùmmere, ncummìre tr.; pres. ncummu,… ncummimu, ecc.; p. rem. ncummìi (ccunsi), ncummisti, ncummìu (ccunse),… ncummemmu (ccùnsemu), ncummestu, ncummèra (ccùnsera) ; pp. ncummutu (ccuntu) . Adagiare, poggiare; posare, sistemare momentaneamente: làssame ncummìre st'osse lasciami posare queste ossa; cu nna renga m'àggiu ccuntu lu stòmecu con una aringa ho calmato un poco il languore di stomaco. [dal lat. incumbere, mb>mm].

ncummu sm. Appoggio, sostegno; piano d'appoggio.

ncumutare tr.; pres. ncòmutu, ncòmuti, ncòmuta, ncumutamu, ecc.; p. rem. ncumutài, ecc.; pp. ncumutatu. Incomodare, scomodare: àggi pacènzia, ma t'àggiu ncumutare abbi pazienza, ma ti devo scomodare; percene t'à' ncumutatu? perché ti sei incomodato? [lat. incommodare]. V. anche ncommutare.

ncuntrare tr.; pres. ncontru, ncuentri, ncontra, ncuntramu, ecc.; p. rem. ncuntrài, ecc.; pp. ncuntratu. Incontrare.
Da c. p. Sorte, ci le ncuntrassi a cquarche lluecu, / sule sulette e ssenza cumpagnìa! / Nnu asu ni darìa cu sçetta fuecu: / -Tenìtiu quistu pe lla mure mia!

ncunucchiare tr.; pres. ncunùcchiu, ecc.; impf. ncunucchiàa, ecc.; p. rem. ncunucchiài, ecc.; pp. ncunucchiatu. Sistemare il pennecchio nella rocca. [da cunùcchia].

ncupamientu sm. Incupimento: senza ssàcciu percene, me inne nnu ncupamientu te core senza sapere il perché, mi venne un incupimento di cuore.

ncupare tr. e intr.; pres. ncupu,… ncupamu, ecc.; p. rem. ncupài, ecc.; pp. ncupatu * tr. Fare più scuro; rendere più cupo; oscurare: tuttu te paru nule nìure ncupàra l'ària improvvisamente i nembi oscurarono l'atmosfera * intr. Farsi scuro, incupirsi. [da cupu].
DE D. Ncupandu l'ecchi, de coste uardandu, / subbra lla sèggia reggettu nun 'ìa.

ncuperchiare tr.; pres. ncupèrchiu, ecc.; impf. ncuperchiàa, ecc.; p. rem. ncuperchiài, ecc.; pp. ncuperchiatu. Mettere il coperchio, chiudere con una copertura. [da cupèrchiu].Il contrario è scuperchiare.

ncuperchiatu agg. Chiuso col coperchio; tenuto coperto con un coperchio.

ncuperchiaturu sm. Qualsiasi mezzo di fortuna applicato a chiusura di un recipiente. [da ncuperchiatu + suff. funz. -uru].

ncupìre tr. e intr.; pres. ncupiscu,… ncupimu, ecc.; impf. ncupìa,… ncupìamu, ecc.; p. rem. ncupìi,… ncupemmu, ecc.; pp. ncuputu. Incupire: lu celu ncupìu il cielo si fece scuro. V. anche ncupare.

ncuppare tr.; pres. ncuppu,… ncuppamu, ecc.; p. rem. ncuppài, ecc.; pp. ncuppatu. Incavare dando una forma concava. [da cuppa e da cuppu].

ncupputu agg. Concavo, incavato: bìi cu lle manu ncuppute bevi tenendo le mani a coppa.

ncuputu agg. Offuscato, oscurato; incupito, diventato scuro.

ncurdare1 tr.; pres. ncordu, ncuerdi, ncorda, ncurdamu, ecc.; p. rem. ncurdài, ecc.; pp. ncurdatu. Accordare, dare la giusta intonazione agli strumenti a corda * rifl. Accordarsi, mettersi d'accordo. V. ccurdare.

ncurdare2 intr. Incordare, irrigidirsi dei muscoli in seguito a lavori inusitati, sicché i movimenti risultano dolorosi e stentati.

ncurdatu agg. Incordato, indolenzito.

ncurdatura sf. Intorpidimento muscolare con conseguente indolenzimento di un arto o dell'intero corpo.

ncurdunare tr.; pres. ncurdunu,… ncurdunamu, ecc.; p. rem. ncurdunài, ecc.; pp. ncurdunatu. Circondare disponendosi a cordone: li finanzieri ncurdunàra li cuntrabbandieri le guardie di finanza circondarono senza via di scampo i contrabbandieri. [da curdune].

ncurmunare tr.; pres. ncurmunu,… ncurmunamu, ecc.; p. rem. ncurmunài, ecc.; pp. ncurmunatu. Di aridi, colmare, riempire i contenitori al di sopra dell'orlo fino al trabocco. [da curmune].

ncurmunatu agg. Stracolmo.

ncurnare tr.; pres. ncornu, ncuerni, ncorna, ncurnamu, ecc.; p. rem. ncurnài, ecc.; pp. ncurnatu. Incornare. [da cuernu].

ncurnata sf. Cornata: li manzari se attìanu a ncurnate gli arieti lottavano a cornate.

ncurniciare tr.; pres. ncurnìciu, ecc.; impf. ncurniciàa, ecc.; p. rem. ncurniciài, ecc.; pp. ncurniciatu * 1- Incorniciare * 2- fig. Mettere le corna, cioè tradire il proprio coniuge. [da curnice e da corne].

ncurpare tr.; pres. ncurpu,… ncurpamu, ecc.; p. rem. ncurpài, ecc.; pp. ncurpatu. Incolpare. [lat. inculpare].

ncurpurare tr. e intr.; pres. ncòrpuru, ncuèrpuri, ncòrpura, ncurpuramu, ecc.; p. rem. ncurpurài, ecc.; pp. ncurpuratu * tr. Incorporare * intr. Essere aderente; essere adiacente.

ncurrisçiare tr. e intr.; pres. ncurrìsçiu, ecc.; impf. ncurrisçiàa, ecc.; p. rem. ncurrisçiài, ecc.; pp. ncurrisçiatu * tr. Lavorare a fasce; disporre o anche dividere a strisce * intr. Di stoffe, scolorire a striature. [da currìsçia].

ncurrisçiatu agg. 1- Suddiviso a strisce * 2- Scolorito a strisce.

ncurtare intr. e tr.; pres. ncurtu,… ncurtamu, ecc.; p. rem. ncurtài, ecc.; pp. ncurtatu * intr. Tornare all'ovile, rientrare negli stazzi: le pècure sta’ ncùrtanu le pecore tornano allo stazzo * tr. Riportare il bestiame nel recinto: ncurtàu le crape prima cu mminta lu sule riportò le capre nell'ovile prima che il sole tramontasse * fig. Costringere qualcuno in un luogo senza lasciargli via di scampo. [da curti].
Da c. p. Nnu pìzzecu me tese nna carusa, / … e ièu me la ncurtài sutta a nna fica: / nna manu a mpiettu e ll'àutra a llu fustianu.

ncurtaturu sm. Recinto provvisorio, staccionata momentanea in cui radunare la notte il bestiame in transumanza. [da ncurtatu + suff. funz. -uru].

ncurteδδare tr.; pres. ncurteδδu, ncurtieδδi, ncurteδδa, ncurteδδamu, ecc.; p. rem. ncurteδδài, ecc.; pp. ncurteδδatu. Accoltellare, ferire di coltello. [da curtieδδu].

ncurtìre tr. e intr.; pres. ncurtiscu,… ncurtimu, ecc.; p. rem. ncurtìi,… ncurtemmu, ecc.; pp. ncurutu * tr. Accorciare * intr. Diventare più corto, più breve. [da curtu].

ncuruδδare tr.; pres. ncuruδδu,… ncuruδδamu, ecc.; p. rem. ncuruδδài, ecc.; pp. ncuruδδatu. Attorcigliare a spirale; inanellare. [da curuδδu].

ncurunare tr.; pres. ncurunu,… ncurunamu, ecc.; p. rem. ncurunài, ecc.; pp. ncurunatu. Incoronare * fig. Mettere la corona sulla testa, cioè tradire il proprio coniuge. [dal lecc. curuna].

Ncurunata, Nata, Natina pers. Maria, regina incoronata.

ncurunatu agg. 1- Incoronato, cinto di corona: ncurunatu te spine incoronato di spine * 2- Contornato: ncurunatu te tanti neputi circondato da tanti nipoti * 3- fig. Cornuto.

ncùsçere, ncusçìre rifl.; pres. me ncùsçiu, ecc.; impf. me ncusçìa, ecc.; p. rem. me ncusçìi,… ni ncusçemmu, ecc.; pp. ncusçiutu. Lamentarsi sommessamente per intime sofferenze; piangere flebilmente. [dal lat. in-cogere].

ncusçetatu agg. 1- Dispiaciuto, intimamente rattristato * 2- Preoccupato, ansioso. V. il contrario scusçetatu.

ncusçetusu agg. Lamentoso, querulo.

ncùsçiu sm. Lamento sommesso e continuato; voce flebile.

ncustare1 tr.; pres. ncostu, ncuesti, ncosta, ncustamu, ecc.; p. rem. ncustài, ecc.; pp. ncustatu. Accostare: ncustati lu taulinu a llu parite accostate il tavolino al muro. [dal lat. ad costam.

ncustare2 tr.; pres. ncustu, ncusti, ncusta, ncustamu, ecc.; p. rem. ncustài, ecc.; pp. ncustatu. Acquistare, comprare. [dal lat. volg. adquis(i)tare].

ncustumatu agg. Accostumato, ben educato; assuefatto e ben adattato.

ncùtene, ncùdene, ncùtine sf. Incudine: lu chianu, lu cuernu, la lìngua te la ncùtene il piano d'appoggio, il prolungamento conico, il prolungamento piramidale dell'incudine * provv. Stare tra lla ncùtine e llu martieδδu stare tra l'incudine e il martello § Dura cchiùi la ncùdene ca le pìgghia, cca llu martieδδu ca le dae dura più a lungo l'incudine che prende i colpi, che il martello che li dà. [lat. incus incudinis].

ncutrubbare intr.; pres. ncutrubbu,… ncutrubbamu, ecc.; p. rem. ncutrubbài, ecc.; pp. ncutrubbatu. Rattrappirsi dell'intera persona o anche di un frutto; crescere rimanendo basso e grosso. [da cutrubbu].

ncutrubbatu agg. Basso, grosso e goffo, con la testa incassata; ingobbito; rannicchiato su se stesso, rattrappito.

ncutugnare intr. e tr.; pres. ncutugnu,… ncutugnamu, ecc.; p. rem. ncutugnài, ecc.; pp. ncutugnatu * intr. Acquistare la durezza di una cotogna, indurire malamente; incallire * tr. fig. Prendere a cazzotti qualcuno, provocandogli bitorzoli al volto. [dal lecc. cutugnu].

ncutugnatu agg. Diventato duro e stopposo come la polpa della cotogna; indurito male, incallito * fig. Con il volto gonfio e bernoccoluto.

ncutugnusu agg. Di frutto, con polpa indurita e poco succosa come quella della cotogna.

ncutunisçiare tr.; pres. ncutunìsçiu, ecc.; impf. ncutunisçiàa, ecc.; p. rem. ncutunisçiài, ecc.; pp. ncutunisçiatu. Accotonare, fare le frange attorcigliando i fili della stoffa: la nonna Rafela sta’ ncutunìsçia nna menza tuzzina te stusçiafacce nonna Raffaela accotona mezza dozzina di asciugamani.

ncuzzare tr. e intr.; pres. ncuzzu,… ncuzzamu, ecc.; p. rem. ncuzzài, ecc.; pp. ncuzzatu * tr. Provocare una ammaccatura urtando * intr. Battere con la testa. [dall'it. inzuccare e incocciare incr. con lecc. cuezzu].

ncuzzatu agg. Ammaccato, deformato alla superficie.

ncuzzatura sf. Ammaccatura; intaccatura; incavo.

ncuzzettare tr.; pres. ncuzzettu, ncuzzietti, ncuzzetta, ncuzzettamu, ecc.; p. rem. ncuzzettài, ecc.; pp. ncuzzettatu. Affibbiare, appioppare; assegnare a qualcuno un incarico poco gradevole: m'ànu ncuzzettata nna quattrusordi fàusa mi hanno appioppato un ventino falso; li fastiti li ncuzzèttanu a mmie affidano a me i fastidi. [da cuzzettu].

ndacquare v. ddacquare.

ndana sf. Andana, striscia di terreno fra due filari di alberi.

Ndata, Ndateδδa, Ndatina, Ndatìcchia pers. Addolorata.

nde1 avv. Ne, di lì, da questo o da quel luogo: ci ui bu nde turnati, me nde tornu puru ièu se ve ne tornate voi, me ne torno pure io; se nde cate te nanti ne cade dal davanti; tie te nde iessi tu te ne esci * In pos. encl.: lliàmunde lu tampagnu togliàmone il coperchio; càcciande lu cane manda via di là il cane; fàndeli turnare falli tornare da quel luogo. [lat. (i)nde].

nde2 pron. partitivo. Ne, di esso, di questo: quantu nde uèi te nde dau quanto ne vuoi te ne do; nu tte nde preme te la sorte mia? non ti preme alcunché della mia sorte?; cu sse nde màngia quante nde ole che ne mangi quante ne desidera * In pos. encl.: pìgghiande quanti te nde sèrvenu prèndine quanti te ne occorrono; facìtiunde ccenca uliti fàtene qualunque cosa vogliate.

ndebbetare tr.; pres. ndèbbetu, ndièbbeti, ndèbbeta, ndebbetamu, ecc.; p. rem. ndebbetài, ecc.; pp. ndebbetatu. Indebitare, gravare di debiti: ndebbetàu li siri e ttuttu lu parentatu indebitò i genitori e tutto il parentado. [da dèbbetu].

ndebbetatu agg. Indebitato, pieno di debiti: ndebbetatu fena a lli capiδδi indebitato fino ai capelli.

ndebbulìre tr.; pres. ndebbuliscu, ndiebbulisci, ndebbulisce, ndebbulimu, ecc.; p. rem. ndebbulìi,… ndebbulemmu, ecc.; pp. ndebbulutu. Indebolire. [da dèbbule]

ndeinare, ndenare, nduenare tr.; pres. ndeinu (nduinu),… ndeinamu (ndenamu, nduenamu), ecc.; p. rem. ndeinài (ndenài, nduenài), ecc.; pp. ndeinatu (ndenatu, nduenatu) * 1- Indovinare, prevedere il futuro * 2- Intuire il vero. [dal lat. di(v)inare].

ndeinu sm. Indovino, veggente.

ndelecaturu sm. Incannatoio, arnese costituito da un'asse (spiedo) con volano, la quale viene infilata nei rocchetti di canna (cànnuli) ai quali si avvolge il filato. V. anche fusale.

disegno
ndelecaturu

ndemuniatu agg. Indemoniato, posseduto dal demonio.

ndenieδδu, nduenieδδu sm. Indovinello: Donna Longa stae stisa, donna Curta lu culu ni pisa, donna Ianca intru ugghìsçia, ca donna Russa lu culu ni brùsçia la lunga Catena del camino è tesa e regge la tozza e pesante Caldaia, dentro di questa gorgoglia l'Acqua chiara, perché la rossa Fiamma le scalda il fondo.

ndespettìre tr.; pres. ndespettiscu,… ndespettimu, ecc.; p. rem. ndespettìi,… ndespettemmu, ecc.; pp. ndespettutu. Indispettire, irritare. [da despiettu].

ndianu agg. Indiano, proveniente dalle Indie * sm. fig. Gnorri, nesci.

ndifferente agg. Indifferente, apatico, disinteressato.

ndifferènzia, ndifferenza sf. Indifferenza, disinteresse.

ndilicatu, ndilecatu agg. Delicato, fine, gentile; delizioso: tene doi manu ndilicate ha due mani fini e gentili; lu stòmecu miu ete ndilecatu il mio stomaco è delicato. [dal lat. delicatus].
Da c. p. Si' beδδa et erta e ndilicata e artiera, / beδδa te fice Diu senza mesura!

ndindilò sm. Voce imitativa dei rintocchi della campana, lo scampanio: ogne mmane me ddìsceta lu ndindilò te missa prima ogni mattina mi sveglia il suono della campana che annunzia la prima messa.

ndindinu sm. Asticciola pulsante del campanello.

ndin ndin sm. Voce onom. per imitare il suono del campanello.

ndin ndon sm. Voce onom. per indicare il suono delle campane.

ndirizzare (lett.) tr.; pres. ndirizzu,. ndirizzamu, ecc.; impf. ndirizzàa, ecc.; p. rem. ndirizzài, ecc.; pp. ndirizzatu. Indirizzare. V. pure mandare, spetìre.

ndirizzu sm. Indirizzo.

ndivitu(u) sm. Individuo. [dal lat. individuus].

ndìzziu, ndizzu sm. 1- Indizio * 2- Indicazione per orientare. [lat. indicium].

ndorare v. dorare.

ndore, ddore sf. Odore, esclusivamente quello gradevole: se sentìa nna ndore ndilicata te tubberosa si avvertiva un odore delicato di tubirosa; sta ndore me face scazzecare la fame questo odorino mi stuzzica l'appetito * prov. Mmara a cci se pàscula de ientu e de ddore guai a colui che si ciba di vento e di odore * pl. f. Aromi, erbe aromatiche; spezie: cu ste ndori lu stufatu ene cchiùi sapuritu con questi aromi lo stufato verrà più saporito. [lat. odor -oris].
Da c. p. Nc'era dintra a sta curte nna lumìa, / passàu lu ientu e nde scippàu la ddore; / sparìu te l'uecchi mei la cumparìa, / la ddore sentu ncora ntra llu core.
DE D.
pe tutta l'ària sciuδδecàa na ndore, / era de fiuri e mme parìa d'amore.

ndosa sf. 1- Dose; decotto, infuso da bere a dosi: pe stu piccinnieδδu basta nna sula ndosa te papagnu per questo piccinino è sufficiente una dose d'infuso di papavero * 2- Intruglio. [gr. dosis].

Ndranu geogr. Andrano.

Ndrea, Ndreuzzu, Ndreiceδδu pers. Andrea.

ndretu avv. All'indietro: gnettantu uarda ndretu ogni tanto guarda all'indietro. V. anche rretu.

ndrètula avv. All'indietro, un modo di muoversi a tergo, indietreggiando: cu scinda alla ndrètula, ttuppàu e ccatìu per scendere all'indietro, urtò e cadde; facimu a cci cchiùi fusçe alla ndrètula? facciamo a chi più corre rinculando?
DE D. e la luce de botta lu stunàu, / ca, cu scinda, alla ndrètula buccàu.

ndrezzare tr.; pres. ndrizzu,… ndrezzamu, ecc.; impf. ndrezzàa, ecc.; p. rem. ndrezzài, ecc.; pp. ndrezzatu * Raddrizzare; mettere in ordine, rassettare: ane e ndrizza lu palu vai e raddrizza il palo; uarda comu s'ànu ndrezzate belle guarda come si sono rassettate bene * modo di dire: ndrezzare l'anche allu cane realizzare una cosa molto difficoltosa * 2- Indirizzare con precisione verso un bersaglio: ni ndrezzàu nna tàfaru susu allu nasu gli assestò un pugno dritto sul naso; Domeneddìu nu ndrezzàa cchiùi li fùrmeni, ca ni tremulàa lu razzu Dominedio non scagliava più con precisione i fulmini, perché gli tremava il braccio. [da un incr. tra drittu e rittu].

ndròcchia, ndròccula sf. Donnaccia, donna di malaffare, meretrice. [da un incr. tra lecc. tròia e òccula].

ndròngula sf. Membro virile turgido.

ndrui sm. e f. Sciattone, sciattona; trasandato.

ndubbetare intr., usato solo quando è preceduto dalla negazione nu (negli altri casi si usa dubbetare); pres. nu ndùbbetu,… nu ndubbetamu, ecc.; p. rem. nu ndubbetài, ecc.; pp. nu ndubbetatu * 1- Non dubitare: iδδu pote dubbetare ogne ttantu, ui nu ndubbetati mai! egli può talvolta dubitare, siete voi che non dubbitate mai! * 2- in senso assoluto e in espressioni incisive. Essere certi; essere indiscutibile: me l'àggiu scuntare, nu ndubbetare mi vendicherò, puoi esserne certo; ete comu dicu ièu, nu ndubbetati è come dico io, siàtene persuasi.

ndubbetatu agg. Indubbio, fuori di dubbio, certo. [lat. indubitatus].

ndubbulare tr.; pres. ndùbbulu,… ndubbulamu, ecc.; p. rem. ndubbulài, ecc.; pp. ndubbulatu. Piegare in due; fare doppio, raddoppiare. [da dùbbulu].

nduccecare tr.; pres. ndùccecu, ndùccechi, ecc.; p. rem. nduccecài, ecc.; pp. nduccecatu. Piegare biancheria con l'usato sistema; ripiegare per bene i panni stirati. [dal lat. induplicare].

ndùccecu sm., ndùcceca sf. Rimboccatura fatta al lenzuolo; risvolto della coperta.

ndùcere, nducìre tr.; pres. nducu,… nducimu, ecc.; p. rem. nducìi (ndussi), nducisti, nducìu (ndusse), nducemmu (ndùssemu), nducestu, nducèra (ndùssera) ; pp. nduttu * 1- Condurre qui, accompagnare qua: li zei toi ndùcili stasira a ccasa mia questa sera accompagna i tuoi zii a casa mia * 2- Portare qua, recare qui vicino: Pippi, nduci lu mbile Giuseppe, porta qui l'anfora dell'acqua; sta’ nducìanu le pruiste te lu iernu recavano le provviste dell'inverno; (De Dominicis) "bu nducu cce bulìti: o uerra o pace!"  "vi reco quel che volete: o guerra o pace!". [dal lat. ducere].
LEONE e subbra tuttu la canzune duce / de l'aceδδi e nu cantu de nu ellanu / ci de luntanu l'ària cita nduce.

nduenare tr.; pres. nduìnu,… nduenamu, ecc.; p. rem. nduenài, ecc.; pp. nduenatu. Indovinare, prevedere esattamente. V. anche ndeinare.

nduenieδδu sm. Indovinello: sentiti sti nduenieδδi: nc'ete nna canna ca rria alla Spagna, rria an Turchìa e ppuru a ccasa mia. Cce bete? c'è una canna che arriva sino in Spagna, sino in Turchia ed anche a casa mia. Che cos'è? (il raggio di sole) § Stae sempre a mmueδδu e nnu mmòffula. Cce bete? E' sempre a mollo e non gonfia per l'umidità. Che cos'è? (la lingua). V. ndenieδδu e pure indinieδδu.

ndùgghia sf. Omento, l'involucro dell'addome degli animali * fig. 1- Abito floscio e cascante: quandu te llièi te subbra δδa ndùgghia, a? quando smetterai di indossare quell'abito logoro e sbrindellato, eh? * 2- La persona stessa che indossa una veste sbrindellata; persona sciattona. [dal lat. dolium, pl. dolia].

ndùgghie sf. pl. Budelle degli animali macellati.

ndugghiusu agg. Trasandato nel vestire, sciatto, sbrindellato.

ndulenzutu agg. Indolenzito, acciaccato. V. pure ntussecatu.

Ndulurata, Ndata, Ndatina, Ndatìcchia, Ndatuzza pers. Addolorata.

ndundamientu sm. Trasandamento, trascuratezza abituale.

ndundarìa sf. Sciatteria.

ndundu agg. Disordinato, trascurato nel vestire ed anche nel condurre la casa o la bottega. V. pure dundu.

ndunduliare intr.; pres. ndundùliu, ecc.; impf. ndunduliàa, ecc.; p. rem. ndunduliài, ecc.; pp. ndunduliatu. Gironzolare, vagabondare; passare e ripassare iteratamente.

ndurare tr. e intr.; pres. ndoru, ndueri, ndora, nduramu, ecc.; p. rem. ndurài, ecc.; pp. nduratu * tr. Odorare, fiutare: ae ndurandu li fiuri te campu odora ad uno a uno i fiori di campo; lu cane à nduratu nna cquarcheccosa il cane ha fiutato un qualcosa * intr. Emanare odore, profumare: sti carròfali suntu belli ma ndòranu picca questi garofani sono belli ma odorano poco. [lat. odorari].
DE D. Subbra alla spiaggia, mentre sta mmentìa / lu sule e ll'ària ccumenzàa a ndurare…

nduratu, ndoratu, doratu agg. Dorato, indorato: nduratu ete lu purtune te lu paraìsu dorato è il portone del paradiso; lu celu a lleante stae ndoratu il cielo a levante è del colore dell'oro.

ndurgènzie sf. pl. Indulgenze; suffragi. [lat. indulgentiae].

ndurinu sm. Odorino, odore delicato. [dim. di ndore].

ndurtu sm. Indulto, remissione di una pena. [lat. indultum].

ndurusu agg. Che rende grato odore, odoroso, fragrante, profumato.

cong. negativa. Né, e non: nu binne ieri né ene osçe non venne ieri né verrà oggi; né a mmie né a ttie cunviene né a me né a te conviene. [lat. nec].

nèbbia (lett.) sf. Nebbia * prov. Né àcque dopu màggiu né nèbbie dopu acostu non piogge dopo il mese di maggio e non nebbie frequenti dopo agosto. V. nìgghia.

nebbiceδδa (neol.) sf. Nebbiolina. [dim. di nèbbia].

necativu agg. Negativo: la resposta foi necativa la risposta fu negativa. [dal lat. negativus].

necessàriu agg. Necessario * prov. A stu mundu tutti simu ùtuli, nisciunu ete necessàriu a questo mondo tutti siamo utili, nessuno è necessario. [lat. necessarius].

necessetate, necessità sf. Necessità * provv. La necessità nu uarda a llegge la necessità non osserva alcuna legge § Necessità bbàscia nobbirtà la necessità deprime la nobiltà. [lat. necessitas -atis].

necòżiu, neòżiu sm. Negozio, locale destinato alla vendita di merci industriali (le merci artigianali sono vendute nella 'putèa' stessa): necòżiu te rrobbe, te scarpe, te ferràgghie negozio di stoffe, di calzature, di ferraglie.

necru sm. Negro, persona dal colorito della pelle molto scuro: comu necri turnàra te la metetura come negri (con la pelle bruciata dal sole) tornarono dalla mietitura.

Nècussu sm. Negus, il monarca assoluto dell'Etiopia.

necużiante sm. e f. Negoziante * fig. Traffichino più o meno scorretto.

neèra sf. Neviera, scavo sotterraneo in cui d'inverno veniva accumulata e pressata la neve, che si adoperava poi in estate per raffreddare bevande.

Neiànu geogr. Neviano.

nemicu agg. e sm. Nemico, avversario * provv. Ognetunu ete nemicu te l'arte soa ogni artigiano è restio ad adoperare la sua arte per fare oggetti per sé e per i propri familiari § Ci te lu fumu ete amicu, te iδδu stessu ete nemicu chi è amico del fumo del tabacco, è nemico di se stesso * Per antonomasia era così ritenuto e chiamato il 'demonio'… [lat. inimicus]. Da una preghiera:   Matonna beδδa, / l'arma mia t'affitu, / ièu te la dàu a Ttie, / Tie ni la dai a Ccristu / parte cu nnu nd'àggia / lu nemicu tristu!

nemmancu avv. Nemmanco, nemmeno, neanche, neppure.

nèmula sf. Anemone, la pianta erbacea dai bei fiori variamente colorati.

Nena, Nenùccia, Nenuzza pers. Elena e Maddalena.

nènia sf. Cantilena noiosa; richiesta insistentemente ripetuta piagnucolando: cu sta nènia me nde sta’ ppuerti la capu con questa cantilena insistente mi fai ammattire. [lat. nenia].

nenna sf. Bimbetta. V. ninna.

nenne sf. 1- Voce fanciullesca che indica la mammella: tene do' nenni tise tise ha due tette turgide * 2- Il latte materno: lu piccinnu s'à binchiatu te nenne il piccino si è saziato di latte.

nenniceδδa sf. Capezzolo. [dim. del lecc. nenne].

Nenzi sm. pl. Abitanti di Lizzanello; le Nenze erano chiamate anche con il nomignolo di 'fìmmene bestie'. [da S. Lorenzo, loro protettore].

Nenzu, Nenziceδδu pers. Lorenzo.

nepute sm. e f. Nipote * Con i possessivi in pos. encl.: nepùtema, nepùteta, nepùtesa mio o mia nipote, tuo o tua nipote, suo o sua nipote. [lat. nepos -otis].

disegno
neputeδδa

neputeδδa sf. Nepitella o mentuccia (da non scambiare con la 'mentàsçena'), erba perenne, la quale ha un odore che ricorda quello della menta, ma è più canforato; i fiorellini, di un tenue colore lilla, si raggruppano all'apice degli steli, che sono a sezione quadrangolare; le foglie cuoriformi vengono usate come ingrediente aromatico nella cottura dei funghi.

neritùmene sf. Nerume, sudiciume nerastro.

nervaggìa sf. Nevralgìa.

nervastenìa sf. Nevrastenìa.

nervastènicu, nerastènicu agg. Nevrastenico; lunatico.

nervatura sf. 1- Il complesso dei nervi di un organo animale * 2- Nervosità, irritabilità: quandu ìsçiu ccerte cose, me ttacca la nervatura quando vedo certe cose, mi afferra la nervosità, il nervosismo * 3- Fascio vascolare prominente di una foglia: la nervatura cchiù' rrossa, quiδδa te mienżu, se chiama puru stìpeta il fascio vascolare, quello di mezzo, si chiama pure nervatura principale.

nervinu agg. Di natura nervosa; nevrotico: la Ntònia ognettantu la pìgghianu li ttacchi nervini ogni tanto Antonia viene presa dagli attacchi nevrotici.

nervosu agg. Nervoso, irascibile * sm. Nevrastenia: tene lu nervosu è malato di nevrastenia. [lat. nervosus].

nèsciu, nuèsciu (f. nòscia) agg. e pron. possessivo. Nostro: lu frate nèsciu e lla soru nòscia nostro fratello e nostra sorella; li zei nuesci e lle cusçine nòscie i nostri zii e le nostre cugine; lu nèsciu ete cchiù' nneu il nostro è più nuovo; la facce òscia ete masçariata, la nòscia ete pulita e franca il viso vostro è coperto da una maschera, il nostro è pulito e libero. [lat. nostrum].

nèspula sf. L'arbusto e il frutto del nespolo giapponese (il nespolo germanico più propriamente viene detto 'meδδa') * prov. Cu llu tiempu e ccu lla pàgghia se mmatùranu le nèspule… e lla canàgghia con il tempo e con la paglia maturano le nespole… e la canaglia. [lat. mespilum].

nèspule! inter. di sorpresa e di meraviglia. Perdio!, perdiana!: nèspule, cce be' ccaru! perdinci, come costa caro!

nesse sm. La parte concava dell'aliosso, quella che corrisponde a una situazione di perdita nel gioco dei 'cuntrici'.

nessu sm. Nesso, collegamento logico. [lat. nexus].

nettu agg. Netto, di peso dedotta la tara. [dal lat. nit(i)dus].

neu1, nuèu (f. noa) agg. Nuovo: curpettu neu e scialla noa corpetto nuovo e scialle nuovo; uanti nei e scarpe noe guanti nuovi e scarpe nuove * prov. Farnaru nuèu nu ssai a ddu lu ppiendi non sai dove appendere il vaglio nuovo * te neu avv. Di nuovo, nuovamente. [lat. novus, o>ue/e; la forma neu è influenzata pure dal gr. néos].

neu2 sm. Neo, macchiolina nera sulla pelle * detto: Ci tene nnu neu nu ccrite a Deu, ci nde tene tanti nu ccrite nu a Diu e nnu alli Santi chi ha un neo non crede in Dio, chi ne ha tanti non crede né a Dio né ai Santi. [lat. naevus].

neutrale agg. Neutrale. [lat. neutralis].

nèutru agg. Neutro, né una cosa né un'altra; neutrale: quasetti te velu te culure nèutru calze velate di colore neutro; ièu me mantegnu nèutru percé me siti amici allu stessu motu io rimango neutrale, perché mi siete amici allo stesso grado. [lat. neutrum].

neversale, niversale agg. Universale. [lat. universalis].

nfacciare rifl.; pres. me nfàcciu, ecc.; impf. me nfacciàa, ecc.; p. rem. me nfacciài, ecc.; pp. nfacciatu. Affacciarsi, sporgersi con la testa e, quindi, con lo sguardo: stae sempre nfacciata a llu barcune è sempre affacciata al balcone; mmara a ttie ci te nfacci allu puzzu guai a te se ti sporgi nel pozzo. [dal lecc. facce].
Da c. p. Quandu te nfacci tie de la fenèscia, / lu sule cu lla luna se cuntrasta.

nfàcciu sm. Affaccio, campo visivo. V. pure ffàcciu.

nfacendatu agg. Affaccendato.

nfacuttare tr.; pres. nfacottu, nfacuetti, nfacotta, nfacuttamu, ecc.; p. rem. nfacuttài, ecc.; pp. nfacuttatu. Infagottare, avvolgere (una persona) nei panni. [da facottu].

nfacuttatu agg. Intabarrato.

nfaeδδutu agg. Imbambolato, intontito, sonnacchioso, stordito.

nfallìbbele, nfallìbbile agg. Infallibile. [lat. infallibilis].

nfallibbeletà, nfallibbilità sf. Infallibilità, impssibilità di sbagliare.

nfamare tr.; pres. nfamu,… nfamamu, ecc.; p. rem. nfamài, ecc.; pp. nfamatu. Infamare, screditare con false dicerie.

nfame agg. Infame, perverso, turpe, vigliacco. [lat. infamis].

nfamitate, nfamità sf. Infamità, scelleratezza; vigliaccheria.

nfànfaru v. ffànfaru.

nfanfarutu agg. Ciarliero perché alticcio; brillo che sproloquia; ubriaco che sfoga a parole.

nfannare intr.; pres. nfannu,… nfannamu, ecc.; p. rem. nfannài, ecc.; pp. nfannatu. Avere l'affanno, ansare * rifl. Affannarsi, darsi da fare attivamente. [provenz. afanar].

nfannatu agg. Affannato, ansante.

nfannisçiare intr.; pres. nfannìsçiu, ecc.; impf. nfannisçiàa, ecc.; p. rem. nfannisçiài, ecc.; pp. nfannisçiatu. Ansimare, soffrire d'affanno: lu piettu me nfannìsçia il petto mi ànsima; nfannisçiandu se menàu su llu liettu sofferente di affanno, si stese sul letto. [da nfannare + suff. intens.-iter. -sçiare].

nfannu1 sm. 1- Affanno, tribolazione: aìmu ccampare subbra sta terra te dulori e nfanni siamo costretti a vivere su questa terra di dolori e di affanni * 2- Respiro affannoso; asma: lassa mme ssettu ca m'à benutu lu nfannu lascia che mi segga, giacché mi è venuta l'asma * 3- Soffio di aria malsana, vapore mefitico: essìa nnu nfannu ca te lliàa lu rrefiatu fuoriusciva un miasma che ti toglieva il respiro. [provenz. afan].
MAR. Quista cruce ci a nterra stae chiantata / quantu nfannu recorda e quantu amore!

nfannu2 sm. Sciarrano, pesce marino lungo circa 20 cm.

nfannusu agg. Affannoso, ansante: se sentìa lu ssaccare nfannusu te ci curre si avvertiva l'ansare affannoso di uno che corre.

nfarenare tr.; pres. nfarinu,… nfarenamu, ecc.; p. rem. nfarenài, ecc.; pp. nfarenatu. Infarinare, coprire o anche sporcare di farina * prov. Cinca nu ccerne nu sse nfarina chi non cerne non si infarina. [dal lecc. farina].

nfarenatu agg. Infarinato.

nfarenatura sf. Infarinatura.

nfartu (lett.) sm. Infarto cardiaco. [dal lat. infartus]. V. còccia, corpu.

nfascenare tr.; pres. nfàscenu,… nfascenamu, ecc.; p. rem. nfascenài, ecc.; pp. nfascenatu. Affascinare, ammaliare.

nfassare tr.; pres. nfassu,… nfassamu, ecc.; p. rem. nfassài, ecc.; pp. nfassatu. Fasciare: nfassa lu striu e llu minte ntra lla testa fascia il bimbo e lo pone nell'apposito cassonetto. [da fassa].

nfassatura sf. Fasciatura; l'operazione dell'avvolgere l'infante nei pannolini: nfassatura lenta, stritta fasciatura lenta, stretta.

nfassatu agg. Avvolto nelle fasce * fig. Impacciato, non del tutto libero di agire.

nfatturare tr.; pres. nfatturu,… nfatturamu, ecc.; p. rem. nfatturài, ecc.; pp. nfatturatu. Affatturare. [dal lecc. fattura].

nfatuare tr.; pres. nfàtuu, nfàtui, nfàtua, nfatuamu, ecc.; p. rem. nfatuài, ecc.; pp. nfatuatu. Infatuare, accendere di irragionevole credulità. [lat. infatuare].

nfatuire intr.; pres. nfatuiscu,… nfatuimu, ecc.; p. rem. nfatuìi,… nfatuemmu, ecc.; pp. nfatuutu. Rimanere fortemente stupefatto; sbalordire. [lat. fatuari].

nfatuitu agg. Sbalordito, scioccato; tanto stupefatto che ha perso quasi la ragione.

nfaugnare tr. e intr.; pres. nfaugnu,… nfaugnamu, ecc.; p. rem. nfaugnài, ecc.; pp. nfaugnatu * tr. Del favonio o dell'afa, guastare i frutti della terra: lu sçeroccu à nfaugnatu lu raniceδδu lo scirocco afoso ha guastato le spighette del grano tanto prezioso * intr. impers. Del tempo, dell'atmosfera, impregnarsi di afa soffocante: lu tiempu sta’ nfaugna l'aria diventa sempre più afosa; [dal lecc. faugnu].

nfaugnatu agg. Colpito e danneggiato dal favonio.

nfecciale, nfeciale, nfeziale sm. Ufficiale delle forze armate. [lat. officialis].

nfelare tr.; pres. nfilu,… nfelamu, ecc.; p. rem. nfelài, ecc.; pp. nfelatu * 1- Infilare, infilzare: nu bite cu nfila l'acu non vede per infilare il filo nella cruna dell'ago * 2 Introdurre: ni nfelàu la manu a mpàuta gli introdusse la mano in tasca * rifl. 1- Infilarsi: moi se nfila li càusi e bene adesso si infila i pantaloni e viene * 2- Introdursi di soppiatto, intrufolarsi: pete cata pete bu nfelastu ntra lla càmmera te lu muertu passo dopo passo vi intrufolaste nella camera ardente * 3- Avviarsi: poi se nfelàra sulla strata te Lècule poi si avviarono per la via di Lequile * 4- Susseguirsi: se sta’ nfìlanu sçiurnate una pèsçiu te l'àutra si susseguono giornate una peggiore dell'altra. [da filu].

nfelata sf. Infilata, serie fitta e continua: nna nfelata te traìne, ca nu spicciàa cchiùi un'infilata di carri agricoli, che non finiva più. V. pure felera.

nfelecare intr. e tr.; pres. nfèlecu, nfièlechi, nfèleca, nfelecamu, ecc.; impf. nfelecàa,… nfelecaàmu, ecc.; p. rem. nfelecài, ecc.; pp. nfelecatu * intr. Sbraitare; discorrere con tono eccitato: nu nfelecare ca sciarpisçi non sbraitare ché smòzzichi le parole * rifl. 1- Incollerirsi, infuriarsi: se nfelecàa e sse calàa le tìsçete si incolleriva e si mordeva le dita * 2- Bisticciarsi: socra e nora se nfèlecanu e se nzùrtanu suocera e nuora si lìtigano e si lanciano insulti * 3- Impelagarsi in discussioni cavillose: pe ure se nfelecàanu e an fine nu ccuncrutìanu nienti per ore si perdevano in chiacchiere e alla fine non concludevano niente. [dal lat. implicare incr. con lecc. nfelare].

nfelecatu agg. 1- Sbraitante * 2- Cavilloso * 3- Incollerito, infuriato nel discorrere.

nfelezzare tr.; pres. nfelezzu, nfeliezzi, nfelezza, nfelezzamu, ecc.; p. rem. nfelezzài, ecc.; pp. nfelezzatu. Mettere in fila, collocare uno dopo l'altro in lunga serie. [intens. di nfelare].

nfelezzata sf. 1- Infilzata: susu alli fili te lu telèfracu nc'era nna nfelezzata te rendineδδe sui fili del telegrafo c'era una lunga fila di rondini * 2- Serie: me buscài nna nfelezzata te càuci a nculu meritài e presi una serie di calci nel sedere.

nfelice agg. Infelice, disgraziato, sventurato. [lat. infelix -icis].
BOZZI … Ma nu nfelice / intra iδδu però sai cce sta dice? / "Parla te pisce… e ièu nu tegnu pane!"

nfenitu, nfinitu agg. 1- Infinito, senza limiti; interminabile: lu mundu ete nfenitu l'universo è infinito * 2- Innumerevole: la cuiete fose rutta te sçhiδδi nfiniti la quiete fu rotta da grida innumerevoli. [lat. infinitus].
DE D. sìmmena subbra a nnui tutte quante le pene / ca sape mmaggenare la mente toa nfenita.

nfenucchiare tr.; pres. nfenùcchiu, ecc.; impf. nfenucchiàa, ecc.; p. rem. nfenucchiài, ecc.; pp. nfenucchiatu. Infinocchiare, abbindolare, raggirare. [da fenùcchiu].
Da un canto burlesco:   Sempre fenucchi ògghiu semmenare / e ttanti nd'àggiu ccògghiere a mmannucchi, / quarchetunu ci pozzu nfenucchiare.

nfergiare tr.; pres. nfèrgiu, nfiergi, nfèrgia, ecc.; p. rem. nfergiài, ecc.; pp. nfergiatu. Bloccare con ganasce; afferrare con la tanaglia o con i ganci di ferro. [dal lecc. ferge].

nfermerìa sf. Il locale della infermeria.

nfermieri sf. Infermiere.

nfermetate, nfermità sf. Infermità. [dal lat. infirmitas -atis].

nfermu agg. Infermo, ammalato cronico. [lat. infirmus].

nfernale agg. Infernale. [lat. infernalis].

nferrare tr.; pres. nferru, nfierri, nferra, nferramu, ecc.; p. rem. nferrài, ecc.; pp. nferratu. Afferrare saldamente: la nferràu pe ccapiδδi la afferrò per i capelli. [dal lat. med. ad ferrare].
DE D. Era l'ùrtimu puntu comu quandu / l'omu ca more all'ànima se nferra.

nferrettare tr.; pres. nferrettu, nferrietti, nferretta, nferrettamu, ecc.; impf. nferrettàa, ecc.; p. rem. nferrettài, ecc.; pp. nferrettatu. Munire di ferretti; legare, chiudere con ferretti. [da ferrettu].

nfervurare (lett.) tr.; pres. nfèrvuru, nfièrvuri, nfèrvura, nfervuramu, ecc.; p. rem. nfervurài, ecc.; pp. nfervuratu. Infervorare, riempire di entusiasmo * rifl. Accendersi di fervore. V. sciuδδecare.

nfervuratu agg. Infervorato; entusiasta.

nfessalìre tr. e intr.; pres. nfessaliscu,… nfessalimu, ecc.; p. rem. nfessalìi,… nfessalemmu, ecc.; pp. nfessalutu * tr. Istupidire, rendere incapace intellettivamente, intontire * intr. Diventare scemo, incretinire. [dal lecc. fessa2].

nfessalutu agg. Istupidito, scimunito, intontito.

nfetesciutu agg. 1- Imputridito, impuzzolito; fetido e disgustoso * 2- fig. Sporcaccione, moralmente spregevole.

nfetìre intr.; pres. nfetiscu,… nfetimu, ecc.; impf. nfetìa, ecc.; p. rem. nfetìi,… nfetemmu, ecc.; pp. nfetutu. Imputridire.

nfetìscere, nfetescìre intr.; pres. nfetiscu,… nfetescimu, ecc.; impf. nfetescìa, ecc.; p. rem. nfetescìi,… nfetescemmu, ecc.; pp. nfetesciutu. Diventare puzzolente; imputridire, marcire, putrefare * provv. Lu mmitatu ete comu lu pisce: dopu ttre giurni nfetisce l'ospite è come il pesce: dopo tre giorni puzza § Te la capu lu pisce ncigna a nfetescìre dalla testa il pesce comincia a putrefare * fig. Cambiare in peggio il proprio carattere: stu striu cchiùi crisce e cchiùi nfetisce questo ragazzo più cresce e più peggiora. [dal lat. foetere + suff. durat.-intens. -ìscere, -escìre].

nfettare (lett.) tr.; pres. nfettu, nfietti, nfetta, nfettamu, ecc.; p. rem. nfettài, ecc. ; pp. nfettatu. Infettare, contagiare, contaminare. [lat. infectare]. V. ttaccare.

nfettatu agg. Infetto, contaminato, contagiato.

nfettìre tr. e intr.; pres. nfettiscu, nfiettisci, nfettisce, nfettimu, ecc.; p. rem. nfettìi,… nfettemmu, ecc.; pp. nfettutu. Infittire, infoltire: llaandu llaandu, la tila à nfettuta lavando lavando, la tela si è infittita. [dal lecc. fittu].

nfettu agg. Infetto. [lat. infectus].

nfettutu agg. Infittito, infoltito.

nfeziale v. nfecciale.

nfezione sf. Infezione, contagio. [lat. infectio -onis].

nfeziunare v. ffeziunare.

nfiacchìre intr.; pres. nfiacchiscu,… nfiacchimu, ecc.; p. rem. nfiacchìi,… nfiacchemmu, ecc.; pp. nfiaccutu. Infiacchire, peggiorare in salute. [da fiaccu].

nfiamare tr.; pres. nfiamu,… nfiamamu, ecc.; p. rem. nfiamài, ecc.; pp. nfiamatu. Imbastire l'orlo di una stoffa con cuciture larghe e provvisorie. [da nfiamu].

nfiamatura sf. Imbastitura a punti lunghi di cucito.

nfiammare (lett.) tr.; pres. nfiammu,… nfiammamu, ecc.; p. rem. nfiammài, ecc.; pp. nfiammatu. Irritare e arrossare l'epidermide; provocare un processo infiammatorio sulla cute. V. bbampare.

nfiammu (lett.) sm. Processo infiammatorio sulla pelle; irritazione e arrossamento della pelle. V. bbampatura.

nfiamu sm. Il lavoro dell'imbastitura.

nfiernu sm. Inferno, il luogo dei demoni e dei dannati: sçire allu nfiernu andare all'inferno; pene te nfiernu pene d'inferno * provv. La porta te lu nfiernu e' ssempre spalangata la porta dell'inferno è sempre spalancata § Larga e a scisa ete la ia te lu nfiernu larga e in discesa è la via dell'inferno. [lat. inferus, lat. volg. infernum].
Da c. p. Su' ccalatu a llu nfiernu e ssu' tturnatu, / trasìre pe lla gente nu pputìa.
DE D.
"Cittu, disse lu diàulu, nu parlare, / ca tie lu nfiernu te l'ha' mmeretatu".

nfiettare tr.; pres. nfiettu,… nfiettamu, ecc.; p. rem. nfiettài, ecc.; pp. nfiettatu. Intrecciare: ssettàte allu suliceδδu, mama me nfiettàa li capiδδi sedute entrambe al tiepido sole, mia madre mi intrecciava i capelli; l'uru à nfiettata la cuta allu caδδu il folletto ha intrecciato i peli della coda del cavallo. [da fietta].

nfigghiare tr.; pres. nfìgghiu, ecc.; impf. nfigghiàa, ecc.; p. rem. nfigghiài, ecc.; pp. nfigghiatu. Infilare e allacciare, infilare intrecciando il laccio.

nfigghiatura sf. 1- Allacciatura a intreccio * 2- Acconciatura caratteristica dei capelli intrecciati e raccolti dietro la nuca.

Nfinfirinfà, Nfinfirinfì sm. e f., espressioni popolari che vengono scherzosamente usate per indicare persone indeterminate, ma individuabili a seconda delle circostanze. Il tale e il tal'altro; Tizio e Caio * detto: li sparagni te lu Nfinfirinfì se li cote lu Nfinfirinfà i risparmi del defunto se li gode l'erede.

nfinitate, nfinità sf. Infinità, quantità innumerevole.

nfittare tr.; pres. nfittu,… nfittamu, ecc.; p. rem. nfittài, ecc.; pp. nfittatu * 1- Dare in affitto * prov. Ci nfitta, spitta chi dà in fitto, resta fregato * 2- Prendere in affitto: ulìa sse nfitta lu sçiardinu intendeva prendere a fitto l'orto. [da nfittu].

nfittatu agg. Affittato, concesso o preso a fitto.

nfittu sm. Fitto, canone d'affitto. [dal lat. affictus].

nfiurare tr. e intr.; pres. nfiuru,… nfiuramu, ecc.; p. rem. nfiurài, ecc.; pp. nfiuratu * tr. Infiorare, adornare di fiori * prov. Ale cchiùi ci te unura cca cci te nfiura vale più colui che ti stima di colui che ti adula * 2- intr. Di rami e steli, coprirsi di fiori: lu milu sta’ nfiura il melo si copre di fiori. [da fiuru].

nfìziu sm. Il breviario liturgico e le preghiere in esso contenute. [lat. officium]. V. pure ffìziu.

nfocacattu, focacattu sm. Dolcetto friabile di farina, rivestito di zucchero vanigliato. [comp. dell'it. affoga(re il) gatto].

nfocaòi sf. Una specie di acacia spinosa, che cresce lungo la fascia di terra non coltivata accosto alle muricce dei campi; i contadini si premurano di sradicarla, perché può costituire un pericolo di soffocamento per l'animale che dovesse cibarsi dei rami di tale cespuglio irti di spine. [dal lecc. nfuca(re) oi, soffoca(re) bue]. V. pure mpicaòi.

nfocapìrete, nfocapìtete sm. Soprabito leggero senza spacchi, da passeggio (è chiaro il senso scherzoso e il significato sottinteso).

nforma avv. Conformemente, a guisa, a mo' di…, come: tie te rrièculi nforma a cquiδδu ci dice tu ti regolerai conformemente a ciò che dirà; se mpuggiàa a nnu taccarieδδu nforma a nnu bastone si appoggiava ad un tronchetto a guisa di bastone * cong. 1- Appena che, come: nforma ene cu ppàa, danni stu fangottu appena verrà a pagare, consegnagli questo fagotto * 2- Nel caso che, se: tozza cu lli pieti, nforma nu ssèntenu bussa con i piedi, nel caso non sentano. [dal lat. conformis].
DE D. Ièu lu iddi na sira allu mbrunire / ca a zichi-zachi mmesuràa la strata / e a nfacce li pariti s''ìa tenire / nforma ni enìa de ientu na buccata.

nformare (neol.) tr.; pres. nformu, nformi, nforma, nformamu, ecc.; impf. nformàa, ecc.; p. rem. nformài, ecc.; pp. nformatu. Informare, rendere edotto, avvisare. V. nfurmare e pure dìcere.

nforsa, nforza avv. A forza, per forza, necessariamente; malvolentieri, contro voglia: tuccàu a nforsa cu nni capacetamu dovemmo per forza rassegnarci; nforza int'anni nci òlenu pe ccapìre la putènzia te l'amore occorrono necessariamente venti anni per conoscere la possanza dell'amore; me lu sta’ mmàngiu a nforsa me lo mangio malvolentieri.

nforte agg., sempre unito al verbo èssere. Difficile, duro: me ete nforte suppurtare stu scuernu mi è difficile e duro sopportare questa vergogna; fose nforte pe ttutti fu difficile da sopportare per tutti.

nfosu v. nfusu.

nfracetìre intr.; pres. nfracetiscu,… nfracetimu, ecc.; p. rem. nfracetìi,… nfracetemmu, ecc.; pp. nfracetutu. Infracidire: cu ll'ùmetu le tàule nfracetìscenu con l'umidità le assi di legno infracidiscono. [da fràcetu].
MAR. Me sta nfraceta intra e mbermenisce / lu core ca la Morte ose piacare: / iδδa sula, quand'ole, me uarisce.

nfracetutu agg. Infracidito, corroso e guasto, marcio.

nfrascare tr.; pres. nfrascu, nfraschi, nfrasca, nfrascamu, ecc.; p. rem. nfrascài, ecc.; pp. nfrascatu. Coprire di frasche, riparare con frasche * rifl. Infoltirsi di fogliame. [da frasca]. V. anche mbracchiare.

nfreulare tr.; pres. nfrìulu,… nfreulamu, ecc.; p. rem. nfreulài, ecc.; pp. nfreulatu. Attorcigliare fili per ricavarne un cordino: nvece cu nfrìula a rritta, nfreulàa a mmancina invece di attorcigliare a dritta, attorcigliava a manca. [da un incr. tra lecc. freculare e it. sfregare].

nfrezzulare tr. e intr.; pres. nfrìzzulu,… nfrezzulamu, ecc.; p. rem. nfrezzulài, ecc.; pp. nfrezzulatu * tr. Sgualcire, spiegazzare: sta rrobba se nfrìzzula e nnu sse stira questa stoffa si sgualcisce e non si stira * intr. Intirizzire, raccogliersi strettamente per il freddo: se nde trasèra ca sta’ nfrezzulàanu rientrarono perché stavano intirizzendo. [da frìzzulu].

nfrezzulatieδδu (f. nfrezzulateδδa) agg. Infreddolito, un po' intirizzito.

nfrezzulatu agg. 1- Sgualcito * 2- Rattrappito per il freddo.
DE D. "Ah, Pietru, Pietru, dimme, ci eri tie / ulìi cu stai δδa ffore nfrezzulatu?" .

nfrezzulisçiare tr. e intr.; pres. nfrezzulìsçiu,… nfrezzulisçiamu, ecc.; p. rem. nfrezzulisçiài, ecc.; pp. nfrezzulisçiatu. V. anche nfrezzulare.

nfrezzulisçiatu agg. 1- Spiegazzato, grinzoso * 2- Rattrappito, intirizzito dal freddo.

nfricciare tr.; pres. nfrìcciu, ecc.; impf. nfricciàa, ecc.; p. rem. nfricciài, ecc.; pp. nfricciatu Spandere brecciolina per coprire la carreggiata della strada; riparare una via con pietrisco; imbrecciare. [da frìcciu].

nfricciata sf. Imbrecciata, imbrecciatura; acciottolatura.

nfricciatu agg. Coperto di brecciame; breccioso.

nfròttula (a -) avv. In frotta, a schiera, in gruppo; disordinatamente.

nfruenza sf. Influenza, malattia contagiosa: ui rruccàtiu senone bu ttaccu la nfruenza voi scostàtevi, altrimenti vi contagio l'influenza.

nfruenzatu agg. Ammalato di influenza.

nfucamientu, nfocamientu sm. Mancanza di respiro; soffocamento, soffocazione; asfissìa: morse te nfucamientu morì per deficienza respiratoria.

nfucare tr. e intr. rifl.; pres. nfocu, nfuechi, nfoca, nfucamu, ecc.; p. rem. nfucài, ecc.; pp. nfucatu * tr. 1- Affogare impedendo ad uno la respirazione: nu llu scannare: ete mègghiu ci lu nfuechi ntru nna limma d'àcqua non lo scannare: è meglio se lo affoghi in una bacinella piena di acqua * 2- Soffocare, strozzare: la nnicateδδa te nfucàa la pertosse ti soffocava; fose nfucatu pe ccanna fu strozzato * provv. Ci strafoca se nfoca colui che mangia con ingordigia si strozza § Ci màngia sulu se nfoca chi mangia da solo sòffoca * 3- Allagare, sommergere: l'àcqua nfucàu le parti te mera Porta San Biàggiu la pioggia allagò le zone nelle vicinanze di Porta S. Biagio * intr. rifl. Uccidersi gettandosi in acqua; morire per soffocamento.

nfucatu agg. 1- Affogato, sommerso; soffocato * modo di dire: stare nfucatu essere costretto in poco spazio; essere sommerso di lavori * 2- Cotto in umido: rapacàule nfucate cime di rape cotte in umido.

nfugghiare rifl.; pres. me nfògghiu, te nfuegghi, se nfògghia, ni nfugghiamu, ecc.; p. rem. me nfugghiài, ecc.; pp. nfugghiatu. Essere preso dalla libidine, eccitarsi sessualmente. [dall'it. fòia e infoiato].

nfulenìre intr.; pres. nfulenu, nfulieni, nfulena (anche nfuleniscu, nfulenisci, nfuleniscenfulenimu, ecc.; p rem. nfulenìi,… nfulenemmu, ecc.; pp. nfulenutu. Diventare di colore biondastro o rossastro; assumere il colore fulvo; prendere il colorito giallastro, proprio dell'ammalato di malaria o di chi è affetto di itterizia. [dal lecc. fùlenu].

nfumecare tr.; pres. nfùmecu, nfùmechi, nfùmeca, nfumecamu, ecc.; impf. nfumecàa, ecc,; p. rem. nfumecài, ecc.; pp. nfumecatu * 1- Affumicare * 2- Riempire di fumo. [lat. fumigare].

nfumecatu agg. 1- Affumicato: renghe nfumecate aringhe affumicate * 2- Invaso dal fumo: uecchi russi nfumecati occhi rossi irritati dal fumo.

nfumulare rifl. impers., usato solo nella 3a pers. sing.; pres. se nfùmula; impf. se nfumulàa; p. rem. se nfumulàu; pp. nfumulatu. Dell'atmosfera, offuscarsi; del calore, riverberarsi: lu celu se sta’ nfùmula il cielo si offusca; subbra allu ranu giallu se etìa ca l'aria se nfumulàa sopra la distesa di grano biondo si notava che l'aria riverberava. [da un incr. tra fumu e fùmulu].

nfumulata agg. Di pecora, cui cade la lana a ciocche. [da fùmulu, pappo].

nfumulatu agg. Caliginoso, offuscato.
DE D. nu sse còtula fronda e pare a st'ura / tuttu quantu lu celu nfumulatu.

nfurcare tr.; pres. nfurcu, nfurchi, nfurca, nfurcamu, ecc.; impf. nfurcàa, ecc.; p. rem. nfurcài, ecc.; pp. nfurcatu. Inforcare, prendere con la forca; infilzare e prendere con il tridente. [da furca].

nfurcaturu v. mmurcaturu.

nfurchiare tr.; pres. nfùrchiu,… nfurchiamu, ecc.; impf. nfurchiàa, ecc.; p. rem. nfurchiài, ecc.; pp. nfurchiatu * 1- Inforcare, tenere stretto tra le gambe: nfurchiàanu le pècure a una a una e lle tengìanu a ffrunte inforcavano le pecore una alla volta e le tingevano sulla fronte * 2- Separare gli agnelli dalle pecore e tenerli in un luogo ristretto per impedire loro di pascolare * rifl. Appartarsi, separarsi distaccandosi dagli altri; rintanarsi. [da furchia].

nfurchiatura sf. 1- Inforcatura, biforcazione * 2- Inguine; fondelli dei calzoni: ni menàu la manu alla nfurchiatura te l'anche e llu sulliàu pìsuli lo prese per l'inguine e lo sollevò leggero in aria.

nfurdecare tr.; pres. nfùrdecu, nfùrdechi, nfùrdeca, nfurdecamu, ecc.; impf. nfurdecàa,… nfurdecaàmu, ecc.; p. rem. nfurdecài,… nfurdecammu, ecc.; pp. nfurdecatu. Rimboccare; arrovesciare maniche, orli di sacchi, ecc.: te nfurdecasti li càusi e scendisti intra a llu parmientu ti rimboccasti i pantaloni e scendesti nel palmento; nfurdecàanu le fòtere e nci feccàanu li cuscini rimboccavano le fodere e vi infilavano i cuscini. [da nfùrdecu].
DE D. se nfurdecàu le razze e dde δδa luta / tantu nu pupu ccumenzàu a mpastare.

nfurdecatu agg. 1- Rimboccato: fanni ttruare li sacchi nfurdecati facci trovare i sacchi belli e pronti con gli orli rimboccati * 2- Sbracciato: mmesturàanu cu lle razze nfurdecate intrugliavano con le braccia scoperte.

nfùrdecu (pl. nfùrdechi) sm. Rimbocco fatto a un indumento: nu ffare nfùrdecu allu chesçiune non fare rimbocco al lenzuolo; doi nfùrdechi alle màneche due rimbocchi alle maniche * fig. Piega della ciccia in corrispondenza delle articolazioni nelle persone grasse: nnu piccinnu, benetica!, tuttu nfùrdechi un bambino, Dio lo benedica!, pieno di pieghe di ciccia qua e là.

nfurfisçiare tr.; pres. nfurfìsçiu, ecc.; impf. nfurfisçiàa, ecc.; p. rem. nfurfisçiài, ecc.; pp. nfurfisçiatu. Sforbiciare; tagliare malamente. [da fuèrfeci].

nfurfisçiata sf. Sforbiciata; taglio con le forbici eseguito male.

nfurgiare tr.; pres. nfòrgiu, nfuergi, nfòrgia, nfurgiamu, ecc.; p. rem. nfurgiài, ecc.; pp. nfurgiatu. Mettere ad arrovellare un pezzo di metallo nella forgia.

nfurma avv. A guisa, a mo' di…: tene la capu nfurma te pira ha la testa a forma di pera.

nfurmare tr.; pres. nfurmu,… nfurmamu, ecc.; p. rem. nfurmài, ecc.; pp. nfurmatu. Mettere nella forma, dare la forma voluta. [da furma].

nfurnapane sm. Pala del fornaio.

nfurnata sf. Infornata.

nfurra sf. Tela a trama larga, di poco costo, usata nelle imbottiture; cascame, sfilacciature di cotone. [da un incr. tra long. furha e it . forra].
Da c. p. Moi si' ddentata nna pezza te nfurra, / nna porta senza chiài, senza nzerràgghia.

nfurra nfurra sm. Calca; pigia pigia; serra serra.

nfurramientu sm. Affollamento; pigiamento di individui.

nfurrare tr.; pres. nfurru,… nfurramu, ecc.; p. rem. nfurrài, ecc.; pp. nfurratu. Ficcare alla rinfusa; cacciare dentro tutt'insieme * rifl. Intrufolarsi.
Da c. p. Me nfurru ntra lla gente a rrecetare, / apru la ucca e nnu ssàcciu cce ddire.

nfurrata sf. Pigiamento; immissione alla rinfusa, infornata.

nfurrature sf. pl. Rami fitti e coperti di eccessivo fogliame (tra i quali ci si può infilare e nascondere): e lli aceδδi ntra lle nfurrature ci li ite? e chi può vedere gli uccelli nascosti nel fitto fogliame?

nfursiunare rifl.; pres. me nfursionu,… ni nfursiunamu, ecc.; p. rem. me nfursiunài, ecc.; pp. nfursiunatu. Costiparsi, prendersi un raffreddore. [da fursione].

nfursiunatu agg. Costipato, raffreddato.

nfurterìre tr. e intr.; pres. nfurteriscu,… nfurterimu, ecc; p. rem. nfurterìi,… nfurteremmu, ecc.; pp. nfurterutu * tr. Rinforzare, rafforzare * intr. Diventare più resistente; temprarsi nel fisico.

nfurtunatu agg. Fortunato. V. furtunatu.

nfusare intr.; pres. nfusu,… nfusamu, ecc.; p. rem. nfusài, ecc.; pp. nfusatu. Crescere alto ma macilento; sperticare. [da fusu].

nfussu agg. Pregno d'acqua, inzuppato; impregnato di umidità; [da un incr. tra lat. infusus e fluxus].

nfusu1 agg. Sparso; diffuso, soffuso * sm. Infuso di erbe, decotto. [lat. infusus].

nfusu2 (f. nfosa) agg. Afoso e opprimente; soffocante per la calura o anche per la polvere: era nnu marìsçiu nfosu e sse sentìanu sulu le cecale sçhiδδare era un meriggio afoso e greve e si udivano solamente le cicale frinire; sçìanu alla mpete pe nna strata nfosa andavano a piedi per una strada soleggiata e polverosa.

nfusulare tr.; pres. nfùsulu,… nfusulamu, ecc.; p. rem. nfusulài, ecc.; pp. nfusulatu. Affusolare, attorcigliare dando la forma bislunga; [da fusu].

nfusulatu agg. 1- Affusolato, assottigliato * 2- Malamente attorcigliato per lungo * 3- Vestito in abito assai stretto e reso impacciato nei movimenti.

ngagghiare intr.; pres. ngàgghiu,… ngagghiamu, ecc.; impf. ngagghiàa,… ngagghiaàmu, ecc.; p. rem. ngagghiài,… ngagghiammu, ecc.; pp. ngagghiatu. Intasarsi nell'intestino. [da ngàgghiu].

ngàgghiu sm. 1- Incaglio, inceppamento, ostacolo * 2- Massa stitica formatasi nell'intestino. [dal gr. gànglion].

ngaleratu sm. Galeotto; malvivente, malavitoso. [dall'it. galera].

ngalla1 sf. Galla. V. galla1.

ngalla2 sf. Galla. V. caδδa.

ngallare (raro ngaδδare) tr. e intr.; pres. ngallu,… ngallamu, ecc.; p. rem. ngallài, ecc.; pp. ngallatu * tr. Gallare; fecondare, da parte del gallo, le uova della gallina * intr. Delle piante, coprirsi di galle causate da funghi o da punture di insetti.

ngallatu agg. Gallato, di uovo reso fecondo: sutta alla òccula mintu intunu oe ngallate te aδδu sotto la chioccia metto 21 uova gallate.

ngallettare rifl.; pres. me ngallettu, te ngallietti, se ngalletta, ni ngallettamu, ecc.; p. rem. me ngallettài, ecc.; pp. ngallettatu. Mangiare con gusto e con appetito. [da un comp. it. tra ingoiare e galletta].

ngammare tr.; pres. ngammu,… ngammamu, ecc.; p. rem. ngammài, ecc.; pp. ngammatu. Ingannare, prendere in giro.

ngannafete sm. e f. Ingannatore, ingannatrice; traditore, traditrice; infedele.

ngannamientu sm. Inganno; motivo di inganno; causa di errore.

ngannare tr.; pres. ngannu,… ngannamu, ecc.; p. rem. ngannài, ecc.; pp. ngannatu. Ingannare; tradire. [da ngannu].
Stornello:   Fiuru te canna, / nu ccrìtere alli detti te la donna, / prima te dice "t'amu" e poi te nganna!
Da c. p. Cquannanti nc'e' nn'amante e tte pretende, / la palora t'à ddata e nnu tte nganna.

ngannatore sm. Ingannatore * prov. Subbra allu ngannatore cate lu ngannu addosso all'ingannatore ricade l'inganno.

ngannu sm. Inganno * prov. Cu ll'arte e cu llu ngannu se campa mienzu annu, cu llu ngannu e cu ll'arte se campa l'àutra parte con il mestiere e con l'inganno si campa la prima metà dell'anno, con l'inganno e con l'arte si campa la rimanente parte.

ngarbamientu sm. Correttezza nel comportamento e ordine nella esecuzione: tuttu tene: beδδizzi, ngarbamienti e dota possiede tutto: belle forme, corretto comportamento e dote matrimoniale.

ngarbatazzu agg. Assai garbato.

ngarbatezza sf. Garbatezza; gusto dell'ordine, abitudine all'ordine.

ngarbatu agg. Garbato; corretto nei modi.

ngarbiżżare intr.; pres. ngarbiżżu,… ngarbiżżamu, ecc.; p. rem. ngarbiżżài, ecc.; pp. ngarbiżżatu. Garbare, riuscire gradito; essere simpatico: stu carusu me ngarbiżża questo giovane mi va a genio; nu mme ngarbiżżàra le itei toi non mi garbarono le tue idee. [dal lecc. carbu, garbu].
DE D. lu fici appuntu ca percé se truàa / mutu felice e nnu mme ngarbiżżàa.

ngarbugghiare tr.; pres. ngarbùgghiu, ecc. ; impf. ngarbugghiàa, ecc.; p. rem. ngarbugghiài, ecc.; pp. ngarbugghiatu. Ingarbugliare. [da un incr. tra it. gargagliare e bugliare].

ngarbùgghiu sm. Garbuglio, guazzabuglio, miscuglio.

ngarbulisçiare tr.; pres. ngarbulìsçiu, ecc.; impf. ngarbulisçiàa, ecc.; p. rem. ngarbulisçiài, ecc.; pp. ngarbulisçiatu. Mettere ordine alla meno peggio; eseguire più o meno bene; aggiustare alla bell'e meglio, raffazzonare. [da carbu, garbu].

ngarrare tr.; pres. ngarru,… ngarramu, ecc.; p. rem. ngarrài, ecc.; pp. ngarratu * 1- Colpire nel segno; trovare la soluzione giusta: speriamu ca ngarra la strata speriamo che riesca a trovare la via giusta; tantu face ca lu ngarra lu sistema tanto ci prova, che trova il giusto sistema * 2- Riuscire a fare per tentativi, indovinare a fare: an fine lu nniestu lu ngarràu finalmente riuscì a praticare l'innesto. Per il significato opposto v. scarrare.
D’AM. Tandu sia ca camini a notte scura, / de miδδi cose nu nde ngarri una,

ngattare tr.; pres. ngattu,… ngattamu, ecc.; impf. ngattàa, ecc.; p. rem. ngattài, ecc. ; pp. ngattatu. Poggiare in un luogo non troppo visibile; lasciare momentaneamente seminascosto: lu panaru lu ngattàu rretu allu ccale te lu puzzu poggiò il paniere dietro al parapetto del pozzo * rifl. Acquattarsi come un gatto. [dall'it. gatto incrociato con acquattare].

ngattatu agg. Acquattato, rannicchiato.

ngegna sf. Congegno, struttura complessa, quale poteva essere una macchina per sollevare l'acqua da un pozzo; nòria.

ngegneri, ngiegnieri sm. Ingegnere; costruttore.

ngegnu sm. * 1- Ingegno; intelligenza; astuzia fina * provv. Ogne suttile ngegnu ene te lu besegnu ogni sottile astuzia nasce dal bisogno § Entre china, ngegnu picca pancia satolla, poco ingegno * 2- Congegno, apparecchio complesso macchinario. [lat. ingenium].

ngegnusu agg. Ingegnoso, che sa trovare espedienti. [lat. ingeniosus].

Ngèleca, Ngeluzza pers. Angelica.

ngèleca (lett.) sf. Angelica selvatica, pianta con fusto molto alto (fino a 2 metri ) e fronde basali grandi tripennate; dalle foglie alte dello scapo escono ombrelle, le quali, a loro volta, sono formate da ombrellette che portano fiorellini bianchi; ha proprietà stimolanti ed espettoranti. V. anche nzìrnia.

ngeleppare tr.; pres. ngeleppu, ngelieppi, ngeleppa, ngeleppamu, ecc.; p. rem. ngeleppài, ecc.; pp. ngeleppatu. Sciroppare. [dal lecc. geleppu].

ngenitare (lett.) tr.; pres. ngènitu, ngièniti, ngènita, ngenitamu, ecc.; p. rem. ngenitài, ecc.; pp. ngenitatu. Generare: la Ergine Marìa ngenitàu Gesù Mamminu pe òpera e virtù te lu Spiretusantu. [dal lat. ingenerare]. V. ccattare.

ngenucchiare v. genucchiare.

ngenucchiaturu sm. Inginocchiatoio.

ngènuu agg. Ingenuo; sempliciotto. [lat. ingenuus].

ngèngali, ngèngalu sm. Imbecille; sciocco, tonto.

nghippu sm. Inghippo, intoppo; ostacolo imprevisto.

ngialenìre intr.; pres. ngialeniscu,… ngialenimu, ecc.; p. rem. ngialenìi,… ngialenemmu, ecc.; pp. ngialenutu * 1- Ingiallire, assumere uno sgradevole colore giallo * 2- Impallidire; assumere un colorito giallastro in seguito ad anemia, a itterizia od anche a malanimo. [da un incr. lecc. tra ngiallire e sçiàlenu].

ngialenutu, ngalenutu agg. 1- Ingiallito sgradevolmente: le fronde ngialenute ni rrecòrdanu lu state ca à spicciatu le fronde ingiallite ci ricordano che l'estate è finita * 2- Anemico, itterico, quindi deperito: la facce ngialenuta te malària il viso giallastro della malaria; se ite te l'ecchi ca ete ngialenutu si nota dagli occhi gialli che è itterico * 3- Dalla faccia giallastra, di colorito giallo, il colore della cattiveria e della malignità: brutti ngialenuti, facìtiu li cazzi uesci brutte facce gialle, brutti maligni, fàtevi gli affari vostri.
Da c. p. se àe uantandu ca soa dota è llesta: / maritu nu nde troa la ngialenuta!

ngiallire (neol.) intr.; pres. ngialliscu,… ngiallimu, ecc.; p. rem. ngiallìi,… ngiallemmu, ecc.; pp. ngiallutu. Ingiallire. V. anche ngialenìre.

Ngiccu, Chiccu, Chicchinu, Checcu pers. Francesco. V. Frangiscu.

disegno
ngiδδa

ngiδδa sf. Anguilla. [dal lat. (a)ng(u)illa, ll>δδ].

ngiδδare intr.; pres. ngiδδu,… ngiδδamu, ecc.; p. rem. ngiδδài, ecc.; pp. ngiδδatu. Della campana, squillare, rintoccare.

ngina sf. Angina, acuto dolore al petto.

ngissare tr.; pres. ngissu,… ngissamu, ecc.; p. rem. ngissài, ecc.; pp. ngissatu. Ingessare, avvolgere in bende gessate o unte di bianco d'uovo.

ngissatu agg. Avvolto in fasce gessate e reso rigido: stae cu nn'anca ngissata sta con una gamba ingessata. [da gissu].

ngissatura sf. Ingessatura di un arto.

ngiurare tr.; pres. ngiuru,… ngiuramu, ecc.; p. rem. ngiurài, ecc.; pp. ngiuratu. Ingiuriare; chiamare con epiteti offensivi; fare boccacce schernendo: lu ngiùranu Pezzanculu lo ingiurano 'pezze al sedere'; mamma, me sta’ ngiura pitetìcchiu mamma, mi chiama 'piccolo peto' * rifl. Soprannominarsi: la razza te mama se ngiuràa 'Pagghiara' la stirpe di mia madre era soprannominata 'Pagliaio'. [lat. iniuriare].

ngiuru sm. 1- Ingiuria; offesa: ièu li ngiuri nu mme li tegnu io le offese non le accetto e le ricambio * 2- Soprannome di famiglia, nomignolo personale bonariamente accettato: a lli paìsi tutti tenìanu lu ngiuru loru nei paesi ogni abitante aveva il proprio soprannome; tutti se canùscenu te li ngiuri tutti si riconoscono dai nomignoli.

ngordu agg. Ingordo, avido. [lat. gurdus]. V. pure ngurdiusu.

ngranare intr.; pres. ngranu,… ngranamu, ecc.; p. rem. ngranài, ecc.; pp. ngranatu * 1- Di pezzi meccanici, ingranare, incastrarsi * 2- fig. Avviarsi in modo soddisfacente in una attività * 3- fig. Di frutti, diventare granuloso per completa maturazione.

ngranatu agg. 1- Ingranato * 2- Granuloso: sargeniscu russu, ngranatu e mmutu sapuritu anguria con polpa rossa, granulosa e assai gustosa.

ngrandìre (lett.) tr. e intr.; pres. ngrandiscu,… ngrandimu, ecc.; p. rem. ngrandìi,… ngrandemmu, ecc.; pp. ngrandutu * tr. Ingrandire, allargare, ampliare: sta’ ffazzu ngrandìre la suppinna faccio ingrandire la soffitta; le ùmbrie ngrandìanu la paura le ombre ingrandivano la paura * intr. Crescere di dimensioni: lu paìse ngrandisce te nn'annu cu ll'àutru il paese si ingrandisce di anno in anno. V. llargare.

ngrangulare (lett.) intr.; pres. ngràngulu,… ngrangulamu, ecc.; p. rem. ngrangulài, ecc.; pp. ngrangulatu. Battere i denti per il freddo o per la paura; digrignare, arrotare i denti per rabbia. [dall'it. gragnolare, dal rumore della grandine che cade]. V. il più comune tremulare.

ngrappare intr.; pres. ngrappu,… ngrappamu, ecc.; p. rem. ngrappài, ecc.; pp. ngrappatu. Produrre grappoli in quantità: li ceppuni sta’ ngràppanu le viti stanno facendo molti grappoli; lu mìgghiu à ngrappatu il miglio ha formato la spiga. [dal lecc. rappa]. Per il contrario v. sgrappare.

ngrassare tr. e intr.; pres. ngrassu,… ngrassamu, ecc.; p. rem. ngrassài, ecc.; pp. ngrassatu * tr. 1- Far diventare più grasso * prov. L'ècchiu te lu patrunu ngrassa lu caδδu la sorveglianza del padrone fa ingrassare il cavallo * 2- Ungere di grasso: ngrassàu l'assu te lu traìnu unse di grasso l'assale del carro * intr. Diventare più grasso * prov. Ci cagnìsçia nu ngrassa chi fa lo schifiltoso non ingrassa. [da rassu].

ngrassatu agg. 1- Ingrassato, irrobustito * 2- Unto di grasso.

ngràtesi avv. Gratis, gratuitamente. [dal lat. gratiis>gratis].
DE D. Pe nui cchiù randi poi nc'ete la cunfessione / ca la facimu a ngràtesi,…

ngratitùtene, ngratetùtine sf. Ingratitudine: lu cchiù' bbruttu ìzziu ete la ngratitùtene la pecca più grave è l'ingratitudine. [lat. ingratitudo -inis].

ngratu agg. Ingrato, irriconoscente. [lat. ingratus].

ngraziamientu, ngraziamentu sm. Ringraziamento.

ngrazziatìcchiu agg. Carino; alquanto bello, non proprio bello. [dim. di ngraziatu].

ngrazziatieδδu agg. Alquanto grazioso; bellino, carino. [altro dim. di ngraziatu].

ngrazziatu agg. Aggraziato, grazioso, carino e simpatico: δδa caruseδδa se sta’ fface ngrazziata comu a mmàmmasa quella fanciulla si sta facendo graziosa come sua madre.
Da c. p. Te intra nc'e' llu sule cu ddo' stelle, / do' caruseδδe d'oru ssai ngrazziate,

ngriccare rifl.; pres. me ngriccu, te ngricchi, se ngricca, ni ngriccamu, ecc.; p. rem. me ngriccài, ecc.; pp. ngriccatu. Inebriarsi e manifestare esuberante vivacità; andare in fantasia: se ngriccàra e ccriàra tanta llecrìa a ddu prima nc'era murtòriu diventarono alticci e crearono tanta allegria dove prima era mortorio. [da ngriccu].

ngriccu sm. Ebbrezza; allegria alquanto incomposta, euforia. [dallo slavo krikka, strepito].

ngriccusu agg. Euforico; alticcio e allegro; propenso a ubriacarsi.

ngrillare1 intr. e tr.; pres. ngrillu,… ngrillamu, ecc.; impf. ngrillàa, ecc.; p. rem. ngrillài, ecc.; pp. ngrillatu. Mirare a un bersaglio; prendere di mira: cu lla iùndula ngrillàu a nnu pàssaru (oppure: ngrillàu lu pàssaru) mma nu llu còse con la fionda mirò ad un passero ma non lo colpì * modo di dire: ngrillare l'aceδδu e pigghiare lu cane mirare all'uccello e colpire il cane, prendere un abbaglio.
DE D. De unu ca stia de coste strappa l'arcu, / ngrilla, ni mira, lu pìgghia, lu ccite.

ngrillare2 tr. Vestire con la massima attenzione e ricercatezza; agghindare: aìi butu bìtere comu ìa ngrillate δδe mmurfiuse te fìgghie avresti dovuto vedere come aveva agghindato quelle smorfiose di figliole * rifl. Vestirsi e ammirarsi davanti allo specchio: ae nn'ura ci se sta’ ngrilla è già un'ora che fa toeletta. [dall'it. grillo, capriccio].

ngrillatu agg. Abbigliato, ornato in modo ricercato.

ngrugnatu agg. Imbronciato, immusonito.

ngrugnu agg. Scontroso, insofferente di attenzioni; musone e scostante * sm. 1- Broncio; scontrosità, scontrosaggine: stìa cu llu ngrugnu stava con il broncio * 2- Persona immusonita e scontrosa. [it. grugno]. Filastrocca:   Santa Cesira me mina nna pira, / nna pira pirazza, nnu cagnu e nna cazza, / nna mazza, nnu cugnu e nnu milu cutugnu, / cu ffazza mme passa, mme passa stu ngrugnu.

ngrugnusu agg. Ingrugnito, grugnone; immusonito, imbronciato.

ngrummare (lett.) rifl.; pres. me ngrummu,… ni ngrummamu, ecc.; impf. ngrummàa, ecc.; p. rem. me ngrummài, ecc.; pp. ngrummatu. Coagularsi, incrostarsi, raggrumarsi. V. cuagghiare, ncrustare.

ngrummatu (lett.) agg. Assai incrostato.

ngrussare intr.; pres. ngrossu, ngruessi, ngrossa, ngrussamu, ecc.; p. rem. ngrussài, ecc.; pp. ngrussatu. Ingrossarsi, aumentare di volume: ni sta’ ngrossa la capu gli si sta ingrossando la testa; nde ccose le cucuzze, ca sta’ ngrussàanu mutu raccolse gli zucchini, che stavano diventando troppo grossi.

nguàcchiu sm. Macchia di sporco. V. anche nquàcchiu.

ngucciulare rifl.; pres. me ngùcciulu,… ni ngucciulamu, ecc.; impf. me ngucciulàa, ecc.; p. rem. me ngucciulài, ecc.; pp. ngucciulatu. Accucciarsi, accosciarsi (non confondere con 'ncucciulare').

nguaiare tr.; pres. nguàiu, ecc.; impf. nguaiàa, ecc.; p. rem. nguaiài, ecc.; pp. nguaiatu. Inguaiare, mettere in gravi difficoltà. [dall'it. guaio].

nguaiatu agg. Inguaiato, messo in una situazione dannosa.

nguentu, uentu sm. Unguento, pomata medicamentosa. [lat. unguentum].

nguerciare tr. e intr.; pres. nguèrciu, ecc.; impf. nguerciàa, ecc.; p. rem. nguerciài, ecc.; pp. nguerciatu * tr. Accecare di un occhio * intr. Perdere un occhio e diventare guercio.

nguilla (neol.) sf. Anguilla. V. ngiδδa.

nguinàgghia sf. Inguinaia, inguine.

ngulare tr. e intr.; pres. ngulu,… ngulamu, ecc.; p. rem. ngulài, ecc.; pp. ngulatu * tr. Allettare e avvezzare mediante ricompenze; cattivarsi: cu ttaraδδuzzi e ccaramelle ngulàa li uagnunceδδi con tarallucci e caramelle allettava i ragazzini * intr. Fare l'abitudine a gustare cose gradite o a compiere cose piacevoli; essere ben disposti a ripetere una piacevole esperienza: aìmu ngulati alle llecrecere abbiamo fatto l'abitudine alle cenette tra amici. [lat. med. iugulare, prendere per la gola].

ngulu sm. Allettamento; abitudine a ricevere ricompense.

ngulusu agg. Allettante; gradevole.

ngunìa sf. Agonia: (De Dominicis) agn'asçiu è mmorte, è straziu, ete ngunìa ovunque è morte, è strazio, è agonia. V. pure ùrtima ngunìa.

ngurciare tr. e intr.; pres. ngùrciu, ecc.; impf. ngurciàa, ecc.; p. rem. ngurciài, ecc.; pp. ngurciatu. Rendere guercio; diventare guercio. V. nguerciare.

ngurdeziusu agg. Ingordo, ghiotto, golosissimo.

ngurdìggia, ngurdìzia sf. Ingordigia, avidità, cupidigia.

ngurdiusu agg. Ingordo, avido, ghiotto. [dal lat. gurdus].

ngurfare (lett.) tr.; pres. ngorfu, nguerfi, ngorfa, ngurfamu, ecc.; p. rem. ngurfài, ecc.; pp. ngurfatu. Ingolfare, mettere in una situazione intricata; immergere: ngurfàu li siri soi ntra lli tièbbeti immerse i suoi genitori nei debiti * rifl. Ingolfarsi in numerosi affari. V. mbrigghiare.

ni, nni 1- pron. di 3ª pers. sing. A lui, gli, a lei, le: ni fici nnu carizzu gli (a lui) feci una carezza; a iδδa ni piace e nni lu dàu le (a lei) piace e glielo do; chiamài la nepute e nni rrecalài nna quattrusordi chiamai la nipote e le regalai un ventino; nni la ticu ièu (secondo il contesto) a lui, a lei, a loro lo dirò io * anche in pos. encl.: llèani la iùndula tògligli la fionda; ci ene nòrama, danni ccenca ole se viene mia nuora, dalle ciò che desidera * 2- pron. di 1ª pers. pl. A noi, ce, ci: ni presçiammu ca ni tisse "brau" ci rallegrammo che disse "bravi" a noi; tra de nui ni ulimu mutu bene tra noi ci vogliamo un gran bene; ni nde sta’ presçiamu ce ne rallegriamo * anche in pos. encl.: cutìmuni la banda godiamoci la musica della banda; sciàmuninde zzeccate pe mmanu andiamocene prese per mano * 3- pron. di 3ª pers. pl. A loro, ad essi, ad esse: ni strinsi la manu e lli salutài strinsi loro la mano e li salutai; ni tisse cu ba' ffatìanu disse ad essi di andare a lavorare; le idde e nni fice segnu le scorse e fece ad esse un segno * anche in pos. encl.: dànni nna feδδa te melune petunu dai ad essi una fetta di melone ciascuno; pore cristiane, facìtini la lemòsena povere donne, fate loro l'elemosina.

nicare, nnicare, nniare intr. impers.; pres. nica (nnia) ; impf. nicàa (nniàa) ; p. rem. nicàu (nniàu) ; pp. nicatu (nniatu) . Nevicare. [dall'it. ant. nica, neve, e dal lecc. nie].

nicchiàrecu (pl. nicchiàrechi) agg. Di podere, incolto, non lavorato: la chiesura, pe cquannu, la lassu nicchiàreca il fondo, per quest'anno, lo lascio incolto * sm. Terreno lasciato incolto per una annata: ntra llu nicchiàrecu le pècure ponnu trasìre le pecore possono entrare nel campo lasciato incolto. [dal lat. volg. nidiculare, l'agg. niclaricus, cl>cchi].

nicci avv. Niente. V. nizzi.

Nicu, Niculinu, Niccu, Nniccu pers. Nicola.

niculìbbriu sm. Equilibrio.

niculìzia sf. Liquirizia.

nicutina (lett.) sf. Nicotina, il velenoso prodotto della combustione del tabacco. [da J. Nicot, che per primo introdusse in Europa la pianta del tabacco]. V. tàrtaru.

nidu sm. Nido. V. nitu.

nie sf. 1- Neve * provv. Sutta all'àcqua fame, sutta alla nie pane sotto la pioggia persistente c'è fame, sotto la neve c'è pane § Allu squagghiare te la nie pàrenu li strunzi allo sciogliersi della neve si notano gli stronzi (quando svaniscono le apparenze, vien fuori la sporca realtà) * 2- fig. Forma di monilìasi, che nei neonati si presenta in placche bianche (mughetto), che cilpiscono la mucosa della bocca.
LEONE Tuttu è gelu e la nie cate, la nie… / sulu ièu, sulu ièu sentu lu core / de lu fuecu d'amore cunsumare,

nieδδiceδδu sl. Anellino, cerchietto. [dim. di nieδδu].

nieδδu sm. Anello: nieδδu te oru, te sposa anello di oro, da sposa; li nieδδi te la catina gli anelli della catena; lu nieδδu te lu eδδicu l'anello dell'ombelico; li nieδδi te lu sçiùu gli anelli del giogo. [lat. anulus, dim. (a)nellu(s), e>ie, ll>δδ]. Indovinello: Bonsignore lu porta ruessu / subbra a pelle, carne e uessu, / e pe ccomu caru lu tene / tutta la notte a mmanu lu tene.

nienti, nienzi sm. indecl. Niente, nessuna cosa; qualche cosa, alcunché: nienti lu ferma nessuna cosa lo ferma; nienti ni manca niente ci manca; uèi nienti? desideri qualcosa?; se ccuntenta te nienzi si accontenta di niente; nisciunu face nienti pe nnienti nessuno fa alcunché senza tornaconto * avv. Niente, nulla, alcunché: nu mbalìa nienti non valeva nulla; nu mme piace pe nnienzi non mi piace per niente. [it. ant. neente].
Da c. p. A mmie te nd'ìeni, bruttu te li amanti, / e buèi tte nzuri senza ttieni nienti?

nientimenu, nienti te menu avv. Nientemeno: alla mpete sçera rriàra nientimenu a Santu Ronzu te fore a piedi giunsero nientemeno a S. Oronzo fuori le mura.

niervi sm. pl. Nevrastenìa: cce stai cu lli niervi osçe? te pòtenu passare li niervi ci tieni! sei nervoso oggi? ti puoi far passare la nevrastenìa che tu hai!

nierviceδδu sm. Nervetto. [dim. del lecc. niervu].

niervu sm. 1- Nervo, nerbo, tèndine: me sentu terare stu niervu mi sento tirare questo nervo; me tole lu niervu te lu pete mi fa male il tèndine * sm. pl. Nervosismo, irritabilità: me ènenu li niervi cu lla ìsçiu cussì ndugghiusa mi viene il nervosismo nel vederla così trasandata e sciatta * 2- Pene. [dal lat. nervus].

nièspulu sm. L'albero del nespolo. [lat. mespilum]. V. nèspula.

nifurmare rifl.; pres. me niformu, te nifuermi, se niforma, ni nifurmamu, ecc.; p. rem. me nifurmài, ecc.; pp. nifurmatu. Uniformarsi.

nìgghia sf. 1- Nebbia * prov. Nìgghia àscia, buenu tiempu lassa nebbia bassa buon tempo lascia * 2- Micosi, nebbia delle piante: la nìgghia à ffattu ngialenìre le fronde la micosi ha fatto ingiallire le fronde. [dal lat. nica, il dim. nìcula>nicla, cl>gghi].
DE D. Arde comu durmendu ogne lampiune / ntru la nìgghia pesante cennerina.

Nìggiu, Niggi pers. Dionigio, Dionisio.

Nina, Ninetta, Nnetta pers. Anna.

nina, ninella sf. Ragazzina cara e affettuosa. Cantilena:   Nina, ninella, nina, / ncanna puerti nna catina, / fatta tutta te perle ianche, / comu fìgghia te resçina.

ninna sf. vezzeggiativo 1- Bimba affettuosa: cce ssi' bbeδδa, ninna mia! quanto sei bella, bimba mia! * 2- Pupilla dell'occhio, la cosa più cara.

ninna nanna sf. Ninnananna, cantilena monotona che si sussurra al bambino per conciliargli il sonno. Ninnananna:   Ninna nanna, ninna nanna, / all'uecchi sennu, all'uccuzza manna; / ninna nanna, nanna dicu, / prima te asu e ppoi te beneticu; / ninna nanna, nanna sia, / mme lu ddurmisci Tie, Matonna mia.

ninneδδa, ninnareδδa sf. Bimbetta.

ninnella sf. Ragazzina, signorinella; bambina amata. Ninnananna:   Ninna ninnella, ninna ninnareδδa, / lu lupu se mangiàu la pecureδδa,
Da c. p.
Quandu te llai la facce la matina, / l'àcqua, ninnella mia, nu lla menare,

ninni sm. e f. Nini, nino, bimbo; nina, bimba. Cantilena:   Ninni, ninni, ninu, / menta, zànzecu e petrusinu; / la mamma sente la ndore / de luntanu e de vecinu.

ninnisçiare tr.; pres. ninnìsçiu, ecc. ; impf. ninnisçiàa, ecc.; p. rem. ninnisçiàai, ecc.; pp. ninnisçiatu. Cullare tra le braccia accompagnandosi con un'adeguata nenia. [dal lecc. ninni incr. con it. ninnare + suff. iter. -sçiare].

nìnnulu, ninnu sm. 1- Ninnolo, cosettina: s'à mmisi tanti nìnnuli a ncapu e a mpiettu si è messi tanti ninnoli tra i capelli e sul petto * 2- Pupilla dell'occhio: nnu nziδδu te càuce ni stutàu lu nìnnulu una stilla di calce gli spense la pupilla; li ninni te l'uecchi musciàanu lu prièsçiu ci tenìa a ncuerpu le pupille mostravano la gioia che aveva in seno.

Ninu, Ninuzzu, Ninì pers. derivato da qualsiasi nome di persona reso diminutivo: (Anto)nino, (Gaeta)nino, (Giovan)nino, ed anche Ni(coli)no, (Raffae)lino, ecc.

ninu sm. (f. nina) vezzeggiativo confidenziale che gli anziani rivolgono ai ragazzi, quando non ne conoscono il nome: ei, ninu, me ba' ccatti li pòsperi? ehi, ragazzo, mi vai a comprare i fiammiferi?; sorta rande, nina! buona fortuna, cara!

ninuninà avv. Assai lentamente, adagio adagio, passo passo: se nde sta’ ttòrnanu ninuninà ritornano a passi lenti; nu tte la pigghiare a nninuninà, sai? non te la prendere alle calende greche, capito?

nisciunu pron. e agg. indefinito. Nessuno: nisciunu me ole bene nessuno mi vuol bene; ièu nu ccrìsçiu a nnisciunu io non credo a nessuno; nisciuna te ste caruse ae alla spica nessuna di queste giovani va a spigolare. [dal lat. ne ipse unus]. V. pure nuδδu.
DE D. Nu nc'era nula a ncelu e poi nisciuna / ala te ienticeδδu se sentìa.

nisulatu sm. Solitario, che preferisce condurre un'esistenza riservata e appartata. [da n(u)isulatu].

nitu, nidu sm. (pl. m. niti; pl. f. nìture). Nido: nitu te aceδδi, te api, te furmìcule, te surgi nido di uccelli, alveare, formicaio, tana di sorci; le cucugghiate fàcenu le nìture ntra llu restùcciu le allodole capellute costruiscono i loro nidi tra le stoppie * fig. Pube. [lat. nidus].
Da c. p. Beδδa, all'àrveru tou nc'ete nnu nitu: / ulìa cu bìsçiu comu stae nfrascatu; / sienti sta rrita comu nnu caìnu, / stae mmienzu do' culonne rreparatu. / Sçiamu, mure mia, sçiamu betimu / comu ete l'aceδδuzzu ci nci à nnatu!

nìtulu sm. Uovo di pietra, che si lascia nella paglia per attirarvi le galline a deporvi accanto le uova. [lat. nidus, lat. volg. dim. nidulus].

nìuru sm. e agg. Nero: il colore nero, di colore nero: lu nìuru te lu tezzune stutatu il nero del tizzone spento; nìuru comu lu nchiostu nero come l’inchiostro; àrveru te fiche nìure albero di fichi neri; lu nìuru a ttie nu tte pròpiu cummene il colore nero non ti si addice affatto. [dal lat. nigrum].
Da c. p. Si' nnìura cchiùi de rùmmula te màcchia, / si' rretecata cchiùi de ulìa matura, / mmacàri ca te stiri e cca te ddàcqui, / sempre si' nnìura e brutta te natura!

niurufumu sm. 1- Fuliggine dei camini: se tengìu li mustazzi cu llu niurufumu tinse i mustacchi con la fuliggine * 2- Carbonchio dei cereali: suntu cchiùi le spiche te niurufumu cca de ranu sono più numerose le spighe di carbonchio che quelle di grano * 3- Il colore nero sfumato, fumè.

niurumaru (f. niuramara) agg. Qualità di uva nera, da cui si ricava un vino forte e aspro.

niversale, niersale agg. Universale. [lat. universalis].

niversu sm. Universo, il mondo intero. [dal lat. universus, la -u iniziale si stacca e si fonde con l’art. lu: lu (u)niversu>lu niversu].

nizzi avv. Proprio niente; nulla affatto; proprio no: a bui nizzi e sambu a voi proprio niente e zitti!; nizzi à rrumastu nulla affatto è avanzato. [dal lat. nihil, lat. volg. nichil].

nizzu sm. Dente di stagno o altro indice, che funge da segno nelle misure di capacità: la putiara nu fface rriare l’uègghiu mancu fena a llu nizzu la bottegaia non fa arrivare il livello dell’olio neppure al dentino, al segno prestabilito. [dal lat. nixus].

nna1 art. indeterminativo fem. Una: à buta nna brutta sorte ha avuto un brutto destino; fose nna nunna scanusciuta ca nna fiata me tese nna beuta d'àcqua te cisterna fu una donna sconosciuta che una volta mi offrì una bevuta d'acqua di cisterna; nna mamma ete sempre mamma una madre è sempre una madre. V. nnu1.

nna2 agg. numerale fem. Una, una sola: nna mila a ttie, nna pira a mmie e doi cerase a iδδu una mela a te, una pera a me e due ciliege a lui; pe nna fiata ci scarrài? per una sola volta che errài?; nna carusa egna cu mmie, l'àutre cu rrumàgnanu a ddu stanu una ragazza venga con me, le altre rimangano dove sono. V. nnu2.

nnàccaru sm. Nacchera, ciascuna delle due castagnette: macàri ca ni seni li nnàccari! è del tutto inutile che batti le nàcchere per lei. [dall'arabo naqqara].

nnacetìre intr.; pres. nnacetiscu,… nnacetimu, ecc.; p. rem. nnacetìi,… nnacetemmu, ecc.; imper. nnacetisci, nnacetiti; pp. nnacetutu. Inacidire; irrancidire: te state lu latte dopu do' giurni nnacetisce d'estate il latte dopo due giorni inacidisce; li maccarruni rrumasti cu llu càutu ànu nnacetuti i maccheroni rimasti con il caldo sono irranciditi * fig. Inasprire il proprio carattere, diventare scorbutico: striu, cce sta’ nnacetisci pe ccasu? ragazzo, che stai diventando impertinente per caso? [da àcetu].

nnacetutu agg. Inacidito, acido, rancido * fig. Aspro e stizzoso, scorbutico: suntu doi ecchi nnacetuti sono due vecchi inaciditi.

nnacquarisçiare tr.; pres. nnacquarìsçiu, ecc.; impf. nnacquarisçiàa, ecc.; p. rem. nnacquarisçiài, ecc.; pp. nnacquarisçiatu. Annacquare, diluire sgradevolmente con troppa acqua. [dal lat. in-aquare incr. con lecc. ddacquare + suff. intens. -sçiare].

nnacquarisçiatu agg. Annacquato, mescolato con troppa acqua; troppo brodoso.

nnafrecare tr.; pres. nnàfrecu, nnàfrechi, nnàfreca, nnafrecamu, ecc.; impf. nnafrecàa, ecc.; p. rem. nnafrecài, ecc.; pp. nnafrecatu. Eseguire con l'ago un'orlatura ad un panno. [da nnàfrecu].

nnafrecatu agg. Impunturato, fornito di orlo cucito per evitare lo sfilacciamento: servietti nnafrecati ma senza puntu a ggiornu tovaglioli con l'orlo cucito ma senza ricamo a punto a giorno.

nnàfrecu sm. Orlatura eseguita con l'ago, ripiegando un poco il lembo del tessuto.

nnamurare rifl.; pres. me nnamoru, te nnamueri, se nnamora, ni nnamuramu, ecc.; p. rem. me nnamurài, ecc.; pp. nnamuratu. Innamorarsi: ppena idde la Tora , se nde nnamuràu appena vide Salvatora, se ne innamorò; lu sta’ uanti tantu, ca me nde sta’ ffaci nnamurare lo stai vantando tanto, che me ne stai facendo innamorare * prov. Ci tardu se nnamora, tardu se nzura chi si innamora tardi, a tarda età si ammoglia. [dal lecc. amure, amore, more].
LEONE   Te puezzi nnamurare de lu sule / e cu te pozza δδ'amore brusçiare.

nnamuratiscu agg. Corteggiatore innamorato; damerino galante.

nnamuratizzu agg. Facile a innamorarsi di parecchie persone.

nnamuratu agg. Innamorato, appassionato * sm. 1- Fidanzato * 2- Amante * prov. La mugghiere llaa li panni, la nnamurata ssutta li panni e lli carni la moglie lava i panni, l'amante prosciuga le energie e gli averi.
Da c. p. Te cìnque cose toi su' nnamuratu: / la bianca canna, lu ndìlecu piettu, / l'uecchi, le minne e nasu mprufelatu.
Da c. p. E ttie, ca si' llu fiuru te le beδδe, / mancu puèi stare senza nnamuratu.

nnanti, nnanzi avv. Innanzi; davanti. V. anche nanti.
Da c. p. Nna sula fiata cu tte pozzu asare / e ppoi cu mmueru nnanzi a ttie presente!

nnantipròsemu sm. Presentimento; istinto di previsione, intuizione.

nnargentare tr.; pres. nnargentu, nnargienti, nnargenta, nnargentamu, ecc.; p. rem. nnargentài, ecc.; pp. nnargentatu * 1- Inargentare * 2- Conferire riflessi metallici chiari: la luna nnargentàa le strate e lle curti la luna inargentava le vie e i cortili. [dal lecc. argentu].

nnargentatu agg. 1- Inargentato: catina filu te argentu ma nnargentata collanina non di argento puro ma inargentata * 2- Di un biancore soave: lu mare pare nnargentatu il mare appare inargentato; erve nnargentate te acquatina erbe inargentate di rugiada.
DE D. E allu cchiù notte tutta nnargentata / la facce te la luna cumparìu,

nnargiare tr. e intr.; pres. nnàrgiu, ecc.; impf. nnargiàa, ecc.; p. rem. nnargiài, ecc.; pp. nnargiatu. Marinare disertando i propri còmpiti: me ene biri cu nnàrgiu la fatìa mi viene voglia di marinare il lavoro.
DE D.   L'angelieδδi nnargiànu la lezione / e lle pinne ca aìanu se sçiucànu.

nnargiatura sf. Assenza ingiustificata.

nnargiaturu sm. Uno abituato a marinare. [da nnargiatu + suff. di mest. -uru].

nnasare tr.; pres. nnasu,… nnasamu, ecc.; p. rem. nnasài, ecc.; pp. nnasatu. Annusare, fiutare, odorare * fig. Presentire, subodorare. [da nasu].

nnasçare tr.; pres. nnasçu, nnasçhi, nnasça, nnasçamu, ecc.; p. rem. nnasçài, ecc.; pp. nnasçatu * 1- Annusare con la 'nasça', quasi strofinandovi il naso * 2- Intonacare, spalmare la calce. [dal lecc. nasça, faccia, facciata].

nnasçata sf. Spalmata di intonaco su una parete.

nnasçatu (raro nnasçu) sm. Intonacatura; strato di intonaco; superficie intonacata.

nnasprare tr.; pres. nnaspru,… nnaspramu, ecc.; p. rem. nnasprài, ecc.; pp. nnaspratu. Glassare, rivestire di uno strato di zucchero.

nnaspru sm. Glassa, una specie di gelatina a base di zucchero, adoperata per rivestire dolciumi.

nnastare tr.; pres. nnastu,… nnastamu, ecc.; p. rem. nnastài, ecc.; pp. nnastatu * 1- Porre, applicare in asta: te la festa te li catuti se nn'àstanu le bandere in ricorrenza dei caduti in guerra si ìssano le bandiere * 2- Approntare; creare: lu sìndecu ìa nnastatu nnu durmetòriu prùbbecu il sindaco aveva approntato un dormitorio pubblico; nun ete tiempu cu nnastati nnu fìgghiu, a? non è tempo che generiate un figlio? * 3- Improvvisare: comu rraggiati nnastara nnu cantu te sdegnu come arrabbiati improvvisarono un canto di sdegno a botta e risposta. [da asta].

nnata sf. Annata; raccolto: nc'ete nnate bone e nnate fiacche, sta nnata à stata cussì e ccussì ci sono annate buone e annate cattive, quest'ultima è stata così e così * modo di dire: amicu miu curtese, comu ete la nnata ni facimu le spese amico mio cortese, secondo i redditi dell'annata ci regoliamo nelle spese * prov. Ci ulìmu nna bona nnata, Natale ssuttu e Pasca mmuddata se vogliamo un raccolto abbondante, (auguriamoci) un Natale asciutto e una Pasqua piovosa.

nnatare intr.; pres. nnatu,… nnatamu, ecc; p. rem. nnatài, ecc.; pp. nnatatu. Nuotare: ntru llu lacquaru nci nnatàanu le ranòcchiule nell'invaso di campagna nuotavano le rane; nu ssapimu nnatare non sappiamo nuotare * modo di dire: nnatare comu nnu chiummu mantenersi a galla come un pezzo di piombo. [lat. natare].

nnatata sf. Nuotata, traversata a nuoto: fìcemu nna nnatata te lu scògghiu te lu Sale alla spiàggia te le Marange compimmo una nuotata dallo scoglio del 'Sale' alla spiaggia delle 'Marange'.

nnaucurare tr.; pres. nnàucuru,… nnaucuramu, ecc.; p. rem. nnaucurài, ecc.; pp. nnaucuratu. Inaugurare.

nnazzecare tr. e intr.; pres. nnàzzecu, nnàzzechi, nnàzzeca, nnazzecamu, ecc.; p. rem. nnazzecài, ecc.; pp. nnazzecatu * tr. Cullare dondolando la naca * intr. 1- Ondeggiare: la barca sçìa nnazzecandu susu allu mare pràcetu la barca ondeggiava sul mare placido * 2- Camminare barcollando, vacillare ripetutamente * 3- fig. Essere indeciso e incerto, titubare. [da un incr. tra gr. nàhé, arabo naqqare e lecc. naca].

nnecare tr. e intr.; pres. nnecu, nniechi, nneca, nnecamu, ecc.; p. rem. nnecài, ecc.; pp. nnecatu * tr. Negare, rifiutare, disconoscere: ni nnecàa a ffràisa li dritti soi al fratello negava i diritti; nnecàanu ca ìanu stati sçelusi non riconoscevano di essere stati gelosi * intr. Dire di no ostinatamente: nneca e sse nde futte dice sempre di no e tira avanti; li strei ànu sempre nnecatu i ragazzi hanno detto sempre che non è così. [lat. negare incr. con it. rinnegare].
Da c. p. Tie l'ài a bire e ièu l'àggiu dare, / e a nnisciunu li ògghiu nnecare; / mma quandu li tegnu, sèrvenu a mmie… / comu cu ll'àutri fazzu cu ttie.

nnemecare (lett.) rifl.; pres. me nnemicu, te nnemichi, se nnemica, ni nnemecamu, ecc.; p. rem. me nnemecài, ecc.; pp. nnemecatu. Inimicarsi. V. lletecare.

nnerire (lett.) tr. e intr.; pres. nneriscu,… nnerimu, ecc.; p. rem. nnerìi,… nneremmu, ecc.; pp. nnerutu. Annerire. V. nnervecare.

nnervecare tr. e intr.; pres. nnìrvecu, nnìrvechi, nnìrveca, nnervecamu, ecc.; p. rem. nnervecài, ecc.; pp. nnervecatu * tr. 1- Annerire sgradevolmente, coprire di colore nerastro * 2- Abbronzare del sole * 3- Segnare di lividure bluastre * intr. Diventare scuro: lu celu sutta a mmare sta’ nnìrveca il cielo giù verso il mare si fa scuro; la facce nnervecàu sutta alli rasçi te lu sule il viso si abbronzò ai raggi del sole.

nnervecatu agg. 1- Annerito, diventato nerastro * 2- Di persona che ha un aspetto scuro (segno di rozzezza): ièu, brutta nnervecata, nu mai te pretendu certu! io, brutta rustica dal colorito scuro, mai certamente ti chiederò in moglie!

nnervecatura sf. Ecchimosi cutanea. V. anche marangiana.

nnescare tr.; pres. nnescu, nnieschi, nnesca, nnescamu, ecc.; p. rem. nnescài, ecc.; pp. nnescatu. Innescare.

nnestare tr.; pres. nnestu, nniesti, nnesta, nnestamu, ecc.; p. rem. nnestài, ecc.; pp. nnestatu. Innestare. [da nniestu].

Nnetta pers. Annetta. V. Anna.

nnettare tr.; pres. nnettu, nnietti, nnetta, nnettamu, ecc.; p. rem. nnettài, ecc.; pp. nnettatu. Nettare; sbucciare, togliere la buccia o la scorza.
Da c. p.    Te ai uantandu ca tieni cuntanti / e nnun ài pàgghia tte nnietti li tienti;

nnettatu agg. Sbucciato; pulito dalle scorie: intra allu piattu nc'èranu àceni d'ua spetecenati e fficalìndie nnettate nel piatto c'erano chicchi d'uva sgranellati e fichidindia sbucciate.

nnettu sm. La verità pura e semplice; nient'altro che la verità.

nneversàru, niversàriu, neersàru sm. Anniversario funebre. [lat. anniversarius].

Nnìbbali, Nnibbi pers. Annibale.

nnicateδδa sf. Pertosse, tosse canina, tosse convulsa che, dopo un accesso acuto, lascia spossato, quasi soffocato. [dal lat. necatus incr. con lat. volg. adnecatus + suff. del dim. fem. -eδδa].

nnìcchia sf. Nicchia incavata nel muro, piccola edicola sacra.

nnicchiare intr.; pres. nnìcchiu, ecc.; impf. nnicchiàa, ecc.; p. rem. nnicchiài, ecc.; pp. nnicchiatu. Nitrire del cavallo: quandu nnasa la sçiumenta, lu caδδu nnìcchia quando fiuta la giumenta, il cavallo nitrisce. [lat. hinnire, lat. volg. *hinnit(u)lare, tl>cchi].

nnicchiceδδa sf. Nicchia rettangolare incavata nello spessore di un muro; frequenti sulle facciate delle case di abitazione e all'interno delle stalle. [dim. di nnìcchia].

nnìcchiu sm. Nitrito del cavallo.

nnicciulatu agg. 1- Di fanciullo, troppo attaccato alle gonnelle della madre * 2- Di animale domestico, reso troppo mansueto per le eccessive cure e carezze. V. pure ncicciulatu, ncucciulatu.

Nniccu, Ngiccu, Chiccu, Checcu pers. Francesco. V. Frangiscu.

nniculìbbriu sm. Equilibrio. V. pure quilìbbriu.

nniestu sm. Innesto: nniestu a curona, a scorsa, a spaccu, a scemma o a uècchiu innesto a corona, a scorza, a spacco, a gemma o a occhio.

nniettu agg. Intricato, confusamente attorcigliato, arruffato * sm. Intreccio, intrico.

nnigghiare intr.; pres. nnìgghiu, ecc.; impf. nnigghiàa, ecc.; p. rem. nnigghiài, ecc.; pp. nnigghiatu * 1- Di frutti, deperire a causa di nebbie inopportune; guastarsi a causa dell'afa; rattrappire interrompendo lo sviluppo * 2- fig. Scadere di salute, deperire e intristire: sta stria, nvece cu ccrisca, sta’ nnìgghia giurnu pe giurnu questa ragazza, invece di crescere, deperisce di giorno in giorno. [da nìgghia].

nnigghiatu agg. 1- Danneggiato dalla nebbia; afato * 2- Deperito, denutrito, secco allampanato.

nnina nnina inter. Voce per chiamare la pecorella.

nniputente agg. Onnipotente, che può tutto. V. anche onniputente.

Nnita, Tita, Titi, Titina pers. Anita.

nnitare rifl.; pres. me nnitu,… ni nnitamu, ecc.; p. rem. me nnitài, ecc.; pp. nnitatu. Annidarsi. [da nitu].

nnizzare tr.; pres. nnizzu,… nnizzamu, ecc.; p. rem. nnizzài, ecc.; pp. nnizzatu. Versare un liquido in una misura sino al segno; riempire esattamente sino al segno prestabilito: nnizzàu l'ègghiu cu nna pignateδδa versò l'olio con la misura da 1/2 litro; sta’ nnìzzanu doi mine te uègghiu stanno misurando 18 litri [1 staro) di olio. [da nizzu].

nnizzatu agg. 1- Di recipiente, segnato con un indice convenzionale (nizzu) * 2- Colmo al livello del segno, pieno al punto esatto.

nnocca sf. Nocca, fiocco, modello di un nastro. [long. knohha].

nnu1 art. indeterminativo. Un, uno: nnu carusu fattu pe bìtere un giovane da ammirare; sta’ bene nnu cristianu cu nnu panaru allu razzu viene un tale con un paniere appeso al braccio; me canti nnu sturnellu? mi canti uno stornello?

nnu2 agg. numerale. Uno, un, uno solo: nnu tucatu a ssignurìa e nnu carlinu a mmie un ducato a lei e un carlino a me; intra a nnu giurnu me nde spricu in un solo giorno me ne sbrigo; nnu ffìgghiu lu ibbe te nn'amante e nn'àutru lu ibbe te lu maritu ebbe un figlio da un amante e ne ebbe un altro dal marito. V. anche unu.

nnucchiare tr.; pres. nnòcchiu, nnuecchi, nnòcchia, nnucchiamu, ecc.; p. rem. nnucchiài, ecc.; pp. nnucchiatu. Adocchiare, scoprire. [dal lat. inoculare].

nnucente agg. Innocente; ingenuo. [lat. innocens -entis].
DE D. Pràcetu e bellu sta durmìa lu mare / comu lu sennu d'ànima nnucente.

nnucentemente avv. Candidamente, ingenuamente.

nnucentitate, nnucentità sf. Innocenza.

nnucènzia sf. Innocenza, ingenuità. [lat. innocentia].

nnulare intr. rifl. impers.; pres. se nnula; impf. se nnulàa; p. rem. se nnulàu; pp. nnulatu Annuvolarsi, rannuvolarsi: lu celu se sta’ nnula il cielo si copre di nuvole; versu sira se nnullàa verso sera si annuvolava. [da nula].
LEONE Poi lu ientu se ausàu, nu ientu forte, / lu celu se nnulàu de nule scure,

nnulatu agg. Rannuvolato; coperto di dense nuvole.
Da c. p. Isçiu la luna cchiuttostu nnulata, / nu be' cchiarita comu all'àura sira;

nnumanu, inumanu agg. Inumano. [lat. inumanus].

nnurare tr.; pres. nnuru,… nnuramu, ecc.; p. rem. nnurài, ecc.; pp. nnuratu. Onorare: nnura la socra ca te truèi bona onora la suocera e ti troverai bene * prov. Mùscia rassa nnura la casa gatta grassa fa onore alla casa. [lat. honorare].

nnutare tr.; pres. nnutu,… nnutamu, ecc.; p. rem. nnutài, ecc.; pp. nnutatu. Annodare. [da nnutu]. V. anche ttaccare.

nnutatu agg. Annodato; stretto, legato a nodo.

nnutecare intr. e tr.; pres. nnùtecu, nnùtechi, nnùteca, nnutecamu, ecc.; p. rem. nnutecài, ecc.; pp. nnutecatu * intr. Avere un nodo alla gola; formarsi di un groppo alla gola: gneffiata ci mangiàa cutugni nnùtecàa ogni qualvolta mangiava cotogne gli veniva un groppo alla gola * tr. Provocare un nodo alla gola o per boccone che stenta a scendere o per grave dispiacere: lu pane ncoccalutu nnùteca cinca se lu màngia il pane secco e duro provoca un groppo alla gola a chi lo mangia; nu lla retare ca la nnùtechi non la sgridare che le fai venire il nodo alla gola * prov. Ttre ccose nnùtecanu lu core: le meδδe, li cutugni e lle palore tre cose fanno venire il groppo: le nespole germaniche, le cotogne e le parole dure. [da nnùtecu].
DE D.   e uarda e spetta, uarda ncelu, a nturnu, / cu mme dduciscu stu nnùtecu maru;

nnutecatu agg. Afflitto, con il nodo alla gola; fortemente imbronciato.

nnùtecu (pl. nnùtechi) sm. 1- Pomo d'Adamo (in lecc. detto anche 'nuce') * 2- Nodo, groppo, spasmo alla gola * 3- fig. Intimo dispiacere: stu nnùtecu allu core nu mme passa mai questo dispiacere non mi passerà mai. [dal lat. nodus e noccuus].
Da c. p. Damme nnu nziδδu d'àcqua, Rosa mera, / cu mme dduciscu stu nnùtecu maru;

nnutecusu agg. Che provoca un nodo alla gola; che stenta ad attraversare l'esofago: bone suntu le sùrvie mma suntu nnutecuse le sorbe sono appetitose ma sono difficoltose da ingerire.

nnuttare intr.; pres. nnottu, nnuetti, nnotta, nnuttamu, ecc.; p. rem. nnuttài, ecc.; pp. nnuttatu * 1- Annottare, farsi notte * 2- Vegliare, fare le ore piccole.

nnuttu pp. di ndùcere. Portato qua, condotto; recato qui.

nnutu sm. (pl. m. nnuti, pl. f. nnùture). 1- Nodo, legatura: fane nnu nnutu allu fazzulettu, cussì nu tte scerri fai un nodo al fazzoletto, così non ti dimentichi; sta sàula ete tutta nnùture questa fune è tutta piena di nodi * 2- Malleolo: tegnu scurciati li nnuti te li pieti ho i malleoli scorticati * 3- Pomo d'Adamo: tene lu nnutu te canna mpezzatu cussìne ha il pomo d'Adamo tanto prominente. [dal lat. nodus].

nnutu te core, nnutu allu core sm. Rimorso; cruccio amaro.

nnutusu agg. Nodoso. [lat. nodosus].

no, nno avv. di negazione assoluta. No: nu cchiange, no non piange, no; nna capiδδirizza nu lla ògghiu no una donna dai capelli ricciuti non la voglio, no; "à' ista mama?" - "Nno" "hai veduto mia madre?" - "No" * particella interrogativa. No?, non è vero?, non è così?: ni uèi bene, no? gli vuoi bene, vero?; se cucchiàu e allora, no?, me fice nna ddummanda si avvicinò e in quel momento, nevvero, mi rivolse una domanda. [lat. non].
Da c. p. Su' ddentata te terra nna francata: / nu lla iti cchiùi, no, la mia ficura!

Noa geogr. Noha.

noa1 sf. Notizia recente, nuova: s'à spasa la noa ca la Chicca se nd'à ffusçiuta cu llu Cettu scarparu s'è diffusa la notizia che Francesca è scappata insieme con Concetto il ciabattino.
DE D. e se àsanu e se mbràzzanu e gne unu / te la salute soa demmanda noa.

noa2 agg. Nuova: luna noa luna nuova. V. in masch. neu.

nòbbele, nòbbile agg. Nobile di nascita. [lat. nobilis].

nobbirtate, nobbirtà sf. Nobiltà. [dal lat. nobilitas -atis].

noe agg. numerale. Nove: rèstanu noe lire e noe centèsemi restano nove lire e nove centesimi; s'anu fatte le noe te sira si son fatte le ore nove di sera. [lat. novem].

noecentu agg. Novecento.

noemila agg. Novemila.

nognernò avv. Nossignore. [dall'it. no (si)gnor no].

nòmena, nòmina sf. 1- Nomina * 2- Nomea. [dal lat. nomen -inis].

nomenata, nominata sf. Fama; nomea, cattiva considerazione personale * modo di dire: sçire pe nnomenata essere rinomato, essere notorio.

none avv. No proprio: àggiu tittu none e nnone à bèssere ho detto no e no dev'essere; none, te mie turnisi nu nde ssaggi no assolutamente, non assaporerài i miei quattrini. [lat. non].
Da c. p. Ci alla strata me truèi, nu mme uardare, / ca ièu te ticu e tt'àggiu tittu none.

nonna (neol.) sf. Nonna * Con i possessivi in pos. encl.: nònnama, nònnata, nònnasa mia nonna, tua nonna, sua nonna. [dal lat. nonna]. V. mamma (rande) .

nonnareδδa sf. Nonnina, nonna cara.

nonniceδδa sf. Nonnetta.

nonnu (neol.) sm. Nonno * Con i possessivi in pos. encl.: nònnuma, nònnuta, nònnusa mio nonno, tuo nonno, suo nonno. [lat. nonnus, uomo anziano]. V. anche tata.

nora sf. Nuora * modo di dire: a ttie dicu, fìgghia, e ttie nora pìgghia rivolgo l'appunto a te, figlia, perché intenda tu, nuora * prov. Socra e nnora a ssocetate, maletiempu e ttempestate suocera e nuora unitamente (significa provocare) maltempo e tempesta * Con i possessivi in pos. encl.: nòrama, nòrata, nòrasa mia, tua, sua nuora. [dal lat. nurus, lat. volg. *nora].

norma sf. Squadra, arnese di precisione degli scalpellini: fattu a bia de scarpieδδu e de norma lavorato tutto con scalpello e squadra * pers. Norma, in particolare nome riferito all'opera lirica omonima di V. Bellini: stasira allu Pulitiama sta’ ffàcenu la 'Norma' questa sera al Politeama rappresentano la 'Norma'.

nota sf. 1- Nota, breve appunto: poi te pacu, ntantu pìgghia nota poi ti pagherò, per adesso prendi nota * 2- Nota musicale: sueni a rrìcchia o cu lle note? suoni a orecchio oppure seguendo le note? [lat. nota].

notte (pl. nuetti, netti) sf. Notte: notte scura, stiδδata, chiarita te la luna notte buia, stellata, rischiarata dalla luna; la notte te lu sàbbatu la notte del sabato; sàbbatu nnotte sabato a notte; versu lu cchiù nnotte a notte più inoltrata; pe parècchie notti à bessutu nnu fantàsemu per parecchie notti è uscito un fantasma * saluto: Bona notte! buona notte! * modo di dire: la notte porta cusìgghiu la notte porta consiglio * prov. Cosa fatta te notte lu giurnu pare cosa eseguita di notte si vedrà alla luce del giorno se è riuscita ben fatta. [lat. nox noctis].
Da c. p. Nu bbàstanu le pene te lu giurnu, / puru la notte ièni a ttrumentare? / Ièni lu giurnu e llàssame la notte: / la notte e' ffatta pe llu repusare!
DE D.    Cade la notte paurusa e scura   / de le case fumanti llumenata.

notu (lett.) agg. Noto, conosciuto. [lat. notus]. V. canusciutu.

Nòvule, Nòule, Nòuli geogr. Novoli.

novulese agg. Di Novoli * sm. e f. Abitante di Novoli.

nozze sf. pl. Sansa, la massa dei noccioli delle olive e dell'uva dopo la spremitura. [lat. nux, it. ant. nocchia].

nòzzule sf. pl. Panetti di sansa, una volta usati come materiale da ardere nei focolari.

nquacchiare tr.; pres. nquàcchiu, ecc.; impf. nquacchiàa, ecc.; p. rem. nquacchiài, ecc.; pp. nquacchiatu. Imbrattare; insudiciare. [dall'inglese quaker].

nquàcchiu sm. 1- Imbratto; macchia di sporco * 2- Ghirigoro, disegno incomprensibile.

nquacenare tr.; pres. nquacinu,… nquacenamu, ecc.; p. rem. nquacenài, ecc.; pp. nquacenatu. Incalcinare, coprire con acqua di calce. [da quacina].

nquacenata sf. Incalcinatura: matonna ca cquài nci ole nna secunda nquacenata probabilmente qui è necessaria una seconda passata di calcina.

nquacenature sm. Operaio addetto a spalmare calcina, imbianchino. [da nquacenatu + suff. di mest. -ure].

nquartare tr.; pres. nquartu,… nquartamu, ecc.; p. rem. nquartài, ecc.; pp. nquartatu. Piantare in asso; lasciare su due piedi.

nquatarare tr.; pres. nquataru,… nquataramu, ecc.; p. rem. nquatarài, ecc.; pp. nquataratu. Sporcare di fuliggine, imbrattare di nero. [da quatara].

nquatarata sf. Sgradevole spalmata di uno strato di nero: nvece te nna llaàta, a nfacce datte nna nquatarata invece di una lavata, datti sul viso una tinta di nero.

nquataratu agg. Sporco di nero * fig. Imbellettato vistosamente e maldestralmente.

nquattare rifl.; pres. me nquattu,… ni nquattamu, ecc.; p. rem. me nquattài, ecc.; pp. nquattatu. Acquattarsi; appiattirsi. [da quattu].

nquattatu agg. Acquattato, chinato a terra per non essere veduto; appiattito.

nquazzare tr.; pres. nquazzu,… nquazzamu, ecc.; p. rem. nquazzài, ecc.; pp. nquazzatu. Ingozzare; cibare con sgradevole abbondanza, saziare uno oltre misura: nquàzzanu lu piccinnu nforma ci ete puerciceδδu ingozzano il bambino come se fosse un porcellino * rifl. Abbuffarsi; satollarsi: se nquazzàra te semulata e pampasçiuni si abbuffarono di una pietanza di semola e di cipollacci muscari. [da quazzu, stomaco].

nquazzata sf. Abbuffata.

nquazzatu agg. Con la pancia gonfia per una abbuffata; satollo; pingue.

nsaccarìre, ssaccarìre tr.; pres. nsaccarìscu (ssaccarìscu),… nsaccarimu, ecc.; p. rem. nsaccarìi (ssaccarìi),… nsaccaremmu, ecc.; pp. nsaccarutu (ssaccarutu) . Prosciugare; disseccare: li càuti sta’ nsaccarìscenu le lacquare i calori stanno prosçiugando gli invasi delle campagne * rifl. Asciuttarsi: chianse tantu ca l'ecchi soi se ssaccarèra pianse tanto che i suoi occhi si asciuttarono. [dal lat. exiccare incr. con exhaurire].

nsaccarutu, ssaccarutu agg. 1- Disseccato, inaridito: le campagne su' nsaccarute i campi sono inariditi * 2- Arso di sete: tegnu la ucca ssaccaruta ho la bocca arsa.

nsalatera sf. Insalatiera, recipiente in cui si condisce e si serve l'insalata. [da salata].

nsapunare tr.; pres. nsapunu,… nsapunamu, ecc.; p. rem. nsapunài, ecc.; pp. nsapunatu. Insaponare. [da sapune].

nsapunisçiare tr.; pres. nsapunìsçiu,… nsapunisçiamu, ecc.; p. rem. nsapunisçiài, ecc.; pp. nsapunisçiatu. Insaponare ripetutamente e abbondantemente. [da nsapunare + suff. iter.-intens. -sçiare].

nsapurare tr.; pres. nsapuru,… nsapuramu, ecc.; impf. nsapuràa,… nsapuraàmu, ecc.; p. rem. nsapurài,… nsapurammu, ecc.; pp. nsapuratu. Insaporare, conferire sapore. [dal lecc. sapore].

nsapurìre tr.; pres. nsapuriscu,… nsapurimu, ecc.; p. rem. nsapurìi,… nsapuremmu, ecc.; pp. nsapurutu. Insaporire, rendere saporito.

nseδδare tr.; pres. nseδδu, nsieδδi, nseδδa, nseδδamu, ecc.; p. rem. nseδδài, ecc.; pp. nseδδatu * 1- Insellare, mettere la sella a un cavallo * 2- Sistemare a tetto spiovente la parte superiore di una meta o di una bica * 3- Mettere in piedi i covoni * 4- Sistemare sassolini o nòccioli su una cresta di terra. [dall'it. in sella incr. con lecc. sieδδu].

nsegna sf. Insegna. V. nzegna.

nsiamientu, nziamientu sm. Spalmata di sego; accumulo di materia untuosa.

nsiare, nziare tr. e intr.; pres. nsiu (nziu), nsii, nsia, ecc.; impf. nsiàa (nziàa), ecc.; p. rem. nsiài (nziài), ecc.; pp. nsiatu (nziatu) * tr. Ungere di sego, spalmare di grasso, di olio rappreso * intr. Diventare untuoso, coprirsi di materia grassa. [dal lecc. siu].

nsiatu, nziatu agg. Unto di sostanze grasse; untuoso : piatti nsiati piatti untuosi * sm. Grassume; accumulo di unto; untuosità: stu nsiatu se nd'ae sulu cu lla lessìa questo grassume va via soltanto (lavandolo) con la lascivia.

nsiemi, nziemi avv. Insieme, assieme. [da un incr. lat. tra insimul e semel].

nsiertu, nziertu (f. nserta) agg. Inserito, immesso * sm. 1- Inserto * 2- Innesto. [lat. insertus].

nsistènzia sf. Insistenza.

nsìstere, nsestìre intr.; pres. nsistu,… nsestimu, ecc.; p. rem. nsestìi,… nsestemmu, ecc.; imper. nsisti, nsestiti; pp. nsestutu. Insistere.

nsistimientu sm. Insistenza ostinata e pertinace.

nsitare, nzitare tr.; pres. nsitu,… nsitamu, ecc.; p. rem. nsitài, ecc.; pp. nsitatu * 1- Mettere nel sito; inserire * 2- Eseguire una specie di innesto ad inserimento. [dal lecc. situ].

nsitatura sf. Inserimento della marza nello spacco del ramo portainnesto o tra il legno e la scorza. V. ìnsita.

nsuffiune, nzurfiune sm. Vento turbinoso; tromba d'aria. [lat. insufflo -onis]. V. anche zunfiune.

nsulicchiare tr. e intr.; pres. nsulìcchiu, ecc.; impf. nsulicchiàa, ecc.; pp. nsulicchiài, ecc.; pp. nsulicchiatu * tr. Rendere duro a guisa di suola * intr. Della pelle (specialmente della pianta del piede e della palma della mano) indurirsi come la suola. [dal lecc. sola + suff. spegiativo -cchiare]. V. pure nzulettare2.

nsumare tr. e intr.; pres. nsumu,. nsumamu, ecc.; p. rem. nsumài, ecc.; pp. nsumatu * tr. Riesumare; trarre dall'oblio; portare a galla; tirare in superficie * intr. Riemergere. [dal lat. med. exhumare]. V. nzummare.

nsumatura sf. Emersione, venuta a galla, salita in superficie.

nsustiare rifl.; pres. me nsùstiu, ecc.; impf. me nsustiàa, ecc.; p. rem. me nsustiài, ecc.; pp. nsustiatu. Infastidirsi per l'inoperosità e la noia, irritarsi perché costretto a non far niente.

nsustiatu agg. Annoiato e infastidito; irritato perché inoperoso; insofferente.

ntàbbeca, ntàbbica sf. 1- Imbroglio * 2- Tresca, rapporti d'affari poco confessabili. [dal lat. tabes, disfacimento].

ntacca sf. Tacca, intacco.

ntaccare tr.; pres. ntaccu, ntacchi, ntacca, ntaccamu, ecc.; p. rem. ntaccài, ecc.; pp. ntaccatu. Intaccare. [da ntacca].

ntacciare tr.; pres. ntàcciu,… ntacciamu, ecc.; p. rem. ntacciài, ecc.; pp. ntacciatu * 1- Imbullettare tappezzerie; chiodare le suole degli scarponi con bullette * 2- Colpire con la propria muriella le murielle altrui. [dal lecc. tàccia].

ntaccu (pl. ntacchi) sm. Intacco. V. anche il femm. ntacca.

ntacculisçiare intr.; pres. ntacculìsçiu, ecc.; impf. ntacculisçiàa, ecc.; p. rem. ntacculisçiài, ecc.; pp. ntacculisçiatu. Tacchettare, battere i tacchi sul pavimento camminando a piccoli passi; degli equini, camminando urtare gli zoccoli.

ntacenare tr.; pres. ntàcenu,… ntacenamu, ecc.; p. rem. ntacenài, ecc.; pp. ntacenatu. Coprire con ampie macchie di sporco; imbrattare.

ntacenatu agg. Imbrattato; cosparso di larghe macchie; vistosamente sporco.

ntaδδare intr.; pres. ntaδδu,… ntaδδamu, ecc.; impf. ntaδδàa, ecc.; p. rem. ntaδδài, ecc.; pp. ntaδδatu * 1- Delle piante bulbose, fare il tallo, causa ibridismo, e non fruttificare * 2- Diventare compatto e duro come il tallo. [da taδδu].

ntaδδatu agg. Che ha fatto il tallo, si è indurito malamente e si è guastato.

ntagghiare tr.; pres. ntàgghiu, ecc.; impf. ntagghiàa, ecc.; p. rem. ntagghiài, ecc.; pp. ntagghiatu. Intagliare. [da tàgghiu].

ntagghiare la terra tr. Dividere a strisce la superficie arata del campo, incidendo solchi distanziati e paralleli più profondi. [dal lecc. tàgghia].

ntàgghiu sm. 1- Intaglio * 2- Balzana, falpalà: nna esta cu ttanti ntagghi un vestito con tante balzane.

ntalare intr.; pres. ntalu,… ntalamu, ecc.; impf. ntalàa, ecc.; p. rem. ntalài, ecc.; pp. ntalatu * 1- Sistemare e tirare l'ordito sul telaio: tocca prima ntali e ppoi te minti a ttèssere devi prima operare la trazione dell'ordito e dopo ti metterai a tessere * 2- fig. Irrigidirsi rimanendo impalato per la meraviglia; impietrire allibendo. [da un incr. tra lecc. talaru e tàula].

ntaliare intr.; pres. ntàliu,… ntaliamu, ecc.; impf. ntaliàa, ecc.; p. rem. ntaliài, ecc.; pp. ntaliatu. Gironzolare senza meta; bighellonare: se nd'anu ntaliandu te mmane a ssira se ne vanno gironzolando da mattina a sera.

ntallettu (lett.) sm. Intelletto.   V. i più comuni cervieδδu, gnigna.

ntamburrare tr.; pres. ntamburru,… ntamburramu, ecc.; p. rem. ntamburrài, ecc.; pp. ntamburratu * 1- Tamburrare, suonare il tamburo * 2- fig. Colmare un contenitore di aridi battendovi ripetutamente sopra e calcando. [da tamburru].

ntanare rifl.; pres. me ntanu,… ni ntanamu, ecc.; p. rem. me ntanài, ecc.; pp. ntanatu. Rintanarsi; nascondersi in un canto. [da tana].

ntanasçare tr.; pres. ntanasçu, ntanasçhi, ntanasça, ntanasçamu, ecc.; p. rem. ntanasçài, ecc.; pp. ntanasçatu * 1- Dare la prima mano grezza d'intonaco * 2- fig. Imbellettare con mano poco esperta. [incr. tra ntonacare e nnasçare].

ntanasçatu agg. Spalmato grossolanamente; tinteggiato sommariamente; imbrattato.

ntanatu sm. Antenato: li ntanati tandu campàanu pèsçiu te nui moi gli antenati in quel tempo vivevano peggio di noi adesso. [lat. ante natus].

ntantu avv. Intanto, frattanto, nel frattempo: ièu ntantu me l'àggiu mparata a mmente io intanto l'ho imparata a memoria * cong. Intanto che, mentre: ntantu iδδu se ddevertìa, ièu me facìa li caδδi alle manu mentre egli si divertiva, io mi facevo i calli alle mani. [dal lat. in tantum].

ntanu agg. Lontano: brindamu alli amici ntani brindiamo alla salute degli amici lontani; a δδe ntane èbbuche le marangiane e lle scarciòppule nu sse canuscìanu in quelle lontane epoche le melenzane e i carciofi non erano conosciuti * avv. Lontano, lungi: tiènile ntanu te nui mantienile lontano da noi; ntanu stèsçianu le malatèi! stiano lungi le malattie! V. pure luntanu e pure largu.
Da c. p. E cèrcalu pe lli monti e pe llu mare, / e dinni ca pe mmie sta vita e' mmorte: / do' cori nu ppòtenu ntani stare.

ntanusìa, ntanu sia inter. usata come scongiuro ogni qualvolta viene nominata un'entità paurosa oppure si accenna ad una situazione pericolosa. Lontano sia; non sia mai: s'à ssunnatu lu temòniu, ntanusìa! ha sognato il demonio, se ne stia sempre lontano!; la morte, ntanu sìa, mete puerieδδi e rricchi la morte, non giunga mai, miete poveri e ricchi; ì' ca cati, ntanusìa! attento che caschi, non sia mai! V. pure largu sia!

ntappare (lett.) tr.; pres. ntappu,… ntappamu, ecc.; p. rem. ntappài, ecc.; pp. ntappatu. Tappare, turare. [da tappu]. V. il più comune uδδare.

ntappatu agg. 1- Tappato, intasato, otturato * 2- Vestito di indumenti troppo stretti; affusolato in vesti aderentissime.

ntardare (lett.) intr. rifl.; pres. me ntardu,… ni ntardamu, ecc.; p. rem. me ntardài, ecc.; pp. ntardatu. Attardarsi, tardare. V. il più usato squariare.

ntaressamientu, nteressamentu sm. Interessamento.

ntaressare, nteressare intr. e rifl.; pres. ntaressu (nteressu), ntariessi (nteriessi), ntaressa, ntaressamu, ecc.; p. rem. ntaressài, ecc.; pp. ntaressatu * intr. 1- Interessare a qualcuno, a qualche cosa: a nnui ni ntaressàa sulu cu scìanu ritti a noi interessava solo che rigassero dritti * 2- Interessare qualcuno dandogli un incarico: tocca cu nteressati lu Prufettu cu rresorva sta custione dovete interessare il Prefesso affinché risolva questa questione * rifl. Interessarsi, mostrare interesse: ccerti cristiani s'ànu ntaressati ci stu fondu se inde o none certi signori si sono interessati per sapere se questo podere è in vendita oppure no. [dal lecc. ntaressu].

ntaressu (pl. ntariessi) sm. Interesse.

ntaressusu agg. Interessato, che nutre interesse: ete fìmmena te casa e ntaressusa è donna di casa ed è interessata (al buon andamento della famiglia).

ntarsiare (lett.) tr.; pres. ntàrsiu, ecc.; impf. ntarsiàa, ecc.; p. rem. ntarsiài, ecc.; pp. ntarsiatu. Intarsiare. [da ntàrsiu]. V. pure lavurare.

ntarsiatu agg. Intarsiato: nna tuletta ntarsiata un tavolo da toeletta intarsiato. V. anche lavuratu.

ntàrsiu sm. Intarsio.

ntartàgghia sm. e f. Tartaglione, balbuziente: nnu ntartàgghia e nna ntartàgghia se sçìanu lletecandu un tartaglione e una balbuziente andavano litigando tra loro.

ntartagghiare intr. e tr.; pres. ntartàgghiu, ecc.; impf. ntartagghiàa, ecc.; p. rem. ntartagghiài, ecc.; pp. ntartagghiatu. Tartagliare; parlare precipitosamente in maniera incomprensibile; farfugliare.

ntartarìre tr. e intr.; pres. ntartariscu,… ntartarimu, ecc.; p. rem. ntartarìi,… ntartaremmu, ecc.; pp. ntartarutu. Coprire oppure coprirsi di incrostazioni nerastre. [dal lecc. tàrtaru].

ntartarutu agg. Coperto da patina nerastra o da varie incrostazioni di tàrtaro, di nicotina, ecc.

ntartenimientu, ntartienimentu sm. Intrattenimento; passatempo con balocchi, raccontini, giochi di società.

ntartenìre tr.; segue la coniugazione del semplice tenìre. Trattenere a stento; tenere con difficoltà: ièu lu ntartenìi (ntartinni) isa isa cu nnu ssia cumbenàa nna cugghiunarìa io lo trattenni appena appena, affinché non commettesse uno sproposito irreparabile. [comp. di (stie)nti, intra tenire].

ntartenutu agg. Trattenuto, impedito.

ntasamientu (lett.) sm. Intasamento.

ntasare (lett.) tr.; pres. ntasu,… ntasamu, ecc.; p. rem. ntasài, ecc.; pp. ntasatu. Intasare, ostruire, otturare: le pàmpane ntasàra la sçettalora le foglie intasarono l'inghiottitoio delle acque. V. uδδare.

ntasatu agg. Ostruito, otturato, chiuso: tegnu lu nasu ntasatu ho il naso chiuso.

ntaulare tr. e intr.; pres. ntàulu,… ntaulamu, ecc.; p. rem. ntaulài, ecc.; pp. ntaulatu * tr. Rivestire o impalcare con tavole * intr. Indurire dei muscoli.

ntaulatu sm. Piancito; soppalco di assi di legno; tavolato.

ntaulatura sf. Miosite reumatica, cioè indurimento dei muscoli degli equini.

nteδδare tr.; pres. nteδδu, ntieδδi, nteδδa, nteδδamu, ecc.; p. rem. nteδδài, ecc.; pp. nteδδatu * 1- Centrare il bersaglio: nteδδàu la capu te lu lucertune colpì in pieno la testa del ramarro * 2- Lanciare la trottola dall'alto in basso con veloce rotazione del braccio: aìmu nteδδare lu curru intra alla cìcula dobbiamo fare battere la trottola entro il cerchio tracciato a terra. [dal lat. ante (pe)llere].

ntefecare tr.; pres. ntìfecu, ntìfechi, ntìfeca, ntefecamu, ecc.; p. rem. ntefecài, ecc.; pp. ntefecatu. Sporcare con feci, smerdare. [dal lat. ante fecare].

ntefecatu agg. Fetente e schifoso; sporcaccione e spregevole.

ntelisçente, ntelliggente (neol.) agg. Intelligente. [lat. intelligens -entis].

ntelisçènzia, ntelliggenza (neol.) sf. Intelligenza. [lat. intelligentia].

ntèndere tr.; pres. ntendu, ntiendi, ntende, ntendimu, ecc.; p. rem. ntendìi (ntisi), ntendisti, ntendìu (ntise), ntendemmu (ntìsemu), ntendestu, ntendèra (ntìsera) ; pp. ntendutu (ntisu) . Intendere, capire; sentir dire: nu mbòlenu cu ntèndenu raggioni non intendono sentire ragioni; ntìsemu ca ìa scuppiata la uerra sentimmo dire che era scoppiata la guerra. V. sèntere, sentire.

ntennerìre tr. e intr.; pres. ntenneriscu,… ntennerimu, ecc.; p. rem. ntennerìi,… ntenneremmu, ecc.; imper. ntennerisci, ntenneriti; pp. ntennerutu * tr. Intenerire: cu δδe mmossiceδδe ntennerìa lu core te la mamma Rosa soa con quelle mossettine inteneriva il cuore della sua cara nonna Rosa * intr. Diventare più tenero: le lattalore ncappucciate ntennerìscenu le piante di cicèrbita, se coperte, diventano più tenere. [da tiènneru].

ntennerutu agg. Intenerito, commosso.

ntenzione sf. Intenzione, intendimento, intento: facìanu l’amore cu ntenzioni sèrie amoreggiavano con intenzioni serie; la ntenzione era bona, ma lu cervieδδu nu nni rriàa l'intento era buono, ma le capacità intellettive non erano adeguate.
Da c. p. Ièu puru pe ttie mpacciscu e cchiangu / ca nu mmuesci pe mmie nuδδa ntenzione,

ntenziunatu agg. Intenzionato.

ntercessione sf. Intercessione, intervento di un Santo. [lat. intercessio -onis].

ntercessore sm. Santo intercessore. [lat. intercessor -oris].

ntercètere, ntercetìre intr.; pres. ntercetu, ntercieti, ntercete, ntercetimu, ecc.; p. rem. ntercetìi,… ntercetemmu, ecc.; pp. ntercetutu. Intercedere da parte di un Santo.

nteressare v. ntaressare.

nteresse, nteressu (pl. nteriessi) sm. Interesse. V. ntaressu.

ntèrmene (a -) avv. Nel termine, entro il tempo strettamente necessario: se fìcera bìtere a ntèrmene ca ìanu tittu si fecero vedere entro il tempo che avevano indicato * prep. Entro, nei brevi termini: a ntèrmene te nn'ura foi prontu entro un'ora fu pronto.
DE D. e a ntèrmene te nienti tutte armate / dudicimila Sante essèra fore.

nterpetrare tr.; pres. ntèrpetru, ntièrpetri, ntèrpetra, nterpetramu, ecc.; p. rem. nterpetrài, ecc.; pp. nterpetratu. Interpretare: nterpetràra alla mmersa le palore mei interpretarono alla rovescia le mie parole; e cci se fita cu ntèrpetra la lizzetta te lu miètecu? e chi è capace di decifrare lo scritto della ricetta del medico? [lat. interpretari].

ntèrpetre sm. e f. Interprete. [lat. interpres -etis].

nterzare tr.; pres. nterzu, ntierzi, nterza, nterzamu, ecc.; p. rem. nterzài, ecc.; pp. nterzatu. Torcere i denti della sega in modo opportuno, allicciare.

nterzatura sf. Allicciatura dei denti della sega.

nterzaturu sm. Licciaiola, strumento di ferro adoperato per l'allicciatura. [da nterzatu + suff. funz. -uru].

ntesare tr.; pres. ntisu,… ntesamu, ecc.; p. rem. ntesài, ecc.; pp. ntesatu. Erigere, drizzare, raddrizzare, rizzare, mettere in posizione diritta: sta’ ntìsanu nnu truδδu erigono un trullo; ntesati sta chianetta drizzate questa trave; lu mùsciu ntesàu li pili il gatto rizzò i peli * rifl. Alzarsi, mettersi in piedi: ntesàtiu e ccamenati alzatevi e camminate; quandu trasìu bonsignore ni ntesammu quando entrò monsignore, ci mettemmo in piedi. [dall'it. tesare].

ntessecare tr.; pres. ntìssecu, ntìssechi, ntìsseca, ntessecamu, ecc.; impf. ntessecàa, ecc.; p. rem. ntessecài, ecc.; pp. ntessecatu * 1- Sferzare, scudisciare: cu nnu ìnchiu te sita ni ntessecàu l'anche con un fusto flessibile di melograno gli sferzò le gambe * 2- Del vento, soffiare sollevando granelli di polvere e sferzando il volto dei passanti: lu punentale a nnui ni ntessecàa la facce il forte vento di ponente ci sferzava il viso * 3- rifl. intr. Risentirsi intimamente: ci le calugne ìanu state pe bui, nu bu ìu ntessecate? se le calunnie fossero state rivolte contro di voi, non vi sareste risentite? [da un incr. lat. tra intersecare e intexere]. V. pure llessecare.

ntessecata sf. Serie di sferzate, di nerbate. V. anche llessecata.

ntessecatura sf. Sferzata, segno lasciato sulla pelle da una frustata.

ntestardìre (lett.) rifl.; pres. me ntestardiscu,… ni ntestardimu, ecc.; p. rem. me ntestardìi,… ni ntestardemmu, ecc.; pp. ntestardutu. Intestarsi caparbiamente, ostinarsi. V. anche ncapunìre.

ntestare tr.; pres. ntestu, ntiesti, ntesta, ntestamu, ecc.; impf. ntestàa, ecc.; p. rem. ntestài, ecc.; pp. ntestatu. Intestare, unire cioè, facendole combaciare, le estremità di due tronconi o di uno stesso segmento circolare. [dall'it. in testa].

ntestatura sf. Intestatura, collegamento di due elementi, incastro.

ntezzare tr.; pres. ntezzu, ntiezzi, ntezza, ntezzamu, ecc.; p. rem. ntezzài, ecc.; pp. ntezzatu. Attizzare. [dall'it. tizzo].

ntezzaturu sm. Attizzatoio. [da ntezzatu + suff. funz. -uru].

nticamente avv. Anticamente.

ntìcchia sf. La pianta e i semi della lenticchia: ae mutu ci nu ccucini le ntìcchie è da molto tempo che non cucini la lenticchia * fig. Un pochino, una piccolissima quantità: me basta nna ntìcchia te casu pe rrattare mi basta un pezzettino di cacio da grattugiare. [lat. lentìcula, le- si stacca e viene considerata art.: le ntìcula, cl>cchi>la ntìcchia]. Da filastrocca: Ni nde cercài nnu picca / e iδδu, dicu sine!, / me nde dunàu nna ntìcchia;

nticepare, nticipare tr.; pres. ntìcepu (ntìcipu),… nticepamu (nticipamu), ecc.; p. rem. nticepài (nticipài), ecc.; pp. nticepatu (nticipatu) . Anticipare.
DE D. dimme, percé me ntìcepi lu nfiernu, ! percene me martìri cu stu cheu?

ntìcepu, ntìcipu sm. 1- Anticipo, anticipazione * 2- Somma di denaro anticipata.

ntichitate, ntichità sf. Antichità, l'età antica: sti burlasci risàlenu alla ntichitate questi ruderi risalgono ai tempi antichi; la ntichità te quandu Santu Ronzu purtàa li causi curti il tempo remoto allorquando S. Oronzo era fanciullo e portava i calzoni corti.

nticu agg. Antico, remoto nel tempo: quisti suntu pruerbi ntichi questi sono proverbi dei tempi antichi; à bèssere ntica te manu a Cchillu deve rimontare al lontano tempo di Tizio * sm. Antichità: allu nticu le fìmmene nu bessìanu senza nienti a ncapu nell'antichità le donne non uscivano in pubblico senza niente in testa * sm. pl. Antenati; predecessori lontani: li ntichi sçìanu a Napuli a ncarrozza gli antichi a Napoli andavano in carrozza. [lat. antiquus].

ntieru agg. 1- Intero, completo: doi misi ntieri due mesi interi * prov. Le fìmmene tìcenu lu veru, ma nu llu tìcenu tuttu ntieru le donne dicono la verità, ma non la dicono tutta intera * 2- Integro, non rotto: lu capasune te lu turnài ntieru il recipiente te lo riportai intatto * caδδu ntieru cavallo non evirato; sçiumenta ntiera giumenta mai fecondata. [dal lat. inte(g)rum].
DE D. alla giustìzia toa ca n'ha sarvati / menamu canti pe lli giurni ntieri!

ntìfuna sf. Antifona * fig. Allusione, senso nascosto di un discorso: sine, l'àggiu capita la ntìfuna toa sì, ho capito la tua allusione. [lat. med. anthiphona].

ntignare intr.; pres. ntignu,… ntignamu, ecc.; p. rem. ntignài, ecc.; pp. ntignatu. Essere attaccato e roso dalle tignole. [dal lecc. tigna].

ntignatu agg. Invaso e roso dalle tignole: la giacchetta sutta a lli rechìδδechi tutta ntignata la giacca sotto le ascelle (è) tutta rosa dalle tignole.

Ntinu, Ntinuzzu, Ntiniceδδu pers. Clementino, Costantino, Quintino, Valentino.

ntipàtecu, ntipàticu (pl. ntipàtechi) agg. Antipatico.

ntipatìa sf. Antipatia.

ntirannare tr.; pres. ntirannu,… ecc.; p. rem. ntirannài, ecc.; pp. ntirannatu. Tiranneggiare; opprimere. [datirannu].
Da c. p. Quista la cantu a ttie, beδδa Rresçina, / ca pe ll'amore tou su' ntirannatu.

ntisecare intr.; pres. ntìsecu, ntìsechi, ntìseca, ntisecamu, ecc.; p. rem. ntisecài, ecc.; pp. ntisecatu. Intisichire, ammalarsi di consunzione; consumarsi nel fisico. [dal lecc. tìsecu].

ntisu pp. di ntèndere e anche di sèntere. Inteso: nu à' ntisu filu? non hai capito proprio? * agg. 1- Di persona, ascoltata per la sua saggezza: ete nn'omu mutu ntisu è un uomo assai ascoltato * 2- Di vaso, leggermente e invisibilmente incrinato, la cui fenditura viene notata battendovi e ascoltandone il suono: la ucala nde stae ntisa la brocca è lievemente incrinata.

ntitulare tr.; pres. ntìtulu,… ntitulamu, ecc.; p. rem. ntitulài, ecc.; pp. ntitulatu * 1- Intitolare, dare il titolo: ànu ntitulata nna chiazziceδδa a D'Amèliu hanno intitolato una piazzetta a D'Amelio * 2- Appioppare epiteti non proprio cortesi; soprannominare, apostrofare malamente: lu ntitulasti ngannafete, scarufaterra e muzzu te staδδa lo apostrofasti chiamandolo traditore, contadinaccio e garzone di stalla. [da tìtulu].

ntizzare tr.; pres. ntizzu,… ntizzamu, ecc.; p. rem. ntizzài, ecc.; pp. ntizzatu. Poggiare delicatamente qualcosa su una cresta di terriccio: ntizza li nuci ca ièu pe pprimu tiru la stàccia sistema le noci sulla cresta di terra ed io per primo lancio la muriella. [dal lecc. tizza].

ntonecare tr.; pres. ntònecu, ntònechi, ntòneca, ntonecamu, ecc.; impf. ntonecàa, ecc.; p. rem. ntonecài, ecc.; pp. ntonecatu. Intonacare. [da ntònecu].

ntonecatu agg. Intonacato, coperto di uno strato d'intonaco.

ntonecatura sf. Intonacatura, rivestimento d'intonaco.

ntonecature sm. Intonacatore.

ntònecu sm. Intonaco, intonacatura. [dal lat. in tunica, rivestimento].

Ntoni, Ntoniceδδu, Ntuninu, Ntunùcciu, Nùcciu, Ucciu, Ucciceδδu pers. Antonio. Filastrocca:   Ntuninu, Ntunùcciu e Ntoni / pròpriu picca su' lli boni, / e cquiδδi ci suntu boni / cu lli brùsçia Sant'Antoni!

Ntònia, Ntunina, Ntunietta, Tetta, Tetti, Nùccia, Uccia pers. Antonia.

ntoppaculu sm. Sballo, voce del gioco della zacchinetta.
D’AM. E appuntu comu a fuecu ca se stuta / se nde stùtanu tutte le memòrie. / Eccu te le fatèi qual è lu fruttu: / faci nu ntoppaculu e pierdi tuttu.

ntòrcia sf. Torcia, face.

ntorna avv. Un'altra volta, nuovamente: ci eniti ntorna, ntorna bu nde càcciu se tornate un'altra volta, nuovamente vi caccerò. [dall'it. in torna(re) ].

ntortamente avv. A torto; innocentemente. V. pure ntuertu.

ntòssecu sm. Indolenzimento persistente, dolore interno che si risveglia: nnu ntòssecu allu sçenùcchiu me tene fermu un acuto dolore al ginocchio mi tiene immobile.

ntra prep. (fa raddoppiare la consonante semplice della parola che segue). Tra, fra; entro, dentro: tissi ntra mmie ca suntu nnu curciùlu dissi tra me e me che sono un ingenuo; nc'ete ntra dde ui quarchetunu ci ole begna? c'è tra di voi qualcuno che desidera venire?; à mmisu lu pete ntra lla luta ha poggiato il piede in mezzo al fango; ntra nn'ura stau ntorna cquài entro un'ora sarò nuovamente qui; te tegnu sempre ntra llu cervieδδu ti tengo sempre nella mente. V. pure intra.

ntrabbenìre intr.; pres. ntrabbegnu, ntrabbieni, ecc. (segue la coniugazione del semplice enìre). Sopravvenire; capitare, succedere: nu ssapìa cce mm'aìa ntrabbenire non sapevo che cosa mi sarebbe capitato. [dal lat. intra venire].

ntrafare v. trafare.

ntraìtere intr.; pres. ntraìsçiu, ecc. (segue la coniugazione del semplice ìtere). Travedere, bramare; amare follemente.

ntrama sf. Budello, tubo dell'intestino, escluso il colon. V. anche ntramarizza e ntrame.

ntramare tr.; pres. ntramu,… ntramamu, ecc.; p. rem. ntramài, ecc.; pp. ntramatu * 1- Inserire la trama nell'ordito * 2- Tramare, agire per fini poco puliti.

ntramarizza sf. Parte dell'intestino corrispondente al colon.

ntramazzare intr.; pres. ntramazzu,… ntramazzamu, ecc.; p. rem. ntramazzài, ecc.; pp. ntramazzatu * 1- Oscurarsi per il sopraggiungere delle ombre: quandu ntra lle case ntramazza, se ddùmanu le lucerne quando nelle case comincia a fare buio, vengono accese le lucerne * 2- Del cielo, rannuvolarsi incupendo e minacciare pioggia: lu tiempu sta’ ntramazza l'atmosfera si è incupita * 3- fig. Imbronciarsi e minacciare una reazione. [da un incr. tra lecc. ntra + mmenezzare].

ntrame sf. pl. Viscere, interiora, intestino: le ntrame sta’ ffàcenu cru cru le viscere stanno brontolando; pe lla fame le ntrame se sta’ stòrcenu per la fame le interiora si torcono * fig. Sede del principio vitale: cu lli lamienti toi me nde sta’ ttiri le ntrame con i tuoi lamenti mi strappi l'anima; li tispiceri ni sta’ rrùsecanu le ntrame i dispiaceri le ròdono l'alma. [dal lat. intraneum].

ntrameδδare tr.; pres. ntrameδδu, ntramieδδi, ntrameδδa, ntrameδδamu, ecc.; p. rem. ntrameδδài, ecc.; pp. ntrameδδatu. Miscellare; agitare; scuotere per amalgamare. [comp. dei lecc. ntra meδδare].

ntrammienżu avv. Nel bel mezzo, proprio in centro; dentro: ci nc'era ntrammienżu? sempre iδδa! chi c'era nel bel mezzo? lei, sempre lei * prep. Dentro, tra, fra: ntrammienżu le nule cumparìu la pàlleda luna di tra le nubi comparve la pallida luna; ntrammienżu allu puertu nc'ete nna paranza dentro al porto c'è una paranza.

ntramusçiare tr.; pres. ntramòsçiu, ecc.; impf. ntramusçiàa, ecc.; p. rem. ntramusçiài, ecc.; pp. ntramusçiatu. Manipolare olive o granaglie alla tramoggia. [dal lat. intra tramodiare].

ntrappare intr.; pres. ntrappu,… ntrappamu, ecc.; p. rem. ntrappài, ecc.; pp. ntrappatu * 1- Raggrinzire, restringersi corrugandosi: la tila ni ntrappàu subbra la stoffa le si raggrinzì addosso * 2- Sfregare, non scorrere agevolmente a causa di scabrosità delle superfici; trovare attrito: ntrappàa e nnu scrufulàa trovava attrito e non scivolava. [dall'it. attrappare].

ntrappusu agg. Raggrinzito; scabro, ruvido e poco scorrevole.

ntràsciu sm. Antrace, foruncolosi con pustolette intensamente nerastre; carbonchio, malattia che può colpire i bovini e le piante. [dal gr. ànthraks -akos, lat. anthrax -acis].

ntrassare tr.; pres. ntrassu,… ntrassamu, ecc.; impf. ntrassàa, ecc.; p. rem. ntrassài, ecc.; pp. ntrassatu. Accumulare arretrati; lasciare incompiute le faccende ripromettendosi di sbrigarle in seguito. [da un incr. tra it. intra intasare e sp. atrasar].

ntrassatu agg. Arretrato accumulato da sbrigare: tegnu fatèi ntrassate ho lavori interrotti e rimandati.

ntrassu sm. L'accumulazione di lavori interrotti; cumulo di faccende di giorno in giorno rimandate.

ntrata sf. 1- La fioritura e la gemmazione dei vegetali; la mignolatura, la comparsa dei brocci dell'ulivo, la quale fa intravvedere la quantità del futuro raccolto: quannu la ntrata ete bona quest'anno la mignolatura (la fioritura) è abbondante. [dall'it. entrata, inizio].

ntrattantu avv. Frattanto, nel frattempo: ntrattantu parli cu llu nutaru, ièu ba' rriu alle Quattru Spezarèi frattanto tu parli con il notaio, io faccio un salto alle 'Quattro Spezierìe'.

ntrattenìre tr.; pres. ntrattegnu, ecc. (segue la coniugazione del semplice tenìre). Intrattenere; trattenere: ntratteniti stu cammerata miu intrattenete questo mio camerata; le pàmpane ntrattènenu li rasçi te lu sule i pàmpini trattengono i raggi del sole. V. pure trattenire, ntartenire.

ntraugghiare v. traugghiare.

ntrecante agg. e sm. e f. Intrigante; impiccione.

ntrecare rifl.; pres. me ntricu, te ntrichi, se ntrica, ni ntrecamu, ecc.; p. rem. me ntrecài, ecc.; pp. ntrecatu * 1- Impicciarsi, intromettersi senza essere gradito: nu tt'à' ntrecare te li fatti de l'àutri non ti devi impicciare dei fatti altrui * detto: nu tte ntrecare e nnu tte mpicciare, ci nu mbuèi cu aggi male non ti impicciare e non intrometterti, se non vuoi ricevere un danno * prov. Cinca se ntrica, resta ntrecatu, perde le scarpe e rrimane squasatu chi si impiccia, resta intricato, perde le scarpe e rimane scalzo * 2- Darsi da fare con allegria: le zei se sta’ ntrìcanu te lu sponzalìziu le zie si stanno interessando con solerzia del matrimonio. [lat. intricari].

ntrecatu agg. 1- Solerte; lietamente indaffarato: stanu ntrecate ca ànu sçire a mmare sono allegre e indaffarate perché sono per recarsi al mare * 2- Euforico; che non sta nei propri panni.

ntrecciare (lett.) tr.; pres. ntrècciu, ntriecci, ntrèccia, ntrecciamu, ecc.; p. rem. ntrecciài, ecc.; pp. ntrecciatu. Intrecciare. V. il più comune nfiettare.

ntrècciu sm. Intreccio, intrico; complicazione.

ntrecusu agg. Che si impiccia bonariamente, a fin di bene, dei casi altrui.

ntrepetazzu agg. Impertinente e sfrontato; spavaldo sfacciato. [pegg. di ntrèpetu].

ntrepetezza sf. Impudenza sfacciata; sfrontatezza; spavalderia.

ntrepetieδδu agg. Sfrontatello. [dim. di ntrèpetu].

ntrèpetu agg. 1- Intrepido, assai risoluto * 2- Spavaldo temerario * 3- Impertinente, sfrontato. [dal lat. intrepidus].
DE D. Ha bistu l'omu, quandu te pieδδi cuperutu / lu rreparàa na rutta de l'àcqua e de lu sçelu, / e lu sta bite moi ntrèpetu, rresulutu, / salire cu scuprisce li campi de lu celu!

ntricu (pl. ntrichi ) sm. 1- Intrigo * 2- Groviglio * 3- Piacevole incombenza.

ntresattu (allu -) avv. All'improvviso, d'un tratto. V. antresattu.

ntrifulare rifl.; pres. me ntrìfulu,… ni ntrifulamu, ecc.; p. rem. me ntrifulài, ecc.; pp. ntrifulatu. Agghindarsi con fronzoli, nastri e fettucce. [da trìfulu].

ntrignare intr.; pres. ntrignu,… ntrignamu, ecc.; p. rem. ntrignài, ecc.; pp. ntrignatu. Diventare arcigno, imbronciarsi; farsi scuro; rannuvolarsi: lu celu ntrignàu il cielo si annuvolò e diventò scuro.

ntrignulare intr.; pres. ntrìgnulu,… ntrignulamu, ecc.; p. rem. ntrignulài, ecc.; pp. ntrignulatu. Intirizzire; rabbrividire; battere i denti per il freddo oppure per la paura.

ntrignulatu agg. Intirizzito; agghiacciato per lo spavento.

ntròitu (lett.) sm. Introito, incasso. [lat. introitus]. V. ncassu, uatagnu.

ntru prep. Entro, dentro. V. intra, ntra.
MAR. Se ntru δδu mantu nìuru, nula, nzierri / làpete rosse e fùrmeni de morte,…

ntrufulamientu sm. Intrufolamento, intrusione.

ntrufulare tr.; pres. ntrùfulu,… ntrufulamu, ecc.; p. rem. ntrufulài, ecc.; pp. ntufulatu. Intrufolare, introdurre di nascosto * rifl. Entrare di soppiatto. [da trùfulu].

ntruitare (lett.) tr.; pres. ntròitu, ntròiti, ntròita, ntruitamu, ecc.; p. rem. ntruitài, ecc.; pp. ntruitatu. Introidare, incassare. [da ntròitu]. V. ncassare, uatagnare.

ntrumèttere, ntrumettìre rifl.; pres. me ntrumettu, te ntrumietti, se ntrumette, ni ntrumettimu, ecc.; p. rem. me ntrumettìi,… ni ntrumettemmu, ecc.; pp. ntrumettutu. Intromettersi in questioni che non riguardano. [lat. intromittere].

ntrumìntere, ntrumentìre rifl.; pres. me ntrumintu, ecc. (segue la coniugazione del semplice mìntere). Intromettersi in questioni che non riguardano.

ntrunare tr. e intr.; pres. ntronu, ntrueni, ntrona, ntrunamu, ecc.; p. rem. ntrunài, ecc.; pp. ntrunatu * tr. Intronare, assordare: ste campane me sta’ ntrònanu le rìcchie queste campane (con i loro rintocchi) mi intronano le orecchie, mi assordano * intr. fig. Subire uno scatto articolare: mpena mmou lu razzu, me ntrona non appena muovo il braccio, subisce uno scatto all'articolazione; m'ànu ntrunate le spaδδe la mia schiena ha avuto una scossa di dolore. [dal lecc. trunare].

ntrunatu agg. Intronato, stordito, scombussolato.

ntruppare intr. e tr.; pres. ntruppu,… ntruppamu, ecc.; impf. ntruppàa, ecc.; p. rem. ntruppài, ecc.; pp. ntruppatu * intr. Bloccarsi per una improvvisa contrarietà; rimanere interdetto e non riuscire ad esprimersi * tr. Ostacolare. [da un incr. it. tra intoppare e truppa].

ntruppatu agg. Interdetto; ammutolito; ostacolato e impedito.

ntruppecare intr.; pres. ntrùppecu, ntrùppechi, ntrùppeca, ntruppecamu, ecc.; p. rem. ntruppecài, ecc.; pp. ntruppecatu. Incespicare, inciampare e tentare di non cadere. [da ntruppu].

ntruppu sm. Intoppo imprevisto, ostacolo improvviso.

ntrùsçere, ntrusçìre rifl.; pres. me ntrùsçiu,… ni ntrusçimu, ecc.; impf. me ntrusçìa, ecc.; p. rem. me ntrusçìi,… ni ntrusçemmu, ecc.; pp. ntrusçiutu. Entrare senza essere invitato; introdursi; intromettersi, immischiarsi in cose che non riguardano. [da un incr. tra lat. introire e it. entro gire].

ntrusçìula sf. Donna girandolona e ficcanaso, la quale, inoltre, trascura la persona e la casa.

ntrusu sm. Intruso, estraneo.

ntruzzare tr.; pres. ntrozzu, ntruezzi, ntrozza, ntruzzamu, ecc.; p. rem. ntruzzài, ecc.; pp. ntruzzatu. Incarrucolare, rimettere il canapo nell'incavo della carrucola. [dal lecc. trozza].

ntubbulare tr.; pres. ntùbbulu,… ntubbulamu, ecc.; p. rem. ntubbulài, ecc.; pp. ntubbulatu. Duplicare, raddoppiare; piegare in due. [da dùbbulu].

ntuertu, ntertu (a -) avv. A torto, infondatamente, innocentemente. [da tertu, tuertu]. V. anche ntortamente.

ntufare intr. e tr.; pres. ntufu,… ntufamu, ecc.; p. rem. ntufài, ecc; pp. ntufatu * intr. Indurire dereriorandosi; inaridirsi: lu purecàsciu allu sule à ntufatu la pagnotta di pane al sole si è indurita * tr. fig. Comprare a credito con l'intenzione di bidonare; raggirare non pagando i debiti. [dal lecc. tufu].

ntufatu agg. Indurito e andato a male; inaridito e deteriorato * prov. Pane ntufatu mancu mmuδδatu pane indurito neppure bagnato è buono da mangiare.

ntuìre (lett.) tr.; pres. ntuiscu,… ntuìmu, ecc.; impf. ntuìa, ecc.; p. rem. ntuìi,… ntuemmu, ecc.; pp. ntuutu (ntuitu) . Intuire: sine, àggiu ntuutu cce ttieni a ncuerpu sì, ho intuito io che cosa rimugini. [lat. intueri]. V. il più comune capìre.

ntuìtu agg. Intuìto, capito a tutta prima.

ntùitu sm. Intùito, intuizione.

ntulettare tr.; pres. ntulettu, ntulietti, ntuletta, ntulettamu, ecc.; p. rem. ntulettài, ecc.; pp. ntulettatu. Vestire con eleganza adoperando tutti gli attrezzi e gli ingredienti della toeletta e della moda: ntulettàu la fìgghia e lla purtàu allu triatu vestì a modo la figlia e la accompagnò a teatro; li gioanotti se ntulèttanu e banu allu strùsciu i giovanotti si vestono a puntino e vanno allo 'sfregamento' serale lungo il corso. [dal lecc. tuletta].

ntulettatu agg. Vestito con eleganza.

ntunare tr. e intr.; pres. ntonu, ntueni, ntona, ntunamu, ecc.; p. rem. ntunài, ecc.; pp. ntunatu * tr. Intonare cantando, cantare con tono giusto; armonizzare: ìi butu ssèntere comu ntunàanu li sturnielli avresti dovuto sentire come intonavano gli stornelli * intr. fig. Andare a genio; essere di gradimento; piacere: le rapacàule nu mme ntònanu filu le cime di rape non sono affatto di mio gusto; δδi cumpagni toi me ntunàra quei tuoi compagni mi andarono a genio, mi furono simpatici. Da un canto natalizio:   Mamminieδδu, tegnu fame, / damme Tie nna cosa bona: / nnu pezzettu te presuttu / o nna feδδa te salame…; / lu pesieδδu nu mme ntona…

ntunatu agg. Intonato; armonizzato; confacente.

ntundare v. ttundare.

Ntuninu, Tuninu, Ninu pers. Antonino.

Ntunùcciu, Nùcciu, Ucciu pers. Antonio.

ntuppare v. ttuppare.

nturchiatore sm. Operaio addetto alle operazioni di torchiatura.

nturchiatrice sf. Addetta alla torchiatura delle foglie di tabacco di scarto.

nturciata sf. Processione con le torce accese. V. pure turciata.

nturnare tr.; pres. nturnu,… nturnamu, ecc.; impf. nturnàa, ecc.; p. rem. nturnài, ecc.; pp. nturnatu. Tornire, lavorare al tornio: mèsciu Pepi nturnàa curri cu lla caffetta, pieti te banca e àutre cose maestro Goffredo costruiva al tornio trottole di legno con i bitorzoli in cima, piedi di tavolini ed altri oggetti. [da turnu].

nturnatu agg. Lavorato al tornio; ben tornito e raffinato.
Da c. p. Beδδa, lu piettu tou sia ca e' nturnatu / e nci cummene d'oru nna catina.

nturniare tr.; pres. nturnìsçiu, ecc.; impf. nturniàa, ecc.; p. rem. nturniài, ecc.; pp. nturniatu. Attorniare. V. nturnisçiare.

nturnisçiare tr. e intr.; pres. nturnìsçiu, ecc.; impf. nturnisçiàa, ecc.; p. rem. nturnisçiài, ecc.; pp. nturnisçiatu * tr. Contornare; circondare, attorniare * intr. Gironzolare; andare intorno: sçire nturnisçiandu andare a zonzo. [da un incr. tra nturnu e nturniare + suff. iter.-durat. -sçiare].

nturnisçiatu agg. 1- Attorniato: ni piacìa cu bessa nturnisçiata te li carusieδδi ngraziati le piaceva essere attorniata da giovanetti graziosi * 2- Disposto intorno: nturnisçiati nfacce alla mamma rande, ca ni cuntàa cunti e culacchi disposti intorno alla nonna, la quale ci raccontava novelle e barzellette.

nturnu avv. Intorno, torno torno.
LEONE Ntra l'àrveri sçioca lu ientu ca porta pe l'ària la ndore / de fiuri, ca nturnu li sentu / parlare tra iδδi d'amore.

nturrare tr.; pres. nturru,… nturramu, ecc.; p. rem. nturrài, ecc.; pp. nturratu. Abbrustolire, tostare: sta’ nturra l'èrgiu abbrustolisce i chicchi di orzo. [dal lat. urere > ustolare incr. con it. torr(ef)are].

ntursare tr. e intr.; pres. ntursu, ntursamu, ecc.; p. rem. ntursài, ecc.; pp. ntursatu * tr. Fare incallire, fare indurire malamente * intr. Indurire come un torso; incallire. [da tursu].

ntursatu agg. Indurito come un tòrsolo; incallito, deteriorato dall'indurimento.

nturtìgghia sm. e f. Persona precipitosa nel parlare, che si esprime confusamente; balbuziente.

nturtigghiare tr.; pres. nturtìgghiu, ecc.; impf. nturtigghiàa, ecc.; p. rem. nturtigghiài, ecc.; pp. nturtigghiatu * 1- Intortigliare, attorcigliare in gran fretta, ravvolgere alla rinfusa; aggomitolare alla meno peggio * 2- fig. Pronunziare le frasi affrettatamente smozzicando le parole * 3- Scaraventare ruotando il braccio; lanciare un oggetto facendolo ruotare. [dal lat. in tortilia, lia>gghia, + suff. -are].

nturtigghiatu agg. Attorcigliato, avvoltolato; arruffato, imbrogliato.

nturtigghiune sm. Bastoncino con cui si attorcigliano le funi tese in legamento parallelo.

nturtigghiuni avv. A rotta di collo; precipitosamente e disordinatamente: δδi mìnchia spalisçiàra nturtigghiuni de cquài e de δδai quei minchioni confusamente a precipizio si dispersero di qua e di là.
DE D. Macari brapi l'ecchi… se nd'ènenu li uài… / nd'ene quiδδu ci nd'ene… e tocca a nturtigghiuni / cu ppiensi alle camise, cu ppiensi alli chesçiuni!

ntussecare tr.; pres. ntòssecu, ntuèssechi, ntòsseca, ntussecamu, ecc.; p. rem. ntussecài, ecc.; pp. ntussecatu * Provocare disturbi allo stomaco con conati di vomito, e all'intestino con diarrea: le cozzenìure ntussecàra li nvitati i mìtili fecero male agli invitati * 2- Indolenzire, provocare dolore al una parte del corpo già malata: ni ntussecasti lu fau te la cossa gli provocasti dolore urtandogli il grosso foruncolo sulla coscia. [lat. med. intoxicare].

ntussecatu agg. Che ha subito un urto doloroso; dolorante; amareggiato.
Da c. p. tie ciciarrài cu nn'àutru amante amatu, / e ièu, mpuggiatu alla prutènzia mia, / me nde sçìi cu llu core ntussecatu.

ntussecatura sf. Provocazione di un dolore fisico in una parte del corpo già malata o ferita; indolenzimento.

ntustare tr. e intr.; pres. ntostu, ntuesti, ntosta, ntustamu, ecc.; p. rem. ntustài, ecc.; pp. ntustatu * tr. Indurire, irrigidire: la sicca à ntustata la terra la siccità ha indurito la terra; nu ntustare le capicche non irrigidire le natiche * intr. Indurirsi, diventare rigido: le còcule de crita sta’ ntòstanu le pallottole di creta induriscono. [da tuestu].

ntustatu agg. Duro, indurito; rigido.

ntustisçiare intr.; pres. ntustìsçiu, ecc.; impf. ntustisçiàa, ecc.; p. rem. ntustisçiài, ecc.; pp. ntustisçiatu. Indurire sgradevolmente; assumere una deteriore e indesiderata durezza. [forma intens. di ntustare].

ntustulare intr.; pres. ntòstulu, ntuèstuli, ntòstula, ntustulamu, ecc.; p. rem. ntustulài, ecc.; pp. ntustulatu. Diventare duro in modo deteriore; ingranchire. [forma durat.-intens. di ntustare].

ntustulatu agg. Indurito; anchilosato; irrigidito.
DE D. e te li truara la matina enente / mbrazzati e ntustulati tutti doi.

ntustulìre intr.; pres. ntustulìsçiu, ecc.; impf. ntustulisçiàa, ecc.; p. rem. ntustulisçiài, ecc.; pp. ntustulisçiatu * 1- Irrigidire; indurire disgustosamente * 2- Intirizzire; restringersi e indurirsi per il freddo. [[da ntustulire + suff. intens.-durat. -sçiare].

ntustulutu agg. Malamente disseccato e indurito; irrigidito; ingranchito; incallito * fig. Immobile e fisso, impalato: ntustulutu comu nnu babbu impalato come un babbeo.

ntuttu avv. In tutto, del tutto, in totale, totalmente, per intero: me tese inti lire ntuttu mi dette venti lire in tutto; ntuttu quantu ene? in totale quanto viene? tie sinti scemu ntuttu tu sei totalmente scemo.

nu, nun avv. di negazione ( nu rafforza il suono e raddoppia la consonante semplice iniziale della parola seguente). Non, neppure: nu ssente, nu ddole, nu pparla non sente, non duole, non parla; ièu nu tte ògghiu male io non desidero il tuo male; nu osçe e nnu ccrai non oggi e neppure domani; nu nd'àggiu utu non ne ho avuto; nun ete tantu fiaccu te core non è tanto cattivo di animo; nun à mmuertu ncora non è ancora morto. [lat. non].

nuanta, noanta agg. Novanta: tene nuanta anni ha novanta anni * modo di dire: ci te egna unu e nnuanta che ti venga uno e novanta, cioè un forte spavento.

nuantanòe agg. Novantanove * modo di dire: tantu nuantanòe e ttantu centu tanto 99 quanto 100, uno in più o uno in meno non fa differenza.

nuantina sf. Una novantina, più o meno novanta, una sachiera di novanta.

nubbiare, nnubbiare tr.; pres. nùbbiu, ecc.; impf. nubbiàa, ecc.; p. rem. nubbiài, ecc.; pp. nubbiatu. Annebbiare la mente mediante farmaci, anestetizzare: prima cu ffàzzanu lu sbarru, lu nùbbianu prima di procedere all'operazione, lo anestetizzano; li latri nnubbiàra li cani e ttrasèra i ladri annebbiarono i sensi ai cani ed entrarono. [dal lat. nubilare].

nubbiatu, nnubbiatu agg. Anestetizzato; intontito, istupidito.

nùbbiu sm. Anestetico, come ètere, oppio, ecc.. [dal lat. nubi(l)um].

nuce sm. 1- Noce, sia l'albero che il suo frutto: muti aceδδi se mmasùnanu su llu nuce molti uccelli si appollàiano la notte sul noce; nuce masculinu e nnuce femmininu noce a guscio duro e noce a scorza molle; spicu te nuce gherìglio * detto: li nuci a ttre ccerchi pòrtanu furtuna le noci a tre sezioni recano fortuna * prov. Nnu nuce ntru nnu saccu nu ssona una noce in un sacco non fa rumore, non si fa né sentire né notare * 2- Malleolo * 3- Pomo di Adamo prominente * 4- Capsula tuttora intatta della pianta del cotone. [lat. nux nucis].

nuceδδa sf. 1- Nocciolina in genere: nnu quartu te nuceδδe mmisçhe 250 grammi di noccioline di vari tipi * in particolare: nuceδδe toste avellane, nuceδδe muδδise o mueδδi o mericane aràchidi * 2- fig. Testicolo di un bambino. [lat. nucella, ll>δδ].
DE D. ca ièu nu ssu' de quiδδe cannarute: / do' sordi de nuceδδe ìanu bastate,

nuceδδaru sm. Venditore di noci, noccioline e semi abbrustoliti. [da nuceδδa + suff. di mest. -aru].

nuceδδuzza sf. Nocella, la piccola protuberanza rotondeggiante dell'ulna del polso. [dim. di nuceδδa].

nuce muscatu sm. Noce moscata. [lat. med. nux muscata].

nucigghiese agg. Di Nociglia * sm. e f. Abitante di Nociglia; essi venivano indicati con il nomignolo di 'craunari'.

Nucìgghia geogr. Nociglia.

nucipressu sm. Strobilo, il frutto del cipresso, la cui pianta, invece, era detta 'àrveru te campusantu'.

nucivu (lett.) agg. Nocivo, dannoso. [lat. nocivus]. V. fiaccu.

nuδδa agg. f. (raro come pron.). Nessuna: nuδδa carusa ole rrumagna ziteδδa nessuna signorina desidera rimanere zitella; nuδδa de nui ose cu sse mmìsçia ntra ste cannàmene nessuna di noi volle immischiarsi in queste sciocchezze. [dal lat. nulla, ll>δδ].

nuδδu agg. m. (raro come pron.; al suo posto è più usato 'nisciunu' v.). Nessuno, neanche uno; alcuno: nuδδu pàssaru se ite ulare a nturnu nessun passerotto si vede volare intorno; nu nc'era nuδδu singu non c'era alcun segno; nu llu àcuru a nnuδδu core de mamma non lo àuguro a nessun cuore di mamma; nuδδu nd'àggiu utu non ne ho avuto nemmeno uno. [lat. nullu(s), ll>δδ].

Nuè pers. Noè.

nuellu agg. Novello, primo di stagione: cepuδδe, fae, petate nuelle cipolle, fave, patate novelle; suntu spàlici nuelli sono i primi asparagi di stagione. [lat. novus, dim. novellus].

nuembre sm. Novembre: nuembre ete lu mese te li muerti novembre è il mese dei morti * prov. A nnuembre, te Santu Cremente lu iernu minte lu prima tente a novembre, di S. Clemente (giorno 23), l'inverno mette il primo dente e fa sentire i primi morsi. [lat. november -bris].

nuèna sf. Novena. [dal lat. nuena(ria) ]. V. pure nuèra.

nuenaru, nuenàriu sm. Novenario. [dal lat. novenarius].

nuèra sf. Novena; ciascuno dei nove giorni della pratica di devozione: la nuèra te lu Mamminu la novena del Bambino Gesù; àggiu pututa sçire a ssei nuère sule son potuta andare solo sei giorni della novena.

nuèsciu v. nèsciu.

nuèu v. neu.

nui pron. di 1ª pers. pl. Noi: nui simu li mègghiu noi siamo i migliori; a nnui ni piace a noi piace; unu te nui à bìncere a nforsa uno di noi deve per forza vincere; statte cu nnui stai con noi; nui aìmu tuertu noi abbiamo torto. [it. ant. nui].
Da c. p. tenìmuni nui, senone catimu, / ca ci buccamu nui a nterra sçiamu, / cu anche e ccu rrazze nui ni mbrigghiamu, / cu asi e carizzi l'amore facimu.

nùia, nòia sf. Noia.

nuiare, nnoiare tr. e intr.; pres. nòiu, nòii, nòia, nuiamu (nnoiamu), nuiati (nnoiati), nòianu (nnòianu) ; impf. nuiàa, ecc.; p. rem. nuiài, ecc.; pp. nuiatu * Infastidire: te lu dicu ntorna: nu nnuiare fìgghiama te lo ripeto: non infastidire mia figlia; le chiàccere lu nùianu le chiacchiere lo infastidiscono * intr. rifl. Annoiarsi: me nnòiu cu stau senza ffazzu nienti io mi annoio senza far niente; bu sta’ nnuiati? vi state annoiando? [dal lat. in o(d)iare].

nuiatu, nnuiatu agg. Annoiato; infastidito, seccato.

nuìna sf. Più o meno nove.

nuitate, nuità, nuvità sf. Novità. [dal lat. novitas -atis].

nuiusu agg. Noioso, fastidioso.

nula sf. Nuvola, nube; nembo: nu nc'era nna nula a ncelu non c'era una nuvola in cielo; lu celu ete cuperutu te nule nìure il cielo è coperto di nubi scure; te sçeroccu salìanu nule pauruse da sud si sollevavano nembi che incutevano timore. [dal lat. nu(bi)la].
Da c. p. Diu te lu celu, màndame nna nula / de àcqua menutina a mmenza state; / Diu te li ienti, màndame nna nula / cu ttrònate e dderlampi e ttempestate.

nulìcchia sf. Nuvoletta. [dim. di nula].

nuliceδδa sf. Nuvola piccola, nuvoletta, cirro. [dim. di nula].

nume sm. Nome: ni fisça, la chiama "ei, tie", comu se nu ttene nume le fischia, la chiama "ehi, tu", come se non avesse nome; prima cu ddica lu nume miu tocca sse llàa la ucca cu llu sucu te limone prima che pronunzi il mio nome deve disinfettarsi la bocca con il succo del limone; lu nume miu ete Ntoni, ma muti me chiàmanu Ntunùcciu o Ucciu il mio nome è Antonio, ma molti mi chiamano Antonuccio o Uccio; sulu l'annimali nu ttènenu nume soltanto gli animali non hanno nome (anagrafico). [lat. nomen].
Da c. p. Beδδa beδδa te fice la toa mamma, / lu nume ci te mise foi Marìa,

numèa sf. Nomèa, fama sconveniente: tene la numèa te cerniientu ha la nomea di (essere) fannullone inconcludente.

numenare, nnumenare tr.; pres. nòmenu (nnòmenu),… numenamu (nnumenamu), ecc.; p. rem. numenài, ecc.; pp. numenatu. Nominare, fare il nome di qualcuno: mpena numenàu fràisa, ca nu bessìu te retu all'àngulu? appena fece il nome di suo fratello, non vuoi che comparve da dietro l'angolo? nu sse nòmina lu nume te Diu nvanu non si nomina il nome di Dio senza un valido motivo; nun e' ddegnu mancu cu mme nòmina non è degno di fare nemmeno il nome mio * rifl. Essere indicato con un soprannome non ingiurioso e perciò accettato: te striu me numenàa Spirdu pe ccomu fusçìa da ragazzo ero soprannominato 'Spirito' per quanto ero veloce nella corsa.

numenata sf. Fama, reputazione * modi di dire: tenìre nna bona (fiacca) numenata avere una buona (cattiva) reputazione § sçire pe nnumenata essere famoso, essere noto per qualche cosa in particolare.

numenatu agg. Conosiuto di nome, noto: ete nna nunna mutu numenata è una signora molto conosciuta di nome; ntru δδa casa Cristu nun era numenatu in quella famiglia Cristo non era conosciuto né nominato * detto: Omu tristu, numenatu e istu uomo tristo, appena viene nominato appare alla vista. [lat. nominatus].

numerare (lett.) tr.; pres. nùmeru,… numeramu, ecc.; p. rem. numerài, ecc.; pp. numeratu. Numerare, contare. V. cuntare.

nùmeru sm. Numero: segnu li nùmeri doi, uettu e dèice segno i numeri due, otto e dieci; nc'ete scritti nnu nùmeru 3 e ttre nnùmeri ca nu sse lèggenu ci sono scritti un 3 ed altre tre cifre che non si leggono * modo di dire: nduenare li nùmeri dopu ca su' bessuti indovinare i numeri del lotto dopo che sono stati estratti * sm. pl. Cose strane; idee strambe: osçe tene li nùmeri a ncapu oggi ha idee strane per la testa. [lat. numerus].

nun avv. di negazione, usato davanti a parola che inizia per vocale. Non: nun ete fumu l'amore l'amore non è fumo; nun aìa curàggiu cu pparla non aveva il coraggio di parlare. [lat. non]. V. nu.

nundiare tr.; pres. nùndiu, ecc.; impf. nundiàa, ecc.; p. rem. nundiài, ecc.; pp. nundiatu. Esporre al mercato per vendere; fare mercato in piazza: lu ferraru nundiàu fàuci, sarchiuδδe e zappe il fabbro ferraio presentò al mercato falci, zappette e zappe; ogne mmartetìa nùndianu a Magghie ogni martedì fanno mercato a Maglie. [dal lat. nundi(nae) ].

nunna sf. 1- Donna in genere, signora anziana: nna nunna sta’ binde fiuri te rasta una donna vende fiori coltivati; ei, nunna, me dai bìere? per favore, signora, mi dai da bere? * 2- Appellativo rivolto alla madrina: salùtame la nunna Tunata porta il mio saluto a Donata, la mia madrina * Con i possessivi in pos. encl.: nùnnama, nùnnata, nùnnasa la mia, la tua, la sua madrina. [dal lat. nonna].

nunnu sm. 1- Uomo in genere, signore anziano: sta’ bènenu do' nunni vengono due uomini anziani; nunnu, a ddu sta’ ccurri? signore, dove corri? * 2- Appellativo rivolto al padrino di battesimo e di cresima: lu nunnu Ginu m'à rrecalatu Gino, il mio padrino, mi ha fatto un regalo. Con i possessivi in pos. encl.: nùnnuma, nùnnuta, nùnnusa il mio padrino, il tuo padrino, il suo padrino. [dal lat. nonnus].

Nunziata, Nunziatina, Tata, Tina pers. Annunziata * provv. Te la Nunziata ntrata parata nella ricorrenza dell'Annunziata (25 marzo) la mignolatura degli olivi appare nella sua evidenza § Te la Nunziata ogne erva e' scattiata dell'Annunziata ogni erbaccia dev'essere stata sradicata.

nurare, nnurare. Onorare. V. unurare.

nurmale agg. Normale. [lat. normalis].

nustersignu avv. Il giorno precedente l'altro ieri, cioè tre giorni fa.

nustiersu avv. L'altro ieri, due giorni fa. [dal lat. nudius tertius].

nustrale agg. Nostrano, locale, del proprio paese: fazzu li nniesti su cchiante nustrali opero gli innesti su piante nostrane; suntu cchiùi sapuriti li leumi nustrali sono più saporiti i legumi della nostra zona * sm. Aratro di legno senza ruota: basta nna scrasçiatura cu llu nustrale è sufficiente una aratura superficiale con l'aratro di legno, costruito da un 'mèsciu d'àscia' locale.

nustranu agg. 1- Nostrano, dei nostri luoghi; personale, padronale: ete carne te sçencu nustranu è carne di vitello nostrano; ete mieru genuinu nustranu è vino genuino padronale. [lat. nustranus].

nutare (lett.) tr.; pres. notu,… nutamu, ecc.; impf. nutàa, ecc.; p. rem. nutài, ecc.; pp. nutatu. Notare, osservare: àggiu nutatu ca, ci uèi, sinti nnu buenu uagnone ho notato che, purché tu lo voglia, ti comporti da buon ragazzo. V. ìtere.

nutaru sm. Notaio * modo di dire: scrii, nutaru! ci mancava anche questo: prendiàmone nota!. [lat. notarius].

nutìzia sf. Notozia. [lat. noticia]. V. la voce più comune noa.

nutòriu (lett.) agg. Notorio. [dal lat. notorius]. V. canusciutu.

nutrecare (lett.) tr.; pres. nùtrecu, nùtrechi, nùtreca, nutrecamu, ecc.; p. rem. nutrecài, ecc.; pp. nutrecatu. Nutrire. [lat. nutricari]. V. ciare, mantenire.

nùtria sf. Noria, meccanismo sistemato sulla bocca del pozzo; mosso in cerchio da un asinello bendato, serviva per sollevare, mediante secchi fissati ad una ruota, acqua per l'irrigazione dei campi aridi. [dallo sp. nòria incr. con lecc. utri]. V. pure naèra.

nutrinu sm. Lattonzolo, giovane animale non ancora svezzato.

nutrizza sf. Nutrice, balia. [dal lat. nutrix > nutricia].
BOZZI Fanne stare a desçiunu la nutrizza / e bi' se la piccinna nu se stizza.

nuttàmbulu agg. e sm. Nottambolo, notturno; che trascorre la notte girovagando; sonnambolo.

nuttata sf. Nottata.

nutturnu (lett.) agg. Notturno, che appartiene alla notte. [lat. nocturnus].

nutu agg. Nudo: nutu an Cristu nudo come Cristo; le fìmmene cu lle razze nute nu ppòtenu trasire le donne con le braccia scoperte non possono entrare * prov. Ci la mmane nu ssuntu lestu, nutu au e nnutu restu se il mattino non sono lesto a cercare lavoro, nudo e povero sono e nudo e povero resterò. [lat. nudus].

nuvella (neol.) sf. Novella, racconto di vicende reali. V. cuntu2.

nuvizia sf. Novizia, giovane tirocinante di un ordine religioso. [lat. novicia].

nuzzaru sm. Deposito della sansa. [dal lecc. nozze + suff. funz. -aru].

nuzzularu agg. Di frutto, o che presenta un nòcciolo troppo grosso e polpa poco spessa, o che presenta un numero esagerato di nòccioli. [da nùzzulu + suff. -aru].

nuzzulatu agg. Costituito di grumi solidi; grumoso.