S s

Circa i diversi suoni della s- preconsonantica vedi nelle AVVERTENZE premesse.

sa agg. possessivo indecl., usato sempre in pos. encl. Suo, sua: sirsa e màmmasa, sècrusa e sòcrasa se ntrumìsera suo padre e sua madre, suo suocero e sua suocera si misero in mezzo.

sabbatisçiare tr.; pres. sabbatìsçiu, ecc.; impf. sabbatisçiàa, ecc.; p. rem. sabbatisçiài, ecc.; pp. sabbatisçiatu. Rimandare al sabato; ripromettersi di compiere un qualcosa nel prossimo futuro. [da sàbbatu].

sàbbatu sm. Sabato: lu sàbbatu ete lu giurnu cchiù' bbellu te la semana il sabato è il giorno più bello della settimana * prov. Nu nc'ete sàbbatu senza sule, nu nc'ete donna senza amore non c'è sabato senza sole, non c'è donna senza amore. [lat. sabbatum].

sabbiatura sf. Sabbiatura, arenazione, una volta praticata sugli arenili salentini, per lenire i dolori reumatici e gli acciacchi senili.

sabbione sf. Rena grossolana usata per fare impasti di malta. [lat. sabulo -onis].

sacara sf. Grossa biscia. V. secara.

sacàstecu (pl. sacàstechi) agg. Sarcastico.

saccarizza sf. Arsura della gola; grande sete. [da incr. tra it. seccare e secchezza].

saccarutu, ssaccarutu agg. Assetato.

sacchetta sf. Carniere di tela, borsa da tenere a tracolla.

sacchettu sm. Sacchetto di tela fine.

saccòccia sf. Saccoccia, ampia tasca.

saccu sm. (pl. m. sacchi, pl. f. sàccure). Sacco di tela ruvida e grossolana: nnu saccu te scafògghie un sacco di foglie di verdure; sàccure te uèrgiu, te ranu, te farina sacchi di orzo, di grano, di farina; li sacchi mpuggiàtili δδai poggiate i sacchi lì * prov. Lu saccu acante nu sse mantene tisu il sacco vuoto non si regge dritto * fig. 1- Quantità grande: nnu saccu te uài un sacco di guai; te mmeretài nnu saccu te mazzate meriteresti un sacco di botte * 2- Bigliettone da cento lire; successivamente, biglietto da mille lire: me custàu la bellezza te sei sacchi unu subbra l'àutru mi costò la bellezza di sei bigliettoni pagati a vista uno sull'altro. [lat. saccus].

saccu acante sm. e f. fig. Persona fatua e balorda.

disegno
saccufàe

saccufàe sm. 1- Beccafico, uccello goloso di fichi, di colore grigio-olivastro di sopra e biancastro sotto * 2- Rigògolo, uccello di passo, con piumaggio giallastro, tranne ali e coda che sono nere. [dal gr. sicòfagos].

saccunceδδu sm. Pagliericcio da sistemare per terra all'occorrenza. [dim. di saccune].

saccune sm. Saccone riempito di foglie di granoturco o di paglia, usato come giaciglio; grande paglieccio. [accr. di saccu].
Da c. p. Lu saccune l'à' chinu te remigna, / lu capetale te fronde te canna.

saccuràfia sf. Lunga stecca di metallo, appuntita ad una estremità e forata nell'altra, adoperata come ago per cucire spesse tele di sacco, materassi, imbottite, o per infilzare le foglie di tabacco. [gr. saccoràfo].

saccutieδδu sm. Sacco di piccole dimensioni, sacchetto di tela.

sacramentu (pl. sacramienti) sm. 1- Sacramento, ciascuno dei sette segni della grazia divina (più qualche altro a piacere!): lu sacramentu te lu battèsemu il sacramento del battesimo; nu sse nganna lu sacramentu te lu cumparàsçiu non si tradisce il legame del comparatico; a ttie, striu, te màncanu li sette sacramienti a te, ragazzo, mancano i sette sacramenti, essendo un discolaccio insopportabile * 2- Ostia consacrata: gneffiata ci passi nnanti allu Sacramentu, t’à ggenucchiare ogni qualvolta passi davanti al Sacramento, devi genufletterti * 3- Oggetto imponente, che domina e dà nell'occhio. [dal lat. sacramentum].

sacrefìggiu, sacrifìciu sm. Sacrificio, grave perdita, privazione volontaria: pe lli fili loru le mamme fàcenu tanti sacrefiggi per i propri figli le madri compiono tanti sacrifici; lu miu à statu nnu sacrifìciu de tiempu e de turnisi la mia è stata una grave perdita di tempo e di denari. [lat. sacrificium].

sacrestanu sm. Sagrestano * provv. A ddu nc'ete muti sacrestani la chèsia rrumane a llu scuru se ci sono molti sagrestani, proprio allora la chiesa rimane al buio § Vvucati e ssacrestani suntu li pèsçiu cristiani avvocati e sagrestani sono i peggiori cristiani. [lat. med. sacristanus].

sacrestìa sf. Sagrestia.

sacrificare tr.; pres. sacrìficu, sacrìfichi, sacrìfica, sacrificamu, ecc.; p. rem. sacrificài, ecc.; pp. sacrificatu. Sacrificare, offrire con abnegazione; soffrire volontariamente: ni sacrificàu li mègghiu anni te gioentute gli sacrificò i migliori anni della giovinezza; vordire ca pe sta fiata te sacrìfichi tie vuol dire che per questa volta ti sacrìfichi tu.

sacrìlecu agg. Sacrìlego, scellerato, empio * sm. Bestemmiatore incallito, che si inventa le imprecazioni. [lat. sacrilegus].

sacrilèggiu sm. Sacrilegio, profanazione. [lat. sacrilegium].

sacru agg. Sacro. [lat. sacrum].

sacrusantu agg. Sacrosanto, intangibile, inviolabile; spettante di diritto: lu miu ete nnu iussu sacrusantu il mio è un diritto intangibile; rrecòrdate ca sta’ ddicu la erdate sacrusanta ricordati che dico la sacrosanta verità. [lat. sacrosanctus].

sàcuma (neol.) sf. Sagoma, figura schematica. [lat. sacoma].

saggerazione v. esaggerazione.

saggerdotu sm. Sacerdote. [dal lat. sacerdos -otis]. V. papa, prèite.

sàggiu (neol.) sm. Saggio, dimostrazione. V. il più comune proa.

sagna sf. Lasagna, sfoglia sottilissima di pasta di farina preparata in casa dalla massaia e tagliata a fettuccine; ciascuna delle fettuccine di pasta: sta’ fface la sagna sta preparando la sfoglia (v. pure làina); sagne ncannulate lasagne attorcigliate a riccioloni. [lat. lasanum, lat. volg. lasania; la-, scambiata per articolo, si stacca: la sania; nia>gna].

sagna fridda sf. Lasagna raffreddata, svigorita, non appetitosa e non più saporita * fig. Persona smidollata e melensa, individuo rammollito.

sagnare tr.; pres. sagnu,… sagnamu, ecc.; impf. sagnàa,… sagnaàmu, ecc.; p. rem. sagnài, ecc.; pp. sagnatu. Salassare, cavare sangue da un malato a scopo terapeutico * fig. Spillare, cavare moltro denaro. [dall'it. (dis)sanguare].

sagnatore sm. Salassatore, praticone che, dietro compenso anche in natura, eseguiva salassi (generalmente era un barbiere).

sagnìa sf. Salasso, flebotomia frequentemente applicata per far diminuire la pressione sanguigna o per fare uscire il sangue 'cattivo', causa di tanti malori. [da sagnare].
Da c. p. A mmie tantu giòa stu cunsìgliu / quantu giòa a nnu muertu la sagnìa!

saièmmara inter. di stizza, voce attenuata dell'imprecazione 'saietta!'. Acciderba, accipicchia.

saietta sf. Saetta, fulmine: curre comu nna saietta corre come una saetta; Santu Subistianu tenìa a mmanu tante saiette S. Sebastiano reggeva in mano tante saette * fig. Accidente, colpo apoplettico; attacco di angina pectoris: a ttrentase' anni morse te saietta a trentasei anni morì di ictus * 2- Improvviso comportamento cattivo; scatto brusco e irriguardoso; ardire, impudenza: à buta la saietta cu mminte rrefuecu alla scola ha avuto tale comportamento che ha messo subbuglio alla classe; cu lla ugghina ni fice passare le saiette con lo scudiscio gli fece passare gli scatti insolenti. [lat. sa(g)itta, i>ie].
Da c. p. Minu saiette cu ngegni e ccu ll'arti / ci àutru amante ìsçiu alle toi porte.

saìme sf. Saime, grasso, lardo, strutto di maiale, sugna. [lat. sagina, lat. volg. sa(g)imen].

salacciune sm. Crescione, erba prataiola con fiori bianchi in racemi e foglie pennatosette di sapore piccante, che si aggiungono all'insalata se sono tenere e immuni dalle larve di dìstoma.

salamastru sm. Salmastro, umidità salina che fuoriesce dalla pietra calcarea 'leccese' di origine marina, macchia i muri e ne stacca gli intonaci. [lat. salmacidus incr. con suff. pegg. -astrum].

salame sf. Salame, carne di porco tritata salata e insaccata: la salame a stienti sàcciu comu sape a stento so com'è di sapore il salame * fig. Persona alquanto tonta, goffa e impacciata.

salamellicchi sm. Salamelecco, riverenza eccessivamente ossequiosa, quasi servile. [arabo salam aleih, salute a te].

salaminu sm. 1- Salamino, insaccato di forma bislunga, adatto per spuntini * 2- Rotolo bislungo di stoffa ripieno di crusca, sistamato alla base di una porta o di una finestra per non far passare polvere o aria fredda.

salamone sm. Ombrina, pesce dalle carni eccellenti.

salamura sf. 1- Salamoia * 2- Salsedine. [lat. salamoria].

salanitu sm. Nitrato di potassio, sale che si forma sulle rocce silicee impregnate di umidità. [lat. sal nitrum].

salare tr.; pres. salu,… salamu, ecc.; p. rem. salài, ecc.; pp. salatu. Salare.

salassu (neol.) sm. Salasso. V. sagnìa.

salata sf. Insalata, in altri tempi pietanza quasi giornaliera dei contadini, costituita, secondo le stagioni, di erbette o di pomodori con fette di cipolla, spruzzata di origano e condita con sale, olio e aceto (il pasto caldo era consumato la sera, al rientro dai campi).

salateδδa sf. Acetosa, erba delle poligonacee, perenne, con radice ingrossata da cui si sviluppa un fusto semplice in cima al quale spuntano i fiori rossicci riuniti a pannocchia; le foglie hanno proprietà diuretiche e antiinfiammatorie.

salatieδδu agg. Alquanto salato * sm. Lupino immerso nell'acqua salata per renderlo commestibile. [dim. di salatu].

salatu agg. Amaro per troppo sale * prov. Ci cchiù' ssalatu màngia, cchiù' àcqua bie colui che più salato mangia, più acqua beve.

sale sm. 1- Sale marino, monopolio dello Stato * provv. Mìntere nnu pìzzecu te sale su lla cuta te l'aceδδu mettere un pizzico di sale sulla coda dell'uccello, compiere un'impresa assai difficile § Cu ccanusci nn'omu, tocca ssapuri sale te sette munarchi per giungere a conoscere un uomo, devi assaporare il sale di sette monarchi * 2- Fertilizzante in generale: mina lu sale allu ranu spargi il fertilizzante nel campo del grano * 3- fig. Senno, giudizio: nde porta sale ntru δδa gnigna, a? ne ha sale in quella 'zucca', non sei d'accordo? [lat. sal salis].

salentinu agg. Salentino.

Salentu sm. Salento, penisola salentina.

salera sf. Saliera da tavola.

salessìa sf. Salicornia, pianta erbacea con fiorellini verdi in lunghe spighe cilindriche prive di reste e con frutti ad acheni; comunissima sulla fascia costiera salentina, veniva usata in decotti per le sue proprietà depurative e diuretiche: fiervi la salessìa, te bii l'àcqua menza càuta e menza fridda e poi iti quantu piesci fai bollire la salicornia, ne bevi il decotto tiepido e poi vedrai quanto orinerai.

sali sm. pl. Nome generico dato al 'sale inglese' o solfato di magnesio, purgante dal forte sapore amaro, e da altri ancora adoperati in vari usi: ni misi li sali sutta le tarici e sse ddescetàu le accostai i sali al naso e rinvenne.

Sàlice geogr. Salice Salentina.

salìre intr. e tr.; pres. sàgghiu, sali, sale, salimu, ecc.; impf. salìa, ecc.; p. rem. salìi,… salemmu, ecc.; cong. pres. sàgghia, sàgghianu; pp. salutu * intr. Salire, montare sopra, andare in alto: ui salestu subbra alla lòggia voi saliste sulla terrazza; la cumèta salìu cchiùi te lu campanaru l'aquilone si sollevò più alto del campanile * fig. Aumentare di livello; crescere di numero o di intensità: l'àcqua salìa e ttrasìa ntru lle putèi l'acqua saliva di livello ed entrava nelle botteghe; li priezzi sta’ ssàlenu i prezzi aumentano * tr. Sollevare, recare più in alto: salèra li piezzi a ncueδδu portarono su i conci a spalla; sàlime lu martieδδu rècami su il martello. [lat. salire].

saliscindi sm. Saliscendi, sistema di chiusura delle porte, che viene azionato in su e in giù. [comp. di sali(re) + scinde(re) ].

salone sm. Grande sala di un palazzo * fig. Bottega di barbiere, anche se sistemata in un piccolo vano.

salottu sm. Sala elegante per i ricevimenti degli ospiti e relativi mobili di arredamento.

sàlsola, sàrsula sf. Centaurea diffusa, pianta erbacea comune nelle colture di grano; ha fusto ramoso, foglie ovate, fiori piccoli porporini in infiorescenze. La pianta veniva usata in infusi per le proprietà toniche e corroboranti per lo stomaco. V. pure il più comune cacciafree.

saluta sf. Salita, percorso ascendente; ascesa, erta.

salutare tr.; pres. salutu,… salutamu, ecc.; p. rem. salutài, ecc.; pp. salutatu. Salutare, riverire: salutàra la signura rivolsero un saluto alla nobildonna; salutàanu cu lla uce e cu lli segni salutavano con la voce e con i gesti * detto: salutare e' ccurtesìa, respùndere e' dduère salutare è un atto di cortesia, rispondere al saluto è un dovere.

salute sf. Salute, condizione fisica: comu stati a ssalute? come state in salute?; la salute ete bona, fiacca, cussì e ccussì, nu nc'e' mmale le condizioni di salute sono buone, cattive, così e così, non possiamo lamentarci; penza alla salute e nnu tte cusçetare pensa alla salute e non ti preoccupare d'altro * inter. di saluto cortese. Salve! : Salute!, cumpare, salute! salve, compare; salute a sta cumpagnìa! salute a questa comitiva! * "Salute!" - si augurava doverosamente a colui che starnutiva. [lat. salus -utis].

salutu sm. Saluto, espressione e forma di cortesia: mandu nnu salutu alla mamma mia mando un saluto a mia madre * modo di dire: lliare lu salutu troncare qualsiasi rapporto sociale.
Da c. p. Tutti sti mei saluti, amore mia, / a ttie ci tieni lu miu core mandu; / sai quante bbonasere e bbonasorte / cchiù' cca a Nnàpuli nc'e' ppurtuni e pporte!

salzu sm. Eczema del cane e del gatto. [dal lat. salsus].

samboca sf. Bronzina, cuscinetto antifrizione della ruota. [dal lat. sambuca].

sambu! inter. Silenzio assoluto!; acqua in bocca!

sammarita sf. Piccolo pesce di scarso pregio. [gr. smarìda].

Sampascali sm. Manicomio: l'ànu chiusu a Sampascali l'hanno ricoverato in manicomio; quiδδa ete gente te Sampascali quella è gente di manicomio. [da 'San Pasquale', l'intitolazione dell'ospedale psichiatrico di Lecce].

sampetraru sm. Abitante del comune di San Pietro in Lama; ad essi veniva dato il nomignolo di 'stompa-crita', pestatori e manipolatori di argilla.

Sampietru te la màcchia geogr. San Pietro Vernotico.

Sampietru te l'ìmbreci geogr. San Pietro in Lama, paesetto noto per la manifattura di oggetti fittili.

sam pistone sm. Santo inesistente; epiteto che accompagna l'interiezione 'mannàggia' (mannàggia sam pistone!) , usato dalle persone costumate al posto del nome del vero Santo per schivare la bestemmia.

sampuertu sm. Ambiente rustico antistante o contiguo all'abitazione del contadino, dove trovano riparo gli attrezzi da lavoro e il carro agricolo. [composto di sanu, sicuro, e puertu, porto].

san troncamento di santu.

sanapu sm. Brassica nera, varietà di rapa commestibile, dalle foglie ruvide e dal sapore alquanto amarognolo ma non sgradevole: sanapi ddelessati, friddi, cu llu limone bràssiche lesse, fredde, condite con succo di limone * fig. Grattacapi che danno preoccupazioni; ghiribizzi: osçe t'à' ddescetatu cu lli sanapi? oggi ti sei svegliato con i nervi a fior di pelle? [lat. sinapis].

sanapuδδu sm. Senape selvatica, pianta erbacea annuale, con fusto peloso in basso, ramificato liscio in alto; le foglie sono pennatosette e soffuse di peluria; i fiori, riuniti in racemi, hanno corolla gialla e i frutti a siliqua scabra contengono dei semi rotondi; le foglie venivano usate per impiastro.

sanare tr. e intr.; pres. sanu,… sanamu, ecc.; impf. sanàa,… sanaàmu, ecc.; p. rem. sanài, ecc.; pp. sanatu * tr. Sanare, guarire un male o un guasto: lu miètecu sana li malati e llu cunfessore sana le ànime il medico sana gli ammalati e il confessore guarisce le anime; lu tiempu sanàu li tulori il tempo sanò i dispiceri; iti ci sani sta custione vedi di sanare questa questione incresciosa * intr. Guarire, riprendere la buona salute: quandu sanati, turnati alla scola quando sarete guariti, tornerete a scuola. [lat. sanare].

Sanàreca geogr. Sanarica.

sanatòriu sm. Ospedale specializzato per la cura delle forme tubercolari un tempo assai diffuse. [lat. sanatorius].

San Catàutu geogr. San Cataldo, la spiaggia dei Leccesi: te Lecce a San Catàutu se ae cu llu tramma da Lecce a S. Cataldo si va con il tram.

Sancazzianu geogr. San Cassiano.

sancesarese agg. Di S. Cesario * sm. e f. Abitante di S. Cesario di Lecce; essi venìvano indicati con il nomignolo di 'màngia-pasuli', gran mangiatori di fagioli.

San Cisàriu, Sancisàriu geogr. S. Cesario di Lecce.

sandalìcchiu sm. Sandaletto per bambino. [dim. di sàndalu].

sàndalu, sàndaru sm. Sandalo con piantare di legno. [dal gr. sàndalon].

sanese agg. Di Arnesano * sm. e f. Abitante di Arnesano; gli abitanti di questo paesetto venivano soprannominati 'mòzzeca-santi', che sfruttano i santi biascicando finte preghiere.

sanetate sf. Salute: sanetate e figghi màsculi salute e figli maschi; ssàggiali e ccu tte sìanu sanetate assàggiali e che ti siano di salute * prov. Ci tene sanetate ete riccu e nnu lla sape chi ha la salute, è ricco e non se ne rende conto * Colui che fa il nome del defunto, dice: "Paraìsu a iδδu e sanetate a nnui" (Signore, concedi) "il paradiso a lui e la salute a noi". [lat. sanitas -atis].

San Foca, Sanfoca geogr. San Foca, una volta grazioso villaggio di pescatori, nel territorio di Melendugno.

sanfuchese agg. Originario di S. Foca: li iatecari sanfuchesi i vetturali-pescivendoli di S. Foca.

sangassuca sf. Sanguisuca * sm. e f. fig. Scroccone, sfruttatore. V. pure sanguetta.

sangìa (pl. sangèi) sf. Gengiva. [incrocio tra lat. sanguen e it. gingiva]. V. pure il meno usato sçiangìa.

San Giuanne, Sangiuanne sm. San Giovanni Battista, eletto a patrono dei compari d'anello, i quali saranno poi anche padrini nel battesimo del primo figlioccio.
Da c. p. Se mai San Giuanne nèsciu sçià' ffenditi, / nn'àutru giurnu lu nfiernu sçià' ttruati.

sangu sm. Sangue: nna còccia te sangu una stilla di sangue; me ntisi rresçelare lu sangu mi sentii raggelare il sangue; nu mme faciti fare sangu àcetu non mi fate agitare; ni salìu lu sangu a ncapu e sse ncazzàu gli salì il sangue alla testa e si infuriò * prov. Lu sangu nu sse face mai àcqua il sangue non può diventare acqua e i parenti rimangono sempre consanguinei * Il termine precede il nome proprio, oggetto di bestemmia: sangu te Berzebbù! sangue di Belzebù; sangu te Giuta! sangue di Giuda Iscariota! [lat. sanguen].
Da c. p. Tantu me l'àggiu strìngere e basare / te lu labbruzzu sou sangu à bessìre.
DE D. Era la èspera tardu e ntru lu mare / lu sule malencònecu catìa/ e, canuscendu le spenture mare,/ a culure te sangu se tengìa.

sangu de Cristu sm. Fumaria, erba annuale che predilige i luoghi coltivati ed anche i prati; ha foglie assai frastagliate e cerose; i fiori terminali di colore rossiccio sono raccolti in racemi; ha proprietà depurative e stimolanti.

sanguenante agg. Sanguinante; dolorante per ferita, tormentato da acuto dolore: a iδδa nu nni nde preme nienti te lu core miu sanguenante a lei niente importa del mio cuore sanguinante.

sanguetta sf. Sanguisuga, mignatta * fig. 1- Usuraio, sfruttatore; scroccone * 2- Persona attaccaticcia e fastidiosa. [da sangu].

sanguiceδδu, sangunazzieδδu sm. Sangue di agnello sgozzato; cotto a fuoco lento, raggrumato e spruzzato di pepe, costituiva un piatto serale saporito (è diverso dal 'sangunazzu').

disegno
sanguigna

sanguigna sf. Sanguinaria, pianta erbacea comune nei luoghi incolti e lungo le siepi, la quale ha radi fusti pelosi; spezzandone uno fuoriesce un umore striato di rosso sangue; le foglie sono palmatosette scabre e pelose; fiorisce dall'estate all'autunno ed è caratteristica per i fiori piuttosto grandi di colore porporino venato di violetto.

sanguignu agg. 1- Sanguigno, abbondante di sangue; affetto di ipertensione arteriosa, con i vasi capillari visibili sugli zicomi: ni gira la capu ca ete mutu sanguignu gli gira la testa perché è iperteso * 2- Del colore del sangue. [lat. sanguineus].

sangulentu agg. Sanguinolento: carne sangulenta carne sanguinolenta. [dal lat. sangu(ino)lentus].

sangunazzu sm. Sanguinaccio, insaccato di sangue e di midollo di maiale.

sanità sf. Buona salute * detto: trumbetta te culu, sanità te cuerpu trombetta di culo (è indice di) buona salute fisica. [lat. sanitas]. V. pure sanetate.
Da c. p. La morte te lu purpu e' lla cepuδδa, / la sanità de l'omu e' lla uzzeδδa.

sanna sf. 1- Zanna di animale * 2- Ognuno dei due denti canini superiori dell'uomo, se è troppo pronunziato ed anche un tantino sporgente. [long. zann].

sannà sm. Basamento sormontato da una croce, oppure nicchia con il dipinto della crocifissione di Gesù Cristo, eretti alla periferia del paese in ricordo dell'ingresso del Redentore in Gerusalemme.

sanni sm. pl. Segni sull'epidermite lasciati da un morso.

Sannicola geogr. San Nicola.

sannilengu (f. sannilonga) agg. Fornito di denti lunghi e un tantino prominenti.

sannu sm. Dente canino; dente lungo in genere. [long. zann].

sannutu agg. Fornito di denti lunghi e sporgenti.

Santa Cisària geogr. Santa Cesaria Terme.

santaiaca sf. Pianta annuale, varietà di tabacco di origine greca, coltivata nel Salento. [gr. xanthyaka].

Santa Lucìa sf. Santa Lucia, invocata come protettrice della vista.
Da c. p. li culuri squagghiàu cu ll'àcqua santa, / l'uecchi te li dunàu Santa Lucìa.

Sant'Antoni de lu fuecu o de le fòcare o de lu puercu sm. Sant'Antonio abate.

Sant'Antoni de Pàtua sm. Sant'Antonio di Padova.

santa pacènzia sf. Rassegnazione: ete mègghiu tte la pigghi cu lla santa pacènzia è preferibile prèndersela con rassegnazione.

santareδδa sf. Santolina, suffrutice folto di steli che terminano con una infiorescenza a capolini gialli; le foglie carnosette hanno un forte odore non gradevole. Le infiorescenze venivano poste nelle casse della biancheria e nei canterani per tenere lontane le tarme; fiori e foglie erano usati anche in applicazioni antipruriginose.

santarieδδu sm. Santerello, santerellino, giovanetto tutto devoto. [dim. di santu].

Santi Mièteci sm. pl. Santi Cosma e Damiano, medici, invocati come guaritori di malattie e protettori della buona salute; in pellegrinaggio li si andava a venerare nel santuario di Oria.

Santìssemu, Santìssimu sm. Santissima Eucarestia.

santòcchia sf. con senso spregiativo. La chiesa dei bacchettoni; la comunità religiosa dei bigotti.

santu agg. Santo, consacrato: santu Diu, Matonna santa, santu Aràsemu e santa Metirde santo Dio, Madonna santa, sant'Erasmo e santa Matilde; li àngeli santi gli angeli santi; le ànime sante te lu purgatòriu le anime benedette del purgatorio; làssame a ssanta pace! lasciami in santa pace!; cu ffazza nna santa morte che faccia una morte santa; spettài tuttu lu santu giurnu attesi tutto il santo giorno * sm. Santo, beato; protettore e benefattore dei devoti: li santi te lu paraìsu i santi del paradiso; la Maria Mazzotta nu ll'ànu fatta ncora santa Maria Mazzotta (di Lecce) non l'anno proclamata ancora santa; me chiamu Tore, ma lu santu miu ete Santu Larienzu mi chiamo Salvatore, ma il mio santo protettore è S. Lorenzo. [lat. sanctus].
Da c. p. O malateδδa … / quandu te ìsçiu te lu liettu ausata, / me scerru te li santi e pensu a ttie.

Santu, Santinu, Santuzzu pers. Santo.

Santu Itu sm. San Vito, protettore dei fedeli contro i cani idrofobi * prov. Te Santu Itu ogne ffica ole maritu verso la metà di giugno (I5 giugno, festa di S. Vito) ogni albero di fico richiede il suo caprifico.

Santu Luca sm. San Luca evangelista, ritenuto un valentissimo pittore: ci te pengìu cussì beδδa, Santu Luca? chi ti dipinse così bella, S. Luca?

santu nuδδu, santu nienti inter. vibrante di chi non intende bestemmiare sul serio: mannàggia santu… nuδδu! mannaggia santo… nessuno.

Santu Pàulu te Galatina sm. San Paolo, protettore di Galatina, la intercessione del quale viene invocata contro il pericolo dei ragni e delle serpi, ritenuti velenosi * modo di dire: chiama Santu Pàulu prima bìsçia la secàra invoca S. Paolo prima ancora di scorgere la vipera.
Da c. p. O Santu Pàulu miu te Galatina, / te priamu ca la ràzzia nni l'à' ffare!

Santu Roccu sm. S. Rocco, invocato nei casi disperati di grave morbo * Formula di guaritore: Cu lle mànure mei a cquài te toccu / comu sia ci suntu te Santu Roccu.

Santu Ronzu sm. Santo Oronzo, protettore della città di Lecce e di tutto il Salento. Una iscrizione nella basilica di Santa Croce in Lecce dice:
FOI SANTU RONZU CI NI LEBERAU
DE LU GRA' TERRAMOTU CI FACIU
A BINTI DE FEBBRARU: TREMULAU
LA CETATE NU PIEZZU E NU CADIU.
IDDU, IDDU DE CELU LA UARDAU
E NUDDU DE LA GENTE NDE PATIU.
E' RANDE SANTU! MA DE LI SANTUNI!
FACE RAZIE E MERACULI A MEGLIUNI.
DE D. ca Santu Ronzu cu nu Santu neu / su' rriati a cce ssi' tie e cce ssuntu ièu.

Santu Ronzu miu! inter. di invocazione, pronunziata dai Leccesi ogni qualvolta scoppia un fulmine.

Santu Toma sm. San Tommaso, discepolo di Gesù * fig. Persona difficile a prestar fede alle parole altrui: ièu suntu Santu Toma: ci nu ttoccu nu ccrìsçiu io sono come S. Tommaso: se non tocco con mano, non ci credo.

Santu Tunatu geogr. San Donato di Lecce.

Santu Tunatu (male de - -) sm. Epilessia; attacco epilettico: te egna lu male te Santu Tunatu! che ti colga un attacco epilettico!

sanu agg. 1- Sano, vegeto, di buona salute, di sana costituzione: ete nna stria sana è una ragazza in buona salute * prov. Cinca ole cu ccampa sanu, te le bonecristiane stèsçia luntanu chi desidera vivere sano, stia lontano dalle donnacce * 2- Integro, intero: le ozze rriàra sane le giare giunsero integre; sièntime sanu ascoltami in tutto. [lat. sanus].

sanumetoccu inter. Salmisìa, resti sana la parte del corpo che ora mi palpo; mi tocco (i testicoli) e mi trovo intero, sano e vegeto!: màngiu fungi e sanumetoccu! mangio funghi e mi àuguro di star bene in salute! (ma nel frattempo faccio gli scongiuri di rito!).

sanu sanu agg. Oltremodo buono, ingenuo, bonaccione.

sanza sf. Sansa, residuo della spremitura delle olive. [lat. sampsa].

sanzaru sm. Ambiente-deposito della sansa. [da sanza + suff. funz. -aru].

saòia, Savòia agg. e s. indecl. Savoia: li rrièi saòia i re savoia; la casa saòia la Casa Savoia; li surdati retàanu "Savòia!" e scìanu cu mmòrenu i soldati gridavano "Savoia!" e andavano a morire.

saoiarda, savuiarda sf. Savoiardo, biscotto di consistenza lieve e friabile.

sapale sm. Siepe, ciglione di strada. V. anche sepale.

sàpetu agg. Sàpido, di sapore piuttosto forte. [lat. sapidus].

sapiente agg. e sm. e f. Sapiente. [lat. sapiens -entis].

sapiènzia sf. Sapienza. [lat. sapientia].
DE D. Ohimmè, cummare mia, ca quiδδu Diu / tanta sapiènzia addu ni l'ha sçaffata?!

sapìre1 tr.; pres. sàcciu, sai, sape, sapimu, sapiti, sàpenu; impf. sapìa, ecc.; p. rem. sapìi (sippi), sapisti, sapìu (sippe), sapemmu (sìppemu), sapestu, sapèra (sìppera) ; cong. pres. sàccia, sàccianu; cong. impf. sapissi, sapissi, sapisse, sapìssemu, sapìssiu, sapìssera; imper. sacci, sapiti; pp. saputu. Sapere, avere conoscenza: ui nu ssapìu cce ssapìamu nui e nnu ssapestu mancu ccenca aìu ssapìre voi non sapevate che cosa noi sapevamo e non veniste a conoscenza nemmeno di ciò che avreste dovuto sapere; cu ssàccia ca ni ògghiu mutu bene che sappia che le voglio molto bene * prov. Ci se sapìsse lu nantienìre, cieδδi murìa te fame se si sapesse il futuro, nessuno morirebbe di fame. [lat. sapere].
Da c. p. e cci sapissi lu friddu ci face, / decìi:-Poru amante, comu duri?

sapire2 intr.; Avere sapore: me sape te pisce sa di pesce * modo di dire: nu ssapìre né de mie né de tie essere insipido, essere illogico e sconclusionato; essere né carne né pesce * prov. Le fae sàpenu brae, ma mìntinci uègghiu ca sàpenu mègghiu le fave cotte hanno un buon sapore, ma versaci olio abbondante e saranno più buone al palato.
Da c. p. Quantu e' bbeδδu lu fiuru te lu linu, / quiδδu te lu tabbaccu sape maru;

sàpiu agg. Savio, saggio: nu ssàcciu ci ièu suntu lu cchiù' ssàpiu o lu cchiù' ppàcciu non so se sono il più savio o il più pazzo * prov. Ci unu nun ete sàpiu e forte, cu sse llamenta te la soa sorte chi non è saggio e forte, che si lamenti della sua sorte.

sapore sf. Sapore: la sapore te la salame ete bona il sapore del salame è buono; sta sapore a mmie nu mme sta’ ppiace questo sapore non mi piace. [lat. sapor -oris].

sapori sf. pl. Spezie, erbette aromatiche: suntu le sapori ca fàcenu sapuritu lu stufatu sono le erbette aromatiche che insaporano lo stufato.

sapunace agg. 1- Saponaceo, di consistenza viscida * 2- Di frutto la cui buccia, se stripicciata, perde la pellicola: nna percoca sapunace una pesca che si spella; cachi sapunaci cachi che si spellano.

sapunaru agg. Saponaceo, scivoloso, viscido * sm. Venditore ambulante di sapone molle e sciolto. [da sapune + suff. -aru].

sapunata sf. Acqua schiumosa, preparata per lavarvi i panni.

sapune sm. Sapone molle o duro confezionato in grosse forme.

sapune russu sm. Sapone molle da bucato, di colore bruno lucido, preparato artigianalmente e venduto a peso; l'odore di questo tipo di sapone era piuttosto sgradevole.

sapunettu sm. Saponetta per toeletta, venduta a pezzo confezionato, di odore profumato e gradevole.

sapunisçiare tr.; pres. sapunìsçiu, ecc.; impf. sapunisçiàa, ecc.; p. rem. sapunisçiài, ecc.; pp. sapunisçiatu. Lavare strofinando a lungo con il sapone: sapunìsçiani la facce e lle rìcchie lavagli con il sapone la faccia e le orecchie. [dal lecc. sapune + suff. iter.-durat. -sçiare]. V. anche nsapunare.

sapuritu agg. Saporito.

sapurusu agg. Appetitoso.

saputieδδu agg. Saputello. [dim. del lecc. saputu].

saputu agg. 1- Saggio, pieno di esperienza * prov. A ffiate puru a lli saputi ni càtenu li càusi alla chiazza a volte persino ai saggi cadono le brache in pubblico * 2- Conosciuto, noto: ete saputa a ttuttu Lecce è nota a tutta Lecce * 3- Saccente * detto: lu Signore cu nni scampa te nna fìmmena saputa che il Signore ci liberi da una donna saccente.

Sara pers. Sara.

saràca sf. Salacca, specie di sardina o di aringa bianca oppure di altro pesce di scarso pregio, che viene posto in vendita in salamoia a secco.

saraceδδa sf. , fig. Donna assai magra.

disegno
saracheδδi o sarachielli

saracheδδu, sarachiellu sm. Salacchino, altra specie di salacca, pesciolino salato o affumicato, che una volta veniva mangiato come companatico dai poveri * fig. Ragazzino smilzo e deperito.

saracoδδa sf. Una specie di grano di qualità scadente; semolata di grano non ben riuscita. [da un comp. tra sarac(in)u e coδδa].

disegno
sàracu

sàracu sm. Sàrago o sargo, pesce molto apprezzato per le carni ed è comune presso le coste salentine. [lat. sargus].

saracune sm. fig. Tirchione, avaraccio che si priva del necessario pur di risparmiare. [accr. di saràca].

disegno
sarasçeδδa

sarasçeδδa sf. Selvastrella, pianta erbacea prataiola, con foglie ovali seghettate, delicatamente aromatiche.

sàrcena sf. 1- Fascina di rami potati o di fusti divelti: sàrcena ttaccata fascina stretta e legata; sàrcena stota fascina slegata e sciolta * 2- fig. Un mùcchio di…: la tomòbbile rrunzàu le pècure e nde fice nna sàrcena l'automobile investì le pecore e ne fece un mucchio; tegnu te fare nna sàrcena te lezioni ho da svolgere un mucchio di compiti. [lat. sarcina].

sarcenale sm. Architrave del tetto ad un solo spiovente * fig. Il capofamiglia, sostegno della casa. [dal lat. sarcina].

sarcentale sm. Trave maestra del tetto a cannicci a due spioventi.

sarchiare tr.; pres. sàrchiu,… ecc.; impf. sarchiàa, ecc.; p. rem. sarchiài, ecc.; pp. sarchiatu. Sarchiare il terreno in superficie o per rompere lo strato indurito o per sradicare le erbe nocive. [lat. sarculare].

sarchiata sf. Sarchiatura, zappatura molto superficiale del terreno.

disegno
sarchiuδδa

sarchiuδδa sf. Zappetta per praticare la sarchiatura.

sarchiuδδeδδa sf. Sarchiello di piccole dimensioni, quasi un giocattolo. [dim. di sarchiuδδa].

sarcìnule sf. pl. Masserizie minute, oggetti accumulati alla rinfusa. [da sàrcena].

sarda sf. Sardina * prov. A cci fatìa nna sarda, a cci nu ffatìa nna sarda e menza a chi lavora una sardina, a chi non lavora una sardina e mezza (sempre così è andata!). [lat. sarda, della Sardegna].

sardagnolu agg. Sardo, della Sardegna * sm. Abitante dell'isola di Sardegna.

sardare tr.; pres. sardu,… sardamu, ecc.; p. rem. sardài, ecc.; pp. sardatu. Saldare con lo stagno * rifl. Ricongiungersi: chianu chianu la còstula se sta’ ssarda lentamente la costola si sta saldando.

sardatura sf. Saldatura di due pezzi rigidi fra loro.

disegno
sardaturu

sardaturu sm. Saldatore a martello, attrezzo dello stagnaio. [dal lecc. sardatu + suff. funz. -uru].

sargeniscu sf. Anguria, melone d'acqua o cocomero, pianta erbacea con due o tre fusti striscianti e foglie lobate; il frutto è un pepònide, globoso, a scorza dura, liscia, verde uniforme o marmorizzata, e a polpa rossa con numerosi semi sparsi; dei frutti acquosi e dissetanti si fa un gran consumo nei mesi estivi. "Sargenischi, sargenischi a pproa! Su' rrussi comu l'ampa te lu fuecu e lli tagghiamu!" "Angurie, vendiamo angurie a prova! Sono rossi di fiamma e li tagliamo per farveli osservare!". Venivano venduti sempre a buon prezzo, e perciò l'ortolano gridava: "Cu nna lira mangiati, beiti e bu llaàti puru la facce!" "con la modica spesa di una lira mangiate, bevete e vi lavate pure la faccia". [dall'it. saracinesco, nel senso 'dalla buccia scura, mora', come la faccia di un saracino africano].

disegno
sargeniscu

sargente sm. 1- Sergente, grado militare dell'arma di fanteria * fig. Persona severa, intransigente * 2- Morsetto del falegname. [fr. sergent].

sarienu sm. Rugiada; nebiolina mattutina, foriera di bel tempo; infatti, dispersa la quale, torna il sereno * detto: dopu lu sariènu ene lu celu serenu dopo la nebbiolina appare il cielo sereno. [lat. serenus].

sarma sf. 1- Salma, misura di capacità equivalente a circa 180 litri: 1 sarma te uègghiu = 10 stare; 1 sarma te mieru = 15 menze (1 menza = 12 litri) * 2- Grossa soma, carico molto pesante: sia ca puerti nna sarma a ncueδδu come se tu recassi una salma sulle spalle. [lat. sauma].
Filastrocca: …e llu ciùcciu te lu Cremente / porta nna sarma e nnu lla sente;
DE D. e nnui intantu n'ha sciu' ccumandati / all'aratu, alla sarma, allu traìnu!

sarmenta sf., sarmientu sm. Sarmento, tralcio della vite * prov. Sarmenta curta endèmia longa (da un) tralcio corto (si otterrà) una abbondante raccolta. [lat. sarmentum].
Filastrocca: E sta’ ppassa lu Frangiscu / cu nnu beδδu sargeniscu, / e sta’ ppassa lu Cremente / carrecatu te sarmente…

sarmone sm. Salmone, venduto in scatola. [lat. salmo -onis].

sarmu sm. Salmo liturgico * prov. Tutti li sarmi spìccianu a ggròlia tutti i salmi finiscono in gloria. [lat. psalmus].

sarmune sm. Sermone; discorso prolisso; ramanzina. [lat. sermo -onis].

saròtinu agg. 1- Serotino, serale * 2- Di frutto, tardivo, che matura a stagione piuttosto inoltrata.

sarpa sf. Salpa o boga salpa, pesce marino di medie dimensioni, con corpo solcato da fasce longitudinali dorate; è comune lungo le coste salentine ma non è molto ricercato a causa del sapore delle sue carni, che hanno un lieve sentore di fenolo.

sarpente v. serpente.

sarsa sf. Salsa di pomodoro, conservata in bottiglie come provvista annuale da usare sui maccheroni: li còmmuti pe lla sarsa i recipienti per la salsa. [lat. salsa, l>r].

sarsamentarìa sf. Salsamenteria.

sarsamentaru sm. Gestore di salsamenteria, pizzicagnolo.

sarsaparìgghia (neol.),

sarsapaisana (neol.) sf. Salsapariglia o smìlace. V. anche mpicaòi.

sarsenale sm. 1- Chiave di volta, blocco di pietra che chiude la volta a crociera * 2- Sostegno, puntello principale di una impalcatuta * 3- fig. Sostegno della famiglia. [dal lat. sarcina]. V. pure i più comunemente usati sarcenale, sarcentale.

sarta sf. Donna artigiana che attende in proprio a lavori di taglio e di cucito per la confezione di abiti esclusivamente femminili, cioè sarta; se ha apprendiste alle sue dipendenze, viene chiamata 'mèscia' semplicemente. V. sartore.

sartamartinu sm. Il pezzo mobile del nottolino.

sartare (neol.) tr. e intr.; pres. sartu,… sartamu, ecc.; p. rem. sartài, ecc.; pp. sartatu * tr. Saltare, superare con un balzo: sartàu lu paritieδδu comu nnu rùculu saltò il muretto come una cavalletta * fig. Omettere, tralasciare: sartamu la marenda e scapulamu cchiù' mprima tralasciamo lo spuntino a metà mattinata e smettiamo più presto * intr. Balzare, saltellare; saltare giù: sartàa pe llu prièsçiu saltava per la gioia * fig. Passare da una cosa a un'altra: tie sarti te nn'itèa all'àutra tu salti da un'idea all'altra. [lat. saltare]. V. anche zumpare.

sartarieδδu sm. Pezzo mobile del congegno di chiusura a sbarra, il quale, piegato a uncino, scattando va ad inserirsi in un anello di ferro fissato nel battente attiguo.

sartore sm. Sarto, artigiano che lavora in proprio tagliando e confezionando vestiti da uomo * prov. Filu lengu, sartore pàcciu filo per ago spezzato lungo, sarto bizzarro. [lat. sartor -oris].

sartu (neol.) sm. Salto, balzo. V. zumpu.

sarturìa sf. Sartoria, laboratorio artigianale del sarto.

sarvaggente sm. Salvagente, ciambella di salvataggio.

sarvàggiu, servàggiu agg. Selvaggio, di animali poco conosciuti che vivono nel folto della macchia; feroce: li animali sarvaggi gli animali feroci; puercu sarvàggiu cinghiale * fig. Ribelle, insofferente di ogni costrizione: Gesummarìa, cce uagnone servàggiu! Gesù e Maria, che ragazzo ribelle! [provenz. salvatge].

sarvamientu sm. Salvamento; salvataggio.

sarvare tr.; pres. sarvu,… sarvamu, ecc.; p. rem. sarvài, ecc.; pp. sarvatu. Salvare: cinca pote, sse sarva! si salvi chi può!; Santu Ronzu sarvàu Lecce te lu terramotu S. Oronzo salvò Lecce dal terremoto.

sarvatàggiu sm. Salvataggio.

sarvàtecu, servàtecu (pl. sarvàtechi) agg. Selvatico. [lat. silvaticus].

Sarvatore, Tore, Toriceδδu, Totu, Totò, Totìcchiu pers. Salvatore.

sarvazione sf. Salvazione, salvezza dell'anima. [salvatio -onis].

Sarve geogr. Salve. Agli abitanti di questo paesetto veniva affibbiato il nomignolo di 'ientri nchiati', cioè idropici.

sarveresçina, sarvereggina sf. Salveregina, la preghiera cattolica rivolta alla Vergine Maria: tecimu nna sarveresçina alla Matonna te Pumpèi recitiamo una salveregina in onore della Madonna di Pompei. [lat. salve regina].

sarvezza sf. Salvezza: signurìa si' statu la sarvezza nòscia tu sei stato la nostra salvezza. Alle persone importanti, quando starnutivano, non si doveva dire "Salute!" , come ai comuni mortali, ma "Sarvezza!"

disegno
sàrvia

sàrvia sf. Salvia, arbusto cespuglioso sempreverde con foglie lanceolate e opposte; l'infiorescenza presenta numerosi verticilli con corolla tubolare violacea; foglie e fiori hanno numerose proprietà medicinali: espettoranti, eupeptiche, antisettiche e antiinfiammatorie; le foglie aromatiche trovano uso in varie pietanze. [lat. salvia].

sàrvia fracetana sf. Salvia sclarea, erba perenne con ampie foglie basali cuoriformi oblunghe, assai rugose e pubescenti (che fanno pensare a grosse 'lucerte fracetane'); da esse si ergono fusti pelosi, i quali terminano con fiori di colore rosa uniti in verticilli. Ha notevoli proprietà antispasmodiche, balsamiche, digestive.

sarvietta sf. Salvietta, tovagliolo di tela. [dal fr. serviette].

sarviettieδδu sm. Tovagliolino. [dim. di sarviettu].

sarviettu sm. Tovagliolo.

sarvu agg. Salvo, incolume: ci face peccatu e poi se mmende, sarvu(s) ete chi commette peccato e poi si emenda, è salvo; turnàra sane e sarve tornarono sane e salve, incolumi. [lat. salvus].

sarvusìa inter. di scongiuro. Salmisìa, sia salvo! V. pure sanumetoccu.

Sasa, Sasìcchia, Sasuzza pers. Rosaria.

Satanassu sm. Satana, principe dei diavoli * prov. Ci time Satanassu nu sse face mai rassu colui che ha paura di Satana non si farà mai grosso, non si arricchirà mai. [dal gr. Satanas].

satispare tr.; pres. satispu,… satispamu, ecc.; p. rem. satispài, ecc.; pp. satispattu. Soddisfare, appagare, fare contento. [dal lat. satisfa(ce)re].

satispattu agg. Soddisfatto, appagato e contento. [lat. satisfactus].

satispazione sf. Soddisfazione: àggiu dare satispazione alla gente? devo dare soddisfazione alla gente?

satizza sf. Salsiccia: sei fungiùcculi te satizza sei rocchi di salsiccia. [da un incr. lat. tra insicia e salsa].

satizze sf. pl. Vescicole sanguigne alle gambe, provocate da una esposizione troppo vicina e prolungata di esse al calore del fuoco, specialmente quando erano in uso i bracieri per riscaldamento domestico.

sattore sm. Esattore delle tasse. [lat. exactor -oris].

satturìa sf. Esattoria, l'ufficio della riscossione delle imposte e dei tributi, sede dell'esattore. [dall'it. la esattoria: e- si stacca e si fonde con l'art. la: la (e)sattoria].

sàula sf. Grossa fune di canapa, canapo. [dall'it. sàgola].

saularu sm. Artigiano specializzato nella fabbricazione di canapi. [da sàula + suff. di mest. -aru].

saùrra sf. Zavorra; quantità ormai obsoleta; cosa fuori moda. [lat. suburra].
Da c. p. mancu si' bona cu ffaci saùrra, / mancu tte inchi pe saccu te pàgghia.

saurra (alla -) loc. avv. Alla carlona, alla rinfusa; senza alcun ritegno.

saùrre (petre -) sf. pl. Ciotoli che servivano da riempimento nei muri a secco; brecciame da riempimento in una intercapedine.

sàusu agg. Salso, di sapore amaro, però per salinità naturale: allu puzzu neu s'à ttruata àcqua sàusa nel pozzo di recente scavato è stata rinvenuta acqua salsa. [lat. salsus, nota al>au].

sautìre tr.; pres. sautiscu,… sautimu, ecc.; p. rem. sautìi,… sautemmu, ecc.; pp. saututu. Esaudire: lu Signore tte sautìsca che il Signore ti esaudisca. [lat. exaudire].

sautitu agg. Esaudito, accontentato in un desiderio.

Savèriu pers. Saverio.

savuiarda sf. Biscotto friabilissimo. V. anche saoiarda.

sazze sf. pl. Bisaccia di tela da portare a tracolla o da poggiare sul basto * prov. Quandu troa lu ranu nu pporta le sazze, quandu porta le sazze nu ttroa ranu quando trova del grano non ha la bisaccia, quando ha la bisaccia non trova grano. [fem. dal lat. (bi)saccium].

sażżiare (neol.) tr.; pres. sàżżiu, ecc.; impf. sażżiàa, ecc.; p. rem. sażżiài, ecc.; pp. sażżiatu. Saziare * prov. Ale cchiùi ci te nnura cca cci te sàżżia vale più colui che ti onora di colui che ti fa abbuffare. [lat. satiare]. V. il più comune binchiare.

sàżżiu agg. Sazio, satollo.

sażżìule agg. Sazievole, che sazia fino a provocare disgusto.

sbacchettatu agg. Senza un soldo in tasca, squattrinato.

sbafatòria (lett.) sf. Sbafata, mangiatorìa. V. anche nquazzata.

sbafu v. spafu.

sbandare intr.; pres. sbandu,… sbandamu, ecc.; p. rem. sbandài, ecc.; pp. sbandatu. Sbandare; piegarsi da un lato; deviare.

sbandata sf. Brusco sbandamento.

sbandatu agg. Sbandato; disorientato; disperso.

sbandu sm. Sbandamento, dispersione; situazione confusa.

sbarbare (neol.) tr.; pres. sbarbu,… sbarbamu, ecc.; p. rem. sbarbài, ecc.; pp. sbarbatu. Radere la barba, rasare.

sbarbatieδδu sm. Sbarbatello, imberbe; giovincello al primo pelo. [dim. del lecc. sbarbatu].

sbarbatu (neol.) agg. Sbarbato, con le guance ben rasate.

sbarcare (neol.) tr.; e intr.; pres. sbarcu, sbarchi, sbarca, sbarcamu, ecc.; impf. sbarcàa, ecc.; p. rem. sbarcài, ecc.; pp. sbarcatu. Sbarcare, fare scendere o scendere dalla barca.

sbarcu sm. Sbarco.

sbarru1, sparru sm. Autopsìa; intervento chirurgico con taglio e apertura della pancia. [it. ant. sbarro].

sbarru2 sm. Pesce sparo o sarago.

sberbòsetu sm. Sproposito, sbaglio grossolano.

sbillanciare tr.; pres. sbillànciu, ecc.; impf. sbillanciàa, ecc.; p. rem. sbillanciài, ecc.; pp. sbillanciatu. Sbilanciare * rifl. Perdere l'equilibrio * fig. Lasciarsi andare a confidenze; compromettersi rivelando ad altri un segreto.

sbillanciu sm. Sbilanciamento, perdita dell'equilibrio.

sbirriare tr.; pres. sbìrriu, ecc.; impf. sbirriàa, ecc.; p. rem. sbirriài, ecc.; pp. sbirriatu. Frantumare in mille pezzettini; sbriciolare.

sbirru sm. Sbirro, poliziotto, questurino.

sbranare (lett.) tr.; pres. sbranu,… sbranamu, ecc.; p. rem. sbranài, ecc.; pp. sbranatu. Sbranare, divorare in modo violento. V. anche il generico mangiare.

sbronza (lett.) sf. Sbornia, ubriacatura. V. i più comuni bellucca, scùfia.

sbronzu agg. Sbronzo, ubriaco. V. chiarenzatu, llecrettu, mbriacu.

sbruècculu sm. Piantastecchi, lesina speciale del calzolaio.

sbrugghiare v. sprugghiare.

sbrutulare tr.; pres. sbròtulu, sbruètuli, sbròtula, sbrutulamu, ecc.; p. rem. sbrutulài, ecc.; pp. sbrutulatu. Sbrodolare, insudiciare di sughi. [da brotu].

sbuccateδδa, sbuccatella sf. Sponderuola, pialla alta e stretta. [da uccateδδa, piccola apertura].

sbuccatu agg. Che usa un linguaggio indecente.

sburdacchiare v. spurdacchiare.

sburdellare rifl.; pres. me sburdellu, te sburdielli, se sburdella, ni sburdellamu, ecc.; p. rem. me sburdellài, ecc.; pp. sburdellatu. Ridere a crepapelle.

sburrare intr.; pres. sburru,… sburramu, ecc.; p. rem. sburrài, ecc.; pp. sburratu. Eiaculare. [da sburru].

sburru sm. Sperma eiaculato.

sbutare v. sputare2.

sbutellare (lett.) tr.; pres. sbutellu, sbutielli, sbutella, sbutellamu, ecc.; p. rem. sbutellài, ecc.; pp. sbutellatu. Sbudellare. V. il più usato spentrare.

scàbbia (neol.) sf. Scabbia. [dal lat. scabies>scabia]. V. rugna.

scacare rifl.; pres. me scacu, te scachi, se scaca, ni scacamu, ecc.; p. rem. me scacài, ecc.; pp. scacatu * 1- Liberarsi di una imbracatura; sciogliersi dai lacci: lu curru se scacàa ca era troppu lìsciu la trottola si liberava dalla cordella perché era troppo levigata * 2- fig. Lasciarsi andare; perdere la volontà di resistere: an fine se scacàra e sprubbecàra tuttu infine si arresero e rivelarono ogni cosa. [da cacare].

scacatu agg. 1- Sciolto, disfatto: gnèmmaru scacatu gomitolo disfatto * 2- fig. Che non resiste a conservare un segreto; propenso sempre a rivelare una confidenza: sinti nna scacata e nnu tte tieni nnu cìceru a mmucca sei una ciarlona e non riesci a tenere un cece in bocca.

sçaccare intr.; pres. sçaccu, sçacchi, sçacca, sçaccamu, ecc.; p. rem. sçaccài, ecc.; pp. sçaccatu * 1- Del sole, sovrastare, battere dall'alto; avvampare, dardeggiare con i raggi cocenti: moi sta’ sçacca, a! adesso il sole sta dardeggiando, eh! * 2- Dare un secco e sonoro schiaffo che lascia il rossore: sçàccani, Nenzu Lorenzo, dagli un ceffone. [da sçaccu].

scacciòffula sf. Carciofo, precisamente il capolino con le brattee carnose; la pianta, invece, è detta 'cardu'. V. pure il più comunemente usato scarciòppula.

scaccu1 sm. Dardeggiamento, vampata di calore, calore solare: a scaccu te marìsçiu sotto il sole dardeggiante del meriggio.

sçaccu2 (pl. sçacchi) sm. Scacco, ciascuno dei pezzi del gioco degli scacchi; ciascuno dei quadretti della scacchiera * fig. Grave sconfitta, smacco: ulìa sse càccia alla Sisina e nd'à butu nnu sçaccu voleva dichiarsi a Tommasina ed ha avuto uno smacco.

sçattu te carta sm. Un quarto di foglio.

scaδδare tr.; pres. scaδδu,… scaδδamu, ecc.; p. rem. scaδδài, ecc.; pp. scaδδatu. Svellere sistematicamente i succhioni delle piante. V. caδδu3.

scafarèa sf. Cappellino eccentrico, sciupato, con le falde fosce e cascanti.

scafazza sf. Sterco molliccio di bestie vaccine. [lat. scapha incr. con lecc. cacazza].

sçaffa sf. Schiaffo: ni pengìu nna sçaffa a nfacce e nci lassàu le cìnque tìsçete gli dipinse uno schiaffo in faccia e vi lasciò l'impronta delle cinque dita. [dal rumore onom. sç…ff].

sçaffare tr.; pres. sçaffu,… sçaffamu, ecc.; p. rem. sçaffài, ecc.; pp. sçaffatu. Immettere a viva forza; ficcare in malo modo: pe picca nu mme sçaffasti lu tìsçetu ntra nn'ècchiu per poco non mi ficcasti il dito in un occhio; e cci ni sçaffa la erdate intra a δδu còccalu? e chi gli farà entrare la verità in quel testone?

scaffetta sf. Berretto di stoffa con il bordo arricciato e fornito di sottogola, usato dai bambini.

sçaffisçiare tr.; pres. sçaffìsçiu, ecc.; impf. sçaffisçiàa, ecc.; p. rem. sçaffisçiài, ecc.; pp. sçaffisçiatu. Schiaffeggiare. [da sçaffa + suff. iter. -sçiare].

sçaffisçiata sf. Scarica di schiaffi.

sçaffune sm. Schiaffone, violento colpo dato con la palma della mano aperta. [accr. di sçaffa].

sçaffunisçiare tr.; pres. sçaffunìsçiu, ecc.; impf. sçaffunisçiàa, ecc.; p. rem. sçaffunisçiài, ecc.; pp. sçaffunisçiatu. Schiaffeggiare, prendere a schiaffoni. [da sçaffune + suff. iter. -sçiare].

sçaffunisçiata sf. Scarica di schiaffoni.

scafògghia sf. Larga foglia di scarto della verdura: le scafògghie dalle alli cunigghi le foglie (non da cucinare) dalle ai conigli. [da un incr. tra lat. eschara e lecc. scartu e fògghia].

scafuδδare rifl.; pres. me scafoδδu, te scafueδδi, se scafoδδa, ni scafuδδamu, ecc.; p. rem. me scafuδδài, ecc.; pp. scafuδδatu. Mangiare ingordamente e abbondantemente: a doi se scafuδδàra tantu nnu stanatu te petate allu furnu in due divorarono un tegame grosso così di patate al forno.

scafuèzzulu sm. 1- Brandello, segmento * 2- Unghia staccata della fava * 3- Picciolo di fico, però staccato dal frutto (il picciolo ancora attaccato è detto 'petecinu'). V. pure il più usato scrafuèzzulu.

scàgghia sf. Scaglia; pula di cariosside. [gotico skalji].

scagghiola sf. 1- Pianta graminacea, la scagliola appunto, che da noi cresce spontanea e produce spighe i cui semi sono ricercati dagli uccellini * 2- L'insieme dei semi della scagliola, posto in commercio come becchime per gli uccelli in gabbia * 3- Scagliola, cioè minutissime scagliette di gesso che, mescolate con colla speciale, formano un impasto per svariati usi.

scagghione sm. Dente del giudizio, il residuo del 3° molare. [accr. di scàgghia].

scagnozzu sm. Traccagnotto, giovane basso e tarchiato, goffo e zotico.

scagnunare tr.; pres. scagnunu,… scagnunamu, ecc.; p. rem. scagnunài, ecc.; pp. scagnunatu. Togliere il marcio dai tronchi degli alberi asportando le parti secche; scorticare i tronchi d'albero. [dall'it. scaglionare incr. con lecc. scàgghia].

scaientare tr.; pres. scaientu,… scaientamu, ecc.; p. rem. scaientài, ecc.; pp. scaientatu. Intiepidire una vivanda; scaldare non del tutto per la fretta. [da un incr. tra lat. calidare, sp. calientare, lecc. scarfare].

scaientatu agg. Intiepidito, reso meno caldo; diventato tiepido.

scala sf. Scala di qualsiasi tipo e forma * prov. Lu mundu ete fattu a scale: nc'ete ci scinde e nc'ete ci sale il mondo è fatto a scale: c'è chi scende e c'è chi sale. [lat. scala].

scala a chiricò sf. Scala a chiocciola.

scala lleatizza sf. Scala a pioli, di legno, portatile.

scalandrune sm. Scala a libro apribile a A * fig. Persona di statura molto alta e di corporatura dinoccolata. [gr. skàlanthron].

scalare tr.; pres. scalu,… scalamu, ecc.; p. rem. scalài, ecc.; pp. scalatu. Calare, diminuire gradualmente: ogne semana lu prezzu te lu ranu scala te tèice sordi ogni settimana il prezzo del grano diminuisce di mezza lira * modo di dire: scalare li càusi (da parte di un uomo) li estiri (da parte di una donna) piegarsi, sottomettersi alla volontà altrui.

scalaru sm. Costruttore di scale a pioli, di legno. [da scala + suff. di mest. -aru].

scalecaliδδi (a -) loc. avv. Modo di giocare di due ragazzi, i quali, ponendosi schiena contro schiena e intrecciando le braccia, si sollevano e si abbassano alternativamente in tal modo divertendosi.

scaliceδδa sf. Scaletta. [dim. di scala].

scalisçiare intr. e tr.; pres. scalìsçiu, ecc.; impf. scalisçiàa, ecc.; p. rem. scalisçiài, ecc.; pp. scalisçiatu * intr. Raspare per terra; razzolare: le aδδine scalìsçianu ntra llu petruδδulame le galline raspano tra il pietrame * fig. Rimestare nel piatto * tr. Smuovere; cercare annaspando: fermu, nu scalisçiare la ròsçia fermo, non smuovere la brace.

scalisçiusu agg. Di persona schifiltosa, schizzinosa a mensa.

scalone sm. Scalone, scala monumentale.

scalora sf. Scariola, varietà di lattuga; indivia. [lat. scariola>scarola].

scalune sm. Gradino, scalino di qualsiasi tipo di scala, compreso il limitare, la soglia di un ingresso.

scaluppina sf. Scaloppa, fetta di carne magra cotta in padella insieme con pomodoro affettato e con tanti càpperi, il tutto spruzzato con vino bianco, meglio se moscato. [fr. ascalope].

sçama sf. Cispa lacrimale: se àusa te lu liettu cu lle sçame all'ecchi si leva dal letto con le cispe agli occhi. [lat. squama].

sçamare intr.; pres. sçamu,… sçamamu, ecc.; p. rem. sçamài, ecc.; pp. sçamatu. Muggire; belare; miagolare; grugnire: le acche e lle pècure sta’ sçàmanu ca òlenu munte le mucche muggiscono e le pecore belano perché hanno bisogno di essere munte; lu muscieδδu sçamàa ca ulìa cu bessa il gattino miagolava perché voleva uscire; lu puercu ncignàu a sçamare il maiale si mise a grugnire. [lat. exclamare]. Da una ninna nanna: O pecureδδa mia, comu sçamasti / quandu a mmucca allu lupu te sçì' ttruasti?

scamarru sm. Piccone tozzo, a punta da una parte, a taglio dall'altra, con manico corto. V. anche zappune.

scambettu (neol.) sm. Sgambetto. V. il più comune ancareδδa.

scammerare intr.; pres. scàmmeru,… scammeramu, ecc.; impf. scammeràa,… scammeraàmu, ecc.; p. rem. scammerài, scammerammu, ecc.; pp. scammeratu. Mangiare cibi di magro per non rompere l'astinenza o il digiuno, una volta precetto severo della chiesa cattolica. Per il contrario v. ncammerare.

scàmmeru sm. Consumazione di cibi di magro; tempo di mangiar magro; bando delle carni dalla mensa in certi periodi. [da càmmera].

scamorsa sf. Scamorza, ricottina di latte di mucca * fig. Persona mingherlina, deboluccia, priva di capacità e di efficienza.

scampanisçiare intr. e tr.; pres. scampanìsçiu, ecc.; impf. scampanisçiàa, ecc.; p. rem. scampanisçiài, ecc.; pp. scampanisçiatu. Scampanare, suonare a distesa. [da campana + suff. durat. -sçiare].

scampare tr. e intr.; pres. scampu,… scampamu, ecc.; p. rem. scampài, ecc.; pp. scampatu * tr. Liberare salvando; salvaguardare, sottrarre ad un pericolo: la Matonna te la Ssunta cu scampa sta fìgghia la Madonna Assunta in Cielo salvaguardi questa figliola; scampàtime te δδa nzìcchia liberatemi da quel seccatore attaccabottoni * 2- Evitare, schivare: lu surdatu me lu scampài evitai il servizio militare * detto: quandu la scampi, la cunti quando riesci a schivare il pericolo, la puoi raccontare * intr. impers. Spiovere: à scampatu è spiovuto; quandu scampa partimu quando spioverà, partiremo * detto: ci prima nu cchiòe, comu pote scampare? se prima non piove, come può smettere di spiovere?
BOZZI Eccu, ha scampatu e de mienzu alle nule, / ci se anu lluntanandu, esse lu sule,

scampulare intr.; pres. scàmpulu,… scampulamu, ecc.; p. rem. scampulài, ecc.; pp. scampulatu. Amoreggiare in incontri brevi clandestini; pomiciare: alla strata te Sampascali, sutta a ogne àrveru te chiuppu nc'ete nna còppia ca scàmpula in Via S. Pasquale, sotto ognuno degli alberi di pioppo c'è una coppietta che amoreggia. [da scàmpulu].

scampulisçiare intr.; pres. scampulìsçiu, ecc.; impf. scampulisçiàa, ecc.; p. rem. scampulisçiài, ecc.; pp. scampulisçiatu * 1- Pomiciare ora con un partner ora con un altro; avere frequenti e fuggevoli incontri galanti * 2- Vivere da gaudente; vivacchiare; campicchiare.

scàmpulu sm. Scampolo, avanzo di una scorta di stoffa, che si vende a minor prezzo: se ìndenu scàmpuli a metà prezzu si vendono scampoli a metà prezzo * fig. Giochetti d'amore; scappatella.

sçamu sm. Voce dei bovini, dei felini, degli ovini e dei suini. [da sçamare].

sçamusieδδu agg. Si dice a un bimbo, cui non piace lavarsi la faccia e gli occhi.

sçamusu agg. Cisposo: uecchi sçamusi occhi cisposi.

sçanare tr.; pres. sçanu,… sçanamu, ecc.; p. rem. sçanài, ecc.; pp. sçanatu. Impastare la farina e manipolare la pasta; impastare servendosi delle mani: sçanare la pasta pe lli maccarruni lavorare la pasta per i maccheroni; sçanare la crita pe lli pupi te lu presèpiu impastare la creta per i personaggi del presepio. [lat. explanare].

sçanata sf. Impastatura, il complesso delle operazioni dirette a preparare un impasto; una certa quantità di pasta lavorata: nu nci ole nienti cu ffaci nna sçanata pe nna làina ci vuol poco per fare la pasta per una sfoglia.

scancapìrete, scancapìtete avv. A cavalcioni, a cavalluccio. [comp. di scanca(re) pìretu/pìtetu, (non si sapeva come pronunziare la voce che indica il peto)].

scancare intr. e tr.; pres. scancu, scanchi, scanca, scancamu, ecc.; p. rem. scancài, ecc.; pp. scancatu * intr. Divaricare le gambe; mettersi a gambe aperte * tr. Scavalcare un ostacolo non saltando, ma divaricando le gambe. [da un incr. tra it. scansare e sgambare e lecc. anca].

scancarisçiatu agg. 1- Messo a gambe divaricate * 2- Seduto scompostamente.

scanceδδa sf. Fossa, comunque meno profonda della 'fòggia', buca per piantarvi un alberello.

scancellare tr.; pres. scancellu,… scancellamu, ecc.; p. rem. scancellài, ecc.; pp. scancellatu. Cancellare, cassare.

scancellatura sf. Frego sullo scritto cancellato.

scancu sm. Scosciata, divaricamento delle gambe; passo di scavalcamento: nu ffare lu scancu cchiù' llengu te lu passu, senone te puèi spalare non fare il divaricamento più lungo del passo, altrimenti ti puoi scosciare.

scandagghiare tr.; pres. scandàgghiu, ecc.; impf. scandagghiàa, ecc.; p. rem. scandagghiài, ecc.; pp. scandagghiatu. Scandagliare a occhio e croce, calcolare ad occhio nudo; esaminare le possibilità: se fetàu cu scandàgghia li penzieri mei riuscì a scandagliare i miei pensieri. [da scandàgghiu].
BOZZI comu lu mare de secreti è chinu / e scandagghiare nu lu po' nisciunu.

scandàgghiu sm. Scandaglio; calcolo approssimativo: cussì, a scandàgghiu, dicu ca suntu nnu centenaru così, ad occhio e croce, credo che siano un centinaio.

scandalizzare tr.; pres. scandalizzu,… scandalizzamu, ecc.; p. rem. scandalizzài, ecc.; pp. scandalizzatu. Scandalizzare.

scàndalu sm. Scandalo, cattivo esempio. [lat. scandalum].

scandalusu agg. Scandaloso, moralmente riprovevole.

sçandìa (pl. sçandèi) sf. Rossore improvviso, vampata di calore al viso, caldana. [dal lat. excandere].

scangare intr. e tr.; pres. scangu, scanghi, scanga, scangamu, ecc.; p. rem. scangài, ecc.; pp. scangatu * intr. Sdentare, perdere i denti * tr. Rompere una punta: tie à' scangatu lu penninu tu hai rotto la punta del pennino. [da un incr. tra lecc. angale e it. cascare e sgangherare].

scangarisçiare tr.; pres. scangarìsçiu, ecc.; impf. scangarisçiàa, ecc.; p. rem. scangarisçiài, ecc.; pp. scangarisçiatu. Scheggiare in più punti il filo del taglio di una lama. [da scangare + suff. ripet. -sçiare].

scangatu agg. 1- Sdentato: δδu striiceδδu scangatu ete nepute tou? quel ragazzino, cui manca qualche dente, è tuo nipote? * 2- Spuntato: nnu lapisi scangatu una matita priva di punta.

scangiare tr.; pres. scàngiu, ecc.; impf. scangiàa, ecc.; p. rem. scangiài, ecc.; pp. scangiatu * 1- Scambiare una persona o una cosa per un'altra: t'ìa scangiatu pe fràita ti avevo scambiato per tuo fratello * prov. Scangiare lentìcchia pe tòleca confondere la lentìcchia con la cicèrchia * 2- Permutare: uèi scangi lu curru tou cu llu temperinu miu? vuoi permutare la tua trottola con il mio temperino? * 3- rifl. Cambiarsi d'abito e, precisamente, deporre il vestito nuovo e rimettere i panni vecchi: prima se scangiàu e poi se mise a ccèrnere prima indossò il vestito da lavoro e poi si mise a cèrnere (invece, indossare il vestito nuovo al posto del vecchio si dice 'cangiare').

scàngiu sm. Scambio, cambio precedente annullato: prima ànu fattu càngiu e moi ntorna scàngiu prima avevano fatto un cambio ed ora lo annullano.

scanigghiare intr.; pres. scanìgghiu, ecc.; impf. scanigghiàa, ecc.; p. rem. scanigghiài, ecc.; pp. scanigghiatu. Sbriciolarsi per troppa crusca * fig. Disgregarsi, scindersi minutissimamente. [da canìgghia].

scanigghiatu agg. Ridotto in minutissime scagliette.

scannacaδδu sm. Forasacco, graminacea dallo stelo lungo sino ad un metro ed oltre; alla estremità filiforme si può formare un cappio per catturare lucertole; inoltre, le glume della spiga sono fornite di ariste lunghe e rigide, le quali possono infilarsi e conficcarsi nella gola degli animali che se ne cibano, provocando seri disturbi. [comp. di scanna(re) caδδu].

scannare tr.; pres. scannu,… scannamu, ecc.; p. rem. scannài, ecc.; pp. scannatu. Scannare, sgozzare. [da canna, gola].

scannatu agg. Sgozzato, con la gola squarciata.

scannatura sf. Punto del collo dove è entrata la punta del coltello del macellaio.

scannaturu sm. Coltello speciale usato per scannare le bestie da macello. [da scannatu + suff. funz. -uru].

scannazzare tr.; pres. scannazzu,… scannazzamu, ecc.; impf. scannazzàa, ecc.; p. rem. scannazzài, ecc.; pp. scannazzatu. Sdradicare la cannareccia, un tempo assai diffusa nei campi coltivabili; estirpare le erbacce infestanti. [da cannazza].

scanneδδare tr.; pres. scanneδδu, scannieδδi, scanneδδa, scanneδδamu, ecc.; p. rem. scanneδδài, ecc.; pp. scanneδδatu. Liberare i bioccoli di cotone dai semi, adoperando lo 'scannieδδu'; ripulire il vello dalle impurità grossolane.

scannettu (neol.) sm. Scannetto, piccolo sedile di legno. V. il più comunemente usato ancutieδδu.

scannieδδu sm. Sgranatoio per nettare il cotone grezzo.

scannu sm. Lungo sedile di legno, capace di accogliere fino a cinque persone sedute. [lat. scannum].

sçante agg. Di sapore acuto e acre, piccante. [da usçare].

scantunamientu sm. Scantonamento, deviazione laterale; asportazione di cose dai cantoni.

scantunare intr.; pres. scantunu,… scantunamu, ecc.; p. rem. scantunài, ecc.; pp. scantunatu * 1- Svoltare rapidamente a una cantonata; deviare d'improvviso da una direzione * fig. Divagare sviando l'argomento del discorso * 2- Pulire gli angoli più riposti di un ambiente; fare le grandi pulizie: a ccasa nòscia scantunamu a Pasca, te Santu Ronzu e a Natale in casa nostra facciamo le grandi pulizie a Pasqua, di S. Oronzo e a Natale. [da cantune].

scanuscente agg. Sconoscente, irriconoscente, ingrato * detto: parienti scanuscenti parenti irriconoscenti. [da scanùscere].
DE D. Mamma, tegnu lu core cunsumatu / beendu tanti sursi de dulore; / ma nu crìtere poi ca su' restatu / scanuscente, pe tie, ca nu àggiu amore.

scanuscènzia sf. Irriconoscenza, ingratitudine.

scanùscere, scanuscìre tr.; pres. scanuscu,… scanuscimu, ecc.; p. rem. scanuscìi,… scanuscemmu, ecc.; pp. scanusciutu. Disconoscere; rinnegare; diseredare: nu ppueti scanuscìre ca à ttenutu fìcatu non puoi disconoscere che ha avuto fegato ed è stato coraggioso; San Pietru scanuscìu Gèsu Cristu S. Pietro rinnegò Gesù Cristo. [da s- privativo e canùscere].
DE D. Cchiù mègghiu mille fiate cu nni cciti / cca nui cu scanuscimu lu Signore!

scanusciutu agg. Sconosciuto, ignoto: strìttule sulagne e scanusciute viottoli solitari e ignoti.

scanzafatìa (pl. scanzafatèi) sm. e f. Scansafatiche, fannullone, ozioso.

scanzare tr.; pres. scanzu,… scanzamu, ecc.; p. rem. scanzài, ecc.; pp. scanzatu. Scanzare * detti: lu Signore cu nni scanza te le asce catute il Signore ci faccia evitare le cadute da un luogo basso § la fatìa ete strica, ci la pote scanzare cu lla scanza la fatica è strega, chi può la scansi. [dal lat. campsare].

scanzìa (pl. scanzèi) sf. Scansia, scaffale.

scanzu sm. Scanso, esclusione: a scansu te mbruegghi a scanso di imbrogli.

scapece sf. Pesce fritto e marinato con tanto pane grattugiato, inzuppato di aceto bianco e spruzzato di zafferano; per lo più vengono usati pesciolini della famiglia dei volpini e degli smàridi o zeri, detti 'pupiδδi'. [sp. escabeche].

scapeciaru sm. Venditore ambulante di scapece. [da scapece + suff. di mest. -aru].

scapeδδisçiare tr.; pres. scapeδδìsçiu, ecc.; impf. scapeδδisciàa, ecc.; p. rem. scapeδδisçiài, ecc.; pp. scapeδδisçiatu. Scompigliare, arruffare i capelli, spettinare: nnu rèfuru scapeδδisçiàu la zita parata una folata improvvisa di vento scompigliò la chioma della sposina agghindata. [da s- e capiδδi + suff. intens. -sçiare].

scapeδδisçiatu agg. Scarmigliato, spettinato.

scapestratu agg. Scapestrato, dissoluto, stravagante. [da s- privativo e it. capestro].

scapetare tr.; pres. scàpetu,… scapetamu, ecc.; p. rem. scapetài, ecc.; pp. scapetatu. Scapitare, defalcare, detrarre.

scàpetu sm. Scàpito, danno, svantaggio.

scapezzare tr.; pres. scapezzu, scapiezzi, scapezza, scapezzamu, ecc.; p. rem. scapezzài, ecc.; pp. scapezzatu. Scavezzare, togliere i finimenti dalla testa del cavallo. [dal lecc. capezza].

scapiδδare intr. fig.; scapiδδu,… scapiδδamu, ecc.; p. rem. scapiδδài, ecc.; pp. scapiδδatu. Sbagliare di un capello, commettere un errore trascurabile. [da capiδδu].

scappa e fusçi (a - -) loc. avv. In fretta e furia.

scappare intr. e tr.; pres. scappu,… scappamu, ecc.; p. rem. scappài, ecc.; pp. scappatu * intr. Scappare, correre precipitosamente; evitare, sfuggire: li latri scappàra secutati te li cani i ladri fuggirono inseguiti dai cani; scappa a ddu la mamma corri dalla mamma; lu piattu me scappàu te manu il piatto mi sfuggì di mano; me sta’ scappa la pipì mi scappa la pipì * tr. Sganciare, staccare: scappa la corda stacca la fune.

scappata sf. Capatina, visita brevissima.

scappateδδa sf. Scappatella; marachella.

scappatizzu agg. Che facilmente può essere staccato e rimosso da dove è congiunto: cute scappatizzu macigno naturalmente staccato dal banco di roccia e può essere rimosso agevolmente.

scappatura sf. 1- Sganciamento di una legatura, sfilacciatura * 2- Breve ritaglio di tempo libero, da impiegare in faccende diverse: pinge quatri a scappature dipinge quadri nei ritagli di tempo libero.

scappeδδare rifl.; pres. me scappeδδu, te scappieδδi, se scappeδδa, ni scappeδδamu, ecc.; p. rem. me scappeδδài, ecc.; pp. scappeδδatu. Scappellarsi. [da s- sottrattivo e cappieδδu].

scappeδδata sf. Ampia scappellata in segno di ossequio.

scapputtare intr.; pres. scappottu, scappuetti, scappotta, scapputtamu, ecc.; p. rem. scapputtài, ecc.; pp. scapputtatu. In alcuni giochi, oltrepassare il punteggio prefissato e sballare; evitare un cappotto, cioè impedire all'avversario di conseguire l'intero punteggio ed evitare a se stesso di rimanere a zero punti. [da cappottu].

scapucchiare tr.; pres. scapòcchiu, ecc.; impf. scapucchiàa, ecc.; p. rem. scapucchiài, ecc.; pp. scapucchiatu. Scoprire il glande tirando in dietro il prepuzio. [dal lecc. capòcchia].

scapuèzzulu sm. Unghia della buccia secca della fava, staccata per facilitare la cottura del legume.

scapulare tr. e intr.; pres. scàpulu,… scapulamu, ecc.; p. rem. scapulài, ecc.; pp. scapulatu * tr. Staccare le bestie dal carro o dall'aratro e togliere i finimenti: scapulare lu ciucciarieδδu, la sçiumenta, le acche staccare dal mezzo l'asinello, la giumenta, le vacche da lavoro * intr. Smettere di lavorare a fine orario (e togliersi il grembiule): osçe scàpulanu cchiù' pprestu, ca ete Santu Martinu, patrunu te li mbriachi oggi smettono di lavorare più presto, perché ricorre S. Martino, patrono degli ubriachi. [lat. excapulare, liberare dal cappio].

scapularu sm. 1- Grembiule alto, che copre anche il petto * 2- Scapolare, segno distintivo di alcune confraternite, che viene portato ciondoloni sulla scapola e sullo sterno; abitino. [lat. med. scapulare].

scapulatu agg. Lasciato sciolto dalle briglie * prov. Ci lassa la èstia scapulata, se troa cu lla capu frasturnata colui che lascia la bestia sciolta, andrà incontro a grattacapo.

scàpulu agg. 1- Libero, senza vincoli * 2- Di terreno, privo di alberi * sm. (voce lett.) Scapolo, celibe; con questo significato il lecc. dice 'zitu'. [dal lat. ex capulo].

scapuzzare tr.; pres. scapuzzu,… scapuzzamu, ecc.; p. rem. scapuzzài, ecc.; pp. scapuzzatu. Decapitare; staccare la sommità; spezzare la cima.

scapuzzatu agg. Decapitato; privo della parte più alta: pe prima se idde la turre scapuzzata si scorse per prima la torre con la cima diroccata.

scarabbucchiare (lett.) tr.; pres. scarabbòcchiu, scarabbuecchi, scarabbòcchia, scarabbucchiamu, ecc.; p. rem. scarabbucchiài, ecc.; pp. scarabbucchiatu. Scarabocchiare. V. il più comune nquacchiare.

scarabbuècchiulu sm. Scarabocchio. V. il più usato nquàcchiu.

scarafàsçiu, scarafàu sm. Scarafaggio. [lat. volg. scarafajus]. V. i più comuni fusçetìa, fusçi fusçi.

scarafune sm. Scarabeo stercorario * fig. Individuo ripugnante, persona d'aspetto scadente. V. pure scràsçiu.

scarambòcciu, scarambòcciulu sm. Scarabocchio. [fr. escarbot].

scarammuèmmulu sm. Scarabocchio * fig. Imprecazione smozzicata tra i denti.

scarassare tr.; pres. scarassu,… scarassamu, ecc.; impf. scarassàa, ecc.; p. rem. scarassài, ecc.; pp. scarassatu. Socchiudere aprendo parzialmente e lasciando uno spiraglio (l’operazione inversa si dice 'mmasare'). [da carassa].

scarassatu agg. Socchiuso, di battente accostato appena.

scaràttulu sm. Scarabattolo; stipetto a vetri; nicchia a muro protetta da vetrata.

scarbatu agg. Sgarbato, rozzo e villano; scontroso, scortese.

scarcagnare tr. e intr.; pres. scarcagnu,… scarcagnamu, ecc.; p. rem. scarcagnài, ecc.; pp. scarcagnatu * tr. Scalcagnare, urtare il proprio piede contro il calcagno di uno che ci precede * intr. Camminare battendo o strascicando i tacchi in terra. [da carcagnu].

scarcagnatu agg. Di calzatura, con la parte posteriore della tomaia ripiegata e schiacciata; di calza, con il calcagno rotto e sfilacciato.

scarcagnulu sm. Ciabattone, che strascica fastidiosamente i tacchi nel camminare * fig. 1- Uomo striminzito e basso quanto un tacco di scarpa * 2- Folletto benevolo che si accompagna ai viandanti, nascondendosi nei risvolti dei vestiti quando è stanco di camminare.

scarcerare tr;; pres. scàrceru,… scarceramu, ecc.; p. rem. scarcerài, ecc.; pp. scarceratu. Scarcerare.

scarcezza sf. Scarsezza, scarsità.

scarche agg. poco comune. Qualche. V. il più frequente quarche.

scarcìnnule sf. pl. Insieme di piccole cose malridotte, cianfrusaglie.

disegno
scarciòppula

scarciòppula, scarciòffula sf. Il capolino terminale del carciofo, formato di brattee carnose eduli (l'intera pianta si chiama 'cardu'; ciascun suo virgulto bianco è detto 'cardunceδδu') * fig. triv. Gli organi genitali sia maschili che femminili. [arabo kharshûf].

scarcioppularu sm. Venditore ambulante di carciofi. [dal lecc. scarciòppula + suff. di mest. -aru].

scarcisçiare intr.; pres. scarcìsçiu, ecc.; impf. scarcisçiàa, ecc.; p. rem. scarcisçiài, ecc.; pp. scarcisçiatu. Scarseggiare; dare, mettere con parsimonia: le pruiste scarcìsçianu le provviste scarseggiano; scarcisçiare a ssale, a uègghiu scarseggiare nel mettere il sale, nel versare l'olio; scarcìsçia alle pursioni scarseggia nel fare le porzioni. [da scàrciu + suff. -sçiare].

scarcisçieδδu agg. Piuttosto scarso; leggermente mancante. [dim. di scàrciu].

scàrciu agg. Scarso; insufficiente: nnu litru scarciu un litro scarso; l'annata te le statòteche à stata scàrcia la produzione dei frutti estivi è stata insufficiente * Quando il signore confidenzialmente chiedeva a uno: "Comu stai? " "come stai?", l'interpellato rispondeva: "Scarciu te li cumandi te signurìa" "in attesa dei desiderati comandi di sua signoria".

scarciuliδδu agg. Alquanto scarso; mancante di un poco; un po' ridotto. [altro dim. di scàrciu].
DE D. Lu piettu è scarciuliδδu… / La sarta nci curpàu / ca dissi mminta uatta, / δδa rìcchia, e se scerràu.

scarda sf. 1- Piccola scheggia: scarda te tàula scheggia di legno * 2- Squama di pesce: li pupiδδi se frìsçenu cu ttutte le scarde gli smàridi vengono fritti con le squame * 3- Bietta * 4- fig. Persona restia e puntigliosa. [dall'it. carda, punta ricurva].

scardare tr.; pres. scardu,… scardamu, ecc.; p. rem. scardài, ecc.; pp. scardatu * 1- Scardassare * 2- Desquamare. [da scarda].

scardàrela rifl.; pres. me la scardu,… ni la scardamu, ecc.; p. rem. me la scardài, ecc.; pp. scardatu. Sbrigarsela da sé.

scardinu (neol.) sm. Scaldino. [dall'it. scaldare]. V. pignatieδδu, rasta.

scàreca, scàrreca sf. Scarica: nna scàreca te treniceδδi una scarica di bombette; nna scàrreca te cazzotti una scarica di pugni. [dal lecc. scareca(re) ].

scarecabbalìri (neol.) sm. Scaricabarili, gioco di ragazzi.

scarecaliδδi, scarecaliri sl. Gioco di ragazzi. V. mantanefi.

scarecare, scarrecare tr. e intr.; pres. scàrecu (scàrrecu), scàrechi, scàreca, scarecamu, ecc.; p. rem. scarecài (scarrecài), ecc.; pp. scarecatu (scarrecatu) * tr. Scaricare, rimuovere un carico, liberare di un carico: nc'ete te scarecare tèice sacchi ci sono da scaricare dieci sacchi; scarrecammu lu traìnu intru lla tagghiata vuotammo il carro ribaltando il carico nella cava * intr. Piovere a dirotto d'improvviso * prov. Quantu cchiù' fforte scàreca, cchiù' mprima scampa quanto più a dirotto piove, più presto spiove. [s- privativo e lat. carricare].

scarecata, scarrecata sf. Scroscio di pioggia, acquazzone improvviso * fig. Serie simultanea di colpi.

scàrecu, scàrrecu agg. Scarico, senza carico, libero da pesi: turnàra scàrrechi e llieggi tornarono scarichi e leggeri.

scarfaliettu sf. Scaldaletto, piccolo recipiente di rame munito di lungo manico di legno, adoperato per scaldare le lenzuola del letto poco prima di coricarsi; talvolta veniva usato anche per dare una leggera e frettolosa stirata a panni di stoffa fina.

scarfare tr.; e intr.; pres. scarfu,… scarfamu, ecc.; impf. scarfàa, ecc.; p. rem. scarfài, ecc.; pp. scarfatu * tr. Scaldare, riscaldare: l'amore scarfa lu core e llu sangu la passione scalda il cuore e il sangue * provv. Lu sule ci te ite, te scarfa il sole che ti illumina, ti riscalda § Lu fuecu ci me scarfa nu mbògghiu cu mme brùsçia il fuoco che mi scalda non vorrei che mi scottasse * intr. Aumentare di temperatura, divenire caldo: zumpa, ca scarfi saltella che ti scaldi; l'àcqua scarfàu allu sule l'acqua al sole aumentò di temperatura. [da un incr. tra lat. calefa(ce)re ed excaldare].

scarfasegge sm. e f. Scaldasedie, chi fa visite lunghe e si rende indiscreto.

scarfatura sf. Riscaldamento alle vie urinarie; blenorragia * fig. 1- Fastidio, impiccio, seccatura * 2- Persona seccante e quasi molesta.

scarfìa (pl. scarfèi) sf. Pula; polviscolo; filaccicca. [dal gr. karphê, pagliuzza].

scarfisçiare tr. e intr.; pres. scarfìsçiu, ecc.; impf. scarfisçiàa, ecc.; p. rem. scarfisçiài, ecc.; pp. scarfisçiatu * tr. Scaldare in modo fastidioso o nocivo: scòstate ca me sta’ scarfisçi lu custatu scòstati che mi stai scaldando fastidiosamente il fianco * intr. Surriscaldarsi; fermentare e deteriorarsi per riscaldamento: la biàa intru a llu cestune aìa scarfisçiata la biada pressata dentro il grosso cesto-silos si era surriscaldata. [da scarfare + suff. -sçiare].

scarfisçiatu agg. Deteriorato per autoriscaldamento: lu fienu scarfisçiatu fete il fieno surriscaldato emana un cattivo odore.

scarlatina (lett.) sf. Scarlattina, una volta assai diffusa tra i fanciulli ed era spesso mortale. [da scarlatu]. V. russa.

scarlatu agg. Scarlatto, rosso acceso. [lat. med. scarlatus].

scarnare (neol.) tr.; pres. scarnu,… scarnamu, ecc.; p. rem. scarnài, ecc.; pp. scarnatu. Scarnire, scarnificare le pelli fresche; staccare la carne dagli ossi. [da carne]. V. anche scarnipulare.

scarnatura sf. Scarnatura, raschiatura delle parti adipose delle pelli fresche.

scarnipulare, scarniculare tr.; pres. scarnìpulu (scarnìculu),… scarnipulamu (scarniculamu), ecc.; p. rem. scarnipulài (scarniculài), ecc.; pp. scarnipulatu (scarniculatu) . Scarnificare * rifl. fig. Impermalirsi per un nonnulla, irritarsi per sciocchezze.

scarnìpulu, scarnìculu sm. Brandello di carne staccato dalla pelle fresca e da scartare * fig. 1- Piccolezza; inezia, quisquilia; pelo nell'uovo * 2- Persona dappoco, da non tenere in alcuna considerazione.

scarnipulusu, scarniculusu agg. Eccessivamente meticoloso, schifiltoso, che su tutto trova da ridire.

scarogna sf. Scalogna. [l>r]. V. pure il meno comune calugna.

scarpa sf. Scarpa, calzatura: scarpa àscia, àuta, chiusa, perta, spinestrata, scullata calzatura bassa, alta, chiusa, aperta, con aperture laterali, scollata; scarpe nìure, bùrgare, ianche e nìure scarpe nere, marroni, bianche con mascherine nere; scarpe te ernice, cu lli lazzi, cu llu buttune, cu lli cchetti calzature lucide di vernice, con i laccetti, con il bottone, con i gancetti * parti principali della scarpa: tumàgghia, chianteδδa, masçaretta, sola, taccu e subbrataccu, punta e carcagnu (v. le singole voci) tomaglio, soletta, mascherina, suola, tacco e sopratacco, punta e calcagno * nnu paru te scarpe un paio di scarpe; scarpe noe e scarpe ècchie scarpe nuove e scarpe vecchie * modi di dire: a unu, sçire stritte le scarpe andare strette le scarpe ad uno, avere serie difficoltà § nu ttenire scarpe essere molto poveri e andare scalzi § tenìre doi pieti ntru nna scarpa avere due piedi in una scarpa e convivere con difficoltà; purtare scarpe ca rìtenu calzare scarpe rotte..

scarpareδδa sf. Nomignolo scherzoso e ben accetto per indicare la moglie del calzolaio. [dim. di scarparu].

scarparìa sf. Calzoleria.

scarparieδδu sm. 1- Apprendista ciabattino * 2- Calzolaio poco esperto. [dim. di scarparu].

scarparu sm. Calzolaio, ciabattino, artigiano che manualmente fa calzature su misura e ripara quelle scucite. [da scarpa + suff. di mest. -aru].

scarpellinu sm. Scalpellino, artigiano specializzato nella lavorazione a intaglio e a bassorilievo della tenera pietra calcarea leccese oppure del marmo.

scarpetta sf. Seppiolina. [da scarpa, per la forma].

scarpieδδu sm. Scalpello in genere. [lat. scalpellus].

scarpieδδu a marru sm. Scalpello con punta priva di taglio.

scarpieδδu a pete te puercu sm. Pedano, scalpello per fare tagli trasversali rispetto alle fibre del legno.

scarpieδδu a ugna sm. Ugnetto, scalpello per intagliare stretti e profondi canali in un asse di legno.

scarpieδδu ngurdu sm. Scalpello ingordo, utensile a lama più sporgente, che fa trùcioli grossi.

scarpieδδuzzu sm. Scalpello sottile per lavorare nei punti più riposti e per eseguire ritocchi e rifiniture.

scarpinu sm. Scarpa bassa, appuntita, verniciata, di linea elegante.

disegno
1 - scarpione
2 - scarpione cu lla cuta

scarpione sm. Ragno in genere * fig. Sgorbio, scarabocchio. [lat. scorpio -onis].

scarpione cu lla cuta sm. Scorpione, munito di due chele e di una coda con pungiglione, attraverso il quale inietta un leggero veleno.

scarpisçiare intr.; pres. scarpìsçiu, ecc.; impf. scarpisçiàa, ecc.; p. rem. scarpisçiài, ecc.; pp. scarpisçiatu. Scarpinare. [da scarpa + suff. durat. -sçiare].

scarpisçiata sf. Camminata faticosa.

scarpugnare intr.; pres. scarpugnu,… scarpugnamu, ecc.; p. rem. scarpugnài, ecc.; pp. scarpugnatu. Muoversi faticosamente strascicando i piedi.

scarpugnata sf. Camminata strascicata e stancante.

scarpunaru sm. Uno che calza scarponi logori e sfondati.

scarpunceδδu sm. Scarpina alta da ragazzo, confezionato però con suola e pelle spesse e robuste. [dim. di scarpune].

scarpune sm. Ciabatta, qualunque calzatura logora, con il calcagno schiacciato * prov. Prima o poi ogne scarpinu ddenta scarpune prima o poi ogni scarpa elegante diventa ciabatta. [accr. di scarpa].

scarpunisçiare intr.; pres. scarpunìsçiu, ecc.; impf. scarpunisçiàa, ecc.; p. rem. scarpunisçiài, ecc.; pp. scarpunisçiatu. Camminare strascicando i piedi. [da scarpune + suff. intens.-durat. -sçiare].

scarrare intr. e tr.; pres. scarru,… scarramu, ecc.; p. rem. scarrài, ecc.; pp. scarratu * intr. Sgretolarsi, crollare su se stesso * tr. Sgarrare, sbagliare * provv. Ci ferra nchiòa, ci face scarra chi fissa i ferri agli zoccoli inchioda, ci opera è soggetto a sbagliare § Ci scarra te pressa, chiange a llengu chi commette un errore alla prime battute, piange più a lungo. [dal provenz. esgarar].
Da c. p. O, Diu mme tèsçia (e lla buntà deìna) / forsa la mente mia cu nnu mme scarra,

scarratieδδu agg. Un po' mal riuscito, alquanto inesatto.

scarru sm. Sgarro, errore; sproposito.

scarruzzare intr. e tr.; pres. scarrozzu, scarruezzi, scarrozza, scarruzzamu, ecc.; impf. scarruzzàa, ecc.; p. rem. scarruzzài, ecc.; pp. scarruzzatu * intr. Scarrozzare, andare in giro in carrozza * fig. Crollare della base di un appoggio * tr. Portare in giro con la carrozza * fig. Fare franare la base d'appoggio. [da carrozza].

scarruzzata sf. Scarrozzata, passeggiata in carrozza.

scarruzzatura sf. Frana, cedimento improvviso di una base d'appoggio.

scarseδδa sf. Scarsella, borsetta per tenervi i denari di metallo * prov. Ci nu ttene turnisi, nu ttene scarseδδa colui che non possiede denari, non ha scarsella. [dim. f. di scarsu].

scarsiceδδu agg. Alquanto scarso. V. pure scarciceδδu.

scarsu (neol.) agg. Scarso * prov. Lu casu ete sanu ci ete fattu te scarsa manu il cacio è buono, se è fatto da mano avara. V. il più usato scàrciu.

scarsuliδδu v. scarciuliδδu.

scarsura sf. Scarsezza, scarsità, insufficienza.

scartapiellu sm., scartapella sf. Persona meschina da disprezzare e da scostare; oggetto da scartare. [it. ant. scartabello].

scartare tr.; pres. scartu,… scartamu, ecc.; p. rem. scartài, ecc.; pp. scartatu. 1- Svolgere da un involucro di carta * 2- Scartare, eliminare.

scartellatu agg. Di persona dinoccolata, disordinata nei movimenti e goffa; persona stravagante da evitare.

scartina, scartella sf. Carta da gioco di poco valore.

scartu sm. 1- Scarto, quantità di scarso valore scartata; separazione di elementi inutilizzabili: rrobba te scartu robba di scarto * 2- Sfrido: cchiùi tiempu passa e cchiùi ete lu scartu più tempu passa e maggiore è lo sfrido * 3- Nel gioco, le carte eliminate: lu brau sçiocatore se rrecorda puru lu scartu il bravo giocatore ricorda anche le carte di scarto.

scartucciare (lett.) tr.; pres. scartòcciu, ecc.; impf. scartucciàa, ecc.; p. rem. scartucciài, ecc.; pp. scartucciatu. Scartocciare. V. il più comune scartare.

scarufare intr.; e tr.; pres. scarufu,… scarufamu, ecc.; p. rem. scarufài, ecc.; pp. scarufatu * intr. Tirare su col naso; grufolare * tr. Mangiare con la bocca nel piatto * fig. Sgraffignare. [intens. di rufare].

scarufaterra sm. e f. Contadinaccio esageratamente attaccato alla propria terra.

scarugnare tr.; pres. scarognu, scaruegni, scarogna, scarugnamu, ecc.; p. rem. scarugnài, ecc.; pp. scarugnatu. Prucurare scalogna, iellare * fig. Tagliare assai male i capelli ad un malcapitato. [da scarogna].

scarugnatu agg. Scalognato, iellato; capitato male.

scarusare tr.; pres. scarusu,… scarusamu, ecc.; p. rem. scarusài, ecc.; pp. scarusatu. Tagliare i capelli a scalette per imperizia; tosare malamente le pecore.

scarżùne sm. Ceffone dato tra guancia e collo; pugno alla mascella. [da arża, gota].

scasamientu sm. Cambiamento di abitazione; trasloco; sfratto.

scasare intr. e tr.; pres. scasu,… scasamu, ecc.; p. rem. scasài, ecc.; pp. scasatu * intr. 1- Cambiare casa; lasciare l'abitazione per sfratto: crai aìmu scasare e nnu ssapimu a ddu sçiamu domani dovremo scasare e non sappiamo dove andare * 2- Lasciare il posto; mettersi da parte, sgomberare: scasati e ffaciti ssettare a nnui toglietevi e fate sedere noi * tr. Sfrattare, rimuovere dal posto abituale. [da casa]. Sornello: Fiuru mmaccatu, / pe mmoi e ppe ssempre de sta casa scasa, / ca si' cchiù' nnìuru tie te lu peccatu.

scasciare tr.; pres. scàsciu, ecc.; impf. scasciàa, ecc.; p. rem. scasciài, ecc.; pp. scasciatu. Scassare, frantumare, rompere, sfasciare: i' ca te scàscia la capu e… cquarche cosa àutra attento che ti rompe la testa e… qualche cosa altra. [da un incr. tra lat. quassare, it. sfasciare e lecc. càscia].

scasciatu agg. Frantumato, infranto, rotto, sfasciato: truài lu mbile scasciatu trovai l'orciolo rotto.
DE D. subbra a lla ripa na barca scasciata, / fràceta, na nisciunu mai curàu.

scàsciu sm. Sfascio, sfacelo.

scasciune sm. Meccanismo sgangherato, oggetto conciato male, che funziona per miracolo.

scascizzu sm. Oggetto scassato; arnese deteriorato, prossimo a rompersi del tutto * sm. pl. Ciarpame, vecchiume.

scaseδδare tr.; pres. scaseδδu, scasieδδi, scaseδδa, scaseδδamu, ecc.; impf. scaseδδàa, ecc.; p. rem. scaseδδài, ecc.; pp. scaseδδatu. Cavare dal posto abituale; sollevare dal sito: nu sse fetàa cu scaseδδàa le fiche seccate non era capace di smuovere e staccare i fichi secchi dalla massa. [s- estrattivo e caseδδa, casetta].

scassamàcchie sf. Gomma per cancellare.

scassare (neol.) tr.; pres. scassu,… scassamu, ecc.; p. rem. scassài, ecc.; pp. scassatu. Cancellare. V. scancellare.

scassatura (neol.) sf. Cancellatura, l'abrasione fatta cancellando con la gomma sulla carta. V. scancellatura.

scassu (neol.) sm. Scasso, dissodamento del terreno in profondità. V. scatina.

scasuarmente avv. Casualmente.

scasulità sf. Casualità; fatto casuale, caso fortuito: nci ni trammu pe scasulità ci trovammo lì per caso.
DE D. Insomma, nu pot'essere cu ttiri cu sta pàa! / cu buschi trenta sordi è nna scasulità,

scatafàsciu (a) sm. Catafascio, sfascio, sotto sopra.

scatapinta, catapinta sf. Spintone, urto violento.

scataràttulu sm. 1- Bugigattolo * 2- Scarabàttolo, piccolo stipo a vetri; bacheca. [da un incr. tra lecc. scàtulu e it. bugigattolo].

scatarsu sm. Tessuto di seta di infima qualità, impiegata per fodere interne e per imbottiture; scatarzo.

scatasciare tr.; pres. scatàsciu, ecc.; impf. scatasciàa, ecc.; p. rem. scatasciài, ecc.; pp. scatasciatu * 1- Scompigliare, sconvolgere * 2- Vuotare il sacco, rivelare un segreto; spiattellare ogni cosa. [intens. del lecc. scasciare].

scatàsciu sm. 1- Disastro; sconvolgimento; sconcerto * 2- Spiattellamento, rivelazione completa di fatti segreti.

scatenare tr.; pres. scatinu,… scatenamu, ecc.; p. rem. scatenài, ecc.; pp. scatenatu. 1- Sconnettere, scardinare * 2- Scassare, dissodare in profondità * rifl. Sfrenarsi, scatenarsi. [da s- privat. e catina].

scatente (pl. scatienti) agg. Scadente. [lat. scadens -entis].

scatenza sf. Scadenza, termine prefissato di tempo.

scatina sf. Scasso; dissodamento profondo; aratura, zappatura eseguita in profondità.

scatimientu sm. Scadimento, decadimento, deperimento.

scatìre intr.; pres. scatu,… scatimu, ecc.; p. rem. scatìi,… scatemmu, ecc.; pp. scatutu. Scadere, decadere; deperire, dereriorarsi.

sçattacore sm. e f. Impertinente e cattivo, che procura ambascia. V. pure crepacore.

disegno
sçattagnola

sçattagnola sf. Congegno triangolare di cartone e carta pergamena, il quale, mosso con un colpo violento e brusco del braccio, aprendosi di scatto produce un rumore secco come quello di una castagna che scoppia * sçattagnole sf. pl. Castagnette, nàcchere. [dal lecc. sçattare incr. con it. castagnola].

sçattalora sf. Erba prataiola e ruderale delle euforbie, i cui steli sono ricchi di latice bianco, le foglie sono lineari, i fiori giallognoli e i frutti a capsula deiscente; è una pianta velenosa.

sçatta a mpace! inter. di invettiva. Crepa! [dal lat. (requie)scat in pace].

disegno
sçattapignate

sçattapignate sf. Erba delle euforbie, velenosa, frequente nei prati e nei coltivi; ha fusti ramificati e laticiferi, foglie piccole lanceolate e infiorescenze di fiori giallognoli; ha frutti a capsula (pignate), i quali, giunti a maturazione, scoppiano (sçattanu) spargendo i semi intorno; con i rami coriacei secchi si confezionano le scope e le granate dei fornai.

scattare intr.; pres. scattu,… scattamu, ecc.; p. rem. scattài, ecc.; pp. scattatu. Scattare; di congegni, liberarsi con uno scatto: la tagghiola nun à scattata la tagliola non è scattata. [lat. volg. *excaptare].

sçattare intr. e tr.; pres. sçattu,… sçattamu, ecc.; p. rem. sçattài, ecc.; pp. sçattatu * intr. 1- Schiattare, scoppiare, esplodere, crepare nel senso di fendersi: la lessica sçattàu la vescica scoppiò; la tamiggiana à sçattata la damigiana si è crepata * prov. La cecala canta, canta e poi sçatta la cicala frinisce, frinisce e poi scoppia * fig. Scoppiare d'invidia, crepare dalla rabbia, dalla gelosia, dal dolore: ci nu lla dicu, sçattu se non la dico, scoppio * provv. Ci mòscia cote e ci ite sçatta chi fa vedere si compiace e gode, chi guarda crepa § Uècchiu nu bite, core nu sçatta occhio non vede, cuore non si duole e non scoppia di… * tr. Fare disperare, fare uscire dai gangheri, fare esplodere: sti uastasigni me sta’ sçàttanu questi ragazzacci mi fanno disperare.

sçattarisçiante agg. Scoppiettante; sprizzante scintille: nnu tezzune russu sçattarisçiante un tizzone ardente scoppiettante.

sçattarisçiare intr. e tr.; pres. sçattarìsçiu, ecc.; impf. sçattarisçiàa, ecc.; p. rem. sçattarisçiài, ecc.; pp. sçattarisçiatu * intr. 1- Scoppiettare: li craùni te lizza sçattarìsçianu i carboni di legno di leccio scoppiettano * 2- Scricchiolare: me sçattarisçiàanu le spaδδe mi scricchiolavano le spalle * tr. 1- Affrittellare, friggere: sçattarìsçia le oe, li pipi, li prummitori frigge le uova, i peperoni, i pomodori * 2- Scaraventare a terra: nni lu sçattarisçiasti nnanti li pieti glielo scaraventasti davanti ai piedi * 3- fig. Spiattellare una notizia. [dal lecc. sçattare + suff. intens.-iter. -sçiare].

sçattarisçiatu agg. Cotto in olio bollente, soffritto.

sçattarizzu sm. Crepolio, suono che dà un corpo che si fende; crepitìo, scoppiettio; schiocco della frusta.

scattiare tr.; pres. scattìu, ecc.; impf. scattiàa, ecc.; p. rem. scattiài, ecc.; pp. scattiatu * 1- Espellere, eliminare definitivamente: nde scattiàu li surgi te lu scantinatu eliminò definitivamente i topi dalla cantina * 2- Diserbare radicalmente: e lla remigna ci nde la scattìa? chi riuscirà ad estirpare la gramigna?

scattiδδu e sçattiδδu sm. Schiocco delle dita; lieve buffetto dato sulla guancia. [rispettivamente da scattu perché scatta, e da sçattu perché scoppia].

sçattola sf. Papavero àpulo con fiori a petali purpurei con una macchia nera alla base; simile alla 'paparina'.

scattu sm. 1- Scatto di un congegno: lu scattu te la molla lo scatto della molla * 2- Moto subitaneo di un corpo, sobbalzo improvviso: ibbi nnu scattu te ràggia ebbi uno scatto di stizza. [da scattare].

sçattu sm. 1- Scoppio: nnu sçattu te risu uno scoppio di riso * 2- Dispetto; provocazione maliziosa a suscitare invidia e stizza: ni nde fazzu sçattu gli faccio dispetto e lo faccio scoppiare di rabbia; pe sçattu mme lu sta’ mmuesci? me lo stai mostrando per farmi invidia?

scàttula e sçàttula sf. Frutto secco contenente semi, il quale si apre scoppiando; frutto a capsula deiscente: scàttule o sçàttule te paparina capsule di rosolaccio. [da un incr. tra scàtula, scattare e sçattare].

sçattunare intr.; pres. sçattunu,… sçattunamu, ecc.; p. rem. sçattunài, ecc.; pp. sçattunatu. Di piante, germogliare, rampollare, accestire. [da sçattune]. V. sçattunisçiare.

sçattune sm. Rampollo, pollone che spunta dal vecchio stelo di una pianta o dal fusto di un alberello: sçattuni te carròfalu, te cecora, te sita polloni di garofano, di cicoria, di melograno.

sçattunisçiare intr.; pres. sçattunìsçiu, ecc.; impf. sçattunisçiàa, ecc.; p. rem. sçattunisçiài, ecc.; pp. sçattunisçiatu. Accestire, gettare polloni: li portucalli sçattunisçiàra, ma te sutta alli nniesti gli agrumi gettarono polloni, ma al di sotto degli innesti * fig. Scaturire dall'intimo: te intru ll'ànima sçattunisçiàu nna ampa te amore dall'intimo dell'anima scaturì una vampa d'amore. [da sçattunare + suff. ripet. -sçiare].
DE D. nu pàrpetu ca gn'erva sçattunìscia, / e gne ccore de piettu spinchiulìsçia;

sçattusu agg. Florido; vivido, sgargiante, di colore acceso; pomposo, spocchioso: russu sçattusu colore rosso sgargiante; sçattuse spàccanu la chèsia spocchiose attravèrsano per lungo il tempio. [da sçattu].

sçatu sm. Bruciaticcio; puzzo di bruciato.

scàtula sf. Scatola in generale: scàtula te cunfetti, te pòsperi, te scarpe, te la bùssula scàtola di confetti, dei fiammiferi, delle scarpe, della bussola * sf. pl. fig. Testicoli: nu mme rùmpere le scàtule non mi rompere i coglioni. [lat. med. càstula, con metatesi anticipata della s-].

scatulame sf. Assortimento di cibi conservati in scatola.

scatuleδδa sf. Scatola piccolina di latta o di cartoncino: la scatuleδδa te magnèsia la usu cu nci mintu li pòsperi a ccira uso lo scatolino della magnesia per metterci i cerini. [dim. di scàtula].

scatuletta sf. Generalmente scatola di latta per la conservazione di alimenti: scatuletta te carne, te sarde, te tonnu scatola di carne, di sardine, di tonno. [dim. di scàtula].

scatulinu sm. Astuccio elegante rivestito di stoffa vellutata, dove vengono tenuti in serbo gli orecchini, gli anelli, e gli altri monili. [dim. di scàtulu].

scàtulu sm. Scatola di cartone: li libbri mìntili intra a sti scàtuli metti i libri in queste scatole.

scatulune sm. Contenitore voluminoso di cartone.

scatùtu agg. 1- Scaduto, decaduto * 2- Deperito fisicamente, malandato in salute.

scaunisçiare intr. e tr.; pres. scaunìsçiu, ecc.; impf. scaunisçiàa, ecc.; p. rem. scaunisçiài, ecc.; pp. scaunisçiatu. Raspare con le zampe; razzolare dei polli; smuovere raspando. V. pure scalisçiare.

scauniscu (pl. scaunischi) sm. Pandolce leccese, fatto di semola intrisa e impastata con vino cotto, farcito di uva passa o di giùggiole o altri candìti; il tutto sottoposto a lenta cottura: (D'Amelio) ncora fieti te sùrvia e scauniscu sei giovanetto, ancora puzzi di sorba e di pappa con vin cotto.

scaurtamientu sm. Traforo, operazione di praticare una cavità.

scaurtare intr.; e tr.; pres. scaòrtu, scauerti, scaorta, scaurtamu, ecc.; impf. scaurtàa, ecc.; p. rem. scaurtài, ecc.; pp. scaurtatu. Praticare una cavità o un incavo oppure una piccola apertura; incavare asportando parte del materiale di cui è composto l'oggetto; incidere; forare * fig. Frugare nei punti più reconditi; rovistare in tutti i buchi. [intens. di caurtare].

scàusa sf. Zona di terreno dissodata e soffice, dove si può camminare scalzi.

scausare tr.; pres. scàusu,… scausamu, ecc.; impf. scausàa, ecc.; p. rem. scausài, ecc.; pp. scausatu. Scalzare, rimuovere la terra attorno al pedale di una pianta, alla base di un muro, ai margini di un macigno. [dal lat. excalceare].

scausatu agg. Scalzato e reso malfermo sul punto d'appoggio: sta tàgghia te piezzi stae scausata questa linea picconata di roccia sta scalzata.

Scàuse sf. pl. Rione della Lecce antica: àggiu abbetatu mmera alle Scàuse ho abitato nel quartiere delle 'Scàuse'. [da scàusa].

scàusu agg. 1- Scalzo: puru te tumìneca ae cu lli pieti scàusi anche di domenica va a piedi scalzi * 2- Di terreno, dissodato, liberato dagli sterpi e da ogni impurità, dove si può camminare anche scalzi: nnu tarrienu tuttu scàusu un terreno completamente soffice e pulito. Per il primo significato v. squasatu.

scautante agg. Scottante; bollente.

scautare tr.; pres. scàutu,… scautamu, ecc.; p. rem. scautài, ecc.; pp. scautatu. Scaldare una prima volta in acqua bollente e poi di nuovo cuocere normalmente: ste pezze te casufriscu le scautamu e nde facimu casurrecota riscaldiamo in acqua bollente queste forme di cacio fresco e ne facciamo forme di caciotte * fig. Subire gli affetti della calura: se scàutanu cu δδe este pesanti si accàldano con quelle vesti pesanti. [dal lat. excaldare].

scautatu agg. 1- Cotto già una prima volta e immerso nuovamente in acqua in ebollizione * 2- Scottato * prov. Cane scautatu time puru l'àcqua fridda cane scottato teme pure l'acqua fresca.

scautaturu sm. Contenitore di terracotta che, riempito di brace, viene sistemato tra gli assi della 'mòneca' come scaldaletto. [da scautatu + suff. funz. -uru].

sçavu sm. Schiavo come epiteto offensivo, persona di condizione umiliante e soggetta all'arbitrio altrui. [dal lat. med. slavus]. V. pure schiàu.

scavu (neol.) sm. Scavo. V. i più comunemente usati fòggia, fuessu, canale.

scazzafitta sf. Stacco, separazione dell'in-tonaco dal muro.

scazzafittare tr.; pres. scazzafittu,… scazzafittamu, ecc.; p. rem. scazzafittài, ecc.; pp. scazzafittatu. Stonacare, scrostare un muro staccandone l'intonaco: nde scazzafittàra puru le petture ne staccarono anche le pitture. [dall'incr. tra it. scalzare, cazza e soffitto].

scazzamurieδδu sm. 1- Folletto casalingo giocherellone, che se ne sta nascosto negli stipi, negli armadi, nei cassetti della biancheria e spesso, per dispetto, cambia di posto a qualche oggetto * 2- fig. Uomo basso e mingherlino. [dim. tratto dal lecc. cazzare comp. con il germanico mara, fantasma]. V. laurieδδu, uriceδδu.

scazzecare1 tr.; pres. scàzzecu, scàzzechi, scàzzeca, scazzecamu, ecc.; p. rem. scazzecài, ecc.; pp. scazzecatu * 1- Smuovere, sollevare un tantino; sprimacciare: basta cu llu scazzecati stu cute è sufficiente che stacchiate questo macigno dal banco * fig. Stuzzicare, stimolare: nna camenata ni scazzecàu la fame una camminata ci stimolò l'appetito. [da un incr. tra it. scalzare e cacciare].
DE D. ncignàu: "Ohimmè! lu primu male è quistu, / tte scàzzeca la ndore e cu nu pruei!

scazzecare2 rifl.; pres. me scàzzecu, ecc.; impf. me scazzecàa, ecc.; p. rem. me scazzecài, ecc.; pp. scazzecatu. Animarsi; rizzarsi con fatica, sollevarsi appena: se scazzecàu te la sèggia e se ssettàu all'ancutieδδu si sollevò a fatica dalla sedia e sedette sullo sgabello * fig. Eccitarsi sessualmente: appena ite nn'anca, se scàzzeca appena intravede una gamba, si eccita. [è anche implicito il significato di cazzu].

scazzecatu agg. Eccitato * freddura triv.: nnu culignu, appena idde lu mare scazzecatu, disse: "Moi me minu!" un pederasta, appena vide il mare 'eccitato' esclamò: "Adesso mi butto!".

scazzuttare tr.; pres. scazzottu, scazzuetti, scazzotta, scazzuttamu, ecc.; p. rem. scazzuttài, ecc.; pp. scazzuttatu. Scazzottare. [da cazzottu].

scazzuttatura sf. Scazzottatura.

scazzùzzeru sm. Omino; nanetto; persona bassa e gracile, ma tutto pepe.

sçecu, sçiuecu sm. Gioco; svago, passatempo; divertimento: sta’ ffacimu lu sçecu te lu nieδδu d'oru stiamo facendo il gioco dell'anello d'oro; a cce sçecu sçiucamu? a che gioco giochiamo?; tie faci sempre sçiuechi te babbu tu fai sempre scherzi di babbeo * provv. Sçiuecu te manu, sçiuecu te ellanu gioco di mano, gioco di villano § A cci ae fiaccu lu sçecu, cu batta le carte colui, a cui va male il gioco, mischi le carte § Ci sape le malìzie te lu sçecu, ete fessa ci le dice all'àutri chi conosce i trucchi del gioco, è stupido se li svela agli altri. [lat. jocus].

disegno
sçègghiu

sçègghiu, sçiuègghiu sm. 1- Semenza del loglio o zizzania: quannu lu sçègghiu ete cchiùi te lu ranu quest'anno i chicchi del loglio sono più numerosi dei chicchi del grano; sta cristiana sìmmena sçiuègghiu puru a mparaìsu costei semina zizzania persino in paradiso. [da un incr. tra lat. exeligo e lolium].
DE D. "… nu bè ccosa forte / cu ssìmmena lu scègghiu intru lli Santi".

sçelappa sf. Gialappa, specie di convolvolo dai lunghi steli avvolgenti; ha càule rossastro, foglie cordiformi e fiori campanulati; dai suoi rizomi si estrae una sostanza che è un drastico purgante. [dalla città messicana Jalapa].

sçelare intr. difettivo; pres; sçela, sçèlanu; impf. sçelàa, sçelânu; p. rem. sçelàu, sçelàra; pp. sçelatu. Gelare, intirizzirsi; sentire molto freddo: a mmie me sçela la punta te lu nasu mi si gela la punta del naso; allu piccinnu ni sçelàanu le tìsçete al bambino intirizzivano le dita; mama dice ca m'à scelare mia madre afferma che sentirò freddo. [lat. gelare, g>sç].

sçelata sf. Gelata, brinata.

sçelatina sf. Gelatina di frutta zuccherata.

sçelatura sf. Gelata con formazione di ghiaccioli; vasta brinata sul terreno e sulle piante: ae nna semana ca sçiamu te sçelatura a sçelatura da una settimana passiamo da una gelata ad un'altra successiva.

sçeleccu (pl. sçelecchi) sm. Gilè, panciotto, farsetto di panno. [sp. chaleco, it. ant. giulecco].

sçeleppu sm., sçeleppa sf. Succo zuccherato denso di frutta sciroppata.

scelleratu agg. Scellerato; malvagio. [lat. sceleratus].

sçelu sm. Gelo; freddo gelido: nna rutta lu rreparàa de l'acquanìe e de lu sçelu una grotta lo riparava dal nevischio e dal gelo * prov. Sçelu marzulinu face mmulenìre lu cuntatinu il gelo a marzo fa illividire il contadino. [lat. gelus, g>sç].

sçeluppare tr.; pres. sçeluppu,… sçeluppamu, ecc.; p. rem. sçeluppài, ecc.; pp. sçeluppatu * Sciroppare le frutta * fig. Sorbire di buon grato; bere avidamente. [dal lecc. sçeleppu incr. con sçeluppu].

sçeluppu sm. Sciroppo. V. sçeruppu.

sçelusìa sf. 1- Gelosia, sentimento di rivalità; cura affettuosa, sentimento possessivo * 2- Affisso esterno di legno per finestra; persiana.

sçelusu agg. Geloso; di individuo possessivo. [dall’it. geloso; nota la g- > sç- e le -o-, -o > -u-, -u]
Da c. p. Su' sçelusu te tie tantu tantu, / sçelusu de lu sule e de lu ientu;

scemàggine, scemagginità sf. Scemenza, scempiaggine, stupidità * fig. Cosa molto facile a farsi.

scemare intr.; pres. scemu,… scemamu, ecc.; p. rem. scemài, ecc.; pp. scematu. Esitare, tentennare; venir meno a una promessa. [dall'it. scemare].
da c. p. Ci e' de sì, dimme sì senza quatela, / ci e' de no, dimme no senza scemare.

scemiceδδu agg. Alquanto scemo, un po' tocco. [dim. di scemu].

sceminu agg. Sciocchino; inesperto e ingenuo. [vezz. di scemu].

sçemma sf. Gemma; abbozzo di germoglio. [lat. gemma, g>sç].

disegno
sçèmmulu

sçèmmulu, sçèmulu sm. Margheritona, pianta erbacea perenne, è comune nei luoghi erbosi, nei prati, lungo le siepi; ha foglie verdi scure e dentate; il fusto, poco ramoso, porta dei capolini gialli e corolle del medesimo colore. La varietà coltivata ha il capolino centrale giallo e le corolle bianche.

sçemmurìculu, sçemmulìculu sm. Ciascun capolino della pianta di camomilla: a' ba' ccuegghi li sçemmurìculi pe nnu recuettu vai e raccogli i fiori di camomilla per un decotto. [dim. di sçèmmulu].

scèmpiu sm. Scempio, strage, violenza spietata.

scemu agg. 1- Scemo, balordo; ignorante; cretino, imbecille, stupido: sinti scemu e fessa sei scemo e balordo; nu ddare retta a δδa scema non dar retta a quella ignorante; nu ffare lu scemu d'India tie! non fare l'indiano tu! * detto: quanti scemi nùtrica la farina, quanti sapi mòrenu te fame! quanti stupidi la farina nutre, quanti saggi soffrono la fame! * 2- con tono affettivo. Inesperto, sciocchino: nu bu mpaurati, scemi mei non vi spaventate, sciocchini miei. [lat. semus, mezzo].
DE D. llèanilu puru, llèanilu lu fruttu de la scènzia, / fanni turnare scemi, la mente cu sse chiua!

scemu a nforsa sm. Finto tonto.

scemu babbu sm. Deficiente, veramente privo di intelligenza.

scemunìre tr. e intr.; pres. scemuniscu,… scemunimu, ecc.; p. rem. scemunìi,… scemunemmu, ecc.; pp. scemunutu * tr. Intontire, stordire * intr. Diventare scemo, istupidire. [da scemu enìre].

scemunitu agg. Scimunito, istupidito, stupido.

scena sf. 1- Scena di teatro, luogo della presentazione * 2- L'azione condotta dall'attore: tie faci la scena matre tu fai la scena principale; ièu fici scena mmuta io feci scena muta * 3- Scenata, sfogo collerico di una persona in pubblico; spettacolo sconveniente: me fice nna scena subbra a lli scaluni te la chèsia mi fece una scenata sui gradoni della chiesa; l'ecchi mei ìddera nna brutta scena i miei occhi osservarono un brutto spettacolo. [lat. scoena].

scenaru sm. Scenario, ambiente o paesaggio di un avvenimento. [lat. scenarium].

scenata sf. Litigio, diverbio rumoroso; alterco in pubblico.

sçenca (pl. sçenche) sf. Giovenca che ha superato i primi diciotto mesi d'età. [lat. j(uv)enca, j>sç].

sçencareδδa sf. Giovenca giovane. [dim. di sçenca].

sçencarieδδu, sçenchiceδδu sm. Vitellino. [dim. di sçencu].

sçencu (pl. sçenchi) sm. Giovenco, vitello * prov. Ci tene a ntàula carne te sçencu, nu mmàngia cepuδδa colui che ha a mensa carne di vitello, non mangia cipolla per companatico. [lat. j(uv)encus, j>sç].

scendìre v. scìndere.

sçennarinu agg. Di gennaio; di frutto della terra che matura a gennaio: cucuzza sçennarina zucca oblunga di gennaio.

sçennaru sm. Gennaio: matine fridde de sçennaru mattine fredde di gennaio * provv. Sçennaru siccu, mmassaru riccu; ma ci ete mutu siccu, se inde l'aratu e llu parìcchiu gennaio poco piovoso, massaro ricco; ma se è troppo secco, venderà l'aratro e la coppia di buoi § Sçennaru zappature, frebbaru putature gennaio zappatore, febraio potatore § Mèndula ci fiurisce te sçennaru nu nde minte ntra llu panaru mandorlo che fiorisce a gennaio non metterà frutti nel paniere § Zappa e puta te sçennaru ci uèi binchi lu ceδδaru zappa e pota in gennaio se desideri empire i contenitori della cantina. [lat. januarius>jenuarius, mese sacro a Giano].

sçènneru sm. Genero. Con i possessivi in pos. encl.: sçènnuma, sçènnuta, sçènnusa mio, tuo, suo genero. [lat. gener -eris].

scentrare tr.; pres. scentru,… scentramu, ecc.; impf. scentràa, ecc.; p. rem. scentrài, ecc.; pp. scentratu. Far perdere il centro, squilibrare una massa rotante.

scenucchiare rifl.; pres. me scenùcchiu, ecc.; impf. me scenucchiàa, ecc.; p. rem. me scenucchiài, ecc.; pp. scenucchiatu. Cadere ginocchioni: pe llu pisu te scenucchiasti per il peso cadesti sulle ginocchia; s'à scenucchiatu è caduto battendo i ginocchi. [s- privativo e incr. tra lat. volg. genuculare e lecc. sçenùcchiu].

scenucchiata sf. Ginocchiata, colpo di ginocchio: cu nna scenucchiata pìgghiàu e spalangàu la porta con una ginocchiata ecco che spalancò la porta.

sçenùcchiu sm. [pl. m. sçenucchi, pl. f. sçenùcchie). Ginocchio: li sçenucchi li purtàa scurciati aveva i ginocchi spellati; li màsculi tènenu le sçenùcchie sempre fridde gli uomini maschi hanno le ginocchia sempre fredde. [lat. genuculum].

scènzia sf. La sapienza, la conoscenza; la scienza e la tecnica: nc'ete cu tte faci maraègghia te la scènzia te li ntichi c'è da meravigliarsi della sapienza degli antichi * detto: la pràtteca ince la scènzia la pratica supera la teoria. [lat. scientia].
DE D. Cce base, dunque, Adamu, lu fruttu ca mangiasti, / la scènzia de lu bene, la scènzia de lu male?

scenziatu agg. e sm. Molto ingegnoso, inventore; sapiente, assai istruito: nna scenziata ete sorma: a ddu se minte sona mia sorella è molto istruita: qualunque cosa intraprenda la porta a buon fine; tuttu cu lle manu soi se face, ete nnu scenziatu fa tutto con le proprie mani, è molto ingegnoso.
DE D. Dimme quale scenziatu l'ha capita / comu se forma a ncapu lu penzieri? / comu ccumenza all'uèmmeni la vita?

scenzione sf. La festa religiosa cattolica dell'Ascenzione. [lat. ascentio -onis].

scerabbà v. sciarabbà

scèrcula sf. Susina di colore giallo-verdognolo.

scèrcule, scèrpule sf. pl. Masserizie minute di poco valore e scarso pregio; cianfrusaglie.

disegno
sçèrmete

sçèrmete sm. 1- Mannello, manata di steli di erbe, che il mietitore afferra e taglia con un sol colpo di falce * 2- Legaccio ricavato con gli steli dello stesso mannello. [lat. merges -itis>germete, g>sç].

sçernetura sf. 1- Selezione, suddivisione * 2- Sistema (terrapieno, muretto, staccionata) atto a incanalare l'acqua in più rivi, oppure a dividere le pecore di un gregge.

sçeroccu sm. Scirocco, vento umido di sud-est; atmosfera dominata dallo scirocco umido; il punto cardinale sud, il mezzogiorno: osçe ete sçeroccu oggi è scirocco; ane rittu a sçeroccu vai dritto in direzione sud * provv. Sçeroccu chiaru e tramuntana scura, camina certu ca la ia e' ssecura scirocco sereno e tramontana nuvolosa, vai tranquillo ché il viaggio è sicuro, non c’è pericolo di pioggia § Quandu lu sçeroccu rite, ete fessa ci lu crite è da sciocchi prestare fede allo scirocco quando ride ed è sereno § Sçeroccu muttulusu li malati li face suffrire, li sani li face durmire scirocco umidiccio fa soffrire i malati, fa poltrire i sani. [arabo shuluq, vento caratteristico del Sahara].

scerrare rifl.; pres. me scerru, te scierri (scerri), se scerra, ni scerramu, ecc.; p. rem. me scerrài, ecc.; pp. scerratu. Dimenticare, scordare: a ffiate se scerràa puru comu se chiamàa a volte dimenticava persino come si chiamava; m'àggiu scerratu lu cappieδδu ho dimenticato il cappello; nu tte scerrare cu ddici le cose te Diu non dimenticare di recitare le preghiere * prov. Fane male e pènsanci, fane bene e scèrratende fai del male e pènsaci, fai del bene e scòrdatene.
Da c. p. Mo' ci me partu, arrivederci addìu, / nu tte scerrare te ci tantu te ama.
DE D. a mbrazze toa me scerru ogne turmientu, / nun àggiu friddu cchiùi, nun àggiu fame.

scerratazzu agg. Dimenticone, di poca memoria.

scerratizzu agg. Che dimentica facilmente, smemorato.

scerratu agg. Dimentico; incurante.

scersa, scerza sf. Terreno incolto perché poco produttivo; pascolo permanente.

scersu, scerzu agg. Incolto, erboso.

sçeruccale agg. Sciroccale, di scirocco: ienti sçeruccali venti di scirocco; faugnu sçeruccale afa sciroccale.

sçeruccare intr. impers.; pres. sçerocca; impf. sçeruccàa; p. rem. sçeruccàu; pp. sçeruccatu. Ruotare del vento per soffiare da scirocco: era punente, poi sçeruccàu e chiobbe era ponente, poi venne lo scirocco e piovve. [da sçeroccu].

sçeruccata sf. Maltempo sollevato dallo scirocco; scirocco che imperversa.

sçeruccazzu sm. Brutto vento di scirocco.

sçeruccusu agg. Sciroccale: ària sçeruccusa e ùmeta atmosfera sciroccale e umida; lu ientu sçeruccusu porta nule e àcqua il vento sciroccale apporta nuvole e pioggia.

sçeruppare tr.; pres. sçeruppu,… sçeruppamu, ecc.; p. rem. sçeruppài, ecc.; pp. sçeruppatu. Sciroppare, preparare una bevanda di sciroppo * fig. rifl. Ingerire malvolentieri, sorbirsi. V. sçeluppare.

sçeruppatu agg. Sciroppato.

sçeruppu sm. Sciropp, decotto. [dal lat. med. sirupus].

sçeruppusu agg. Dolciastro e consistente come uno sciroppo.

scerveδδare rifl.; pres. me scerveδδu, te scervieδδi, se scerveδδa, ni scerveδδamu, ecc.; p. rem. me scerveδδài, ecc.; pp. scerveδδatu. Scervellarsi, stillarsi il cervello. [da cervieδδu].

scerveδδatu agg. Scervellato, scriteriato; sbalestrato.

scerza v. scersa.

sçettafuecu sm. Acciarino. [comp. di sçetta(re) fuecu].

sçettalora, sçettarola sf. 1- Buco della fogna; smaltitore di acque piovane * 2- Botola del soppalco, attraverso la quale viene gettato il foraggio ivi ammucchiato.

sçettare tr.; pres. sçettu, sçietti (sçetti), sçetta, sçettamu, ecc.; p. rem. sçettài, ecc.; pp. sçettatu * 1- Gettare via, lanciare lontano, buttare; espellere, sprizzare: sçettati sti sosarieδδi δδaffore gettare questi barattoli là fuori; prima sse sistema à sçettatu lu sangu prima di sistemarsi ha sprizzato sangue * 2- Emettere gemme, germogliare: li nniesti sçettàra muti uecchi gli innesti gettarono parecchie gemme * rifl. Lasciarsi andare per fare i primi passi: a ddùtici misi ncignàu cu sse sçetta a dodici mesi cominciò a dare i primi passi. [lat. eiectare].
D'AM. (L'ecchi toi) … quandu li apri e giri a nturnu / sia ca sçèttanu fasçiδδe.

sçettatieδδu sm. Bambino abbandonato, esposto; trovatello.

scettru sm. Scettro di comando. [dal lat. sceptrum].

sçettu sm. Getto, gemma.

schèletu, schèletru sm. Scheletro. [dal gr. skeletòs].

schenzanese agg. Di Squinzano * sm. e f. Abitante di Squinzano.

Schenzanu, Schinzanu geogr. Squinzano.

schera (lett.) sf. Schiera, gruppo; massa di gente schierata. V. murra.
DE D. e Idrusa pura, santa mmaculata, / la schera de le vergini sçiu ttruàu!

scherare (lett.) tr.; pres. scheru, schieri, schera, scheramu, ecc.; impf. scheràa, ecc.; p. rem. scherài, ecc.; pp. scheratu. Schierare. [da schera]. V. i più comuni lliniare, nfelezzare.

scherma sf. Scherma; duello rusticano eseguito maneggiando i coltelli oppure i bastoni: sçera a mmera a Santu Ronzu te fore cu sse tìranu a scherma si recarono dalle parti di S. Oronzo fuori le mura per fare il duello.

schermitore sm. Schermidore, uno che sa maneggiare il coltello o il bastone nella lotta rusticana.

schersare intr.; pres. schersu, schiersi, schersa, schersamu, ecc.; p. rem. schersài, ecc.; pp. schersatu. Giocare vivacemente, trastullarsi; scherzare, sia nel senso di comportarsi in maniera allegra per divertire e sia nel senso di parlare con leggerezza e con indelicatezza: quandu schersàa, ni facìa crepare te risi quando scherzava ci faceva ridere a crepapelle; nu tte fare currìu: nu biti ca sta’ schèrsanu? non mettere in broncio: non vedi che scherzano?; la farfalla sta’ schersa cu lli fiuri la farfalla si trastulla con i fiori; schersandu schersandu nci l'àggiu fatta scherzando scherzando ci sono riuscito.
DE D. la luce morta sècuta a schersare / nfacce alla pora barca scanusciuta.

schersèbbule agg. Scherzevole.

schersebbulisçiare intr.; pres. schersebbulìsçiu, ecc.; impf. schersebbulisçiàa, ecc.; p. rem. schersebbulisçiài, ecc.; pp. schersebbulisçiatu. Scherzare fino a procurare fastidio agli altri. [da schersèbbule + suff. durat.-intens. -sçiare].

schersiceδδu sm. Scherzetto. [dim. del lecc. schersu].

schersu (pl. schiersi) sm. Scherzo, beffa, burla, celia; divertimento: l'àggiu fattu a schersu l'ho fatto per scherzo; ni fìcemu nnu bellu schersu gli facemmo una beffa piuttosto pesante * detto: cu lli schiersi e ccu lli risi se furnìscunu li turnisi scherzando e ridendo i denari si esauriscono; uè' biti ca a schersu a schersu te rumpu li musi? vuoi vedere che scherzando e ridendo faccio sul serio e ti faccio uscire sangue dalla bocca?

schersusu agg. Scherzoso, faceto; burlone, giocherellone.

schettare tr.; pres. schettu, schietti, schetta, schettamu, ecc.; impf. schettàa, ecc.; p. rem. schettài, ecc.; pp. schettatu. Pettinare capelli troppo arruffati e annodati; districare; sciogliere trecce.

schettezza sf. Schiettezza; sincerità.

schettu (pl. schietti) agg. Schietto, semplice, puro genuino; sincero, leale: ete mieru schettu è vino puro e genuino; me pare nna stria schetta mi sembra una ragazza sincera; picca suntu li amici schietti pochi sono gli amici sinceri e leali.
Da c. p. Ete sine o none? Speru o nu speru? / Pàrlame schettu ci me ài te parlare.

schiantare tr.; pres. schiantu,… schiantamu, ecc.; p. rem. schiantài, ecc.; pp. schiantatu. Schiantare, svellere piantine per trapiantarle; estirpare, sradicare; stroncare: lu fùrmene schiantàu la cruce te lu campanaru il fulmine schiantò la croce del campanile.

schiantatu agg. Sradicato; stroncato.
DE D. Moi comu truncu de parma schiantata / te uarda e nnu te càrcula nisciunu.

schianteδδare tr.; pres. schianteδδu, schiantieδδi, schianteδδa, schianteδδamu, ecc.; p. rem. schianteδδài, ecc.; pp. schianteδδatu. Schiantare, stroncare, svellere con violenza * 2- Staccare la suola, la 'chianteδδa' dalla scarpa.

schiantu sm. Schianto, rumore fragoroso.

schiappa sm. e f. Persona buona a nulla, incapace.

schiappinu sm. Inesperto, poco abile; mestierante.

schiappune sm. Povero diavolo.

schiarire tr. e intr.; pres. schiariscu,… schiarimu, ecc.; p. rem. schiarìi,… schiaremmu, ecc.; pp. schiarutu. Schiarire: cu ll'àcqua te capumilla schiarìu li capiδδi con l'infuso di camomilla schiarì i capelli; lu celu à schiarutu il cielo si è schiarito.

schiaruta sf. Schiarita.

schiarutu agg. Sbiadito.

schiatteδδare tr.; pres. schiatteδδu, schiattieδδi, schiatteδδa, schiatteδδamu, ecc.; p. rem. schiatteδδài, ecc.; pp. schiatteδδatu. Spiattellare, dichiarare sfrontatamente: sòpiu sòpiu ni sçiu schiatteδδàu la erdate calmo calmo gli spiattellò la verità.

schiavitù sf. Soggezione umiliante; costrizione durevole.

schiavu, schiàu agg. e sm. Succubo, individuo soggiogato, plagiato e incapace di rendersi libero.

schiδδante agg. Di voce acuta, squillante: te canna ni essìu nnu risu schiδδante dalla gola gli uscì una risata stridula.

schiδδare intr.; pres. schiδδu,… schiδδamu, ecc.; p. rem. schiδδài, ecc.; pp. schiδδatu. Strillare; squillare: tutte le nunne se mìsera a schiδδare tutte le donne si misero a strillare; le trumbette me schiδδàanu ntru lle rìcchie le trombette mi squillavano nelle orecchie. [da schiδδu].

schiδδu sm. 1- Strillo, grido acuto; urlo * 2- Squillo, suono acuto.
DE D. e de intru Utràntu se nde sente ausare / schiδδi e prechere de ci spera e more!
DE D. Sulu de la Minerva se nde sente / rùmpere l'ària nu schiδδu de tromba.

schifare tr.; pres. schifu,… schifamu, ecc.; impf. schifàa, ecc.; p. rem. schifài, ecc.; pp. schifatu. Schifare.

schifenza sf. Cosa o azione che fa schifo; porcheria.

schifezza sf. Schifezza.

schifìu sm. 1- Fatto disgustoso; azione riprovevole; cosa nauseante: à ccumbenatu nnu schifìu ha combinato una cosa schifosa * 2- Fiasco, insuccesso totale: la festa sçiu spicciàu a schifìu la festa finì in un totale insuccesso.

schifu sm. Schifo, disgusto, cosa disgustosa: nnu schifu te fìmmena crìsçiu ca la ttroa, no? uno straccio di donna, credo, lo troverà, no?; sta cuiarda ete nnu schifu questa minestra appiccicatìccia è una cosa disgustosa. [fr. eschif].

schifusàggine sf. Schifosaggine, azione schifosa e biasimevole.

schifusu (f. schifosa) agg. Schifoso, disgustoso e nauseante.

sçhina (lett.) sf. Schiena: me giràu la sçhina e sse nde sçìu mi voltò la schiena e se ne andò. V. spaδδe.

sçhinale sm. Schienale, la parte del sedile destinata all'appoggio della schiena.

schiòere (lett.) intr. impers.; pres. schiòe; impf. schiuìa; p. rem. schiuìu (sciobbe) ; pp. schiuutu. Spiovere. V. scampare.

schioppu sm. Schioppo, fucile a una canna. [lat. med. scloppus].

schircu sm. Estro; bizza, idea bizzarra, schiribizzo, tìcchio: ni salèra ccerti schirchi! gli salirono certe idee bizzarre!; ci me ene lu schircu, nna strina te la nducu se mi viene il ghiribizzo, ti porterò una strenna. Stornello: O rose pacce, / ci a ncuerpu, beδδu miu, puerti sti schirchi, / annanti a ssirma ièu te sputu a nfacce.
D'AM. (la Furtuna), … / salùtuni lu schircu a nu mumentu, / alla mmersa camina cu la rota.

schircusu agg. Estroso; bizzarro, capriccioso; stravagante.

schirecare tr.; pres. schìrecu, schìrechi, schìreca, schirecamu, ecc.; p. rem. schirecài, ecc.; pp. schirecatu. Sospendere a divinis un sacerdote: Bonsignore schirecàu papa Ruggeru monsignor Vescovo sospese a divinis don Ruggero * rifl. Spretarsi, abbandonare lo stato sacerdotale. [da chìreca].

schirecatu agg. Spretato * fig. Miscredente, infedele, scomunicato.

schiribbizzu (neol.) sm. Ghiribizzo; capriccio. V. schircu.

Schirichìa sm. e f. Personaggio strambo immaginario; un tizio quant'altri mai stravagante.

schiuàre tr.; pres. schiòu, schiuèi, schiòa, schiuàmu, ecc.; impf. schiuàa, ecc.; p. rem. schiuài, ecc.; pp. schiuatu. Schiodare (il contrario è nchiuàre).

schiuatu agg. Schiodato e aperto.

schizzettu sm. 1- Pompetta per clisteri * 2- Berrettino tondo di feltro senza tese; zucchetto emisferico dei prelati * 3- fig. Goccio di alcol schizzato in altra bevanda alcolica.

schizzu sm. Schizzo, abbozzo fatto con pochi tratti.

scìa (pl. scèi) sf. Ragazza. V. strìa. [nota str>sc].

sçia' voce verbale = sçiamu, sçiati del verbo sçire; quasi sempre esortativo, è unito ad altre forme verbali al presente: sçia' (=sçiamu) mmangiamu andiamo a mangiare; sçia' (=sçiati) stutiati andate a studiare; nui sta’ scia' ffatiamu e ui sta’ scia' ddurmiti noi stiamo andando a lavorare e voi andate a coricarvi.

sciàbbeca sf. 1- Sorta di rete da pesca * 2- Palandrana, ampia e lunga vestaglia svolazzante * fig. Persona sciatta e trasandata nel vestire. [arabo shabaka].

sciabbecatu agg. Trasandato nel vestire e nel comportarsi; disordinato nel lavoro.

sciabbecheδδa sm. e f. Persona male in arnese ma simpatica. [dim. di sciàbbeca].

sciàbbula sf. Sciabola.

sciabbulata sf. Sciabolata.

sciaccale sm. Larga cinghia dei finimenti, che si attacca al basto. [dall'it. straccale, str>sci].

sciaccare intr.; pres. sciaccu, sciacchi, sciacca, sciaccamu, ecc.; p. rem. sciaccài, ecc.; pp. sciaccatu. Straccare, stancarsi: fatìanu comu muli e sciàccanu lavorano come muli e si stancano. [da sciaccu]. V. anche il più usato straccare.
D'AM. Passa e spassa àggiu sciaccatu / cchiù de quiδδi ci anu a ncàccia.

sciaccata sf. Stracchezza, senso e stato di stanchezza.

sciaccatu agg. Stracco, sfinito dalla stanchezza.

sciaccu (pl. sciacchi) agg. Stracco, stanco oltre misura; sfinito: se nde stese stisa cu lli sensi sciacchi se ne stette distesa con i sensi sfiniti; (D'Amelio) me nde tornu sciaccu e lassu torno indietro stanco e sfinito. V. pure straccu. [nota str>sci].

sciacqualattuche sm. e f. Fannullone inetto, che non sa eseguire alcun lavoro a lui assegnato (per cui ha il solo còmpito di sciacquare le lattughe! ).

sciacquare tr.; pres. sciaccu, sciàcqui, sciàcqua, sciacquamu, ecc.; p. rem. scicquài, ecc.; pp. sciacquatu. Sciacquare * rifl. Lavarsi per rinfrescarsi.

sciacquarisçiare tr.; pres. sciacquarìsçiu,… sciacquarisçiamu, ecc.; impf. sciacquarisçiàa, ecc.; p. rem. sciacquarisçiài, ecc.; pp. sciacquariosçiatu * 1- Sciacquare male per trascuratezza o per fretta * 2- Diluire con troppa acqua. [da sciacquare + suff. intens. -sçiare].

sciacquarisçiatu agg. Diluito assai; troppo brodoso.

sciacquata sf. Sciacquata, lavata frettolosa e superficiale.

sciacquatienti sm. Pugno assestato sulla bocca, con fuoriuscita di sangue. [comp. di sciacqua(re) tienti].

sciacquatu agg. Lavato e pulito, ma non ancora asciugato.

sciacquature sf. pl. Acque sporche delle stoviglie o di altre lavature.

sciàcqui sm. pl. Gargarismi.

sciacquitti sm. e f. Persona melensa, insignificante e insulsa.

sciaddèu agg. Sciatto, trasandato, trascurato; disordinato per abitudine.

sçiàlenu agg. Di colore giallo o biondastro: capiδδi sçiàleni schiaruti cu lla capumilla capelli biondi ottenuti con lavaggi alla camomilla. [dal fr. jalne].
DE D. Coce a mpiernu lu sule. La pianura / ete nnu mare sçiàlenu brusçiatu.

sçialenusu agg. Giallognolo, giallastro; biondastro.

scialla1 sf. Scialle, indumento femminile. [fr. châle].

scialla2 sm. e f. Scialacquatore, che spende e spande. [da scialla(re) ].

sciallare (lett.) intr.; pres. sciallu,… sciallamu, ecc.; p. rem. sciallài, ecc.; pp. sciallatu. Scialare. [dal lat. exhalare]. V. anche menare.

sciallazzi e sciallizzi sm. pl. Scialacquamenti in gozzoviglie; bagordi. [entrambe le voci da sciallare].

scialletta sf. Sciarpa che viene avvolta al collo o per difendere la gola dal freddo o, indossata sotto la giacca, per non sporcare il bavero di unto delle pomate per capelli. [dim. di scialla].

sciallone sm. Ampio scialle quadrato o a forma di ruota, da indossare sulle spalle sopra le vesti. [accr. di scialla].

sciallu sm. Scialle. V. scialla1.

scialu (lett.) sm. Scialo, sperpero, spreco. V. pure menamientu.

sciamberga sf. Frac, marsina * fig. menza sciamberga sm. 1- Impiegatuccio che si dà molte arie * 2- Traffichino * 3- Gagà, vecchio individuo rammollito. [da un incr. tra sp. chamberga e it. sciamma, toga]. V. pure l'analogo sciammerga.

sciamberghinu sm. Impiegatuccio; portaborse di un noto professionista. [dim. di sciamberga].

sciamblare tr.; pres. sciamblu,… sciamblamu, ecc.; p. rem. sciamblài, ecc.; pp. sciamblatu. Confezionare un indumento volutamente ampio, con falde svolazzanti; allargare un abito o parti di esso. [lat. exampliare, it. sciamprare].

sciamblatu agg. Slargato, ampio che cade in numerose pieghe * sm. Indumento di proposito confezionato ampio, affinché scenda in foggia cascante e ricco di pieghe. [it. ant. sciamprato].

sciamissi sm. Ampio soprabito abbottonato sul davanti per tutta la sua lunghezza.

sciamissinu sm. Prendisole da spiaggia, che mai arrivava al disopra del ginocchio di una donna. [dim. di sciamissi].

sciammannatu agg. Sciamannato, sgualcito; trasandato, disordinato.

sciammarisçiamientu sm. Scuotimento prolungato.

sciammarisçiare, ssammarisçiare tr.; pres. sciammarìsçiu (ssammarìsçiu), ecc.; impf. sciammarisçiàa, ecc.; p. rem. sciammarisçiài, ecc.; pp. sciammarisçiatu. Scuotere ruvidamente; sbattere ripetutamente: lu sciammarisçiàa pe spaδδe lo scoteva ripetutamente e bruscamente per le spalle; ntra llu mbile mise àcqua, cìnnere e petrùδδuli e llu sciammarisçiàu buenu buenu nell'orciolo mise dell'acqua, cenere e sassolini e lo sbattè reiteratamente ben bene. [dall'it. stramenare incr. con maneggiare + suff. iter. -sçiare].

sciammerga sf. 1- Giamberga, abito da cerimonia, finanziera o redingote * fig. triv. Coito, amplesso fuggevole.

sciammerghinu sm. Giustacuore, giubba maschile lunga sino al ginocchio.

sciampagna sf. Sciampagna e qualsiasi vino bianco spumante o effervescente. [fr. champagne].

sciampagnata sf. Scampagnata con colazione e allegre bevute.

sciampagnone sm. Amicone gioviale e spumeggiante, che con i compagni spende e spande * prov. Li turnisi te lu carrucchiaru se li sçiuscia lu sciampagnone i soldi dell'avaraccio li spende l'erede gaudente. [da un incr. tra it. sciampagna e compagnone].

sçiana sf. Propensione, intenzione, voglia; umore, stato d'animo: sçiana bona buona intenzione, sçiana fiacca malumore, brutta sçiana stato d'animo cattivo * modo di dire: stare te sçiana essere disposto. [forse dallo sp. jena, jana].

sçianaru agg. Di carattere volubile, che muta frequentemente i propri desideri; banderuola: e cci la capisce δδa sçianara? e chi la capisce quella donna volubile? [da sçiana + suff. -aru].

sçianàtecu agg. Di umore mutevole, lunatico. [da un comp. lecc. tra sçiana(ru) e (lu)natecu].

sciancare rifl.; pres. me sciancu, te scianchi, se scianca, ni sciancamu, ecc.; p. rem. me sciancài, ecc.; pp. sciancatu. Scosciarsi; dilombarsi. V. pure spalare.

sciancatu agg. Claudicante, il quale ha subito uno slogamento all'anca e cammina a gambe divaricate; sciancato.

sciangitama inter. Invito a lasciare la propria dama e a continuare la danza accoppiato alla ballerina altrui. [dal fr. changez dames].

sçiangìa (pl. sçiangèi) sf. Gengiva. [lat. gingiva]. V. sangìa.

Sçianni, Giuanne pers. Giovanni.

sciappigna v. strappigna, strappina.

sciarabbà, scerabbà sm. Carro agricolo a due ruote con molleggiamento a balestre: ane cu llu sciarabbà ca lu traìnu serve a mmie vai col carro a molle, perché il carro pesante occorre a me. [fr. char-à-banc].

sciarabballista, scerabballista sm. Guidatore di uno 'sciarabbà' per mestiere, carrettiere.

sçiardenera sf. La moglie dell'ortolano.

sçiardenieri sm. Contadino-ortolano, il quale in un podere ben recintato, fornito di pozzi e frequentato dai signori padroni, pianta qualche fiore lungo lo stradone, coltiva soprattutto verdure e cura la pergola e il frutteto. [fr. jardinier].
Da c. p. Quantu e' bellu cu biessi sçiardenieri! / Se pìgghia le sazze e sse nd'ae fore, / e bae ccugghiendu rose damaschine, / fugghiazze de merànguli pe ndore.

sçiardinu sm. (pl. f. sçiardine). Campagna chiusa da alto muro di cinta, ben irrigata, ben coltivata a verdure e a piante da frutta; sul fondo stesso c'è la casa rustica con stradone; non mancano le piante da fiore per la padrona * prov. La pacènzia ete nna bona erva, ma nu ccrisce ntra ttutte le sçiardine la pazienza è un'erba buona, ma non cresce in tutti gli orti. [fr. jardin].
Da c. p. Te lu sçiardinu miu lu fiuru sièi, / fenca cquannanti tie ndore dai.

sciarpa (neol.) sf. Sciarpa, indumento maschile. [fr. acharpe]. V. scialletta.

sciarpisçiare intr.; pres. sciarpìsçiu, ecc.; impf. sciarpisçiàa, ecc.; p. rem. sciarpisçiài, ecc.; pp. sciarpisçiatu. Balbettare; non pronunziare bene le consonanti s-, l-; biascicare. [dal suono onom. sc…rp…sç].

sciarpu agg. Bleso, balbuziente: sciarpu lu nanni, sciarpa la mamma e sciarpi su' benuti puru li fili balbuziente il nonno, balbuziente la madre ed anche i figli sono derivati blesi.

sciarretta sf. Biroccino, vettura leggera a due ruote e senza mantice, tirata da un cavallo snello e veloce. [fr. charrette].

sciarriare rifl.; pres. me sciarrìu,… ni sciarriamu, ecc.; impf. me sciarriàa, ecc.; p. rem. me sciarriài, ecc.; pp. sciarriatu. Imbronciarsi e dividersi; offendersi e rompere i rapporti di amicizia: la Peppina e llu Masi s'ànu sciarriati Giuseppina e Tommaso si sono lasciati e separati.

sciassa, sciarsa sf. La giacca di alta uniforme con falde a coda di rondine dei reali carabinieri.
BOZZI pe δδu fisçhiettu ci etimu mpezzatu / rretu lla sciarsa te li carbunieri.

sciata sf. Strada, via; itinerario: sciata ècchia e sciata noa strada vecchia di campagna e strada nuova comunale; sciate sulagne cu lle cazzature cupe te le traìne vie di campagna solitarie con le tracce profonde delle ruote dei carri; (D'Amelio) comu ientu pe le sciate sta caloppa veloce come il vento sta galoppando per le vie. [lat. (via) strata, str>sci].
Da c. p. – Oi, ferma, ferma, ca si' ccarcerata, / moi ci t'àggiu ncurtata sula sula.
– Sotu, nu mme tuccare pe lla sciata, / ca su' zziteδδa e pperdu la furtuna!

sciàteca sf. Sciatica.

sçiatecara sf. Contadina esperta vagliatrice di cereali e legumi. [da sçiàtecu + suff. di mest. -ara].

sçiatecare tr.; pres. sçiàtecu, sçiàtechi, sçiàteca, sçiatecamu, ecc.; p. rem. sçiatecài, ecc.; pp. sçiatecatu. Stacciare, vagliare: ieri sçiatecàra lu uèrgiu, osçe sçiàtecanu li ruppini ieri vagliarono l'orzo, oggi stacceranno i lupini. [da sçiàtecu].

disegno
sçiàtecu, farnaru

sçiàtecu (pl. sçiàtechi) sm. Grosso crivello di forma rotonda, con il fondo di rete metallica o di lamiera bucherellata per vagliare cereali e legumi; oppure staccio di forma quadrata col fondo di rete metallica usato dai muratori per setacciare la 'tufina'. [dal rumore onom. sç…t…c degli aridi sul fondo del vaglio].

sciàtecu agg. Sciatico, ciascuno dei nervi dell'isco. [lat. sciaticus].

sciauratu agg. 1- Sciagurato, disgraziato, miserabile perseguitato dalla sventura * 2- Iniquo, malvagio * prov. Sciaurata e cannaruta Diu cu lla iuta! che Dio aiuti una donna sciagurata e golosa! [dal lat. exauguratus].

sçiava, sçiàa, sçià' sf. Nel frantoio oleario, locale-deposito delle singole partite di olive in attesa di molitura. [it. giava].

scìbbula sf. Stronzo duro. [dal lat. scipio, bastone, lat. volg. dim. scipulus].

scicchi sm. Abito molto elegante: rriàra li mmitati tutti cu llu scicchi arrivarono gli invitati indossando vestiti attillati ed eleganti * agg. indecl. Elegante e raffinato: purtàa nna esta scicchi indossava una veste assai elegante; sorda era ddaveru scicchi tua sorella era proprio un figurino * avv. In maniera ricercata, con raffinatezza, elegantemente: sièntilu comu parla scicchi ascoltalo come si esprime con proprietà. [it. scicche].

sciδδa sf. 1- Ascella: nu mme rrechiδδecare sutta alle sciδδe non mi solleticare sotto le ascelle * 2- Ala: la mita tenìa nna sciδδa spezzata la gazza aveva un'ala rotta. [lat. axilla].

sçiettu, sçettu sm. Getto, gettata di nuovi germogli. [da sçettare].

scigghiare tr.; pres. scìgghiu, ecc.; impf. scigghiàa, ecc.; p. rem. scigghiài, ecc.; pp.

scigghiatu. Aggrovigliare, arruffare, disordinare; scompigliare, sparpagliare. [dal lat. exiliare, disperdere].

scigghiatu agg. Arruffone, disordinato.

scìgghie sf. pl. Oggetti vari tenuti in disordine; cianfrusaglie sparse; oggettini di poco valore * fig. Arnesi vari, attrezzi minuti, che durante l'uso vengono posati qua e là sul luogo di lavoro: ccuegghi le scìgghie e sçiàmuninde raccogli gli attrezzi e andiàmocene. [dal lat. (au)xilia, strumenti].
DE D. … e ni dissi: "Caru beδδu, / dammi le scìgghie mei e te dau le toi".

sçigghiola agg. f., che indica la qualità di una specie di uva. Lugliatica: ua sçigghiola uva primaticcia che matura a fine luglio. [da un dim. lat. *juliola].

scìgghiu sm. Disordine; trambusto. [lat. exilium, liu>gghiu].

sçìgliu sm. Giglio. V. gigliu.

scilignàgnulu, scilinguàgnulu sm. Scilinguagnolo, parlantina facile e spigliata. [lat. volg. *sublinguaneus].

scimare tr.; pres. scimu,… scimamu, ecc.; p. rem. scimài, ecc.; pp. scimatu. Cimare, staccare la cima di una pianta; troncare uno stelo, cogliere un fiore. [da s- sottrattiva e cima].

scimatu agg. Senza più la cima; con la cima recisa.

scimatura sf. L'operazione del recidere le cime di tutte le piante di una piantagione *

scimature sf. pl. Le cime recise e raccolte.

sçimellu agg. e sm. Gemello. [lat. geminus, dim. gemellus, g>sç].

scìmia (neol.) sf. Scimmia. [lat. simia]. V. il più comune signa.

scimione sm. fig. Persona grande e grossa, che però è goffa nei movimenti. [accr. di scìmia].

scimiottu sm. Giovane brutto e dispettoso, che infastidisce i compagni.

scimitarra sf. Scimitarra, l'arma da taglio dei Turchi.

scimiuttare (lett.); pres. scimiottu,… scimiuttamu, ecc.; p. rem. scimiuttài, ecc.; pp. scimiuttatu. Scimmiottare.

scina sf. Strenna; regalo di fidanzati. [lat. strena, str>sc]. V. pure strina.
D'AM. Nu dellùiu de pasturi / tutti pòrtanu la scina.

scìndere, scendìre intr. e tr.; pres. scindu,… scendimu, ecc.; p. rem. scendìi (scisi), scendisti, scendìu (scise), scendemmu (scìsemu), scendestu, scendèra (scìsera) ; imper. scindi, scenditi; pp. scendutu (scisu) * intr. Scendere, venire giù: aìa scìndere lu Patreternu cu mminta le cose a ppostu dovrebbe scendere il Padreterno per sistemare le cose per bene * prov. Ci nu ccatta e cci nu bbinde, nu nci sale e nnu nci scinde se uno non compra e non vende e non rischia nel commercio, non sale e non scende e rimane sempre allo stesso livello * rifl. Calare di peso e di volume, dimagrire: etimu ci me nde scindu te nna decina te chili vediamo se dimagrisco di una decina di chilogrammi * tr. Recare giù: nde scendìanu li sacchi a unu a unu recavano giù i sacchi uno alla volta; scìndime lu panaru portami giù il paniere. [lat. (de)scendere].
Da c. p. nc'e' nna caruseδδa te sìtici anni, / ca Cristu te lu celu a nterra scinde,

scindiliettu sm. Scendiletto, tappetino di panno grosso o di strisce di stoffa tessute.

scìngere, scengìre tr.; pres. scingu,… scengìmu, ecc.; p. rem. scengìi (scinsi), scengisti, scengìu (scinse), scengemmu (scìnsemu), scengestu, scengèra (scìnsera) ; imper. scingi, scengiti; pp. scengiutu (scintu) . Stringere: cu scìnganu li lazzi che strìngano i lacci; se la scengìa a mpiettu se la stringeva al seno. [lat. stringere, str>sc]. V. il più usato strìngere.

scinta sf. Stretta: nna scinta te mànure cchiù' fforte una stretta più forte di mani.

scintu agg. Stretto; legato fortemente: lu nnutu nu stae mutu scintu il nodo non sta molto stretto. V. strintu.

sçiòcula sf. Vena di scherzare; voglia di fare scherzi: sempre cu lla sçiòcula stai? sempre in vena di scherzare stai?.

sçioculanu v. sciuculanu.

sciò sciò sm. Voce caratteristica per scacciare i volatili: sciò sciò, musçhe via via, mosche.

sciòla sf. Nastro, fettuccia larga di seta * fig. Specie di cicoria agreste a foglie lineali bislunghe.

scioperare (neol.) intr.; pres. sciòperu,… scioperamu, ecc.; p. rem. scioperài, ecc.; pp. scioperatu. Scioperare astenendosi dal lavoro abituale e protestando.

scioperatu agg. Scioperato, perditempo, sfaccendato; sbandato. [lat. exoperatus].

sciòperu sm. Sciopero.

sciorte sf. pl. Scariche diarroiche. [dall'it. (feci) sciolte, l>r].

sçiòsçiu agg. Trasandato e lurido, che è disattento e, qualunque cosa faccia, si sporca; sudicione: pe beδδa, ete beδδa, mma ete sçiòsçia è bella, senz'altro bella, purtroppo è trasandata e sporca.

sçiotta sf. Brodo alquanto diluito e non molto appetitoso, non da buttare comunque. [dall'it. sciolta, l>t per assimilazione].
Da c.p. Lu culure ci puerti e' comu sçiotta, / si' comu nna menèscia senza sale!

sçiottulusu, sciuttulusu agg. Brodoso.

scippare tr.; pres. scippu,… scippamu, ecc.; p. rem. scippài, ecc.; pp. scippatu. Scippare, derubare con strappo. [da s- sottrattivo e cippu].
Da c. p. Cùcchia (rendineδδa) … / quantu tte scippu nna pinna te l'ale, / ca àggiu ffare nna lettre a llu miu amore.

scippu sm. Furto con strappo.

scippulare tr.; pres. scìppulu,… scippulamu, ecc.; p. rem. scippulài, ecc.; pp. scippulatu. Scippare di frequente per mestiere. [frequentativo di scippare].

sçire intr. e tr.; è verbo irregolare, associato a (v)a(d)o, ed è soggetto a diverse variazioni. Andare, dirigersi, procedere, recarsi * 1- intr.; pres. au, ai, ae (in pos. euf. bau, bai, bae), sçiamu, sçiati, anu (banu): ièu au, ièu sta’ bau io vado; anu o nu banu? vanno o non vanno? § impf. sçìa (da gi(v)a, g>sç), sçìi, sçìa, sçìamu, sçìu, sçìanu: sçìanu te pressa, sta’ sçìanu te pressa procedevano in fretta § p. rem. sçìi, sçisti, sçìu, sçemmu, sçestu, sçera: ui sçestu allu triatu? nui nu sçemmu andaste voi a teatro? noi non andammo § imper. ane (a' bane, a' ba'), sçiati (sçia'): ane moi, a' bane moi vai adesso; a' ba' stùtia vai a studiare § cong. pres. àsçia (bàsçia), àsçianu (bàsçianu): àsçia (cu bàsçia) comu Diu ole! vada come Dio vuole! § gerundio sçendu: sçendu cu bui, stau scusçetatu andando insieme con voi, starò tranquillo; mute fiate sçìa sçendu spesse volte vi si recava § pp. sçiutu: urmai la barca à sçiuta ormai la barca è andata § infinito sçire: lu sçire ete forte, ma àggiu sçire l'andare è duro e difficile, ma devo andare; nu sçire fusçendu non andare di corsa * 2- rifl. accompagnato dall'avv. nde. Andarsene; pres. me nd'au, te nd'ai, se nd'ae (oppure me nd'iàu, te nd'iài, se nd'iàe), ni nde sçiamu, u nde sçiati, se nd'anu (se nd'iànu) ; impf. me nde sçìa, ecc.; p. rem. me nde sçìi, ecc.; imper. abbande, sçiàtibunde; cong. pres. se nd'àsçia, se nd'àsçianu * 3- ausiliare ad un altro verbo, entrambi nel medesimo modo e tempo, serve ad indicare lo scopo dell'azione: au mmàngiu e poi me a' ccurcu vado a mangiare e poi mi vado a coricare; sçiamu lleggimu lu manifestu andiamo a leggere il manifesto; sçera bìddera lu circulequestru andarono a vedere il circo equestre * 4- assai frequentemente le forme sçiàmu, sçiàti, sçire, in funzione servile, si contraggono in sçia' (andiamo), sçia' (andate), sçi' (andare): sçiamu ballamu, sçia' ballamu andiamo a ballare; àggiu sçire ffatiare, àggiu sci' ffatiare devo andare a lavorare * 5- impers. Costare; sçire caru, sçire marcatu costare molto, poco; a cquantu ae lu tùmenu? quanto costa il tomolo? * 6- tr. Lasciare andare, emettere: sçìa sangu te ucca emetteva sangue dalla bocca; nu sta’ bae li nùzzuli te ficalìndia non sta evaquando i semi di fichidindia. [lat. ire, it. ant. gire, g>sç].
Da c. p. Passàu lu Tùrchiu e lla zzeccàu pe rrazzu: / -Sçiàmunde, Rosa mia, sçiamu a Tturchìa!

scisa sf. 1- Discesa: forte ete la saluta e fàcile la scisa, mma a ffiate la scisa ete cchiù' fforte te la saluta difficile è la salita e agevole la discesa, ma a volte la discesa è più difficoltosa della salita * 2- Pendenza, inclinazione: allu canalieδδu danni cchiùi scisa alla canaletta dai più pendenza * 3- Calata, arrivo degli uccelli di passo: fra doi, ttrete giurni aìmu la scisa te le tùrture fra due, tre giorni avremo la calata delle tortore.

sçìsçeri sm. Ventriglio, stomaco muscolare dei polli e degli uccelli. [dal lat. gigerium, g>sç].

sçisci sm. pl. 1- Nastri, trine, fronzoli, ornamenti delle vesti * prov. Te fore sçisci e zzacareδδe, te intra Diu lu sape di fuori tutto trine e nastri, di dentro solo Dio lo sa * 2- Vestitino guarnito dei bambini: te Natale la mamma toa te face nnu sçisci neu per Natale la mamma tua ti farà un bel vestitino nuovo.

sci-sci sm., voce onom. che indica scherzosamente una caratteristica del parlare dei settentrionali: parlare cu llu sci-sci parlare alla settentrionale maniera.

scisçitta sf. Navetta, spola del telaio da tessere, che va e viene rapidamente. [dal lat. sagitta]. V. pure naetta.

Sçìsçiu, Sçisçi, Cici, Gigi, Gigginu pers. Luigi.

disegno
sçìsçiula

sçìsçiula sf. Sia la pianta che il frutto del giùggiolo, arbusto spontaneo della macchia mediterranea, con rami contorti e flessibili, foglie oblunghe, frutti ovali a drupa di colore bruno-nocciola, eduli * sçìsçiule sf. pl. fig. 1- Traveggole; grattacapi lievi ma numerosi * 2- Scherzetti; moine * modo di dire: stare cu lle sçìsçiule essere euforico * 3- inter. Corbèzzoli!: sçìsçiule, cce carusazze! perbacco, che gran belle figliole!.

sçisçiulignu agg. Del colore della 'sçìsçiula', cioè bruno-nocciola di aspetto lucido.

sçisçiulusu agg. Tutto moine simpatiche, cerimonioso.

sciu (pl. scèi) sm. Ragazzo. V. il più comunemente usato striu. [str>sc].

Sçiuanne, Sçianni, Sçiuanninu pers. Giovanni. V. Giuanne.

sçiuànu agg. Giocherellone. V. il più frequente sçiuculanu.

sçiuàra sf. Grosso anello metallico fissato al centro del giogo, nel quale viene inserita e legata la stanga dell'aratro. [da sçiùu + suff. funz. -ara].

sçiùbbecche, giùbbecche sf. Tipo di sigaretta confezionata con tabacco chiaro di discreta qualità (il nome richiama il Giuba, fiume della Somalia, una volta italiana).

sciucante (carta -) sf. Carta asciugante.

sciucare (neol.) tr. Asciugare. V. anche ssucare.

sçiucare intr. e tr.; pres. sçiocu, sçiuechi (sçiechi), sçioca, sçiucamu, ecc.; p. rem. sçiucài, ecc.; pp. sçiucatu * 1- Scherzare, trastullarsi: la mùscia prima sçiucàu cu llu surge e poi se lu mangiàu la gatta prima si trastullò con il topo e poi se lo mangiò; nu sçiucare cu lli Santi non scherzare con i Santi * 2- Giocare, partecipare a un gioco: sçiucàanu a ccarte giocavano a carte; a cce sçecu sçiucamu? a che gioco giochiamo? * prov. Ci ete furtunatu all'amore, nun à sçiucare a ccarte chi è fortunato in amore, non giochi a carte * 3- fig. Frullare, agitarsi: tante itee me sçiòcanu ntru lla mente tante idee mi frullano nella mente; (D'Amelio) la lìngua de lu tata / me sta scioca intru a lli tienti la lingua paterna si agita tra i denti * tr. 1- Giocare, impegnare nel gioco; scommettere: tie à' sçiucatu l'asu te tenari e ièu me sçiocu lu ttrete tu hai giocato l'asso di danari ed io mi gioco il tre; se sçiucàu la mmassarìa e lla perse si giocò la masseria e la perdette; me sçiocu la capu ca àggiu raggione ièu scommetto la testa che ho ragione io * 2- Trastullare, divertire con passatempi puerili: la mamma Pìggia sçiucàa la Teresuzza nonna Luigia trastullava la piccola Teresa * 3- fig. Muoversi un po' troppo agevolmente: intra alle rrobbe nci sçioca nei vestiti larghi ci gioca. [lat. jocari].
LEONE du ntra le chiante ierdi de lu ranu / sçiòcanu paparine e margarite.

sçiucarieδδu, sçiocarieδδu sm. Giocattolo, balocco, gingillo.

sçiucarinu, sçiocarinu sm. Giocherellone, che per indole è portato a trastullarsi, gioviale; mattacchione.

sçiucarizzi sm. pl. Giravolte improvvise, piroette, saltelli, una serie di rapidi movimenti fatti per gioco: li sçiucarizzi te lu crapettu le piroette e i saltelli del capretto.

sçiucata sf. Giocata.

sçiucatore, sçiocatore sm. Giocatore: li sçiucatori suntu desperati de pàuta e de core i giocatori sono disperati nella tasca e nel cuore.

sçiuculanu, sçioculanu agg. Scherzoso, incline all'allegria; pronto allo scherzo, giocherellone: suntu strei sçiuculane sono ragazze allegre e scherzose. [lat. iocularis, lat. volg. joculanus].
Da c. p. Tene nnu uècchiu rizzu sçiuculanu, / facci te prummitoru de sçiardinu.

Sçiuda pers. Giuda: Sçiuda Scariota se mpecàu a nnu àrveru te ulia Giuda Iscariota si impiccò ad un albero di olivo * fig. Traditore degli amici; un 'Sçiuda' è il giovane che tradisce la morosa.
Da c. p. Facisti comu Sçiuda tratimienti: / Sçiuta tratìu lu Diu e tie l'amante.

sciuδδecamientu sm. Solleticamento; lieve eccitamento.

sciuδδecare tr.; pres. sciùδδecu, sciùδδechi, sciùδδeca, sciuδδecamu, ecc.; p. rem. sciuδδecài, ecc.; pp. sciuδδecatu. Eccitare, solleticare, stimolare, pungolare: le uardate toi me sciùδδecanu lu core i tuoi sguardi mi fanno palpitare il cuore; lu sule apre li fiuri e sciùδδeca li iermi il sole fa sbocciare i fiori e stimola gli insetti * rifl. 1- Uscire dal torpore, scuotersi, destarsi: lu scursune se sciuδδecàa il colubro usciva dal torpore; mancu cu nnu trenu se sciùδδecanu neppure con un tuono si scuotono * 2- Brulicare di vermi: s'ànu sciuδδecate tante canneδδe si sono mosse e agitate tante larve di insetti. [lat. volg. *exbullicare].

sciuδδecata sf. Sollecitazione; solletico; stimolazione; scrollatina.

sciuδδecatu agg. Eccitato, stimolato.

sciùδδecu (pl. sciùδδechi) sm. Brulichio; eccitazione, solletico, stimolo.

sçiùdece sm. Giudice. V. pure giùdece.

sçiudèu, sçiutìu (pl. sçiudèi, sçiutèi) sm. Giudeo: Cristu era sçiudèu e de li sçiudèi fose ncruciatu Cristo era giudeo e dai giudei fu crocifisso * fig. 1- Miscredente; cattolico non praticante: stu sçiutèu mancu a Natale ae a mmissa questo miscredente neppure a Natale va a messa * 2- Malfattore: nu mbògghiu cu tte ìsçiu cu δδi sçiutèi non ti voglio vedere insieme con quei malfattori. [dal lat. judaeus].

sçiuècu v. sçecu.

sçiuègghiu v. sçègghiu.

sçiuedìa, sçiuetìa sf. Giovedì: sçiuedìa intra e semana fore una volta trascorso il giovedì, siamo quasi fuori della settimana; stae sempre a mmienzu comu la sçiuetìa sta sempre nel mezzo come il giovedì entro la settimana. [lat. Iovis dies, giorno di Giove].

sçiuetìa rasseδδa sf. Giovedì grasso * detto: te sçiuetìa rasseδδa ci nu ttene carne se mpigna la unneδδa di giovedì grasso chi non ha ancora carne per il pranzo si impegna la gonnella per averla.

sciufferre (neol.) sm. Autista alle dipendenze di un signore proprietario di automobile. [fr. chauffer].

Sçiugghianu geogr. Sogliano Cavour.

sçiugghiarina sf. Loglio o zizzania, pianta erbacea infestante nei campi di frumento; ha culmi eretti, foglie glabre lineari, fiorellini alternati in spighe terminali. [da sçiuègghiu, sçègghiu].

sçiugnu, giugnu sm. Giugno * prov. Acqua te sçiugnu rruina lu mundu pioggia di giugno rovina il mondo. Questo mese è detto pure 'miessi'. [lat. iunius (mensis) ].

Sçiulianu, Sçiulianuzzu pers. Giuliano.

sçiumenta sf. Giumenta, cavalla: purtare la sçiumenta a llu naturale sou accompagnare la giumenta al suo compagno naturale (al cavallo e non all'asino); mbastardìre la sçiumenta dare la cavalla all'asino per generare un ibrido. [fem. del lat. jumentum].

sçiumentaru sm. Cavallaro addetto al governo delle giumente. [da sçiumenta + suff. di mest. -aru].

sçiumenteδδa sf. Puledrina * prov. Uàrdate la sçiumenteδδa toa, ca lu fìgghiu miu ete puδδitru sorveglia la tua figliola puledrina, in quanto che mio figlio è puledro. [dim. di sçiumenta].

sçiumentona sf. Una grossa cavalla. [accr. di sçiumenta].

sçiummare intr. e tr.; pres. sçiummu,… sçiummamu, ecc.; impf. sçiummàa,… sçiummaàmu, ecc.; p. rem. sçiummài, ecc.; pp. sçiummatu * intr. Ingobbire, diventare gibboso; essere colpito da vistosa scoliosi * tr. Far diventare gibboso: la zappa à sciummatu zìuma l'uso continuo della zappa ha fatto diventare gobbo mio zio: a bia de mazzate δδu striu lu sta’ sçiumma a furia di busse sta facendo diventare gibboso quel ragazzo. [da sçiummu].

sçiummatu agg. Gibboso, vistosamente curvo di spalle.

sçiummu sm. Gobba, gibbosità: porta sçiummu te nanti e sçiummu te retu ha la gobba davanti e la gobba di dietro. [lat. gibbus, lat. volg. *gobbus incr. con lat. med. gnomus].

sçiummutu agg. Ingobbito, con le spalle permanentemente curve.

sçiuncata sf. Giuncata, latte rappreso posto a scolare tra fasci di giunchi. [dal lecc. sçiuncu].

sçiuncazze sf. pl. Giuncaia, luogo fitto di cespi di giunchi.

sçiunchìgghia sf. Pianta di giunchiglia, con foglie cilindriche, fiori a tromba di colore giallino venato di verde; veniva coltivata in vaso e posta sui davanzali per il delicatissimo profumo dei fiori. [dallo sp. junquillo].

disegno
sçiuncu

sçiuncu sm. 1- Giunco, erba perenne a fusto cilindrico flessibile e resistente agli strappi; fiori in capolini riuniti in pannocchie; i fusti vengono utilizzati per fare panieri, nasse ed altri svariati articoli * 2- Vimine in genere, stelo diritto, sottile, flessibile e senza nodi, il quale viene impiegato in vari lavori artigianali d'intreccio. [lat. juncus, sp. junco].
DE D. La vita cu lu fiancu ni iundìsçia / comu sçiuncu allu ientu bbandunatu;

sçiùngere, sçiungìre tr.; pres. sçiungu,… sçiungimu, ecc.; p. rem. sçiungìi (sçiunsi), sçiungisti, sçiungìu (sçiunse), sçiungemmu (sçiùnsemu), sçiungestu, sçiungèra (sçiùnsera) ; pp. sçiungiutu (sçiuntu) * 1- Aggiungere: alli sìtici sçiungìu àutri quattru sordi e ffice nna lira ai sedici aggiunse altri quattro soldi (un ventino) e fece una lira * 2- Unire, congiungere: sçiungemmu doi stasçiδδe congiungemmo due stecche * 3- Aggiogare, legare una bestia al carro: sçiùnsera lu parìcchiu de oi e ncignàra a barare aggiogarono una coppia di buoi e cominciarono ad arare; ppena sçiùngenu, partimu appena legano il cavallo al carretto, partiamo. [dal lat. iungere].
DE D. ah, se putìa rrubbare dèice anni sulamente / cu mme li sçiungu a quanti me suntu destenati,

sçiungibbrotu (a -) loc. avv. Con l'aggiunta frequente di acqua nella pentola per allungare il brodo.

sçiunta sf. Aggiunta; un di più: intra a nnu chilu nci ae nnu piezzu te pane e nna sçiunta in un chilogrammo vanno un pane intero più un pezzetto; a stu libbru s'ànu ffare àure sçiunte a questo libro devono essere operate altre aggiunte. [lat. iuncta].

sçiuntura sf. Giuntura; segno della unione. [lat. iunctura].

sciupare (lett.) tr.; pres. sciupu,… sciupamu, ecc.; p. rem. sciupài, ecc.; pp. sciupatu. Sciupare, deteriorare, consumare senza alcuna utilità, sprecare. V. i più comunemente usati cunsumare, nfrezzulare.

sciupone sm. Sciupone, sprecone.

sçiupparieδδu sm. 1- Fascia di panno, spesso ma morbido e assorbente, con cui le puerpere fasciavano il petto al posto del reggiseno attuale * 2- Camicina morbida interna per neonato. [dim. del lecc. sçiuppu incr. con it. zipparello].

sçiuppu sm. Giubetto, golfino esterno per neonato.

sciupu sm. Sciupio, inutile consumo.

sçiuramientu, giuramentu sm. Giuramento. [lat. iuramentum]. V. giuru.

sçiurare, giurare intr. e tr.; pres. sçiuru (giuru),… sçiuramu (giuramu), ecc.; p. rem. sçiurài (giurài), ecc.; pp. sçiuratu (giuratu) . Giurare; promettere solennemente; dichiarare: sçiuràra subbra a lli muerti loru giurarono chiamando a testimoni i loro defunti; subbra a Diu nu ss'à giurare non si deve giurare invocando Dio; se sçiuràa ca te ccetìa giurava che ti avrebbe ucciso. [lat. iurare].
D'AM. ca ièu (lu sçiuru a ttie) de stu mumentu / ncignaràggiu cu stau cu ll'ecchi pierti.

Sçiurdignanu geogr. Giurdignano. Gli abitanti di questo paesetto erano soprannominati 'ccuegghi-mucci'].

sçiurnata sf. 1- Giornata, il tempo dall'alba al tramonto (dal tramonto all'alba si dice 'nuttata'): sçiurnata de àcqua giornata di pioggia; bona sçiurnata a ttutti! buona giornata a tutti!; nna sçiunata sana te fatìa una giornata intera di lavoro faticoso * prov. Te la mmane se ite la bona sçiurnata dal mattino si vede la buona giornata * 2- Paga giornaliera, salario di ciascun giorno lavorativo: nna sçiurnata te cìnque lire ete picca una paga giornaliera di 5 lire è scarsa; donna Rusina dae la sçiurnata e nnu fiascu te mieru donna Rosina offre la paga giornaliera e un fiasco di vino. [da giurnu].
DE D. E li fiuri cantânu:"Ha rriata l'ura / l'ària nnulata toa cu denta chiara; / ca doppu la sçiurnata la cchiù' scura / nna sçiurnata cchiù' bella se rrepara!

sçiurnatieri sm. Lavoratore occasionale retribuito a giornata: faci lu cumenanzieri o lu sçiurnatieri? sei un salariato fisso o un lavoratore a giornata? [da sçiurnata + suff. di mest. -eri].

sciurtare tr.; pres. sciurtu,… sciurtamu, ecc.; p. rem. sciurtài, ecc.; pp. sciurtatu. Dividere una o più bestie dalla mandria, tenendole per vari motivi separate: sciurtàra l'auniceδδi cu sse stàgghianu separarono gli agnelli affinché si svezzassero. [dal lecc. sciurti].

sciurtatu agg. Di animale da gregge, tenuto separato, chiuso in uno stazzo speciale.

sciurti sm. pl. Stazzo particolare, dove vengono trattenute le bestie che devono restare separate dalle altre che pascolano: moi ntra lli sciurti nc'ete li crapetti e lli sçencarieδδi per adesso nello stazzo stanno isolati i capretti e i vitellini. [dall'it. sciolti].

sciurtù sm. Sartù, sfornato di riso al sugo con polpettine di carne, pezzetti di uova sode e funghetti. [dal fr. surtout].

sçiuru, giuru sm. Giuramento: fazzu giuru ca nu llu salutu cchiùi faccio giuramento che non lo saluterò mai più. [da sçiurare].

sçiuscetta, suscetta sf. 1- Figlioccia * 2- Ragazzina affezionata. [lat. (filia) suscepta].

sçiuscettu, suscettu sm. 1- Figlioccio, ragazzo tenuto a battesimo o a cresima * prov. De cce mmorse lu sçiuscettu, nu ffommu cchiùi cumpari da quando morì il figlioccio interrompemmo i vincoli di compari * 2- Ragazzino simpatico, affettuoso, affezionato: ei, suscettu, me ba' ccatti sta cutrubbiera te uègghiu? ehi, ragazzo carino, mi vai a comprare questo orciolo di olio? [lat. (filius) susceptus].
Da c. p. -Ni tici a llu cumpare begna prestu, / ca ìmu ffare cristianu lu sçiuscettu. (variante) ca tocca battisçiamu lu suscettu.

sçiusciamientu sm. Lisciamento, strofinamento * fig. Adulazione, complimento eccessivo e smaccato. [da sçiusciare].

Sçiusçianieδδu geogr. Giuggianello. Agli abitanti di questo paesetto veniva attribuito il nomignolo di 'rìcchie de cane'.

sçiusciare intr. e tr.; pres. sçiùsciu, ecc.; impf. sçiusciàa, ecc.; p. rem. sçiusciài, ecc.; pp. sçiusciatu * intr. Soffiare, spirare del vento; farsi vento: sçiùscianu cu ddefridde lu latte soffiano perché il latte si intiepidisca; se la sta’ sciùscia cu llu mantàgghiu con il ventaglio si fa vento * tr. 1- Ravvivare la fiamma soffiando; raffreddare qualcosa facendo vento: sçiusciàa lu fuecu senò se stutàa ventilava il fuoco altrimenti si spegneva; ddefreddìanu le castagne rrustute sçiusciandu raffreddavano le castagnearrostite soffiandovi * 2- Lenire strofinando la mano su una parte del corpo: ni sçiusciàu la cossa e lla tulore ni passàu gli massaggiò la coscia e il dolore gli cessò * 3- Sottrarre con mano furtiva: ni sçiusciasti lu fazzulettinu te sita te sutta all'ecchi le rubasti il fazzolettino di seta da sotto gli occhi * 4- Consumare nascostamente in divertimenti: a ppicca tiempu ni sçiusciammu tutti li turnisi ci tenìamu in poco tempo scialammo tutti i quattrini che possedevamo. [dal lat. sugere incr. con lat. volg. *succulare].

sçiusciata sf. 1- Soffiata prolungata e ripetuta: fane nna sçiusciata alli craùni fai una soffiata ai carboni * 2- Palpeggiamento quasi furtivo: m'àggiu fatta nna sçiusciata cu lla Mària con Amalia ho fatto una pomiciata.

sçiù-sçiù sm. Pastiglia per la tosse a base di estratti balsamici; pasticca gommosa da sùggere.

sçiuta sf. Andata: cu tte sia bona la sçiuta e bona la enuta che ti sia giovevole l'andata e fausto il ritorno. [dall'it. gita, g>sc, incr. con napoletano juta].

sçiute sf. pl. Feci liquide diarroiche. [dall'it. (feci) gite>ite andate (di corpo) incr. con avute].

sçiutecare tr.; pres. sçiùtecu, sçiùtechi, sçiùteca, sçiutecamu, ecc.; p. rem. sçiutecài, ecc.; pp. sçiutecatu. Rimbrottare, rimproverare facendo una ramanzina. [dal lat. iudicare].

sçiutecata sf. Sgridata solenne; ramanzina, severo rimprovero.

sçiùtecu sm. Rimbrotto; rimprovero, critica personale.

sçiutìu (pl. sçiutèi) sm. Giudeo. V. anche sçiudèu.

disegno
sçiùu

sçiùu, sçiù sm. Giogo, trave di legno sagomato alle due estremità (che poggiano sul collo dei buoi), con una campanella o anello (siuàra) al centro, in cui va ad infilarsi il timone dell'aratro o del carro. [lat. iugum].

scòcere, scucìre tr.; pres. scocu, scueci, scoce, scucimu, ecc.; p. rem. scucìi,… scucemmu, ecc.; imper. scuèci, scuciti; cong. pres. scoca, scòcanu; pp. scuciutu (scuettu, scottu) . Scuocere, far passare di cottura. [lat. excoquere].

scoδδatura sf. Scollatura, distacco dalla colla (il contrario è ncoδδatura). [da scuδδare].

scofenare v. scufenare.

scògghiu sm. Scoglio marino. V. anche cute, pèntuma.

scola sf. Scuola: nun à mmai sçiutu alla scola non ha mai frequentato la scuola.

scole sf. pl. Edificio scolastico, che comprende e contiene numerose classi: sta’ ffàcenu le scole noe stanno costruendo l'edificio scolastico nuovo.

scolla sf. Cravatta.

scollatu agg. Scollato, con apertura piuttosto ampia sul petto.

scollu sm. Scollatura di un indumento sul petto e anche in corrispondenza delle ascelle.

scolu sm. 1- Scolo, flusso delle acque sporche o piovane * 2- Blenorragìa.

scòmmutu, scòmutu agg. Scomodo, disagiato; molesto.

scònciu (lett.) agg. Sconcio, volgarmente scomposto * sm. Cosa sconcia; azione indecente. V. scuncezza.

scònfiu, sgònfiu agg. Sgonfio, floscio. [da scunfiare].

scontru sm. Scontro; cozzo, urto violento. [da scuntrare].

scòppiu sm. Scoppio fragoroso; scatto improvviso: se ntise lu scòppiu te nna bomba si udì lo scoppio di una bomba; ibbe nnu scòppiu te tosse ebbe uno scoppio di tosse. [da scuppiare].

scòppula sf. Scòppola, scappellotto, scapaccione, botta leggera data sulla nuca, tale da far volare la 'còppula' dal capo * fig. Spintarella, raccomandazione.

scoppulare tr.; pres. scòppulu, scuèppuli, scòppula, scoppulamu, ecc.; p. rem. scoppulài, ecc.; pp. scoppulatu * 1- Staccare uno strato di rivestimento; scalzare: nde sta’ scoppulàa la quacina ne staccava la calcina * 2- Sbaccellare: scoppulati quantu nna menèscia te fae ierdi sbaccelate le fave sufficienti per una minestra. [da s- privativo e còppula].

scoppulisçiare intr.; pres. scoppulìsçiu, ecc.; impf. scoppulisçiàa, ecc.; p. rem. scoppulisçiài, ecc.; pp. scoppulisçiatu. Scalzarsi progressivamente; scollarsi e staccarsi un poco alla volta. [da scoppulare + suff. durat. -sçiare].

scòprere, scuprìre (lett.) tr. e intr.; pres. scopru, scuepri, scopre, scuprimu, ecc.; p. rem. scuprìi,… scupremmu, ecc.; pp. scupertu * tr. Scoprire esponendo alla vista, rivelare: se scuprìu la capu ca sta’ ppassàa lu Signore si scoprì il capo perché passava l'Ostia consacrata; e scuprìa le minniceδδe e scopriva le tette * 2- Scovare, sorprendere: pigghiàu e lli sçera scuprèra mbrazzati quand'ecco li sorpresero abbracciati * 3- Inventare, scoprire: ànu scuperta la carrozza senza cavalli hanno inventato l'automobile * intr. Comparire, rivelarsi; manifestarsi: poi la puragna scuprìu alla nfurchiatura poi il pus venne fuori all'inguine; se scuprèra nvitiusi e mmiagnusi si rivelarono invidiosi e avaracci. V. pure scuperìre.

scorciaciucci sm. Scoiatore che conosce poco il suo mestiere.

scorciacrape sm. Vento locale, che, rispetto a Lecce, soffia a raffiche gelide da nord-ovest; il vento di maestro, freddo e impetuoso.

scòrfana sf. fig. Donna molto brutta, con i lineamenti del volto contratti e alterati: pe mugghiere nna scòrfana s'à ppigghiata per moglie s'è preso una scorpèna. [gr. skòrpaina, lat. scorpaena].

scòrfanu sm. Scòrfano o scorpèna, pesce di colore rossastro con piccole macchie scure; le sue carni sono apprezzate e ricercate per la zuppa di pesce.

scorrottu agg. Scorretto, disonesto; guastato, guasto.

scorsa sf. 1- Scorza, corteccia; buccia spessa e coriacea; guscio: scorsa te àrveru te piru corteccia di albero di pero; scorse te ficalìndia, te portucallu bucce di ficodindia, di arancia; scorse te oe, te mèndule, te nuci gusci di uova, di mandorle, di noci; scorsa te cozzapiccinna guscio di èlice. [dal lat. scortea].

scòscia sf. Cosa che si stacca, come crosticina di ferita, frammento di crosta di pane, zacchera, ecc. * fig. Bagattella, bazzecola.

scossa sf. Scossa: scossa te terramutu scossa di terremoto; à ppigghiata la scossa lèttrica ha preso la scossa elettrica.

scossu agg. 1- Scosso, turbato: rrumàsemu mutu scossi rimanemmo molto scossi * 2- Libero da pesi e da legami: la ciùccia rriàu scossa, senza patrunu e puru senza mbastu l'asina arrivò scossa, senza il padrone ed anche senza il basto.

scottu sm. Specie di cernia, con carni meno pregiate.

scrafagnare tr. e intr.; pres. scrafagnu,… scrafagnamu, ecc.; p. rem. scrafagnài, ecc.; pp. scrafagnatu * tr. Schiacciare; comprimere fortemente: ci l'ìa zzeccatu, n'ìa scrafagnata la capu se l'avessi afferrato, gli avrei schiacciato il capo * intr. Rincagnarsi; contrarsi del volto in una smorfia: scrafagnandu mmenezzàa li ecini rincagnandosi, minacciava i vicini. [comp. del lecc. scrafa(zzare) e del lat. volg. (in)caniare].

scrafagnatu agg. Spiaccicato; rincagnato, dal naso camuso: nn'òmmene bruttu tuttu e nnasi scrafagnatu un uomo assolutamente brutto e con naso rincagnato.

scrafagnatura sf. Vistosa schiacciatura deformante.

scrafazzare tr.; pres. scrafazzu,… scrafazzamu, ecc.; p. rem. scrafazzài, ecc.; pp. scrafazzatu. Schiacciare facendo scricchiolare: ci me mbrazza forte me scrafazza se mi stringe forte tra le braccia, mi schiaccia facendomi scricchiolare le costole; scrafàzzanu le mèndule cu lli tienti schiacciano le mandorle con i denti. [dal suono onom. scr…zz].

scrafazzata sf. Schiacciata.

scrafazzatu agg. Schiacciato, pestato e disfatto; frantumato.

scrafuèzzulu sm. Frammento di materia dura e arida, frantume minuto di oggetto rotto: nna pàuta te scrafuèzzuli te freseδδa una tasca piena di frantumi di pane biscottato e croccante.

scramignare tr.; pres. scramignu,… scramignamu, ecc.; impf. scramignàa, ecc.; p. rem. scramignài, ecc.; pp. scramignatu. Scarmigliare, arruffare, scompigliare i capelli: nnu rèfuru scramignàu δδe belle gnettature un rèfolo scarmigliò quelle belle pettinature. [lat. excarminiare].

scramignatu agg. Arruffato, spettinato vistosamente; (De Dominicis) e bae utandu / a nturnu a nturnu tutta scramignata e se ne va in giro tutta spettinata.

scranante, sgranante agg. Croccante; scricchiolante.

scranare, sgranare tr. e intr.; pres. scranu (sgranu),… scranamu, ecc.; p. rem. scranài, ecc.; pp. scranatu * tr. Frantumare con i denti, mangiare cibi secchi che scrìcchiolano * intr. Croccare, scricchiolare.

scranatu, sgranatu agg. Ridotto in minutissimi frantumi.

scranisçiare tr.; pres. scranìsçiu, ecc.; impf. scranisçiàa, ecc.; p. rem. scranisçiài, ecc.; pp. scranisçiatu * 1- Ridurre in frammenti minuti; smuovere frantumi sparsi per terra * 2- Scarbonare. V. pure rispettivamente scalisçiare e scraunisçiare.

scrannulare tr.; pres. scrànnulu,… scrannulamu, ecc.; p. rem. scrannulài, ecc.; pp. scrannulatu. Sgranare, sgranellare: quandu scrànnuli le site, te tingi le tìsçete quando sgranelli le melagrane, ti imbratti le dita. [dall'it. granulare].

scrannulisçiare tr.; pres. scrannulìsçiu, ecc.; impf. scrannulisçiàa, ecc.; p. rem. scrannulisçiài, ecc.; pp. scrannulisçiatu. Sgranellare. [forma durat. di scrannulare].

scranu, sgranu sm. Il mangiare forte: ete sempre lu prima quandu nc'ete lu sgranu è sempre il primo quando c'è da mettere qualcosa sotto i denti.

scrapicciare rifl.; pres. me scrapìcciu, ecc.; impf. me scrapicciàa, ecc.; p. rem. me scrapicciài, ecc.; pp. scrapicciatu. Scapricciarsi; soddisfare alla fin fine un desiderio frustato; realizzare qualcosa per divertimento: sirsa e màmmasa se scrapicciàra cu lla fàcenu cussì beδδa suo padre e sua madre si scapricciarono a farla così bella. [da crapìcciu, caprìcciu].
DE D. Ièu nci me scrapicciài cu quiδδa gente / cu nu sàccia cce bete la furtuna.

scrappulare, sgrappulare tr.; pres. scràppulu (sgràppulu),… scrappulamu, ecc.; p. rem. scrappulài, ecc.; pp. scrappulatu. Staccare gli acini dell'uva dai raspi adoperando lo sgrappolatoio; sgrappare, staccare l'occhio delle fave secche affinché cuòcciano meglio. [da un incr. tra lecc. rappa, ràppulu e it. sgrappare].

scràsçia sf. Rovo di mora: s'à rranfatu alle scràsçe s'è graffiato al rovo spinoso; te scuru, ci fissi nna scràsçia, te cumparisce nn'ùmbria al buio, se guardi fissamente un rovo, ti appare un fantasma * prov. La scràsçia a ddu la mpizzi zzicca dovunque interri un rovo, attecchisce * fig. Persona antipatica, fastidiosa, della quale non si riesce a liberarsi. [dal suono onom. scr…sç dello sgraffio].

scrasçiale sm. Roveto, siepe di rovi lunga e continua, che talvolta copre l'intera muriccia di campagna: intra a llu scrasçiale nc'era nna cafòrchia te urpe nel roveto c'era una tana di volpe. [da scràsçia].
DE D. Porta le rìcchie e sente ogne parite, / porta la ucca e parla ogne scrasçiale.

scrasçiare tr.; pres. scràsçiu,… scrasçiamu, ecc.; impf. scrasçiàa,… scrasçiaàmu, ecc.; p. rem. scrasçiài,… scrasçiammu, ecc.; pp. scrasçiatu. Graffiare la pelle, sgraffiare: stu cazzu te scuerpu me sta’ scràsçia le anche quest'accidente di sterpo mi graffia le gambe. [da scràsçia].

scrasçiatu agg. Graffiato, segnato da graffi; sbertucciato.

scrasçiatura sf. Graffiatura, il segno sulla pelle di una lacerazione più o meno superficiale.

disegno
scràsçiu, scarafune

scràsçiu sm. Scarabeo stercorario.

scrastare tr.; pres. scrastu,… scrastamu, ecc.; impf. scrastàa,… scrastaàmu, ecc.; p. rem. scrastài,… scrastammu, ecc.; pp. scrastatu. Scrostare, sgrattare, raschiare con un coccio. [da un incr. tra lecc. rasta, coccio, e it. sgrattare].
DE D. Scrastare nu tte pozzu te sti uài: / entu lu core miu ca se apre a doi.

scrastatu agg. Ripulito dei grumi superficiali; liberato dalle incrostazioni.

scraunisçiare tr.; e intr.; pres. scraunìsçiu, ecc.; impf. scraunisçiàa, ecc.; p. rem. scraunisçiài, ecc.; pp. scraunisçiatu. Scarbonare, smuovere i carboni accesi per ravvivarli ancora di più * fig. Rovistare tra minutaglie, frugare tra frantumi * prov. Ci supèrchiu scraunisçi, cchiù' pprestu nfrezzulisçi se soverchio scarboni, più presto resterai al freddo. [da craune + suff. iter. -sçiare].

screìre v. scrìere.

screttura, scrittura sf. 1- Scrittura, il modo di scrivere, grafia: bella, brutta screttura bella, brutta scrittura; screttura comu ranfe te aδδina grafia simile a zampe di gallina; screttura a mmanu, a mmàchina scrittura eseguita a mano, con la macchina * prov. Ci nu ccapisce la soa screttura, ete nnu ciùcciu addirittura chi non capisce la sua scrittura, è un asino addirittura * 2- Contratto scritto; atto notarile: aìmu stati allu nutaru pe lle scritture siamo stati dal notaio per la stesura degli atti. [lat. scriptura].

scretturare, scritturare tr.; pres. scretturu,… scretturamu, ecc.; p. rem. scetturài, ecc.; pp. scretturatu. Scritturare, registrare, da parte del notaio, e legalizzare un contratto di compra-vendita * 2- Effettuare, alla presenza del notaio, la vendita da parte di uno, e l'acquisto da parte di un altro contraente, di un bene patrimoniale: sta’ banu cu screttùranu le case, la chiesura, ecc. vanno dal notaio per scritturare la casa di abitazione, il podere, ecc.

scrianìa sf. Scrivania.

scriànu, scrivanu sm. Scrivano. [lat. med. scriba>anus].

scrianzatu agg. Screanzato; di modi sgarbati. [da s- privativo e crianza].

scriare tr.; pres. scriu, scrii, scria, scriamu, scriati, scrìanu; impf. scriàa, ecc.; p. rem. scriài, ecc.; pp. scriatu. Attingere e recuperare l'olio galleggiante separandolo dalla sentina; separare la parte grassa del latte, ossia scremare. [dall' it. scre(m)are].

scriature sf. pl. Le parti oleose o grasse galleggianti sul liquido che le contiene; frammenti rappresi galleggianti (per es. di ricotta), che possono essere recuperati.

scriatu agg., nell'espressione "ci t'à scriatu!" chi ti ha scelto, chi ti ha selezionato tra tanti migliori di te: mannàggia ci bu à scriati! maledetto colui che ha scelto proprio voi!

disegno
scriaturu o nappa

scriaturu sm. Ampia conchiglia fatta di rame, adoperata per recuperare le chiazze d'olio galleggianti sulla feccia. [da scriàre]. V. pure nappa.

scrìere, screìre tr.; pres. scriu, scrii, scrie, screimu, screiti, scrìenu; impf. screìa, ecc.; p. rem. screìi (scrissi), screisti, screìu (scrisse), screemmu (scrìssemu), screestu, screèra (scrìssera) ; imper. scrii, screiti; pp. screùtu (scrittu) . 1- Scrivere: nfacce nna rapa screestu li numi uesci su un tronco d'albero scriveste i vostri nomi; stracca cchiùi cu scrie cca ccu zzappa si stanca più a scrivere che a zappare * modo di dire: quandu rrii, scrii quando raggiungi la meta, fàmmelo sapere * 2- Descrivere scrivendo * modo di dire: comu me iti me scrii come mi vedi, mi descrivi; sono così come sembro. [lat. scri(b)ere].
Da c. p. Nna lettre d'oru me scrisse e mmandàu, / cu lla soa manu ianca la screìu.
DE D. Ci me la dae la forsa e lle palore / cu bu pozzu scrìere tanta uerra,

scrima sf. Scriminatura dei capelli fatta col pettine sul capo.

scritta sf. Scritta, iscrizione; indicazione scritta: la scritta s'à scancellata l'iscrizione si è cancellata. [lat. scripta].

scrittu sm. Scritto, testo scritto; foglio scritto. [lat. scriptum].

scritturale sm. Scrivano di uno studio professionale; copista.

scrizione sf. Iscrizione; insegna. [dal lat. inscriptio -onis].

scròscia sf. Sagomatrice, attrezzo dal calzolaio adoperato per eseguire la sagomatura della suola.

scrosciare, scrusciare tr.; pres. scròsciu, scruesci, scròscia, scrusciamu, ecc.; impf. scrusciàa, ecc.; p. rem. scrusciài, ecc.; pp. scrusciatu. Sagomare mediante un taglio; tagliare con la 'scròscia'.

scruccare tr.; pres. scroccu, scruecchi, scrocca, scruccamu, ecc.; p. rem. scruccài, ecc.; pp. scruccatu. Scroccare.

scruccune, scruccone sm. Scroccone.

scruciare rifl.; pres. me scrùciu, ecc.; impf. me scruciàa, ecc.; p. rem. me scruciài, ecc.; pp. scruciatu. Liberarsi finalmente da impegni troppo gravosi e finire di patire: ànu mmaretate le fìgghie, iati iδδi, e s'ànu scruciati hanno maritato le figlie e, beati loro, hanno finito di patire. [per in significato contrario v. ncruciare].

scrufigna sf. Morsa a chiocciola, che, ruotando intorno alla spirale, avanzando stringe e blocca; grosso dado di un bullone.

scrufina sf. Lima larga e piatta; spianatoio degli intagliatori.

scrufulare intr.; pres. scrùfulu,… scrufulamu, ecc.; p. rem. scrufulài, ecc.; pp. scrufulatu. Scivolare, sdrucciolare. [dal lat. roteolare incr. con lat. volg. *sufolare].

scrufulata sf. Scivolata, scivolone.

scrufulizza, scufulizza sf. Grillotalpa.

scrufulizzi sm. pl. Sostanza melmosa o qualsiasi cosa che fa scivolare; fanghiglia sdrucciolevole.

scrufulizzu, scufulizzu sm. 1- Scivolo, piano inclinato; superficie scivolosa * 2- Scivolone, sdrucciolone.

scrumare tr.; scromu, scruemi, scroma, scrummmu, ecc.; p. rem. scrumài, ecc.; pp. scrumatu. Sgrommare, liberare dalle incrostazioni.

scrumatura sf. Sgrommatura delle botti.

scrùpulu sm. Scrupolo; rimorso angoscioso. [lat. scrupulus].

scrupulusu agg. Angosciato da scrupoli. [lat. scrupulosus].

scrustare (lett.) tr.; prers. scrostu, scruesti, scrosta, scrustamu, ecc.; p. rem. scrustài, ecc.; pp. scrustatu. Scrostare: se scrustàu lu malatu asportò la crosta dalla ferita. V. i più comuni scurciare, rasçare.

scrusu (lett.) agg. Escluso, eccettuato: tutti mìnchia, scrusi ui doi tutti imbecilli, tranne voi due; tuttu ibbe te la sorte, scrusa la salute tutto ebbe dalla sorte, eccetto la buona salute. [lat. exclusus]. V. fonde, fore.

scubbare intr.; pres. scobbu, scuebbi, scobbu, scubbamu, ecc.; p. rem. scubbài, ecc.; pp. scubbatu. Sgobbare, durare fatica: scubbàra tuttu l'annu e nnu ccòsera nienti sgobbarono tutto l'anno e non raccolsero alcunché. [da scuebbu].

scubbatu agg. Ingobbito, gobbo: pe nna catuta à rrumastu scubbatu per una caduta è rimasto ingobbito; trasìu nnu cecatu te unita a nna scubbata entrò un ceco insieme con una donna gobba.

scuccare intr.; pres. scuccu, scucchi, scucca, scuccamu, ecc.; p. rem. scuccài, ecc.; pp. scuccatu. Venir meno della volontà; perdere la pazienza e uscire dal consueto: quandu scuccàu, lassàu lu stùtiu quando perse ogni interesse, smise di studiare; poi li pariani scuccàra e sse nde sçera poi i clienti affezionati pèrsero la pazienza e andarono via. [dall'it. scocciare incr. con scoccare].

scucchiare tr.; pres. scòcchiu, scuecchi, scòcchia, scucchiamu, ecc.; impf. scucchiàa, ecc.; p. rem. scucchiài, ecc.; pp. scucchiatu * 1- Vagliare e scegliere: ci scucchiàa nna cosa e ci nde scucchiàa nn'àutra chi sceglieva una cosa e chi ne sceglieva un'altra; scucchiati ccèncata u piace scegliete qualsiasi cosa vi piaccia; ni scucchiammu le rose cchiù' belle scegliemmo le rose più belle.
DE D. "Gente de Utrantu, facìtibu lu cuntu / e poi scucchiati doppu cce bu piace…".
* 2- Dividere una coppia, sdoppiare; separare cose unite: se sta’ sçaffunisçiàanu e lli scucchiasti si stavano schiaffeggiando e li separasti * 3- rifl. Dividersi, troncare un rapporto reciproco; cessare di convivere: doi mesci comu iδδi nu pputìanu stare te unita e sse scucchiàra due capomastri come loro non potevano strare insieme e si divisero; maritu e mugghiere s'ànu scucchiati marito e moglie si sono separati. [da s- estrattivo e còcchia].
Da c. p. Quandu do' cori se òlenu bene, / furtuna nu lli pozza mai scucchiare; / ca ci li scòcchia cu nnu àggia bene / e ccu bàsçia allu nfiernu quandu more!

scucchiatu agg. 1- Scelto tra due o tra tanti * 2- Separato dal coniuge: ete scucchiata e ccu doi fili a mpiettu è separata e con due figli a carico.

scucciare tr.; pres. scòcciu, scuecci, scòccia, scucciamu, ecc.; impf. scucciàa, ecc.; p. rem. scucciài, ecc.; pp. scucciatu. Scocciare, annoiare, infastidire.

scucciatu agg. Scocciato, contrariato, annoiato e seccato.

scucciatura sf. Scocciatura, contrarietà; fastidio.

scucciulare, scuecciulare tr.; pres. scòcciulu (scuècciulu), scuècciuli, scòcciula, scucciulamu, ecc.; p. rem. scucciulài (scuecciulài), ecc.; pp. scucciulatu (scuecciulatu) . Sbaccellare; sgusciare: sta scucciulàanu (sta’ scuecciulàanu) li chiuδδi stavano estraendo dal guscio le lumache. [dal lecc. cuècciulu incr. con la forma intensiva lat. excorciulare].

scucuδδare tr.; pres. scucuδδu,… scucuδδamu, ecc.; p. rem. scucuδδài, ecc.; pp. scucuδδatu. Colpire duramente sul capo; battere sul cranio: ci l'ìa pigghiatu, l'ìa scucuδδatu se lo avesse colpito, gli avrebbe rotto la testa * fig. Cagionare una insolazione: li rasçi te lu sule a mpiernu pòtenu scucuδδare li meteturi i raggi del sole a perpendìcolo potrebbero provocare una insolazione ai mietitori * rifl. Rimanere con la testa incassata; prendersi un colpo di sole. [dal lecc. cucuδδu].

scucuzzare tr.; pres. scucuzzu,… scucuzzamu, ecc.; impf. scucuzzàa, ecc.; p. rem. scucuzzài, ecc.; pp. scucuzzatu. Mozzare, troncare; privare della cima * inoltre ha tutti i significati di scucuδδare. [da un incr. tra it. cucuzzolo e lecc. cucuzza, testa].

scucuzzatu agg. Privato della sommità; privo della cima: truài le chiante te tubberose scucuzzate trovai le piante delle tubirose con le cime recise.

scuδδare tr.; pres. scoδδu, scueδδi, scoδδa, scuδδamu, ecc.; p. rem. scuδδài, ecc.; pp. scuδδatu. Scollare, staccare. [dal lecc. coδδa].

scuδδatu agg. Staccato perché privo di colla * fig. Somigliante come stampino: ete scuδδatu nònnusa, ete nònnusa scuδδatu è somigliantissimo a suo nonno.

scuδδatura, scoδδatura sf. Staccatura, scollamento di parti incollate.

scuδδunfiare tr.; pres. scuδδùnfiu, ecc.; impf. scuδδunfiàa, ecc.; p. rem. scuδδunfiài, ecc.; pp. scuδδunfiatu. Menare botte da orbi alla rinfusa * rifl. Dimenarsi dandosi botte in testa, sul viso e sul petto. [incr. tra lecc. scucuδδare e scunfiare].

sçuebbu sm. Gobba; gibbosità. [dal lat. gibbus, il lat. volg. *gobbus, g>sç, o>ue].

scuecciulare v. scucciulare.

scueδδu sm. Appendice forata (occhio) della zappa, cui viene infilato e fissato il manico. [da cueδδu].

scueffulare, scuffulare tr.; pres. scuèffulu (scùffulu),… scueffulamu, ecc.; p. rem. scueffulài (scuffulài), ecc.; pp. scueffulatu (scuffulatu) . Scapocchiare il pene, scoprire il glande. [da scuèffulu incr. con scuffa].

scuèffulu sm. 1- Glande; pene * 2- Colpo mancino, grave batosta. [dal lat. *cofeolus, dim. di cofea].

scuernu sm. Scorno, vergogna; senso di umiliazione: nu sse pìgghia scuernu de nienti e de nisciunu non prova vergogna di niente e di nessuno. [da cuernu].
DE D. percé lu zzitu a mmucca se la asàu / e ccu sse la cunfessa nd'ibbe scuernu.

scuerpu sm. Pruno, frutice spinoso in genere, che nasce spontaneo nelle siepi; sterpo secco. [lat. med. excorpo(rus) ].
Da c. p. Moi nd'àggiu lliatu lu scuerpu te l'atu: / ttrasa ci ole, ca ièu nd'àggiu essutu.

scuersu sm. Crosta: scuersu te lu malatu crosticina della ferita; scuersi te pane e de casu croste di pane e di cacio. [dal lat. scorteus, di pelle]. V. pure lecc. scorsa.

scuèscia, squèscia sf. Scucchia, bazza, mento molto prominente. [da un incr. tra lat. scutula e it. scòscio].

scuesciusu agg. Bazzuto, dotato di mento pronunziato.

scuettu (f. scotta) agg. Scotto, troppo cotto. [lat. excoctus].

scufenare, scofenare tr.; pres. scòfenu, scuèfeni, scòfena, scufenamu (scofenamu), ecc.; p. rem. scufenài (scofenài), ecc.; pp. scufenatu (scofenatu) * 1- Disfare i panni del bucato togliendoli dal 'còfanu', dalla conca * 2- Vuotare i cofani colmi d'uva nel palmento: le fìmmene endìmanu, li carusi cofanìsçianu e lli randi scòfenanu le donne vendemmiano, i giovani trasportano a spalla le gerle e gli anziani vuotano i còfani nel palmento. [da s- estrattivo e còfanu].

scuffa sf. Coffa, cesta a semicupola confezionata con steli di orzo. [arabo quffa].

scuffeδδa sf. Cestino da tavola confezionato con giunchi o con steli di cereali * fig. Prepuzio. [dim. di scuffa].

scuffundare, scunfundare intr. e tr.; pres. scuffundu (scunfundu),… scuffundamu, ecc.; p. rem. scuffundài (scunfundài), ecc.; pp. scuffundatu (scunfundatu) * intr. Sparire nel profondo; essere introvabile: lu diàulu cu scuffunda che il diavolo sparisca nel fondo * tr. 1- Subissare, scaraventare in fondo: lu Patreternu, però, l'ìa scuffundare li latroni te lu cuérnu il Padreterno, però, dovrebbe subissare i ladroni che sono al governo * 2- Rovistare sino in fondo: scunfundàu la càscia e lla camisola nu lla truàu rovistò nella cassa sin nel fondo e non trovò la camiciola * 3- rifl. Nascondersi nel luogo più riposto: sta malandrina, gneffiata ca nc'èranu servìzie te fare, se scuffundàa questa furbacchiona, ogni qualvolta c'erano da sbrigare le faccende domestiche, si rendeva irreperibile.
DE D. Etimu se se pote cuncertare / cu nni perduna e ccu nu nni scuffunda?

scuffundi sm. pl. Abissi; precipizi.

scùfia sf. Cuffia da notte; scùffia * fig. 1- Sbornia * 2- Cotta amorosa.

scuficeδδa sf. Cuffietta; berrettino di tela per bimbo. [dim. di scùfia].

scufieδδa sf. Scuffina, lima piatta dei falegnami. [dim. dal lat. scobis]. V. anche scrufina.

scufulare v.

scrufulare.

scugghiare tr.; pres. scùgghiu, ecc.; impf. scugghiàa, ecc.; p. rem. scugghiài, ecc.; pp. scugghiatu. Colpire duramente qualcuno ai testicoli così da renderlo ipoteticamente impotente; colpire qualcuno all'inguine col pericolo di rompergli la coglia: ci lu pìgghia, lu scùgghia, comu ete veru lu sule! se lo colpisce all'inguine, gli rompe lo scroto, gli schiaccia i testicoli, come è vero il sole! * rifl. Ammalarsi di ernia: cumpare, me sta’ scùgghiu compare, mi sta spuntando l'ernia * fig. Sforzarsi eccessivamente nel lavoro fino a rischiare un'ernia: se sta’ scùgghianu cu lle palanghe, pericci, ma lu cute nu sse scàzzeca si stanno sforzando in tutti i modi con le leve, ma il masso non si scalza. [da s- sottrattivo e cùgghia].

scugghiatu agg. Ernioso; sofferente allo scroto * fig. Senza coglioni, debole, incapace di qualsiasi sforzo.

scugghiatune, scugghiatone sm. Uomo che porta, visibile al di sotto dell'addome, un grosso sacco erniario.

scugghiunare tr.; pres. scugghiunu,… scugghiunamu, ecc.; p. rem. scugghiunài, ecc.; pp. scugghiunatu. Stufare, annoiare maledettamente; infastidire * rifl. Stuccarsi, averne abbastanza. [da cugghiune].

scugghiunatu agg. Scoglionato; annoiatissimo; assai infastidito.

scugnare tr.; pres. scugnu,… scugnamu, ecc.; p. rem. scugnài, ecc.; pp. scugnatu. Sbrecciare, scheggiare. [da un incrocio tra cugnu, ugna e scunare].

scugnatu agg. Sbrecciato, scheggiato: porta nnu tente scugnatu ha un dente scheggiato; piatti e suppiere tutti scugnati piatti e scodelle tutti sbrecciati.

scugnatura sf. Scheggiatura.

scugnizzu sm. Ragazzo sbarazzino.

sculabbrotu sm. Colabrodo.

sculacchiare rifl.; pres. me sculàcchiu, ecc.; impf. me sculacchiàa, ecc.; p. rem. me sculacchiài, ecc.; pp. sculacchiatu * 1- Cadere col sedere per terra; sedersi lasciandosi cadere di schianto * 2- Franare sulla propria base d'appoggio * fig. Afflosciarsi; perdersi di coraggio e desistere. [s- intensivo + culu con suff. peggiorativo -acchiare].

sculacchiatu agg. Seduto scompostamente rilassato sul sedere appiattito * fig. Fortunato al gioco.

sculamaccarruni sf. Scolapasta.

sculapasta sf. Scolapasta, colatoio.

sculapiatti sf. Piattaia.

sculare tr. e intr.; pres. sculu,… sculamu, ecc.; p. rem. sculài, ecc.; pp. sculatu * tr. 1- Vuotare un recipiente sino all'ultima goccia; bere sino al fondo * 2- Liberare le vivande o le verdure dall'acqua in cui sono state cotte o lavate * intr. Scolare, colare, defluire; trasudare e colare giù; perdere liquido lentamente a goccia a goccia. V. pure culare.

scularu (lett.) sm. Scolaro, chi frequenta le scuole elementari.

sculàsticu agg. Scolastico. [dal lat. scolasticus].

sculatura sf. Residuo di un liquido * detto: "Tutte le sculature fora mei" - disse Gesucristu 'Bevvi sino all'ultima goccia" - disse Gesù Cristo.

sculazzare intr.; pres. sculazzu,… sculazzamu, ecc.; p. rem. sculazzài, ecc.; pp. sculazzatu * 1- Di bestie, scalpitare agitando il posteriore: lu caδδu sculazza il cavallo sculetta scalpitando; la crapa sculazza e nnu sse face mùngere la capra sculetta e non si fa mùngere * 2- Di veicoli, sbandare bruscamente dalla parte posteriore. [dal lecc. culazza incr. con it. sculettare].

scullare tr.; pres. scollu, scuelli, scolla, scullamu, ecc.; p. rem. scullài, ecc.; pp. scullatu. Scollare un indumento per scoprire di più il collo.

scullatu agg. Scollato, scollacciato.

scullatura sf. Scollatura, apertura di un indumento in corrispondenza del collo, e di una calzatura bassa in corrispondenza del collo del piede.

sculoppu sm. Scolopio, sia il religioso appartenente alla Congregazione di S. Giuseppe Calasanzio, e sia l'alunno che ne frequenta le Scuole Pie.

sculuffiare tr.; pres. sculòffiu, sculoffi, sculòffia, sculuffiamu, ecc.; p. rem. sculuffiài, ecc.; pp. sculuffiatu. Sfiancare, slombare * rifl. Rompersi la schiena per la stanchezza; sfessarsi. [dal lecc. culòfia].

sculummare, sculumbare rifl.; pres. me sculummu (sculumbu),… ni sculummamu, ecc.; p. rem. me sculummài (sculumbài), ecc.; pp. sculummatu (sculumbatu) * 1- Dilombare, cadere sulle proprie gambe e battere il sedere in terra * 2- Piegare le gambe sotto un grave peso; ammazzarsi di fatica e non mantenersi in piedi. [dall'incr. tra lecc. culu, culummu e it. lombo].

sculummatu, sculumbatu agg. Sfiancato dagli sforzi, sfinito per la stanchezza; crollato come un fiorone sfatto e molliccio.

sculurire tr. e intr.; pres. sculuriscu,… sculurimu, ecc.; p. rem. sculurìi,… sculuremmu, ecc.; pp. sculurutu. Scolorire, togliere il colore o perdere il colore consueto; sbiadire. [da culure].
DE D. Nu cchiùi li Turchi bàttenu alle porte / sculurendu gne ffacce pe tterrore,

sculuritu agg. Scolorito, sbiadito.

sçuma sf. Schiuma di minutissime bollicine: sçuma te sapune, te mare schiuma di sapone, di mare; stu mieru, quandu lu ddiachi, face muta sçuma quando lo versi, questo vino fa molta schiuma; la sçuma te lu latte nu mme piace la schiuma del latte non mi piace. [da un incr. tra fr. ant. skùn e it. spuma].

sçumagnare tr.; pres. sçumagnu,… sçumagnamu, ecc.; p. rem. sçumagnài, ecc.; pp. sçumagnatu. Sgominare, sbaragliare; scompagginare, scompigliare * rifl. Sgomentarsi e darsi a fuga scomposta, lasciarsi prendere dal terrore, sbandarsi e fuggire. [da un incr. lat. tra excombinare, excommentari ed exglomerare].

sçumagnatu agg. Sgomento, terrorizzato.

sçumare tr. e intr.; pres. sçumu,… sçumamu, ecc.; p. rem. sçumài, ecc.; pp. sçumatu * tr. Schiumare, liberare dalla schiuma: sçumàtilu lu brotu schiumate il brodo * intr. Fare schiuma: ci lu tuecchi, lu moniceδδu ncigna a sçumare se la tocchi, la chiocciola bruna fa la schiuma.

sçumaturu sm. Schiumatoio, schiumaiola.

sçumazza sf. Schiuma sporca; bava.

scumbenare tr.; pres. scumbinu,… scumbenamu, ecc.; p. rem. scumbenài, ecc.; pp. scumbenatu. Scombinare; spaiare * fig. Mandare a monte.

scumbenatu agg. Scombinato; spaiato * fig. Sconclusionato, stravagante.

scumbrare tr.; pres. scumbru,… scumbramu, ecc.; impf. scumbràa, ecc.; p. rem. scumbrài, ecc.; pp. scumbratu. Sgomberare, sgombrare; svuotare.

scumbru agg. Sgombro, vuoto; libero da ingombri che ostacolano.

scumbussulamientu sm. Scombussolamento.

scumbussulare tr.; pres. scumbùssulu,… scumbussulamu, ecc.; p. rem. scumbussulài, ecc.; pp. scumbussulatu. Scombussolare, scompigliare, mettere a soqquadro; frastornare. [da bùssula].

scumbùssulu sm. Scombussolo, scompiglio; sconcerto.
DE D. e cu sse dica: Uei, ca a quattru ueli / ha' mìntere a scumbùssulu li Santi:

scumenecare v.

scumunecare.

scumenecatu agg. Perseguitato dalla cattiva sorte; maledetto.
DE D. Ddunca camini tie, scumenecata, / cu sse chiùanu li fiuri, / fiezzu de nfiernu cu ddenta la ndore;

scummarieδδu sm. Scombro piccolino. [dim. di scùmmaru].

disegno
scùmmaru

scùmmaru sm. Scombro o maccarello, pesce assai comune nell'Adriatico e nello Ionio. [lat. scomber -ri].

scummeniente agg. Sconveniente, disdicevole, indecoroso.

scummenìre intr.; pres. scummegnu, scummieni, scummene, scummenimu, scummeniti, scummènenu; impf. scummenìa, ecc.; p. rem. scummenìi,… scummenemmu, ecc.; cong. pres. scummegna, scummègnanu; pp. scummenutu. Sconvenire, risultare indecoroso; non essere adatto e confacente.

scummessa sf. Scommessa.

scummèttere, scummettìre tr.; pres. scummettu, scummietti, scummette, scummettimu, ecc.; p. rem. scummettìi (scummessi), scummettisti, scummettìu (scummesse), scummettemmu (scummèssemu), scummettestu, scummettèra (scummèssera; pp. scummettutu (scummessu) . Scommettere.

scummutare, scumutare tr.; pres. scòmmutu (scòmutu), scuèmmeti, scòmmuta, scummutamu, ecc.; p. rem. scummutài (scumutài), ecc.; pp. scummutatu (scumutatu) . Scomodare recando disturbo: scummutastu lu miètecu pe nnu scarnìpulu scomodaste il medico per una sciocchezza; statte nu tte scumutare stai, non ti incomodare. [da còmmutu, còmutu].

sçumone sm. Specie di dolce di pasta frolla sormontata di chiara d'uovo sbattuta e zuccherata (diverso, dunque, dallo spumone). [da sçuma].

scumpagnare tr.; pres. scumpagnu,… scumpagnamu, ecc.; p. rem. scumpagnài, ecc.; pp. scumpagnatu. Disunire; scombinare * rifl. Scompagnarsi e rompere i rapporti di amicizia. [da s- privativo e cumpagnu].

scumpagnatu agg. Separato dai compagni, perché imbronciato. V. currìu.

scumparire intr.; pres. scumparu, scumpari, scumpare (ed anche scumpariscu, scumparisci, scumparisce), scumparimu, ecc.; p. rem. scumparìi,… scumparemmu, ecc.; pp. scumparutu. Sfigurare nei confronti di altri; fare brutta figura.

scumpartu sm. Scomparto di un mobile, di uno scaffale.

scumpassare tr.; pres. scumpassu,… scumpassamu, ecc.; p. rem. scumpassài, ecc.; pp. scumpassatu. Dimenare scompostamente gli arti: stisu a nterra, scumpassàa anche e rrazze steso per terra, dimenava gambe e braccia * rifl. Torcersi per il mal di pancia o anche per il ridere a crepapelle: se scumpassàa pe li risi si torceva dalle risate.

scumpassatu agg. Dinoccolato, dondolante dall'andatura slegata.

scumpassu sm. 1- Forte turbamento; sbalordimento * 2- Sconcerto viscerale.

scumpenzu sm. Scompenso, squilibrio.

scumpigghiare tr.; pres. scumpìgghiu, ecc.; impf. scumpigghiàa, ecc.; p. rem. scumpigghiài, ecc.; pp. scumpigghiatu. Scompigliare, sconvolgere. [da scumpìgghiu].

scumpigghiatu agg. Eccentrico, strambo, stravagante.

scumpìgghiu sm. Scompiglio, disordine caotico; turbamento.

scumpònere, scumpunìre rifl.; pres. me scumponu, te scumpueni, se scumpone, ni scumpunimu, ecc.; p. rem. me scumpunìi (scumposi), te scumpunisti, se scumpunìu (scumpose), ni scumpunemmu (scumpòsemu), bu scumpunestu, se scumpunèra (scumpòsera) ; pp. scumpunutu (scumpostu) . Scomporsi; in frasi negative, conservare un'assoluta indifferenza.

scumpostu agg. Scomposto; in atteggiamento alquanto indecente.

scumputare tr.; pres. scòmputu, scuèmputi, scòmputa, scumputamu, ecc.; p. rem. scumputài, ecc.; pp. scumputatu. Scomputare, defalcare, detrarre.

scumulare tr.; pres. scùmulu,… scumulamu, ecc.; p. rem. scumulài, ecc.; pp. scumulatu. Appianare i cumuli, specialmente di terriccio. [da cùmulu]. V.pure scurmare.

scumùneca, scumòneca sf. 1- Scomunica ecclesiastica * 2- Sfortuna marcia; iella cronica: fìgghia mia, la scumùneca tieni! figlia mia, la sfortuna hai addosso! * modi di dire: purtare la scumùneca susu non avere fortuna § menare la scumòneca recare sfortuna.

scumunecare tr.; pres. scumùnecu, scumùnechi, scumùneca, scumunecamu, ecc.; p. rem. scumunecài, ecc.; pp. scumunecatu. Scomunicare * fig. Iellare, colpire con un cattivo influsso.

scumunecatu agg. Miscredente; non praticante, alieno da ogni pratica religiosa.

sçumusu agg. Schiumoso.

scunare tr.; pres. sconu, scueni, scona, scunamu, ecc.; p. rem. scunài, ecc.; pp. scunatu. Staccare un pollone o un rametto da trapianatre. [s- sottrattivo e lat. conari].

scunatura sf. Talea, tenero rametto capace di attecchire e rigenerare una nuova pianta. [da scunare].

scuncare tr.; pres. sconcu, scuenchi, sconca, scuncamu, ecc.; p. rem. scuncài, ecc.; pp. scuncatu. Sconcare. [dal lecc. conca].

scuncertante agg. Sconcertante.

scuncertare tr.; pres. scuncertu,… scuncertamu, ecc.; p. rem. scuncertài, ecc.; pp. scuncertatu. Sconcertare; creare disordine e guasti; frastornare, disorientare.

scuncertatu agg. Frastornato, interdetto; dissestato.

scuncertu sm. Sconcerto, sbandamento, disorientamento; dissesto, scompiglio.

scuncezza (lett.) sf. Sconcezza, indecenza; oscenità. V. purcarìa.

scuncignatu agg. Scalcinato, non abituato all'ordine, arruffone che si comporta in maniera disordinata sul posto di lavoro * prov. Scuncignata e cannaruta, lu maritu cu nnu bata, lu Signore cu lla iuta scalcinata e golosaccia, che il marito non ci faccia caso e il Signore la protegga. [da s- privativo e lat. conciniatus, coerente, incr. con it. congegnato]. Simpatico questo strambotto: La scuncignata perse la cunùcchia: / tutta la lunetìa la sçiu ttruandu, / la martetìa la cchiàu scunzata tutta, / tutta la mercutìa la sçiu ccunzandu; / la sçiuetìa rammenàu la stuppa, / la ernetìa la sçiu ncunucchiandu; / lu sàbbatu putìa dare sutta? / la tumìneca… nienti, ca foi festa!

scuncigni sm. pl. 1- Oggetti lasciati alla rinfusa; attrezzi sparsi sul luogo del lavoro * 2- I modi e gli atti sconnessi e sconclusionati di uno 'scuncignatu'.

scuncrusàggine sf. Sconclusionatezza.

scuncrusu agg. Sconclusionato; illogico.

scuncrùtere, scuncrutìre intr.; pres. scuncrutu,… scuncrutimu, ecc.; p. rem. scuncrutìi (scuncrusi), scuncrutisti, scuncrutìu (scuncruse), scuncrutemmu (scuncrùsemu), scuncrutestu, scuncrutèra (scuncrùsera) ; pp. scuncrututu (scuncrusu) . Parlare in modo illogico e cervellotico; sragionare.

scuncrutimientu sm. Sragionamento.

scuncurdiatu agg. 1- Incoerente, sconcludente * Scoordinato nei movimenti; di persona dall'andatura slegata.

scùndere, scundìre tr.; pres. scundu,… scundimu, ecc.; p. rem. scundìi (scusi), scundisti, scundìu (scuse), scundemmu (scùsemu), scundestu, scundèra (scùsera) ; pp. scundutu (scusu) . Nascondere, occultare * prov. Terare la petra e scùndere la manu tirare la pietra e nascondere la mano. [lat. (ab)scondere].

scundìgghiu sm. Nascondiglio.
DE D. Nu nci su' porte chiuse e nnu rrepari, / nu nc'è scundigghi cu tte puei sarvare,

scundilucerte sm. Rimpiattino, nascondarella. [comp. di scunde(re) lucerta].

scundi scundi sm. Gioco di ragazzi, uno dei quali deve cercare e scoprire i compagni che sono nascosti nelle parti più impensabili delle vicinanze.

scunfetare rifl.; pres. me scunfitu,… ni scunfetamu, ecc.; p. rem. me scunfetài, ecc.; pp. scunfetatu. Sconfidarsi.
DE D. Moi te le forse mei me nde scunfitu / ieu ca nu m'àggiu scunfetatu mai!

scunfetatu agg. Sconfidato, sfiduciato: tegnu lu core scunfetatu ho il cuore scoraggiato; la etìi cu δδi beδδi uecchi scunfetati la vedevi con quegli occhi belli sfiduciati.

scunfiare, sgunfiare tr.; pres. scònfiu (sgònfiu), scuenfi (sguenfi), scònfia (sgònfia) scunfiamu (sgunfiamu), ecc.; p. rem. scunfiài (sgunfiài), ecc.; pp. scunfiatu (sgunfiatu) . Sgonfiare. [significato inverso di cunfiare].

scunfìggere, scunfeggìre (lett.) tr.; pres. scunfiggu,… scunfeggimu, ecc.; p. rem. scunfeggìi (scunfissi), scunfeggisti, scunfeggìu (scunfisse), scunfeggemmu (scunfìssemu), scunfeggestu, scunfeggèra (scunfìssera) ; pp. scunfeggiutu (scunfittu) . Sconfiggere. V. il più comune ìncere.

scunfinare intr.; pres. scunfinu,… scunfinamu, ecc.; p. rem. scunfinài, ecc.; pp. scunfinatu. Sconfinare nella proprietà altrui; uscire dai limiti. [da cunfine].

scunfinferare intr.; pres. scunfìnferu,… scunfinferamu, ecc.; p. rem. scunfinferài, ecc.; pp. scunfinferatu. Andare a genio, riuscire gradito, garbare: δδe caruseδδe me scunfìnferanu quelle giovanette mi vanno a genio; allu patrunu nu nni scunfinferàanu li malespori al padrone non garbavano quegli spropositi.

scunfitta sf. Sconfitta; insuccesso.

scunfittu agg. Sconfitto, battuto, vinto.

scunfortu sm. Sconforto.

scunfundare v. scuffundare.

scunfundu sm. Abisso; profondità incolmabile; strapiombo assai profondo e buio.

scunfurtante agg. Sconfortante.

scunfurtare rifl.; pres. me scunfortu, te scunfuerti, se scunforta, ni scunfurtamu, ecc.; p. rem. me scunfurtài, ecc.; pp. scunfurtatu. Sconfortarsi; perdere la fiducia in se stessi.

scunfurtatu agg. Sconfortato, scoraggiato; depresso, deluso.
Da c. p. Mmaruti e scunfurtati versu sira / se nd'iànu passeggiandu tra lle nule

scungiuru sm. Scongiuro contro il malocchio, per allontanare il male * modi di fare scongiuro: rattàrese (grattarsi all'inguine); fare le corne (fare le corna con l'indice e il mignolo della mano distesi); tuccare fierru (toccare l'oggetto di ferro più vicino); fare la fica e lla faa (v. fica).

scunnessione sf. Sconnessione dal punto di vista logico.

scunnessu agg. 1- Che dice cose sconvenienti, che non dovrebbe dire specialmente in presenza di donne e bambini: cittu, scunnessu, nu biti ca nc'ete gente? zitto, indelicato, non vedi che c'è gente? * 2- Sconnesso, sgangherato.

scunnèttere, scunnettìre intr. e tr.; pres. scunnettu, scunnietti, scunnette, scunnettimu, ecc.; p. rem. scunnettìi (scunnessi), scuttisti, scunnettìu (scunnesse), scunnettemmu (scunnèssemu), scunnettestu, scunnettèra (scunnèssera) ; pp. scunnettutu (scunnessu) * intr. Non connettere nel ragionamento, sragionare * tr. Sconnettere, sgangherare.

scunquassare tr.; pres. scunquassu,… scunquassamu, ecc.; p. rem. scunquassài, ecc.; pp. scunquassatu. Sconquassare, fracassare.

scunquassu sm. Sconquasso; violento disturbo viscerale.

scunsacrare tr.; pres. scunsacru,… scunsacramu, ecc.; p. rem. scunsacrài, ecc.; pp. scunsacratu. Sconsacrare.

scunsigghiare, scunsigliare tr.; pres. scunsìgghiu (scunsìgliu),… scunsigghiamu, ecc.; impf. scunsigghiàa (scunsigliàa), ecc.; p. rem. scunsigghiài (scunsigliài), ecc.; pp. scunsigghiatu (scunsigliatu) . Sconsigliare: nde la scunsigghiàra, ma iδδa foi ncapunita ne la sconsigliarono, ma lei si dimostrò ostinata.

scunsiteratu agg. Sconsiderato, imprudente; facilone.

scunsulante agg. Sconsolante, che provoca sconforto.

scunsulare tr.; pres. scunsolu, scunsueli, scunsola, scunsulamu, ecc.; p. rem. scunsulài, ecc; pp. scunsulatu. Amareggiare grandemente, rattristare.
Da c. p. Quandu lu bene miu se nde partìu, / quanti cori te donne scunsulàu! / lu prima prima scunsulàu lu miu.

scunsulatu agg. Sconsolato, affranto dal dolore.
DE D. Oh, quantu stae deserta e scunsulata / la cità comu giovine cattìa!

scuntare tr.; pres. scuntu,… scuntamu, ecc.; p. rem. scuntài, ecc.; pp. scuntatu * Scontare, estinguere un debito o una pena: se mprestàu centu lire e ll'à scuntate a ppicca a ppicca prese in prestito cento lire e le ha restituite a rate; à scuntare nn'àuru annu te calera dovrà scontare un altro anno di galera; nun ete giustu ca li fili ànu scuntare le peccate te li siri non è giusto che i figli debbano scontare i peccati dei genitori * rifl. Ripagarsi, vendicarsi facendo pagare un'offesa: nun ìbbera pace fencattantu nu sse la scuntàra non ebbero pace finché non si vendicarono * modo di dire: pupiδδu, scùntala a cquiδδu stupido che sei, falla pagare a quello che non c'entra per niente.
Da c. p. Mai sia San Giuanne sse l'àggia a scuntare, / tecendu sempre none a ssou despiettu!

scuntentare tr.; pres. scuntentu,… scuntentamu, ecc.; p. rem. scuntentài, ecc.; pp. scuntentatu. Scontentare, non soddisfare pienamente.

scuntente, scuntentu (pl. m. scuntienti, f. scuntente) agg. Scontento, insoddisfatto: nu mbògghiu cu bu nde sçiati scuntienti non vogliuo che ve ne andiate scontenti.

scuntentizza sf. Scontentezza, malcontento; insoddisfazione.

scuntòrcere, scunturcìre tr.; pres. scuntorcu, ecc. (segue la coniugazione di tòrcere, turcìre). Contòrcere. [dal lat. contorquēre].
DE D. S'idde lu cuerpu tuttu scunturcìre, / strinse le manu, le razze ndrezzàu,

scuntrafare tr.; pres. scuntrafazzu, ecc. (segue la coniugazione del semplice lecc. fare). Deformare; cambiare i connotati.

scuntrafattu agg. Deformato e molto imbruttito: mostriciattolo.

scuntrare rifl.; pres. me scontru, te scuentri, se scontra, ni scuntramu, ecc.; p. rem. me scuntrài, ecc.; pp. scuntratu. Scontrarsi, urtarsi rovinosamente.

scuntrinu sm. Scontrino, biglietto, tagliando di riscontro.

scuntru sm. Ampiezza del petto, specialmente di un animale da tiro.

scunzare tr.; pres. sconzu, scuenzi, sconza, scunzamu, ecc.; p. rem. scunzài, ecc.; pp. scunzatu. Guastare, disfare, rovinare * rifl. Cambiare in peggio; guastare la propria natura: lu caδδu se sta’ sconza il cavallo sta mutando carattere peggiorando.

scunzatu agg. Guasto e inservibile, rotto.

scupa1 sf. Saggina, pianta graminacea con fusto sottile midollato, foglie inguainanti per la prima metà e libere e ligulate per il resto; il culmo, alto sino a due metri, termina con fitte ramificazioni filiformi molto allungate; fusti e ramificazioni (liberate queste dai frutti a cariosside) servono per fabbricare scope da granata. Da noi le piante di saggina non vengono coltivate a pieno campo, ma poste ai margini degli appezzamenti di terreno. [lat. scopa].

disegno
scupa e scuparieδδu

scupa2 sf. Scopa, l'arnese per pulire i pavimenti, fatto di fusti e filamenti di saggina * prov. Entre pezzuta, prepara la scupa ventre della gestante appuntita, prepara la scopa (ché nascerà una femminuccia). [dal lat. scopae].

scupa3 sf. Gioco di carte con due o quattro giocatori; è il più diffuso gioco con le carte napoletane.

scupare tr.; pres. scupu,… scupamu, ecc.; p. rem. scupài, ecc.; pp. scupatu. Scopare, spazzare con la scopa: scùpande ste frampùgghie scopa questi trùcioli e foglie secche; à' già scupati li curti? hai già spazzato l'ovile? * fig. Unirsi carnalmente. [dal lat. scopare].

scupareδδa sf. Scopino fatto di fusti di saggina e adoperato per pulire piani di mobili e tavolati, e per spolverare coperte. [dim. di scupa2].

scuparieδδu sm. Scopino fatto di sterpi e usato per spazzare frammenti grossolani e terriccio. [dim. di scuparu1].

disegno
scuparu

scuparu1 sm. 1- Spazzatoio fatto di sterpi secchi legati ad un bastone e usato per spazzare le strade, i cortili, le stalle * 2- Frusciàndolo per il forno, asta alla cui estremità viene legato uno straccio bagnato * modo di dire scherzoso: fatte benetìre cu ll'àcqua te lu scuparu fatti benedire con l'acqua sporca e non con l'acqua santa. [da scupa2 + suff. funz. -aru].

scuparu2 sm. 1- Fabbricante e venditore di scope * 2- Spazzino comunale. [lat. med. scuparius].

scupata sf. 1- Scopata, spazzata * 2- Colpo dato con la scopa * fig. Coito, accoppiamento di un maschio e di una femmina.

scupature sf. pl. Spazzatura; immondizie scopate.

scuperchiare tr.; pres. scupèrchiu, scupierchi, scupèrchia, ecc.; impf. scuperchiàa, ecc.; p. rem. scuperchiài, ecc.; pp. scuperchiatu. Scoperchiare. [da cuperchiu].

scuperìre intr.; pres. scuperiscu,… scuperimu, ecc.; p. rem. scuperìi,… scuperemmu, ecc.; pp. scuperutu. Uscir fuori, spuntare inaspettato, comparire in un modo poco normale; rivelarsi, manifestarsi in un posto inatteso: poi scuperìu nnu bbruttu uài poi si manifestò un brutto male; me sta’ scuperìscenu tanti freulìtuli mi stanno spuntando tanti sudamini. [dal lat. cooperire].

scuperta sf. Scoperta; trovata, espediente: à' fatta la scuperta te la Mèreca! hai fatto la scoperta dell'America! le scuperte toi fàcenu rìtere le tue trovate fanno ridere. [dal lecc. scuprìre].

scupetta sf. Spazzola per spolverare indumenti; spazzola per dare il lucido alle calzature. [dim. di scupa2].

scupettare tr.; pres. scupettu, scupietti, scupetta, scupettamu, ecc.; p. rem. scupettài, ecc.; pp. scupettatu. Spazzolare * fig. Dopo aver consumata la pietanza, pulire il piatto senza lasciare una briciola. [dal lecc. scupetta].

scupettinu sm. Scovolino; spazzolino.

scupettone sm. Spazzolone usato per pulire il mantello degli equini. [accr. del lecc. scupetta].

scupiertu sm. Ambiente privo di copertura e di riparo; a cielo aperto.

scupone sm. Scopone, variante del gioco della scopa. [accr. di scupa3].

sçuppare intr.; pres. sçuppu,… sçuppamu, ecc.; p. rem. sçuppài, ecc.; pp. sçuppatu. Cadere di schianto; stramazzare a terra * prov. Sçuppa nterra ci se mpòggia a nnu parite dèbbule stramazza a terra colui che si appoggia ad un muro debole e instabile. [dall'it. scoppiare].

sçuppetta sf. Schioppo. [fem. del lat. med. scloppus].

sçuppettata sf. Schioppettata * fig. Fatto che colpisce all'improvviso.
Da c. p. Beδδazza, luecchi toi su' ddo' sçuppette, / mìnanu sçuppettate e ssu' dde morte.

sçuppettola sf. Piccolo schioppo ad uso giocattolo.

sçuppettolu, schiuppettolu sm. Fucile da tiro a segno, che lancia piumini o turaccioli.

scuppiare intr. e tr.; pres. scòppiu, scueppi (scoppi), scòppia, scuppiamu, ecc.; p. rem. scuppiài, ecc.; pp. scuppiatu * intr. 1- Scoppiare, rompersi di schianto * 2- Non trattenersi ed esplodere, non riuscendo a frenare i propri impulsi: scuppiàra a cchiàngere, a rrìtere scoppiarono a piangere, a ridere; sta’ scuppiàa pe lla mmìtia, pe lla ràggia scoppiava dall'invidia, dall'ira * tr. Rompere con fragore, fare scoppiare: cu lla spìngula scuppiasti lu palluncinu te lu Ninu con lo spillo facesti scoppiare il palloncino di Nino. [da scòppiu]. V. pure

sçattare.

scuprìre, scuprìscere tr.; pres. scupriscu, scuprisci, scuprisce, … scuprìscenu; cong. pres. scuprisca, scuprìscanu; (per le altre forme v. scòprere). Scoprire, esplorare, inventare * modo di dire: scuprìre l'àcqua salata inventare l'acqua salata, come fare un buco nell'acqua.
DE D. e llu sta bite moi ntrèpetu, rresulutu, / salire cu scuprisca li campi de lu celu!

scuraggiante agg. Scoraggiante: le noe ci manu manu sta’ rrìanu suntu scuraggianti le notizie, che man mano arrivano, sono scoraggianti.

scuraggiare tr.; pres. scuràggiu,… scuraggiamu, ecc.; impf. scuraggiàa, ecc.; p. rem. scuraggiài, ecc.; pp. scuraggiatu. Scoraggioare * rifl. Perdersi d'animo, avvilirsi. [dal lecc. curàggiu].

scuraggiatu agg. Scoraggiato, avvilito.

scuraggìre rifl.; pres. me scuraggiscu,… ni scuraggimu, ecc.; p. rem. me scuraggìi,… ni scuraggemmu, ecc.; pp. scuraggiutu. Scoraggiarsi, perdersi d'animo; perdere ogni speranza.

scuraggiutu agg. Avvilito, sfiduciato.

scuramientu sm. Oscuramento duraturo o temporaneo: ibbi nnu scuramientu d'ecchi ebbi un oscuramento della vista.

scurare rifl.; pres. me scuru,… ni scuramu, ecc.; impf. scuràa, ecc.; p. rem. me scurài, ecc.; pp. scuratu. Oscurarsi, annerirsi. [lat. obscurare].
DE D. e lla pittura se ncignàu a scurare / fenca a mmienzu nnu fumu scumparìu.

scurcialuru, scurciarulu sm. Clistere primitivo e rozzo; l'apparecchio contenitore del clisma, il medicamento che scrosta le viscere: fanni nnu scurcialuru te àcqua, sapune e uègghiu fagli un clistere di acqua, sapone e olio. [da scurciare + suff. funz. -uru, -ulu].

scurciare tr. e intr.; pres. scòrciu, scuerci, scòrcia, scurciamu, ecc.; p. rem. scurciài, ecc.; pp. scurciatu * tr. Scorticare; scortecciare; scoiare * prov. La cuta ete cchiù' fforte a scurciare la coda è più difficoltosa ad essere scoiata * intr. Sbucciarsi, spellarsi. [dal lat. excoriare].

scurciatu agg. Escoriato, scorticato, spellato; scalfito, sbrecciato.

scurciatura sf. Escoriazione; scalfittura; graffiatura.

scurcugghiare tr.; pres. scurcùgghiu, ecc.; impf. scurcugghiàa, ecc.; p. rem. scurcugghiài, ecc.; pp. scurcugghiatu. Indagare accanitamente ma per curiosità personale; inquisire per il vivo desiderio di sapere i minimi particolari. [dal lat. curculio, verme che rode].

scurdare ; pres. scordu, scuerdi, scorda, scurdamu, ecc.; p. rem. scurdài, ecc.; pp. scurdatu * 1- tr. Alterare il giusto tono di uno strummento * rifl. Scordarsi, perdere l'accordatura. * 2- Dimenticare (con questo significato v. scerrare) [da s- sottrattivo e it. (ac)cordare].

scurdata sf. Dimenticanza * alla scurdata avv. Inaspettatamente, all'improvviso; quando meno ci si pensa, quando non ce lo aspettiamo più.

scurdatizzu (più usato scerratizzu) agg. Che facilmente dimentica; smemorato.

scurdatu agg. Scordato, dissonante.

scuri sm. pl. Imposte delle finestre e delle porte a vetri.

scuriàta, scurisçiata sf. Frustata, colpo di frusta.

scuriàtu sm. Frusta. V. scurisçiatu.

scurìre tr. e intr.; pres. scuriscu,… scurimu, ecc.; p. rem. scurìi,… scuremmu, ecc.; pp. scurutu. Scurire, rendere più scuro; diventare più scuro * intr. impers. Del tempo, oscurarsi; farsi sera; cominciare ad annottare: lu celu sta’ scurìa il cielo si oscurava; quandu scurisce lassamu te fatiare quando farà sera, smetteremo di lavorare; à già scurutu è gia sera * fig. Incupire: quandu ntisi lu fattu, me scurìu lu core quando appresi l'accaduto, il mio cuore incupì; leggèra la lettre e ll'uecchi loru scurèra lèssero la missiva e i loro occhi si incupirono. [dal lecc. scuru].
DE D. … e gioeni e becchi / se dìanu de la fede lu salutu / mentre lu giurnu ni scurìa ntru ll'ecchi.

scurìscere intr. impers.; pres. scurisce; impf. scurescìa; p. rem. scurescìu; pp. scuresciutu. Imbrunire, far buio, rabbuiarsi dell'aria.

scurisçiata sf. Colpo di frusta; frustata schioccata all'aria: lu pôru sumarru se ibbe nna scurisçiata mmienzu alle rìcchie il povero somarello ricevette una frustata tra le orecchie; li trainieri sçiucàanu a scurisçiate i carrettieri si divertivano a dare schioccate di frusta. [lat. excorrigiata].

disegno
scurisçiatu

scurisçiatu sm. Bacchetta di legno, lunga e flessibile, in cima alla quale è legato un cordino di cuoio terminante con uno sverzino; frusta dei vetturali. [da currìsçia].

scurità (lett.) sf. Oscurità; buio; le tenebre della notte. [lat. obscuritas]. V. scuru1.

scurmare tr.; pres. scurmu,… scurmamu, ecc.; p. rem. scurmài, ecc.; pp. scurmatu. Scolmare la parte traboccante degli aridi dai contenitori (spesso adoperando la 'rasula'). [da curmu].

scurmunare tr.; pres. scurmunu,… scurmunamu, ecc.; p. rem. scurmunài, ecc.; pp. scurmunatu * 1- Arare partendo dai lati del campo e finendo al centro * 2- Tagliare la chioma di un albero, recidendo prima i rami per farne fascine, poi i tronchi robusti e lasciando solo il grosso fusto. [da curmune].

scurnacchiare tr.; pres. scurnàcchiu, ecc.; impf. scurnacchiàa, ecc.; p. rem. scurnacchiài, ecc.; pp. scurnacchiatu. Dileggiare, schernire pubblicamente. [da curnàcchia].

scurnare rifl.; pres. me nde scornu, te nde scuerni, se nde scorna, ni nde scurnamu, ecc.; p. rem. me nde scurnài, ecc.; pp. scurnatu. Vergognàrsene. [da scuernu].

scurnusu agg. Timido e vergognoso.

scurpare tr.; pres. scurpu,… scurpamu, ecc.; p. rem. scurpài, ecc.; pp. scurpatu. Scolpare, difendere da una accusa.

scurpìre tr.; pres. scurpiscu,… scurpimu, ecc.; p. rem. scurpìi,… scurpemmu, ecc.; pp. scurpitu. Scolpire. [dal lat. sculpere incr. con it. colpire].

scurpitu agg. Impresso, inciso.

scurpunare tr.; pres. scurpunu,… scurpunamu, ecc.; p. rem. scurpunài, ecc.; pp. scurpunatu. Rompere la schiena a botte; sfessare, spossare * rifl. Rompersi la schiena per gli sforzi fisici. [da curpune].

scurpunatu agg. Spossato; ridotto con la schiena indolenzita e piegata per la fatica.

scurpunisçiare intr. e tr.; pres. scurpunìsçiu, ecc.; impf. scurpunisçiàa, ecc.; p. rem. scurpunisçiài, ecc.; pp. scurpunisçiatu * 1- Lavorare assiduamente ed eseguire continui sforzi * 2- Bastonare reiteratamente; dare botte da orbi sulla schiena. [forma iter.-intens. -sçiare].

scurpurare tr.; pres. scòrpuru, scuèrpuri, scòrpura, scurpuramu, ecc.; p. rem. scurpurài, ecc.; pp. scurpuratu * Scorporare espropriando una parte * fig. Liberarsi di un assillo, soffocare un'intima preoccupazione. [lat. med. excorporare].

Scurranu geogr. Scorrano.

scurràsçena sf. 1- Straccale, cinghia che fissa il basto passando sotto la pancia dell'asino * 2- Ciascuna delle due spalline a fettuccia del reggiseno o della sottoveste.

scùrrere, scurrìre intr.; pres. scurru,… scurrimu, ecc.; p. rem. scurrìi (scursi), scurristi, scurrìu (scurse), scurremmu (scùrsemu), scurrestu, scurrèra (scùrsera) ; pp. scurrutu (scursu) * 1- Scorrere, scivolare di un liquido: te l'ecchi ni scurrìanu làcreme mare dagli occhi gli scorrevano lacrime amare * 2- Di liquido o di cibo masticato, andare di traverso in gola: me scurrìu n'àcenu d'ua, ca m'ìa nfucatu mi andò di traverso in gola un acino d'uva, che per poco non mi soffocava. [dal lat. excurrere].

scurrettu (lett.) agg. Scorreto. V. fiaccu.

scurricciare tr. e intr.; pres. scurrìcciu, ecc.; impf. scurricciàa, ecc.; p. rem. scurricciài, ecc.; pp. scurricciatu * tr. Lanciare la trottola e non riuscire a farla prillare o perché la cordicella si è sciolta prima del tempo o perché la trottola ha battuto a terra di piatto: all'ùrtimu tiru scurricciasti lu curru all'ultimo lancio mancasti di far girare la trottola * intr. 1- Della trottola, sfuggire al lancio e rotolare lontano senza prillare * 2- Della trottola, sbandare nel compiere gli ultimi giri e poi rotolare più discosto * 3- fig. Barcollare, tentare di mantenersi in piedi e poi ruzzolare per terra.

scurrìcciu sm. 1- Lancio non riuscito della trottola * 2- Ultimo movimento incerto e traballante della trottola * 3- fig. Barcollamento e conseguente caduta.

scurrucciare (lett.) rifl.; pres. me scurrùcciu, ecc.; impf. me scurrucciàa, ecc.; p. rem. me scurrucciài, ecc.; pp. scurrucciatu. Corrucciarsi. [dal lat. corruptiare incr. con fr. couroucer]. V. anche mmarìre, preoccupare.

scurrùcciu sm. Corruccio; risentimento, sdegno.

scurruttu (lett.) agg. Corrotto, andato a male, guasto. V. uastatu, fiaccu.

scursetta sf. Fettina di carne con l'osso.

disegno
scursune

scursune sm. Scorzone, saettone, colubro d'Esculapio, serpente di colore nero con riflessi violacei, una volta assai comune nei nostri campi sassosi; tuttora della sua spina secca si ha, erroneamente, gran paura perché ritenuta velenosa e la puntura con essa mortale. [lat. curtio -onis incr. con lecc. scorsa].

scursune fùlenu v. uardapassi.

disegno
scursunera

scursunera sf. (detta anche 'pane de fae'). Scorzonera, pianta erbacea con foglie lineari e intere in ciuffi, fiori gialli in capolini; la nostra specie cresce spontanea tra le siepi o ai bordi delle strade. Fiori e foglie venivano cotti e applicati sulle ferite, per fiducia nelle loro proprietà astringenti e cicatrizzanti. [dallo sp. escurconera].

scursune surdu sm., scursune surdu sf. Ipocrita, sornione, che fa l'indiano; furbacchione taciturno.

scursusu agg. Che ha la buccia grossa e coriacea, scorzoso.

scurtechinu sm. Povero diavolo, travèt.

scurtecune sm. Lavoratore il quale, per sete di guadagno, non si risparmia nel lavoro, tuttavia non migliora le sue condizioni economiche; uomo stanco, consumato dalle fatiche. [da un incr. tra it. scorticare e lecc. scurciare + suff. dell'accr.].

scurtese agg. Scortese, sgarbato.

scurtesìa sf. Scortesia; atto sgarbato.

scurtore sm. Scultore. [lat. sculptor -oris].

scurtura sf. Scoltura; opera scolpita. [lat. sculptura].

scuru1 agg. Scuro, oscuro; tendente al nero: tene l'ecchi scuri ha gli occhi scuri; lu celu sta’ ddenta scuru il cielo si fa scuro * sm. Buio, oscurità: dduma ca nc'ete scuru fai luce, perché c'è buio; lu scuru ete amicu de li latri e de li nnamurati l'oscurità è amica dei ladri e degli innamorati. [dal lat. (ob)scurus].
LEONE Nturnu è scuru; a leante sulamente / ntra le nule a parire ha ccumenzata / comu na luce de sule nascente.

scuru2 sm. Ciascuna delle due imposte di una porta a vetri o di una finestra, che può rendere buia la stanza: mmasa δδu scuru, ca lu sule me dae ntra ll'ecchi socchiudi quell'imposta, perché la luce del sole mi fa male agli occhi.

scurùδδula sf. Gioco di ragazzi, che consiste nel far rotolare a turno lungo uno scivolo dei nòccioli grossi; vince chi riesce a urtare col proprio pezzo uno dei nòccioli giocati dai compagni. V. pure ruδδi.

scurusu agg. Oscuro, rabbuiato.
DE D. Cadìa la sira. A mmeru allu punente / lu celu stìa scurusu, nnutecatu.

scurutu agg. Oscurato, rabbuiato; annerito, abbrunito.
D'AM. Ma lu celu è già scurutu / ca lu tiempu scurre e passa.

scusa sf. Scusa.

scusante sf. Giustificazione appena plausibile.

scusare tr.; pres. scusu,… scusamu, ecc.; impf. scusàa, ecc.; p. rem. scusài, ecc.; pp. scusatu. Scusare; perdonare e assolvere * rifl. Chiedere scusa, domandare venia; discolparsi. [lat. excusare].

scusçetare rifl.; pres. me nde scùsçetu,… ni nde scusçetamu, ecc.; p. rem. me nde scusçetài, ecc.; pp. scusçetatu. Togliersi un pensiero e rimanere tranquillo; liberarsi da una incombenza ed essere contento; portare a termine un lavoro e restare soddisfatto: quantu cchiù' pprestu bu nde scusçetati, mègghiu pe bui ete quanto più presto vi renderete liberi dagli impegni, meglio per voi sarà; se fice le lezioni e sse nde scusçetàu svolse i compiti di scuola e si tolse il pensiero. [contrario di cusçetare].

scusçetatezza sf. Indifferenza abituale; mancanza di partecipazione e di interesse; tranquillità incosciente e irresponsabile.

scusçetatu agg. Senzapensieri, indifferente e imperturbabile, quasi apatico; tranquillo, sereno e pacifico * prov. Fìmmena mmaretata nu ppo' bèssere scusçetata donna maritata non può essere noncurante e disinteressata. [dal lat. excogitatus].
Da c. p. Ièu nu tte càngiu, statte scusçetatu, / cu pprìncipe o barune o sia ci sia.

scusçetezza sf. Apatia, noncuranza totale.

scùsçetu sm. Spensieratezza, negligente indifferenza: imperturbabilità olimpica, serenità irresponsabile.

scuscinare tr.; pres. scuscinu,… scuscinamu, ecc.; p. rem. scuscinài, ecc.; pp. scuscinatu. Percuotere, picchiare, ridurre malconcio; bastonare di santa ragione, come battere un cuscino con il battipanni.

scuscinata sf. Bastonatura.

scuscinatu agg. Ridotto malconcio a forza di busse.

scuscisu agg. Scosceso, molto inclinato.

scùsere, scusìre tr.; pres. scusu,… scusimu, ecc.; p. rem. scusìi,… scusemmu, ecc.; pp. scusutu. Scucire, sdrucire. (contrario di cùsere, cusìre).

scusetura sf. Scucitura, sdrucitura.

scusi avv. Di nascosto, segretamente: fàcenu la more scusi amoreggiano di nascosto; à benutu scusi te sirsa è venuto di nascosto da suo padre.

scusigghiare, scusigliare tr.; pres. scusìgghiu (scusìgliu), ecc.; impf. scusigghiàa (scusigliàa), ecc.; p. rem. scusigghiài (scusigliài), ecc.; pp. scusigghiatu (scusigliatu) . Sconsigliare. [è il contrario di cusigghiare, cusigliare).

scusi scusi avv. Di nascosto, senza farsene accorgere; alla chetichella.

scustare tr.; pres. scostu, scuesti, scosta, scustamu, ecc.; p. rem. scustài, ecc.; pp. scustatu. Scostare, allontanare di poco * rifl. Farsi più in là; evitare il contatto di gomito con un altro.
MAR. se nu tte piazzu scòstate, / scòstate, aggi pacènzia!

scustulare tr.; pres. scòstulu, scuèstuli, scòstula, scustulamu, ecc.; p. rem. scustulài, ecc.; pp. scustulatu. Indolenzire il costato o tutte le ossa del corpo. [da còstula]. V. pure scustulisçiare.

scustulatu agg. Indolenzito nel torace; indolito in tutto il corpo.

scustulisçiàre tr. e intr.; pres. scustulìsçiu, ecc.; impf. scustulisçiàa, ecc.; p. rem. scustulisçiài, ecc.; pp. scustulisçiatu. Indolenzire, provocare una sensazione di dolore in tutte le articolazioni del corpo; subire un doloroso intorpidimento alle ossa del costato. [intens. di scustulare].

scustulisçiatu agg. Indolenzito; sofferente di una fastidiosa sensazione di dolore alle ossa del torace.

scustumatezza sf. Scostumatezza; mancanza di rispetto.

scustumatu agg. Scostumato; maleducato.

scusu agg. Nascosto; celato: puntu scusu ale pe doi punto nascosto vale doppio; la parte cchiù' scusa te la rutta la parte più riposta della grotta. [lat. (ab)sco(n)sus].
DE D. Scusu, rasente, puntune puntune / n'umbra cunfusa strisciandu camina,

scusutu agg. Scucito, sdrucito * sm. La parte scucita, il tratto di stoffa sdrucita * modo di dire: essìre te lu scusutu uscire da un impiccio per il rotto della cuffia.

scuteδδa sf. Scodella * prov. Quandu nc'ete picca pane a ntàula, inchi te cafè la scuteδδa quando a mensa c'è poco pane, riempi la scodella (della colazione) di caffè di orzo. [dal lat. scutella, ll>δδ].

scuteδδuzza sf. Scodellina, zuppiera.

scuterìa sf. Stalla e dipendenze razionalmente costruite.

scutieri sm. Addetto alla cura della scuderia e capo degli stallieri.

scutisciare (lett.) tr.; pres. scutìsciu, ecc.; impf. scutusciàa, ecc.; p. rem. scutisciài, ecc.; pp. scutisciatu. Scudisciare. [dal lecc. scutìsciu].

scutisciata (lett.) sf. Scarica di colpi di scudiscio. V. currisçiata.

scutìsciu (lett.) sm. Scudiscio; frustino. [dal lat. scutica incr. con it. striscio]. V. pure currìsçia, niervu, scurisçiatu.

disegno
scutu o spasa

scutu sm. 1- Scudo, arma di difesa * 2- Tavoletta di legno drangolare e immanicata al centro, sulla quale l'intonacatore sistema la calcina da spalmare * 3- Scudo, moneta d'oro o d’argento. [lat. scutum].

scutuδδare tr.; pres. scutuδδu,… scutuδδamu, ecc.; p. rem. scutuδδài, ecc.; pp. scutuδδatu. Far piegare la testa e la schiena; costringere uno a stare inchinato: chìcate cu lle bone, senò te scutùδδanu piega le spalle con le buone, altrimenti te le fanno piegare col le cattive; ni scise la cùtula e rrimase scutuδδatu si ebbe una lombaggine e restò piegato in avanti. [da un incr. tra scutursare, scucuδδare e cueδδu].

scutugnare v. ncutugnare.

scutugnata sf. Scarica di cazzotti, fracco di botte.

scutugnatu agg. Con il volto gonfio per le botte ricevute. V. pure ncutugnatu.

scùtula sf. Scòtola, gramola, arnese per lavorare il lino.

scutulare tr.; pres. scòtulu, scuètuli, scòtula, scutulamu, ecc.; p. rem. scutulài, ecc.; pp. scutulatu * 1- Scuotere ripetutamente, scrollare: sta’ scutulàanu le sàccure acanti stavano scuotendo i sacchi vuoti; moi ci te ccuegghi, sirda te scòtula ora che ti ritiri a casa, tuo padre ti scrollerà ben bene * 2- Bacchiare: sçia' scutulati li nuci, le ulie, le mèndule, le còrnule andate e bacchiate le noci, le olive, le mandorle, le carrube * 3- rifl. Scrollarsi, rimuovere di dosso: lu cane se scutulàu l'àcqua te subbra il cane si scrollo di dosso le gocce d'acqua. [dal lat. excutere l'iterativo *excutulare].

scutulata sf. Scuotimento; battitura; scrollata: se fice nna scutulata te spaδδe si fece una scrollatina di spalle.

scutursare tr.; pres. scutursu,… scutursamu, ecc.; p. rem. scutursài, ecc.; pp. scutursatu. Rompere la schiena a botte; bastonare sul groppone * rifl. Rompersi il dorso per lavori pesanti: ci te la face fare cu tte scutursi? chi te lo fa fare ad affaticarti tanto?; (De Dominicis) … mòneci de lu stùtiu scutursati monaci ingobbiti dallo studio costante. [da cutursu].

scutursatu agg. Con la schiena rotta dalla fatica; ingobbito: le specalure turnàanu scutursate le spigolatrici tornavano dai campi con le spalle indolenzite e piegate in avanti.
DE D. Scinde rande lu sule: già lu ellanu / scutursatu ha lassata la fatìa.

scuzzecare tr.; pres. scòzzecu, scuèzzechi, scòzzeca, scuzzecamu, ecc.; p. rem. scuzzecài, ecc.; pp. scuzzecatu. Scrostare il materiale di rivestimento * rifl. Staccarsi di una superficie prima aderente. [dal lat. excalceare incr. con excorciare].

scuzzecatu agg. fig. Scalcinato, di persona mal vestita.

scuzzulare tr. e intr.; pres. scòzzulu, scuèzzuli, scòzzula, scuzzulamu, ecc.; p. rem. scuzzulài, ecc.; pp. scuzzulatu * tr. Asportare il grosso dello sporco mediante la messa a mollo: la lessìa scòzzula puru lu siu la liscivia asporta persino l'unto di sebo; l'àcqua te lu celu ete bona pe scozzulare le rrobbe l'acqua piovana è efficace per togliere lo sporco dai panni * intr. Liberarsi dello sporco mediante la messa a bagno: le spàrecane nn'ura dopu ìanu scuzzulate i pannolini dopo un'ora erano diventati puliti. [dal lat. excorciare incr. con l'intens. *excorciulare].

scuzzunare tr. e intr.; pres. scuzzunu,… scuzzunamu, ecc.; p. rem. scuzzunài, ecc.; pp. scuzzunatu * 1- Dirozzare; sgrossare * 2- Mettere a bagno i legumi per fare ammorbidire la loro pellicola e prepararli alla cottura.

scuzzunatore sm. Operaio sgrossatore; sbozzatore.

sdignare (lett.) intr. rifl.; pres. me sdignu,… ni sdignamu, ecc.; p. rem. me sdignài, ecc.; pp. sdignatu. Sdegnarsi, adirarsi e offendersi. V. rraggiare, stizzare.

sdignatu (lett.) agg. Sdegnato, adirato, offeso e risentito. V. ncazzatu, stizzatu.

sdignu, sdegnu sm. Sdegno, irritazione, risentimento: lu sdignu nu nde cumbina cose bone lo sdegno non fa compiere azioni buone; rrussìu te sdignu arrossì di sdegno.
Da c. p. Cantu te sdegnu ca sdignatu stau, / cantu pe lle vecine te cquannanti, / cantu pe lla toa mamma ca nu mme ole, / pàtrita puru me nd'à dditte tante.

sdignusu, sdegnusu agg. Sdegnoso; altero e sprezzante.

se (lett.) cong. condizionale. Se: se m'ìa ntisu, nun ìa scarratu se mi avesse dato retta, non avrebbe sbagliato. V. ci.
DE D. O Linda, Linda, nu tte llamentare / se nu biti le chiante cchiùi fiurire, / se ncìgnanu le pàmpane a seccare, / se lu sule ccumenza a ddefreddire.

, se pron. rifl. Se, sé, si: se crite ca ncora ete caruseδδa si crede ancora giovanetta; se àmanu cu ttuttu lu core si amano con tutto il cuore; stasira ae an sé questa sera sta in sé (non è altìccio) * in pos. encl.: ìssase statu a ccasa che fosse rimasto in casa!; uardànduse ntra ll'ecchi, se decìanu lu bene ci se ulìanu fissàndosi negli occhi, si dicevano il bene che si volevano. [lat. se].

sebbellìre, sebelìre tr.; pres. sebbellìscu (sebeliscu),… sebbellimu, ecc.; p. rem. sebbellìi,… sebbellemmu, ecc.; pp. sebbellutu. Seppellire: sta’ sebbellìscenu lu muertu seppelliscono la salma. [lat. sepelire]. V. anche il più comune precare.

sebbellitu agg. Seppellito, sepolto. [lat. sepelitum].
Da c. p. Puru dopu muertu e sebbellitu / stu core, fattu terra, ncora te ama!

sebbetura sf. Sepoltura.
Da c. p. ca ci pe mmie nu nc'è nnu mègghiu fatu, / àprite, terra, e damme sebbetura!

sebburcu sm. Repositorio, l'apposita urna dove è riposta l'Eucaristia il giovedì e il venerdì santo: facimu lu giru te li sebburchi ca uatagnamu le ndurgènzie facciamo le visite ai sepolcri che guadagniamo le indulgenze. [lat. sepulchrum].

sebburtura sf. Sepoltura. [lat. sepultura].
DE D. Cinca nfacce lli Turchi se mpaura, / la ergogna cu nu llaa l'àcqua de mare, / a nterra cu nu ttroa la sebburtura!

seca sf. fig. Masturbazione maschile. [dal lat. seca, it. sega].

secaiolu agg. Dedito alla pratica della masturbazione.

secalignu (lett.) agg. Magro secco, segaligno. V. mazzu, fierru felatu.

disegno
secara, sacara

secara sf. Colubro austriaco, serpe con il dorso bruno striato di giallo e picchettato di verde e di nero, e con il ventre bianchiccio; indica confusamente la vìpera ed è assai temuta * prov. Ci ccise nna secara, li Santi se lu asàra; ci ccise nnu scursune, ni dèsera nnu sçaffune i Santi si sbaciucchiarono colui che uccise una vipera; colui che uccise un saettone, si ebbe da loro uno schiaffone.

secàru, sicàru sm. Sìgaro confezionato con foglie intere di tabacco; una volta i tabacchicultori si preparavano i sigari con le proprie mani; il sìgaro acquistato presso la rivendita era chiamato 'secàru tuscanu'. [dallo sp. cigarro].
Da c. p. Mmacari ca passi e spassi, / lu sicàru nu llu mpicci; / la Ronza s'à ffatti li ricci / e llu Ronzu la ole spusà.

secatura (neol.) sf. Segatura, materiale pulverulento mischiato con trucioli del legno. V. frampùgghie.

seccare tr. e intr.; pres. siccu, sicchi, sicca, seccamu, ecc.; p. rem. seccài, ecc.; pp. seccatu. Essiccare, seccare, inaridire: lu càutu supèrchiu sta’ sseccàa le chianticeδδe il caldo eccessivo stava essiccando le piantine; le pàmpane sìccanu le foglie inaridiscono * fig. Disturbare, infastidire; annoiarsi, seccarsi. [lat. siccare].
DE D. Ahi, quanti e quanti fiuri lu sule idde seccare, / ahi, quanti e quanti giurni lu sule idde scurire.

seccatieδδu sm. Ramo reciso e secco, buono per il fuoco: nna mita te seccatieδδi una catasta di rami secchi. [dim. di seccatu].

seccatu agg. Secco, inaridito * prov. La rùggia se màngia lu fierru e llu seccatu se rùseca lu erde la ruggine corrode il ferro, la parte secca della foglia rosìcchia la parte verde. [lat. siccatus].

seccatura sf. Disturbo, molestia: le seccature le rresèrvanu a mmie a me riserbano le seccature.

secchezza sf. 1- Aridità, sensazione di sete, arsura * 2- Magrezza.

disegno
secchia

sècchia sf. Secchia, recipiente a doghe di forma tronco conica, munito di manico di fune per il sollevamento: minti te parte doi sècchie te àcqua pe besegnu tieni da parte due secchie colme d'acqua in caso di bisogno. [lat. situla, lat. volg. sitla, tl>cchi]. V. anche sìcchiu.

sèccia sf. Seppia: osse te sèccia ossa di sèppie. [lat. sepia].

secentu agg. Seicento.

secondu sm. Minuto secondo; attimo di tempo.

secretarìa sf. Segreterìa, l'ufficio del segretario.

secretaru sm. Segretario. [dal lat. med. segretarius].

secretezza sf. Segretezza.

secretu sm. Segreto * prov. Ci màngia pane e tarice, li secreti nu lli tice chi mangia pane e ravanello, non rivela i segreti * agg. Segreto, che non deve essere rivelato. [lat. secretus].

secretu (an -) loc. avv. In segreto, nascostamente * a secretu motu loc. avv. Confidenzialmente, in confidenza.
Da c. p. Parla an secretu puru quantu uèi, / ièu sàcciu quantu dici e cquantu fai.

secru sm. Suocero. Con i possessivi in pos. encl.: sècruma, sècruta, sècrusa mio, tuo, suo suocero. [lat. socerus].

secunda sf. Placenta, che viene espulsa dopo il parto, in un secondo tempo, quasi un secondo parto.

secundàriu agg. Secondario, non importante. [lat. secondarius].

secundu agg. Secondo, successivo al primo: tie sinti lu primu, ièu lu secundu e iδδu lu tersu tu sei il primo, io il secondo e lui il terzo * avv.; cong.; prep. A seconda; dipende, per quanto riguarda; conformemente, relativamente: secundu comu ànu le cose cu sse rrècula che si regoli così come vanno gli affari; secundu sòcrama ièu nu ssàcciu ccattare secondo mia suocera io non so fare la spesa; secundu natura secondo natura, secundu raggione secondo ragione; secundu quantu à ddittu fràita, ui aìti tertu relativamente a quanto ha riferito tuo fratello, voi avete torto. [lat. secundus].

securu agg. 1- Sicuro, garantito da ogni pericolo: sti fungi suntu securi questi funghi sono senz'altro buoni; puèi sçire secura, ca nisciunu te nzurta puoi andare sicura e tranquilla, poiché nessuno ti infastidirà * 2- Certo, convinto, persuaso: suntu securu te ccenca ddicu sono certo di ciò che dico * 3- Capace, esperto: ete secura te lu fusu e puru te lu talaru è esperta nel fuso e nel telaio (nella filatura e nella tessitura) * 4- Fidato, che offre affidamento: amicu securu amico fidato, che mai tradirà. [lat. securus].

secutare tr. e intr.; sècutu, siècuti, sècuta, secutamu, ecc.; p. rem. secutài, ecc.; pp. secutatu * tr. Seguire, inseguire, andare dietro, procedere in direzione: secutasti li amici e tte cchiasti fiaccu seguisti gli amici e ti trovasti male; lu Mbertu sècuta la Sisina Umberto va dietro a Tommasina; secutati la carrara ca faciti cchiù' mprima seguitate per il viottolo e arriverete più presto * provv. Ci sècuta l'aceδδu, more puerieδδu chi insegue l'uccello, muore poverello § Lu cane sècuta lu strazzatu il cane insegue lo sbrindellato, per cui il danno cade su chi già è inguaiato * intr. Continuare, durare: secutàa a pparlare continuava a parlare; ci aìi secutatu, t'ìi truatu buenu se tu avessi continuato, ti saresti trovato bene; e ssècuta a cchiòere, a? e continua a piovere, sai? [lat. volg. secutare].
DE D. Sècuta lu cannune a rembumbare / e ll'ària nde rrepete lu rrumore.

secutata sf. Inseguimento, rincorsa.

secutera sf. Tiritera, discorso noioso; sequela.

secutieδδu sm. Uno che sta sempre alle calcagna di un altro; uno che si lascia portare per il naso. [dim. di siècutu].

seδδa sf. Sella; predella dove siede il cocchiere; sediolo * prov. A buenu caδδu nna bona seδδa a un buon cavallo non mancherà una buona sella. [lat. sella, ll>δδ].

seδδaru sm. Sellaio. [da seδδa + suff. di mest. -aru].

sèggia sf. Sedia: sèggia te pàgghia, te ràfia, te corda, te vienna sedia con piano di paglia, di rafia, di cordella, di vinchi; li pieti, le paràtule, le cosche te la sèggia i piedi, le traversine, i pomelli degli assi verticali lunghi della sedia. [dall'it. ant. sèggere].

seggiaru sm. Sediario, artigiano costruttore e venditore di sedie alle fiere e ai mercatini paesani (il riparatore di sedie spagliate si chiama 'mpagghiasèggie'. [da sèggia + suff. di mest. -aru].

seggiteδδa sf. Sedia bassa usata, perché più comoda, dalla casalinga, che è intenta a sbrigare faccende domestiche stando a lungo seduta; sediolina delle fanciulle d'asilo. [dim. di sèggia].
Da c. p. ìsçiu nna seggiteδδa ccantunata / e nnu nci ìsçiu la carusa mia.

sèggiu sm. 1- Seggio, sedile riservato ad un personaggio * 2- Seggio elettorale.

seggiullinu sm. Sedile fisso o mobile di un veicolo.

seggiulune, seggiulone sm. Seggiolone, sedile alto per bambini, munito di opportune protezioni. V. anche testa.

segnacarte sm. Cartoncino usato come segno nelle pagine di un libro.

segnalibbru sm. Nastro di stoffa fissato al dorso superiore del libro e adoperato per segnare l'interpagina voluta.

segnare tr.; pres. segnu,… segnamu, ecc.; p. rem. segnài, ecc.; pp. segnatu * 1- Segnare, fissare un segno * 2- Annotare: quanti stanu segnati susu allu libbru te li muerti! quanti sono scritti nel libro dei defunti! [lat. signare].

segnatu (te Diu), tesignatu agg. Handicappato, minorato fisico o mentale.

segnu sm. 1- Traccia, incisione: ogne mmese face nnu segnu a llu bastone ogni mese fa una tacca sul bastone * 2- Segno, indizio: ete segnu ca nu nni ntona è indizio che non gli va a genio * 3- Segnale, cenno: fanni segnu cu llu muccaturu fagli un segnale con il fazzoletto * 4- Contrassegno: le pècure mei tènenu nnu segnu russu le mie pecore hanno un contrassegno rosso. [lat. signum]. V. pure singu.

segnummeste loc. dichiarativa. E' segno, vuol dire, cioè: ci tene scarassatu lu scuru te la fenèscia, segnummeste ca pozzu salìre se tiene socchiusa l'imposta della finestra, è segno che posso salire; sta’ sçiati ui? segnummeste ca rrumagnu ièu state andando voi? vuol dire che resto io. [lat. signum est].

segnummèstere sm. Individuazione di un segno, il trovare un indizio, l'indovinare, il cogliere nel segno: cunsiste tuttu allu segnummèstere consiste tutto nel trovare un indizio; a Diu (a diàulu) ssegnummèstere ete si tratta di saper indovinare con l'aiuto di Dio (del diavolo); còccia allu segnummèstere! acciderba alla necessità di individuare la cosa esatta!

sei, se' agg. numerale. Sei: èranu sei carusi fatti pe bìtere erano sei giovani da ammirare; alle sei te matina unu e alle sei te sira l'àutru alle sei di mattina l'uno e alle sei di sera l'altro; se' lire puerti e se' mandarini te dau sei lire hai e sei mandarini ti do; mina lu sei te coppe scopri la carta del sei di coppe. [dal lat. sex].

seìna sf. Circa sei; sei, uno più uno meno; un gruppo di sei.

sella (neol.) sf. Sella per cavalcatura; sellino di bicicletta. [dal lat. sella]. V. anche il meno comune seδδa.

sellabbaru sm. Sillabario, abbecedario. [dal lat. syllabarii].

sellare tr.; pres. sellu, sielli, sella, sellamu, ecc.; p. rem. sellài, ecc.; pp. sellatu. Sellare un cavallo.

sellaru (neol.) sm. Sellaio. V. seδδaru ed anche uarnamentaru.

sellinu sm. Cuscinetto di crine che si fissava in fondo alla schiena per rialzare la gonna di un abito femminile.

selu sm. Suolo. V. solu.

semàfuru sm. Segnalatore luminoso a fiammella o a specchio * fig. Sedere che sculetta e attira l'attenzione altrui.

semài, se mai cong. Se mai, semmai, caso mai.

semana sf. Settimana: nna semana rretu una settimana fa; la semana ci trase, ci ene la settimana prossima ventura * detto: ci chiòe te Santa Bibbiana, chiòe nnu mese e nna semana se piove il 2 dicembre, ricorrenza di S. Bibiana, cadrà la pioggia per un mese e una settimana. [dal lat. se(pti)mana, sp. semana].

semenarista sm. Seminarista, alunno del seminario.

semenaru, semenàriu sm. Seminario, istituto ecclesiastico: trasìi allu semenaru, mma poi me spugghiài te semenarista entrai in seminario, ma poi lasciai la tonaca di seminarista. [lat. seminarium].

sementara sf. Pianta da seme: sta rapesta la lassu comu sementara lascio questa barbabietola per pianta da seme. [da semente + suff. funz. -ara].

semente1 (pl. semienti) sm. Seme: nnu semente te cucuzza, te melune, te pira, te prummitoru un seme di zucca, di melone, di pera, di pomodoro; semienti rrustuti semi di zucca tostati. [lat. semen -entis].

semente2 sf. Semenza: semente te tabbaccu semenza di pianta di tabacco; stu saccu te ranu lu ccògghiu pe semente il grano di questo sacco lo serbo come semenza per la semina; la semente sta’ ccìgghia i semini stanno germogliando * detto: te San Giseppu la semente a mpiettu, te la Nunziata la semente à ccigghiata; si richiama l'usanza per cui le mogli dei bachicultori leccesi verso il I9 marzo mettevano, avvolti in pezzuole, i semi dei bòmbici tra le mammelle, al caldo, per favorirne la schiusa che avveniva verso il 25 aprile.

sementeδδa sf. Semi di frutti di seconda e terza raccolta, ritenuti meno buoni per la seminagione. [dim. di semente2].

semenzeδδa, semenzella, sementella sf. Chiodino corto con testa larga appiattita. [dim. del lat. sementia].

semmenare tr.; pres. sìmmenu,… semmenamu, ecc.; p. rem. semmenài, ecc.; pp. semmenatu. Seminare, spargere semi * provv. Ci nu ssìmmeni, nu ccuegghi se non sèmini, non raccogli § Ci sìmmena ientu ccògghie tempesta chi sparge vento, raccoglie tempesta § Ci sìmmeni rizzieδδi, nu sçire squasatu se spargi triboli, non andare a piedi scalzi § O moδδe o ssuttu, te Santu Luca sìmmena tuttu o con terreno umido o con terreno arido di S. Luca (23 novembre) devi ultimare le seminagioni § Cu ssìmmena quandu ole, te miessi à ffauciare sèmini egli quando vuole, comunque al tempo della mietitura dovrà per forza falciare.
DE D. La luna a ncelu semmenàa l'argentu / e fronda d'àrveru nu sse mmuìa.

semmenatu sm. Seminato, terreno in cui è stata sparsa la semenza: nu stumpisçiati ntru llu semmenatu non calpestate nel seminato.

sempre avv. Sempre, continuamente. [lat. semper].

sèmprice agg. 1- Semplice, non complesso né complicato, senza frònzoli: l'àbbetu te la zita era sèmprice ma bellu l'abito della sposina era semplice ma elegante; màngia cose sèmprici mangia cibi integrali * 2- Soltanto, nient'altro che…: ca nnu sèmprice ppuntatu ete! soltanto appuntato dei carabinieri è!; te dicu ste sèmprici palore ti dico niente altro che queste parole. [dal lat. simplex -icis].

sempricemente avv. Semplicemente; solamente; esclusivamente.

sempricitàte, sempricità sf. Semplicità; modestia, sobrietà. [lat. simplicitas -atis].

semularu sm. Staccio speciale usato per ricavare dalla farina la semola; esso, di forma rotonda, ha il fondo di tessuto di velo a fori piccolissimi. [da sìmula + suff. funz. -aru].

semulata sf. Semolata, polenta di semola. [da sìmula].

semulinu sm. Semolino, minestrina fatta con la semola.

sena prep. Sino: rriàra sena alle tagghiate giunsero sino alle cave * cong. Sinché: spetta sena nu ttòrnanu attendi finché non saranno tornati. V. pure fena.

senale sm. Grembiule che copre il seno.

senammòi avv. Finora, sino ad adesso.

senatore sm. Senatore del regno: lu Rre à ffattu senatore lu Vincenzu Tamburrinu te Màgghie il Re ha nominato senatore Vincenzo Tamborino di Maglie. [lat. senator -oris].

senatu sm. Senato, l'assemblea dei senatori. [lat. senatus].

sengale sm. Segnale, segno, cenno. [lat. signalis]. V. segnu.

sengare tr.; pres. singu, singhi, singa, sengamu, ecc.; p. rem. sengài, ecc.; pp. sengatu. Segnare, rigare con un graffio; crepare un oggetto fragile. [dal lat. signare, gn>ng].

sengatu agg. Graffiato, rigato, crepato impercettibilmente.

sengaturu, singaturu sm. Graffietto del falegname adoperato per segnare tracce diritte sulla superficie del legno. [da sengatu + suff. funz. -uru].

sennu1 sm. Sonno: sennu leggeru, pesante sonno leggero, pesante * modi di dire: murìre te sennu avere un gran sonno § sennu tira sennu chi più dorme più vuol dormire § nu bbastare a ppigghiare sennu non riuscire a prendere sonno § lu sennu ete frate te la morte il sonno è fratello della morte § lu sennu ete morte il sonno è simile alla morte * provv. Ci tene fame nu ppìgghia sennu chi ha fame non prende sonno § Lu pùlece nu llea sennu la pulce non toglie sonno. V. pure suennu1.

sennu2 (pl. senni, sienni) sm. Sogno: li sienni nu mme li rrecordu non ricordo i sogni fatti; me pare nnu bruttu sennu mi sembra un brutto sogno * fig. Speranza irraggiungibile; vano desiderio: lu tou ete nnu sennu pruebbitu il tuo è un sogno proibito * detto: sennu sunnatu ttre ffiate sçiucatu un sogno risognato dev'essere giocato tre volte al lotto. V. anche suennu2.

sennu3, sinnu sm. Tempia, ritenuta sede del senno: ci lu cuegghi allu sennu, lu cciti se lo colpisci alla tempia, lo uccidi. [dal fr. ant. sin].

senone, senò avv. Se no, altrimenti; in caso contrario: retati, senone nu ssente parlate ad alta voce, altrimenti non ode; damme nnu asu, senò me fazzu currìu dammi un bacio, se no metto il broncio; senone egnu ièu in caso contrario vengo io. [lat. si non].

sensìbbile agg. Sensibile, emotivo; molto delicato; assai comprensivo. [lat. sensibilis].

sensibbilitate, sensibbilità sf. Sensibilità. [lat. sensibilitas -atis].

sensu (pl. sensi, siensi) sm. Senso; intelletto. V. senzu.

sentenaru sm. Sentina, locale sotterraneo dove vanno a raccogliersi gli scoli del frantoio oleario. [da sentina + suff. funz. -aru].

sentenella sm. Sentinella: la sentenella face la uàrdia alla caserma puru cu nnu ttrasa la 'gnigna' la sentinella sorveglia la caserma affinché non vi penetri la 'logica'; la zia stae mpezzata e nni face la sentenella la zia è presente e le fa da sentinella.

sentènzia, settènzia sf. 1- Sentenza del giudice * 2- Opinione, parere * prov. Quante càpure, tante sentènzie quante teste, tante opinioni. [lat. sententia].
Da c. p. Ulìi a nna corda mme iti mpisu, / ma la settènzia sçiu nfavore a mmie.

sentenziare, settenziare tr.; pres. sentènziu (settènziu), sentienzi, sentènzia, ecc.; impf. sentenziàa, ecc.; p. rem. sentenziài, ecc.; pp. sentenziatu. Sentenziare: lu cchiù' ffessa te nui à ssettenziatu cu nnu nci sçiamu il più balordo tra noi ha sentenziato che non dobbiamo andarci.

sentenziusu, settenziusu agg. Portato a esprimere giudizi con tono sentenzioso.

sèntere, sentìre tr.; pres. sentu, sienti, sente, sentimu, ecc.; p. rem. sentìi (ntisi), sentisti, sentìu (ntise), sentemmu (ntìsemu), sentestu, sentèra (ntìsera) ; imper. sienti, sentiti; pp. sentutu (ntisu) * 1- Sentire, ascoltare, udire * modi di dire: nu ssèntere te nuδδa rìcchia non ascoltare ragioni e non essere d'accordo § nu mme la sentu scìndere non posso ingiottire il rospo § nu ssèntere de nna rìcchia fare l'indiano finto tonto * provv. Cinca nu ssente, prestu se pente chi non dà ascolto, presto si pentirà § Ci unu nu pparla, Diu nu llu sente Dio non ascolta colui che non parla § Cinca sente quiδδu ci nu aìa ssentìre, sente quiδδu ca nu mbulìa cu ssenta colui che ode ciò che non dobrebbe ascoltare, ode ciò che non vorrebbe udire * 2- Assaggiare, gustare: sta’ ssentìa ci èranu bueni te sale assaggiava se erano buoni di sale; sienti cce bete sapurita assaggia quanto è saporita * 3- Avvertire, provare mediante i sensi: sentìre càutu, friddu, dulore sentire caldo, freddo, dolore; ni sentìamu nnu prièsçiu ntra llu core provavamo una gioia nel cuore * provv. Lu ciùcciu porta lu mbastu e nnu llu sente il somaro ha sulla groppa il basto e non lo avverte § (variante) li òi pòrtanu lu sçiùu e nnu llu sèntenu i buoi hanno il giogo e non lo sentono * rifl. Sentirsi in stato di salute o di umore: me ntisi buenu, fiaccu, rresçelatu mi sentii bene, male, intirizzito; ni sentemmu (ni ntìsemu) presçiati, mari, lliecri, scunfurtati ci sentimmo ìlari, tristi, allegri, sconfortati. [lat. sentire; per le forme in parentesi, lat. intendere]. Da uno strambotto: Quandu la donna nu ssente a prima uce, / segnu ca lu descorsu nu nni piace.

sentimentu (pl. sentimienti) sm. Sentimento; intenzione: simu de nnu sentimentu siamo assolutamente d'accordo.

sentina sf. Liquami del frantoio oleario. [lat. sentina].

senu (pl. seni, sieni) sm. Suono, vibrazione di un corpo: tanti seni scendìanu te celu tanti suoni scendevano dal cielo; lu senu me sta’ ppare te scasciatu il suono mi sembra di rotto. V. pure suenu.
DE D. E a quiδδu senu sou ni respundìa / lu cantu de l'aceδδi nnamurati,

senza prep. Senza: senza nnu santu a mparaìsu cce buèi cu aggi? senza un santo protettore in paradiso che cosa vuoi ottenere?; se nde sçìu senza mancu mme saluta se ne andò senza nemmeno salutarmi.

senza crianza sm. e f. Screanzato, indelicato, scortese: δδu senza crianza me lliàu lu postu quell'indelicato mi tolse il posto; sta senza crianza me sta’ fface tannare questa screanzata mi sta esasperando.

senza cu cong. Senza che: senza cu pparla lu capiscu senza che apra bocca io lo comprendo.

senzamenu, senza menu avv. Senza meno, certamente, necessariamente.

senzaquiδδa sm. fig. Uomo sessualmente impotente: δδe pertechine sta’ nzùrtanu lu senzaquiδδa quelle sfacciatelle prendono in giro il 'senza quella'.

senzu, sensu (pl. senzi, sienzi) sm. 1- Senso, facoltà di sentire; sentimento; concetto; ragione * modi di dire: stare a sienzi essere ancora vivo § pèrdere li senzi annebbiarsi della vista e svenire; uscir fuori dai gangheri * lu Signore cu tte dèsçia sani sensi il Signore ti ispiri sani sentimenti; nu ccapiscu lu senzu te lu tescorsu tou non afferro il senso del tuo discorso; làssame ca stau fore te siensi lasciami stare che sto fuori di me; nni le sunàu cu lli santi sienzi gliele sonò di santa ragione. [lat. sensus].
Da c. p. Su' statu fore senzi all'angunìa, / su' statu a lli cunfini te la morte,

sepale, sapale sm. Siepe di pruni: straccu me ssettài allu friscu te lu sepale stanco sedetti all'ombra della siepe * provv. Ogne scuerpu face sepale qualsiasi sterpo forma siepe § Lu sepale nu ttene uecchi ma porta rìcchie la siepe non ha occhi ma possiede orecchie. [da sepe].

sepe sf. Siepe; bordura di erbe: nvece de paritieδδu nc'era nna sepe de tumu al posto di una muriccia c'era una siepe di timo. [lat. saepe].

sepelìre (lett.) tr.; pres. sepeliscu,… sepelimu, ecc.; p. rem. sepelìi,… sepelemmu, ecc.; imper. sepelisci, sepeliti; pp. sepelutu. Seppellire. [lat. sepelire]. V. precare.

sepelitu (lett.) agg. Sepolto, coperto di terra, nascosto sotto terra. V. precatu.

sèpia sf. Seppia. V. anche sèccia.

seppiteδδa sf. Seppiolina.

sequela (lett.) sf. Sequela; seguito. [lat. sequela]. V. i più comuni currisçiula, nfelezzata, strasçina.

sequestrare tr.; pres. sequestru,… sequestramu, ecc.; p. rem. sequestrài, ecc.; pp. sequestratu. Sequestrare.

sequestru, sequèsciu sm. Sequestro; pignoramento. [lat. sequestrum].

sera sf., voce usata solo nelle formule di saluto: "bona sera!" , "felice sera!" [lat. sera]. V. il comunemente usato sira.

serài, serà' avv. Forse, probabilmente: serài ca fazzu a ttiempu forse farò in tempo; osçe serà' ca se mmarita oggi forse si marita; era serài te noe anni era probabilmente di nove anni. [da un incr. tra it. se e sarà].

serale agg. Serale, della sera: anu mise le scole serali pe ccinca fatìa hanno istituito le scuole serali per coloro che lavorano.

serata sf. 1- Serata: sta’ fface nna serata càuta, fridda, carma, cita è una serata calda, fredda, calma, tranquilla e serena * 2- Festicciola serale: la serata ete a ccasa a lla Targisa il trattenimento serale è in casa di Adalgisa.

seratazza sf. Serataccia.

serce (lett.) sf. Selce. V. frìcciu.

sèrcetu sm. Esercito. V. sièrsetu.

sèrchia sf. 1- Ragadi, lesioni, screpolature sulla pelle * 2- Escrescenza pruriginosa che si manifesta tra le dita delle mani e dei piedi. [forse da un incr. tra lat. saetula e siliqua].

serenata sf. Serenata eseguita sotto la finestra dell'abitazione di una donna. Da una serenata: Egnu a ccantare ca suntu mandatu / te unu ci te ole mutu bene, / cu lle sçenucchie nterra m'à ppriatu / cu tte egnu a ccantare le soi pene.
MAR. L'osçe e lu crai tutta nna cosa era: / amore, risi, balli, serenate.

sereneδδa sf. Lillà, arbusto a foglie caduche, con tronco molto ramificato e con corteccia liscia di colore grigiastro; le foglie sono ovali, i fiori, riuniti in pannocchie poste all'apice dei rametti, sono di un delicato colore viola chiaro. Veniva curato e portato a pergola sulla porta di uscita nel cortile. [dall'it. serenella].

serenu, sarenu agg. Del cielo, sereno, azzurro e terso. [lat. serenus].

Sèrgiu pers. Sergio.

sèria (neol.) sf. Serie. [lat. series]. V. i più usati felera, currisçiula.

seriamente (neol.) avv. Seriamente. V. bbiru, ddaveru.

serietà sf. Serietà: quiδδu nu ttene serietà, ete nnu burginella quel tale non ha serietà, è un pulcinella. [lat. serietas].

sèriu agg. Serio; preoccupato; grave. [lat. serius].

seriusu agg. Quasi imbronciato; grave, preoccupante.

seròtina sf. La funzione liturgica che ogni sera dopo il tramonto si svolge in chiesa con la recita del rosario e con la benedizione del Santissimo.

seròtinu agg. 1- Che si verifica ripetutamente di sera: free seròtina febbre serale insistente * 2- Tardivo nella maturazione: erza seròtina verza tardiva; seròtini suntu li rùsciuli i corbezzoli sono frutti tardivi dell'autunno inoltrato.

serpa, zerpa sf. Sedile anteriore coperto della carrozza; cassetta del cocchiere. [dal lat. scirpea].

serpe (pl. sierpi) sm. e f. Serpe, serpentello in genere: sutta a nna brunitta nc'era nna serpe mpuδδecasciata sotto una felce nana c'era una serpe avvoltolata su se stessa; intra a nna carassa se scuse lu serpe mbelenatu in una fessura si nascose la serpe velenosa * prov. La serpe tene la lingua longa, ma nu ppote parlare il serpente ha la lingua lunga ma non può parlare * fig. Persona infida e malvagia: ttrete sururi, ttre sierpi, Diu le benetica! tre sorelle, tre donne infide come serpi, Dio le benedica! * prov. Te la Nunziata ogne serpe àusa la capu calata dell'Annunziata (25 marzo) ogni serpe solleva la testa assonnata ed esce dal letargo. [lat. serpens]. V. le singole voci: acqualura, scursune, secara, uardapassi.
Da c. p. Cu nnuδδu àutru ògghiu amureggiare; / me ncòcchiu cu lli sierpi e lli scursuni, / cu lli sierpi amurèggiu e lle secare!

serpe d'àcqua sf. Biscia. V. acqualura.

serpente, sarpente (pl. serpienti) sm. Serpente lungo e grosso, sempre velenoso, che assale anche l'uomo e lo stritola tra le sue spire, fantasiosamente localizzato nella macchia * prov. Le cose mutu longhe ddentanu serpienti le cose che prendono per le lunghe diventano pericolose come i serpenti. [lat. serpens -entis].

serpentina (lett.) sf. Onònide, pianta dai rami spinosi e ricoperti di rigidi peli; le foglioline ovali, pelose, hanno il margine fortemente dentellato; vegeta nei prati e nei luoghi aridi e sassosi.

disegno
serpiδδu

serpiδδu sm. Serpollino, pianta aromatica con rametti serpeggianti e con foglioline ovali, fiori porporini o rosa riuniti in spighe terminali; il suo infuso, mescolato a miele, veniva usato per lenire la tosse catarrale. [lat. serpillus, ll>δδ].

serra1 sf. 1- Luogo chiuso e munito, posto in altura poco accessibile, perché rocciosa e scoscesa.

serra2 sf. Sega a mano, strumento dentato di varie forme, adoperato da artigiani e potatori. [lat. serra].

serra calatizza o galatizza sf. Sega con la lama dentata tenuta tesa da un telaio di legno; è la sega caratteristica di coloro che lavorano le assi di legno.

serràcchiu sm. Grossa e robusta sega a due impugnature, adoperata da due manovali per segare blocchi di pietra. [dall'incr. tra it. serra e saracco].

serràcchiu a cuta te surge sm. Gattuccio, sega a mano dalla lama sottile, per fare tagli curvi.

serràgliu sm. Serraglio di animali feroci. [provenz. serralh].

Serranu geogr. Serrano. Agli abitanti di questo paese veniva attribuito il nomignolo di 'groppa-de-mulu'.

serrare tr.; pres. serru,… serramu, ecc.; p. rem. serrài, ecc.; pp. serratu * 1- Segare: serrare la rapa, la tàula, lu piezzu segare il tronco d'albero, l'asse di legno, il blocco di pietra * 2- Serrare, chiudere strettamente, bloccare: serra li musi e nnu pparla stringe le labbra e non pronunzia parola (con questo significato è più comune 'nserrare').

serra serra sm. Ressa disordinata di gente; gran confusione di persone o di animali, tramestio.

serratina sf. Vento gelido, teso e tagliente di nord-nord-ovest rispetto a Lecce (in gergo 'scorciacrape'); temperatura ridida con gelata persistente: la serratina trase sena all'osse l'aria gelida penetra sin nelle ossa.

serratura (neol.) sf. Segatura di legno. V. frampùgghie.

disegno
serreδδa

serreδδa sf. Serradella, erba spontanea (forse inselvatichita) con foglie imparipennate formate da numerose foglioline, fiori rosei in grappoli e frutti a legumi gracili, disposti a zampa di uccello. [dal portoghese serr(ad)ella].

serretta sf. Piastra a bordi dentati, che serra il muso inferiore del cavallo. [dim. del lecc. serra2].

serrettu sm. Seghetto, piccola sega per tagliare metalli, con lama sottile e dentatura finissima.

serriceδδa sf. Piccola sega. [dim. di serra2].

serrime sf. Serrame, elemento di chiusura, serratura.

serriola sf. Seriola, pesce assai apprezzato per le sue carni. [lat. seriola, bottiglia per la forma].

sèrsetu sm. Esercito. V. sièrsetu.

sertìziu, sartìziu sm. Esercizio: lu quilibbrista facìa sertizi susu allu filu l'equilibrista eseguiva esercizi sul cavo; cu ffili nci ole sertìziu per filare ci vuole esercizio. [lat. exercitium].

serva sf. Domestica, cameriera, donna di servizio: le serve fôra mmaletitte te San Pietru le domestiche furono maledette da S. Pietro. [lat. serva].
BOZZI Serva cquài, serva δδai… cce bruttu ìzziu. / A llu cchiù ccùcchiu ni la dissi ieri: / "Percé nu ddici: donna te servìziu?"

servàggia raspusa sf. Mentone o menta silvestre, pianta aromatica perenne con fusti alti e con foglie rade, lanceolate, pelose, ruvide al tatto; i fiorellini rosei sono riuniti a spiga. Ha le medesime proprietà salutari delle altre specie di menta.

servàggiu, sarvàggiu agg. Selvaggio.

servàtecu (pl. servatechi) agg. 1- Di pianta, che cresce spontanea e rigogliosa ed è infestante * 2- Di animale, selvatico, randagio * 3- Di persona, indocile, scontrosa, scortese * 4- Di terreno, infestato di piante nocive. [lat. selvaticus].

sèrvere e servìre tr. e intr.; pres. servu, siervi, serve, servimu, ecc.; impf. servìa, ecc.; p. rem. servìi,… servemmu, ecc.; imper. siervi, serviti; pp. servutu * 1- tr. Servire, prestare i propri servigi * modi di dire: servìre lu Signore e Berzebbù servire due padroni, il Signore e Belzebù § servìre te la cossa trattare ottimamente, staccando dalla coscia, dalla parte migliore * provv. Cinca nun à mmai servutu, nu ssape cumandare colui che non ha mai servito, non sa comandare § Nu ppiatìre ci à ppiatutu, nu sservìre ci à sservutu non compiangere chi ha compianto, non servire chi ha servito § Chèsia siervi? e cchèsia mangi servi in chiesa? e la chiesa sfrutti * 2- intr. rifl. Servirsi da sé, prendersi la propria parte; rifornirsi: pe ccasu e rrecotta ni servimu te la mmassarìa per formaggio e ricotta ci serviamo dalla masseria; quiste se sèrvenu te la ciaòe costoro si rifornìscono dalla venditrice di uova * 3- intr. impers., usato alla 3ª pers. sing. e alla 3ª pers. pl. Occorrere, abbisognare: lassa la pinna, ca serve allu papà lascia la penna, che serve al babbo; centre e martieδδu sèrvenu allu mèsciu al capomastro occorrono chiodi e martello; ni servèra muti giurni te tiempu gli abbisognarono molti giorni di tempo. [lat. servire].

serveziale sm. Clistere, enteroclisi * provv. Desçiunu e serveziale sana ogne mmale digiuno e clistere guariscono ogni male di stomaco e di pancia § Prutesta e serveziale nu ànu fattu mai male protesta e enteroclisi non hanno fatto mai danno.

serviceδδa sf. Ragazzina a servizio di una famiglia, compensata con vitto e vesti smesse delle padroncine.

serviettu sm. Salvietta, tovagliolo: nna tuàgghia e sei servietti rricamati una tovaglia e sei salviette ricamate. [fr. serviette].

servitore sm. Servitore, domestico che ha gia trascorso lunghi anni al servizio di una famiglia e che è considerato ormai uomo di fiducia. [lat. servitor -oris].
Da c. p. Ièu male servitore nu ssu' statu, / servita t'àggiu comu nna signura.

servitu agg. Accontentato nella richiesta; benservito: "Riesti servitu?" - "Cràzie, none. Mele e mmanna!" "Vuoi sedere a mensa con noi?" - "Grazie, no. Vi sia di buon pro'!" * prov. Ci paca a nnanti e mmale servitu chi paga anticipatamente è mal servito.

servitù sf. L'insieme dei domestici in una casa signorile. [lat. servitus -utis].

serviturieδδu sm. Giovane servo domestico. [dim. di servitore].

servìzie sf. pl. 1- Faccende domestiche * 2- Oggetti vari necessari per la casa o per la bottega * fig. Atti corporali.

servìziu sm. 1- Servizio, prestazione di lavoro * 2- Servizio di stoviglie; completo per il letto * fig. Grosso sedere. [lat. servitium].

servu (pl. servi, siervi) sm. Servitore, domestico, addetto al disbrigo di servizi vari presso una famiglia privata. [lat. servus].

servu te Diu sm. Benedetto uomo!; persona pietosa; persona religiosissima, che volentieri si dedica ai servigi dell'altare e della sacrestìa; in questa voce manca il senso acidamente ironico che c'è in 'bizzocu' e 'biatillu': puru ui, siervi te Diu…? anche voi, che siete ferventi religiosi…? * Servu te Diu! inter. di protesta, pronunziata da persona devota che intende evitare la bestemmia.

sessanta agg. Sessanta.

sessantina sf. Sessantina, circa sessanta.

disegno
sèssula

sèssula sf. Votazza, mestola con corto manico, assai concava per prendere dal sacco riso, farina, cereali, legumi, zucchero, ecc. [dim. dal lat. sexus].

sessulìcchia sf. Cucchiaia speciale del farmacista. [dim. di sèssula].

sessune sm., fica sessa sf. Varietà pregiata di fico con buccia di colore violaceo e con polpa bianca, da consumare fresco in quanto non si presta all'essiccazione. [accr. dal lat. sexus].

sestu agg. Sesto. V. pure siestu.

setazzare tr.; pres. setazzu,… setazzamu, ecc.; p. rem. setazzài, ecc.; pp. setazzatu. Setacciare, passare con lo staccio.

setazzu sm. Setaccio, staccio di forma rotonda con il fondo di cartapecora fittamente bucherellato. [lat. saetacium].

setile, sedile sm. Sedile posto in una pubblica piazza o nei giardini pubblici. [dal lat. sedile].

Setile, Sedile sm. Sala pubblica dove un tempo si riuniva in seduta il Consiglio comunale e dove i fidanzati si recavano per scambiarsi ufficialmente la promessa di matrimonio.

setina sf. Staccio, vaglio finissimo, il cui fondo è fatto di seta o di tessuto di velo, oppure, e più spesso, di crini. [dim. dal lat. saeta, setola].

setta sf. Compagnia fissa di amiconi.

settanta agg. Settanta.

settantina sf. Settantina, più o meno settanta.

sette agg. Sette, numero che originariamente aveva un certo valore sacrale: bastàa cu nni facìa la ucca a rrisu e nde lu purtàa alli sette celi bastava che lei accennasse a un sorriso e lo portava ai sette cieli * modi di dire: tenìre sette cervieδδi essere oltremodo intelligente § purtare sette spìriti a ncuerpu avere sette spìriti in corpo § la mùscia tene sette ite la gatta ha sette vite § lu pane te l'àutri tene sette cueri il pane altrui ha sette croste, perciò è più buono. [lat. septem].

settebbellu sm. Sette di denari, carta che da sola a scopa conta per un punto.

Settecàpure sm. Uno dei tanti demoni della fantasia popolare.

settecentu agg. Settecento.

settembre sm. Settembre * prov. Te settembre l'ua e lla fica pende di settembre il grappolo d'uva e il frutto del fico appassiscono. [lat. september].

settembrinu agg. Settembrino: sçiurnate settembrine belle e fine giornate settembrine belle e fine.

sette migghiare sf. pl. Sette migliaia, settemila.

settemila (neol.) agg. Settemila.

settemmienzu, sette e mmienzu sm. Sette e mezzo, gioco di carte in cui sette e mezzo è il massimo dei punti vincenti.

settenanche (a -) avv. Eccessivamente; in modo spropositato; all'ultimo grado: fetìa a ssettenanche puzzava terribilmente; trattinne lu fiatu a ssettenanche trattenne il respiro fin quando non ne potè più.

settenaru sm. Ciclo di sette: àggiu ffare tìcere nnu settenaru te misse alli muerti nesci dovrò fare celebrare una serie di sette messe in suffragio dei nostri defunti; allu settenaru lu tifu decite: o intra o fore, o iu o muertu ai sette giorni il tifo ha il suo esito: o dentro o fuori, o vivo o morto. [lat. septenarius].

settènzia v. sentènzia.

settiminu agg. e sm. Settimino, nato di sette mesi; il settimo dei figli * A volte il termine viene dato come nome proprio di persona.

sèttimu agg. Settimo nell'ordine. [dal lat. septimus].

settìna sf. Più o meno sette.

sètula sf. Cipollina di semenzaio da trapiantare; più in generale, qualsiasi piantina svelta dal semenzaio e destinata al trapianto. [lat. saetula].

sèuca sf. Bietola da costa, bieta cicla, ortaggio che viene coltivato per le foglie, le quali si consumano cotte. [forse dal lat. siliqua>silqua].

Severinu, Serinu, Serinuzzu, Rinu, Rinuzzu pers. Severino.

severitate, severità (lett.) sf. Severità, rigore. [lat. severitas -atis].

severu (lett.) agg. Severo, austero, rigido. [lat. severus]. V. tristu.

sezione sf. Sede comunale di un partito politico. [lat. sectio -onis].

sezzu (pl. siezzi, f. sing. sozza) agg. Pari, uguale. V. anche suezzu.

sfacciatu, spacciatu (neol.) agg. Sfacciato, sfrontato. V. faccitestu.

sfàcere, sfacìre tr.; pres. sfazzu, sfaci, sface, sfacimu, ecc. (segue la coniugazione di 'fare'). Sfare, disfare * prov. Ci face e sface nu pperde mai tiempu chi fa e disfa è sempre impegnato e non perde mai tempo.

sfardare rifl.; pres. me sfardu,… ni sfardamu, ecc.; p. rem. me sfardài, ecc.; pp. sfardatu. Sfaldarsi. [da farda].

sfarfallare intr.; pres. sfarfallu,… sfarfallamu, ecc.; p. rem. sfarfallài, ecc.; pp. sfarfallatu. Sfarfallare, svolazzare * fig. Gironzolare intorno a una ragazza per corteggiamento assiduo e zelante.

sfasciatura sf. Sfasciatura, esportazione di una benda.

sfasçiδδare intr.; pres. sfasçiδδu,… sfasçiδδamu, ecc.; impf. sfasçiδδàa, ecc.; p. rem. sfasçiδδài, ecc.; pp. sfasçiδδatu. Sfavillare. V. pure l'analogo spasçiδδare.

sfatiatu, sfaticatu agg. e sm. Pigro; fannullone, scansafatiche, lavativo.

sfattu agg. Sfatto. V. pure spattu.

sfaurèule, sfaurèvule, sfavurèule, sfavurèvule agg. Sfavorevole.

sfavore sm. Sfavore: tuttu sçiu a sfavore miu tutto finì in mio sfavore.

sfiamare V. spiamare.

sfiurire tr. e intr.; pres. sfiuriscu, sfiurisci, sfiurisce, sfiurimu, ecc.; p. rem. sfiurìi,… sfiuremmu, ecc.; pp. sfiurutu. Sfiorire, appassire; togliere o perdere freschezza e colore naturale. [da s- sottrattivo e fiuru].
Da c. p. Suntu nna rosa russa ndilicata, / lu friscu me piace e lla mantagnata, / ci me ite lu sule me sfiurisce, / ci me ite lu ientu me spugghiazza.

sfiuritu agg. Sfiorito, appassito.

sfiziare intr. rifl.; me la sfìziu, ecc.; impf. me la sfiziàa, ecc.; p. rem. me la sfiziài, ecc.; pp. sfiziatu. Levarsi uno sfizio; sfogare un capriccio.

sfiziu (neol.) sm. Sfizio; capriccio, ghiribizzo. V. schircu.

sfocu, spocu (pl. sfochi, spochi) sm. Pustola: suntu sfochi te gioentute sono pustole di gioventù.

sfògghiu sm. Sfoglia di cipolla: mpezzàu mienzu sfògghiu alli tienti te la furcina e sse fice nnu cucchiaru infilzò metà sfoglia di cipolla ai denti della forchetta e formò una specie di cucchiaio.

sforsu (neol.) sm. Sforzo. V. spuersu.

sfriddare intr.; pres. sfriddu,… sfriddamu, ecc.; impf. sfriddàa, sfriddaàmu, ecc.; p. rem. sfriddai, ecc.; pp. sfriddatu. Subire un calo di peso in una merce. [da sfriddu]. V. pure spirdare.

sfriddu sm. Sfrido, calo di peso in una merce. V. spirdu.

sfrìsçere v. sprìsçere.

sfruculiare e sfruculisçiare tr.; pres. sfrucùliu (sfruculisçiu), ecc.; impf. sfruculiàa (sfruculisçiàa), ecc.; p. rem. sfruculiài (sfruculisçiài), ecc.; pp. sfruculiatu (sfruculisçiatu) . Stuzzicare, sfottere. [da un incr. tra it. sfregare e lecc. freculare].

sfrucuniare intr.; pres. sfrucùniu, ecc.; impf. sfrucuniàa, ecc.; p. rem. sfrucuniài, ecc.; pp. sfrucuniatu. Sfruconare, passare ripetutamente avanti e indietro un quancosa dentro una cavità.

sfucare tr.; pres. sfocu, sfuechi, sfoca, sfucamu, ecc.; p. rem. sfucài, ecc.; pp. sfucatu. Sfogare: làssali cu sfòcanu la ràggia ci tènecu a ncuerpu lascia che sfoghino l'ira che hanno in corpo: se sfucàa spernuzzulandu si sfogava bestemmiando tra i denti. [da foca incr. con fuecu].

sfuèggiu v. <sfògghiu.

sfullare (lett.) intr.; pres. sfollu, sfuelli, sfolla, sfullamu, ecc.; p. rem. sfullài, ecc.; pp. sfullatu. Sfollare. V. essire.

sfumare intr.; pres. sfumu,… sfumamu, ecc.; p. rem. sfumài, ecc.; pp. sfumatu. Sfumare, andare in fumo, svanire: sfumàra puru le lurtima speranze svanirono anche le ultime speranze.

sfurmare (neol.) v. spurmare.

sfurdecare tr.; Riallungare, srotolàndola, la mànica già prima rimboccata (il contrario è nfurdecare). V. spurdecare.

sfurnare tr.; pres. sfurnu,… sfurnamu, ecc.; p. rem. sfurnài, ecc.; pp. sfurnatu. Sfornare: sta’ sfurna la secunda cotta te pane sta sfornando la seconda cotta di pane. [contrario di nfurnare).

sfurnata sf. Sfornata.

sfusu agg. Sfuso, non compatto, sciolto; non confezionato.

sfuterare v. sputerare.

sgarbatezza sf. Sgarbatezza.

sgarbatu agg. Sgarbato, scortese.

sgarbu sm. Sgarbo; atto offensivo; azione lesiva.

sgarrare, scarrare tr.; pres. sgarru (scarru),… sgarramu, ecc.; p. rem. sgarrài, ecc.; pp. sgarratu * 1- Sgarrare nella precisione, sbagliare nell'esecuzione * Diroccare, demolire. [sp. (de)sgarrar].

sgarru, scarru sm. Sbaglio intenzionale, perciò assai grave, da pagare con pesante pena corporale.

sgarżune sm. Sonoro ceffone tra guancia e collo, sganascione. [da arże].

sghei sm. pl. Quattrini, denari in genere: li sghei? e a ddu li cugnu? i soldi? e dove li conio? [veneto schei].

sgranare tr. e intr.; pres. sgranu,… sgranamu, ecc.; p. rem. sgranài, ecc.; pp. sgranatu * tr. Sgranare; sgranocchiare * intr. Croccare * fig. Ragnarsi di un tessuto logoro. [da s- estrattivo e it. grano].

sgrappare tr.; pres. sgrappu , ecc.; p. rem. sgrappài, ecc.; pp. sgrappatu. Staccare gli acini dal grappolo; staccare con una lama l'occhio delle fave secche, affinché cuòcciano meglio. Il contrario è ngrappare.

sgrasciare tr.; pres. sgràsciu, ecc.; impf. sgrasciàa, ecc.; p. rem. sgrasciài, ecc.; pp. sgrasciatu. Sbafare; appropriarsi indebitamente. [lat. volg. crassiare incr. con it. ant. gràscia, annona].

sgrasciu (a -) loc. avv. A sbafo, senza spesa propria, a spese altrui; gratis; di straforo: l'àggiu ute a sgràsciu le ho avute a sbafo. [dal lat. crassus, lat. volg. crassius].

sgravare (lett.) intr.; pres. sgravu,… sgravamu, ecc.; p. rem. sgravài, ecc.; pp. sgravatu. Sgravare, partorire delle donne (delle bestie si dice 'figghiare'). V. ccattare.

sgravu (lett.) sm. Parto.

sgrignu (lett.) sm. Scrigno. [dal lat. scrinium].

sgrussare tr.; pres. sgrossu, sgruessi, sgrossa, sgrussamu, ecc.; p. rem. sgrussài, ecc.; pp. sgrussatu. Sgrossare.

sgrussinu sm. Pialletta per sgrossare il legno.

sguìnciu sm. Sguincio, sguancio. V. anche scuìnciu.

sgùsciu sm. Pialla con il ferro a taglio concavo.

avv. Sì: uèi bieni, sì o no? vuoi venire, sì o no?; sì sì, egnu moi sì sì, vengo subito. V. anche sine.

si' (verbo essere) forma tronca di sinti; essa richiede il raddoppio della consonante semplice iniziale della parola seguente. Sei: si’ (sinti) nnu buenu striu sei un bravo ragazzo; ma si' ngraziatu, sai? ma sei simpatico, sai?; tie si' ssoru te lu Ervinu? tu sei sorella di Elvio?

sia! avv. di rassegnazione. Sia, pazienza!; non fa niente: sia, pe sta fiata! e sia, per questa volta!; sia ci nu pponnu enìre a δδa ddu nui pazienza, se non possono venire presso di noi.

sia ca cong. Come se: sia ca ete lu Tamburrinu te Màgghie come se fosse lo straricco Tamborino di Maglie; sia ca àggiu terate petre alli santi! come se avessi tirato pietre ai santi!

sicaretta sf. 1- Sigaretta di tabacco: sicaretta fatta a mmanu sigaretta confezionata a mano; sicarette ccattate sigarette acquistate presso la rivendita; cartine pe ssicarette cartine per sigarette * 2- Cucirino, spagnoletta: sicaretta erde, russa cucirino di filo di colore verde, rosso.

sicàru sm. Sigaro di tabacco. V. secàru.

sicarieδδu sm. Toscanello, tipo di sigaro corto e fino. [dim. di sicàru].

sicca sf. Siccità: dòrmenu li campi alla sicca te lu state riposano i campi durante la siccità dell'estate; alla sicca nu sse pote semmenare nel terreno arido non si può seminare.

sìcceta, sìccita sf. Siccità. [lat. siccitas].

sicchinnonni agg. indecl. e sm. e f. Incerto, tentennante; persona indecisa sul da farsi: ci spietti δδa sicchinnonni, te pìgghia tardu se attendi quell'indecisa, farai tardi; prima sine, poi none, poi ntorna sine: si' pròpiu nnu sicchinnonni prima sì, poi no, poi di nuovo sì: sei proprio incerto e non ti sai decidere. [dal lat. sic et non].

sìcchiu sm. Secchio, recipiente di lamiera di forma tronco-conica rovesciata, fornito di manico centrale semicircolare, adoperato per attingere acqua * provv. A ddu ae l'àsula ae lu sìcchiu dove va il manico va il secchio § Tantu ae lu sìcchiu allu puzzu fena nu nci lassa lu mànecu tanto scense e sale il secchio nel pozzo finché non ci rimette il manico * Indovinello: scinde retendu e sale chiangendu. Cce bete? scende ridendo e risale versando lacrime. Che cosa è? (il secchio, evidentemente). [dal lat. situlus, lat. volg. sitlus, tl>cchi].

siccomu cong. Siccome, giacché, poiché.

siccu agg. Secco, asciutto, arido: tegnu la ucca sicca ho la bocca secca; nna stisa te fondi sicchi una distesa di poderi aridi * prov. Sçennaru siccu, mmassaru riccu gennaio asciutto, massaro ricco. [lat. siccus].

Sichilì geogr. Seclì.

Sicìglia sf. L'isola di Sicilia.

siciglianu agg. Siciliano, della Sicilia: li trainieδδi sicigliani i carretti siciliani: nna mariunetta sicigliana una marionetta siciliana * sm. 1- Abitante dell'isola di Sicilia: filu tutti li sicigliani suntu mafiusi non tutti i siciliani sono mafiosi * 2- Il dialetto parlato dai Siciliani: nui leccesi capimu lu siciglianu noi leccesi capiamo la parlata siciliana.

sicura sf. Sottopancia, larga cinghia dei finimenti del cavallo.

sicuramente avv. Sicuramente, di sicuro.

sicurezza sf. Sicurezza; salvaguardia.

sicuru agg. Sicuro; convinto. V. securu.

sieculare agg. Secolare, che dura secoli: nc'ete àrveri te ulia ca suntu sieculari ci sono alberi di olivo i quali sono secolari. [lat. saecularis].

sièculi sseculora loc. avv. Per i secoli dei secoli, di secolo in secolo: ccerte cose sièculi sseculora su' sciute sempre listesse certe cose per secoli e secoli sono andate sempre allo stesso modo. [dal lat. saecula saeculorum].

sièculu sm. Secolo: nnu sièculu rretu un secolo fa; fra doi sièculi etimu fra due secoli vedremo.

siecutera sf. Sequela * avv. Di seguito.

siècutu sm. 1- Seguito, continuazione; proseguimento; successione numerosa: lu siècutu bu lu cuntu crassira il seguito ve lo racconterò domani sera; à statu nnu siècutu te fessarèi una cchiù' rrossa te l'àutra è stata una successione di sciocchezze, una più grossa dell'altra * 2- Corteo: te retu enìa lu siècutu te li parienti dietro seguiva il corteo dei familiari * te siècutu loc. avv. Di seguito, ininterrottamente: niàu sei nuetti te siècutu nevicò sei giorni di seguito.

sieδδu sm. Mucchio di 10 o 12 covoni sistemati in sito, diritti con le spighe esposte al sole; due sieδδi poi saranno ammassati per formare una 'mannucchiara'. [dal lat. (a)sellus, ll>δδ].

siena sf. Dose di foglioline di sena (da acquistare in farmacia), pianta medicinale, i cui infusi hanno effetti purgativi. [arabo sanâ].

sièngulu, sìngulu agg. 1- Singolo, ad uno ad uno: l'ucceri se scucchiàu li siènguli auniceδδi il macellaio si scelse i singoli agnelli; le sìngule caruse fôra pacate e llecenziate le giovani furono pagate ad una ad una e licenziate * 2- Semplice e non complesso: le chiante reste fàcenu fiuri siènguli le piante non coltivate producono fiori a corolla semplice. [lat. sìngulus].

sièriu, sèriu agg. Serio, assorto; ponderato, pensieroso. [lat. serius].

sièrsetu, sèrsetu sm. Esercito: nu ssinti tie, Signore, lu cumandante te lu sièrsetu? non sei tu, o Signore, il comandante dell'esercito? [lat. exercitus].
DE D. Li sièrseti parìanu do' zunfioni, / na tempestata ca ddu passa uasta.

sieru sm. Siero rimasto dopo la cagliatura del latte: nna suppa te sieru cu ttante muδδìcule te recotta una zuppa di siero con tante briciole di ricotta. [lat. serum].

siestu1, sestu (f. sesta) agg. Sesto nell'ordine * sm. La sesta parte di un tutto: nnu siestu ete reservatu allu cumentu un sesto è riservato al convento. [lat. sextus].

siestu2 sm. Assetto, disposizione regolare: a sta casa manca lu siestu in questa casa manca l'ordine. V. siettu.

siettu sm. 1- Sistemazione, assetto, posto comodo: tutti truammu lu siettu nèsciu tutti trovammo la nostra comoda posizione * 2- Modo di vita, consuetudine: àggiu persu lu siettu te sempre ho perduto il consueto sistema di vita. [dall'it. (as)setto, e>ie].

siggente agg.Esigente. [lat. exigens -entis].

siggènzia sf. Esigenza, ciò che conviene; necessità, bisogno: a Lecce nc'era muta siggènzia te àcqua te bìere a Lecce c'era molta necessità di acqua potabile * fig. Acuto desiderio, viva voglia: sia ca tegnu siggènzia te sùrvie avrei vivo desiderio di sorbe. [lat. exigentia].

sìggere, seggìre intr.; pres. siggu,… seggimu, ecc.; p. rem. seggìi,… seggemmu, ecc.; pp. seggiutu. Costituire un acuto desiderio, essere gradito il modo particolare: me seggìa nna zèppula moi una zeppola alla crema sarebbe di mio gradimento adesso; subbra alli gnemmarieδδi sigge lu mieru dopo gli involtini arrostiti ci va proprio il vino; sempre me sìggenu li asi toi ho sempre desiderio dei tuoi baci. [lat. exigere].

siggillare tr.; pres. siggillu,… siggillamu, ecc.; p. rem. siggillài, ecc.; pp. siggillatu. Chiudere ermeticamente, possibilmente con ceralacca.

siggillu sm. Sigillo; chiusura ermetica. [lat. sigillum].

signa sf. Scimmia * fig. Bimba che fa smorfie e boccacce per dispetto; ragazza impertinente e dispettosa. [lat. simia]. V. pure scìmia.
Strambotto: La signa te la chiazza / ngiura cìncata passa, / ma iδδa nu sse dduna / ca ete nnu tezzune!
BOZZI Me despiace sulamente / ca s'ha misu cu nna signa: / nìura, squèscia, cu la tigna, / na pettècula fetente!

significare intr. usato alle terze pers.; pres. signìfica, signìficanu; impf. significàa, significàanu; p. rem. significàu, significàra; pp. significatu. Significare, voler dire: sai cce ssignìfica sicchinnonni? sicchinnonni signìfica nu ssapìre cce decìtere sai il significato di 'sicchinnonni'? 'sicchinnonni' significa stare tra il si e tra il no senza decidersi; δδi ssempi significàanu ca li uèmmeni aìanu bèssere cchiùi piatusi quegli esempi volevano dire che gli uomini dovrebbero essere più misericordiosi.

significatu sm. Significato, senso di una parola; valore di un fatto.

Signore sm. Signore Iddio; appellativo di Dio e di Gesù Cristo: Diu, Signore de lu celu e de la terra Dio, Signore del cielo e della terra; pruetìscime tie, Gèsu Signore! provvedi alle mie necessità, Signore Gesù!; Signore miu beδδu, famme la ràzzia cu stau bona Signore mio bello, fammi la grazia di star bene in salute [lat. senior -oris].
DE D. Ni disse ccrisca santa, / cu ppensa allu Signore! / ma fìgghiama me crìsçiu / ca pensa cchiùi all'amore!

signura sf. Donna sposata di elevato ceto sociale (ancora adesso una donna del popolo minuto, se chiamata 'signora', rimane sorpresa e alquanto imbarazzata): bongiornu, signura! buon giorno, signora!; le signure se ssèttanu ntra llu cappellone le matrone seggono nel cappellone riservato * detto: ogne donna ete signura a ccasa soa ogni donna è signora in casa sua (fuori deve subire i diversi livelli sociali!).
Da un c. p. La mamma de miu bene e' nna signura, / ci ole la serva, nni la fazzu ièu; / ma quandu lu sou fìgghiu iδδa m'à ddatu, / iδδa ddenta la serva e ièu signura!

signurìa sf. 1- Titolo di onore e di rispetto: bona èspera a Signurìa, barune! buon vespro alla Signoria vostra, barone! * 2- fa le funzioni di un pron. pers. ed è riferito ad una persona di rispetto; il termine è sempre accompagnato da forme verbali di 2ª pers. sing. e fa, quindi, le veci di tu, te: tata, signurìa nde sienti friddu? babbo, tu senti freddo?; mamma Ntònia, a signurìa stu mutellu te sta’ ppiace? nonna Antonia, a te questo modello di vestito piace?; nui stamu cu ssignurìa, zia Rusetta noi stiamo con te, zia Rosetta; signurìa, nonna, statte e defriscate tu, nonna, stai quieta e ristorati; quista, patrunu, tocca a signurìa (sarebbe irriguardoso dire "a ttie") questa, padrone, spetta a te.

signurieδδu sm. Un uomo che si è sollevato alquanto nel livello sociale ed è non più povero ma nemmeno troppo ricco; una persona un tempo ricca, ora decaduta. [dim. di signuru].

signurile agg. Signorile, molto distinto; non nobile ma di ceto assai elevato.

signurina sf. Giovanetta di famiglia signorile; donna nubile di elevato ceto sociale (se popolane, si interpellano rispettivamente con i termini 'carusa' e 'nunna').

signurinu sm. 1- Figlio del signor padrone; figlio giovinetto di nobile famiglia * 2- Padrone di casa, ricco e civile, di cui non si conosce il titolo e la professione.

signuru sm. Nobile; uomo di elevato livello sociale; ricco proprietario ma sempre di famiglia signorile: lu signuru alle tèice te matina scinde te lu palazzu il nobiluomo alle ore dieci del mattino scende dal palazzo; pòrtani le fisçhe te recotte allu signuru porta le fiscelle di ricotta al signor padrone. [lat. senior -oris].
DE D. stiu cchiù mègghiu de signuri: / mo' bu tocca cu fatiati/ e cu bu èssanu suduri!

silabbaru, sillabbaru sm. Sillabario. V. pure abbeccè.

silienzu sm. Silenzio. V. sulienzu.

siluetta sf. Siluetta, forma femminile sottile e aggraziata. [fr. silhouette].

siluru sm. Siluro. [lat. silurus].

sìmbulu (lett.) sm. Simbolo. [lat. symbulum]. V. segnu.

sìmele, sìmile agg. Simile, identico, uguale. [lat. similis].

sìmmena sf. Semina: sìmmena prematìa, tardìa semina precoce, tardiva, anticipata, posticipata; sìmmena a scettu a getto, a trasçenieδδu a solco, a pìzzecu a pìzzichi.

simpatecazzu agg. Simpaticone, in senso ironico.

simpàtecu (pl. sempàtechi) agg. Simpatico, piacevolmente grazioso. V. ngraziatu.

simpatecune agg. e sm. Simpaticone.

simpatìa sf. Simpatia. [lat. sympathîa].

sìmula sf. Sèmola, prodotto del grano duro * prov. Ogne rranu dae la sìmula soa ogni tipo di grano dà la sua sèmola. [lat. simila, lat. volg. simula].

Sina, Sisina pers.; da molti nomi propri femminili resi diminutivi con suff. -sina. Elsina, Rosina, Teresina, Tommasina, ecc.

sinceramente avv. Sinceramente; con tutto il cuore.

sincerare rifl.; pres. me sinceru,… ni sinceramu, ecc.; p. rem. me sincerài, ecc.; pp. sinceratu. Sincerarsi della verità.

sinceru agg. 1- Sincero, franco, leale: amicu sinceru amico sincero; ògghiu bessu sincera cu ttie intendo essere franca e leale con te * 2- Genuino, schietto: vinu sinceru, fìgghiu te mamma sincera vino schietto, figlio di uva madre genuina * 3- Retto, vero: l'amecìzia toa era sincera? la tua amicizia era vera? [lat. sincerus].
Da c. p. Ola cu llu penzieri e ffa' cce buèi, / cchiù' sincera de mie nu ttruerài;

sìncupe sf. Sìncope, improvvisa perdita di conoscenza con quasi sempre conseguente morte. [lat. syncope].

sindecare tr.; pres. sìndecu, sìndechi, sìndeca, sìndecamu, ecc.; p. rem. sindecài, ecc.; pp. sindecatu. Sindacare. [da sìndecu].

sìndecu sm. Sindaco, il capo di una Amministrazione comunale elettiva: prima nc'èranu li sìndeci, moi nci suntu li putestà una volta c'erano i sindaci, ora ci sono i podestà * modo di dire: mmanu allu sìndecu… sotto l'amministrazione del sindaco… [dal lat. syndicus].

sine avv. Sì: sine, te ògghiu bene sì, ti volglio bene; mme l'àggiu fatte, sine, le lezioni te scola li ho svolti, sì, i compiti di scuola; sine, sine, fazzu pròpiu cussìne sì, sì, faccio proprio così. V. .

sine, no? avv. E' così, nevvero?; così stanno le cose, vero?; è proprio come dici tu, vero?

sinfasò (alla -) loc. avv. Alla carlona, alla leggera, alla rinfusa: tie le cose toi l'à' fatte sempre alla sinfasò hai fatto le tue cose sempre alla carlona. [dal fr. sans-faços].

singa sf. Linea, riga, crepa appena visibile: singhe tutte storte righe completamente storte; alla ucàla nc'ete nna singa alla brocca c'è una crepa. [fem. di singu].

singare v. sengare.

singu sm. Segno; linea, riga; traccia visibile; contrassegno. [lat. signum, gn>ng].

singulare agg. Singolare, unico. [dal lat. singularis].

sìngulu v. sièngulu.

sinnu sm. Senno, saggezza * a sinnu loc. avv. A parere, secondo: a mmiu sinnu quiδδi spìccianu ca se pìgghianu secondo la mia opinione, quelli finiranno per sposarsi. [fr. sin). V. pure sennu3.
Da c. p. Ci spieri basi a mmie, stai fore sinnu, / su' de l'amante miu li asi mei.

sìntumu (lett.) sm. Sintomo. [gr. symptôma]. V. segnu, sengale.

sinu (neol.) prep. Sino: spettu sinu a sta sira attenderò sino a questa sera; la cumeta ulàu sinu alle nule l'aquilone si sollevò sino alle nuvole; sinu mmoi nu ll'àggiu ista sino adesso non l'ho vista. V. fena e sena.

sinusite sf. Sinusite, infiammazione delle cavità nasali.

sinuvite sf. Sinovite, infiammazione della membrana del menisco.

siparu, sipàriu sm. Sipario del palcoscenico; ogni tenda o telone usati per separare. [lat. siparium].

sira, sera sf. Sera, la parte del giorno fino all'ora usuale di andare a letto: ci te èspera nu puèssere, ni etimu te sira se il vespro non sarà possibile, ci vedremo la sera; te sira tardu di sera tardi; la sira te Natale la sera di Natale * saluto beneaugurante: bona sera a sti amici! buona sera a questi amici! § bona sera a cquista casa: lu fiaccu cu bessa, lu buenu cu ttrasa buona serata a questa famiglia: che esca il male, che entri il bene. [lat. sera].
Da c. p. Te sira nde passài te nna patula / e ntisi le ranòcchiule cantare;

sire sm. 1- Sovrano regnante; Maestà * 2- Padre, quale capo famiglia: spetta allu sire cu ncigna a mmangiare spetta al padre cominciare a mangiare; la mamma n'à mmorta, lu sire ete iu la madre le è morta, il padre è vivo; lu sire se facìa nna fumata il padre si faceva una fumata. Con i possessivi in pos. encl.: sirma [da sìr(e)ma], sirda [da sir(e)ta, t>d], sirsa[da sir(e)sa] mio padre, tuo padre, suo padre. [dall'it. si(gno)re > sire].
DE D. Cce cosa mai de buenu po' benire / de ntru nna casa ddu nu nc'è lu sire?

sirena (neol.) sf. Sirena, l'apparecchio che diffonde segnali acustici.

siri sm. pl. Entrambi i genitori: ci suntu li siri toi? chi sono i tuoi genitori? li siri mei suntu lu Totu te la Crucefissa e lla Pippi te lu Luisçi 'pagghiara' mio padre è Salvatore, il figlio della Crocifissa, e mia madre è Giuseppa, la figlia di Luigi ‘pagliara’. [da sire2].

siringa (lett.) sf. Siringa per fare le iniezioni. [lat. syringa]. V. acu.

Sìrviu pers. Silvio.

Sisinu, Sinu pers. Tommaso.

sistema sm. Sistema, modo; mezzo, procedimento. [gr. systema].

sistemare tr.; pres. sistemu, sistiemi, sistema, sistemamu, ecc.; p. rem. sistemài, ecc.; pp. sistematu. Sistemare, disporre convenientemente * rifl. Raggiungere una sistemazione definitiva: le fìmmene cu llu matremòniu se sistèmanu le donne con il matrimonio si sistemano; fìgghiuma s'à sistematu alle ferruìe mio figlio ha trovato un'occupazione stabile alle ferrovie * fig. Mettere uno al suo posto costringendolo, conciarlo ben bene * modo di dire: sistemare pe lla festa e pe lla uttisçiana conciare per la festa e per i giorni feriali.

sistemàtecu (pl. sistemàtechi) agg. Sistematico, assiduo e regolare.

sistematu agg. Di persona, che ha trovato una buona e stabile occupazione.

sistemazione sf. 1- Sistemazione; buona occupazione, impiego stabile * 2- Felice sistemazione matrimoniale sia da parte di lei che di lui.

sita1 sf. Seta, il filo sottilissimo del bozzolo: bacu te sita bombice da seta; esta te sita veste di seta. [lat. saeta].

disegno
sita

sita2 sf. 1- Melograno, alberello coltivato in ogni orto: li inchi te sita llìssecanu i vinchi di melograno sfèrzano * 2- Melagrana: àceni te sita acini di melagrana; nnu panaru te site un paniere di melagrane * detti: Te Santu Frangiscu le site ntru llu canìsciu di S. Francesco (4 novembre) le melagrane nel canestro, perché non vadano a male § La fìgghia ete comu la sita: quantu cchiù' ccara la tieni, cchiù' ccara la indi la figlia è come la melagrana: quanto più cara la tieni, tanto meglio la dai in moglie. [gr. site].

site sf. Sete: sta’ ttegnu site ho sete; la site m'à ppassata mi è passata la sete * provv. Stare mmienzu all'àcqua e mmurire te site il colmo è stare nell'acqua e morire dalla sete § Mìnchia ci tene site e nu bìe percé nu ttene bicchieri minchione e stupido è colui che, avendo sete, non beve perché non ha un bicchiere. [lat. sitis].

siteδδa sf. Staccio di piccola circonferenza, vaglio con il fondo di tessuto finissimo. [dim. di sita1].

siticeδδa sf. Melagrana piccolina: cu nna siticeδδa me fazzu nna pippareδδa con una melagrana piccolina mi confeziono una pipetta per gioco. [dim. di sita2].

sìtici agg. Sedici * sm. fig. Il sedere, le natiche, sul libro della smorfia indicato con il numero 16. [lat. sedecim].

siticina sf. Circa sedici.

siticinu sm. Il sedere di una femminuccia (il sedere di un maschietto si dice culìcchiu, senza alcuna cautela). [dim. di sìtici].

situ sm. Sito, posto abituale. [lat. situs].
Da c. p. Nna còcchia te sururi ui ci siti, / iata δδa vecenanza a ddu abbetati; / ca se nde prèsçia l'ària te sti siti / e llu tarrienu a ddunca camenati!

situare tr.; pres. sìtuu, sìtui, sìtua, situamu, ecc.; p. rem. situài, ecc.; pp. situatu. Situare, collocare stabilmente.

situazione sf. Situazione, condizione di un fatto.

sìtula sf. Sètola di suino: nna scupetta te sìtule te puercu una spazzola di setole di porco. [lat. saetula].

situlusu agg. Setoloso, ispido di setole; coperto di peli irsuti.

siu sm. 1- Sego, sevo, grasso animale * 2- Untume. [lat. sebum].

sluggiare (lett.) tr. e intr.; pres. slòggiu, slueggi, slòggia, sluggiamu, ecc.; impf. sluggiàa, ecc.; p. rem. sluggiài, ecc.; pp. sluggiatu. Sloggiare. V. anche scasare.

smacchiare tr.; pres. smàcchiu, ecc.; impf. smacchiàa, ecc.; p. rem. smacchiài, ecc.; pp. smacchiatu. Smacchiare, disboscare, tagliare le piante della macchia per ricavare legna da vendere. [dal lecc. màcchia].

smaccu sm. Smacco, insuccesso umiliante.

smagghiare tr.; pres. smàgghiu, ecc.; impf. smagghiàa, ecc.; p. rem. smagghiài, ecc.; pp. smagghiatu. Smagliare, scucire una maglia, sfilare le maglie. [da màgghia].

smagghiatura sf. 1- Smagliatura, rottura di una o più maglie di un filato * 2- Ragade, lesione lineare della cute.

smammare1 intr.; pres. smammu,… smammamu, ecc.; p. rem. smammài, ecc.; pp. smammatu. Togliersi di torno, sloggiare in malo modo, andar via di forza, allontanarsi quasi staccandosi dalla mamma. [da s- sottrattivo e mamma].

smammare2 tr. e intr. Delirare; parlare a vanvera: pe lla free àuta smammàa a causa della febbre alta smaniava e delirava; le sta’ smamma pròpiu rosse le sballa proprio grosse. [dal lat. volg. exmaniare].

smandìre tr.; pres. smandu,… smandimu, ecc.; p. rem. smandìi,… smandemmu, ecc.; pp. smandutu. Mandare al bando, relegare al confino.

smanditu agg. Cacciato, emarginato; sloggiato.

smangiare intr.; pres. smàngiu, ecc.; impf. smangiàa, ecc.; p. rem. smangiài, ecc.; pp. smangiatu. Chiudersi delle forbici senza tagliare il panno.

smània sf. Agitazione d’animo; malessere inquieto; insofferente tensione nervosa; impazienza incontenibile.

smaniare intr.; pres. smàniu, ecc.; impf. smaniàa, ecc.; p. rem. smaniài, ecc.; pp. smaniatu. Smaniare * fig. Desiderare ardentemente; attendere bramando. [dal lat. volg. exmaniare].

smargiassu (lett.), mmargiassu sm. Smargiasso, millantatore borioso. V. i più comuni spaccamuntagne, sparachiazze.

smartare tr.; pres. smartu,… smartamu, ecc.; p. rem. smartài, ecc.; pp. smartatu. Smaltare, coprire di smalto. [da smartu].

smartu sm. Smalto. [fr. smalt].

smemuriare tr.; pres. smemòriu, smemuèri, smemòria, smemuriamu, ecc.; p. rem. smemuriài, ecc.; pp. smemuriatu. Distogliere, svagare * rifl. Dimenticarsi.

smenuzzare (neol.) tr. Sminuzzare, sbriciolare. V. anche mmenuzzare.

smenżare tr.; pres. smenżu, smienżi, smenża, smenżamu, ecc.; p. rem. smenżài, ecc.; pp. smenżatu. Vuotare a metà; svuotare in parte. [da mienżu].

smenżatu agg. Semi vuoto: ozze e utti smenżate giare e botti semi vuote.

smerciare (lett.) tr.; pres. smèrciu, ecc.; impf. smerciàa, ecc.; p. rem. smerciài, ecc.; pp. smerciatu. Smerciare; spacciare. V. il più comune ìndere.

smèrciu sm. Smercio, vendita, spaccio.

smersare tr.; pres. smersu, smiersi, smersa, smersamu, ecc.; p. rem. smersài, ecc.; pp. smersatu. Rimboccare, rivoltare, rovesciare dall'esterno all'interno: smersàa l'ecchi storceva gli occhi; lu pete me smersàu presi una storta di piede. V. mmersare.

smessu agg. Messo da parte per non essere più usato, desueto.

smèstere, smestìre tr.; pres. smestu, smiesti, smeste, smestimu, ecc.; p. rem. smestìi,… smestemmu, ecc.; pp. smestutu. Sbagliare; non indovinare; non riuscire a fare: la sçiurnata la sta’ smèstenu non stanno indovinando la giornata. [contrario del lecc. mmèstere].

smiersu sm. Risvolto: lu smiersu rittu te li càusi s'à scusutu il risvolto destro dei pantaloni si è scucito.

smirciare tr.; pres. smìrciu, ecc.; impf. smirciàa, ecc.; p. rem. smirciài, ecc.; pp. smirciatu. Sbirciare, guardare di traverso. V. anche mmirciare.

smìrciu agg. Storto di occhio; strabico. V. il più usato mmìrciu.

smòere tr. Smuovere, rimuovere. V. la forma più comune mmòere o mmuìre.

smòrfia1 sf. Smorfia, leziosaggine. V. anche mmòrfia.

smòrfia2 sf. Smorfia, libro da cui si ricavano i numeri del lotto; cabala del lotto. [dal lat. Morpheus, dio dei sogni].

smortu agg. Smorto, di colorito privo di luminosità.

smubbigliare tr.; pres. smubbìgliu, ecc.; impf. smubbigliàa, ecc.; p. rem. smubbigliài, ecc.; pp. smubbigliatu. Smobiliare.

smucculare intr. e tr.; pres. smùcculu,… smucculamu, ecc.; p. rem. smucculài, ecc.; pp. smucculatu * intr. Smoccolare della candela; lo scolare della cera * fig. Bestemmiare iteratamente, così da solo, senza una palese ragione * tr. Levare il mòccolo, sostituire il lucìgnolo della lucerna. [da mùcculu].

smucculaturu sm. Smoccolatoio, pinzetta per smoccolare lumi e candele. [da smucculatu + suff. funz. -uru].

smuδδiculare tr.; pres. smuδδìculu,… smuδδiculamu, ecc.; p. rem. smuδδiculài, ecc.; pp. smuδδiculatu. Sbriciolare. V. i più comuni spuδδiculare, spurniculare.

smuntare tr. e intr.; pres. smuntu,… smuntamu, ecc.; p. rem. smuntài, ecc.; pp. smuntatu * tr. Smontare uno o più pezzi di un congegno * fig. Scoraggiare; far cadere le braccia * intr. Perdere l'appretto; sbiadire; diventare opaco. [contr. di mmuntare].

smurfiusu agg. Smorfioso, lezioso. V. pure mmurfiusu.

smusare tr.; pres. smusu,… smusamu, ecc.; p. rem. smusài, ecc.; pp. smusatu. Rompere gli orli di un recipiente di terracotta o di porcellana; sbrecciare; scheggiare i bordi. [da s- estrattivo e musu].

smuseδδare tr.; pres. smuseδδu, smusieδδi, smuseδδa, smuseδδamu, ecc.; p. rem. smuseδδài, ecc.; pp. smuseδδatu. Staccare le piccole sporgenze; smussare.

smuseδδatu agg. Slabbrato, lacerato o rotto ai margini.

smuseδδatura sf. Slabbratura; rottura di un orlo: nnu tàgghiu tuttu smuseδδature, ca nu ccecatrìsçia una ferita da taglio slabbrata, che non cicatrizza.

snellire (lett.) intr. e tr.; pres. snelliscu,… snellimu, ecc.; p. rem. snellìi,… snellemmu, ecc.; pp. snellutu * intr. Snellire, diventare snello * tr. Fare sembrare slanciato e snello. V. demmazzìre,

rrefelare.

snellitu (lett.) agg. Slanciato e snello.

snellu (neol.) agg. Snello, esile, agile. V. il più usato mazzu.

socetà sf. Società. [lat. societas]. V. anche la voce lecc. sucetate.

sòciu sm. Socio in affari. [lat. socius].

socra sf. Suocera * detto: La socra pote ìtere la nora comu lu demòniu l'àcquasanta la suocera può vedere la nuora come il demonio l'acqua santa § La socra cu lla nora picca se ndora la suocera e la nuora si sopportano poco. Con i possessivi in pos. encl.: sòcrama (mia suocera), sòcrata (tua suocera), sòcrasa (sua suocera). [lat. socera].

sòffice (neol.) agg. Soffice, morbido. V. i più comuni àpulu, moδδe, mòrbetu.

sòffrere, suffrìre tr. e intr. soffru, sueffri, soffre, suffrimu, ecc.; p. rem. suffrìi,… suffremmu, ecc.; pp. suffrutu (suffertu) * tr. Soffrire, patire: lu fuecu te Sant'Antoni ni facìa sòffrere le pene te lu purgatòriu l'èrpete ci faceva soffrire le pene del purgatorio; sòffrenu mutu lu càutu patiscono molto la calura * intr. Soffrire, andare soggetto a disturbi dolorosi: suffrìa te tulori alle spaδδe soffriva di dolori alla schiena; suffrèra mutu pe lla ngratetùtine te la fìgghia soffrirono parecchio per l'ingratitudine della figlia; "Tie nu ssai quantu suffrì don Peppinu te Castrì…" (si cantava con l'aria della romanza "Tu non sai quanto soffrì il tuo vecchio genitor" della 'Traviata' di G. Verdi).

disegno
sògghiula

sògghiula sf. Sogliola, pesce di forma schiacciata e di colore grigio, comune nei fondali sabbiosi, in cui si mimetizza.

sola sf. Suola per calzature; la parte anteriore e sottostate della scarpa che poggia a terra. [lat. solum, pl. sola].

sòletu agg. Solito, consueto * allu sòletu loc. avv. Al solitio, solitamente. [dal lat. solitus].

solu, suelu, selu sm. Suolo edificativo; zona di terreno recintata. [lat. solum].

somma (lett.) sf. Somma, quantità complessiva * 2- Addizione, conteggio. [lat. summa]. V. cuntu1.

sommu (lett.) agg. Sommo, grandissimo. [lat. summus]. V. rande rande.

sonagghiera sf. Sonagliera applicata ai finimenti dei cavalli da tiro.

sòpiu agg. Compassato, ponderato: se nde stìa sopiu e pensusu se ne stava compassato e pensoso.

sordellinu sm. Fischio lievemente sibilante rivolto alle ragazze simpatiche come segno di richiamo.

sordi sm. pl. Soldi in genere, quattrini, denaro, moneta * modi di dire: li sordi suntu ncuδδusi puru all'arma il denaro è attaccatìccio, si attacca persino all'anima § li sordi anu e bènenu, ci sçiamu nui nu tturnamu cchiùi i quattrini vanno e vengono, se andiamo noi all'altro mondo non torneremo più * provv. Ci tene cchiù' ssordi se pìgghia lu mazzu il più ricco si prende il mazzo di carte, il più potente comanda § Li sordi stanu a mmucca a ttutti ma a mpàuta a ppicchi i soldi sono sulla bocca di tutti ma in tasca a pochi § Li sordi nu bàstanu… a ccinca li tene i quattrini non bastano a colui che li ha * Li sordi nu bàstanu a ccinca nu sse ccuntenta i soldi non sono sufficienti a chi non si accontenta. [da sordu].

sordiceδδu sm. Centesimo di lira, cioè un quinto di un soldo: cu lli sordiceδδi se face lu sordu, cu lli sordi se face la lira con i centesimi si fa un soldo, con i soldi si forma la lira. [dim. di sordu].

sordu sm. Soldo, moneta di rame di 5 cent., equivalente alla ventesima parte della lira: m'ànu sempre mancati diciannòe sordi cu ffazzu nna lira! mi sono mancati sempre diciannove soldi per formare una lira!; a' ba' ccatta tùtici sordi te recotta sçante vai a comprare 12 soldi di ricotta forte e piccante * modi di dire: nu mbalìre nnu sordu non valere un soldo § gente de quattru nnu sordu persone tanto spregevoli che ne compri quattro con un soldo. [lat. sol(i)dus].

sorma sf. Mia sorella. V. soru.

sorta, sorte sf. Sorte, destino * modi di dire: sorta rande, sçiuscettu! buona sorte a te, figlioccio! § bona sorte a ttie! salve a te, caro! § ni aùru nna bona sorte gli àuguro un buon destino § sorte (mara) mia! sfortuna mia!; sorte nòscia! poveri noi! § fena alla morte nci ole la bona sorte ci vuole fortuna per tutta la vita § sorte ricca ete cu mmangi mutu e cu ffatìi picca avere una sorte ricca consiste nel mangiare a sazietà e nel lavorare poco * prov. Ci càngia celu, càngia sorta chi cambia cielo, muta destino. [lat. sors sortis].
DE D. le ccise tutte doi la sorte mara / comu cade alla fàuce e chianta e fiuru.

sorte sf. e m. Sorta, specie, tipo: s'à ffatta nna sorte te carusa! è diventata un pezzo di ragazza!; tene nnu sorte te nasu, benetica! ha una sorta di naso, Dio lo benedica!; cce sorte te mìnchia, stu striu! che tipo straordinario, questo ragazzo! * pe sorte loc. avv. Per caso, casualmente, eventualmente; fortuitamente.
Da c. p. ci pe sorte nde passi te la chiazza, / lu tiàulu se nde scappa pe ppaura!

soru (pl. soru, sururi [dal lat. sororum], suluri) sf. Sorella: la soru te lu prèite la sorella del prete; le soru mei le mie sorelle; àggiu canusciute le sururi te cumpà' Ngiccu ho conosciute le sorelle di compare Francesco; tutte doi suluri suntu ngraziatìcchie tutte due sorelle sono graziosette. Con i possessivi in pos. encl.: sorma [da sor(u)ma], sorda [da sor(u)ta, t>d], sorsa [da sor(u)sa] mia sorella, tua sorella, sua sorella. [lat. soror -oris].
Da c. p. nc'e' do' suluri e s'ànu mise a sçecu, / stanu sçiucandu la persuna mia;
DE D. E lla cchiù randiceδδa de le soru / l'ecchi comu lu celu li tenìa,

sosarieδδu sm. Barattolo vuoto; misurino di latta.

sotu agg. Quieto, immobile al suo posto, fermo, tranquillo: stàtiu sote state ferme; nu sse stae sotu nnu picca non si sta quieto un momento. [dall'it. sodo].
DE D. Statte subbra la mamma sota sota / e nanna nanna, nannarella mia!

sou (f. soa, pl. m. e f. soi) agg. e pron. possessivo. Suo, sua, suoi, sue: lu sire sou e la mamma soa suo padre e sua madre; nu ssulu li cumpagni soi mma puru le cusçine soi non solo i suoi compagni ma anche le sue cugine; li soi su' stati fiacchi i suoi cari sono stati male. In pos. encl. sou, soa diventano -sa indeclinabile: sècrusa suo suocero, sòcrasa sua suocera, sçènnusa e nnòrasa suo genero e sua nuora. [lat. suus, sua].

spaccachianche sm. Gioco che si esegue con monetine che, lanciate perpendicolarmente in aria, cadono sul pavimento di lastre quadrate; vince chi fa fermare la sua moneta il più possibile al centro. [comp. di spacca(re) chianca].

spaccafrìcciu sm. Spaccapiettre.

spaccalèune sm. Operaio addetto alla spaccatura della legna da ardere.

spaccamuntagne sm. Fanfarone, smargiasso, spaccone.
Da c. p. Te mmaretasti, fiuru te le beδδe, / te lu pigghiasti lu spaccamuntagne; / te lu piettu te indi le fibbieδδe, / te li quasetti le russe ttaccàgghie, / te le indi le pompe e lle zacareδδe, / sulu te resta lu spaccamuntagne!

spaccaporca sf. Solco più largo e profondo, tracciato in pendenza in modo che facìliti lo scolo delle acque piovane.

spaccare tr.; pres. spaccu, spacchi, spacca, spaccamu, ecc.; p. rem. spaccài, ecc.; pp. spaccatu. Spaccare, rompere in più pezzi: lu tàccaru te fica ete forte a spaccare il tronco di fico è difficoltoso ad essere spaccato; ulìa cu tte spacca la capu e cu nci te minta nnu picca te sale vorrebbe romperti la testa e metterci un po' di sale * fig. Attraversare uno spiazzo proprio nel mezzo e in vista: tutti mpusumati spaccàanu la chiazza, la chèsia impettiti e impomatati fendevano la piazza, la chiesa.

spaccarisçiare intr. e tr.; pres. spaccarìsçiu, ecc.; impf. spaccarisçiàa, ecc.; p. rem. spaccarisçiài, ecc.; pp. spaccarisçiatu * intr. Fendersi un poco alla volta, qua e là: lu tarrienu pe lla sicca spaccarìsçia il terreno per la siccità si fende * tr. Screpolare: lu sçelu me spaccarisçiàu le manu il gelo mi screpolò le mani. [dal lecc. spaccare + suff. iter.-intens. -sçiare].

spaccata sf. Sfilata nel bel mezzo di un luogo frequentato, allo scopo di mettersi in mostra: fìcera la spaccata te Chiazza Santu Ronzu fena allu Pulitiama fecero la sfilata da Piazza S. Oronzo sino al teatro Politeama.

spaccatu agg. Rotto in più frammenti.

spaccatura sf. Spaccatura, fenditura abbastanza larga (se stretta, si dice carassa).

spaccazza sf. Spaccatura irremediabile; screpolatura piuttosto profonda * fig. triv. Vulva.

spacchetta sm. e f. Grande risparmiatore, che spacca a metà le cose a lui occorrenti.

spacchettiatu sm. Spiantato, persona ridotta al verde.

spacchinare intr. rifl.; pres. me spacchinu,… ni spacchinamu, ecc.; p. rem. me spacchinài, ecc.; pp. spacchinatu. Sfacchinare.

spacchinata sf. Sfacchinata.

spacciatu agg. 1- Spacciato, rovinato definitivamente.

spaccime sm. e f. 1- Sorta, specie, tipo, individuo matricolato, pezzo di…, con senso spregiativo: fice nna spaccime te àcqua ca n'ìa nfucati cadde una tale sorta di pioggia che per poco non ci sommerse; nna spaccime te fìmmena ni mbrugghiàu una donnaccia ci mise nel sacco; ttàccalu δδu spaccime te cane lega quel cagnaccio pericoloso * 2- Tipaccio: fatte nnanti, bruttu spaccime! fatti avanti, brutto tipaccio che non sei altro!; δδi spaccimi nu mme fìcera credènzia quei tipacci non mi fecero crèdito. [dal lat. specimen].

spaccimusu agg. Abietto, tipicamente schifoso, losco: tanti strei spaccimusi la mmasunàra e nni strazzàra li estiri tanti ragazzacci abietti la costrinsero in un canto e le lacerarono i vestiti. [da spaccime].

spàcciu (neol.) sm. Spaccio, negozio di rivendita. V. piuttosto putèa.

spaccone sm. Spaccone, millantatore.

spaccu (pl. spacchi) sm. Spacco, fenditura profonda.

spaccunata sf. Spacconata, vanteria.

spacelu sm. Sfacelo, disastro irreparabile. [lat. sphacelus].

spacendare intr.; pres. spacendu, spaciendi, spacenda, spacendamu, ecc.; p. rem. spacendài, ecc.; pp. spacendatu. Sfaccendare di malavoglia.

spacendatu agg. Sfaccendato, sfaticato.

spacendusu agg. Lavativo, incline ad evitare le incombenze * prov. Donna spacendusa nu putèssere ertutiusa donna indolente e oziosa non può essere virtuosa.

spacenziare rifl.; pres. me spacènziu, te spacienzi, se spacènzia, ni spacenziamu, ecc.; impf. me spacenziàa, ecc.; p. rem. me spacenziài, ecc.; pp. spacenziatu. Spazientirsi e irritarsi; perdere la pazienza e reagire stizzito. [da pacènzia].

spàcere tr.; pres. spàciu, spaci, space, spacimu, ecc.; p. rem. spacìi,… spacemmu, ecc.; pp. spaciutu (spattu) . Disfare: iδδa facìa e spacìa lei faceva e sfaceva.

spachettata sf. Spaghettata.

spachettu sm. Spaghetto di pasta * fig. Individuo esile e smilzo. [dim. di spacu].

spacu (pl. spachi) sm. Spago: spacu mpiciatu spagno impeciato * modo di dire: dare spacu allentare la corda e dare maggiore libertà.

spaδδa sf. 1- Spalla, schiena, òmero: spaδδa ritta, mancina omero destro, sinistro; me sta’ ddòlenu le spaδδe mi fanno male le spalle * modo di dire: rrunchiare le spaδδe fare spallucce, stringersi nelle spalle * 2- Spalla di un quadrupede corrispondente alla parte anteriore del dorso: stu caδδu tene la spaδδa larga e musculusa questo cavallo ha la spalla larga e muscolosa * 3- Parte di un campo che si solleva in dorso: la spaδδa nu à stata mai rumatisçiata il dorso del campo non è stato mai concimato con stallatico. [lat. spatula].

spaδδare tr. e intr.; pres. spaδδu,… spaδδamu, ecc.; p. rem. spaδδài, ecc.; pp. spaδδatu. Rovesciare le spalle all'indietro; subire uno strappo muscolare alla schiena. [da spaδδa].

spaδδata sf. Spallata, colpo di spalla; rovesciata di schiena all'indietro.

spaδδatu agg. Con la schiena rovesciata: me sçattàu la spina tursale e rrumasi spaδδatu mi rintronò la spina dorsale e rimasi a schiena arcuata.

spaδδe sf. pl. Schiena: tegnu nna tulore fissa alle spaδδe ho un dolore costante alla schiena; me utàu le spaδδe e sse nde sçìu mi voltò la schiena e si allontanò.

spaδδera sf. Spalliera di un sedile; testiera del letto. [da spaδδa + suff. funz. -era].

spaδδiceδδe sf. pl. Spalle esili e debolucce. [dim. di spaδδe].

spaδδuttare tr.; pres. spaδδottu, spaδδuetti, spaδδotta, spaδδuttamu, ecc.; p. rem. spaδδuttài, ecc.; pp. spaδδuttatu. Disfare le pallottole; rompere le zolle di terra: sçìa spaδδuttandu le gnife avanzava e rompeva le zolle di terra [da paδδotta].

spaeδδare intr.; pres. spaeδδu,… spaeδδamu, ecc.; p. rem. spaeδδài, ecc.; pp. spaeδδatu. Delirare, vaneggiare: ma cce sta’ spaeδδati? ma che state vaneggiando? [da s- e lat. volg. fabulare > fabellare].

spafacchione sm. 1- Ingordo sbafatore * 2- Troppo credulo, credenzone che ingerisce qualsiasi notizia.

spafare tr. e intr.; pres. spafu,… spafamu, ecc.; p. rem. spafài, ecc.; pp. spafatu * tr. Scroccare: n'àggiu spafatu nnu sicàru gli ho scroccato un sìgaro * rifl. Sbafare: se spafàra tantu nnu piattu te panzarotti si sbafarono un piatto grosso così di panzarotti * intr. 1- Diradarsi; dissolversi e svanire: le nule spafàra e bessìu lu sule le nubi si diradarono ed uscì il sole * 2- Sfogarsi: nni nde tisse quattru e spafàu gliene cantò quattro e si sfogò. [da spafu].

spafata sf. Sbafata, mangiata a spese altrui.

spafu sm. Sbafo, scrocco.

spaggenare tr.; pres. spàggenu,… spaggenamu, ecc.; p. rem. spaggenài, ecc.; pp. spaggenatu. Spaginare.

spagghiare tr.; pres. spàgghiu, ecc.; impf. spagghiàa, ecc.; p. rem. spagghiài, ecc.; pp. spagghiatu. Spagliare. [contrario di mpagghiare].

spagghiatu agg. Spagliato, con l'intreccio di paglia sfilacciato o sfatto del tutto.

spagliare (neol.) tr.; pres. spàgliu, ecc.; impf. spagliàa, ecc.; p. rem. spagliài, ecc.; pp. spagliatu. Sbagliare, errare * provv. Spagliandu se mpara sbagliando si impara § Lu core te nna mamma mai nu spàglia il cuore di una madre non sbaglia mai. V. scarrare.

spàgliu sm. Sbaglio, errore, svarione.

Spagna sf. Spagna.

spagnolu agg. Spagnolo, relativo alla Spagna.

spagnuletta sf. Spagnoletta, cucirino.

spagnulettu sm. Pomello: a ogne tteraturu mìntinci doi spagnuletti a ciascun tiretto poni due pomelli.

disegno
spagnulu

spagnulu sm. Cardo benedetto, erba annuale con fusto peloso e lanoso; le foglie lunghe hanno consistenza coriacea e lobi triangolari spinosi; i capolini, che hanno corolle gialline, sono racchiusi in brattee pennate e spinose. Le foglie, in infusi, erano usate per le proprietà digestive e diuretiche.

spaisare rifl.; pres. me spaìsu,… ni spaisamu, ecc.; p. rem. me spaisài, ecc.; pp. spaisatu. Disorientarsi, sentirsi come un pesce fuor d'acqua. [da s- sottrattivo e paìse].

spaisatu agg. Spaesato, visibilmente a disagio perché fuori dal proprio ambiente.

spalangare tr.; pres. spalangu, spalanghi, spalanga, spalangamu, ecc.; p. rem. spalangài, ecc.; pp. spalangatu. Spalancare: spalangàanu porte e ffenèscie cu ttrasa luce e ària spalancavano porte e finestre per fare entrare luce e aria; spalangàu tanta te ucca spalancò una bocca larga così. [da palanga]. V. pure stampagnare.

spalangatu agg. Completamente aperto: se mpezzàu cu lle razze spalangate si piantò con le braccia aperte.
DE D. Sienti: -Patre, lu nfiernu è spalangatu, / la speranza de celu àggiu perduta:

spalare tr.; spalu,… spalamu, ecc.; p. rem. spalài, ecc.; pp. spalatu. Spalare, rimuovere con la pala: sta’ spalàa la luta te nanti casa soa stava spalando la mota davanti casa sua * rifl. Scosciarsi, slogarsi le gambe all'inguine: scrufulasti e tte spalasti scivolasti e ti slogasti le gambe. [da pala].

spalatu agg. Scosciato, slogato alla coscia: lu oi lu truàra spalatu te retu trovarono il bove scosciato nel posteriore.

spalerìre intr.; pres. spaleriscu,… spalerimu, ecc.; p. rem. spalerìi,… spaleremmu, ecc.; pp. spalerutu * 1- Offuscarsi: cu ll'ità lu cervieδδu spalerisce con l'età il cervello si offusca; lu sule spalerìu rretu nnu velu scuru te nula il sole si offuscò dietro un velo cupo di nuvola * 2- Perdere la nitidezza dei contorni e scheletrire, quindi ridursi ad una spettrale magrezza: intra alle ampe li corpi spalerìanu dentro le vampe i corpi perdevano i contorni e tremolavano.
LEONE e longa ritta ianca stae la strata / chiusa d'àrveri sicchi spaleruti / a ddu li ienti sçiòcanu scherzandu,

spaleritu agg. 1- Offuscato e privo di nitidi contorni * 2- Scheletrito.
DE D. De latte e rose a rretu all'Arbanìa / 'ìa l'arba tutta l'ària culurita, / mentre la luna pràceda cadìa / malencòneca tutta e spalerita.

spalestrare tr. e intr.; pres. spalestru, spaliestri, spalestra, spalestramu, ecc.; impf. spalestràa, ecc.; p. rem. spalestrài, ecc.; pp. spalestratu * tr. Sbalestrare, squilibrare; sballottolare, scagliare: la tempestate spalestràu la barca su lla ripa sulagna la burrasca sbalestrò la barca sulla riva solitaria * intr. Sbandare, divagare * fig. Vaneggiare: cce ddici, sta’ spaliestri? che cosa dici, vaneggi?. [dal lecc. palestra].
DE D. Tandu lu Rre cchiui nu ddurmescìu, / e sse edìa fissu fissu spalestrare.

spàlisçe, spàlice sm. Asparago selvatico, pianta perenne che cresce nelle siepi e sulle muricce campestri; ha steli rigidi e rametti a fronde ispide, leggerissime, rari i polloni carnosi. [dal lat. asparagus].

spalisçeδδu, spaliceδδu sm. La pianta tenera dei giovani getti primaverili dell'asparago selvatico; talvolta i teneri esili turioni vengono colti per essere lessati e mangiati.

spalisçiamientu sm. Sbandamento, smarrimento, sparpagliamento, dispersione disordinata.

spalisçiare tr. e intr.; pres. spalìsçiu, ecc.; impf. spalisçiàa, ecc.; p. rem. spalisçiài, ecc.; pp. spalisçiatu * tr. Disperdere, sparpagliare ad ampio raggio: la cane spalìsçia le aδδine la cagna disperde le galline; lu ientu spalisçiàu le carte il vento sparpagliò le carte * intr. Disorientarsi e vagare qua e là; divagare con la mente: li fili senza la mamma spalìsçianu i figli senza la mamma si disperdono; tie sta’ spalisçi, cce ài mbriacu? tu vaneggi, che sei ubriaco? [da un incr. tra it. spàrgere e svaligiare].

spalisçiatu agg. Disperso; sparpagliato; sbandato.
DE D. E la massara a nfacce lu puδδaru / chiama - nah, nah - le aδδine spalisçiate,

spallaccione, spallàcciu sm. Grosso e pesante scialle. V. sciallone.

spallare tr. e intr.; pres. spallu,… spallamu, ecc.; p. rem. spallài, ecc.; pp. spallatu * tr. Dire balle, raccontare cose inverosimili: le spalli cchiù' rrosse te li palloni te Santu Ronzu le sballi più grosse dei palloncini della festa di S. Oronzo * intr. Oltrepassare nel gioco il punteggio massimo prefissato, sballare. [da balla].

spalliera, spaδδera sf. Spalliera.

spallina sf. 1- Ciascuna delle bretelline della sottoveste e del reggiseno * 2- Imbottitura delle spalle nelle giacche * Spallina delle giacche militari.

spallire tr. e intr.; pres. spalliscu,… spallimu, ecc.; p. rem. spallìi,… spallemmu, ecc.; pp. spallutu * tr. Al gioco ripulire l'avversario dei suoi soldi: a ballici spallìu tutte le cumpagne al gioco degli aliossi lasciò al verde tutte le compagne * intr. Perdere al gioco rimanendo con le tasche vuote.

spallitu agg. Rimasto senza un soldo, rimasto al verde; squattrinato.

spallottulare v. spaδδottulare.

spalumbare, spalummare tr.; pres. spalumbu (spalummu),… spalumbammu, ecc.; p. rem. spalumbài, ecc.; pp. spalumbatu. Sconnettere rendendo un oggetto malfermo; far perdere la compattezza, guastare la forma di un oggetto; squilibrare: lu pisu superchiu spalummàu le rote te la sciarretta il troppo peso sconnesse le ruote del calessino; tene li pieti stuerti e spalumma le scarpe ha i piedi storti e sforma le scarpe.

spamare tr.; pres. spamu,… spamamu, ecc.; p. rem. spamài, ecc.; pp. spamatu. Sfamare. [da fame].

spamatu agg. Sfamato; saziato, sazio.

spamecare intr.; pres. spàmecu, spàmechi, spàmeca, spamecamu, ecc.; p. rem. spamecài, ecc.; pp. spamecatu. Essere preso da gran fame; avere grande appetito; sentire la necessità di mangiare * fig. Desiderare ardentemente, agognare, bramare: mmacari ca spàmechi, la Ninetta nu tte ole è inutile che brami, Ninetta non ti vuole.

spamecatu agg. Affamato, famèlico: nna cane spamecata se rusecàu nna scarpa una cagna affamata rosicchiò il cuoio di una scarpa.
DE D. Nu mmai li fili soi cussì lu llione / defese de la ticre spamecata,

spamentare tr.; pres. spamentu, spamienti, spamenta, spamentamu, ecc.; p. rem. spamentài, ecc.; pp. spamentatu. Spaventare * rifl. Paventare, avere paura: se spamentàra pe llu maletiempu si spaventarono per il turbine. [dal lat. volg. expaventare incr. con lecc. spamientu].

spamentusu agg. Spaventoso, orrendo: la bandera te Maumettu ulàa allu ientu spamentusa la bandiera di Maometto sventolava orribile.
DE D. Cangiàu la scena e me ba trou de fùrmene / mmienzu nu boscu nìuru, spamentusu;

spamientu sm. Spavento, grande paura improvvisa.
DE D. Nu mai se idde cussì tantu spamientu / mmienzu lli curti de la massarìa,

spampanare rifl.; pres. me spampanu,… ni spampanamu, ecc.; impf. me spampanàa, ecc.; p. rem. me spampanài, ecc.; pp. spampanatu. Sfrondarsi, perdere i pètali * fig. Sbracarsi, sedere con gambe e braccia penzoloni. [da pàmpana].

spampanatu agg. Sfiorito con i petali ammosciati pronti per staccarsi e cadere: già crai siti rose spampanate già domani siete rose avvizzite, sfatte * fig. Sbracato, in posizione scomposta e in atteggiamento sconveniente: se nde stia spampanata subbra a llu canapèu se ne stava sconvenientemente abbandonata sul divano.

spampanisçiare rifl.; pres. me spampanìsçiu, ecc.; impf. me spampanisçiàa, ecc.; p. rem. me spampanisçiài, ecc.; pp. spampanisçiatu. Gonfiarsi di pomposità spargendo vanterie; vantarsi smaccatamente. [da spampanare + suff. durat. -sçiare].

spamuttusu agg. Spaventoso, terribile perché affamato; reso feroce dalla fame: lu lupu spamuttusu ndora e rroδδa il lupo affamato e digrignante fiuta e cerca. [incr. tra spamecatu e spamentusu].

spanaìte, spanavite sm. Giravite.

spanare tr.; pres. spanu,… spanamu, ecc.; p. rem. spanài, ecc.; pp. spanatu. Svitare: nnu giurnu lu mesciu te spana la capu uastata e tte nde mpana una mègghiu un giorno di questi il maestro ti sviterà la testa guasta e te ne avviterà una migliore * rifl. Perdere la filettatura.

spanatu agg. Svitato; sfilettato.

spanatura sf. 1- Filettatura danneggiata e guasta * 2- Crepa discontinua in una parete; lunga fenditura non lineare in una volta; sconnessione muraria.

spàndere, spandìre tr.; pres. spandu,… spandimu, ecc.; p. rem. spandìi (spasi), spandisti, spandìu (spase), spendemmu (spàsemu), spandestu, spandèra (spàsera) ; pp. spandutu (spasu) * 1- Spandere, spargere; spalmare; sciorinare all'aria, mettere in mostra; stendere i panni bagnati: spèndere e spàndere spendere e scialacquare * prov. Cu llàa le rrobbe cinca ole, cu lle spanda ci se nde tole lavi i panni chiunque voglia, li sciorini chi ne ha cura. [lat. expandere].

spanecare tr.; pres. spànecu, spànechi, spàneca, spanecamu, ecc.; p. rem. spanecài, ecc.; pp. spanecatu. Guastare la filettatura di una vite; snodare recando guasti, rendere difettose parti di un congegno. [da un incr. tra it. spanare e smanicare].

spanecatu agg. Allentato perché difettoso; snodato per guasto.

spània sf. Smania, frenesìa. [da un incr. tra it. pània e smània].

spaniare intr.; pres. spàniu, ecc.; impf. spaniàa, ecc.; p. rem. spaniài, ecc.; pp. spaniatu. Smaniare; farneticare, vaneggiare.

spaniusu agg. Smanioso; frenetico.

spannare tr.; pres. spannu,… spannamu, ecc.; p. rem. spannài, ecc.; pp. spannatu. Spannare, togliere la panna * rifl. Liberarsi della panna; perdere l'appannamento: li moniceδδi, quandu chiòe, se spànnanu le chiocciole, quando piove, si liberano dell'opercolo; cu llu suliceδδu le lastre te la fenèscia se spannàanu con i raggi del tiepido sole i vetri della finestra si liberavano dell'appannamento * fig. Destarsi dalla sonnolenza, svegliarsi lentamente: δδu nunnu se spannàa e alisçiàa quel tale si svegliava e sbadigliava. [contrario di mpannare].

spannatu agg. 1- Senza panna, scremato * 2- Della chiocciola, libera dell'opercolo bianco.

spantàsemu sm. Fantasma, essere immaginario che incute paura.

spantecare intr.; pres. spàntecu, spàntechi, spànteca, spantecamu, ecc.; p. rem. spantecài, ecc.; pp. spantecatu. Bramare una persona o una cosa e temere di non poterla avere; ardere di un desiderio disperato. [da pàntecu].

spantu sm. Gran vanto, ampollosità; prodigalità ostentata. [da spàndere].

spantumusu agg. Prodigo oltre misura, scialacquatore, sperperone.

spantusu agg. Ampolloso, tronfio; esibizionista.

spanzare tr. e intr.; pres. spanzu,… spanzamu, ecc.; p. rem. spanzài, ecc.; pp. spanzatu. Slargare, spanciare; presentare un rigonfiamento.

spanzatu agg. Spanciato, slargato, rigonfiato in fuori.

spanzusu agg. fig. Espansivo, prodigo.

spanzutu agg. Slargato.

spaparacchiare intr.; pres. spaparàcchiu, ecc.; impf. spaparacchiàa, ecc.; p. rem. spaparacchiài, ecc.; pp. spaparacchiatu. Parlare dicendo sciocchezze, blaterare, sproloquiare * rifl. Mettersi in mostra con atteggiamenti smaccati; fare gran pompa di sé. [da pàpara].

spaparacchiune sm. Fanfarone, spaccone che le spara proprio grosse; megalomane.

spaparacchiusu agg. Spocchioso, vanaglorioso.

spaparanzare rifl.; pres. me spaparanzu,… ni spaparanzamu, ecc.; p. rem. me spaparanzài, ecc.; pp. spaparanzatu. Spanciarsi; sfibbiare le brache per permettere alla pancia di slargarsi, sbracarsi; ridere a crepapelle.

spaparanzatu agg. Con gli indumenti slacciati e a pancia afflosciata; sbracato.

spappareδδare tr.; pres. spappareδδu, spapparieδδi, spappareδδa, spappareδδamu, ecc.; p. rem. spappareδδài, ecc.; pp. spappareδδatu. Ridurre a papparella, spappolare. [da pappareδδa].

spappulisçiare tr.; pres. spappulìsçiu, ecc.; impf. spappulisçiàa, ecc.; p. rem. spappulisçiài, ecc.; pp. spappulisçiatu. Ridurre a poltiglia disgustosa * rifl. Disfarsi spappolandosi sotto l'azione di un liquido. [da pappa>pàppula + suff. durat. -sçiare].

spapurare intr. pres. spaporu, spapueri, spapora, spapuramu, ecc.; p. rem. spapurài, ecc.; pp. spapuratu. Svaporare. [da papore].

sparachiazza sf. Fanfaronata, smargiassata in luogo frequentato.

sparachiazze sm. e f. Smargiasso, spaccone, fanfarone di piazza; millantatrice di cortile.

sparagnante agg. Economo, parsimonioso, risparmiatore: fimmenazza sparagnante gran brava donna parsimoniosa.

sparagnare tr.; pres. sparagnu,… sparagnamu, ecc.; p. rem. sparagnài, ecc.; pp. sparagnatu * 1- Risparmiare per fare economie * detto: sparagnare pe ccumparire occorre risparmiare per poter fare buona figura * provv. Sparagna la farina quandu la mattra e' cchina, ca quandu lu culu pare nu mbale lu sparagnare risparmia la farina quando la madia è piena, perché, allorquando appare il fondo, il risparmio non si può più fare § Cunsumare lu petrògliu pe sparagnare lu sule consumare il petrolio del lume per risparmiare la luce del sole * 2- Riguardare uno per non stancarlo; esimere uno per riguardo: sparàgnare l'ecchi, le metuδδe, lu cervieδδu pe cquandu ni sèrvenu ddaveru avere riguardo degli occhi, della testa, delle gambe per le occasioni in cui serviranno davvero; sparàgnala sta fìgghia ammenu moi ca nu sse sente mutu bona risparmia dalle fatiche questa figliola, almeno adesso che non si sente molto bene * 3- Perdonare, condonare: pe sta fiata le mazzate te le sparagnu per questa volta ti condono le busse. [da un incr. tra lat. med. sparniare e it. (guad)agnare].

sparagnatu agg. Risparmiato, messo da parte e tenuto da conto * prov. Lira sparagnata doi fiate uatagnata lira risparmiata equivale a due lire guadagnate * 2- Esonerato per un certo altro scopo.
DE D. Lu ciùcciu ole terata la serretta / e bole sparagnatu allu mangiare.

sparagnu sm. Risparmio; limitazione volontaria * provv. Lu sparagnu ete uatagnu il risparmio è guadagno § Lu sparagnu ale cchiùi te lu uatagnu il risparmio vale più del guadagno § Quanti lagni senza sparagni! quante lamentele senza limitazioni!

sparagnusu agg. Parsimonioso, risparmiatore.

sparare tr.; pres. sparu,… sparamu, ecc.; p. rem. sparài, ecc.; pp. sparatu. Sparare: sparàu do' sçuppettate sparò due colpi di fucile; lu cuntrabbandieri à sparatu nnu carbunieri il contrabbandiere ha tirato un colpo d'arma da fuoco a un carabiniere.

sparatrappa, sparatrappu sm. Sparatrappo, cerotto. [sp. esparadrapo, fr. sparadrap].

sparatu agg. Lanciato a gran velocità * sm. Parte anteriore inamidata della camicia bianca da uomo.

spardare tr.; pres. spardu,… spardamu, ecc.; p. rem. spardài, ecc.; pp. spardatu. 1- Sfaldellare, dividere in lamine * 2- Appianare le creste dei solchi menando il sarchiello a dritta e a manca. [dal lecc. farda].

spardellare tr.; pres. spardellu,… spardellamu, ecc.; p. rem. spardellài, ecc.; pp. spardellatu. Sbottonare la camicia sul petto per lenire la calura * rifl. Scamiciarsi.

spardellatu agg. Scamiciato; discinto.

spardusu agg. Spavaldo, sfrontato che si fa avanti col petto in fuori e i pollici puntati alle ascelle.

spare tr.; pres. spazzu, spaci, space, spacimu, ecc. (segue la coniugazione del lecc. fàcere, fare). Disfare * modo di dire: prima fare e poi spare la tila prima tessere e poi stessere, fare e disfare. V. pure sfàcere.

spareffusçe, nnu spara e ffusçi sm. e f. Uno che inveisce, lancia l'offesa o l'invettiva e scappa; fifone.

spàrecane, spàrgane sf. pl. L'insieme dei panni in cui, in altri tempi, venivano strettamente avvolti gli infanti.

sparecanieδδu sm., sparganeδδa sf. Il primo pannolino di tessuto morbido che si poneva tra le gambe del neonato. [dim. di spàrecanu e spàrgana].

sparecanizzu sm. Il secondo panno (ampio e di tessuto spesso, ripiegato a triangolo), nel quale venivano avvolti e stretti il culetto e le gambine del neonato.

spàrecanu sm., spàrgana sf. Ampio panno in cui veniva avvolto, dai piedi sino alle ascelle, il corpicino del bimbo; così coperto, questi veniva rigidamente arrotolato con una lunga fascia, affinché crescesse con le gambe diritte! [dal gr. spàrganon].

spàrecu sm. Turione carnoso dell'asparago coltivato; 'li spàreci' si acquistano a mazzetti al mercato delle verdure. V. spàlisçe.

sparigghiare tr.; pres. sparìgghiu, ecc.; impf. sparigghiàa, ecc.; p. rem. sparigghiài, ecc.; pp. sparigghiatu. Sparigliare.

sparinare tr. e intr.; pres. sparinu,… sparinamu, ecc.; p. rem. sparinài, ecc.; pp. sparinatu. Sfarinare. [da farina].

sparinatu sm. Sfarinato, la quantità di farina appena ritirata dal mulino.

sparire intr.; pres. spariscu,… sparimu, ecc.; p. rem. sparìi,… sparemmu, ecc.; pp. sparutu. Sparire, svanire, rendersi introvabile: moi cumparìanu e moi sparìanu comu malùmbrie ora comparivano ed ora sparivano come fantasmi; la pippa mia à sparuta, tiàulu ìtila! la pipa mia è sparita, diavolo trovala tu!

sparisçiare tr.; pres. sparìsçiu, ecc.; impf. sparisçiàa, ecc.; p. rem. sparisçiài, ecc.; pp. sparisçiatu. Spareggiare, rendere disuguali.

sparizione sf. Sparizione; scomparsa.

sparmare (lett.) tr.; pres. sparmu,… sparmamu, ecc.; impf. sparmàa, ecc.; p. rem. sparmài, ecc.; pp. sparmatu. Spalmare. [da parma]. V. spàndere.

sparpagghiapàpare sm. e f. Persona chiassosa, che invece di mettere ordine procura scompiglio.

sparpaggiapàssari sm. e f. Persona incongrua e sregolata, che si dà da fare ma conclude poco.

sparpagghiare tr.; pres. sparpàgghiu, ecc.; impf. sparpagghiàa, ecc.; p. rem. sparpagghiài, ecc.; pp. sparpagghiatu. Sparpagliare, disperdere, disseminare; dissipare. [dal lecc. spagghiare incr. con it. spàrgere].

sparpagghiatu agg. Messo alla rinfusa; disordinato e sparso.

sparpàgghiu sm. Sparpaglio, sparpagliamento; dispersione disordinata.

sparrare tr.; pres. sparru,… sparramu, ecc.; p. rem. sparrài, ecc.; pp. sparratu * 1- Sbarrare; chiudere un passaggio ponendo un ostacolo * 2- (il contrario!). Aprire la pancia per eseguire un intervento chirurgico agli intestini.

sparru v. sbarru.

sparsu, sparzu sm. Sfarzo, fasto appariscente.

sparsusu agg. Sfarzoso, sontuoso.

sparte (te -) loc. avv. In disparte, da parte; separatamente.

spàrtere, spartìre tr.; pres. spartu,… spartimu, ecc.; p. rem. spartìi,… spartemmu, ecc.; pp. spartutu. Spartire; distribuire * prov. Ci sparte, la pèsçiu parte colui che fa le porzioni, (per correttezza) serba per sé la parte peggiore (e, sottovoce, si aggiunge: … ci ete fessa! … se è uno stupido!).

spartifièu sm. Confine tra due Comuni limitrofi. [comp. di sparti(re) fièu, dividere il feudo].

spartipuntu sm. Marcapunto, arnese del calzolaio, munito di una rotellina dentata.

spartistrate sf. pl. Incrocio di strade; trivio, quadrivio: spettàtini alle spartistrate te mera allu campusantu attendèteci al quadrivio nei pressi del cimitero.

spartitu (lett.) sm. Spartitura di una composizione musicale.

spartituru sm. Canna che nel telaio tessile casalingo tiene separati i fili dell'ordito.

spartu (te -) loc. avv. Separatamente, di sparte: rriàra te spartu arrivarono uno dopo l'altro separatamente.

sparu1 sm. Sparo, colpo di arma da fuoco, scoppio: all'ària cita se sentìanu li spari nell'aria tranquilla si udivano gli scoppi. [da sparare].

sparu2 agg. Dispari: nùmeru sparu numero dispari; le tìsçete te nna manu suntu spare le dita di una mano sono dispari * modo di dire: fare lu paru e sparu vedere il pro' e il contro. [lat. (di)spar -aris].

sparu3 sm. Pagro, pesce dal dorso di colore roseo e con ventre e fianchi argentei solcati di strisce variopinte.

spasa sf. 1- Ampio vassoio; tegame a bordi bassi e svasati * 2- Tavoletta quadrangolare di legno, immanicata, sulla quale l'intonacatore depone la malta da spalmare un po' alla volta. [dal lat. espansa].

spasa te Bonsignore sf. Regalia una volta data come obolo al vescovo di Lecce (anticamente in natura), quale compenso per l'autorizzazione a tenere mercato (nundiare) nella piazza del Vescovado.

spasçiδδante agg. Sfavillante, scintillante; corrusco: te uarda cu ddoi uecchi spasçiδδanti ti guarda con due occhi sfavillanti.
DE D. All'ària ete nu fumu spasçiδδante / e spùrranu le case ogne mumentu,

spasçiδδare intr.; pres. spasçiδδu,… spasçiδδamu, ecc.; p. rem. spasçiδδài, ecc.; pp. spasçiδδatu. Corruscare; sfavillare, scintillare: li crauni te la brasçera allu ientu spasçiδδânu i carboni accesi del braciere al vento sprigionavano scintille. [dal lecc. fasçiδδa].

spaseδδa sf. Cassetta espansa di legno per ortaggi e per pescato. [dim. di spasa].

spassare1, sfassare tr.; pres. spassu (sfassu),… spassamu, ecc.; p. rem. spassài (sfassài), ecc.; pp. spassatu (sfassatu) . Togliere le fasce o le bende: sta’ spassa lu piccinnu sta togliendo le fasce al bimbo.

spassare2 intr. Ripassare per il medesimo posto, passare reiteratamente: mmacari ca passi e spassi, la Gina nu sse nfàccia è inutile che tu passi e ripassi, Luigina non si affaccerà; ulìa ssàcciu percene e pe ccine sta’ fface lu passa e spassa? vorrei sapere a quale scopo e per chi fa l'andirivieni? * rifl. Spassàrsela: quandu Berta felàa, lu maritu se la spassàa mentre Berta filava, il marito se la spassava.

spassatu agg. Tolto dalle fasce, libero delle bende.

spàssiu sm. Ozio, dolce far niente; spasso * modo di dire: stare a spàssiu stare in ozio; essere disoccupato: face l'arte te don Calassu: màngia, bie e stae a spàssiu fa il mestiere di don Galasso: mangia, beve e sta in ozio.

spassiunare tr.; pres. spassionu,… spassiunamu, ecc.; p. rem. spassiunài, ecc.; pp. spassiunatu. Svogliare, indurre uno a disamorarsi di qualcosa.

spassiunatu agg. Diventato svogliato e disamorato.

spassu sm. 1- Passeggio senza meta, il bighellonare: sçemmu a spassu tutta la èspera andammo a passeggio tutto il vespro * 2- Spasso, passatempo, divertimento: stu frate tou ete nnu veru spassu questo tuo fratello è proprio uno spasso.

spassusu agg. Spassoso, spiritoso.

spasturare tr.; pres. spasturu,… spasturamu, ecc.; p. rem. spasturài, ecc.; pp. spasturatu. Spastoiare, liberare le bestie dalle pastoie.

spasturatu agg. Libero delle pastoie, slegato per pascolare liberamente. [contrario di mpasturatu].

spasu agg. 1- Spaso, sciorinato: le rrobbe spase allu ientu i panni sciorinati al vento * 2- Poco fondo, quasi piatto: piatti spasi piatti piani.

spasulare intr.; pres. spàsulu,… spasulamu, ecc.; p. rem. spasulài, ecc.; pp. spasulatu. Essere senza un soldo, non avere nemmeno un fagiolo; essere al verde. [da pasulu].

spasulatu agg. Squattrinato; nullatenente.

spata sf. Spada * prov. Panza ttundata, prepara la spata se il ventre della donna incinta si presenta arrotondata, prepara la spada (perché nascerà un maschio, futuro soldato). [lat. spatha].

spataccinu sm. Spadaccino.

spate sf. pl. Spade, uno dei quattro semi delle carte da gioco.

spattente sm. Gioco di giovanotti, che consiste nel lanciare le monete metalliche contro un muro per farle rimbalzare in dietro accostate ai pezzi degli avversari. V. pure la loc. parmu (a -).

spàttere, spattìre tr. e intr.; pres. spattu,… spattimu, ecc.; p. rem. spattìi,… spattemmu, ecc.; pp. spattutu * tr. 1- Sbattere, battere reiteratamente; urtare violentemente: spàtti li càusi cu sse nd'ae la pùrvere sbatti i pantaloni affinché voli via la polvere; spattìu la capu a nterra urtò la testa a terra * 2- Scaraventare fuori: lu spattèra fore te la chèsia lo sbatterono fuori dal tempio * intr. 1- Urtare ripetutamente: la porta spattìa la porta sbatteva * 2- Adoperarsi con insistenza e impegno; durare fatica: sta’ spatte ci àe nnu postu si sta adoperando tanto per ottenere un posto.
BOZZI Pe na cosa te nienti t'ha' ncagnata / e la fenèscia a nfacce m'ha' spattuta.

spattu agg. Sfatto, disfatto; avvizzito, deperito, decrepito: à ddentata nna ècchia spatta è diventata una vecchia decrepita. [da spare].

spattulare tr.; pres. spàttulu,… spattulamu, ecc.; p. rem. spattulài, ecc.; pp. spattulatu * 1- Battere ripetutamente con la bàttula; spianare battendo: spattulare l'àstrecu spianare il pavimento di granigliato e cemento * 2- Sparpagliare in un unico strato: spattulàra li mannucchi subbra all'àiera sparpagliarono i covoni sistemandoli sull'aia. [frequentativo di spàttere incr. con spàtula e bàttula].

spattulatu agg. 1- Battuto e spianato * 2- Sciolto e sistemato intorno.

spattulisçiare tr.; pres. spattulìsçiu, ecc.; impf. spattulisçiàa, ecc.; pp. spattulisçiatu. Sparpagliare diffusamente; spargere tutto intorno. [da spattulare + suff. frequent.-intens. -sçiare].

disegno
spàtula

spàtula sf. 1- Agave, pianta perenne con foglie carnose, lanceolate, slargate alla base e terminanti a punta acuminata * 2- Tavoletta immanicata adoperata dai mattonai per spalmare, spianare e, infine, preparare il sottofondo dell'ammattonato.

spatulare tr.; pres. spàtulu,… spatulamu, ecc.; impf. spatulàa, ecc.; p. rem. spatulài, ecc.; pp. spatulatu. Agitare qualcosa a mo' di spada. [da spàtula].

spatulisçiare tr. e intr.; pres. spatulìsçiu, ecc.; impf. spatulisçiàa, ecc.; p. rem. spatulisçiài, ecc.; pp. spatulisçiatu * tr. Scotolare il lino, la canapa, battendoli con la scòtola * 2- Sbattere qua e là; scuotere fortemente; strattonare * intr. Sbattere al vento, sventolare: le rrobbe spase spattulisçiàanu i panni stesi ad asciugare sbattevano. [da spàtula + suff. iter. -sçiare].

spatursi sm. pl. Pezze di panno ruvido, di tela di sacco, che gli zappatori avvolgono intorno alle caviglie per evitare che il terriccio penetri dentro le scarpe.

spavarderìa sf. Spavalderia.

spavardu agg. Spavaldo.

spaziosu (neol.) agg. Spazioso, piuttosto ampio. [lat. spatiosus]. V. largu, rande.

spaziu (neol.) sm. Spazio. [lat. spatium]. V. anche largu, postu.

spazzinu (neol.) sm. Spazzino, addetto alla pulizia delle strade; netturbino. V. pure scupastrate.

spebbrare intr.; pres. spebbru, ecc. Sfebbrare. V. sprebbare.

spebbratu agg. Sfebbrato, senza febbre.

specalura sf. Spigolatrice, donna autorizzata a raccogliere sul campo le spighe sfuggite alle mani dei mietitori; del frumento raccolto, la metà era trattenuta dalla contadina e l'altra metà veniva consegnata al padrone delle messi. [da spica].
Da c. p. Te l'àggiu ditta cu nnu bai alla spica, / ci uèi lu ranu te lu mandu a ccasa…
DE D. Sula, luntana a mmienzu alla chesura, / sutta 'llu càutu forte, rrefucatu / de lu marìsçiu, quarche specalura / scutursata pe nterra…

disegno
specaluru

specaluru sm. Maccarello bastardo o suro, pesce con due striature di scaglie sporgenti sul dorso a mo' di spighe.

specare intr.; pres. spicu, spichi, spica, specamu, ecc.; p. rem. specài, ecc.; pp. specatu. Spigare; mettere l'infiorescenza: lu ranu, l'èrgiu e lla biàa sta’ spìcanu il grano, l'orzo e la biada spìgano; le cepuδδe, li mùgnuli, lu tabbaccu ànu specatu le cipolle, le bràssiche, le piante di tabacco hanno messo le infiorescenze * fig. Crescere rapidamente, avere un rapido sviluppo fisico: stu striu, benetica, sta’ spica giurnu pe giurnu questo ragazzo, Dio lo benedica, sta crescendo di giorno in giorno. [lat. spicare].

specatatu agg. Sfegatato, sviscerato, temerario. [da fìcatu].

specatu agg. Fornito di spiga o di infiorescenza.

spècchia sf. Grande cumulo artificiale di pietre sforme: sutta alla spècchia te Torre Pinta nc'ete nna acchiatura sotto il monticello di pietrame di Torre Pinta c'è nascosto un tesoro da trovare; cu lle petre te la spècchia nd'aìmu fattu lu truδδu con i sassi della 'spècchia' abbiamo costruito il trullo. [lat. specula].

specchiare rifl.; pres. me spècchiu, te spiecchi, se spècchia, ni specchiamu, ecc.; p. rem. me specchiài, ecc.; pp. specchiatu. Specchiarsi.

specchiaru sm. 1- Specchio applicato ad un mobile; specchiera: lu specchiaru te lu tulettone, te lu cumbò, te lu armàtiu lo specchio della toletta, del comò, dell'armadio * prov. Cce tte tice lu specchiaru nu tte lu tice nn'amicu caru ciò che ti dice lo specchio non te lo dice un amico caro * 2- Venditore di specchietti. [dal lat. specularius].
Da c. p. Nu mbògghiu amare cchiùi donna ci tesse, / ci face tticchi ttacchi a llu talaru; / mina nnu filu e doi e poi se nd'esse / cu bàsçia sse ba' mmira a llu specchiaru.

Spècchie geogr. Specchia Gallone, Specchia Preite.

specchiceδδu sm. Specchio di formato ridotto, generalmente usato per la cosmesi femminile.

specchiettu sm. Specchietto per le allodole.

spècchiu sm. Specchio, superficie riflettente: lu spècchiu te la patula la superficie brillante della palude * prov. Sulu lu spècchiu nu ddice busçèi solo lo specchio non dice bugìe. [lat. speculum, lat. med. speclum, cl>cchi].

specchiuδδa sf. Piccolo cumulo di pietre sforme. [dim. di spècchia].

speciale agg. Speciale, particolare. [lat. specialis].

specialità sf. Specialità, squisitezza: àggiu ssàggiatu li turcinieδδi a ppignatu: nna specialità! ho assaggiato gli involtini cotti nella pignatta: sono una squisitezza.

speciarmente avv. Specialmente.

spècie sf. 1- Specie, razza: cce spècie te percoche suntu? che specie, che qualità di pesche sono? * avv. Specialmente, in particolar modo: nu mbògghiu faòri te nisciunu, spècie te δδu ngannafete non desidero favori di nessuno, in particolare da quello che non mantiene la parola data * Fare spècie, fare senso, suscitare repulsione: nu llu pote uardare ca ni face spècie non può guardarlo, perché gli fa senso * Nu ffare spècie, non importare: ccenca dice te mie nu mme face spècie non mi importa di ciò che dice di me; li lardi te δδu petucchiusu nu nni fàcenu spècie i vanti smaccati di quel pidocchioso non ci importano. [lat. species].

specurare intr.; pres. specuru,… specuramu, ecc.; p. rem. specurài, ecc.; pp. specuratu. Sfigurare, fare brutta figura.

speδδicchiare tr.; pres. speδδìcchiu, ecc.; impf. speδδicchiàa, ecc.; p. rem. speδδicchiài, ecc.; pp. speδδicchiatu. Spellare, escoriare, scorticare * rifl. Perdere la pelle, cambiare scoglia: lu state li scursuni se speδδìcchianu d'estate gli scorzoni mutano pelle.

speδδicchiatu agg. Scorticato, spellato.

speδδuzzecare tr.; pres. speδδùzzecu, speδδùzzechi, speδδùzzeca, ecc.; p. rem. speδδuzzecài, ecc.; pp. speδδuzzecatu. Spilluzzicare, mangiucchiare di malavoglia. [da un incr. tra it. spilluzzicare e piluccare].

spèglia sf. 1- Sveglia mattutina: spèglia, carusi, spèglia!, ca lu sule moi esse sveglia, giovani, sveglia!, che il sole sta per spuntare * 2- Grosso orologio con soneria: minti la spèglia pe lle sei regola la sveglia sulle ore sei.

spegliare (neol.) tr.; pres. spègliu, ecc.; impf. spegliàa, ecc.; p. rem. spegliài, ecc.; pp. spegliatu. Svegliare, destare. V. i più comuni ddescetare, respigghiare.

spelacchiatu agg. Spelacchiato.

spelacci sm. pl. Filaccia, mucchietto di filamenti di un tessuto.

spelacciare tr.; pres. spelàcciu, ecc.; impf. spelacciàa, ecc.; p. rem. spelacciài, ecc.; pp. spelacciatu. Sfilacciare, disfare filo a filo un tessuto.

spelacciatu agg. Sfilacciato.

spelàcciu sm. Filo scappato al tessuto.

spelare1 tr.; pres. spilu,… spelamu, ecc.; p. rem. spelài, ecc.; pp. spelatu * 1- Disfare il filato; togliere via fili da un tessuto; spìlande sei fili pe nnu largu puntuggiornu tògline sei fili per ottenere un punto a giorno largo; ci la spili, nde rrecùperi la lana se la disfai, ne recuperi il filo di lana * 2- Sfilare, estrarre oggetti infilati: spila sempre l'acu sfila ogni volta l'ago.

spelare2 intr. Sfilare, marciare in fila: sta’ spìlanu li surdati te lu rre sfilano marciando i soldati del re.

spelata sf. Sfilata di soldati.

spelatu agg. Sfilacciato; di filato o tessuto disfatto.

spelatura sf. Sfilatura; sfilacciatura.

spelazzatu agg. 1- Spelacchiato * 2- Di grappolo, spàrgolo, con gli acini radi.

spelecare tr.; pres. spèlecu, spièlechi, spèleca, spelecamu, ecc.; p. rem. spelecài, ecc.; pp. spelecatu. Pettinare ed anche lisciare a lungo il pelo di un animale; ravviare fibre tessili.

spellanciare rifl.; pres. me spellànciu, ecc.; impf. me spellanciàa, ecc.; p. rem. me spellanciài, ecc.; pp. spellanciatu. Andare oltre i limiti; tentare in più delle proprie forze. [dall'it. sbilanciare].

spelusu agg. Pieno di desideri di gola; voglioso.

spèndere, spendìre tr.; pres. spendu, spiendi, spende, spendimu, ecc.; p. rem. spendìi (spisi), spendisti, spendìu (spise), spendemmu (spìsemu), spendestu, spendèra (spìsera) ; imper. spiendi, spenditi; pp. spendutu (spisu) * Spendere denaro: quantu sparagnàa lu osçe, spendìa lu crai quanto metteva da parte l'oggi, spendeva il giorno dopo * prov. Comu spiendi mangi come spendi così mangi * 2- Adoperare, impiegare e consumare: àggiu spenduta nna sçiurnata a uècchiu ho speso una giornata invano; spìsemu tutte le forse nòscie spendemmo tutte le nostre energie. [lat. expendere].

spennacchiatu agg. Spennacchiato, privo qua e là di ciuffi di penne.

spennare tr.; e intr.; pres. spinnu,… spennamu, ecc.; p. rem. spennài, ecc.; pp. spennatu * tr. Spennare, strappare le penne; sta’ spennàa nnu palumbu spennava un piccione; ci te zzicca, fessa miu, te spinna a bia te sçaffe se ti acchiappa, stupidone mio, ti spenna a forza di schiaffi * intr. Perdere le penne o i peli o le foglie: lu cane spennàu te la cuta il cane perse il pelo dalla coda; alla defrescata li àrveri ncìgnanu a spennare in autunno gli alberi cominciano a perdere le foglie * modo di dire: cce isti a nculu ci spennasti a ncapu? che cosa ti accadde nel didietro se perdesti i capelli? (si domanda scherzando ad uno calvo). [contrario di mpennare, da pinna3].

spennatu agg. Privo di capelli, calvo: lu ole lu Nzinu spennatu lo desidera Vincenzo, detto 'il calvo'.

spentare intr. e tr.; pres. spentu, spienti, spenta, spentamu, ecc.; p. rem. spentài, ecc.; pp. spentatu * intr. Sfiatare, perdere aria, sfuggire del gas da un contenitore * tr. Scovare col fiuto: cu δδu nasu finu sçìu spentàu la mustarda con quel naso fino andò a scovare la mostarda. [dall'incr. tra it. sventare e sfiatare].

spentecatu agg. Sperduto e dimenticato, meschino; trascurato da tutti, quindi macilento, scarno, deperito.

spentramientu sm. Sventramento.

spentrare tr.; pres. spentru, spientri, spentra, spentramu, ecc.; p. rem. spentrài, ecc.; pp. spentratu. Sventrare; ferire nel ventre con un'arma da taglio. [da entre].

spentratu agg. Sventrato e liberato delle visceri.

spentura sf. Sventura; calamità, disgrazia, sciagura: tie nu ssai le spenture ci àggiu passate tu non conosci le sventure che ho sofferto; nna spentura rande rande pendìa subbra a lla cità una sciagura immane incombeva sulla città.
Da c. p. Quandu nascìi ièu lu spenturatu, / parse te l'ura la spentura mia;

spenturatu agg. Sventurato; disgraziato sfortunato.
Da c. p. O quantu e' bbellu lu murire ccisu / sutta alla porta te la nnamurata: / l'ànima se nde sale a mparaìsu, / lu cuerpu resta cu lla spenturata.

spenulamientu sm. Distorsione articolare, slogatura.

spenulare, spennulare tr.; pres. spìnulu (spìnnulu),… spenulamu, ecc.; p. rem. spenulài, ecc.; pp. spenulatu. Slogare un arto: ni spenulasti lu razziceδδu a llu piccinnu slogasti il braccino al piccolo; ci te spota lu pete, te lu spìnuli se prendi una storta al piede, te lo puoi slogare. [dall'it. spen(z)olare].

spenulatu, spennulatu agg. Slogato.

spera sf. 1- Sfera, globo: la masçiara leggìa ntru nna spera te itru la veggente leggeva in una sfera di cristallo * 2- Lancetta dell'orologio: la spera te le ure e lla spera te li menuti la lancetta delle ore e la lancetta dei minuti primi. [lat. sphaera].

speràculu sm. 1- Spiraglio * 2- Speranza miracolosa, miracolo atteso e sperato. [da un incr. tra lecc. spera(nzia) e (me)ràculu].

speràgghia sf. Medaglietta con effigie sacra. [da s- + it. ferraglia, perché le medagline sono fatte di vile metallo].

disegno
speràgghie te lu papa

speràgghie te lu papa sf. pl. Lucaria, pianta erbacea annuale, la quale produce frutti a siliqua rotondeggianti e argentei dalla forma e dal colore delle medagliette.

sperànzia, speranza sf. Speranza: pe ffurtuna nòscia nu mmore mai la sperànzia te lu crai per nostra fortuna la speranza del domani non muore mai * provv. Ci campi te sparanza, cru cru te face la panza se vivi di speranza, ti brontola la pancia § Ci te sperànzie campa, tesperatu more chi di speranze vive, disperato morirà. [dal lat. sperantia].

speranzune sm. Fermo e deciso nella speranza di una ricompensa; irremovibile nell'attesa di un dono presunto.

speranzusu agg. Speranzoso; ottimista.

sperare1 tr. e intr.; pres. speru, spieri, spera, speramu, ecc.; p. rem. sperài, ecc.; pp. speratu. Sperare, confidare; ispirare: ni tiesti quantu te speràu lu core gli offristi quanto il cuore ti suggerì di dare * provv. Ci spera se tispera chi spera, si dispera § Ci spera te lu datu, te male sorte à nnatu colui che spera di vivere di altrui sussidi, è nato sotto cattiva stella. [lat. sperare]. V. anche crìtere.

sperare2 intr.; pres. spiru, spiri, spira, speramu, ecc.; p. rem. sperài, ecc.; pp. speratu. Spirare, esalare l'ultimo respiro; morire. [lat. spirare].

sperazione sf. L'istante del trapasso dalla vita alla morte, l'esalazione dell'ultimo respiro * fig. L'annunzio dato mediante i rintocchi della campana del decesso di una persona: sta’ ssona la sperazione: ci sape ci à mmuertu? la campanella annunzia un decesso: chissà chi è morto? [lat. expiratio -onis].

sperbòsetu sm. Sproposito.

sperènzia sf. Esperienza; prova: suntu nunni te mute sperènzie sono persone di molte esperienze. [lat. experentia].
Da c. p. Patu pene pe ttie e ttie nu ccriti, / te suppuèni ca ete fintu amore; / ca fane la sperènzia, fingi e biti / ci suntu veri affetti o su' ppalore.

sperenziare tr.; pres. sperènziu, sperienzi, sperènzia, sperenziamu, ecc.; impf. sperenziàa, ecc.; p. rem. sperenziài, ecc.; pp. sperenziatu. Esperimentare; fare prova, conoscere per esperienza. [dal lat. volg. experientiare].

spèrgia sf. L'albero e il frutto dell'albicocco: nniestu te spèrgia innesto di albicocco; nùzzuli te spèrgie nòccioli di albicocche.

sperginare tr.; pres. spèrginu, spièrgini, spèrgina, sperginamu, ecc.; p. rem. sperginài, ecc.; pp. sperginatu. Sverginare * fig. Dare inizio ad una impresa; incominciare ad usare qualcosa, di gran conto, però.

spergiurare intr.; pres. spergiuru,… spergiuramu, ecc.; p. rem. spergiurài, ecc.; pp. spergiuratu. Giurare ancor più solennemente; tornare a giurare: giuràu e spergiuràu ca nu mme uardàa cchiùi a nfacce giurò e tornò a giurare che non mi avrebbe guardato più in faccia.

spergogna sf. Svergognatezza; vergogna.

sperguegnu sm. Svergognamento; vergogna; scorno; disonore.

spergugnare tr.; pres. spergognu, sperguegni, spergogna, spergugnamu, ecc.; p. rem. spergugnài, ecc.; pp. spergugnatu. Svergognare in pubblico; smascherare; disonorare. [da spergogna]. V. spreugnare.
DE D. La razza mia me l'hanu spergugnata ! e nu sàcciu ci diàulu s'ha bitriatu.

spergugnatu agg. Svergognato, privo di ritegno e di pudore.

sperimentu sm. Esperimento; prova; tentativo. [lat. experimentum].

sperlanciare rifl.; pres. me sperlànciu, ecc.; impf. me sperlanciàa, ecc.; p. rem. me sperlanciài, ecc.; pp. sperlanciatu. Sbilanciarsi; spingersi oltre il consentito; lasciarsi andare a confidenze a cuor leggero. V. pure spellanciare.
DE D. e iδδu intantu nu ss'ha sperlanciatu / cu dica: - te amu - ca temìa lu none?

sperlengu, sperluengu (f. sperlonga) agg. Bislungo, molto allungato; lunghissimo. [dal lat. s(u)per longus].
Da c. p. Giurni fôra pe mmie giurni sperlenghi, / sçera le cose mei anni subbra anni: / quantu li timu ièu sti tiempi lenghi!

sperlinchi agg. indecl. Dinoccolato, allampanato, mingerlino.

sperlungone sm. Spilungone.

spernuzzulare intr.; pres. spernùzzulu,… spernuzzulamu, ecc.; p. rem. spernuzzulài, ecc.; pp. spernuzzulatu. Sacramentare, bestemmiare con invettive scelte e originali. [da spernùzzulu].

spernùzzulu sm. 1- Bestemmia gridata; parolaccia minacciante * 2- Ceffone, cazzotto, pugno accompagnato da epiteto offensivo. [da s- intens. + it. bernòccolo incr. con lecc. nùzzulu].

sperpètecu agg. Bisbetico, oltremodo litigioso; attaccabrighe.

sperra sf. Ferro vècchio; oggetto metallico mal funzionante; coltello con la lama consunta e storta. [dall'it. ferra(glia)].

disegno
sperracaδδu

sperracaδδu, sferracaδδu sm. Sferracavallo, pianta erbacea annuale e spontanea, che cresce nei prati e nei coltivi; ha steli teneri e contorti con foglie composte e fiori gialli con lungo peduncolo; il frutto è un legume a siliqua il quale quanto più si dissecca tanto più assume forma di ferro di cavallo.

sperrare tr.; pres. sperru,… sperramu, ecc.; p. rem. sperrài, ecc.; pp. sperratu. Sferrare, togliere la ferratura a un equino * rifl. Perdere il ferro dallo zoccolo * fig. Indirizzare e assestare con impeto: ni sperràu nnu tàfaru ca lu stutàu gli assestò un pugno tale che lo stordì. [dall'it. ferro].

sperratu agg. Di un equino, con una o più zampe senza ferratura.

spersòru sm. Aspersorio dell'acqua benedetta. [lat. aspersorium].

spertecare intr.; pres. spèrtecu, spièrtechi, spèrteca, spertecamu, ecc.; p. rem. spertecài, ecc.; pp. spertecatu. Crescere spilungone: sta stria fena a mmoi à spertecata, te moi nnanzi à mmìntere carni questa ragazza fino adesso è cresciuta troppo, d'ora in poi deve mettere la cìccia * fig. Protrarre per le lunghe: ogne ffiata s'à spertecare δδa centu lire e sse l'à cchiàngere ogni volta deve trattenere, voltare e rivoltare tra le mani quella cento lire e se la deve piangere (prima di darla). [da s- + pèrteca].

spertecatu agg. 1- Sperticato, eccessivamente alto e macilento * 2- Eccessivo, quindi in certo qual modo strano e azzardato: poi fice ccerte ddummande spertecate poi rivolse cere domande strane.

spertecune sm. Spilungone emaciato, allampanato.

spertezza sf. Sveltezza.

spertusare tr.; pres. spertusu,… spertusamu, ecc.; p. rem. spertusài, ecc.; pp. spertusatu. Sforacchiare, pertugiare.

spertusatu agg. Pertugiato, bucherellato, sforacchiato.

sperunare tr.; pres. sperunu,… sperunamu, ecc.; p. rem. sperunài, ecc.; pp. sperunatu. Colpire con le punte di un forcone.

sperunata sf. Colpo inferto di punta con uno sprone, con un forcone.

sperune sm. 1- Sprone, robusta punta metallica * 2- Rotellina metallica con orlo ondulato adoperata per tagliare la sfoglia in lasagne. [lat. med. sporònus incr. con fr. éperon].

spesa sf. Spesa * modo di dire: ete cchiùi la spesa cca lla mpresa la spesa vale più dell'impresa. [dal lat. expe(n)sa].

spesare tr.; pres. spesu, spiesi, spesa, spesamu, ecc.; p. rem. spesài, ecc.; pp. spesatu. Spesare, sovvenzionare; fornire alloggio e vitto ad un ospite.

spesatu agg. Spesato, sovvenzionato in tutto * sm. Spesa sopportata.

spese sf. pl. Sovvenzione totale; pranzo, vitto; uscite in denaro.

spessiare rifl.; pres. me la spessìu, ecc. Muoversi con sussiego alquanto altezzoso e voluto. V. fessiare.

spessore sm. Spessore.

spesulare tr.; pres. spìsulu,… spesulamu, ecc.; p. rem. spesulài, ecc.; pp. spesulatu. Rendere vaporoso e lieve; scuotere, smuovere e rendere morbido e soffice: spesulare lu crinu te lu mmatarazzu rendere vaporoso il crine del materasso; sta’ spìsulanu le fronde te ranulìndiu cu ppìgghianu ària smuovono le fronde di granoturco per arieggiarle. [da s- intens. e pìsuli].

spesulatu agg. 1- Morbido e vaporoso, reso soffice: lana spesulata lana sfiocchettata e vaporosa, terra spesulata terra dissodata e soffice * 2- Tenuto sospeso a mezz'aria; lasciato penzolo.

spetale sm. Ospedale: δδa mamma mia ole mmuera a cca soa filu a llu spetale quella madre mia desidera morire a casa sua e non in ospedale. [lat. hospitale].

spetecare tr.; pres. spètecu, spiètechi, spèteca, spetecamu, ecc.; p. rem. spetecài, ecc.; pp. spetecatu. Pettinare, ravviare i capelli arruffati * detto: ci nu ttieni cce ffare, spèteca la mùscia se non hai proprio niente da fare, ravvia il pelo alla gatta.

spetecaturu sm. Pettine a denti stretti su ambedue i lati lunghi. [da spetecatu + suff. funz. -uru].

spetecenare tr.; pres. spetecinu,… spetecenamu, ecc.; p. rem. spetecenài, ecc.; pp. spetecenatu. Staccare i piccioli, togliere i peduncoli, i gambi dei frutti: sta’ spetecìnanu li prummitori pe lla sarsa spìcciolano i pomodori per fare la salsa; cercàti cu nnu spetecenati le cerase cercate di non staccare le ciliege dai peduncoli. [da petecinu].

spetentare tr.; pres. spetentu, spetienti, spetenta, spetentamu, ecc.; p. rem. spetentài, ecc.; pp. spetentatu. Trovare un espediente; escogitare. [da spetente].

spetente (pl. spetienti) sm. Espediente, accorgimento perspicace * prov. Lu besegnu chiama lu spetente il bisogno invoca l'espediente * 2- Intuito; talento * prov. Ci tene spetente nu mmore mai te fame chi ha talento non morirà mai di fame. [dal lat. expediens -entis].

spetentusu agg. Dotato di facoltà perspicaci; capace di rimediare mediante espedienti.

spetire (lett.) tr.; pres. spetiscu,… spetimu, ecc.; p. rem. spetìi,… spetemmu, ecc.; pp. spetutu. Spedire. [lat. expedire]. V. il più comunemente usato mandare.

spetizione sf. Spedizione. [lat. expeditio -onis].

spetrare tr.; pres. spetru, spietri, spetra, spetramu, ecc.; impf. spetràa, ecc.; p. rem. spetrài, ecc.; pp. spetratu. Liberare dalle pietre sparse; demolire un cumulo di pietrame. [da petra].

spettàculu sm. 1- Spettacolo, vista che suscita emozioni: nnu spettàculu te mesèria uno spettacolo di squallore; rrezzecante ete lu spettàculu te la morte raccapricciante è lo spettacolo della morte * 2- Spettacolo teatrale, rappresentazione, recita: stasira fàcenu lu spettàculu te 'Peppinu Musulinu' questa sera c'è in programma la recita del dramma 'Peppino Musolino'. [lat. spectaculum].

spettaculusu agg. Spettacoloso, straordinario, emozionante.

spettanza sf. Spettanza, quanto è dovuto per un servigio reso: ci minte rumate e curtivi, la spettanza te lu culone ete te doi tiersi se a proprie spese mette il letame per le concimazioni e i lavori della coltivazione, la parte spettante al colono ammonta ai due terzi del prodotto.

spettare tr.; pres. spettu, spietti, spetta, spettamu, ecc.; p. rem. spettài, ecc.; pp. spettatu. Aspettare, attendere: cce spèttanu la manna te celu? che cosa aspettano, la manna dal cielo?; spettàa la mazzetta attendeva la regalìa domenicale * modi di dire: àutru spietti e àutru ene ti attendi una cosa e ne capita un'altra § ci spettu a ttie, cazzi màngiu se attendo un favore da te, sto fresco! § spettare la palla giusta aspettare l'occasione favorevole § spètta lu culummu, na, ca moi te cate a mmucca è inutile attendere, non si avvererà il tuo desiderio * rifl. Aspettàrsela: nna cazziata nu mme la spettàa filu non mi aspettavo proprio un rabbuffo * provv. Ci lu face, sse lu spetta chi lo fa (un torto), se lo aspetti § Ci tene tiempu, cu nnu spetta tiempu chi ha tempo, non aspetti tempo . [lat. expectare].

spetterramientu sm. Fuoriuscita, trabocco di un liquido dal suo contenitore.

spetterrare intr.; pres. spetterru, spettierri, spetterra, spetterramu, ecc.; p. rem. spetterrài, ecc.; pp. spetterratu. Traboccare; di un liquido, fuoriuscire e cadere; rigurgidare: la quatara sta’ spetterràa la caldaia faceva traboccare dal suo interno il liquido; l'àcqua spetterràa te la quatara l'acqua fuoriusciva dalla caldaia traboccando. [da un incr. tra lat. expectorare e terra].

spetturrare rifl.; pres. me spetturru,… ni spetturramu, ecc.; impf. me spetturràa, ecc.; p. rem. me spetturrài, ecc.; pp. spetturratu. Spettorarsi, denudarsi il petto, scoprirsi il torace; scollacciarsi. [da un incr. tra spetterrare e piettu].

spetturratu agg. A dorso nudo; scollacciato: essìu fusçendu menża spetturrata uscì correndo col seno scoperto a metà.

spetturrune sm. Spintone dato con le mani aperte nel petto di qualcuno.

spetucchiare tr.; pres. spetùcchiu, ecc.; impf. spetucchiàa, ecc.; p. rem. spetucchiài, ecc.; pp; spetucchiatu. Spidocchiare. [da s- estrattivo e petùcchiu].

spetuzzare tr.; pres. spetuzzu,… spetuzzamu, ecc.; p. rem. spetuzzài, ecc.; pp. spetuzzatu. Sfilacciare l'orlo di un tessuto; scucire la ripiegatura di un panno; sfilare le maglie di una calza o perché lavorata male oppure per recuperarne il filo. [da petuzzu].

speùne, spiùne sm. (f. speuna, spiuna). Spione, spiona: bruttu speùne ci nu ssinti àutru! brutto spione che non sei altro!; quiδδaδδài ene pe spiuna te lu patrunu quella lì viene come spiona da parte del padrone.

spezarìa (pl. spezarèi) sf. Farmacia * Quattru spezarèi, erano quattro farmacie ubicate ai quattro lati dell'antica Piazza S. Oronzo in Lecce. [dal lat. med. spècies, droga].

speziale sm. Farmacista; semplicista: sèrvenu picca ste bbobbe te lu speziale sèrvono a poco questi intrugli del farmacista * prov. Mègghiu mmangiamu nui cca lli speziali è preferibile che mangiamo noi piuttosto che gli speziali.

spezzafierru sm. 1- Forfècchia, insetto vivente sotto la corteccia degli alberi, capace di ròdere il legno più duro * 2- Formicaleone, insetto che vive sotto terra e cattura le prede formando fossette coniche capovolte.

spezzare tr.; pres. spezzu, spiezzi, spezza, spezzamu, ecc.; p. rem. spezzài, ecc.; pp. spezzatu. Spezzare, troncare; interrompere.

spezzatieδδu sm. Spezzatino, specie di fricassèa servita come antipasto nei banchetti. [dim. di spezzatu].

spezzatu agg. Rotto; fratturato: tene tutte doi le razze spezzate ha entrambe le braccia fratturate.

spezzature sf. p;. Residui di una cosa frantumata, pezzetti: te le spezzature te pasta nde fazzu nnu taraδδu dei pezzetti di pasta di farina faccio un tarallo.

spezzettamientu sm. Spezzettamento, frantumazione.

spezzettare tr.; pres. spezzettu, spezzietti, spezzetta, spezzettamu, ecc.; p. rem. spezzettài, ecc.; pp. spezzettatu. Spezzettare.

spezzulare tr.; pres. spìzzulu,… spezzulamu, ecc.; p. rem. spezzulài, ecc.; pp. spezzulatu. Beccare: le aδδine spìzzulanu de quài e de δδai le galline beccano di qua e di là * fig. Raccogliere a pìzzichi; racimolare un po' alla volta. [da pizzu]. V. pure pizzulare.

spezzulisçiare tr.; pres. spezzulìsçiu, ecc.; impf. spezzulisçiàa, ecc.; p. rem. spezzulisçiài, ecc.; pp. spezzulisçiatu. 1- Beccare cercando qua e là - 2- Spilluzzicare; mangiare poco a poco per scarso appetito * fig. Sottrarre a piccole quantità a più riprese. [intensivo di pezzulisçiare].

spezzune (neol.) sm. Spezzone, rimanenza di una pezza di stoffa. V. i più comuni stozza, scàmpulu.

spezzutare tr.; pres. spezzutu,… spezzutamu, ecc.; impf. spezzutàa,… spezzutaàmu, ecc.; p. rem. spezzutài, ecc.; pp. spezzutatu. Spuntare, rompere la punta. [contrario di mpezzutare].

spezzutatu agg. Privo della punta, spuntato: làpisi spezzutatu matita senza punta.

spia sf. Spia. V. speùne.

spiadire (lett.) intr. e tr.; pres. spiadiscu,… spiadimu, ecc.; impf. spiadìa, ecc.; p. rem. spiadìi,… spiademmu, ecc.; pp. spiadutu. Sbiadire. V. il più usato sculurìre.

spiaditu agg. Sbiadito. V. sculuritu.

spiàggia sf. Spiaggia sabbiosa frequentata dai bagnanti nella stagione estiva: le spiàgge te Torre Iènneri, te San Catàutu, te San Foca, te Santu Sitòru le spiagge di Torre Venere, di S. Cataldo, di S. Foca, di S. Isidoro.

spialora sf. Spioncino; spiraglio; finestrella ricavata nel battente del portone. [da spia + suff. funz. -lora].

spiana sf. Grossa pialla piatta, piallone a lama larga.

spianamientu, spianamentu sm. Spianamento.

spianare tr.; pres. spianu,… spianamu, ecc.; p. rem. spianài, ecc.; pp. spianatu. Spianare una superficie irregolare. [lat. explanare].

spiancare tr.; pres. spiancu, spianchi, spianca, spiancamu, ecc.; p. rem. spiancài, ecc.; pp. spiancatu. Sfiancare, logorare nello sforzo, sfinire * rifl. Perdere del tutto le forze. [da fiancu].

spiancatu agg. Di cavalli, con i fianchi incavati.

spiandente agg. Splendente. [lat. splendens -entis].

spiandore sm. Splendore: ièu tegnu a nnanti all'ecchi mei lu spiandore te l'ecchi toi io ho davanti ai miei occhi lo splendore degli occhi tuoi. [lat. splendor -oris].
DE D. … e llu sule, lu sule / cu tte nneca la luce e llu spiandore!

spiantatu agg. Spiantato, ridotto in miseria; distrutto.

spiare, speare tr.; pres. spiu, spii, spia, spiamu (speamu), ecc.; p. rem. spiài (speài), ecc.; pp. spiatu (speatu) . Spiare: lu castarieδδu spiàa li purecini te la òccula il falcone spiava i pulcini della chioccia; speàra te lu bucu te la nzerràgghia spiarono attreverso il buco della serratura.

spiasçiare tr.; pres. spiàsçiu, ecc.; impf. spiasçiàa, ecc.; p. rem. spiasçiài, ecc.; pp. spiasçiatu. Obliquare, disporre obliquamente, mettere di sghembo. [da spiàsçiu).

spiasçiatu agg. Disposto obliquamente, messo di sghimbescio.

spiàsçiu sm. Posizione obliqua, sghembo. [da s- + it. ant. biescio].

spiatare intr.; pres. spiatu,… spiatamu, ecc.; p. rem. spiatài, ecc.; pp. spiatatu. Sfiatare, emettere aria * rifl. Perdere il fiato, perdere la voce a forza di gridare o di parlare a lungo: se spiatàu cu tte chiama per chiamarti si sfiatò. [da s- + fiatare].

spiatatu, spietatu agg. Spietato, feroce per crudeltà.

spiataturu sm. Sfiatatoio. [da spiatatu + suff. funz. -uru].

spiatteδδare (neol.) tr.; pres. spiatteδδu, spiattieδδi, spiatteδδa, spiatteδδamu, ecc.; p. rem. spiatteδδài, ecc.; pp. spiatteδδatu. Spiattellare, rivelare un segreto senza alcun ritegno. V. pure schiatteδδare.

spica1 sf. Spiga: spiche te ranu, te uèrgiu, te scannacaδδu spighe di grano, di orzo, di forasacco; sta spica ete acante questa spiga è vuota. [lat. spica].

spica2 sf. Spìcchio d'aglio; gheriglio.

spicanarda1 sf. Tipo di pasta minuta a forma di foglie di spigonardo.

spicanarda2 sf. Tipo di tessuto elaborato al telaio manuale con disegno a segmenti grigi, i quali richiamano le foglie lineari della lavanda * spica sèmprice disegno di tessuto eleborato a spina di pesce § spica spezzata tipo di tessuto eleborato con disegno spicato spezzato.

disegno
spicanardu

spicanardu sm. Spigonardo o lavanda, la nota pianta perenne coltivata negli ortali di casa; ha steli pubescenti, foglie lineari di colore grigio chiaro, fiori violetti riuniti a spighetta; foglie e fiori odorosissimi vengono sparsi nei cassetti per profumare la biancheria. [dal lat. spicum nardum].

spiccare intr.; pres. spiccu, spicchi, spicca, spiccamu, ecc.; p. rem. spiccài, ecc.; pp. spiccatu. Spiccare distinguendosi tra molti, risaltare in maniera accentuata, eccellere.

spicci sm. pl. Spiccioli, denaro in monetine minute.

spicciare tr.; e intr.; pres. spìcciu,… spicciamu, ecc.; impf. spicciàa,… spicciaàmu, ecc.; p. rem. spicciài, ecc.; pp. spicciatu * tr. 1- Finire, portare a termine, ultimare * prov. Ci unu nu ncigna, nu ppote spicciare se uno non comincia ad operare, non può finire * 2- Consumare interamente, esaurire: aìmu spicciata la farina abbiamo consumato la farina; a ssulu se spicciàu nnu rsulu te mieru a solo bevve una brocca piena di vino * rifl. Giungere alla fine, esaurirsi: li sordi se spìccianu i danari si esauriscono; l'ègghiu te la lucerna se sta’ spicciàa l'olio della lucerna stava per finire * intr. Terminare, giungere alla fine, smettere definitivamente: sta’ spìccianu li giurni te festa i giorni festivi stanno per terminare; sta fiata ba' spìccia fiaccu questa volta andrà a finire male * modo di dire: ncignare a cchianti e spicciare a rrisi cominciare a pianti e finire a risate.
DE D. … e peccussì spicciàu / te quista storia mia la prima uerra.

spiccicaturu sm. Pettine a denti fitti su ambedue i lati lunghi, usato per spidocchiare. V. pure pettine, spetecaturu.

spìcciu (neol.) agg. Spiccio, brigativo, sollecito: cu bessa nna cosa spìccia spìccia che sia una cosa sbrigativa. V. pressa.

spicciulata (alla -) avv. (neol.). Alla spicciolata, separatamente.

spiccusu agg. Sgargiante, che risalta in maniera accentuata.

spichettu (te -) avv.1- Di straforo, furtivamente * 2- In aggiunta, come supplemento.

spichiceδδa sf. Spiga piccolina; spiga tanto cara. [dim. e vezz. di spica-].

spìcula sf. Spigola. V. anche spina.

spìculu sm. 1- Spigolo, sporgenza viva e dura * 2- Spicchio di aglio o di arancia. [lat. spiculum-].

spieca sf. Spiegazione fatta come rimprovero a scopo di correzione; predicozzo: a ffìgghiuta nci ole nna bella spieca a tuo figlio è necessario fare un discorso chiaro.

spiecare, spiacare tr.; pres. spiecu (spiacu), spiechi, spieca, spiecamu, ecc.; p. rem. spiecài (spiacài), ecc.; pp. spiecatu (spiacatu) . Spiegare, fornire una spiegazione; delucidare: te lu spiecu ièu lu veru angèliu te lo spiego io il vangelo autentico, ti chiarisco io la verità; spiècani comu su' sçiute le cose spiegagli come sono andati i fatti; sine t'à' spiacatu buenu sì, ti sei spiegato chiaramente. [lat. explicare].

spiecazione sf. Spiegazione. [lat. explicatio -onis].

spierta e demierta agg. f. Sedotta, sfruttata e, infine, abbandonata; perciò dispregevole.

spiertu (f. sperta) agg. Svelto, agile, solerte; sveglio di mente, dai riflessi pronti. [lat. expertus].

spiettu (a -) avv. A debito, a dilazione, a credenza; a rate: (De Dominicis) nu fazzulettu de quattru lire e menza tuccàu llu pìgghia a spiettu! un fazzoletto del costo di quattro lire e cinquanta centesimi fu costretta ad acquistarlo a credenza con pagamento dilazionato. [it. ant. aspetto, attesa].

spignare (spegnare) tr.; pres. spignu (spegnu),… spignamu, ecc.; p. rem. spignài, ecc.; pp. spignatu. Ritirare un oggetto dato in pegno. (contrario di mpegnare].

spilàcciu sm. Sfilaccio.

spilla sf. Spilla, ornamento da appuntare sul petto o sul cappello: spilla te oru, te argentu spilla d'oro, d'argento. [lat. spinula].

spillone (neol.) sm. Lungo spillo d'acciaio. V. anche spingulune.

spillu (neol.) sm. Spillo di metallo, semplice fermaglio appuntito. V. spìngula.

spillu te sicurezza (neol.) Spillo di sicurezza. V. spìngula te sicurezza.

spilòrciu (neol.) agg. Spilorcio, avaro, taccagno.

spilu sm. Desiderio acuto; gran voglia: tegnu spilu te melune fore staggione ho una gran voglia di melone fuori stagione; ae prena e nni ènenu tutti li spili è incinta e le vengono tutti i desideri di gola * detto: tòccate a nculu ca te passa lu spilu tòccati il sedere e ti passa il desiderio (e se ti dovesse venir fuori una voglia cutanea, almeno uscirebbe in un punto nascosto!).

spiluppare (lett.) intr.; pres. spiluppu,… spiluppamu, ecc.; p. rem. spiluppài, ecc.; pp. spiluppatu. Sviluppare. V. crìscere.

spiluppu (lett.) sm. Sviluppo fisico. V. il più comune crìsceta.

spilusu, spelusu agg. Voglioso, che si lascia prendere da stani desideri. [da spilu].

spina1 sf. 1- Spina di vegetale: spine te ficalìndia, te nfocaòi, te rosa spine di ficodindia, di acacia, di pianta di rosa * provv. Nu nc'ete rosa senza spine non esiste una pianta di rosa senza spine, la vita non è sempre rosea § Ci sìmmena spine, cu sse minta le scarpe chi sparge spine, si metta le scarpe, chi semina discordia, si riguardi, altrimenti ne rimane coinvolto * 2- Lisca, spina di pesce * 3- Bietta, qualsiasi oggetto appuntito da inserire in una cavità * 4- Spinotto di presa elettrica. [lat. spina].
Stornello: Rosa, Rusina, / cu lli suturi mei t'àggiu ddacquata, / moi nn’àutru nd'ae lu fiuru e ièu la spina.

spina2, spìcula sf. Spigola, pesce di colore grigio argenteo, ricercato per le sue carni eccellenti.

spina de Cristu sf. 1- Frangola, cespuglio di siepe con fusto sarmentoso, rametti spinosi e foglie lanceolate, fiori bianchi o verdastri, frutti a drupa neri, ciascuno contenente tre nòccioli; l'arbusto cresce spontaneo nei luoghi ombrosi e nella macchia; con la sua corteccia veniva preparato un infuso efficace contro la stitichezza * 2- Con il medesimo nome è indicato lo spino di Giuda e qualsiasi altra pianta munita di aculei, per es., la spinacristi, da cui il nome dialettale.

spina de pisce sf. Lisca * detto: ulìre lu pisce senza la spina volere il pesce pulito della lisca, desiderare compiere cose già rese facili, senza avere fastidi.

spina de rizzu sf. 1- Aculeo di riccio sia marino che terrestre * 2- Chiodino lungo, quasi senza testa.

spinale sf. Spina dorsale nella sua lunghezza; vertebre dorsali degli animali: stu caδδu tene lu spinale nseδδatu questo cavallo ha il dorso incavato dall'uso della sella. [lat. spinalis].

disegno
spinapùlece

spinapisce sf. Lavoro di muratura, di pavimentazione, di rivestimento, o anche di cucito o di ricamo, eseguito a forma di lisca.

spinapùlece sm. Lazzeruolo selvatico, arbusto con rami spinosi, foglie coriacee e pelose, fiorellini bianchi; biancospino delle siepi, con i cui rametti legnosi si confezionano rozzi spazzatoi.

spina ruta gialla sf. Ginestra, erba che cresce a macchie nei luoghi aridi e pietrosi, ha rami come giunchi i quali a primavera si coprono di bei fiori gialli; in particolare indica la ginestra dei carbonai, dai rami alquanto spinosi, che viene adoperata per farne scope rozze e ordinarie. [lat. spina ruta].

disegno
spina ruta gialla

spina ruta ianca sf. Biancospino, il noto arbusto perenne dai fiorellini candidi riuniti in corimbi, coltivato ai bordi dello spiazzo antistante la casa di campagna.

spinatu agg. Senza lisca, privato della spina: sarde spinate e fritte cu ll'eu sardine spinate e fritte con l'uovo.

spina tursale sf. Spina dorsale.

spinchialuru sm. Segmento di canna, una specie di cerbottana, di cui si servono i ragazzi per lanciare, soffiandovi forte, palline di mollica o coni di carta.

spinchiulisçiare intr.; pres. spinchiulìsçiu,… spinchiulisçiamu, ecc.; impf. spinchiulisçiàa, ecc.; p. rem. spinchiulisçiài, ecc.; pp. spinchiulisçiatu. Sbucare d'improvviso; sprizzare fuori da un nascondiglio; muoversi a scatti rapidi sporgendosi e ritirandosi: lu core me spinchiulisçiàa te piettu pe llu prièsçiu il cuore mi sprizzava dal petto per la gioia.
DE D. … nu cudirussu spinchiulìsçia / de ntra le frasche e nna canzune mina.

spine spine, tuttu spine loc. agg. Irto di spine, spinoso.

spìngere, spengìre v. sprìngere.

spingimientu sm. Lo spìngere; spintoni.

spìngula sf. Spillo d'acciaio, usato come fermaglio. [lat. spinula].
MAR. Nci su' craùni ntru stu liettu miu, / li lanzuli de spìngule su' chini;

spingula te sicurezza sf. Spillo da balia, spillo a molla con la punta protetta.

spìngule spìngule loc. avv. A mo' di formicolio pungente ad un arto, specialmente alla gamba tenuta a lungo immobile.

spingulìcchia sf. 1- Spillino * 2- Succhiello con punta fina di acciaio. [dim. di spìngula].

spingulisçiare intr.; pres. spìngulìsçiu, ecc.; impf. spingulisçiàa, ecc.; p. rem. spingulisçiài, ecc.; pp. spingulisçiatu. Dell'acqua sul fuoco, fare le bollicine senza entrare in ebollizione; bollire leggermente, con bollicine che salgono in superficie e scoppiano.

spingulune sm. Spillone, lungo spillo d'acciaio con grossa capocchia.

spinta (neol.) sf. Spinta, spintone. V. anche sprinta.

spìnula sf. Succhiello maneggiato con una sola mano. [lat. spinula].

spìnula a ccuzzìulu sf. Menarola, trapano a manovella.

spinulìcchia sf. Succhiellino con impugnatura.

spinusu (neol.) agg. Spinoso, irto di spine. [lat. spinosus]. V. spine spine.

spinzu sm. Canapino, piccolo uccello dal bel canto.

spirdare intr.; pres. spirdu,… spirdamu, ecc.; p. rem. spirdài, ecc.; pp. spirdatu. Subire un calo di peso; perdere peso per stagionatura. [da spirdu2].

spirdatu agg. Spiritato; esagitato: te canna ni essìu nna uce spirdata dalla gola gli uscì un grido esagitato.

spirdu1 sm. Spirito, fantasma: te notte èssenu li spirdi di notte escono i fantasmi; moi stai a cquài, moi cumparisci a δδai: ma cce ssinti nnu spirdu? ora sei qui, ora appari là: ma che sei uno spirito? [lat. spiritus].

spirdu2 sm. Sfrido, calo di peso. [da s- e lat. volg. fri(vi)dus].

spirdusu agg. Soggetto a notevole calo di peso.

spìretu sm. Alcol etilico per confezionare in casa liquori mediante l'aggiunta di estratti: ttre cquinti te spìretu, nnu quartu te zùccaru, poi sçiungi lu ssènziu te mandarinu e faci lu rusòliu tre quinti di alcol, un quarto di zucchero, poi aggiungi l'estratto di mandarino e ottieni il rosolio. [lat. spiritus].

spìretu canfuratu sm. Soluzione alcolica usata per massaggi cardiotonici e antireumatici.

spìretu de àrdere sm. Alcol denaturato.

spìretu de marascu sm. Liquore alla essenza di maraschino.

Spiretusantu sm. Spirito Santo. [dal lat. spiritus sanctus].

spiritera sf. Fornello a spirito.

spiritìsemu sm. Spiritismo.

spiritista sm. e f. Persona che pratica lo spiritismo.

spiritosu agg. Spiritoso, brioso, faceto.

spissiante agg. Asfissiante.

spissiare tr.; pres. spìssiu, spissi, spissia, spissiamu, ecc.; impf. spissiàa, ecc.; p. rem. spissiài, ecc.; pp. spissiatu. Asfissiare; soffocare.

spissu agg. Fitto, folto; di un certo spessore * spissu, allu spissu; spissu spissu avv. Spesso, di frequente; assai spesso. [lat. spissus].

spista sf. Svista.

spita, spida sf. Sfida; gara: se fìcera nna spita a cci rriàa prima fecero una gara a chi arrivava prima.

spitante, spidante sm. e f. Sfidante.

spitare tr.; pres. spitu,… spitamu, ecc.; impf. spitàa, ecc.; p. rem. spitài, ecc.; pp. spitatu. Sfidare; invitare ad una competizione.

disegno
spitìscia

spitìscia sf. Aspidistra, pianta ornamentale perenne dalle foglie ampie, lanceolate, di colore verde scuro; viene coltivata in vaso negli ortali. [dal lat. aspidistra, str>sci].

spitrare tr.; pres. spitru,… spitramu, ecc.; p. rem. spitrài, ecc.; pp. spitratu. Abràdere con carta vetrata, raschiare con un frammento di vetro. [da itru].

spitta sf. Favilla, scintilla.

spittu agg. Sfitto, momentaneamente non locato: case spitte nu nci nd'ete non ci sono abitazioni sfitte; fondu rrumastu spittu podere rimasto sfitto.

disegno
spitu

spitu sm. 1- Spiedo per arrosti: turdi nfelati allu spitu tordi infilzati allo spiedo * 2- Verricello, argano a mano azionato da due operai: ièu zzòccu abbàsciu allu puzzu, ui stati allu spitu io scavo al fondo del pozzo, voi restate all'argano. [tedesco spet, fr. ant. espiet].

spitùcia sf. Sfiducia; sconforto.

spituciare rifl.; pres. me spitùciu, ecc.; impf. me spituciàa, ecc.; p. rem. me spituciài, ecc.; pp. spituciatu. Sfiduciarsi, avvilirsi, scoraggiarsi: cu ttante tescràzie poi nònnuma se spituciàu dopo tante disgrazie mio nonno si avvilì.

spituciatu agg. Sfiduciato, scoraggiato.

spiuncinu sm. Spioncino praticato nell'infisso.

spiùne sm. Spione. V. spione,

speùne.

spiziu1 sm. Ospizio: lu spìziu te li cechi, te li surdi e mmuti, te le urfanelle, te li ecchi l'ospizio dei ciechi, dei sordomuti, delle orfanelle, dei vecchi; ci faci lu tristu te ba' cchiùu allu spìziu Calibbardi se continui a fare il cattivo, ti rinchiudo nell'ospizio 'Garibaldi'.

spiziu2 sm. Sfizio, capriccio; desiderio particolare, voglia strana: stu spìziu mme l'àggiu lliare questo sfizio me lo devo proprio togliere.

spìzzeca sm. e f. Spilorcio, che dà a pìzzechi quando è costretto.

spizzecare tr.; pres. spìzzecu, spìzzechi, spìzzeca, spìzzecamu, ecc.; p. rem. spizzecài, ecc.; pp. spizzecatu. Dare a pìzzichi, un poco alla volta * fig. Lesinare. [dal lecc. pìzzecu].

spìzzecu agg. Avaro * sm. Spìzzico, piccolissima quantità * a spìzzecu avv. Ratealmente, un po' alla volta; di tanto in tanto.

spizzecusu agg. Avaro, taccagno, tirchio.

spizziculiare tr.; pres. spizziculìsçiu,… spizziculiamu, ecc.; p. rem. spizziculiài, ecc.; pp. spizziculiatu. Sfalsare le carte da gioco lentissimamente, un tantino la volta, maneggiando con il pollice e l'indice.

spizzulìu sm. Il portare alla bocca uno alla volta e mangiucchiare semi di zucca, ceci e fave abbrustoliti.

spocu sm. Sfogo; sfoghetto, ponfo cutaneo. V. essetura, foca, panòcchia, freulìtulu.

spola (neol.) sf. Spola della navetta del telaio. V. naetta.

sponda sf. Sponda del biliardo. [dal lat. sponda].

spondecare tr.; pres. spòndecu, spuèndechi, spòndeca, spondecamu, ecc.; p. rem. spondecài, ecc.; pp. spondecatu. Pulire della pàtina cerosa certi frutti; strofinare certi frutti per togliere dalla buccia la lieve peluria; togliere la velatura che si forma con il tempo sugli oggetti; spolverare le foglie delle piante. [da s- sottrattivo e pòndeca].

spondu sm. Sfondo: comu spondu allu presèpiu mintu stu celu stiδδatu come sfondo al presepio sistemo questo cielo stellato.

sponnulare rifl.; pres. me spònnulu, te spuènnuli, se spònnula, ni spònnulamu, ecc.; p. rem. me sponnulài, ecc.; pp. sponnulatu. Metamorfosarsi, subire, cioè, una trasformazione da parte di certi insetti, passando, per es., dalla larva alla farfalla. [da pònnula2].

sponżalìziu sm. Sposalizio. V. anche il più recente spusalìziu.

sponża sf. 1- Spugna acquatica * 2- Vescia, fungo dal corpo più o meno sferico, edule se raccolto giovane. [lat. spongia].

sporsu, sporzu (neol.) sm. Sforzo; bella impresa (ironico): à ffattu nnu sforzu! che cosa ha fatto di difficile? V. spuersu.

sporta sf. Sporta munita di due manici e di un coperchio, tutti di fini vimini intrecciati * fig. Notevole quantità: se buscàu nnu saccu e nna sporta te mazzate si buscò un sacco e una sporta di busse. [lat. sporta].

sportisçiare tr.; pres. sportìsçiu, ecc.; impf. sportisçiàa, ecc.; p. rem. sportisçiài, ecc.; pp. sportisçiatu. Distribuire con i cesti lo stallatico per il campo, formando tanti mucchietti di letame. [dal lecc. sporta + suff. iter. -sçiare].

sposa nuella sf. Balsamina, erba annua a foglie lanceolate seghettate; viene coltivata in vaso per i suoi bei fiori che vanno dal rosso acceso al bianco.

sposu sm., sposa sf. Sposo, sposa * sm. pl. Promessi sposi, sposi novelli. [lat. sponsus, sponsa]. Si scambiavano la promessa:
LUI – E pe osçe e pe ogne dìa / tie sarài la sposa mia.
LEI – E pe osçe e pe ogne dìa / tie sarài lu sposu miu.

sprabbecare tr.; pres. spràbbecu, spràbbechi, spràbbeca, sprabbecamu, ecc.; p. rem. sprabbecài, ecc.; pp. sprabbecatu. Abbattere una costruzione, demolire un fabbricato * prov. Ci fràbbeca e poi spràbbeca nu pperde mai tiempu colui che costruisce e poi demolisce non perde mai tempo. [da fràbbecu].

spracciare rifl.; pres. me spràcciu, ecc.; impf. me spracciàa, ecc.; p. rem. me spracciài, ecc.; pp. spracciatu. Scoprire le braccia sollevando o togliendo le maniche dell'indumento. V. anche nfurdecare.

spracciatu agg. Persona a braccia scoperte; indumento senza maniche: alla chèsia spracciati nu sse trase in chiesa non si entra sbracciati; osçe me mintu la esta spracciata oggi indosso la veste senza maniche. V. il più usato nfurdecatu.

spracellare, sprasçellare tr.; pres. spracellu (sprasçellu), spracielli, spracella, spracellamu, ecc.; impf. spracellàa (sprasçellàa), ecc.; p. rem. spracellài (sprasçellài), ecc.; pp. spracellatu (sprasçellatu) . Sfracellare, dismembrare: li cavalloni spracellàra la barca contru la pèntuma i marosi sfracellarono la barca contro lo scoglio. [da un incr. tra it. flagellare e macellare].

spramentare tr. e intr.; pres. spramentu, spramienti, spramenta, spramentamu, ecc.; p. rem. spramentài, ecc.; pp. spramentatu * tr. Intimidire, intimorire; distogliere da un'abitudine per paura di punizione; indurre a non commettere mai più una certa azione incutendo timore: cu lla sula uardata spramentàa li strei col solo sguardo intimoriva i ragazzi; la spramentàra la fìgghia e de tandu nu bessìu cchiùi te sira minacciandola, indussero la figlia a non volere uscire più di sera; spramentàtila cu nnu sse tinga li musi persuadètela con ogni mezzo affinché non si tinga più le labbra di rossetto * intr. Imparare la lezione e proporsi per paura di non ricadere più in quella colpa: àggiu spramentatu cu nnàrgiu te la putèa ho imparato la lezione a mie spese e mi sono riproposto di non assentarmi più dal laboratorio. [da spramientu].

spramentatu agg. Intimidito, intimorito e deciso a non più commettere un analogo sbaglio.

spramientu sm. Timore proveniente da una cattiva esperienza e unito al proposito di non ripeterla: pe spramientu nu mmintu pete ntru sta casa per timore e convinzione non metterò più piede in questa casa. [da un incr. tra it. spavento e pentimento].

spranga (pl. spranghe) sf. Spranga, sbarra, traversa per chiusura; leva.

sprangare tr.; pres. sprangu,… sprangamu, ecc.; p. rem. sprangài, ecc.; pp. sprangatu. Sprangare.

spràngere, sprangìre tr.; pres. sprangu,… sprangimu, ecc.; p. rem. sprangìi (spransi), sprangisti, sprangìu (spranse), sprangemmu (sprànsemu), sprangestu, sprangèra (sprànsera) ; pp. sprangiutu (sprantu) . Cambiare una moneta di grosso taglio in spiccioli: nun àggiu truatu cu mme sprànganu centu lire non ho trovato chi mi potesse cambiare in spiccioli una cento lire. [da s- + lat. frangere].

sprantumare tr.; pres. sprantumu,… sprantumamu, ecc.; p. rem. sprantumài, ecc.; pp. sprantumatu. Frantumare.

sprasçellare v. spracellare.

sprasçellu, sfrasçellu sm. Grave sciagura. [lat. flagellum].

sprasemante agg. Tormentoso, dolorosissimo * sm. Spasimante, innamoratissimo; corteggiatore cotto ma non corrisposto: δδu sprasemante stia ure alli fridduri quello spasimante rimaneva per ore al freddo intenso.

sprasemare intr.; pres. spràsemu,… sprasemamu, ecc.; p. rem. sprasemài, ecc.; pp. sprasematu. Spasimare, soffrire dolori atroci: sprasemare pe lli tulori te capu, te spaδδe, te tienti, te stòmecu spasimare per i dolori di testa, di schiena, di denti, di stomaco; sprasemàanu pe lla site, pe llu càutu soffrivano atrocemente per la sete, per il caldo * fig. Bramare tanto da soffrirne; vivere nell'attesa di qualcosa ardentemente desiderata: sprasemàa pe llu zitu surdatu soffriva nella brama del fidanzato soldato; ae misi ci spràsemanu pe nna scarrecata te àcqua sono mesi che preoccupati si àugurano ardentemente una pioggia scrosciante. [da spràsemu].
DE D. e rueδδi e curri e spràsemi, / te mangi lu pensieri / e cerchi a ddu po' esìstere / n'àutra felicità.

spràsemu sm. Spasimo, dolore atroce; tormento: à mmuertu ntru lli spràsemi è morto fra atroci dolori; àggiu fattu otu cu bau a Sanàreca alla Matonna te lu Spràsemu ho fatto voto di recarmi a Sanàrica in pellegrinaggio al santuario della Madonna dello Spàsimo. [dal lat. spasmus].

sprattare (lett.) tr.; pres. sprattu,… sprattamu, ecc.; p. rem. sprattài, ecc.; pp. sprattatu. Sfrattare. [da s- estrattivo e it. ant. fratta, recinto]. V. cacciare.

sprattecare tr.; pres. spràttecu, spràttechi, spràtteca, sprattecamu, ecc.; p. rem. sprattecài, ecc.; pp. sprattecatu. Impratichire, istruire in un mestiere fornendo un’adeguata esperienza: lu mèsciu, quandu sprattecàu lu tescìpulu, lu perse il maestro, allorquando ebbe impratichito il discepolo, da costui fu abbandonato e lo perdette. [dal lecc. pràtteca].

sprattecatu agg. Impratichito, diventato pratico, esperto: ete mutu sprattecata allu fusu e allu talaru è molto abile al fuso e al telaio tessile.

sprattu sm. Sfratto. [da s- estrattivo e gr. phraktê].

sprebbare intr.; pres. sprebbu, spriebbi, sprebba, sprebbamu, ecc.; p. rem. sprebbàu, ecc.; pp. sprebbatu; usato anche nella forma riflessiva. Sfebbrare, liberarsi dalla febbre. V. anche spebbrare.

sprebbatu agg. Sfebbrato: ae te ieri ci stae sprebbata è da ieri che è senza febbre.

sprecare1 tr.; pres. sprecu, spriechi, spreca, sprecamu, ecc.; p. rem. sprecài, ecc.; pp. sprecatu. Escavare, scavare per estrarre, disseppellire, dissotterrare, esumare: sçia' sprecati le cepuδδe, le petate, li pampasçiuli andate a dissotterrare le cipolle, le patate, i mùscari; lu cane sta’ sprecàa l'essu il cane dissotterrava l'osso; crai, dopu tèice anni, sprècanu lu benettànima te sirma domani, dopo dieci anni, esumeranno i resti di mio padre, buonanima. [dall'it. sfregare (la terra)].

sprecare2 tr. Consumare inutilmente: ièu sta’ sprecu lu fiatu, tie spriechi le forse e nnu ccuncrutimu nienti io spreco il fiato, tu sprechi le energie e non concludiamo alcunché. [dal lat. volg. *sper(gi)care].

sprecatu agg. Perduto malamente: tuttu tiempu sprecatu tutto tempo sprecato.

spreculare tr.; pres. sprìculu,… spreculamu, ecc.; p. rem. spreculài, ecc.; pp. spreculatu. Sbriciolare; sgretolare. [da un incr. tra it. sbriciolare e lecc. freculare].

sprefundare intr.; e tr.; pres. sprefundu,… sprefundamu, ecc.; p. rem. sprefundài, ecc.; pp. sprefundatu * intr. Sprofondare; affondare giù giù * tr. Immergere nel fondo: lu Patreternu sprefundàu lu Cìferu allu nfiernu il Padreterno sprofondò Lucifero nell'inferno. [da prefundi].

spreggiare tr.; pres. sprèggiu, ecc.; impf. spreggiàa, ecc.; p. rem. speggiài, ecc.; pp. spreggiatu. Sfregiare: cu nna rasulata lu spreggiàu a nfacce con una rasoiata lo sfregiò sulla guancia. [da sprèggiu].

spreggiatu agg. Sfregiato, deturpato da uno sfregio.

sprèggiu, sprièggiu sm. Sfregio * fig. Grave ingiuria, offesa gravissima: pe sprièggiu ni tagghiàra li pieti te li do' manzari per ripicca e vendetta tagliarono i piedi ai due montoni.

sprenare rifl.; pres. me sprenu, te sprieni, se sprena, ni sprenamu, ecc.; p. rem. me sprenài, ecc.; pp. sprenatu. Sfrenarsi, scatenarsi. [da s- estrattivo e frenu, con f>p].

sprenatu agg. Sfrenato, scatenato, privo di ogni controllo: era nnu sçiocatore sprenatu era un giocatore sfrenato.

sprendore (neol.) sm. Splendore; bellezza mirabile. V. anche spiandore.

spreogna sf. Svergognatezza, sfrontatezza. V. il più usato ergogna.

spressione sf. 1- Espressione, frase: nnanti a nna donna sta spressione nu ll'aìi buta usare, sai? alla presenza di una donna questa espressione non avresti dovuto usarla, capito? * 2- Atteggiamento del viso assunto intenzionalmente: nna spressione te risu, te chiantu un'espressione di sorriso, di pianto; spressioni mare, lliecre atteggiamenti tristi, allegri; tene nna spressione te ciùcciu ècchiu ha un atteggiamento di somaro decrepito. [lat. expressio -onis]. Stornello: Fiuru d'argentu, / cu ste spressioni sta’ mpaccisci tantu, / nu ssai ca se sta’ ppèrdenu allu ientu.

spretatu sm. Sacerdote che ha abbandonato lo stato ecclesiastico. V. schirecatu.

spreugnare tr.; pres. spreògnu, spreuègni, spreògna, spreugnamu, ecc.; impf. spreugnàa, ecc.; p. rem. spreugnài, ecc.; pp. spreugnatu. Svergognare, disonorare * detto: se po' èssere spreugnati te ttre ssule manere: te la mamma, te la soru, te la mugghiere si può essere disonorati in soli tre casi e in tre modi: dalla madre, dalla sorella, dalla moglie. V. pure spergugnare.

spreugnatu agg. 1- Svergognato, disonorato * 2- Senza vergogna, sfrontato.
Da c. p. Ale nna punta cchiùi te scarpa mia / cca ttutta la toa razza spreugnata!

spricare tr.; pres. spricu, sprichi, sprica, spricamu, ecc.; p. rem. spricài, ecc.; pp. spricatu. Sbrigare, portare a termine con una certa fretta: spricàti le cose te casa ca poi sçiamu alli masçi sbrigate le faccende domestiche e poi andremo a vedere la sfilata delle maschere * rifl. Affrettarsi, spicciarsi: te sprichi o nu tte sprichi? ti spicci o no?; se spricàra prima te lu mbrunìre si sbrigarono prima dell'imbrunire.

spricativo agg. Sbrigativo.

sprìcetu agg. Esplicito, franco, leale. [lat. explicitus].

spriculamìgghiu sm. e f. Avaraccio, taccagno, tirchio. [comp. del lecc. sprecula(re) + mìgghiu].

sprigghiare tr.; pres. sprìgghiu, ecc.; impf. sprigghiàa, ecc.; p. rem. sprigghiài, ecc.; pp. sprigghiatu. Dipanare, srotolare, svolgere. [da un incr. tra it. sbrigliare e sbrogliare].

sprìngere, sprengìre tr.; pres. springu,… sprengimu, ecc.; p. rem. sprengìi (sprinsi), sprengisti, sprengìu (sprinse), sprengemmu (sprìnsemu), sprengestu, sprengèra (sprìnsera) ; pp. sprengiutu (sprintu) . Spintonare, spingere urtando. [da un incr. tra lat. expangere, frangere e it. spìngere].

sprinta sf. Spinta, spintone * prov. Mègghiu nna sprinta cca nna catuta meglio subire uno spintone che fare una caduta.

sprinu agg. Aspro, asprigno, acre. [lat. volg. asperinus].

sprinzu sm. Pìspola, uccello simile all'allodola, con piumaggio bruno oliva superiormente, grigiastro inferiormente macchiettato di nero (da non confondere con il 'prinzu').

sprìsçere, spresçìre tr. e intr.; pres. sprìsçiu,… spresçimu, ecc.; p. rem. spresçìi,… spresçemmu, ecc.; pp. spresçiutu (sprittu) * tr. Essiccare, inaridire: lu sule sta’ sprisçe lu tarrienu il sole sta inaridendo il terreno; se spresçìu la ucca a bia te strolecare si essiccò la bocca a furia di blaterare * rifl. Sentirsi bruciare per il disappunto; fremere contrariato e seccato: ci se sente sprìsçere cu sse nd'àsçia se si sente infastidito e scomodo se ne vada * intr. Essiccarsi, inaridirsi, seccare: le fronde sta’ sprìsçenu le foglie seccano. [dall'it. sfriggere].

sprittu agg. 1- Arso, secco, arido: terra spritta terra arsa; tegnu li cannaliri spritti ho la gola secca; le pàute mei stanu spritte le mie tasche sono prosciugate; stau sprittu a ssordi in quanto a quattrini sono all'asciutto * 2- Afflitto: sprittu e scunsulatu afflitto e sconsolato.

spritu (neol.) sm. Sfrido, calo, perdita di peso. V. pure spirdu, calu.

spròpriu, spròpiu, spòpriu sm. Esproprio. [lat. exproprium].

spropursione sf. Sproporzione; divario.

spruare tr.; pres. spròu (spruu), spruèi, spròa (sprua), spruamu, spruati, spròanu (sprùanu) ; p. rem. spruài, ecc.; pp. spruatu. Bacchiare; staccare tutti insieme gli acini del raspo o le olive dal rametto: nde spruàu le mbrunelle ncora tìfere ne staccò le susine ancora acerbe. [dall'it. sfro(nd)are, f>p].

sprubbecare tr.; pres. sprùbbecu, sprùbbechi, sprùbbeca, sprubbecamu, ecc.; p. rem. sprubbecài, ecc.; pp. sprubbecatu. Rivelare denunziando; spiattellare; smascherare: ni sprubbecastu le uastasate soi rivelaste le sue malefatte; fose sprubbecata a nnanti a ttutti fu smascherata alla presenza di tutti. [da s- + prùbbecu].
DE D. n'àngelu ni sçiu a nsennu e nni parlàu / e lle mire de Erote sprubbecàu.

sprubbecatu agg. Reso di pubblica ragione; smascherato.

spruetutu agg. Sprovveduto, imprevidente * prov. Alli spruetuti ni càtenu li càusi e rrumànenu culinuti agli sprovveduti cadono le brache e rimangono con il sedere di fuori.

sprufecare tr.; pres. sprùfecu, sprùfechi, sprùfeca, sprufecamu, ecc.; p. rem. sprufecài, ecc.; pp. sprufecatu. Staccare i frutti alla rinfusa maturi e acerbi; bacchiare. [s- sottrattivo e it. pro(li)ficare].

sprufecatu agg. Di albero, privato anzitempo di tutti i suoi frutti: dopu li làndani, la igna rrumase sprufecata dopo la grandinata, la vigna rimase priva dei grappoli.

sprufundare intr.; pres. sprufundu,. sprufundamu, ecc.; p. rem. sprufundài, ecc.; pp. sprufundatu. Sprofondare, cadere sul fondo: sprufundàu ntru lla ora sprofondò nella voragine. V. pure sprefundare.
LEONE la terra sprufundàu, scise la Morte / e le case ddentara seburture.

sprugghiare tr.; pres. sprùgghiu, ecc.; impf. sprugghiàa, ecc.; p. rem. sprugghiài, ecc.; pp. sprugghiatu. Sbrogliare, dipanare. (contrario di mbrugghiare].

spruistu agg. Sprovvisto, sfornito, momentaneamente privo.

sprulòquiu sm. Sproloquio, cantonata verbale. [dal lat. proloquium].

spruluquiare (lett.) intr.; pres. sprulòquiu,… spruluquiamu, ecc.; p. rem. spruluquiài, ecc.; pp. spruluquiatu. Sproloquiare. V. pure spaeδδare, strolecare.

sprundare tr.; pres. sprondu, spruendi, spronda, sprundamu, ecc.; p. rem. sprundài, ecc.; pp. sprundatu. Sfrondare. [da s- sottrattivo e fronda].
DE D. fugghiazza fugghiazza se spronda la rosa / lassandu lu russu, perdendu la ndore!

sprundatu agg. Sfrondato, spoglio.

spruntare tr.; pres. sprontu, spruenti, spronta, spruntamu, ecc.; p. rem. spruntài, ecc.; pp. spruntatu. Far perdere la faccia costringendolo ad abbassare la testa; svergognare. [da s- + frunte].

spruntatezza sf. Sfrontatezza, sfrontataggine.

spruntatu agg. Sfrontato, insolente; impudente.

spruntinu agg. Pronto a dare risposte pungenti; sfacciatello.

spruposetatu agg. Spropositato.

sprupòsetu sm. Spropòsito: fice lu sprupòsetu cu mmuera quandu aìa pututu stare buenu fece lo sproposito di morire allorché avrebbe potuto stare bene.

sprupriare, sprupiare, spupriare (lett.) tr.; pres. spròpriu (spròpiu, spòpriu), spruèpri (spruèpi, spuepri), spròpria, sprupriamu, ecc.; p. rem. sprupriài (sprupiài, spupriài), ecc.; pp. sprupriatu (sprupiatu, spupriatu) . Espropriare. [lat. med. expropriare]. V. il comune lliare.

disegno
sprùsçenu

sprùsçenu sm. Verbasco, pianta le cui foglie oblunghe sono ruvide perché coperte da una fitta tomentosità bianco-verdastra; nel secondo anno si sviluppa un unico stelo che termina con una infiorescenza a pannocchia, con le corolle di colore giallo-chiaro; cresce nei luoghi erbosi e coltivati ma piuttosto aridi. La medicina popolare utilizzava le foglie per le infiammazioni intestinali accompagnate da coliche, e per cataplasmi emollienti sulle emorroidi esterne infiammate. [dal lat. aspurgo -inis].

sprusciante agg. Scivoloso; viscido.

sprusciare intr.; pres. sprùsciu, ecc.; impf. sprusciàa, ecc.; p. rem. sprusciài, ecc.; pp. sprusciatu * 1- Scivolare sfuggendo dalle mani, sguisciare; guizzare via * 2- Spruzzare; piovere a spruzzi. [da un incr. tra lat. effugere e it. frusciare].
DE D. Cce stati filu intru li pisci d'oru, / ca alliegri e bii se ìtenu sprusciare / mmienzu allu mare?…

sprusciata sf. Spruzzata di acqua, di pioggia. V. pure frusciata.

sprùsciu sm. Scivolamento; scivolata; guizzo.

sprutente agg. Non prudente; inopportuno nel parlare.

sprutènzia sf. Mancanza di prudenza; impudenza. [s- sottrattivo e lat. prutèntia].

spruttamientu, spruttamentu (pl. spruttamienti) sm. Sfruttamento.

spruttare tr.; pres. spruttu,… spruttamu, ecc.; p. rem. spruttài, ecc.; pp. spruttatu. Sfruttare. [da s- durat.-intens. e fruttu].

spruttatore sm. Sfruttatore, profittatore senza scrupoli.

spucatizzu agg. Eccitato; assai vivace, euforico.

spùcere, spucìre tr.; pres. spucu, spuci, spuce, spucimu, ecc.; p. rem. spucìi,… spucemmu, ecc.; pp. spuciutu. Provocare la fuoriuscita del liquido dal contenitore; spillare da un recipiente il liquido sturando un opposito foro: spùcere lu còfanu, lu parmientu, la pila, la ozza, la utte sturare la conca per il bucato, il palmento, la pila, la giara, la botte. V. anche spùsçere.

spucunisçiare intr.; pres. spucunìsçiu, ecc.; impf. spucunisçiàa, ecc.; p. rem. spucunisçiài, ecc.; pp. spucunisçiatu. Sfoconarsi, l'incendiarsi e il bruciarsi di un bengala: li candelotti spucunìsçianu a ttre cculuri i candelotti si sfoconavano in tre diversi colori; la cannetta me spucunisçiàu a mmanu il cannello con polvere pirica mi sfoconò tra le mani. [da s- intens. + lat. focus incr. con lat. volg. brusiare e lecc. sfucare + suff. durat.-intens. -sçiare].

spuδδare tr.; pres. spuδδu,… spuδδamu, ecc.; p. rem. spuδδài, ecc.; pp. spuδδatu. Stappare, stasare, sturare. [da s- estrattivo e fuδδò].

spuδδiculamientu sm. Sbriciolamento; frantumazione.

spuδδiculare tr.; pres. spuδδìculu,… spuδδiculamu, ecc.; p. rem. spuδδiculài, ecc.; pp. spuδδiculatu. Sbriciolare: li taraδδi se sta’ spuδδìculanu i taralli si stanno sbriciolando. [da un incr. tra lecc. spreculare e muδδìcula].

spuδδiculatura sf. Sbriciolatura.

spuδδiculatu agg. Sbriciolato, ridotto in frammenti piccolissimi.

spuδδisçiare intr.; pres. spuδδìsçiu, ecc.; impf. spuδδisçiàa, ecc.; p. rem. spuδδisçiài, ecc.; pp. spuδδisçiatu. Germogliare frequenti polloni. [da puδδu].

spuδδunare, spuδδinare tr.; pres. spuδδunu (spuδδinu),… spuδδunamu, ecc.; p. rem. spuδδunài, ecc.; pp. spuδδunatu. Spollonare, ripulire le piante dai polloni inutili, dai succhioni. [da s- sottrattivo e puδδu].

spuersu, spuerzu sm. Sforzo: statte ttentu ca cu lli spuersi te pote enìre la cùtula stai attento che con gli sforzi ti può venire l'ernia del disco. V. pure sporsu.

spuertu sm. Rozzo paniere confezionato con vimini di salice * prov. Ci puru lu maritu carrìsçia a ccanisci, la mugghiere nu spanda a spuerti anche se il marito porta a casa con canestri, la moglie non sparga a panieri. [masch. di sporta].

spuetiżżare tr.; pres. spuetiżżu,… spuetiżżamu, ecc.; impf. spuetiżżàa, ecc.; p. rem. spuetiżżài, ecc.; pp. spuetiżżatu. Spoetizzare: deludere amaramente, disamorare. [da s- privativo e pueta].

spuetiżżatu agg. Deluso; demotivato.

spugghiare tr.; pres. spògghiu, spuegghi, spògghia, spugghiamu, ecc.; p. rem. spugghiài, ecc.; pp. spugghiatu. Spogliare, svestire: spògghianu li piccinni e lli cùrcanu svestono i piccoli e li mettono a letto * rifl. Spogliarsi, togliersi i vestiti * fig. Sottrarre ogni cosa con la forza, privare, derubare: spugghiare te panni, te sordi e de carni privare dei panni, dei quattrini e della ciccia di dosso. [lat. spoliare, lia>gghia].

spugghiatu agg. 1- Svestito, senza indumenti per uscire (senza panni addosso si dice 'culinutu') * 2- Spoglio: àrveri spugghiati e spaleriti alberi spogli e svaniti * fig. Privo di tutto: spallìu allu sçecu e rrumase spugghiatu a ncristu perse tutto al gioco e rimase spogliato di tutto come un cristo. [dal lat. spoliatus].

spugghiature sf. pl. Vesti logore e smesse da gettare o da regalare ai poverelli.

spugghiazzare tr.; pres. spugghiazzu,… spugghiazzamu, ecc.; p. rem. spugghiazzài, ecc.; pp. spugghiazzatu. Asportare le foglie di una pianta o i petali di un fiore * rifl. Perdere le foglie o i petali. [dal lat. exfoliare, lia>gghia, + suff. pegg. -azzare].
BOZZI Doppu nu sulu giurnu de spiandore / tie, rosa, te ccumienzi a spugghiazzare.

spugghiazzatu agg. Sfiorito con i petali caduti.

spugghiazzature sf. pl. Foglie di piante, fronde di verdure sparse a terra e mescolate con altri frammenti di vegetali. V. pure frundame.

spugghiecare tr.; pres. spògghiecu, spuègghiechi, spògghieca, spugghiecamu, ecc.; p. rem. spugghiecài, ecc.; pp. spugghiecatu. Denudare; scoprire sollevando una copertura: lu ientu ni spugghiecàu l'anche il vento le scoprì le gambe; se spugghiecàa lu piettu si denudava il seno; spugghiecati lu tampagnu, lu velu, la cuperta sollevate il coperchio, il velo, la coperta. [forma durat. di spugghiare].

spugghiecatu agg. Senza copertura, scoperto ed esposto alla vista.

spuletta sf. Spoletta.

spulieri sm. Cortinaggio del letto a baldacchino. [dal lat. spolium + suff. funz. -eri].

spulisçiare tr.; pres. spulìsçiu, ecc.; impf. spulisçiàa, ecc.; p. rem. spulisçiài, ecc.; pp. spulisçiatu. Spiaccicare corpi molli: nci se ssettàu te subbra e spulisçiàu le oe vi si sedette sopra e spiaccicò le uova; tie ni spulisçiasti lu cacu a nfacce tu gli spiaccicasti un cachi in faccia * rifl. Disfarsi, spappolarsi, marcire e infracidarsi: li culummi se spulisçiàra i fiori fioroni si disfecero.

spulisçiatu agg. Spappolato, spiaccicato, marcio e disfatto * fig. Corrotto moralmente; depravato, pervertito; specialmente di donnaccia, dal corpo sfatto e rammollito.

spumare tr. e intr.; pres. spumu,… spumamu, ecc.; p. rem. spumài, ecc.; pp. spumatu * tr. 1- Sfumare, attenuare l'intensità di un colore: spuma stu russu spiccusu sfuma attenuandolo questo rosso troppo vivo * 2- Emettere soffiando, spruzzare dalla bocca: spumàa ràggia e belenu sprizzava rabbia e veleno * intr. 1- Andare in fumo, dissolversi: le speranze mei ànu spumate le mie speranze si sono dissolte * 2- Soffiare tra i denti; sbuffare: la mùscia spuma e rranfa la gatta soffia e graffia; lu papore passa spumandu la vaporiera passa sbuffando. [dal lat. spumare incr. con it. sfumare].

spumatieδδu sm. Ciascuno dei pesciolini neonati che, pescati in gran numero, formano una massa schiumosa: spumatieδδi fatti a ppurpette pesciolini preparati a polpette.

spumatura sf. Sfumatura dei capelli.

spumecare intr. e tr.; pres. spùmecu, spùmechi, spùmeca, spumecamu, ecc.; p. rem. spumecài, ecc.; pp. spumecatu * intr. Fumigare, esalare fumo; emettere vapore: aìa do' giurni ci la ròsçia te la fòcara spumecàa da due giorni la brace del falò fumigava; sti tàccari ùmeti spùmecanu e nnu àrdenu questi tronchetti umidi emettono fumo e non danno fiamma * tr. Affumigare, avvolgere di fumo; investire col soffio di fumo: cu sta pippa me sta’ spùmechi l'ecchi mi stai soffiando il fumo di questa pipa negli occhi. [da s- intens. e lat. fumigare].

spuminu sm. Sfumino per eseguire sfumature nel disegno.

spumone sm. Spumone, gelato in forma, esternamente duro e internamente imbottito di pasta molle inzuppata di liquore.

spunchiare tr.; pres. spùnchiu, ecc.; impf. spunchiàa, ecc.; p. rem. spunchiài, ecc.; pp. spunchiatu. Sgonfiare, afflosciare. [contrario di unchiare, nchiare].

spunchiatu agg. Sgonfio: lu sçenùcchiu stae cchiùi spunchiatu te ieri il ginocchio è più sgonfio di ieri.

spunda! inter. che si accompagna al vocativo Gèsu ogni qualvolta si nomina il diavolo. (o Gesù) che sprofondi e sparisca!: m'àggiu sunnatu lu tiàulu, Gèsu, spunda! ho sognato il diavolo, che sprofondi, o Gesù; ete capace cu binda l'ànima a Berzebbù, Gèsu, spunda! è capace di vendere l'anima a Belzebù, che spafondi e sparisca, o Gesù; spunda, tantazione! vai via, tentazione del diavolo!. [da spundare].

spundare tr. e intr.; pres. spundu,… spundamu, ecc.; p. rem. spundài, ecc.; pp. spundatu * tr. 1- Sfondare: spunda nnu paru te scarpe lu mese sfonda un paio di scarpe al mese * 2- Nascondere in fondo in fondo: a ddu tiàmmena le spundi le camise? dove diamine riponi le camìcie? * intr. Sparire nel profondo; nascondersi nel punto più riposto: mègghiu pe bui ci spundati meglio per voi se sparite. [lat. exfundare].

spundatu agg. Sfondato, senza fondo: le pùzzure spundate nu sse ssùttanu i pozzi senza fondo non si prosciugano; suntu ricchi spundati sono ricchi sfondati.

spundèriu sm. Fossato tanto cupo che il fondo non si scorge; profondità smisurata; abisso, precipizio senza fondo; spelonca cupa e profonda; locale lunghissimo * fig. Stomaco senza fondo, insaziabile: sia ca tieni nnu spundèriu a ncuerpu! come se tu avessi uno stomaco sfondato!

spundu sm. Sfondo; ampia cavità; largo squarcio sul fondo di un contenitore: allu utre nc'era nnu spundu l'otre aveva uno squarcio nel fondo.

Spunganu geogr. Spongano. Gli abitanti di questo paese avevano due nomignoli: 'lunari' e 'pacci', lunatici e pazzi.

spungulamientu sm. Sbaccellatura.

spungulare tr.; pres. spùngulu,… spungulamu, ecc.; p. rem. spungulài, ecc.; pp. spungulatu. Sbaccellare, estrarre i semi dai baccelli: spungulare li cìceri, le fae, li pasuli, li pesieδδi, li ruppini sbaccellare i ceci, le fave verdi, i fagioli, i piselli, i lupini. [da ùngulu incr. con lat. expungere].

spungulatu agg. Sbaccellato * fig. Sporgente dalle orbite oculari: tenìa doi uecchi nchiati spungulati aveva due occhi gonfi sporgenti.

spungulisçiare tr.; e intr.; pres. spungulìsçiu, ecc.; impf. spungulisçiàa, ecc.; p. rem. spungulisçiài, ecc.; pp. spungulisçiatu * tr. Sbaccellare; sgusciare * intr. Uscire prorompendo; sfuggire scivolando: le minne, benetica, ni spungulìsçianu te lu bustu le tette, benedica, le fuoriescono dal busto. [da spungulare + suff. intens. -sçiare].

spuniare tr.; pres. spòniu, spueni, spònia, spuniamu, ecc.; p. rem. spuniài, ecc.; pp. spuniatu. Distogliere; dissuadere * rifl. Mutare proposito; svogliarsi. [da s- sottrattivo + l'incr. lat. tra opinari e opinio].

spuniatu agg. Svogliato; disincentivato: pe llu stùtiu ete spuniatu per lo studio è svogliato e demotivato.

spunsaliziu, spunzalìziu, spusaliziu sm. Sposalizio, la cerimonia delle nozze culminante con il banchetto. [lat. sponsalicius].

spuntare tr.; pres. spuntu,… spuntamu, ecc.; p. rem. spuntài, ecc.; pp; spuntatu * tr. 1- Spuntare, rompere la punta; tagliare le punte, le cime: spuntare lu làpisi, la ssùgghia, l'acu spuntare il lapis, la lèsina, l'ago; sta’ scia' spuntamu le pendàgghie andiamo a tagliare le punte a quei rami pènzoli * 2- Sbottonare, sfibbiare, sganciare: spùntate li càusi sbottònati i calzoni; iδδi spuntàra le nzerte loro sganciarono le filze * 3- Spuntarla, ottenere con sforzo e stento: nde spuntàu nna uettina te lire riuscì ad ottenere più o meno otto lire. * intr. 1- Apparire all'improvviso: tuttu te paru spuntàra te retu alla pagghiara d'improvviso apparvero da dietro il trullo * 2- Del vino, inacetire rompendosi nel punto giusto * prov. Tinu smenzatu, mieru spuntatu tino semivuoto, vino inacidito.

spuntatura sf. 1- Spuntatura, spuntata, taglio di punte: famme nna spuntatura te capiδδi fammi una spuntata di capelli; spuntatura te sicàru estremità staccata di sìgaro * 2- Cima di ortaggio da spuntare: le spuntature te cecore suntu maròsteche le spuntature delle cicorie sono amarognole.

spuntiδδare intr.; pres. spuntiδδu, spuntiδδamu, ecc.; p. rem. spuntiδδài, ecc.; pp. spuntiδδatu. Apparire da lontano; far capolino: nn'àutru picca e ppoi spuntiδδa lu sule un altro poco di tempo e poi il sole apparirà; me sentu spuntiδδare do' frunchi mi sento spuntare due foruncoli. [da s- sottrattivo e it. puntellare].
DE D. de qua rretu alla punta de Furtinu / la prima nave tùrchia spuntiδδàa;

spuntu agg. Inacidito; diventato acido.

spuntune sm. 1- Spuntone, sporgenza * 2- Pollone, gemma avventizia.

spunżale sm. Cipolla porraia; il pollone della cipolla, il quale viene consumato fresco, crudo o cotto.

spunżare tr. e intr.; pres. sponżu, spuenżi, sponża, spunżamu, ecc.; p. rem. spunżài, ecc.; imper. sponża, spunżati; pp. spunżatu * tr. Imbevere di acqua, ammollire, ammorbidire inzuppando di acqua: ci nu tteniti tienti, le freseδδe spunżàtile se vi mancano i denti, inzuppate ben bene le 'friselle' biscottate; bu sta’ spunżati a mmare, a? vi state inzuppando nell'acqua di mare, nevvero? * intr. Ammorbidirsi imbevendosi di acqua: la terra s'à spunżata te àcqua la terra si è inzuppata di pioggia. [da sponża].

spunżatu agg. Gonfio di acqua; inzuppato.

disegno
spùrchia

spùrchia sf. Orobanche, pianta carnosa parassita delle leguminose. In annate difficili i contadini poveri non esitavano a mangiare lessati e conditi, oppure fritti con l'uovo, i càuli giallastri, simili (ma molto più grossi) ai turioni dell'asparago. [dal lat. *porcula(re)>*porcla, cl>chi].

spurdacchiare tr.; pres. spurdàcchiu, ecc.; impf. spurdacchiàa, ecc.; p. rem. spurdacchiài, ecc.; pp. spurdacchiatu. Ingozzare, cibare con sgradevole abbondanza * rifl. Abbuffarsi: m'àggiu spurdacchiatu te sagne ncannulate mi sono abbuffato di lasagne attorcigliate.

spurdacchiata sf. Abbuffata, scorpacciata di cibo appetitoso.

spureδδa sf. Specie di peponide, simile ad un melone precoce, la quale ha buccia verde chiazzata di giallo e polpa bianca; il suo sapore non raggiunge mai la dolcezza del melone. [dim. fem. di (melune) spùriu].

spurgare intr.; pres. spurgu,… spurgamu, ecc.; impf. spurgàa, ecc.; p. rem. spurgài, ecc.; pp. spurgatu. Spurgare, emettere pus: lu frùnchiu sta’ spurga il foruncolo emette pus. [lat. expurgare].

spurgu sm. Spurgo; scaracchio.

spuriare intr.; pres. spùriu, ecc.; impf. spuriàa, ecc.; p. rem. spuriài, ecc.; pp. spuriatu. Degenerare; imbastardirsi; tralignare in bene o in male: nde spuriàra te la razza degenerarono dalla stirpe; sirsa ete mbriacune, ma, benumale, lu fìgghiu nde sta’ spùria suo padre è un ubriacone, ma il figlio, per fortuna, sta tralignando. [da spùriu].
DE D. Ci è sorma e bete beδδa; la mamma e bè ngraziata; / fràima è simpaticone… e ieu nde su' spuriata…?

spuriata sf. Sfuriata, esplosione di collera * fig. Scroscio inaspettato di pioggia. [dall'it. sfuriare].

disegno
spuriatu

spuriatu sm. Cavolfiore, ortaggio con foglie ampie e cerose raccolte intorno al corto fusto e con una grande infiorescenza carnosa, compatta, a forma di palla, di colore biancastro; viene coltivato e consumato in quantità: spuriati ddelessati, nfucati cavolfiori lessi, cotti in umido; spuriati cu lla cunserva cavolfiori conditi con salsa di pomodoro; maccarruni, pìttule cu llu spuriatu maccheroni, frittelle con cavolfiore. [da un incr. tra lecc. spùriu e nfiuratu, per l'eccezionale infiorescenza].

spùriu agg. Spurio, diverso dai propri simili, degenerato, tralignato * fig. Illegittimo, nato fuori dal matrimonio. [da s- sottrattivo e lat. purus].

spurmare tr.; pres. spurmu,… spurmamu, ecc.; p. rem. spurmài, ecc.; pp. spurmatu. 1- Sformare, alterare la forma, guastare i connotati * 2- Estrarre dalla forma, togliere dallo stampo. [da s- privativo e furma].

spurmiculare tr. e intr.; pres. spurmìculu,… spurmiculamu, ecc.; p. rem. spurmiculài, ecc.; pp. spurmiculatu. Sbriciolare, ridurre in frammenti minuti quanto le formiche * rifl. Disfarsi in briciole * intr. Sfollare disperdendosi come formiche. [da furmìcula].

spurmunare rifl.; pres. me spurmonu, te spurmueni, se spurmone, ni spurmunamu, ecc.; p. rem. spurmunài, ecc.; pp. spurmunatu. Spolmonarsi così da finire il fiato. [da purmune].

spurniculare rifl.; pres. me spurnìculu,… ni spurniculamu, ecc.; p. rem. me spurniculài, ecc.; pp. spurniculatu. Subito ridursi in briciole; di biscotti, appena estratti dal forno sbriciolarsi da sé. [incr. tra spurnare e muδδìcula].

spurpanùzzuli sm. e f. Persona eccessivamente parsimoniosa, incline a ricavare da un bene il maggior utile possibile. [comp. da spurpa(re) nùzzuli].

spurpare tr.; pres. spurpu,… spurpamu, ecc.; p. rem. spurpài, ecc.; pp. spurpatu. Spolpare * fig. 1- Sfruttare qualcuno * 2- Sottoporre a stringente interrogatorio. [da s- sottrattivo e purpa].

spurrare tr. e intr.; pres. spurru,… spurramu, ecc.; impf. spurràa, ecc.; p. rem. spurrài, ecc.; pp. spurratu * tr. Abbattere, demolire, diroccare: pe ddespiettu spurràra lu truδδu per dispetto abbatterono il trullo * intr. Franare, crollare: lu paritieδδu spurra il muretto crollerà * fig. Non trattenersi e prorompere, sbottare: à spurratu a cchiàngere, a rrìtere è scoppiato a piangere, a ridere; spurràu a bastemare sbottò a bestemmiare. [dal lat. med. scorrupare incr. con l’it. forra].
DE D. percé iddi sirma mbriacu a stozze e nutu / e ieu nu picca a rrìtere spurrài…

spurrata sf. Sbotto, scoppio, sfogo.

spurratu agg. Crollato, diroccato, franato.

spursare, spurzare tr.; pres. sporsu (sporzu), spuersi, sporsa, spursamu, ecc.; p. rem. spursài (spurzài), ecc.; pp. spursatu. Sforzare, sottoporre ad affaticamento * rifl. Fare ogni sforzo per raggiungere uno scopo: se spursàa cu sse mpara a mmente lu sunettu te lu Mmamminieδδu si sforzava di imparare a memoria la poesia a Gesù Bambino; lu cuerpu se sfurzàa cu ntartegna l'ànima il corpo si sforzava di trattenere l'anima. [dal lecc. forsa].

spurteδδa sf. Ampio graticcio rotondo a sponde basse, fornito di due prese, adoperato per vari usi domestici. [dim. di sporta].

spurtieδδu sm. Museruola di vinchi per buoi. [dim. di spuertu].

spurtuna sf. Sfortuna.
DE D. e lu destinu maru sçia segnandu / de la città de Utràntu la spurtuna!

spurtunatu agg. Sfortunato, infausto * provv. Allu sçecu spurtunatu, all'amure furtunatu sfortunato al gioco, fortunato in amore § Quandu unu ete spurtunatu, ni chiòe a nculu puru ci stae ssettatu quando uno è sfortunato, gli piove sul sedere persino se sta seduto.

spurverare tr. e intr.; pres. spùrveru,… spurveramu, ecc.; p. rem. spurverài, ecc.; pp. spurveratu * tr. Spolverare, rimuovere la polvere dai vestiti, dai mobili * intr. Ridursi in polvere; spandersi minutamente intorno: la càuce ia sta’ spùrvera la calce viva si sta riducendo in polvere. [contrario di mpurverare].

spurverinu sm. Spolverina, gabbanella, soprabito da camera leggero e modesto. [dim. da pùrvere].

spusare tr.; pres. sposu, spuesi, sposa, spusamu, ecc.; p. rem. spusài, ecc.; pp. spusatu * 1- Sposare, unire in matrimonio: a mmie e a mmugghièrema ni spusàu papa Diatoru don Teodoro sposò me e mia moglie * 2- Dare in moglie e dare come marito: ìmu spusatu nnu fìgghiu e moi aìmu ppensare cu spusamu doi fìgghie abbiamo sposato un figlio, ora dobbiamo pensare a sistemare in matrimonio due figliole * 3- rifl. Sposarsi, contrarre matrimonio: se spusàra ca èranu ncora strei si sposarono quando erano ancora ragazzi * prov. Ci se sposa ae muti dispiaceri, ci nu sse sposa nun àe filu piaceri colui che si sposa avrà molti dispiaceri, colui che non si sposa non assaporerà mai piaceri. [lat. sponsare]. V. pure i più comunemente usati mmaretare e nzurare.
Da c. p. San Nicola nuèsciu, ci nu nni spuesi / patarnosci te nui nu nde spettare.

spusata agg. e sf. Sposata, maritata * prov. Ci nasce beδδa e ngarbata, nasce spusata colei che nasce bella e garbata, nasce sposata. V. mmaretata.

spusatu agg. e sm. Sposato, ammogliato: ci stanu mègghiu, li ziti o li spusati? stanno meglio gli scapoli o gli ammogliati? V. il più comune nzuratu.

spùsçenu sm. Verbasco dei coltivi o tasso barbasso, pianta spontanea delle scrofulacee, con fusto eretto, foglie alterne pubescenti, fiori porporini e frutti a capsula bivalve la quale, aprendosi di scatto, espelle i semi; i fiori venivano usato in infusi per la loro proprietà espettorante.

spùsçere, spusçìre tr.; pres. spùsçiu,… spusçimu, ecc.; p. rem. spusçìi,… spusçemmu, ecc.; pp. spusçiutu. Eliminare il pus; fare uscire sangue da una ferita: ni spusçìu lu nchiatu e llu malatu ni passàu gli espunse il pus dal gonfiore e la ferita guarì; cu nnu cazzottu n'à spusçiutu lu nasu con un pugno gli fece uscire sangue dal naso * rifl. Fuoriuscire sangue e pus: le esseture a una a una se spusçèra ad una ad una le pustole si ruppero e il pus fuoriuscì. [dal lat. expungere incr. con it. sfociare]. V. pure spùcere.

spusemare tr.; pres. spòsumu, spuèsumi, spòsuma, spusumamu, ecc.; p. rem. spusumài, ecc.; pp. spusumatu. Togliere l'appretto. [contrario di mpusumare].

spussètere, spussetìre tr.; pres. spussetu, spussieti, spussete, spussetimu, ecc.; p. rem. spussetìi,… spussetemmu, ecc.; pp. spussetutu. Sborsare, sganciare soldi: spussetìu nnu centenaru te lire una subbra all'àutra sborsò un centinaio di lire una sull'altra. [s- sottrattivo e pussetìre].

spustare tr. e intr.; pres. spostu, spuesti, sposta, spustamu, ecc.; p. rem. spustài, ecc.; pp. spustatu * tr. Spostare, cambiare di posto o di posizione: spustati cchiù' δδai la banca spostate il tavolo più in là; ci nu sse spòstanu, nu pputimu passare se non si scostano non possiamo passare * intr. Squilibrarsi della mente; sragionare: quiδδi sta’ spòstanu, nu tte nd'à' ccorta? quelli stanno sragionando, non te ne sei accorta?

spustatu agg. Squilibrato mentale.

sputacchiata sf. Sputo. [dall'it. sputacchio].

sputaelenu sm. Cocomero asinino, pianta ruderale con steli striscianti e foglie ruvide al tatto; i fiori sono isolati e di colore giallo tenero, i frutti a peponide, giunti a maturazione, lanciano all'intorno il succo interno frammisto a semi. V. cucùmmeru riestu.

sputalora, sputarola sf. Sputacchiera.

sputare1 intr. e tr.; pres. sputu,… sputamu, ecc.; p. rem. sputài, ecc.; pp. sputatu * intr. Sputare, espellere saliva: quandu parla stizzatu sputa quando parla irritato spruzza saliva * modo di dire: sputa ca ncoδδa detto fatto, come volevasi dimostrare * prov. Ci sputa a ncelu, a nfacce ni cate se uno sputa in aria, lo sputo gli cade addosso, il male ricade su chi lo compie * tr. 1- Buttare fuori dalla bocca: sputàa sangu sputava sangue; sputàtinde li nùzzuli sputàtene i nòccioli * 2- Spruzzare di saliva qualcuno per ingiuria, lanciare uno sputo per offesa . [lat. sputare].

sputare2 tr. Girare dall'altra parte; rivoltare: lu ota e llu spota lo gira e lo rigira * rifl. Storcersi, distorcersi: mise lu pete a ffàusu e sse sputàu mise il piede in fallo e questo si distorse; se sputàra le tìsçete le dita si storsero. [dall'it. svo(l)tare].

sputareδδe sf. pl. Acquolina in bocca; abbondante salivazione eccitata dalla condizione di gravidanza o di ulcera gastrica.

sputata sf. Svoltata, cambio brusco di direzione; distorsione di un arto.

sputazza sf. Saliva.

sputerare, spuderare tr.; pres. spòteru, spuèteri, spòtera, sputeramu, ecc.; p. rem. sputerài, ecc.; pp. sputeratu. Sfoderare; sguainare.

sputeratu (spuderatu) agg. Sfoderato; privo di fodera.

sputtanamientu sm. Sputtanamento; svergognamento.

sputtanare tr.; pres. sputtanu,… sputtanamu, ecc.; impf. sputtanàa,… sputtanaàmu, ecc.; p. rem. sputtanài, ecc.; pp. sputtanatu. Sputtanare.

sputtanatu agg. Sputtanato, screditato.

sputtanisçiare tr.; pres. sputtanìsçiu, ecc.; impf. sputtanisçiàa, ecc.; p. rem. sputtanisçiài, ecc.; pp. sputtanisçiatu. Sputtanare pubblicamente, esporre al ludibrio generale. [da sputtanare + suff. intens.-iter. -sçiare].

sputtanisçiatu agg. Sputtanato, penosamente esposto al pubblico discredito.

spùttere, sputtìre tr.; pres. sputtu,… sputtimu, ecc.; p. rem. sputtìi,… sputtemmu, ecc.; pp. sputtutu. Sfottere, canzonare, irridere, schernire * fig. Stuzzicare, sfregare maldestralmente; grattare sino a far male: nu tte spùttere lu neu non stare a sfregarti di continuo il neo.

sputtìu sm. Sfottò insistente, malevola presa in giro.

sputtrunare rifl.; pres. me sputtronu, te sputtrueni, se sputtrona, ni sputtrunamu, ecc.; p. rem. me sputtrunài, ecc.; pp. sputtrunatu. Abbandonarsi piacevolmente su una poltrona * fig. Poltrire, impigrire, spoltroneggiare. [da puttrona].

sputtrunatu agg. con senso fig. Pigramente comodo e tranquillo; soddisfatto ormai del proprio stato.

sputuratu (lett.) agg. Spudorato. [lat. expudoratus]. V. uastasignu, puercu.

squadru sm. Squadro, sorta di squalo simile alla volpe di mare o pesce angelo. [lat. squatus incr. con it. quadro].

squagghiare tr. e intr.; pres. squàgghiu, ecc.; impf. squagghiàa, ecc.; p. rem. squagghiài, ecc.; pp. squagghiatu * tr. Squagliare, fondere, sciogliere, stemperare in un liquido: squagghiare la cira, la pice, lu chiummu, lu stagnu squagliare la cera, la pece, il piombo, lo stagno * rifl. Squagliarsela, filarsela non visto: quandu se tratta te paàre, se la squàgghianu quando si tratta di pagare, se la filano alla chetichella * intr. Sciogliersi, liquefarsi: la giucculata se squagghiàu a mpàuta il cioccolatino si fuse nella tasca * prov. Allu squagghiare te la nie pàrenu li strunzi allo sciogliersi della neve vengono fuori gli stronzi * fig. Sudare abbondantemente, sciogliersi in sudori. [contrario di quagghiare].

squagghiata sf. Sudata a profusione.

squaquaracchiare rifl.; pres. me squaquaràcchiu, ecc.; impf. me squaquaracchiàa, ecc.; p. rem. me squaquaracchiài, ecc.; pp. squaquaracchiatu. Enfiarsi di prosopopea; ostentare un vanitoso compiacimento di sé, pavoneggiarsi.

squaquaracchiatu agg. Presuntuoso, borioso, tronfio.

squaquèsci agg. indecl. Che ha la pappagorgia, fornito di vistoso doppio mento.

squarche, scarche agg. Qualche. V. il più usato quarche.

squariare intr.; pres. squàriu, ecc.; impf. squariàa, ecc.; p. rem. squariài, ecc.; pp. squariatu. Tardare, perdere o prendere tempo: nu squariati cu tturnati non fate tardi a tornare * prov. Cu ppai nu tte mmanisçiare, cu ppigghi nu squariare per pagare non ti affrettare, per incassare non perdere tempo.

squartare tr.; pres. squartu,… squartamu, ecc.; p. rem. squartài, ecc.; pp. squartatu. Squarciare, lacerare. [lat. exquartiare].

squartarisçiare tr.; pres. squartarìsçiu, ecc.; impf. squartarisçiàa, ecc.; p. rem. squartarisçiài, ecc.; pp. squartarisçiatu. Lacerare più volte in più punti; sbrindellare. [da squartare + suff. iter. -sçiare].

squartarisçiatu agg. Sbrindellato, con i vestiti a sbrendoli.

squartatu agg. Lacero e sdrucito; sbrindellato * prov. Lu cane sècuta sempre lu squartatu il cane insegue sempre il lacero, i guai càpitano più spesso agli sventurati.

squartaturu sm. Coltellaccio a lama larga e troncata, usato per squartare le bestie macellate. [da squartatu + suff. funz. -uru].

squartignu sm. Uomo di basso ceto, che indossa sempre un vestito rattoppato.

squasare tr.; pres. squasu,… squasamu, ecc.; p. rem. squasài, ecc.; pp. squasatu. Scalzare, togliere cioè le scarpe e le calze; mettere a piedi nudi: squasàu li strei e lli fice cùrrere ntra llu aratu tolse le calzature ai bambini e li fece correre nella terra arata di fresco * rifl. Togliersi scarpe e calze e stare scalzo. [lat. excalceare].

squasatu agg. Scalzo, a piedi nudi * prov. Ci sìmmena ausapièti cu nnu bàsçia squasatu chi sparge triboli aculeati non vada scalzo.

squatare tr.; pres. squatu,… squatamu, ecc.; p. rem. squatài, ecc.; pp. squatatu. Scocere; mettere nell'acqua bollente un cibo precotto. [dal lat. excaldare incr. con lecc. quatore]. V. scautare.

squatatu agg. Scottato; cotto e ribollito. V. pure scautatu.

squatra sf. 1- Squadra a triangolo rettangolo * 2- Gruppo di persone coordinate e allineate.

squaternare (lett.) tr.; pres. squaternu,… squaternamu, ecc.; p. rem. squaternài, ecc.; pp. squaternatu. Staccare e disordinare le pagine di un quaderno. [da s- sottrattivo e quaternu]. V. spaggenare.

squatrare tr.; pres. squatru,… squatramu, ecc.; p. rem. squatrài, ecc.; pp. squatratu. Squadrare, ridurre a sezione quadra * fig. Guardare attentamente da capo a piedi, quasi misurando.

squatratore sm. Operaio squadratore.

squatratu agg. Lavorato e ridotto a sezione quadra.

squatrinare tr.; pres. squatrinu,… squatinamu, ecc.; p. rem. squatrinài, ecc.; pp. squatrinatu. Osservare meticolosamente, soppesare; guardare con curiosità sperando di trovare difetti.

squatrinu sm. Indagine; osservazione puntigliosa dell'ambiente.

squatrone sm. Squadrone di cavalleria.

squatru sm. Squadra, strumento a forma di triangolo rettangolo, di ferro quello adoperato dai muratori squadratori, di legno quello dei falegnami e dei sarti.

squatru fàusu sm. Quartabuono, squadra snodata che può segnare qualsiasi angolo.

squatrunare tr.; pres. squatrunu,… squatrunamu, ecc.; p. rem. squatrunài, ecc.; pp. squatrunatu. Mettere a soqquadro; sbaragliare, scompigliare.

squàttaru sm. Sguattero.

squazzare tr.; pres. squazzu,… squazzamu, ecc.; p. rem. squazzài, ecc.; pp. squazzatu. Schiacciare o comprimere una cosa molle, spiaccicare: le pire s'ànu tutte squazzate le pere si sono completamente spiaccicate; me squazzàu la panza mi compresse la pancia. [dall'it. schiacciare incr. con lecc. quazzu].

squazzatu agg. Spiaccicato: se truàu le oe squazzate ntra llu panaru trovò le uova spiaccicate nel paniere.

squèscia sf. Bazza, mento piuttosto appuntito. V. scuèscia.

squesciune sm. Persona con bazza pronunziata.

squesitu (lett.) agg. Squisito, assai gradito al palato; prelibato. [lat. exquisitus]. V. i più comuni sapuritu, custosu.

squinciare tr. e intr.; pres. squìnciu, ecc.; impf. squinciàa, ecc.; p. rem. squinciài, ecc.; pp. squinciatu. Obliquiare, disporre obliquamente; passare, scansare rasentando * intr. fig. Parlare per sottintesi, svicolare; svirgolare. [da squìnciu].

squìnciu sm. Sghimbescio, sghembo, inclinazione errata: lu squìnciu te lu parite dae all'ecchi lo sghembo del muro salta alla vista * fig. Errore, svista * avv. Obliquamente, rasente: la pallòttula ni passàu te squìnciu la pallottola gli passò rasente. [it. sguincio].

squisitezza sf. Squisitezza, delicatezza di sapore.

Squìzzera sf. Svizzera.

squìzzeru agg. Svizzero, proveniente dalla Svizzera: casu squìzzeru formaggio svizzero; le acche squìzzere fàcenu mutu latte le mucche di razza svizzera (alpina) producono latte abbondante.

squìzzula sf. Piccolo profitto piuttosto illecito; cresta fatta alla spesa giornaliera. [dal lat. quisquiliae].

ssabbetatu agg. Disabitato: li zìngari truàra doi case ssabbetate gli zingari trovarono due abitazioni disabitate.
DE D. e llaca li desierti ssabbetati, / le strittule sulagne e scanusciute;

ssaccare tr. e intr.; pres. ssaccu, ssacchi, ssacca, ssaccamu, ecc.; p. rem. ssaccài, ecc.; pp. ssaccatu * tr. Asciuttare, prosciugare: tira e ttira, ànu ssaccatu lu puzzu attingi e attingi acqua, hanno prosciugato il pozzo * intr. Ansare, ansimare, avere il fiatone, boccheggiare con la gola asciutta: rriàu ssaccandu arrivò ansando; ncora sta’ ssàccanu pe lla cursa tuttora ànsimano per la corsa fatta. [dal lat. exsiccare incr. con lat. volg. *anxare].
DE D. lu ruèffulu de cinca sta murìa, / lu ssaccare nfannusu de ci curre,

ssaccarire tr. e intr.; pres. ssaccariscu,… ssaccarimu, ecc.; (segue la coniugazione di nsaccarire) * tr. Disseccare, inaridire * intr. Avere una grande sete.

ssaccarisçiare intr.; pres. ssaccarìsçiu, ecc.; impf. ssaccarisçiàa, ecc.; p. rem. ssaccarisçiài, ecc.; pp. ssaccarisçiatu. Sitire, avere sete; avere ardente desiderio di bere: sta’ ssaccarìsçianu comu cani rraggiati hanno gran desiderio di bere a guisa di cani idrofobi. [dal lecc. ssaccarìre + suff. intens.-ripetit. -sçiare].

ssaccarutu agg. Assetato, sitibondo; con la gola arsa: lu core miu ete ssaccarutu te li asi toi il mio cuore è assetato dei tuoi baci.
DE D. era gne Tùrchiu de vendetta mbriacu / e de sangu cristianu ssaccarutu!

ssaccu (pl. ssacchi) sm. Ansimo, respiro faticoso: stae alli lùrtima ssacchi sta agli ultimi respiri, è in agonia.

ssacenare tr.; pres. ssàcenu,… ssacenamu, ecc.; p. rem. ssacenài, ecc.; pp. ssacenatu * tr. Staccare gli acini dal grappolo; piluccare: quandu uliti, ssacenati l'ua pe llu spìretu quando volete, sgranellate gli acini dell'uva da mettere sotto spirito * rifl. Sgranellarsi. [da s- privativo e àcenu].

ssaggiare tr.; pres. ssàggiu, ecc.; impf. ssaggiàa, ecc.; p. rem. ssaggiài, ecc.; pp. ssaggiatu. Assaggiare; mangiare assai limitatamente: uèi cu ssaggi le mazzate? vuoi assaggiare le botte?; ssaggiàu le marangiane e lle lassàu assaggiò appena le melanzane e non ne mangiò più. [da ssàggiu].
Stornello: Rosa te ndore, / mmienzu alle razze toi famme ssaggiare / tutte le gioie ci te dae l'amore.

ssàggiu sm. Assaggio: nnu ccuniceδδu sulu pe ssàggiu un solo bocconcino per assaggio. [lat. exagium, lat. volg. *adsagium].

ssai avv. Assai, molto. [lat. adsa(t)is].
Da c. p. tròate nn'àutra amante comu uèi, / dùnani lu tou core o picca o ssai.

ssamare intr.; pres. ssamu,… ssamamu, ecc.; p. rem. ssamài, ecc.; pp. ssamatu. Sciamare, formare un altro sciame; precipitarsi a frotte. [da ssamu].

ssamenare tr.; pres. ssàmenu,… ssamenamu, ecc.; p. rem. ssamenài, ecc.; pp. ssamenatu. Esaminare; guardare con grande interesse e con la massima attenzione. [dal lat. examinare].

ssammarisçiare v. sciammarisçiare.

ssammulisçiare tr. e intr.; pres. ssammulìsçiu, ecc.; impf. ssammulisçiàa, ecc.; p. rem. ssammulisçiài, ecc.; pp. ssammulisçiatu * tr. Scuotere un recipiente che contiene un liquido; agitare il liquido contenuto in un recipiente: ci lu mieru lu sciammarisçi, pe fforsa à ffare sçuma il vino, se lo agiti, per forza deve fare schiuma * intr. Sciaguattare, diguazzare di un liquido nel suo contenitore: la carratizza nun era china e ll'àcqua ssammulisçiàa il carro-botte non era colmo e l'acqua vi sciaguattava * fig. Trabalzare di indumenti troppo larghi sul corpo: la giacchetta te lu sire ni sçia sciammulisçiandu subbra a δδe spaδδiceδδe la giacca di suo padre gli andava trabalzando addosso a quelle esili spalle.

ssampulare tr.; pres. ssàmpulu,… ssampulamu, ecc.; p. rem. ssampulài, ecc.; pp. ssampulatu. Ampliare, slargare. [lat. volg. *exampliare incr. con lecc. àpulu].

ssampulatu agg. Slargato; ampio; di indumento che trabalza addosso. V. pure il più usato sciamblatu.

ssamu sm. Sciame; frotta: già doi ssami te api se nd'ànu sçiuti già due sciami di api se ne sono andati via; nnu ssamu te strei essìa te la scola una frotta di ragazzi usciva dalla scuola. [dal lat. examen].

ssannatu, assannatu agg. Assetato, sitibondo * fig. Bramoso, assai avido.

ssapurare tr.; pres. ssapuru,… ssapuramu, ecc.; p. rem. ssapurài, ecc.; pp. ssapuratu. Assaporare, assaggiare un cibo o una bevanda per saggiare il sapore.

ssarmare tr.; pres. ssarmu,… ssarmamu, ecc.; p. rem. ssarmài, ecc.; pp. ssarmatu. Disanimare, scoraggiare. [comp. dal lat. dis- e lecc. arma].

ssassinare (lett.) tr.; pres. ssassìnu,… ssassinamu, ecc.; p. rem. ssassinài, ecc.; pp. ssassinatu. Assassinare. V. ccìtere.

ssassinu sm. Assassino * fig. Scellerato che di proposito procura rovina ad altri.

ssecundare tr.; pres. ssecundu,… ssecundamu, ecc.; p. rem. ssecundài, ecc.; pp. ssecundatu. Ripetere (generalmente una botta), dare un secondo colpo; colpire di rimessa: ni ssecundàu nnu tàfaru e nni spusçìu lu nasu gli assestò un secondo pugno e gli fece uscire sangue dal naso.

ssegnamientu sm. Assegnamento: nu ppueti fare ssegnamientu su δδu cachiellu te cusçìnuta non puoi fare assegnamento su quel buono a nulla di tuo cugino.

ssegnare tr.; pres. ssegnu, ssiegni, ssegna, ssegnamu, ecc.; p. rem. ssegnài, ecc.; pp. ssegnatu. Assegnare, attribuire: lu mèsciu ssegnàu lu stàgghiu a gne descìpulu il maestro assegnò il lavoro da eseguire in giornata a ciascun discepolo. [lat. adsignare].

ssegnuttare intr.; pres. ssegnuttu,… ssegnattamu, ecc.; p. rem. ssegnuttài, ecc.; pp. ssegnuttatu. Singhiozzare, sia nel senso di piangere con singhiozzi e sia nel senso di avere singulti alla glòttide. [lat. singultiare].

ssegnuttu sm. Singhiozzo; singulto: chiangìa a ssegnutti piangeva a singhiozzi; spicciatu te mangiare, me ene lu ssegnuttu terminato di mangiare, mi viene il singulto; bii chianu chianu e llu ssegnuttu te passa bevi a piccoli sorsi e il singulto ti passa. [lat. singultum]. Strambotto: ssegnuttu ssegnuttài, | allu zitu lu mandài; / ci lu zitu me ole bene, / lu ssegnuttu se lu tene; / e cci nu mme ole bene, / lu ssegnuttu me ae e bene; / ci lu zitu me ole male, / lu ssegnuttu me rrimane.
DE D. Cu nu te ìsçiu chiàngere te utài, / ma lu ssegnuttu, ohimè!, te lu sentìa.

ssegnuttuni (a -) avv. A singhiozzi.

ssembrea (lett.) sf. Assemblea, adunanza di persone. V. anche reunione.

ssementare tr.; pres. ssementu, ssemienti, ssementa, ssementamu, ecc.; p. rem. ssementài, ecc.; pp. ssementatu. Assestare un colpo per frantumare, colpire con violenza con l'intenzione di ridurre a pezzettini; scaraventare, scagliare allo scopo di rompere: ni ssementàu nnu cazzottu a mmucca gli assestò un cazzotto sulla bocca; ni ssementàra ccenca ttenìanu a mmanu gli scaraventarono contro qualunque oggetto avessero in mano. [da un incr. tra it. assestare e lamentare, non escluso il lecc. semente].

ssemigghiare intr. e tr.; pres. ssemìgghiu, ecc.; impf. ssemigghiàa, ecc.; p. rem. ssemigghiài, ecc.; pp. ssemigghiatu * intr. Somigliare, essere somigliante: ssemìgghia pintu e scuδδatu a mmàmmasa somiglia come una fotocopia a sua madre * prov. Ci nu sse ssemìgghia nu sse pìgghia (variante) nu sse pìgghianu ci nu sse ssemìgghianu non si pìgliano se non si somigliano * tr. Rassomigliare, trovare somigliante ad un altro: nui ssemigghiamu la vita a nna chianta noi rassomigliamo la vita a una pianta; stu carusu lu sta’ ssemigghiàa allu Peppantoni rassomigliavo questo ragazzo a Giuseppe Antonio. [lat. similiare, lat. volg. assimiliare].
DE D. L'amore, beδδe mei, ssemìgghia all'apu | ca se ccògghie lu mele a ddu lu troa.

ssemigghiata sf. Rassomiglianza: nna ccerta ssemigghiata cu ssirda nc'ete una certa rassomiglianza con tuo padre si nota.

ssemmurgiare tr.; pres. ssemmùrgiu, ecc.; impf. ssemmurgiàa, ecc.; p. rem. ssemmurgiài, ecc.; pp. ssemmurgiatu. Sommergere reiteratamente; scuotere nell'acqua; strattonare: li uagnuni ssemmurgiàanu lu filu te la cumeta i fanciulli tiravano a strappi il filo dell'aquilone. [dal lat. submergere incr. con it. mùrgia, morso del freno].

ssemmurgiata sf. Immersione reiterata in un liquido; strattonamento.

ssemmuttare tr.; pres. ssemmuttu,… ssemmuttamu, ecc.; p. rem. ssemmuttài, ecc.; pp. ssemmuttatu. Immergere ripetutamente in un liquido; sciaguattare: ssemmuttàa le spàrecane ntru lla lessìa sciaguattava i pannolini nella liscivia; ni ssemmuttàu (ed anche ni ssemmurgiàu) la capu ntra mare gli immerse più volte la testa nell'acqua del mare. [dal lat. submergere incr. con lat. volg. mottare].

ssemmuttata sf. Immersione più volte ripetuta; sbattimento anche fuori dall'acqua.

ssempiu, esèmpiu sm. Esempio: cu bessa te ssèmpiu alli frati toi che sia di esempio ai tuoi fratelli; ni sta’ dai nnu bruttu esèmpiu gli dai un cattivo esempio. [lat. exemplum].

ssensu, ssenzu sm. Assenso, approvazione. [lat. assensus].

ssenziale agg. Essenziale, sostanziale. [lat. essentialis].

ssenziu, assènziu sm. Assenzio, liquore forte fatto di acquavite con foglie di assenzio macerate in infusione; essenza, estratto per liquori. [gr. apsìnthion].

ssessore, assessore sm. Assessore, membro di una giunta comunale. [dal lat. assessor -oris].
MAR. pe fare lu ssessore suntu natu, / e lu sìndecu ppena se ccurgìu / me disse: -Ane alla chiazza, fìgghiu miu, / fatte temìre, ca si' rrispettatu.

ssessu, ussessu sm. Ossesso, posseduto dal demonio * fig. Energumeno furioso. [dal lat. obsessus].

ssestimientu, ssistimientu sm. Assistenza.

ssestitu agg. Assistito e curato * sm. Persona ispirata e capace di suggerire i numeri vincenti al lotto.

ssetatu agg. Assetato, sitibondo.
MAR. quandu stisu alla subbina / cu lu piettu spugghecatu, / me saziàa de δδ'ària fina, / me binchiàa, pôru ssetatu.

ssettare tr. e intr.; pres. ssettu, ssietti, ssetta, ssettamu, ecc.; p. rem. ssettài, ecc.; pp. ssettatu * tr. 1- Mettere a sedere, aiutare uno a sedere: ssettasti lu piccinnu allu seggiulone mettesti a sedere il bimbo al seggiolone * 2- Rassettare: sta’ ssettàanu le nzerte te tabbaccu rassettavano le filze del tabacco * intr. rifl. Sedersi: se ssettàu allu suliceδδu si sedette al sole tiepido; ssettàtiu a ntàula ca ete prontu sedetevi a mensa che è pronto * fig. Iscriversi a una confraternita: mofallannu me ssettài alla cungreca e cquannu se ssetta puru fìgghiuma or fa un anno mi iscrissi alla confraternita e quest'anno si iscriverà anche mio figlio * modo di dire: ssettare fratellu rimanere con le pive nel sacco. [dal lat. asseditare].

ssettatu agg. Seduto: sia ca stae ssettatu susu a lli craùni ddumati come se stesse seduto sui carboni accesi.

ssettaturu sm. Sedile occasionale; masso su cui sedersi. [da ssettatu + suff. funz. -uru].

ssicurànzia sf. Sicurezza, assicurazione; garanzia; tranquillità.
Da c. p. ulìa cu mme ami sulamente a mmie, / ièu puru te la dau la ssicurànzia.

ssicurare tr.; pres. ssicuru,… ssicuramu, ecc.; p. rem. ssicurài, ecc.; pp. ssicuratu. 1- Assicurare, garantire; rassicurare: cussìne ni ssicurasti l'abbenire alla fìgghia, a? così garantisti alla figlia l'avvenire, nevvero? * 2- Fissare saldamente: lu sìcchiu nu llu ssicuràu buenu allu nzartu non legò saldamente il secchio alla fune. [lat. adsecurare].

ssiettu sm. Conformazione della parte d'appoggio di un oggetto; stato di una base d'appoggio: li ssietti te li ìmbreci se sta’ ttròanu scunnessi gli appoggi delle tegole si presentano sconnessi e non combaciano. V. pure siettu.

ssìstere, ssestìre tr.; e intr.; pres. ssistu,… ssestimu, ecc.; p. rem. ssestìi,… ssestemmu, ecc.; pp. ssestutu * tr. Assistere, aiutare con cura, proteggere, sovvenire: nnu mese petunu ssestìanu li siri loru un mese ciascuno si prendevano cura dei loro genitori; ci nu mm'ìa ssestutu Sant'Antoni, ci sape cce mm'ìa capetatu se non mi avesse protetto S. Antonio, chissà che cosa mi sarebbe capitato; Matonna mia, ssìstime fìgghiama Madonna mia, soccorri mia figlia * intr. Assistere a un avvenimento, essere presente: ssestestu a nnu bruttu spettàculu assisteste ad un triste spettacolo. [lat. adsistere].

ssòrgere, ssurgìre tr.; pres. ssòrgu, ssuergi (ssergi), ssorge, ssurgimu, ecc.; p. rem. ssurgìi (ssuesi, ssesi), ssurgisti, ssurgìu (ssose), ssurgemmu (ssòsemu), ssurgestu, ssurgèra (ssòsera) ; pp. ssurgiutu (ssuetu, ssetu, f. ssota). Slacciare, slegare, sciogliere e disfare un nodo: sta’ ssurgìa la sàula slegava la fune; le nnùture s'ànu ssote i nodi si sono sciolti. [dal lat. exsolvere incr. con lat. volg. exsurgere]. V. pure stòcere.

ssucapanni sm. Tamburlano, intelaiatura a cupola con scaldino sottostante, su cui viene sistemata la biancheria ad asciugare.

ssucare tr. e intr.; pres. ssucu, ssuchi, ssuca, ssucamu, ecc.; p. rem. ssucài, ecc.; pp. ssucatu. Asciugare; diventare asciutto: la tramuntana à ssucate già le rrobbe il vento di tramontana ha asciugato già i panni; la carrareδδa nu rria a ssucare il viottolo non fa in tempo ad asciugarsi. [lat. exsucare].
Filastrocca: E ninò lu nonsipò, / nu lli ssuchi li panni no: / s'à butatu lu sçeroccu, / lu maletiempu ene mo'.

ssuetu, ssetu (f. ssota) agg. Sciolto, disfatto dal nodo, slegato.

disegno
ssùgghia

ssùgghia sf. Lesina del calzolaio * prov. Cu lla ssùgghia nu po' stare lu puntaturu il punteruolo non può competere con la lesina. [lat. subula, lat. volg. *sublia].

ssugghiatieδδu sm. Lesina corta con punta diritta.

ssùgghiu sm. Subbio del telaio, il paletto cilindrico posteriore dove si avvolge l'ordito; cilindro dell'argano e dello spiedo. [lat. insubulum, lat. volg. sublium]. V. anche ròcciu.

ssulare tr.; pres. ssulu,… ssulamu, ecc.; p. rem. ssulài, ecc.; pp. ssulatu. Assolare, conservare una sola carta da gioco di un certo seme, specialmente nel tressette. [da sulu].

ssulutu, assulutu agg. Assoluto: ièu àggiu raggione ssuluta io ho ragione assoluta.

ssumagghiare tr.; pres. ssumàgghiu, ecc.; impf. ssumagghiàa, ecc.; p. rem. ssumagghiài, ecc.; pp. ssumagghiatu. Torcere e ritorcere un fusto fibroso, piegarlo e ripiegarlo, snodandolo in un punto ma senza riuscire a spezzarlo.

ssumare tr.; pres. ssumu,… ssumamu, ecc.; p. rem. ssumài, ecc.; pp. ssumatu. Sollevare il livello di un liquido; colmare i recipienti aggiungendo altro contenuto. [dal lat. med. exumare].

ssumbrare rifl.; pres. me ssumbru,… ni ssumbramu, ecc.; p. rem. me ssumbrài, ecc.; pp. ssumbratu. Adombrarsi e spaventarsi. V. anche sumbriare.

ssunchiare intr.; pres. ssùnchiu, ecc.; impf. ssunchiàa, ecc.; p. rem. ssunchiài, ecc.; pp. ssunchiatu. Sospirare profondamente a causa di un turbamento; dare un profondo sospiro; sbuffare soffocando i singhiozzi. [da ssùnchiu].

ssùnchiu sm. Sospiro profondo; singhiozzo soffocato. [dal lat. singultus incr. con lat. volg. bufunc(u)lus].

Ssunta, Ssuntina, Ntina pers. Assunta.

ssunzione sf. Assunzione; la festa dell'Ascensione. [lat. assumptio -onis].

ssuperchiare tr.; pres. ssupèrchiu, ecc.; impf. ssuperchiàa, ecc.; p. rem. ssuperchiài, ecc.; pp. ssuperchiatu. Sovrabbondare, eccedere il fabbisogno: quandu l'ègghiu ssupèrchia, mmarcatisce allorché l'olio sovrabbonda, è in eccedenza, il suo prezzo cala. [da supèrchiu].

ssuppare tr.; pres. ssuppu,… ssuppamu, ecc.; p. rem. ssuppài, ecc.; pp. ssuppatu. Inzuppare nel latte, nel caffè; intingere nel brodo, in un qualsiasi intingolo * fig. Coire, congiungersi con una donna. [suppa].

ssuppata sf. Inzuppata * fig. Coito frettoloso.

ssuppatieδδu sm. Ogni intingolo dove poter inzuppare fette di pane.

ssuppatura sf. Inzuppamento delle attrezzature del frantoio oleario, fatto mediante una prima molitura di olive di scarto.

ssuppaturu sm. 1- Panno spesso, preferibilmente di spugna, che viene sistemato tra le gambe del neonato al di sopra delle 'spàrecane' * 2- Panno toppone messo a difesa del materasso. [dal lecc. ssuppatu + suff. funz. -uru].

ssurtimientu, ssurtimentu sm. Assortimento di merci.

ssùrvere, ssurvìre tr.; pres. ssorvu, ssuervi, ssorve, ssurvimu, ecc.; p. rem. ssurvìi… ssurvemmu, ecc.; pp. ssurvutu. Assolvere. [lat. absolvere].

ssurvezione sf. Assoluzione: lu giùdece cu uce schiδδante leggìu la sentènzia te ssurvezione il giudice con voce stridula lesse la sentenza di assoluzione. [lat. absolutio -onis].
DE D. E ccomu se spicciàu de cunfessare / ni dese Santu Ndrea la ssurvezione,

ssuta de li uettu sf. L'uscita dopo otto giorni. Era così detta la prima uscita da casa della novella sposa dopo otto giorni dalla festa nuziale; accompagnata dal marito, la sposina si recava, per rendere visita, prima dalla suocera e poi dalla propria madre.

ssuttare tr. e intr.; pres. ssuttu,… ssuttamu, ecc.; p. rem. ssuttài, ecc.; pp. ssuttatu. Asciuttare, prosciugare; asciugare: le pècure ssaccarute ssuttàra lu pelune le pecore assetate prosciugarono la vasca dell'acqua; la terra sta’ ssutta la terra si sta asciugando. [lat. exsucare incr. con lat. volg. exsuctare].

ssuttatu agg. Diventato asciutto; prosciugato; arido.

ssuttigghiamientu sm. Assottigliamento.

ssuttigghiare tr. e intr.; pres. ssuttigghiu, ecc.; impf. ssuttigghiàa, ecc.; pp. ssuttigghiài, ecc.; pp. ssuttigghiatu. Assottigliare, ridurre lo spessore; diventare più esile.

ssuttu agg. Asciutto; secco e magro: lu pane ssuttu me face nnutecare il pane asciutto mi rimane in gola; tenìa nnu corpu ssuttu comu nnu sçiuncu aveva un corpo asciutto come un giunco. [lat. exsuctus].

ssuzzare tr.; pres. ssozzu, ssuezzi, ssozza, ssuzzamu, ecc.; p. rem. ssuzzài, ecc.; pp. ssuzzatu. Pareggiare, rendere uguali in lunghezza; appianare. [lat. adsociare incr. con secare].

sta agg. dimostrativo fem. Questa: sta pinna nu scrie questa penna non scrive. V. stu.

sta’ forma verbale contratta di stare, indeclinabile, spesso pleonastica, la quale assume i numerosi valori sia del tempo (presente o imperfetto) e sia della persona del verbo cui si accompagna; inoltre essa rafforza il suono della consonante iniziale seguente, la quale si raddoppia: (ièu cantu) ièu sta’ ccantu (io canto) io sto cantando [ma pure in italiano non avvertiamo una differenza di tono nel pronunziare la c-?]; iδδu sta’ ddurmìa egli dormiva; nui sta’ bbeìamu noi stavamo bevendo; iδδe nci sta’ ccrìtenu? esse ci credono? V. la voce verbale stare.

stabbaccare intr.; pres. stabbaccu, stabbacchi, ecc.; p. rem. stabbaccài, ecc.; pp. stabbaccatu. Stabaccare, pizzicare polvere di tabacco dalla tabacchiera; fiutare tabacco. [da s- sottrattivo e tabbaccu].

stàbbele agg. Stabile, ben fermo, saldo. [lat. stabilis].

stabbelìre tr.; pres. stabbeliscu,… stabbelimu, ecc.; impf. stabbelìa,… stabbelìamu, ecc.; p. rem. stabbelìi… stabbelemmu, ecc.; pp. stabbelitu. Stabilire, decidere.

stabbelitu agg. Stabilito, deciso, fissato. [lat. stabilitus].

stabbilimentu (pl. stabbilimienti) sm. Stabilimento, opificio, edificio di fabbrica.

staccare tr.; pres. staccu, stacchi, stacca, staccamu, ecc.; p. rem. staccài, ecc.; pp. staccatu. Staccare, separare.

staccatore sm. Negoziante di cuoiame.

staccatu v.

steccatu.

staccherìa sf. Negozio di vendita all'ingrosso di cuoiami.

stàccia sm. Muriella, piastrella, sasso appiattito usato dai ragazzi per eseguire vari giochi. [dall'it. stiàccia incr. con schiàccia].

staccisçiare tr.; pres. staccìsçiu, ecc.; impf. staccisçiàa, ecc.; p. rem. staccisçiài, ecc.; pp. staccisçiatu. Spianare battendo; appiattire a colpi di attrezzo adatto: staccìsçia le gnife, lu mpastu te cementu, lu murtieri spiana le zolle, l'impasto di cemento, la malta. [dall'it. stiacciare incr. con schiacciare + suff. iter. -sçiare].

stàcciu (a -) avv. A casaccio, a vanvera, come va va; di botto: nu biti ca sta’ pparli a stàcciu? non ti accorgi che parli a vanvera?

staccu (pl. stacchi) sm. Stacco, separazione, intervallo divisorio. [da staccare].

staδδa sf. Stalla * provv. Cinca strìgghia lu sou caδδu, nu be' cchiamatu muzzu te staδδa colui che striglia il proprio cavallo non viene chiamato garzone di stalla § Sprangare la staδδa dopu ca su' scappate le èstie sprangare la stalla dopo che le bestie son fuggite.

staδδiceδδa sf. Piccola stalla, sufficiente per una sola bestia. [dim. di staδδa].

staδδieri sm. Stalliere, addetto alla cura e alla sorveglianza delle stalle nei posteggi cittadini di animali da tiro.

staδδignu agg. Stallino, relativo alla stalla: caδδu staδδignu cavallo focoso per essere rimasto a lungo inoperoso nella stalla * sm. Odore caratteristico di stalla: le rrobbe te lu muzzu fètenu te staδδignu i vestiti del garzone puzzano di stalla.

staffa sf. 1- Staffa pendente dalla sella * 2- Staffale o vangile * 3- Ferro di cavallo.

staffella, stanfella sf. Stampella. V. anche il più comune stampeδδa.

staffune sm. Predella o predellino fissato al carro dalla parte del carrettiere per agevolargli la salita. [accr. di staffa].

stagghiare tr.e intr.; pres. stàgghiu, ecc.; impf. stagghiàa, ecc.; p. rem. stagghiài, ecc.; pp. stagghiatu * tr. Divezzare, svezzare, slattare, spoppare, staccare definitivamente il lattante dalla mammella: stagghiare lu piccinnu, lu auniceδδu, lu sçencarieδδu svezzare il bimbo, l'agnello, il vitellino * prov. Ci stàgghia ete mamma colei che svezza è mamma * intr. Smettere di produrre; cessare definitivamente di poppare; cessare di fare uova: li crapetti ànu stagghiatu i capretti hanno smesso di poppare; le aδδine sta’ stàgghianu tutte te paru le galline tutte in una volta stanno smettendo di fare uova. [dall'it. stagliare incr. con lecc. stàgghiu].

stagghiatu agg. Svezzato.

stagghiaturu sm. Leva blocca-pettine nel telaio tessile casalingo. [da stagghiatu + suff. funz. -uru].

stàgghiu sm. 1- Staglio, computo sommario: nu ttene δδànzie e binde a stàgghiu non possiede bilance e vende a staglio * 2- Cottimo, quantità di lavoro da eseguire in un dato tempo: fatìanu a stàgghiu: ci prima spìccia scàpula lavorano a cottimo: chi prima termina, lascia e se ne va * 3- Varco; punto d'incontro: lu spettamu allu stàgghiu lo attendiamo al varco, nel luogo stabilito. [da stagghiare].

staggione (raro stasçione) sf. 1- Stagione regolata sulle periodiche condizioni climatiche: le staggioni de li càuti e de li friddi l'estate e l'inverno; la staggione frisca l'autunno; la bona staggione la primavera * 2- Stagione, periodo dell'anno destinato a una determinata operazione agricola: la staggione te la sìmmena, te la metetura, te le cerase, te li bagni la stagione della seminagione, della mietitura, della raccolta delle ciliege, dei bagni di mare * provv. Ogne ccosa tene la staggione soa ogni cosa deve essere fatta nel periodo adatto § Ogne ffruttu ole la staggione soa ogni specie di frutto richiede la sua stagione § Lu culone nu pperde mai staggione il colono non si lascia sfuggire mai il periodo adatto ai coltivi. [lat. stagio -onis].

staggiunare tr. e intr.; pres. staggionu, staggiueni, staggiona, staggiunamu, ecc.; p. rem. staggiunài, ecc.; pp. staggiunatu. Mettere a stagionare; stagionarsi.

staggiunatu agg. Stagionato e idoneo per il consumo o per l'uso: casu staggiunatu formaggio stagionato; tàule staggiunate assi di legno pronte e buone per l'uso.

staggiunatura sf. Stagionatura.

stagnare tr. e intr.; pres. stagnu,… stagnamu, ecc.; p. rem. stagnài, ecc.; pp. stagnatu * tr. 1- Stagnare, saldare con lo stagno; rivestire una lamiera di una patina di stagno: sta’ stagna l'àsula alla capasa sta saldando l'ansa al recipiente di rame; tocca ffazzu stagnare stu quatarottu devo fare stagnare questo calderotto scrostato * 2- Arrestare un flusso; fare coagulare: nci ose lu miètecu cu stagna lu sangu dovette intervenire il medico per arrestare il sangue * intr. Coagulare, stagnare, restare immobile: la nìgghia stagnàa fore cità la nebbia stagnava fuori città; la patùla sta’ stagna l'acqua della palude è stagnante. [da stagnu].

stagnaru sm. Stagnaio, stagnino. [da stagnu + suff. di mest. -aru].

disegno
stagnazzu

stagnazzu sm. 1- Crogiolo dello stagnaio * 2- Recipiente di lamiera stagnata, adatto per travasare l'olio * 3- Stagnina, recipiente da cucina, nel quale viene tenuto l'olio per gli usi giornalieri; lattina con beccuccio per petrolio.

stagninu (neol.) sm. Stagnino, stagnaio; stagnatore. V. pure ramaru.

stagnola sf. Foglia sottilissima di stagno o di altro metallo, usata per avvolgere confetture.

stagnu sm. Stagno. [lat. stagnum].

stama sf. Stame, filo dell'ordito. [lat. stamen, pl. stam(in)a].

stamane avv. Stamani. [lat. ista mane].

stamane, stamatina avv. Questa mattina, stamattina.

stampa sf. 1- Stampa, dipinto * 2- Macchia vistosa * 3- Impronta di piede, orma, pesta di animale.

stampagnare tr.; pres. stampagnu,… stampagnamu, ecc.; p. rem. stampagnài, ecc.; pp. stampagnatu. 1- Sbattere violentemente spiaccicando, quasi stampigliando: ni tese nna catapinta ca lu stampagnàu contru lu parite gli diede uno spintone così da sbatterlo e dipingerlo contro la parete * 2- Spalancare, aprire al massimo: stampagna porte e fenèscie apri completamente porte e finestre; stampagnàra le razze, l'ecchi, le ucche spalancarono le braccia, gli occhi, le bocche. [dal lat. volg. stampaniare incr. con lecc. tampagnu e it. stampanare, stampare e stampigliare].
8706;∂e parti toi, / de lu celu stampàgnani le porte.

stampagnata sf. Luogo esposto alle intemperie. [contrario di mantagnata].

stampagnatu agg. Spalancato, aperto completamente, sbarrato: rrumase lu purtune stampagnatu il portone rimase spalancato; tieni stampagnate le rìcchie tieni le orecchie bene aperte; uecchi stampagnati occhi sbarrati.

stampare tr.; pres. stampu,… stampamu, ecc.; p. rem. stampài, ecc.; pp. stampatu. Stampare.

stamparìa sf. Tipografia.

stampatore sm. Tipografo, proto; operaio di tipografia.

stampeδδa sf. Stampella, gruccia; gamba di legno. [dall'it. stampa, che lascia l'impronta].

stampi sm. pl. Buchi quadrati del ferro di cavallo. [da stampu3].

stampinu sm. Stampino, stampiglia. [dim. di stampu1].

stampu sm. 1- Stampo recante una forma ad incavo, con cui si riproducono oggetti in rilievo: lu stampu te pisce, te auniceδδu lo stampo del pesce, dell'agnello * 2- Bollo, impronta in rilievo * 3- Spina o punteruolo d'acciaio, con il quale i fabbri bucano il ferro rovente.

stampune sm. Stampo di grosse dimensioni. [accr. di stampu].

stanatieδδu sm. Tegamino. [dim. del lecc. stanatu].

stanatu sm. 1- Teglia espansa per cibi da cuocere al forno * 2- Arnese rettangolare di lamiera di notevoli dimensioni, usato per contenere le pastarelle da portare al forno * fig. La pietanza cotta al forno: pe osçe cucinu stanatu? per oggi preparo un minestrone cotto al forno?

stanchezza (neol.) sf. Stanchezza.

stanga sf. 1- Ramo principale di un albero: alla stanga te la fica ttaccài lu nzartu te la zungatanena al grosso ramo del fico legai la fune dell'altalena * modo di dire: ppenduricare a nna fiacca stanga afferrarsi penzoloni ad un ramo debole, riporre fiducia in una persona non fidata, farsi male i conti * 2- Qualsiasi pezzo di trave lavorato e sagomato secondo i vari usi * 3- Stanga dell'aratro e del carro * fig. Donna alta, formosa, altera.

stangalòi sm. e f. Persona molto alta, ma poco aggraziata.

stangalone sm. Spilungone ma tarchiato.

stangare tr.; pres. stangu, stanghi, stanga, stangamu, ecc.; impf. stangàa,… stangaàmu, ecc.; p. rem. stangài, ecc.; pp. stangatu. Dare una batosta, punire duramente; assegnare un brutto voto; bocciare a scuola. [da stanga].

stangatu sm. Vaso smaltato, recipiente di terracotta verniciata all'interno e all'esterno per contenere conserve o sottaceti. [dal lecc. stangu].

stanghiceδδa sf. Ramo secondario di un albero, ramoscello. [dim. di stanga].

stangu sm. Smalto, vernice speciale per smaltare vasi di terracotta.

stangune sm. Stangone di metallo; lungo e robusto paletto di ferro. [accr. di stanga].

st'annu, stannu sm. e avv. Quest'anno: st'annu sta’ ppassa fusçendu quest'anno sta trascorrendo in fretta. [lat. (i)ste annus].

stantuffu agg. Stantuffo della locomotiva; pistone.

stàntulu sm. Piedritto, stipite di un infisso; telaio di legno che incornicia il vano porta e il vano finestra. [incr. tra lat. stipes e antalus, che è dim. di anta].

stànzia, stanza (neol.) sf. Stanza di una abitazione, camera da letto, camera da pranzo. V. casa.

stanzinu sm. Stanzino, bugigattolo, camerino; spogliatoio. [dim. di stànzia].

stanzione sf. Stazione ferroviaria: sçemmu alla stanzione cu betimu pàrtere li surdati ci recammo alla stazione per vedere partire i soldati.

stare intr.; pres. stau, stai, stae, stamu, stati, stanu; impf. stìa, stìi, ecc.; p. rem. stiesi, stiesti, stese, stèsemu, stiestu, stèsera; cong. pres. stèsçia, stèsçianu; imper. statte, stàtibu (stàtiu) ; pp. statu. Stare, essere situato, trovarsi: ui uliti cu stati cu nnui? voi desiderate stare con noi?; stìa tisu tisu stava dritto in piedi; stìanu supèrchiu cuntienti erano soverchio contenti; comu stìu a ssordi? come stavate a quattrini?; statte buenu, Ronzu! stai bene e arrivederci, Oronzo!; cu stèsçianu a ngrazie te Diu! che stiano nella grazia di Dio! || Per tutte le persone dei tempi presente e imperfetto c'è la voce indeclinabile 'sta’', spesso pleonastica, la quale precede sempre un altro verbo, di cui è servile (e se l'altro verbo comincia con consonante semplice, è costretto a raddoppiare la iniziale): sta’ ffatìu, sta’ ffatiati, sta’ ffatìanu sto, state, stanno lavorando; sta’ ccatìa, sta’ ccatìamu, sta’ ccatìu stavo, stavamo, stavate per cadere; sta’ bieni sine o none? vieni, sì o no? || Nei tempi composti usa generalmente l'ausiliare 'aìre' (avere): àggiu statu, à' statu, à statu, aìmu stati sono stato, sei stato, è stato, siamo stati; ìa statu, ìu stati, ìanu stati era stato, eravate stati, erano stati; ci nc'ìamu stati, l'ìamu ssaggiati se fossimo stati presenti, li avremmo assaggiati; àggiu statu doi fiate a Culupazzu sono stato due volte a Collepasso || Talvolta prende l'ausiliare 'èssere': siti stati a mmissa? siete stati alla messa?; nci su' stati li latri stanotte questa notte ci sono stati i ladri; su' state (ànu state) còmmute si sono strovate comodamente. [lat. stare].

staru sm. (pl. f. stare). Staro, staio, misura di capacità per liquidi o per aridi. Equivalenze per olio:
1/2 staru = 1 mina (l. 9);
1 staru = 2 mine = 36 pignateδδe (l. 18);
10 stare = 1 sarma (l. 180).

stasçiδδa sf. Asticella, striscia di legno segato, pertica. [dal lat. stadium, l'it. staggia, gg>sç, + suff. del dim.].

stasçione sf. Stagione. V. b>staggione.

stascrittu sm. Sottoscritto.

Stàsia, Stasina, Sissi, Sisi pers. Anastasia.

state sm. Estate: stu state ete supèrchiu càutu questa estate è troppo calda; tuttu te paru à rriatu lu state d'un tratto è arrivata l'estate; [lat. aestas -atis].
DE D. Era de state: lu sule ìa misu, / tuttu nduratu lu celu stìa: | era na sira de paraìsu, / era nu cantu de puesìa.

disegno
statila

statila sf. Stadera, bilancia costituita da un'asta tarata, di un peso mobile (marcu, rumanu) e di un piatto. [lat. statera].

statìu (pl. statèi) agg. Estivo. [da state].

statòteche sf. p;. Colture erbacee estive; prodotti agricoli, specialmente orticoli, che maturano in estate: sta’ ppreparu la terra pe lle statòteche sto preparando il terreno per le colture estive. [da un incr. tra lat. aestas -atis e gr. thêkê, raccolta].

statòtecu (pl. statòtechi) agg. Che matura in estate; che ha la sua effettuazione nell'estate.

statu sm. 1- Stato, condizione reale ed effettiva: mamma mia, a cce statu t'à' rendutta! mamma mia, in quale stato ti sei ridotta! * 2- Stato nazionale: lu Statu talianu, ngrese, austriàcu lo Stato italiano, inglese, austrìaco; quiste suntu tasse te lu Statu queste sono imposte statali. [lat. status].

stàtua sf. Statua, scultura a tutto rilievo * modo di dire: rrumanìre te stàtua impietrire. [lat. statua].

stàtula sf. Statuetta, statuina. [dim. del lecc. stàtua].

statura sf. Statura, complessione fisica: statura àuta, àscia, menzana statura alta, bassa, media; ete te statura tarchiata è di complessione robusta. [lat. statura].

staulare tr.; pres. stàulu,… staulamu, ecc.; p. rem. staulài, ecc.; pp. staulatu. Schiodare tavole, levare le tavole di una impalcatura. [da tàula].

staulisçiare tr.; pres. staulìsçiu, ecc.; impf. staulisçiàa, ecc.; p. rem. staulisçiài, ecc.; pp. staulisçiatu. Scagliare un pezzo di legno; scaraventare un qualcosa di legno. V. pure straulare e

straulisçiare.

stecca sf. Qualsiasi asticella di legno o di altro materiale: stecca te bigliardu stecca di biliardo; stecche pe llu bustu stecche per il busto; stecca te umbrella stecca metallica di ombrello * fig. Ragazza alta, snella, di portamento altero: cce stecca!, la soru te lu Còsemu che stecca!, la sorella di Cosimo.

steccatienti sm. Stecchino stuzzicadenti.

steccatu, staccatu sm. Steccato, recinzione formata da paletti di legno * 2- Ostacolo costituito da un nastro tenuto teso dalle comari, le quali fingono di volere impedire allo sposo di portarsi via la sposina (il rito faceva parte della cerimonia nuziale).

stecchinu sm. Stecchino, legnetto appuntito.

steccu sm. 1- Stecco, fuscello secco senza foglie * 2- Stecca di legno levigato con cui il calzolaio liscia e lucida le suole delle scarpe.

steδδisçiare intr.; pres. steδδìsçiu, ecc.; impf. steδδisçiàa, ecc.; p. rem. steδδisçiài, ecc.; pp. steδδisçiatu. Scintillare, risplendere a sprazzi, sprizzare scintille; sfavillare: a nnotte scura se etìanu le lucerneδδe steδδisçiare a notte fonda si vedevano risplendere le lucciole; li crauni te lizza steδδìsçianu i carboni accesi di leccio sprizzano scintille. [dal lecc. stiδδare + suff. iter. -sçiare].
MAR. La canzune decìa: "Lu mare hae carma, / lu celu dopu scampa se steδδìsçia,

Stèfanu, Stefaninu, Stefanuzzu, Stefanùcciu, Ninu, Nùcciu pers. Stefano.

stegnu sm. Sdegno. V. sdegnu.

stella (neol.) sf. Stella, qualsiasi astro luminoso. [lat. stella]. V. stiδδa.
Da c. p. Quandu te iddi a ttie, iddi nna stella, / iddi nnu fiuru ca nu ìa istu mai.

stelletta sf. Stelletta metallica a cinque punte. [dim. di stella].

stellettata sf. Stilettata: se buscàu nna stellettata allu custatu ricevette una stilettata al costato * fig. Guizzo di bagliore: te l'uecchi soi essìanu stellettate dai suoi occhi si spriginavano bagliori. [da stellettu].

stellettu sm. Stiletto * prov. Quandu ai cu llu cumpare 'lupu', porta lu stellettu sutta alla mantellina quando vai insieme con il compare 'lupo', porta lo stiletto sotto il mantello. [dim. di stile].

stempu v. stuempu.

stendardu, standardu sm. Stendardo, insegna con lunghissima asta e un drappo rettangolare o triangolare; nel mezzo, inoltre, c'è una immagine sacra racchiusa in un ovale. [fr. estendart].

stèndere, stendìre tr.; pres. stendu, stiendi, stende, stendimu, ecc.; p. rem. stendìi (stisi), stendisti, stendìu (stise), stendemmu (stìsemu), stendestu, stendèra (stìsera) ; imper. stiendi, stenditi; pp. stendutu (stisu) . Stendere, distendere, sciorinare, mettere lungo disteso; spalmare in modo uniforme: sta’ stendìanu le rrobbe sciorinavano i panni; cu nnu cazzottu lu stise con un pugno lo mandò lungo disteso; stendìa la tinta senza mpuδδe stendeva la tinta senza formare bolle. [lat. extendere].

stendicchiare rifl.; pres. me stendìcchiu, ecc.; impf. me stendicchiàa, ecc.; p. rem. me stendicchiài, ecc.; pp. stendicchiatu. Stiracchiare i muscoli degli arti, sgranchirsi. V. pure sternicchiare.

stendìcchiu sm. Stiracchiamento. V. il più usato sternìcchiu.

stensòru, stensòriu sm. Ostensorio per l'esposizione dell'Ostia consacrata.

stentare intr.; pres. stentu, stienti, stenta, stentamu, ecc.; p. rem. stentài, ecc.; pp. stentatu. Stentare, durare fatica: la ecchiareδδa stentàa cu nfila l'acu la vecchietta stentava ad infilare l'ago. [lat. extentare].

sterare tr.; pres. stiru,… steramu, ecc.; p. rem. sterài, ecc.; pp. steratu. Stirare.

sterata sf. Stirata.

steratura sf. Stiratura muscolare, strappo muscolare.

stèrecu sm. Debolezza di stomaco; acidità gastrica cronica, gastrite: ae ci tegnu lu stèrecu è tanto tempo che soffro di gastrite. [dall'it. (ga)strico].

stèricu (pl. stèrichi) agg. Isterico, irritabilissimo. [gr. hysterikòs].

sterìsemu sm. Isterismo.

stermìniu sm. Sterminio, strage; depredamento, saccheggiamento dei frutti di un intero podere. [lat. exterminium].

Sternatìa geogr. Sternatia. Agli abitanti di questo paese era appioppato il nomignolo di 'màngia-ciucci'.

sternicchiare rifl.; pres. me sternìcchiu, ecc.; impf. me sternicchiàa, ecc.; p. rem. me sternicchiài, ecc.; pp. sternicchiatu. Stiracchiare le membra intorpidite, distendersi sciogliendosi dal torpore. [dal lat. sternere, lat. volg. *sternic(u)lare, cl>cchi].

sternìcchiu sm. Stiracchiamento dei muscoli delle membra: sta’ fface ali e sternicchi sta facendo sbadigli e stiracchiamenti * detto: Lu muertu te fame se canusce alli sternicchi dai stiracchiamenti si riconosce uno che ha fame. [lat. volg. sterniculus].
DE D. e sse nd'iàe la carrozza lenta lenta / e fface ali e sternicchi lu cucchieri,

sternutare intr.; pres. sternutu,… sternutamu, ecc.; impf. sternutàa, ecc.; p. rem. sternutài, ecc.; pp. sternutatu. Starnutire: cce bete curiosu δδu carusu: quandu se scàzzeca, sternuta com'è originale quel giovane: quando si eccita, starnutisce. [lat. sternuere>sternutare].

sternutu sm. Starnuto (oltre che espressione di cortesia,… era un dovere augurare "salute!" a colui che faceva uno starnuto).

stertu agg. Storto. V. stuertu.

stessu agg. Stesso, medesimo, in persona: lu raggiunamientu stessu lu tice il ragionamento stesso lo dice; ièu stessa me nde fazzu maraègghia io stessa me ne faccio meraviglia; suntu le stesse te le mei sono medesime alle mie. V. istessu, listessu.

stetu (f. stota) agg. Sciolto, slegato: làssale stote ca nu sse nde scàppanu lasciale slegate, che non scàppano via. V. stòsçere.

stezzare v. nterzare.

stezzaturu sm. 1- Attizzatoio * 2- Chiavetta per allicciare la sega, licciaiola. [da un incr. tra it. attizzato e allicciato + suff. funz. -uru].

stiànu sm. Gonna; sottana. [dal lat. med. (fu)staneum incr. con lecc. vannu].

stiδδa sf. 1- Stella, astro lucente: lu celu ete chinu te stiδδe il cielo è pieno di stelle * 2- Scintilla: stiδδe te craùni scintille di carboni accesi; ci frìculi forte lu azzarinu, èssenu stiδδe se sfreghi fortemente l'acciarino, sprìzzano scintille * 3- fig. Donna bellissima. [lat. stella].
Da c. p. Stiδδa lucente mia, stiδδa lucente, / ièu te salutu comu servitore; / cu tte lu suenni nn'àrveru te lizza, / ca e' ttuttu chinu te fronde d'amore!
D'AM. L'ecchi toi su' notte e giurnu / cchiù lucenti de le stiδδe;
DE D. Tante de stiδδe ca nci suntu a ncelu / quale mente le sape mmesurare?

stiδδa felante sf. Stella cadente, corpuscolo celeste incandescente che, precipitando, lascia una striscia luminosa nell'atmosfera * fig. Striscia lunga e sottile di carta colorata arrotolata su se stessa, che nei veglioni si lancia srotolandosi.

stiδδa pulare sf. Stella polare: la stiδδa pulare se ite isa isa la stella polare si vede appena. [lat. med. stella polaris].

stiδδa te lu pecuraru sf. Espero, il pianeta Venere, che già è visibile al tramonto del sole, allorquando il pastore fa ritorno all'ovile: mmera a ppunente la stiδδa te lu pecuraru ete la cchiùi lucente verso ovest, a ponente, l'astro più lucente è Venere.

stiδδare intr. impers.; pres. stiδδa; impf. stiδδàa; p. rem. stiδδàu; pp. stiδδatu. Del cielo, stellarsi, coprirsi di stelle: lu ientu nde cacciàu le nule e llu celu stiδδàu il vento spazzò via le nubi e il cielo si coprì di stelle. [da stiδδa].

stiδδatu agg. Stellato, trapunto di stelle.

stiδδatu (celu -) sm. Firmamento.

stiδδiceδδa sf. Stella fioca appena visibile. [dim. di stiδδa].

stienti (a -) avv. A stento, appena appena: a stienti se mantene tisa a stento sta diritta; nde truammu a stienti nna entina ne trovammo appena una ventina.

stientu, stentu sm. Stento, privazione del necessario: càmpanu te stienti vivono di stenti.

stìgghiu sm. Stiglio. [dal lat. (u)s(i)tilium, liu>gghiu].

stignare rifl.; pres. me stignu,… ni stignamu, ecc.; p. rem. me stignài, ecc.; pp. stignatu. Sdegnarsi. V. sdignare.

stignatu agg. Sdegnato, adirato. [lat. (di)sdignatus].
DE D. sutta allu fucalire genucchiatu / allu Signore ni cercàa perdunu / etendu ca a δδu motu s'ìa stignatu,

stignu, stegnu, sdignu, sdegnu sm. Sdegno, vivo risentimento; inimicizia, astio.

stile sm. Stiletto: tanti stili me trapanàanu lu piettu tanti stiletti mi trafiggevano il petto. [lat. stilus].
Da c. p. mmienzu allu piettu tou nci sia nnu stile / cu tte trapassa l'ànima e llu core.

stima sf. 1- Stima, buona opinione: te quiδδu nd'àggiu perduta la stima di quegli ho perduto la stima * 2- Determinazione del prezzo; valutazione: lu fattore sta’ bae cu ffazza la stima te le ulìe il fattore si reca per fare la stima delle olive.

stimare tr.; pres. stimu,… stimamu, ecc.; p. rem. stimài, ecc.; pp. stimatu. Stimare, tenere in considerazione * 2- Valutare il prezzo, determinare il valore. [lat. aestimare].

stimatu agg. Stimato, apprezzato; valutato. [lat. aestimatus].

stimulare (lett.) tr.; pres. stìmulu,… stimulamu, ecc.; p. rem. stimulài, ecc.; pp. stimulatu. Stmolare, sollecitare: ni stimulàa li cannaliri cu nna pinna de aceδδu gli titillava la gola con una piuma di uccello. [dal lat. stimulare]. V. stuzzecare.

stìmulu sm. Stimolo, viva sollecitazione: sentu lu stìmulu, ma nu òmmecu sento lo stimolo, ma non riesco a rimettere. [lat. stimulus].

stincu sm. Stinco, l'osso della tibia.

stìngere, stengìre tr. e intr.; pres. stingu,… stengimu, ecc.; impf. stengìa,… stengìamu, ecc.; p. rem. stengìi (stinsi), stengisti, stengìu (stinse), stengemmu (stìnsemu), stengestu, stengèra (stìnsera) ; pp. stintu * tr. Stingere attenuando la tinta: lu sule cu lli rasçi soi fièrseti stengìu li culuri te la esta fiurata il sole con i suoi raggi ardenti stinse i colori della veste fiarata * intr. Stingersi, perdere la tinta primitiva, sbiadire: li capiδδi ànu stinti i capelli si sono sbiaditi * intr. rifl. Togliersi il lutto smettendo i vestiti neri: le mamme nu sse stìngenu mai te li fili le madri non si tolgono mai il lutto dei figli; dopu doi anni se stinse te lu maritu dopo due anni smise il lutto per la morte del marito. [lat. extinguere].

stintu1 agg. Stinto, sbiadito. [lat. extinctus].

stintu2, istintu sm. Istinto, impulso naturale: lu stintu mme la decìa l'istinto me lo diceva; l'istintu te l'animali ete finu l'istinto degli animali è fino. [lat. instinctus].

stipa sf. 1- Catasta di tronchi d'albero ben sistemati * 2- Stiva, braccio per guidare l'aratro. [lat. stiva].

stipare tr.; pres. stipu,… stipamu, ecc.; p. rem. stipài, ecc.; pp. stipatu. Stipare, riporre in uno stipo; mettere al sicuro.

stipatu agg. Stipato, accalcato, accatastato; conservato in uno stipo o in altro posto protetto.

stipendiare tr.; pres. stipèndiu, ecc.; impf. stipendiàa, ecc.; p. rem. stipendiài, ecc.; pp. stipendiatu. Stipendiare, corrispondere un salario fisso settimanale, quindicinale o mensile. [lat. stipendiari].

stipendiatu sm. Impiegato fisso; lavoratore assunto stabilmente.

stipèndiu sm. Stipendio, retribuzione fissa periodica e non necessariamente mensile.

stìpeta sf. Nervatura centrale della foglia; picciuolo, gambo che sostiene il fiore: la saccuràfia l'à' nfelare alla stìpeta te la fronda devi infilzare il lungo ago nel picciolo della foglia. [lat. stipes -idis].

stipettu sm. Stipetto, nicchietta ricavata nello spessore della parete. [dim. di stipu].

stipone sm. Stipone, armadio di legno per la conservazione di indumenti, fornito di due ampie ante con o senza specchio. [accr. di stipu].

stipu sm. (pl. stipi, pl. f. stìpure). Stipo, armadietto a muro, con una o due ante di legno o a vetri: a ogne pilastru nci ògghiu nnu stipu in ogni pilastro desidero che ci sia uno stipo; a nna casa le stìpure nu bàstanu mai in una abitazione gli stipi non sono mai sufficienti.

stìpula sf. Stìpula, l'atto della stesura del contratto notarile. [lat. stipula].

stipulare tr.; pres. stìpulu… stipulamu, ecc.; p. rem. stipulài, ecc.; pp. stipulatu. Stipolare, concludere formalmente un contratto di compra-vendita: crai sçia' stipulati lu paramentu te case domani andrete a stipulare l'abitazione e le relative dipendenze; lu nutaru à stipulata la chiesura a nfacce a mmugghièrema il notaio ha stipulato il podere intestandolo a mia moglie.

stirpa sf. Stirpe, discendenza familiare. [lat. stirps stirpis]. V. razza.

stisa sf. 1- Ordito, l'insieme dei fili disposti longitudinalmente uno accanto all'altro e tenuti stesi tra il sùbbio posteriore e quello anteriore del telaio * 2- Nella canzonetta, il testo relativo al motivo poetico-musicale, escluso il ritornello, il quale è detto 'utata'.

stisu agg. Steso, disteso, sdraiato.

stitecare intr.; pres. stìtecu, stìtechi, stìteca, stitecamu, ecc.; p. rem. stitecài, ecc.; pp. stitecatu. Avere la stitichezza.

stitechezza sf. Stitichezza. V. pure il più comunemente usato ngàgghiu.

stìtecu (pl. stìtechi) agg. Stitico * fig. Avaro, taccagno. [lat. sty(p)ticus].

stitutore sm. Istitutore, persona addetta alla sorveglianza e alla guida dei collegiali di un istituto. [lat. institutor -oris]. V. pure il lecc. prefettu.

stitutu sm. Istituto, collegio. [dal lat. institutum].

stizza1 sf. Stilla, goccia; schizzo; pillacchera; quantità piccolissima: stizze te sangu stille di sangue; cu nnu ppuezzi truare mancu nna stizza te pane! che tu non possa trovare neppure una briciola di pane! [dall'it. tizzo].
Da c. p. Damme nna stizza d'àcqua, Rosa Chiara, / tantu mme dduciscu stu nnutu maru;

stizza2 sf. Stizza, collera: lu prufettu strozzulàa li tienti pe lla stizza il prefetto digrignava i denti per la stizza.

stizzare tr.; pres. stizzu,… stizzamu, ecc.; p. rem. stizzài, ecc.; pp. stizzatu. Stizzire, irritare qualcuno, fare rabbia: cce mme stizza stu pruticulu! quanto mi ìrrita questo frugolo irrequieto!; ci stizzi lu cane, te mòzzeca se irriti il cane, ti morde * rifl. Adirarsi, incollerirsi, irritarsi: nde ìbbera nnu none e sse stizzàra ne ebbero un rifiuto e si adirarono. [da stizza2].

stizziceδδa sf. Gocciolina. [dim. del lecc. stizza1].

stizzu sm. Elenco del corredo nuziale. [dal gr. stikhos].

stizzusu agg. Stizzoso, facilmente eccitabile, scorbutico.

stoccapisce sm. Stoccafisso, merluzzo essiccato. V. baccalà.

stoccu seccatu sm. Stoccafiso.

stòcere, stucìre tr.; pres. stocu, stueci (steci), stoce, stucimu, ecc.; p. rem. stucìi (stuesi), stucisti, stucìu (stose), stucemmu (stòsemu), stucestu, stucèra (stòsera) ; cong. pres. stoca, stòcanu; pp. stuciutu (stuetu, stetu, f. stota). Sciogliere un nodo, slegare. V. pure ssòrgere.

stola sf. Stola, un paramento sacerdotale: tirittu de stola ianca e de stola nìura diritto, onorario di stola bianca e di stola nera (emolumenti dovuti dai fedeli ai parroci per la somministrazione rispettivamente del battesimo, cresima e matrimonio oppure per la celebrazione del rito funebre) * prov. La rrobba te la stola lu ientu nde la ola la roba (i beni) procacciata con i diritti di stola il vento (altri, i nipoti?) se la porta via. [lat. stola].

stòmecu (pl. stòmechi) sm. Stomaco: me sta’ ddole lu stòmecu mi fa male lo stomaco * modi di dire: tenìre lu stòmecu te struzzu digerire ogni cosa, accettare tutto come valido § ìnchere lu stòmecu satollarsi § ire stòmecu avere capacità di sopportazione. [dal lat. stomachus].

stonecare v. stunecare.

stonecatura sf. 1- Rimozione o distacco dell'intonaco * 2- Pezzo di calcinaccio staccatosi dal muro.

stòrcere, sturcìre tr.; pres. storcu, stuerci, storce, sturcimu, ecc.; p. rem. sturcìi (stuersi), sturcisti, sturcìu (storse), sturcemmu (stòrsemu), sturcestu, sturcèra (stòrsera) ; pp. sturciutu (stuertu, stertu, f. storta). Storcere, distorcere, torcere: ai, nu mme sturcìre lu razzu! ahi, non stòrcermi il braccio!; sturcìa tutte le centre storceva tutti i chiodi * rifl. Contorcersi; piegarsi da un lato; deformarsi: stisi a nterra, se sturcìanu comu sierpi stesi a terra, si contorcevano come serpi; la candila se sta’ storce la candela si sta piegando. [lat. extorquere].

stòria sf. 1- Storia, successione di eventi storici: la storia te li Rieci, te li Rumani, te lu pòpulu talianu la storia dei Greci, dei Romani, del popolo italiano; la stòria de Carlumagnu e de lu palatinu Urlandu la stora di Carlo Magno e del paladino Orlando * 2- Racconto di un fatto personale, di una vicenda familiare: la mamma Crucefissa sape tante stòrie te quandu era carusa nonna Crocifissa ricorda tanti fatti di quando era giovane; tutta la famiglia à buta nna storia mara la famiglia intera ha avuto una brutta storia; stàtiu citti e nnu ffaciti stòrie! state zitti e non fate stòrie! [lat. historia].

storta sf. Storta, distorsione di un arto.

stòsçere, stusçìre tr.; pres. stòsçiu, stuesçi, stosçe, stusçimu, ecc.; p. rem. stusçìi,… stusçemmu, ecc.; pp. stusçiutu. Sciogliere un nodo, slegare. V. stòcere.

stozza sf. 1- Tozzo, pezzo, brandello: nna stozza te pane un tozzo di pane; fice lu velu a stozze ridusse il velo a brandelli; ci te ziccu, te fazzu a stozze se ti prendo, ti riduco a pezzi * modo di dire: fare stozze litigare e fare a botte; sçire a stozze essere ubriaco * 2- Appezzamento di terreno: nna stozza tene, e nnu lla resçe un appezzamento di terra possiede e non riesce a coltivarlo. V. pure il lecc. stuezzu.

stozze sf. pl. L'insieme dei pezzi (piuttosto dozzinali) delle masserizie: lu maritu se pigghiàu le quattru stozze soi e sse nde sçiu te casa il marito prese le sue poche masserizie e se ne andò da casa.

stozziceδδa sf. Brandello, piccolo pezzo, pezzettino. [dim. di stozza].

stra- prefisso del superlativo: strachinu strapieno; strariccu ricchissimo; straìu vivo e vegeto; li stramuerti soi i mortacci suoi; stramaletìre stramaledire; strapassare surclassare; straìtere stravedere. [dal lat. extra, l'it. e il lecc. stra-].

stràbbecu agg. Strabico. [dal gr. strabòs].

straccare intr. e tr.; pres. straccu, stracchi, stracca, straccamu, ecc.; p. rem. straccài, ecc.; pp. straccatu * intr. Estenuarsi nel lavoro, stancarsi eccessivamente: basta, sta’ stràccanu basta, si stanno stancando * 2- Straccare, sfinire: fìgghiu miu, la stracchi la mamma toa! figlio mio, la stanchi troppo la tua mamma! [da straccu].

straccata sf. Affaticamento; faticaccia.

straccatùmene sf. Stanchezza, senso di fiacchezza; sfinimento.

straccu agg. Stracco, stanco, indolente, svogliato: quandu à' scrìere, tie sinti sempre straccu quando devi prendere la penna in mano, tu sei sempre stanco; ni sentimu mutu stracche ci sentiamo assai stanche.

straccu muertu agg. Stracco morto, stanchissimo, sfinito.

stracuenzi sm. pl. Attrezzi da lavoro in soprappiù e ingombranti; masserizie non proprio necessarie.

stracuettu (f. stracotta) agg. Stracotto.

strafacciaru sm. Adulatore privo di dignità, leccapiedi. V. facciaru.

strafìgghiu sm. Strage, carneficina * strafigghi sm. pl. Sevizie, torture.

strafizza sf. Grande quantità superflua: nna strafizza te pruiste mmuffite una grande quantità di provviste ammuffite. [dal lat. extra + faecea].

strafizze sf. pl. Cianfrusaglie.

strafizzu sm. Numero disastroso; distribuzione rovinosa, strage, morìa: te la spagnola nci foi nnu strafizzu de carusi e de caruse causa la epidemia 'spagnola', ci fu una morìa di giovani maschi e femmine.

strafrìsçere intr. rifl.; me nde strafrìu (strafrìsçiu), te nde strafrisçi, se nde strafrisçe, ni nde strafresçimu. ecc.; impf. me nde strafresçìa, ecc.; p. rem. me nde strafresçìi,… ni nde strafresçemmu, ecc.; imper. strafrìsçitende, strafresçìtibunde; pp. strafrittu (strafresciutu) . Infischiarsene, strafòttersene. [comp. di stra- + frìsçere].

strafucare tr.; pres. strafocu, strafuechi, strafoca, strafucamu, ecc.; p. rem. strafucài, ecc.; pp. strafucatu. Mangiare con ingorda avidità. [comp. di stra- e nfucare].

strafurmare tr.; pres. strafurmu, ecc. (segue la coniugazione del semplice furmare). Cambiare forma e connotati, stravolgere: ni strafurmàu la facce a bia te tàfari gli stravolse il viso a forza di pugni.

strafuttente (pl. strafuttienti) agg. Strafottente, noncurante, oltremodo arrogante con il prossimo.

strafuttènzia, strafuttenza sf. Strafottenza, disinteresse totale e irresponsabile.

strafùttere, strafuttìre intr. rifl.; si coniuga come il semplice fùttere. Strafòttersene, infischiàrsene in sommo grado, disinteressàrsene completamente.

stràggiu sm. Strage. [dal lat. strages -is].

straisare, stravisare tr.; pres. straìsu (stravisu),… straisamu, ecc.; p. rem. straisài, ecc.; pp. straisatu. Travisare, stravolgere.

straìsu, stravisu agg. Straviso, arruffone; schiappino; trasandato. [dal lat. extra visus].

straìtere, straetìre intr.; segue la coniugazione di ìtere, etìre. Travedere; amare ciecamente.

stràiu sf. Sedia a sdraio.

straìu, stravivu agg. Sopravvissuto, retrogrado, ottusamente ancorato al passato; tardo di mente, sempre con apprezzamento offensivo: a' ba' ccùntala alli straìi toi! vai a raccontarla a quei retrògradi dei tuoi!; strafùttitende te δδa straviva te zìata impìpatene di quella sopravvissuta di tua zia.

straizzi, straizi sm. pl. Stravizi, bagordi.

stralunare intr. e tr.; pres. stralunu,… stralunamu, ecc.; p. rem. stralunài, ecc.; pp. stralunatu * intr. Stralunare, essere sconvolto da una emozione violenta, da improvviso dolore; rimanere del tutto disorientato * tr. Strabuzzare, frastornare del tutto, intontire. [comp. dal lat. extra luna].

stralunatu agg. Stralunato, stravolto; intontito, rimambito.

stramaccare tr. e intr.; pres. stramaccu, stramacchi, stramacca, stramaccamu, ecc.; p. rem. stramaccài, ecc.; pp. stramaccatu * tr. 1- Maltrattare: ci sapissi comu la patruna stramacca le serviceδδe! se sapessi come la padrona maltratta le domestiche giovanette! * 2- Compiere qualcosa maldestralmente, fare rozzamente: ma quiδδuδδài la stramaccàa l'arte te la cartapista ma quello lì maltrattava l'arte della cartapesta * rifl. 1- Deteriorarsi, rovinarsi: le pire se stramaccàra intra a llu panarieδδu le pere si deteriorarono nel piccolo paniere * 2- Sforzarsi eccessivamente, darsi da fare affannosamente: ci te la face fare cu tte stramacchi cussìne? chi te lo fa fare ad affannarti così? * intr. Cadere rovinosamente, crollare; stramazzare: tuttu te paru stramaccàu d'un tratto stramazzò. [comp. di stra- e lat. volg. *maccare].

stramaccatu agg. Deteriorato, sgualcito; rovinato, tutto ammaccato; spossato.

stramaccu sm. Strapazzo; maltrattamento; affaticamento, sfinimento; spossatezza.

stramaleìu, stramalevivu agg. Stramaledetto da vivo.

stramalemuertu (f. stramalemorta) agg. Stramaledetto anche da morto.

stramaletettu agg. Stramaledetto.

stramaletìcere, stramaledecìre tr.; si coniuga come il semplice tìcere, tecìre. Stramaledire lanciando bestemmie.

stramanu avv. Fuori mano; assai lontanamente. [lat. extra manu].

stramare intr. e tr.; pres. stramu,… stramamu, ecc.; p. rem. stramài, ecc.; pp. stramatu. Storcersi delle tavole di legno; contorcere.

stramatu agg. Contorto, distorto.

stramazzare tr. e intr.; pres. stramazzu, stramazzamu, ecc.; p. rem. stramazzài, ecc.; pp. stramazzatu * tr. Abbattere con strattoni; scaraventare a terra * intr. Stramazzare al suolo, crollare pesantemente.
DE D. de li Turchi lu numeru cchiù crisce / cu lu pòzzanu a nterra stramazzare.

strambalare, strammalare intr.; pres. strambalu (strammalu),… strambalamu, ecc.; p. rem. strambalài, ecc.; pp. strambalatu. Sconcludere, comportarsi da persona strana e bislacca.

strambalatu, strammalatu sg. Strampalato, bislacco.

strambare, strammare intr. rifl.; pres. me strambu (me strammu),… ni strambamu, ecc.; p. rem. me strambài, ecc.; pp. strambatu. Storcersi delle tavole di legno. [da strambu].

strambatu, strammatu agg. Non proprio diritto, ma deviato dalla naturale posizione; contorto, storto: stu scuru ete strammatu e rrimane scarassatu questa imposta è storta, non combacia perfettamente e rimane socchiusa.

strambu agg. 1- Contorto, distorto * 2- Strabico * 3- Strano, stravagante. [dal lat. stranus incr. con strambus].

stramme, strame sf. Strame, fieno essiccato e sparso, erbe falciate e secche, lunghi fili di paglia * prov. Ciùcciu ci tene fame se màngia puru la strame un asino che ha fame mangia pure lo strame * sf. pl. Rametti di albero, i quali crescono disordinatamente e sono da recidere; rami che sconfinano al di là del muro divisorio. [lat. stramen].

strammenare tr.; pres. stràmmenu,… strammenamu, ecc.; p. rem. strammenài, ecc.; pp. strammenatu. Arruffare, scompigliare, sparpagliare: nnu rèfulu strammenàu li rizzi soi te capu una folata arruffò i suoi capelli ondulati; lu mèsciu pàcciu stràmmena li fierri il maestro artigiano poco accorto sparpaglia gli attrezzi da lavoro. [da un incr. tra stramme e menare].

stramuertu (f. stramorta) agg., con senso di disprezzo e di invettiva. V. anche stramalemuertu.

stramurtìre tr.; pres. stramurtiscu,… stramurtimu, ecc.; p. rem. stramurtìi,… stramurtemmu. ecc.; pp. stramurtutu. Tramortire.

stramutare tr.; pres. stramutu,… stramutamu, ecc.; p. rem. stramutài, ecc.; pp. stramutatu. Tramutare, cambiare, scambiare. V. pure l'analogo tramutare.
Da c. p. Beδδa, cinca ite a ttie pàcciu rrumane, / perde li sensi e stramuta culure.

strangugghiare tr.; pres. strangùgghiu, ecc.; impf. strangugghiàa, ecc.; p. rem. strangugghiài, ecc.; pp. strangugghiatu. Colpire uno sotto i testicoli e farlo rannicchiare su se stesso. V. scugghiare.

strangugghiatu agg. Piegato su se stesso perché colto da dolori allo scroto; fornito di una ampia sacca erniosa; rannicchiato e con le mani strette all'inguine (per dolori al basso ventre).

strangulaprieti sm. pl. Gnocchi di pasta a base di farina e di patate lessate.

strangulare tr.; pres. stràngulu,… strangulamu, ecc.; p. rem. strangulài, ecc.; pp. strangulatu. Strangolare. [lat. strangulare].

straniare rifl.; pres. me stràniu, ecc.; impf. me straniàa, ecc.; p. rem. me straniài, ecc.; pp. straniatu. Estraniarsi; disinteressarsi. [lat. extraneare].

straniatu agg. Stranito, intontito.

stràniu agg. Estraneo; forestiero. [lat. extraneus].

strapacare tr.; segue la coniugazione del semplice pacare. Strapagare.

strapacatu agg. Strapagato, ricompensato oltre il dovuto; pagato più del dovuto.

strapassare tr.; pres. strapassu,… strapassamu, ecc.; p. rem. strapassài, ecc.; pp. strapassatu. Oltrepassare di molto; superare di gran lunga; finire molto prima di altri; surclassare.

strapazzu (neol.) Strapazzo. V. il più comunemente usato stramaccu.

strapiombu (lett.) sm. Strapiombo, sporgenza sopra un precipizio. V. prefundi.

strapiumbare intr.; pres. strapiombu,… strapiumbamu, ecc.; impf. strapiumbàa, ecc.; p. rem. strapiumbài, ecc.; pp. strapiumbatu. Cadere in un precipizio; precipitare nel vuoto da grande altezza.

strapizzare tr. e intr.; pres. strapizzu,… strapizzamu, ecc.; p. rem. strapizzài, ecc.; pp. strapizzatu * tr. Disporre in posizione obliqua; sbiecare * intr. Avanzare in direzione obliqua; procedere diagonalmente; stare di traverso. [da strapizzu].

strapizzu sm. Direzione obliqua; posizione sbieca; diagonale: lu strapizzu se ite, e ccomu! la direzione sbieca si nota, e come! * avv. Obliquamente; in modo sfuggente.

strappigna sf. Razza stracciona; schiatta, origine, in senso dispregiativo. V. pure razza strazza.

strappinu sm. Meschino, misero.

strappu sm. 1- Stratta, strattone * 2- Strappo muscolare * fig. Infrazione del tutto eccezionale.

strappune sm. 1- Abborraccione; persona che vivacchia * 2- Animale da tiro che si avvia strattonando. [accr. di strappu].

straregnare tr. e intr.; pres. straregnu,… straregnamu, ecc.; p. rem. straregnài, ecc.; pp. straregnatu. Esiliare, cacciare dal regno; abbandonare il reame ed emigrare.

straquenzi sm. pl. Ciarpame, vecchie masserizie. V. anche stracuenzi.

strasattu sm. Forfè, cottimo; accordo di pagamento globale: ete mègghiu cu ffatìanu a strasattu cca a sçiurnata è preferibile che lavorino a forfè che a giornata. [dal lat. in transactum immediatamente, fr. entresait].

strasçe sf. Strage. [lat. strages, nota g>sç]. V. pure strasçina.

strasçenare tr.; pres. strasçinu,… strasçenamu, ecc.; p. rem. strasçenài, ecc.; pp. strasçenatu. Trascinare: lu strasçenàu pe ccapiδδi lo trascinò per capelli * rifl. 1- Camminare trascinandosi a fatica: iti ci te strasçini fena a llu pagghiaru cerca di trascinarti fino al pagliaio * 2- Protrarsi assai lentamente: lu llavoru se strasçenàa il lavoro si trascinava per le lunghe. [incr. tra it. ant. traginare e lecc. traenare].
DE D. mmienzu na pompa de fronde e de fiuri / malatu e straccu a stentu se strasçina,
BOZZI e cu la lìngua strasçenandu a nterra / egnu lu giurnu te la prucessione.

strasçenatu agg. Di cibo, lessato e passato in padella con olio e aglio: cecore, erze, sarde strasçenate cicorie, verze, sardine passate nell'olio sfumato con molto aglio.

strasçenuni avv. Strasciconi, strascinandosi nel camminare.

strasçina sf. 1- Striscia, traccia abbastanza lunga lasciata in terra: nna strasçina te farina una striscia di farina * 2- Scia in acqua: la strasçina te lu papurettu la scia del vaporetto * fig. Morìa, sterminio, strage interminabile, eccidio. [dim. di strasçe].

strasçina te Santu Martinu sf. Via Lattea, segnata dai fili di paglia rubata, i quali cadevano in cielo durante il trasporto.

strasçinu sm. Erpice rudimentale approntato là per là con virgulti di piante e adoperato per spianare il terreno allorquando non si ha a disposizione la 'tràgghia'.

strasçìnule sf. pl. Cose desuete, che non ci decidiamo a buttare via e che ci trasciniamo dietro, in casa e nel laboratorio, pur sapendo che sono ormai inservibili.

strasçìnuli avv. Trascinandosi per terra; strasciconi.

strata sf. Strada, via carreggiabile: strata larga, stritta, longa, curta, ritta, torta strada larga, stretta, lunga, corta, diritta, tortuosa; strata nfricciata, sfartata via selciata, asfaltata; strata ècchia via di campagna a carreggiata naturale; strata noa strada comunale affidata alle cure dello stradino * provv. Ci lassa la strata ècchia pe lla noa, sape cce llassa e nnu ssape cce ttròa colui che abbandona la via vecchia e conosciuta per una nuova e ignota, sa che cosa lascia e non sa a che cosa andrà incontro § Tutte le strate pòrtanu a Rroma tutte le vie conducono a Roma. [lat. (via) strata, massicciata]. V. anche sciata.
Da c. p. De viole e rrose me parìa la strata / ca moi me pare de scrasçe e de spine.

straticeδδa sf. Stradina, stradicciola, viuzza che si allunga tra i campi.

stratone sm. Strada alberata di campagna, in terra battuta, non fiancheggiata da muriccioli, la quale porta diritto alla casa rurale. [accr. di strata].

straulare tr.; pres. stràulu,… straulamu, ecc.; p. rem. straulài, ecc.; pp. straulatu. Lanciare lontano, scagliare: me sunnài ca tie e ièu fòsemu straulati all'aria intra rasçi te sule sognai che tu ed io fossimo lanciati in aria tra raggi di sole. [comp. di stra- + ulare].

straulisçiare tr.; pres. straulìsçiu, ecc.; impf. straulisçiàa, ecc.; p. rem. straulisçiài, ecc.; pp. straulisçiatu. Scaraventare, lanciare in modo violento: pigghiàu lu mùsciu pe ccuta e llu straulisçiàu ntra llu scrasçiale acchiappò il gatto per la coda e lo scaraventò dentro il roveto. [dal lecc. straulare + suff. intens. -sçiare].

straurdinaru, straurdinàriu agg. Straordinario, eccezionale, inconsueto, spettacoloso. [lat. extraordinarius].

stravacante agg. Stravagante. [lat. extravagans -antis].

stravètere, stravetìre intr.; pres. stravetu, straveti, stravete, stravetimu, ecc. ; impf. stravetìa, ecc.; p. rem. stravetìi,… stravetemmu, ecc.; pp. stravetutu. Bramare ciecamente. V. straìtere.

stravisu agg. Arruffone. V. straìsu.

straziare tr.; pres. stràziu, ecc.; impf. straziàa, ecc.; p. rem. straziài, ecc.; pp. straziatu. Straziare, tormentare orribilmente, torturare.

stràziu sm. Strazio, spàsimo, tormento indicibile; tortura.

strazza sf. Cascame di filato; brandello di tessuto sfilacciato; vistosa sfilacciatura; cencio * agg. f. Stracciona, oltremodo depressa; corrotta e disonesta: sirsa enìa te nna razza strazza suo padre proveniva da una stirpie assai umile e meschina * sf. pl. L'insieme degli stracci e degli strofinacci della casa: te unita alla tota ndusse puru le strazze unitamente alla dote recò persino gli stracci per la casa.

strazzacàusi sm. Smìlace, arbusto con rami angolosi e rampicanti forniti di robuste spine, con foglie perenni e con fiori gialli e odorosi riuniti in grappoli; i frutti sono a bacca rossa. V. pure sarsapaisana.

strazzafacende sm. e f. Faccendone, faccendiere che, però, conclude ben poco; portaborse; leguleio da poco.

strazzare tr.; pres. strazzu,… strazzamu, ecc.; impf. strazzàa, ecc.; p. rem. strazzài, ecc.; pp. strazzatu. Stracciare, lacerare in brani; dilaniare.

strazzarisçiare tr.; pres. strazzarìsçiu, ecc.; impf. strazzarisçiàa, ecc.; p. rem. strazzarisçiài, ecc.; pp. strazzarisçiatu. Lacerare in mille pezzi, sbrindellare. [da strazzare + suff. intens. -sçiare].

strazzatu agg. Lacero, cencioso, pezzente * prov. Lu cane sècuta sempre lu strazzatu il cane insegue sempre lo straccione * sm. Strappo vistoso, ampia sfilacciatura.

strazzatura sf. Strato non rifinito di intonaco, consistente nella prima ruvida e discontinua stesura della malta.

strazzune, strazzone sm. Straccione, miserabile, pezzentone.

streca (neol.) sf. Strega. V. strica.

strecare tr.; pres. strecu, striechi, streca, strecamu, ecc.; impf. strecàa,… strecaàmu, ecc.; p. rem. strecài, ecc.; pp. strecatu. Stregare, ammaliare mediante l'influsso malefico. [da strica].

strecatu agg. 1- Colpito da stregoneria e, pertanto, avversato dalla fortuna * 2- Affascinato, ammaliato.

strèmetu (pl. strièmeti) sm. Eccesso; tormento estremo accompagnato da strilli e lamenti * pl. Scalmane, tremiti incontenibili, moto convulso del corpo. [comp. da stremu trèmetu].

stremità sf. Estremità, limite estremo.

stremu agg. Estremo: papa Ronzu sta’ pporta lu stremu sacramentu a donna Felicetta don Oronzo reca l'estremo sacramento a donna Felicetta * modo di dire: a stremi mali, stremi rremeti a mali estremi, estremi rimedi * sm. Limite estremo, punto finale: rriare allu stremu te la terra, te la mesèria, te la suppurtazione, te la vita giungere al limite estremo della terraferma, della miseria, della sopportazione, della vita. V. pure estremu.

stremunzione sf. Estrema Unzione, che viene impartita al moribondo. [dal lat. extrema unctio -onis].

strenga sf. Stringa, lungo laccio per la chiusura del busto e del corsetto.

strengiuta sf. Stretta. [dal lecc. strengìre].

strepetare (lett.) intr.; pres. strèpetu, strièpeti, strèpeta, strepetamu, ecc.; p. rem. strepetài, ecc.; pp. strepetatu. Strepitare con voce stizzosa. [lat. strepere>strepitare]. V. anche retare,

spaparazzare.

strèpetu (pl. strièpeti) sm. Strepito. [lat. strepitus].

strèusu (pl. strièusi) agg. Estroso, bizzarro; imprevedibile nelle trovate.

stria1 (pl. strie) sf. Strega. V. strica.

stria2 (pl. strei) sf. Bimba, ragazza, giovanetta, signorina: se sta’ fface nna beδδa stria sta diventando una bella ragazza; suntu strei sperte de lìngua e de mànure sono giovanette svelte di lingua e di mani * detto: Stria mmurmurata quasi mai mmaretata signorina a lungo criticata quasi mai troverà marito. [dal lat. stri(g)a]. V. uagnona ed anche striu.

striazza sf. Una gran bella figliola. [accr. di stria2].

strica, stria, streca (pl. striche, strie, streche) sf. Strega, creatura magica dotata, secondo la credenza popolare, di poteri soprannaturali; le streghe tenevano i loro convegni di notte sotto un albero di noce; pure immaginate di indole cattiva, di esse non si raccontano episodi efferati * prov. Ci scappu te ste striche nu nci cacu cchiùi de notte se me la scampo da queste streghe, non ci caco più di notte all'aperto * fig. 1- Donna cattiva e maligna; vecchia di brutto aspetto * prov. A ddu nu rria lu tiàulu, riesce la strica dove non arriva il diavolo, riesce la femmina scaltra * 2- Tipico liquore ad alta gradazione alcolica, di colore giallo oro. [lat. striga].

stricanda sf. Frizione a mani nude; massaggio.

stricare tr. e intr. ; pres. stricu, strichi, strica, stricamu, ecc.; p. rem. stricài, ecc.; pp. stricatu * tr. Allappare, allegare: lu sucu te limone m'à stricata la ucca il succo di limone mi ha allegata la bocca * intr. Digrignare i denti, mostrare e arrotare i denti per rabbia. [lat. extricare].

strìgghia sf. Striglia, spazzolone duro. [lat. strigila>strigla].

strigghiare tr.; pres. strìgghiu, ecc.; impf. strigghiàa, ecc.; p. rem. strigghiài, ecc.; pp. strigghiatu. Strigliare * provv. Cinca strìgghia lu ciùcciu nde perde la fatìa colui che striglia il somaro, viene a perderci la fatica § Cinca strìgghia lu caδδu sou nun e' cchiamatu muzzu de staδδa colui che striglia il proprio cavallo non è detto garzone di stalla * rifl. Spazzolarsi e ripulirsi ben bene dalla testa ai piedi; lavarsi strofinandosi energicamente * fig. Schiaffeggiare qua e là, dovunque capiti: sirsa strigghiàu lu Ràsemu a ppilu mmiersu il padre strigliò contro pelo Erasmo. [da strìgghia].

strigghiata sf. Strigliata, ripulita * fig. Dose di schiaffi.

striiceδδu sm. Fanciullo, ragazzino. [dim. di striu].

strina, strena sf. Strenna, regalo grazioso. [lat. strena].

strìnculu sm. Scarto improvviso di animale irrequieto. V. pure strunculisçiata.

strìngere, strengìre tr.; pres. stringu,… strengimu, ecc.; impf. strengìa,… strengìamu, ecc.; p. rem. strengìi (strinsi), strengisti, strengìu (strinse), strengemmu (strìnsemu), strengestu, strengèra (strìnsera) ; pp. strengiutu (strintu) * Strìngere, serrare; spremere: strengìa li musi, l'ecchi serrava le labbra, le palpebre; ni stregìu li pieti cu lla pastògghia gli strinse i piedi con la pastoia; statte fermu ca te stringu lu frùnchiu stai fermo che ti spremo il foruncolo * prov. Ci mutu uèi cu bbranchi, picchi stringi se cerchi di abbrancare assai, poco stringerai. [lat. stringere].

stringimientu sm. Restringimento.

stringinasu sm. Attrezzo del maniscalco con il quale viene stretto il muso superiore del cavallo irrequieto durante la ferratura. V. pure tercinasu.

stringi stringi loc. avv. In conclusione, in fin dei conti, tirando le somme.

strinta sf. Stretta; crampo, spasmo: dàtiu nna strinta te manu e llu cuntrattu e' ffattu dàtevi una stretta di mano e il contratto è bell'e fatto; me ntisi nna strinta alli cannaliri sentii uno spasmo alla gola * sf. pl. Le contrazioni del parto, le doglie: stae alle lùrtime strinte sta alle ultime contrazioni del parto.

strintu agg. Stretto, serrato: lu sire la tenìa strinta ntru lle razze il genitore la teneva stretta tra le braccia; porta lu muccaturu strintu a mmucca ha il fazzoletto stretto in bocca. [dal lecc. strìngere].

strippa agg. f. Così è detta la femmina degli animali durante il periodo in cui non dà latte: crapa, sçenca strippa capra, giovenca che ha smesso di produrre latte; le pècure suntu strippe percé lu manzaru l'à mprenate le pecore non danno più latte, in quanto che il montone le ha rese pregne. [dal gr. sterpha, it. sterpa].

strìsçia sf. Linea lieve, traccia, segno bislungo: se etìa nna strìsçia scura te màcchia luntana si scorgeva una linea scura di macchia lontana; sulla chianca te màrmulu à' lassate tante strìsçe sulla lastra di marmo hai lasciato tante tracce; cquai nc'era nna strìsçia te cozzanuta qui c'era una scia di limàccia. [dal lat. striga, g>sçi].

strìscia sf. Striscia, pezzo stretto e lungo di carta, cuoio, legno segato, fascia di panno, di terra, ecc.: tàgghiala a strisce larghe nnu tìsçetu tàgliala a strisce larghe un dito; sta strìscia metuta pote èssere arata questa fascia di terreno già mietuta può essere arata.

strisciante agg. Strisciante.

strisçiare tr.; pres. strìsçiu, ecc.; impf. strisçiàa, ecc.; p. rem. strisçiài, ecc.; pp. strisçiatu. Rigare, scalfire. [da strìsçia].

strisciare intr.; pres. strìsciu, ecc.; impf. strisciàa, ecc.; p. rem. strisciài, ecc.; pp strisciatu * 1- Strisciare per terra, scivolare; strascinarsi: la serpe se sçìu scuse strisciandu ntru lle frasche la serpe si andò a nascondere strisciando tra le frasche * 2- Entrare in attrito, sfregare: la rota strisciàa contru lu ncasciatu la ruota sfregava contro il cassone del carro. [da strìscia].

strìsçiu sm. Rigo, linea, traccia filiforme. V. pure strìsçia.

strìsciu sm. Nel gioco del tressette la combinazione del tre con l'asso (e, giocando, la si dichiara strisciando la carta sul tavolo).

strìsciu e bussu sm. Nel gioco del tressette la combinazione dell'asso con due altre carte del medesimo seme (e, giocando, si striscia la carta sul tavolo e si bussa con le nocche della dita).

strittu agg. Stretto: la còppula me ae stritta la còppola mi va stretta; s'à mmisu a lluttu strittu si è vestito a lutto completo * modi di dire: strittu te màneca tirchio; strittu comu lu pignu avaraccio; campare strittu vivere modestamente; me anu stritti li càusi sono in gravi difficoltà * provv. Ci campa rittu, campa strittu chi vive onestamente, vivacchia ma non si arricchisce § A llecu strittu mìntite a mmienzu in un luogo stretto mèttiti nel mezzo, altrimenti ai lati corri il rischio di rimanere schiacciato contro le pareti. [lat. strictus].

strìttula sf. Strettoia, via stretta tra due muri: li nnamurati anu truandu le strìttule sulagne gli innamorati vanno in cerca di viuzze solitarie. [dim. da strittu].
DE D. ntru le strìttule scuse addù nu scinde / ràsçiu de sule e ferve lu rumatu,

strittuleδδa sf. Passaggio proprio stretto fiancheggiato da muretti. [dim. di strìttula].

strittulìcchia sf. Vicoletto, stradina molto stretta. [altro dim. di strìttula].

strittulieδδu (f. strittuleδδa) agg. Piuttosto stretto.

strittu te piettu agg. Avaro, che non ha mai con sé il portamonete (il quale viceversa, se infilato nella tasca interna della giacca, allarga il petto).

striu (pl. strei) sm. Bambino, fanciullo, ragazzo, giovane, insomma individuo non ancora maturo: lu striu sta’ cchiange ca ole cu llatta il bimbo piange perché desidera succhiare il latte; lu striu ae alla scola il ragazzo frequenta la scuola; fencattantu li randi se fàcenu nna fumata, li strei se ddefrìscanu fintanto che gli anziani si fanno una fumata, i giovani si ristòrano * in generale, il termine indica anche il figlio, la figlia, il giovane fidanzato, la morosa: quanti strei tieni? quanti figli hai?; stria? ete già mmaretata signorina? è già maritata * provv. Cinca se la face cu lli strei rrumane cacatu e pesciatu chiunque ha a che fare con i fanciulli, ne rimane smerdato e pisciato § Li pacci e lli strei nduìnanu i matti e i bambini indovinano § Ci lu striu sapìa e llu ècchiu putìa, nu nc'era cosa ca nu sse facìa se il giovane sapesse e il vecchio potesse, non ci sarebbe cosa che non si facesse.
MAR. Uarda li strei comu te fannu festa, / li strei de la campagna bbeδδi e fuerti,

striulare intr.; pres. strìulu,… striulamu, ecc.; p. rem. striulài, ecc.; pp. striulatu. Smettere il lutto, mettendo da parte gli indumenti meri e finendo di tribolare 'ufficialmente': le mugghieri dopu doi anni pòtenu striulare le mogli dopo due anni possono smettere il lutto; la cummare Rini à striulatu prima te lu tiempu la comare Irene ha deposto il lutto prima del tempo. [da s- sottrattivo e lat. tri(b)ulare]. V. anche il contrario triulare.

striuzzu sm. Ragazzino caro. [vezz. del lecc. striu].

stròlucu (pl. stròluchi) sm. Astrologo e astronomo. [gr. astrològos].

strome sf. pl. Rama, l'insieme delle cime e dei rametti secondari degli alberi, specialmente degli ulivi. [gr. strôma].

stròppiu agg. Storpio, deforme; claudicante, zoppo.

strozzaprieti v. strangulaprieti.

strozzulare intr.; pres. stròzzulu, struèzzuli, stròzzula, strozzulamu, ecc.; p. rem. strozzulài, ecc.; pp. strozzulatu. Arrotare i denti; brontolare tra i denti. [da un incr. tra lecc. rozzulare e it. strozzare e granulare].
DE D. e lli dienti de cane strozzulandu / la facce de chiarazza ni mberdìa.

strubbare tr.; pres. strubbu,… strubbamu, ecc.; impf. strubbàa,… strubbaàmu, ecc. , p. rem. stubbài,… strubbammu, ecc.; pp. strubbatu. Disturbare, infastidire: bu àggiu strubbati, pe ccasu? vi ho disturbato, per caso?; cumpare, nu nni strubbi mai signurìa compare, tu non ci infastidisci mai. [dal lat. (di)sturbare].

strubbatu agg. 1- Frastornato, alquanto intontito * 2- Con un po' di nàusea di stomaco.

strubbu sm. 1- Disturbo, fastidio, molestia: cu nnu tte sia te strubbu che non ti sia di fastidio * 2- Indisposizione viscerale; conato di vomito.

strùffuli sm. pl. Strùffoli o strùfoli, pezzettini di pasta di farina strisciati su una superficie scabra, cotti in olio fritto e unti di miele; essi vengono mischiati ai 'purceδδuzzi', sicché i due nomi finirono per indicare il medesimo piatto dolce natalizio tipico del Salento: susu a nna sporta ièu strìsciu li strùffuli sul fianco della sporta io strofino gli strùffoli * fig. Capricci, bizze: li struffuli te li fazzu passare ièu a sçaffuni ti faccio io passare le bizze mediante gli schiaffoni.

struffulusu agg. fig. Lezioso, smorfioso.

strufinare (lett.) tr.; pres. strufinu,… strufinamu, ecc.; p. rem. strufinài, ecc.; pp. strufinatu. Strofinare. V. freculare.

struìre tr.; pres. struiscu,… struimu, ecc.; p. rem. struìi,… struemmu, ecc.; pp. struitu. Istruire, ammaestrare, ragguagliare. [dal lat. instruere].

struitu agg. Istruito, colto, dotto.

strulecare intr.; pres. stròlecu, struèlechi, stròleca, strulecamu, ecc.; impf. strulecàa,… strulecaàmu, ecc.; p. rem. strulecài, ecc.; pp. strulecatu. Borbottare, brontolare; farneticare, dire parole a vanvera: làssala strulecare quantu ole iδδa làsciala borbottare quanto ella vuole; pe lla free àuta strulecàa per la febbre alta vaneggiava. [dall'it. strologare].
DE D. "Santa Fede" - la lingua strulecàu / e lla capu sçia nterra rutulandu.

strumbulisçiare tr. e intr.; pres. strumbulìsçiu, ecc.; impf. strumbulisçiàa, ecc.; p. rem. strumbulisçiài, ecc.; pp. strumbulisçiatu. Strombazzare, suonare male con la tromba un motivo; diffondere una notizia gridandola a tutti: sçia strumbulisçiandu li ngarbamienti de la fìgghia andava comunicando a tutti i garbi di sua figlia.

strumentu (pl. strumienti) sm. Strumento musicale. [lat. (in)strumentum].

struncare tr.; pres. struncu, strunchi, strunca, (ed anche stroncu, struenchi, stronca), struncamu, ecc.; p. rem. struncài, ecc.; pp. struncatu. Stroncare.

strunculisçiare intr.; pres. strunculìsçiu, ecc.; impf. strunculisçiàa, ecc.; p. rem. strunculisçiài, ecc.; pp. strunculisçiatu. Ricalcitrare dimenando il sedere, scalpitare: quandu lu tiempu s'à uastare, li sçencarieδδi strunculìsçianu quando il tempo sta per guastarsi, i vitellini si mettono a scalpitare rinculando; saltellare caratteristico dei capretti * fig. Fremere per impazienza: lu Ppinu strunculisçiàa ca ìa sçire a mmare Giuseppino fremeva come un puledro perché doveva recarsi al mare. [da s- + truncare incr. con culu + suff. ripet. -sçiare].

strunculisçiata sf. Scarto improvviso di un puledro scalpitante o di un animale da tiro che non intende andare tra le stanghe del carro o dell'aratro.

struncunare (lett.) tr.; pres. struncunu,… struncunamu, ecc.; p. rem. struncunài, ecc.; pp. struncunatu. Spaccare i tronchi d'albero troncandoli e riducendoli in rocchi. [dall'it. troncare incr. con troncone]. V. pure il più comune taccarisçiare.

struncunisçiare tr.; pres. struncunìsçiu, ecc.; impf. struncunisçiàa, ecc.; p. rem. struncunisçiài, ecc.; pp. struncunisçiatu. Stroncare; sfracellare; smembrare; produrre numerose spaccature: nna bomba nde struncunisçiàu cchiùi te inti una bomba ne sfracellò più di venti; [dal lecc. struncunare + suff. intens. -sçiare].
DE D. Comu fiumara de lu diàulu spinta / ca gne rreparu struncunìsçia a nterra,

struncunisçiatu agg. Sfracellato; strorpiato in piu parti; scontorto; ridotto a troncone umano.

strunziceδδu sm. Stronzino. [dim. di strunzu].

strunzu sm. Stronzo * provv. Allu squagghiare de la nie pàrenu li strunzi allo sciogliersi della neve compàiono gli stronzi § Puru nnu strunzu ae a galla anche uno stronzo va a galla.

struppare intr.; pres. struppu,… struppamu, ecc.; p. rem. struppài, ecc.; pp. struppatu. Della fune, uscire fuori dalla gola della carrucola, scarrucolare: li musi te la truzzeδδa s'ànu cunsumati e llu nzartu struppa i bordi della carrucola si sono consumati e la fune scarrucola; ci le rote anu ntra lle cazzature, nu strùppanu pe nnu mìgghiu se le ruote del carro scivolano nelle profonde carreggiate, non ne vengono fuori per un miglio. [da struppu]. V. pure struzzare.

struppiare tr.; pres. stròppiu, strueppi, stròppia, struppiamu, ecc.; p. rem. struppiài, ecc.; pp. struppiatu. Storpiare; deformare * detto: lu troppu stròppia il troppo stroppia.
DE D. "Iutu, iutu" - e cce iutu! l'ìa struppiati / e mienzu muerti a nterra li lassàu…

struppiatu agg. Deforme, storpio; deturpato.

struppiune sm. Operaio poco pratico nel suo mestiere, abborraccione.

struppu sm. Stroppo, cavo legato ad anello, avente funzione di reggere un peso: lu struppu te la statila s'à ssumagghiatu lo stroppo della stadera si è sfilacciato in più punti; ttacca alli remi li struppi nei lega gli stroppi, i cavetti nuovi ai remi. [dal lat. stroppus].

strùsçere, strusçìre tr.; pres. struu (strùsçiu), strui (strusçi), strusçe, strusçimu, ecc.; impf. strusçìa, ecc.; p. rem. strusçìi (strussi), strusçisti, strusçìu (strusse), strusçemmu (strùssemu), strusçestu, strusçèra (strùssera) ; cong. pres. strua, strùanu; pp. strusçiutu (struttu) * 1- Strùggere, consumare per troppo uso; logorare; sciupare: strusçìanu li uanti a nna semana in una settimana consumavano i guanti; se strusçèra tutti doi te passione si logorarono entrambi per la passione * modi di dire: cu tte le strui (le rrobbe noe) consuma il vestito nuovo in buona salute; strùsçere comu cira dimagrire e deperire in salute; strùsçìre te chianti struggersi in pianto * prov. Mègghiu strùsçere le scarpe cca lli chesçiuni è meglio darsi da fare e consumare le scarpe che poltrire e logorare le lenzuola * 2- Annientare, distruggere: la morte cu nnu strua l'umanitate! la morte non annienti la umanità! [lat. strùere, lat. volg. *strùgere].
Da c. p. A, nu ccanusci tie le pene mare / ci anu strusçendu quista vita mia!
DE D. de ntru llu piettu miu tìrande l'arma, / strùsçime tuttu ntru lle razze toi, / torce ddumata mia!…

strusçèri sm. Sciupone, sprecone, scialacquatore.

strusciare rifl.; pres. me strùsciu, ecc; per la coniugazione e per il significato v. il lecc.

trusciare.

strùsciu sm. Struscio, il passeggio affollato per la Via Vitt. Emanuele in Lecce, fatto la sera delle domeniche, durante il quale i giovanotti (e non solo essi!) sfrègano 'inavvertitamente' la mano pènzola sulle natiche delle donne.

struttu1 agg. Consunto, sciupato; deperito, emaciato, smunto: tenìa la facce comu nna mila e moi la ìsçiu sculurita e strutta aveva il viso come una mela ed ora lo vedo pallido e smunto. [da strùsçere].

struttu2 sm. Strutto, sugna; sugo di conserva di pomodoro cotto con pezzetti di lardo.

struttu3, custruttu sm. Costrutto, sostanza di un discorso. [lat. constructum].

struzione sf. 1- Istruzione, cultura: strei senza struzione ragazzi privi di istruzione * 2- Direttiva, prescrizione: àggiu ute le struzioni cu nnu ffazzu passare ceδδi ho avuto le direttive di non far passare nessuno. [lat. (in)structio -onis].

struzzare1 tr.; pres. strozzu, struezzi, strozza, struzzamu, ecc.; p. rem. struzzài, ecc.; pp. struzzatu. Strozzare, strangolare. [dall'it. strozza].

struzzare2 rifl.; pres. me strozzu, te struezzi, se strozza, ni struzzamu, ecc.; impf. me struzzàa, ecc.; p. rem. me struzzài, ecc.; pp. struzzatu. Scarrucolarsi, uscire della fune dalla carrucola: lu nzartu te lu puzzu se strozza la fune del pozzo si scarrùcola. [dal lecc. trozza]. V. pure struppare.

struzzinàggiu sm. Strozzinaggio.

struzzinu sm. Strozzino, usuraio.
MAR. Ane, a ba bacchia tie de lu struzzinu, / rreccutu cu lu sangu te la gente, / la massarìa, li campi, lu casinu;

struzzu sm. Struzzo: lu struzzu ddeggerisce puru li petrùδδuli lo struzzo digerisce persino le pietruzze. [lat. struthio].

stu (f. sta) agg. Questo, questa: stu cristianu cu sta ugghina me sta’ mmenezza quest'uomo con questa sferza mi sta minacciando; sti aceδδi nde li facimu ulare te ntra ste cargiùle? facciamo volare via questi uccelli da queste gabbie?; st'auniceδδu lu criscu pe rrazza questo agnello lo cresco per l'allevamento * talvolta viene usato in posizione proclitica: stannu (st'annu, stu annu) quest'anno, questo anno; stasira (sta sira) questa sera, stanotte (sta notte) questa notte. [lat. (i)stu(m), (i)sta].
Da c. p. cuntèntalu stu core nnamuratu, / nu lla fare penare st'arma mia.

stuale sm. Stivale. [fr. estival].

stualetta (lett.) sf. Stivaletto per donna. V. burdacchinu.

stualettu sm. Stivaletto, scarpa con collo al di sopra della caviglia, per uomo.

stualune sm. Stivalone, calzatura alta oltre il ginocchio.

stubbulare tr.; pres. stùbbulu,… stubbulamu, ecc.; p. rem. stubbulài, ecc.; pp. stubbulatu. Sgangherare, sconnettere, sfasciare: δδa culasçiona te zìata stubbulàu la sèggia tua zia, dotata di ampio desere, sgangherò la sedia. [dal lat. tabula]. V. pure staulare.

stubbulisçiare tr.; pres. stubbulìsçiu, ecc.; impf. stubbulisçiàa, ecc.; p. rem. stubbulisçiài, ecc.; pp. stubbulisçiatu. Dislogare, sgangherare, rendere mobile nelle sue giunture. [da stubbulare + suff. intens.-ripet. -sçiare]. V. anche llettecare.

stubbulisçiatu agg. Sgangherato; traballante perché allentato nelle giunture.

stuccare1 tr.; pres. stoccu, stuecchi, stocca, stuccamu, ecc.; p. rem. stuccài, ecc.; pp. stuccatu. Fratturare un arto, rompere le gambe con un bastone: cu nna petra ni stuccàu nna ala con una pietra gli ruppe un'ala; stòccate le anche, ammenu! spèzzati le gambe, almeno!; me sentu l'osse stuccate mi sento le ossa rotta. [dall'it. stocco, colpo di punta].

stuccare2 tr.; pres. stuccu, stucchi, stucca, ecc.; p. rem. stuccài, ecc.; pp. stuccatu. Stuccare, turare, riempire, livellare con lo stucco. [da stuccu].

stuccature sm. Stuccatore, decoratore che esegue stucchi.

stuccecare tr.; pres. stùccecu, stùccechi, stùcceca, stuccecamu, ecc.; impf. stuccecàa, ecc.; p. rem. stuccecài, ecc.; pp. stuccecatu. Svoltare una rimboccatura disfandola, sciorinare i capi ripiegati di biancheria. [contrario di nduccecare].
DE D. se spande mmienzu ccasa nnu chesçiune / iancu te ntru lla càscia stuccecatu.

stùcciu sm. Astuccio, fodero.

stuccu sm. Stucco plastico.

disegno
stuempu o stempu cu llu stumpaturu

stuempu, stempu sm. Grosso mortaio di pietra dura per pigiarvi e tritarvi granaglie * fig. Uomo dal fisico tarchiato, tutto d'un pezzo e forte. [da stumpare].

struenu, stenu sm. Stonatura, contrasto, disorientamento. [da s- sottrattivo e tonu].

stuètecu, stòtecu (f. stòteca) agg. Strampalato, di carattere bislacco; di umore mutevole e imprevedibile. [forse dall'it. stolto incr. con lunatico].

stuezzu sm. Tocco, pezzo rozzamente tagliato. V. stozza.

stufa sf. Stufa: stufa a ttàccari, a ccraùni te ferruìa stufa a legna, a carbon fossile; nna stufa rande pe lli bachi una stufa ampia per cuocervi i bòzzoli dei bachi da seta.

stufare tr.; pres. stufu,… stufamu, ecc.; impf. stufàa,… stufaàmu, ecc.; p. rem. stufài, ecc.; pp. stufatu. Annoiare irritando, svogliare infastidendo: δδu mèsciu te scola li stufa li sculari soi quell'insegnante elementare fa annoiare i suoi scolari; m'àggiu stufatu cu ffazzu sempre le stesse cose mi sono svogliato a fare sempre le medesime cose. (diverso di stuffare, v.).

stufatu sm. Stufato, carne a pezzi cotta a fuoco lento in tegame fondo e ben chiuso.

stuffare tr.; pres. stuffu,… stuffamu, ecc.; impf. stuffàa,… stuffaàmu, ecc.; p. rem. stuffài,… stuffammu, ecc.; pp. stuffatu. Saziare quasi sino alla nàusea, stomacare, nauseare: me nd'àggiu stuffatu te fae de mòneci mi sono del tutto saziato di fave a purè * prov. Lu pane fattu a ccasa stuffa mangiare continuamente pane fatto in casa alla fine stanca e provoca ripulsa. [da un incr. lecc. tra stufare e buffare].

stuffarìe sf. pl. Stucchevolezze fastidiose, leziosaggini.

stuffu agg. Sazio, satollo.

stufu agg. Annoiato, demotivato.

stulara sf. Creatura femminile immaginaria, meno maligna e pèrfida della 'strica'; in ogni plenilunio le 'stulare' celebrano la loro sabba: a mmenzanotte sutta alla còrnula bàllanu le stulare a mezzanotte sotto la chioma del carrubo le 'stulare' si mettono a danzare * fig. Donna arcigna e scostante. [dal lat. stola, abito svolazzante, + suff. di mest. -ara].

stularu sf. Essere fiabesco, immaginato come un vegliardo che si dedica alla magia nera; vive in un antro profondo, ma nessuno lo ha mai incontrato, nemmeno chi ricorre alle sue arti magiche, quali fatture e incantesimi.

stumachèule, stumachèvule agg. Stomachevole, nauseante.

stumecare tr.; pres. stòmecu, struèmechi, stòmeca, stumecamu, ecc.; p. rem. stumecài, ecc.; pp. stumecatu. Stomacare, nauseare, disgustare sino a rimettere dallo stomaco. [lat. stomachari].

stumecatu agg. Stomacato, disgustato sino alla nausea.

stummularu sm. Pungolo, asta per pungolare i buoi al lavoro. [lat. stimulus + suff. funz. -aru]. Strambotto: O bruttu bruttu, stummularu tisu, / facci te nnu càmesu rrepezzatu…

stumpàcchiu sm. Impasto di sostanze pestate, che viene applicato sulle parti doloranti del corpo a scopo emolliente sedativo.

stumpamientu sm. Calpestio; il pigiare.

stumpare tr. e intr.; pres. stompu, stuempi, stompa, stumpamu, ecc.; p. rem. stumpài, ecc.; pp. stumpatu * tr. Pestare nel mortaio; pigiare con i piedi: sta’ stumpàa lu sale ressu pestava il sale grosso; sta’ stòmpanu l'ua ntra llu parmientu stanno pigiando l'uva nel palmento * intr. Battere ripetutamente i piedi a terra: ete lu caδδu ca sta’ stompa è il cavallo che scalpita. [da un incr. tra gr. stumpiz, it. tombare e lecc. zumpare].

stumpata sf. 1- Pestata * 2- Impasto medicamentoso di stoppa e bianco d'uovo; la ingessatura di una volta.

stumpatu sm. Pesto di erbe medicinali.

stumpatura, stompatura sf. Pigiatura.

stumpaturu sm. Maglio rudimentale, grosso pestello. [da stumpatu + suff. funz. -uru].

stumpisçiare tr.; pres. stumpìsçiu, ecc.; impf. stumpisçiàa, ecc.; p. rem. stumpisçiài, ecc.; pp. stumpisçiatu. Calpestare irosamente di proposito; pestare i piedi nella mota. [da stumpare

+ suff. iter.-durat. -sçiare]. V. pure catisçiare.

stumpisçiata sf. Calpestamento; fitta serie di peste: ntra llu semmenatu nc'èranu stumpisçiate te acche nel seminato c'erano qua e là peste di vacche.

stumpisçiatu agg. Calpestato, pestato con i piedi e schiacciato.

stumpìsçiu sm. Calpestamento; stropiccio con i piedi, calpestio nel fango.

stunamientu sm. Intontimento, stordimento, stupore.

stunare tr. e intr.; pres. stonu, stueni, stona, stunamu, ecc.; p. rem. stunài, ecc.; pp. stunatu * tr. Intontire, stordire; distrarre * intr. 1- Stonare, cantare o sonare con tono errato: stàtiu citti ca stunati state zitti che stonate * 2- Rimanere stordito; disorientarsi: δδu mumentu stunasti e nnu ssapisti cce ddire in quel momento ti confondesti e non sapesti che cosa dire * 3- Contrastare, essere difforme; non adattarsi convenientemente: sta camicetta verde stona cu llu fazzulettu russu questa camicetta verde non sta bene con il fazzoletto di colore rosso. [da s- sottrattivo + lecc. tonu].

stunatu agg. 1- Disorientato, distratto, stordito: stai stunata ci egnu cu tte tegnu la candila sei strampalata se pensi che io venga a reggerti il moccolo * 2- Privo di orecchio musicale: era stunatu comu nna campana scasciata era stonato come una campana rotta.

stunecare tr.; pres. stònecu, stuènechi, stòneca, stunecamu, ecc.; p. rem. stunecài, ecc.; pp. stunecatu. Stonacare.

stunecatu agg. Stonacato, privato dell'in-tonaco; con la calcina scrostata.

stuppa1 sf. Stoppa, cascame della canapa. [lat. stuppa].

stuppa2 sf. Gioco con le carte, che termina quando il giocatore vincitore annunzia "stuppa!" , basta, ho chiuso! [dall'it. stop].

stuppàcchiu, stuppàgghiu sm. Batuffolo di stoppa; tampone; miccia di filacci. [lat. volg. *stuppàculum].

stuppare1 tr.; pres. stuppu,… stuppamu, ecc.; p. rem. stuppài, ecc.; pp. stuppatu. Stoppare, otturare ermeticamente con la stoppa. [da stuppa1].

stuppare2 intr.; pres. stoppu, stueppi, stoppa, stuppamu, ecc.; p. rem. stuppài, ecc.; pp. stuppatu. Nel gioco della stoppa, gettare l'ultima carta e bloccare il gioco dichiarando chiusa e vinta la mano. [da stuppa2].

stuppata sf. Impasto medicamentoso di stoppa e bianco d'uovo.

disegno
stuppieδδu

stuppieδδu sm. 1- Recipiente usato come misura di capacità per aridi, equivalente a circa 8 litri (8ª parte del tòmolo) * 2- Superficie di terreno (are 8.33) coperta da uno 'stuppieδδu' del cereale seminato.

stuppinu sm. Stoppino, lucignolo fatto di fili ritorti di stoppa * prov. Cinca se màngia la candila, caca poi lu stuppinu colui che mangia la candela, espellerà poi lo stoppino. [dim. di stuppa].

stuppusu agg. Stopposo, simile alla stoppa: capiδδi stuppusi capelli stopposi.

Sturdà geogr. Strudà.

sturdanese agg. Di Strudà, proveniente da Strudà * sm. e f. Abitante di Strudà. Le donne di questo villaggio venivano indicate con il nomignolo di 'panze nchiate', ventri gonfie (perché sempre incinte?).

sturdìre tr.; pres. sturdiscu,… sturdimu, ecc.; p. rem. sturdìi,… sturdemmu, ecc.; pp. sturdutu. Stordire assordando; intronare. [da turdu].

sturdutu agg. Stordito, intronato.

sturiella sf. Storiella, aneddoto. [dim. del lecc. stòria].

sturnellata sf. Stornellata, scambio di stornelli cantati tra due persone.

sturnellare intr.; pres. sturnellu, sturnielli, sturnella, sturnellamu, ecc.; p. rem. sturnellài, ecc.; pp. sturnellatu. Stornellare, cantare scambiandosi stornelli, per lo più in gare di dispetto. [da sturnellu].

sturnellu (pl. sturnielli) sm. Stornello, canto arguto, talvolta offensivo, più spesso di argomento amoroso, che si compone di un verso quinario come invocazione ad un fiore, e di due endecasillabi come testo.
Campu fiuritu, / la caruseδδa dorme e ssempre sonna / ca nn'àngelu ni scinde pe mmaritu.
Fiuri languenti, / cce buèi? Sentimu; cùcchiate cquannanti / tte chiàu nna manimmersa ntra lli tienti.

disegno
sturnu

sturnu sm. Storno, il noto uccello nero macchiettato di bianco, attivamente cacciato perché, passando a grandi stormi a fine autunno, divora in grande quantità le olive mature nei campi * agg. Storno, riferito al mantello del cavallo di colore grigio scuro macchiettato di bianco: caδδu sturnu, sçiumenta sturna cavallo storno, cavalla storna.

stursellare tr.; pres. stursellu, stursielli, stursella, stursellamu, ecc.; p. rem. stursellài, ecc.; pp. stursellatu. Scontorcere, distorcere e deformare; dinoccolare. [da un incr. tra it. storcere e sfracellare].

stursellatu agg. Scontorto, deformato, deforme; dinoccolato; claudicante e traballante: nna rapa stersellata te ulìa un tronco scontorto di olivo.
DE D. ba bite Pietru Lau nu stursellatu / ca rittu intru lu truδδu sta’ benìa.

stursu (a -) loc. avv. In blocco senza pesare o contare; ad occhio e croce: le ccattu a stursu, bone e ffiacche le compro in blocco, buone e guaste; a stursu putìanu èssere nnu centenaru ad occhio e croce potevano essere un centinaio.

sturtigghiamientu sm. Contorcimento, contorsione.

sturtigghiare tr.; pres. sturdìgghiu, ecc.; impf. sturtigghiàa, ecc.; p. rem. sturtigghiài, ecc.; pp. sturtigghiatu * 1- Contorcere, storcere: ni sturtigghiàu lu razzu ca pe ppicca nu nni lu spennulàu gli storse il braccio, tanto che per poco non glielo slogò; pe lla tulore se sturtigghiàa comu nnu uardapassi per il dolore si torceva come un biacco * 2- Dipanare, svolgere un filo . [contrario di nturtigghiare].

sturtigghiatu agg. 1- Contorto, storto * 2- Disciolto, svolto, dipanato.

sturzu agg. Rabbuffato, arruffato * sm. Rabbuffo, severo rimprovero.

stusçiafacce sm. Asciugamano, panno di lino per asciugare principalmente le guance.

stusçiare tr.; pres. stùsçiu, ecc.; impf. stusçiàa, ecc.; p. rem. stusçiài, ecc.; pp. stusçiatu. Asciugare; detergere; pulire: se stusçiàa lu suture cu llu muccaturu si asciugava il sudore con il fazzoletto; stùsçiate lu nasu pulìsciti il naso; nde stusçiàra la pùrvere detersero la polvere * prov. Cu ttutte le erve stùsçiate lu culu, all'infore però te la lurdìcula pulìsciti il sedere usando qualsiasi erba, all'infuori però dell'urtica. [dall'it. strusciare incr. con asciugare].

disegno
stutacandile

stutacandile sm. Spegnitoio, cappuccio conico metallico fissato in cima a una canna, adoperato per spegnere le candele poste in alto.

stutare tr.; pres. stutu,… stutamu, ecc.; p. rem. stutài, ecc.; pp. stutatu. Spegnere: stutare lu fuecu, lu lume, l'ampa te la lucerna, lu pòsperu spegnere il fuoco, il lume, la fiammella della lucerna, il fiammifero; stuta lu sicàru ca me fete spegni il sìgaro, che mi puzza; cussìne l'amore tou chianu chianu se stutàa così il tuo amore lentamente si spegneva * prov. Ogne àcqua stuta lu fuecu qualsiasi tipo di acqua (pulita, sporca, fredda, calda) spegne il fuoco.
DE D. M'ha parsu comu stiδδa ca ha ccatuta: / dae nnu lampu de luce e poi se stuta.

stutatu agg. Spento.; al buio.

stutente (pl. stutienti) sm. Studente. [lat. studens -entis].
DE D. Ha passatu lu pruèrbiu, cari amici: / dine stutente e ha dittu desperatu.

stutiare, studiare tr.; pres. stùtiu (stùdiu), stutii, stùtia, stutiamu, ecc.; p. rem. stutiài, ecc.; pp. stutiatu. Studiare per apprendere: fena a mmoi à stutiatu lu più e lu menu, te crai ncigna a stutiare lu per e lu divisu sinora ha studiato a fare l'addizione e la sottrazione, da domani comincerà ad apprendere la moltiplicazione e la divisione. [da stùtiu, stùdiu].

stutieδδu sm. Tampone coperto di garza; zaffo avvolto con stoppa; stuello.

stutiosu agg. Studioso, diligente nello studio. [lat. studiosus].

stùtiu, stùdiu sm. 1- Studio, applicazione volta all'apprendimento * 2- Studio, locale di un professionista. [lat. studium].

stuzzecamientu sm. Stuzzicamento; incitamento; eccitamento.

stuzzecare tr.; pres. stùzzecu, stùzzechi, stùzzeca, stuzzecamu, ecc.; p. rem. stuzzecài, ecc.; pp. stuzzecatu. Stuzzicare, molestare punzecchiando; eccitare, stimolare. [da un incr. tra it. tuditare e pizzicare].

stuzzecusu agg. Appetitoso, stimolante; eccitante.

su prep.; essa rafforza il suono e raddoppia la consonante iniziale semplice della parola seguente. Su: su llu màrmulu sul marmo; su lli taulini sui tavolini; le astime càtenu su ttie stessu le bestemmie ricadono su te stesso; su ssorma nu nc'ete nienti de tìcere su mia sorella non c'è alcunché da dire. [dall'avv. lat. su(sum) ]. V. anche susu.

su' 1ª pers. sing. e 3ª pers. pl. del presente di èssere, forma tronca, cioè, di su(ntu) io sono, e di su(ntu) essi sono; esse rafforzano il suono della consonante iniziale semplice della parola che segue: cantu ca su' ccuntente canto perché sono contento; su' statu a mmera Ssanu sono stato dalle parti di Ussano; su' beδδi l'ecchi toi te àcqua marina sono belli i tuoi occhi color di acqua marina; su' benuti mpena si' sçiutu tie sono venuti appena tu sei andato. [lat. sum, sunt].
D'AM. Nu nc'è dùbbiu: l'ecchi toi / su' do' stiδδe mpezzecate,

suattu, suàttulu sm. Sovatto o sogatto, cinghia di cuoio per cavezze e guinzagli.

subbersanese agg. Di Supersano, proveniente di Supersano * sm. e f. Abitante di Supersano.

Subbersanu geogr. Supersano.

subbersata sf. Soppressata, specie di salame di carne di maiale tritata, condita con sale e pepe e lasciata a lungo sotto peso.

subbessare tr.; pres. subbissu,… subbessamu, ecc.; p. rem. subbessài, ecc.; pp. subbessatu. Subissare; colmare sommergendo: ci ole te subbissa te turnisi se vuole, ti colma di quattrini; lu subbessàu de ngiuri e de nzurti lo investì di epiteti e di insulti * rifl. Inabissarsi, sprofondare: me scerru te tie, amore mia, sulu quandu lu mundu se subbissa mi dimenticherò di te, mia cara, solamente quando il mondo si inabisserà.

subbetanu agg. Subitaneo, improvviso. [dal lat. subitaneus].

sùbbetu, sùbbitu agg. Subito, immediatamente. [lat. subito].

subbina (a lla -) avv. Alla supina, supinamente, a pancia in su.

subbinu agg. Supino. [lat. supinus].

subbissu sm. 1- Inondazione e sommersione totale * Eccessiva profusione; quantità immensa.

Subbistianu, Bastianu pers. Sebastiano.

subbra (a -) prep., che può essere o non essere seguita dall'altra prep. a; comunque la parola seguente, se comincia con consonante semplice, raddoppia questa. Sopra: subbra a mmie sopra di me; subbra ttie sopra di te; ssèttate subbra mmàmmata siedi sopra tua madre * avv. Sopra, su: pòrtalu subbra pòrtalo sopra; se mise cchiù' ssubbra si mise più su. [lat. supra].

subbrabbanca sm. Ampio centrino di stoffa, ricamato, rettangolare o rotondo, che si dispone sul tavolo di casa.

subbracaδδu sm. Succhione spuntato sui rami dell'albero.

subbracàrrecu sm. Sovraccarico, soperchio peso.

subbracchiùi sm. e avv. Sovrappiù; aggiunta, supplemento.

subbrafiatu sm. fiato sospeso o trattenuto; mancanza di respiro; affanno.

subbraientu avv. Sopravento.

subbralocu sm. Sopralluogo * avv. Sul posto stesso: lassàtili subbralocu lasciateli sul posto stesso.

subbramanu sf. Sopraggitto, un particolare punto di cucito usato per unire due vivagni * sm. 1- Passamano, l'elemento d'appoggio di una ringhiera * 2- Passaggio di oggetti mediante le mani da una persona all'altra disposte a catena.

subbrannu agg. Che ha superato il primo anno di vita: sta crapetta ete già subbranna questa capretta è già di un anno e più. [lat. supra annum].

subbranu agg. Poco profondo: puzzu subbranu pozzo poco profondo; l'àcqua stae subbrana l'acqua non è profonda. [dal lat. supra incr. con lat. volg. superanus].

subbrapenzieri avv. Soprappensiero, concentrato nei propri pensieri e perciò distratto.

subbrapisu sm. In aggiunta al peso esatto; sovrappeso.

subbrasçiunta sf. Aggiunta in più * pe ssubbrasçiunta avv. Per sopraggiunta.

subbrasièculu avv. Al di là di un secolo, in un lontano futuro; oltre il tempo; da qui a cento anni: puezzi murìre subbrasièculu! possa tu morire dopo un secolo!

subbrataccu sm. Soprattacco.

subbratàula sf. Dessert consistente in frutta secca oppure ortaggi da consumare a completamento del pasto: nuci, mèndule, fae e cìceri rrustuti comu subbratàula noci, mandorle, fave e ceci tostati per dessert; porta nna subbratàula te fenucchi, scalore, ùnguli offri un'ultima portata di finocchi, scariole, baccelli di fave.

subbrattuttu sm. Soprabito da indossare in fretta sui vestiti da camera.

subbrettu sm. Sorbetto di gelato.

subbrimatu sm. Sublimato, disinfettante liquido preferito allo 'spìretu', perché non brucia come questo.

subbrime agg. Sublime, straordinariamente bello e buono.

subbùgliu sm. Subbuglio, trambusto.

suca sf. Tubo di gomma usato per irrigare; cannello adoperato per travasare il vino da un recipiente ad un altro. [fem. del lat. sucus incr. con lecc. suca(re) ].

disegno
sucacrape

sucacrape sm. Succhiacapre, caprimulgo.

sucamele sf. 1- Gladiolo dei cereali o spadacciola, pianta erbacea che cresce spontanea nei seminati; ha foglie acuminate, fiori grandi campanulati in spighe semplici * 2- Consolida, erba vivace con foglie sparse grandi e pelose, fiori bianchi; veniva usata in impacchi sulle ferite per le sue proprietà astringenti e cicatrizzanti.

sucare tr.; pres. sucu, suchi, suca, sucamu, ecc.; p. rem. sucài, ecc.; pp. sucatu. Succhiare, suggere, poppare: sucàanu la minna, la pupareδδa succhiavano alla mammella, al succhiotto; sùcate lu latte, la caramella succhia il latte, la caramella * modo di dire: sucare lu sangu sfruttare; sucare te mute mamme guadagnare da più parti. [da sucu].

sucasangu, suca suca sm. Parassita sfruttatore.

sucatieδδu, sucatillu agg. Gracile, macilento, scarno come se fosse stato succhiatu. [dim. di sucatu].

sùccedu, sùccitu agg. Gretto, sordido, moralmente sozzo. [da un incr. tra lat. mucidus, sordidus, sucidus].

succellenzia, succellenza sf. Sua Eccellenza, titolo di alta autorità.

successore sm. Successore, erede. [lat. successor -oris].

successu sm. Successo, buona riuscita, trionfo. [lat. successus].

succètere, succetìre intr.; pres. succetu, succieti (succeti), succete, succetimu, ecc.; p. rem. succetìi (successi), succetisti, succetìu (successe), succetemmu (succèssemu), succetestu, succetèra (succèssera) ; pp. succetutu (successu) . Succedere, subentrare al posto di un altro: lu sire s'ìa fattu ecchiardu e nni succetèra li doi figghi il padre era diventato assai vecchio e gli successero i due figli * impers. Accadere, avvenire: cce sta’ ssuccete? che cosa sta succedendo?; cu ssucceta ccenca à ssuccetìre che avvenga ciò che deve accadere. [lat. succedere].

succorsu sm. Soccorso: more ci nu nni ene a ssuccorsu la Matonna morirà se la Madonna non verrà in suo soccorso.

succùmmere, succumbìre intr.; pres. succummu (succumbu),… succummimu (succumbimu), ecc.; p. rem. succummìi,… succummemmu, ecc.; pp. succummutu. Soccombere, venire sopraffatto. [dal lat. succumbere].

succùrrere, succurrìre tr.; pres. succurru, ecc. (segue la coniugazione del semplice cùrrere, currìre). Soccorrere, aitare: Matonna te la Luce, succurri δδi carusieδδi! Madonna della Luce, aiuta quei giovanetti; Santu Pàulu te Galatina succorse la Pìggia tarantata S. Paolo, patrono di Galatina, venne in soccorso di Luigia, pizzicata dal ragno. [dal lat. succurrere].

sucetate, sucetà sf. Società, ditta; patto tra più persone per partecipare ad una impresa: poi spartèra a ssucetate poi divisero tra loro secondo i patti; la sucetà cu cquiδδu nu lla fazzu l'accordo in comune con lui non lo farò. [lat. societas -atis].

sùcheru sm. Sughero: fuδδò te sùcheru tappo di sughero. [lat. suber -eris incr. con lecc. sucare].

suchiδδu, suchillu sm. Ciuccio, tettarella. V. anche pupareδδa.

suciale agg. Sociale. [lat. socialis].

sucialìsemu, sucialismu, soggialismu sm. Socialismo. [fr. socialisme].

sucialista, suggialista agg. e sm. e f. Socialista; aderente al partito socialista.

sucièule, sucièvule agg. Socievole, affabile e cordiale.

sucu (pl. suchi) sm. Succo, sugo: sucu te limone, te racù, te lu stufatu succo di limone, sugo di ragù, di stufato; cu nnu tte llurdi te sucu attento a non sporcarti di sugo. [dal lat. sucus].

sucusu agg. Succoso. [lat. succosus].

sùdditu sm. Suddito: nui simu sùdditi te lu Rre noi siamo sudditi del Re [lat. subditus].

suecru sm. Suocero. V. secru.

suelu sm. 1- Suolo, terreno ben delimitato; zona edificatoria * 2- Lo strato del sottosuolo duro, ma non roccioso. V. solu.

suennu1, sennu1 sm. Sonno: suennu leggeru, pesante, ntrassatu sonno leggero, pesante, arretrato; stae a ssennu chinu è immerso in un sonno profondo; danni nna chìccara te papagnu e iti ca pìgghia suennu dagli una tazzina di infuso di papavero e vedrai che prenderà sonno; pràcetu comu lu sennu te nnu piccinnu placido e sereno come il sonno di un infante * detto: suennu tira sennu sonno tira sonno. [lat. somnus, o>ue/e].

suennu2, sennu2 sm. Sogno: m'àggiu fattu nnu bruttu, nnu bellu suennu ho fatto un brutto, un bel sogno; me parìa nnu sennu mi sembrava un sogno; tie à' tenuti sempre suenni te grandità tu hai avuto sempre sogni di grandezza. [lat. somnium, o>ue/e].

suenu sm. Suono. V. senu.

Suerinu, Serinu, Severinu pers. Severino.

suèsciu, suvèsciu sm. Sovescio: suèsciu te fae e ruppini, te erva mèteca, te ferràsçena sovescio di fave e lupini, di erba medica, di orzo faraggero. [lat. subversus, lat. volg. *subversius].

sùeru v. sùcheru.

suezzu, sezzu (f. sozza) agg. Pareggiato; reso uguale in lunghezza, in larghezza, in altezza; fatto uniforme * sm. Pari, socio, di uguale livello anche sociale * prov. Suezzu cerca sezzu pari cerca pari. [lat. socius, it. ant. sozio].

sufà sm. Sofà, canapè, divano. [fr. sofa].

sufferente agg. Sofferente.

sufferènzia, sufferenza sf. Sofferenza. [lat. sufferentia].

suffertu agg. Sofferto, patito.

sufficiente agg. Sufficiente. [dal lat. sufficiens -entis].

sufficiènzia, sufficienza sf. Sufficienza. [lat. sufficientia].

suffiettu sm. Soffietto.

suffitte sf. pl. 1- I diversi tratti della volta a crociera * 2- Gli intonaci delle volte considerati a sezione a sezione: menare le suffitte intonacare i riquadri delle volte. [dal lat. volg. suffictus].

suffràggiu sm. Suffragio, preghiera ovvero offerta, opera di carità in nome e a favore dei cari defunti. [lat. suffragium].

suffrìsçere, suffresçìre tr.; pres. suffrìu (suffrìsçiu), suffrisçi, suffrisçe, suffresçimu, ecc.; p. rem. suffresçìi,… suffresçemmu, ecc.; pp. suffresçiutu (suffrittu) . Soffriggere. [lat. subfrigere]. V. frìsçere.

suffrittu sm. Soffritto, vivanda cotta in olio bollente.

suffucamientu sm. Soffocamento, perdita di respiro.

suffucante agg. Soffocante. [lat. suffocans -antis].

suffucare tr. e intr.; pres. sòffucu, suèffuchi, sòffuca, suffucamu, ecc.; p. rem. suffucài, ecc.; pp. suffucatu. Soffocare; perdersi di respiro: l'àsema lu suffucàa l'asma lo soffocava; suffucàu la socra cu nnu cuscinu a nfacce soffocò la suocera mediante un cuscino premuto sul viso; sòffucanu pe ll'ària sçeruccusa sòffocano a causa di questa atmosfera sciroccosa. [lat. suffucare].

Sufìa, Fifì pers. Sofia.

sufistecare intr.; pres. sufìstecu, sufìstechi, sufìsteca, sufistecamu, ecc.; p. rem. sufistecài, ecc.; pp. sufistecatu. Cavillare. [lat. sophisticari].

sufìstecu (pl. sufìstechi) agg. Sofistico, cavilloso, che cerca il pelo nell'uovo. [lat. sophisticus].

sufruttu, fruttu sm. Usufrutto. [dal lat. usufructus].

suggerimientu, suggerimentu sm. Suggerimento.

suggerìre tr.; pres. suggeriscu,… suggerimu, ecc.; impf. suggerìa, ecc.; p. rem. suggerìi,… suggeremmu, ecc.; pp. suggerutu. Suggerire. [dal lat. suggerere].

suggeritore sm. Suggeritore, la persona incaricata di rammentare le battute agli attori di teatro.

suggestione sf. Suggestione, sottomissione all'altrui influenza: quandu me uarda cu δδi uecchi friddi me sentu nna suggestione quando mi guarda con quegli occhi freddi mi metto in suggestione. [lat. suggestio -onis].

suggestiunare tr.; pres. suggestionu, suggestioni, suggestiona, suggestiunamu, ecc.; p. rem. suggestiunài, ecc.; pp. suggestiunatu. Suggestionare facendo provare imbarazzo.

suggestiunatu agg. Soggestionato e impacciato.

suggettamientu, suggettamentu sm. Assoggettamento, atto di chiedere un favore.

suggettare rifl.; pres. me suggettu, te suggietti, se suggetta, ni suggettamu, ecc.; p. rem. me suggettài, ecc.; pp. suggettatu. Assoggettarsi per chiedere un favore rimanendo obbligati; chiedere umiliandosi: la mègghiu cosa ete ci nu tte suggietti a nnisciunu la cosa migliore è non assoggettarsi a nessuno. [da suggettu].

suggettu agg. 1- Soggetto ad un obbligo: ete suggetta cu bàsçia doi fiate la semana è soggetta ad andare due volte la settimana * 2- Predisposto: ete suggettu alli tulori te capu è soggetto alle emicranie * sm. Soggetto, argomento: quale ete lu suggettu te lu descorsu tou? qual è l'argomento del tuo discorso? [lat. subiectus].

suggezione sf. Soggezione, imbarazzata timidezza: nun à' bire suggezione te lu patrunu non devi avere soggezione del padrone. [lat. subiectio -onis].

sugghianese agg. Di Sogliano, proveniente da Sogliano * sm. Abitante di Sogliano Cavour.

Sugghianu geogr. Sogliano Cavour.

sùgghiu sm. Sùbbio. V. ssùgghiu.

suggillare tr.; pres. suggillu,… suggellamu, ecc.; impf. suggellàa, ecc.; p. rem. suggellài, ecc.; pp. suggellatu. Sigillare, chiudere ermeticamente. [da suggillu].

suggillu sm. Suggello, sigillo; chiusura. [dal lat. sigillum].
Da c. p. Aggiu ffare nna lettre a llu miu amore, / tutta te sangu la vògghiu mmuδδare / e ppe ssuggillu nci mintu stu core;

suggiornu sm. Stanza di soggiorno in un appartamento signorile.

suggiurnare intr.; pres. suggiornu,… suggiurnamu, ecc.; p. rem. suggiurnài, ecc.; pp. suggiurnatu. Soggiornare.

suglièu sm. Sollievo, refrigerio, ristoro.

sulachianiellu sm. Calzolaio poco esperto; ciabattino senza bottega, il quale esegue piccole riparazioni andando in giro per le case e ricevendo come compenso dei lavori effettuati oltre che denaro anche vitto.

sulagnu agg. Solingo, solitario; di luogo non frequentato: nnu fiuru sulagnu fiurìa allu àngulu te lu parite un fiore solitario sbocciava all'angolo del muro; nna carrareδδa sulagna china te ausapieti un viottolo solingo coperto di triboli spinosi.
DE D. Cate la notte e a ncelu camenandu / sulagna e bianca se nde sçia la luna.

sulamente avv. Solamente, soltanto.

sulare tr.; pres. solu, sueli, sola, sulamu, ecc.; impf. sulàa, ecc.; p. rem. sulài, ecc.; pp. sulatu. Risuolare le calzature. [dal lecc. sola].

sularu1 sm. Venditore di cuoiame, coiaio. [da sola + suff. di mest. -aru].

sularu2 agg. Solare: li rasçi sulari i raggi solari. [da sule].

sulatura sf. Risolatura delle scarpe sfondate.

sule sm. Sole, sia come astro, sia come fonte di vita e simbolo di bellezza: lu sule sta’ besse, sta’ ssale, sta’ ccala, sta’ mminte, à mmisu il sole sorge, sale, cala, tramonta, è tramontato; lu sule stìa a cchiummu, a mpiernu il sole era perpendicolare; te nna ssuta a nna misa te sule, te sule a sule dall'alba al tramonto; tie sinti lu sule te la vita mia tu sei il sole della mia vita; ete beδδu comu lu sule è bello come il sole * provv. Lu sule ci te ite, te scarfa il sole che ti illumina, ti scalda § Lu sule esse pe ttutti il sole sorge per tutti § A ddu trase lu sule nu ttrase lu miètecu dove entra il sole non entra il medico § Sule e ientu li panni comu argentu sole e vento (rendono) i panni come l'argento § Quandu lu sule punge l'àcqua ete cùcchia allorché il sole punge la pioggia è vicina. [dal lat. sol solis].
Da c. p. Lu sule te putènzia soa deìna / t'à ffatta beδδa pe llu miu despiettu;

suleggiatu agg. Soleggiato.

sule lione, sule llione, sule glione sm. Solleone; estate calda. V. sullione.

suletta sf. Soletta, la parte rinforzata della calza, la quale viene lavorata a maglia doppia.

suliceδδu sm. Sole autunnale o invernale, sole tiepido: alli ecchi piace lu suliceδδu ai vecchi piace il tepido sole. [vezz. di sule].

sulienzu, sulènziu sm. Silenzio: nc'era nnu sulènziu te tomba c'era un silenzio di tomba; faciti sulienzu! fate silenzio! [lat. silentium].

Sulièsciu, Silièsciu, Suliestru, Sirvestru pers. Silvestro.

sulista sm. e f. Solista, cantore o sonatore che esegue una parte da solo.

sulitàru, suletàriu, sulitàriu agg. Solitario, appartato, non frequentato: lechi suletari e paurusi luoghi solitari e paurosi; a nònnama ni piace cu sse nde stèsçia suletària a mia nonna piace stàrsene appartata * sm. Anello con grosso brillante incastonato da solo.

Sulìtu geogr. Soleto. Agli abitanti di questo paese veniva affibbiato il nomignolo di 'stùsçia-cessi' pulisci fogne.

sulitùtine, suletùtene sf. Solitudine. [lat. solitudo -inis].

sulla sf. Sulla, pianta foraggera simile al trifoglio, con foglie composte e fiori violetti o bianchi in racemi pelosi.

sullenne, sulenne agg. Solenne: missa sullenne a ttre prieti messa solenne con tre preti officianti. [lat. sollemnis].

sullennità sf. Solennità; importante ricorrenza festiva sia civile che religiosa. [lat. sollemnitas -atis].

sullennizzare tr.; pres. sullennizzu,… sullennizzamu, ecc.; p. rem. sullennizzài, ecc.; pp. sullennizzatu. Solennizzare, festeggiare una importante ricorrenza. [dal lat. sollemnizare].

sulliare tr. e intr.; pres. sullèu, sullièi, sullèa, sulliamu, ecc.; p. rem. sulliài, ecc.; pp. sulliatu * tr. 1- Sollevare, alzare * 2- Alleviare, rendere più sopportabili le sofferenze * intr. rifl. Insorgere; palpitare, sussultare: te piettu se sulliàanu comu ampe te fuecu dal petto insorgevano come vampate; gneffiata ci lu ìsçiu, lu core miu se sullèa ogni qualvolta lo vedo, il mio cuore pàlpita. [dal lat. sublevare].

sulliata sf. 1- Alzata * 2- Caldana che sale dal petto alle tempie * 3- Batticuore, palpitazione.

sulliatu agg. Allarmato e ansioso, preso da apprensione.

sullièu, sullièvu, suglièu sm. Sollievo, conforto, ristoro.

sullione sm. Solleone, calura intensa che va da metà giugno a metà agosto. [comp. di sole e Leone, segno zodiacale].

sulu agg. Solo; unico, singolo: me piace cu stau sulu preferisco stare solo; moi ìtitela te sula adesso provvedi da sola; quistu sulu à rrimastu questo solo è rimasto; sulu lu Signore lu pote sanare il Signore è il solo che può guarirlo * provv. Mègghiu sulu cca male ccumpagnatu meglio solo che male accompagnato § Le tescràzie nu bènenu mai sule le disgrazie non vengono mai sole * avv. Soltanto, solamente: sape cuntare sulu culacchi sa raccontare soltanto aneddoti; sulu te le trònate tene paura ha paura solamente dei tuoni * modi di dire: sulu suntu e francu me chiamu non faccio comunella e mi dichiaro franco e leale; mègghiu sulu - disse lu pasulu meglio stare soli che in cattiva compagnia. [lat. solus].
Da c. p. Giòene, a ccasa mia ci t'à cchiamatu? / sulu si' ssutu e ssulu si' benutu;

suluri, sururi sf. pl. di soru. Sorelle: quista ete la cchiù' rrande te le suluri costei è la maggiore d'età tra le sorelle; a ccine te le sururi uèi cu tte cacci? a quale delle sorelle intendi fare la dichiarazione d'amore? [dal lat. sorores].
Da c. p. nc'e' do' suluri e s'ànu mise a sçiuècu, / stanu sçiucandu la persona mia;

sumarrinu sm. Somarello, asinello. [dim. di sumarru].

sumarru, sumaru sm. Somaro, asino * fig. Ignorante e incapace: nell'uno e nell'altro significato più comune è 'ciùcciu'. [dal lat. saumarius].

sumbriare rifl.; pres. me sùmbriu, ecc.; impf. me sumbriàa, ecc.; p. rem. me sumbriài, ecc.; pp. sumbriatu. Adombrarsi, spaventarsi per le ombre: lu caδδu se sumbriàu e sse ttaccàu la manu il cavallo si adombrò e si diede a una corsa sfrenata. [comp. del pron. se e lat. adumbrare].

summare (lett.) tr.; pres. sommu, suemmi, somma, summamu, ecc.; impf. summàa, ecc.; p. rem. summài, ecc.; pp. summatu. Sommare, eseguire una addizione. V. fare lu più, sçiùngere, fare lu cuntu.

summàriu (lett.) sm. Sommario, riassunto; compendio.

summergìbbile (neol.) sm. Sommergibile.

summergibbilista sm. Sommergibilista.

sunagghiera sf. Sonagliera.

sunàgghiu sm. Sonaglio.

sunante agg. Sonante: spussetìu paricchi sghei sunanti sborsò parecchi quattrini sonanti.

sunare tr. e intr.; pres. sonu, sueni, sona, sunamu, ecc.; p. rem. sunài, ecc.; pp. sunatu * tr. Sonare: sunare lu fràulu, lu trumbone, lu priulinu, le campane suonare il pìffero, il trombone, il violino, le campane; sta’ ssònanu la rumanza te lu 'Riculettu' suònano la romanza del 'Rigoletto'; lu tarlosçi te la chiazza à ssunate le sei te la èspera l'orologio della piazza ha suonato le ore sei del vespro; la campana sta’ ssona missa prima, menzatìa, intunura, la seròtina la campana annunzia la prima messa, mezzodì, la ventunesima ora, la funzione della sera * modi di dire: sunare le tocche annunziare con il suono della campanella la nascita di un bambino; sunare li lauticeδδi sonare a rintocchi per annunziarne il decesso * intr. Suonare, emettere suoni, far sentire un suono: le campane sunàra all'àutu, a ggròlia, a mmurtoru le campane sonarono a distesa, in gloria, a mortorio; la ucala sona te scasciatu la brocca suona di rotto * fig. 1- Riuscire bene in un lavoro: marìtusa a ddunca minte manu sona suo marito riesce bene qualunque cosa faccia; t'à’ fattu ècchiu e nnu ffisçhi e nnu ssueni ti sei invecchiato e non fischi e non suoni… * 2- Battere, colpire, dare busse: ni sunasti nnu pàccaru subbra a lla cuteδδa gli assestasti uno scappellotto sulla nuca. [lat. sonare].
DE D. Nanti mme pìgghiu nn'òmmene, / cu me sònanu a morte le campane!

sunata sf. Sonata di uno o più strumenti * fig. Richiesta dispendiosa e inattesa: spurràu cu nna sunata! sbottò con una tale richiesta!

sunatu agg. Intronato, stordito. [dal lat. sonatus].

sunature, sunatore sm. Sonatore, musicante: bona sera alli sunaturi! buona sera ai sonatori!

suncirare intr. e tr.; pres. sunciru,… sunciramu, ecc.; impf. sunciràa,… sunciraàmu, ecc.; p. rem. suncirài,… suncirammu, ecc.; pp. sunciratu * intr. Crescere rigoglioso; essere prossimo alla maturazione; diventare sano e vegeto * tr. Appurare; sincerarsi. [dal lecc. sunciru].

suncirezza sf. Rigogliosità, floridezza; maturazione perfetta dei frutti: uarda la suncirezza te ste mile osserva la bontà di queste mele.

sunciru agg. Rigoglioso, florido, sano e vegeto: le chiante pàrenu suncire le piante sembrano rigogliose; tene la facce suncira ha il viso rubicondo; puru le anche suntu suncire anche le gambe sono ben messe. [dal lat. sincerus].

sundàggiu (lett.) Sondaggio, indagine. [fr. sondage].

sundare tr.; pres. sondu, suendi, sonda, sundamu, ecc.; p. rem. sundài, ecc.; pp. sundatu. Sondare qualcuno, indagare. V. sçire ddummandandu.

sunettu1 sm. Sonetto, breve componimento in versi (spesso ottonari cadenzati), da recitare davanti al presepio o di fronte a un superiore oppure in onore degli sposi: sta’ ddice lu sunettu a Bonsignore sta recitando la breve poesia davanti a Monsignore.
DE D. … o decimu nnu sunettu / a cqua nnanti allu Mamminu.
DE D. e scrisse iersi a sutta lle pagghiare, / sunetti pe lle tàule de li zziti / e canzuni d'amore alle mmassare.

sunettu2 sm. Danno inatteso, incidente capitato tra capo e collo: àggiu ccappatu nnu bruttu sunettu mi è capitato un brutto guaio.
DE D. Tandu li musi me nde li lleccài, / ma moi tocca me sucu stu sunettu.

sunnambulìsemu sm. Sonnambulismo.

sunnàmbulu sm. Sonnambolo. [dal fr. sonnambule].

sunnare tr. rifl.; pres. me sonnu, te suenni, se sonna, ni sunnamu, ecc.; p. rem. me sunnài, ecc.; pp. sunnatu. Sognare: se sunnàu sirsa muertu e nni tese li nùmeri sognò suo padre defunto, il quale gli diede i numeri del lotto; me sunnàa ca ulàa sognavo di volare * prov. Ci male te ole, male te sonna chi male ti vuole, male ti sogna * fig. Immaginarsi, vagheggiare; lavorare di fantasia: me sonnu ca quiδδi nu sse pìgghianu ritengo che quei due non si sposeranno; δδe cose se l'à ssunnate quelle vicende le ha solo immaginate. [lat. somniare].
Da c. p. Stanotte me sunnài de nna busçìa: / ièu stìa curcatu cu Ninella mia. / Fusse erdate, quantu piacìre aìa!

sunnulentu agg. Sonnolento. [dal lat. somnolentus].
DE D. Na secara camina sunnulenta, / rretu le scrasçe nu respu se scunde, / na fila de furmìcule fatìa.

sunnulènzia sf. Sonnolenza, torpore. [lat. somnolentia].

sunoru agg. Sonoro. [lat. sonorus].

superare (lett.) tr.; pres. sùperu,… superamu, ecc.; p. rem. superài, ecc.; pp. superatu. Superare, eccedere; oltrepassare. [dal lat. superare]. V. passare;

ìncere.

supèrbia sf. Superbia, arroganza * provv. La supèrbia ete te li fessa la superbia è degli ignoranti § La supèrbia sçìu a ncaδδu e tturnàu pete cata pete l'arroganza andò a cavallo e tornò a piedi passo passo. [dal lat. superbia].

superbiusu agg. Superbo, arrogante, orgoglioso: te quandu rrecchìu, ddentàu superbiusu da quando si arricchì, divenne superbo e arrogante.

superbu agg. Superbo e sprezzante. [lat. superbus].

superchiare tr. e intr.; pres. supèrchiu, ecc.; impf. superchiàa, ecc.; p. rem. superchiài, ecc.; pp. superchiatu. Soverchiare, superare; avanzare, traboccare. [dal lecc. supèrchiu].

supèrchiu agg. Soverchio, eccessivo, esagerato, troppo: ni ole nnu bene supèrchiu gli vuole soverchio bene; l'àcqua à stata supèrchia la pioggia è stata eccessiva * prov. Lu superchiu rumpe lu cupèrchiu il soverchio rompe il coperchio * avv. Troppo, eccessivamente: à ccresciuta supèrchiu è cresciuta troppo * supèrchiu ca… Per fortuna che: supèrchiu ca nu tte nde cacciàu per fortuna che non ti cacciò via * supèrchiu ci… Anche troppo se: supèrchiu ci se face ìtere nna fiata lu mese anche troppo se si fa vedere una volta al mese. [lat. super plus, lat. med. superc(u)lus, cl>cchi].

superiora sf. Suora a capo di un convento di religiose (la superiora di un monastero si chiama 'matre batissa').

superiore agg. Superiore, che sta più in alto; più importante * sm. Sovrintendente. [dal lat. superior -oris].

superiorità af. Superiorità. [lat. superioritas -atis].

superlativu (lett.) agg. Superlativo, eccezionale. [lat. superlativus]. V. il più usato straurdinàriu.

superomu sm. Superuomo. [lat. super homo].

suppa1 sf. Zuppa, pappina preparata con il latte o con il 'caffè' di orzo.

suppa2 sf. Pannolino, generalmente di spugna, per neonato. V. pure sparecanieδδu e pure sçiupparieδδu.

supparcu sm. Soppalco; ammezzato.

suppergiù avv. Suppergiù, più o meno, circa.

suppiantare tr.; pres. suppiantu,… suppiantamu, ecc.; p. rem. suppiantài, ecc.; pp. suppiantatu. Soppiantare subentrando ad un altro; piantare in asso. [lat. supplantare].

suppiera sf. Zuppiera, scodella, tazza. [da suppa + suff. funz. -era].

suppigna sf. Soffitto della casa.

suppinna, suppina sf. Soffitta, tettoia; copertura mobile posta a salvaguardia. [lat. sub pinna, sotto l'estremità del tetto].

supposta sf. Supposta di forma ovale.

sùppreca, sùpprica sf. Supplica, solenne invocazione: sçiamu ssentimu la sùppreca te la Matonna de Pumpèi andiamo ad ascoltare la supplica in onore della Madonna di Pompei.

supprecante sm. Supplice che chiede grazia; postulante.

supprecare, suppricare tr.; pres. sùppricu, sùpprichi, sùpprica, supprecamu, ecc.; impf. supprecàa, ecc.; p. rem. supprecài, ecc.; pp. supprecatu. Supplicare; postulare.

supprementare (lett.) agg. Supplementare: e quistu ete nnu tàfaru supprementare e questo è un pugno supplementare. V. il più usato subbracchiùi.

supprementu (lett.) sm. Supplemento; un di più integrante o sovrabbondante. [dal lat. supplementum]. V. sçiunta.

supprente agg. Supplente, sostituto. [lat. supplens -entis].

supprire (lett.) tr.; pres. suppriscu,… supprimu, ecc.; p. rem. supprìi,… suppremmu, ecc.; pp. suppritu. Supplire.

supprìziu sm. Supplizio, tortura. [dal lat. supplicium].

suppu agg. Zuppo, del tutto bagnato, grondante di pioggia: pane suppu pane zuppo, terra suppa terra imbevuta di acqua; turnàu a ccasa suppa suppa fece ritorno a casa bagnatissima.

suppunìre, suppònere tr.; pres. suppongu, suppueni, suppone, suppunimu, ecc.; p. rem. suppunìi (supposi), suppunisti, suppunìu (suppose), suppunemmu (suppòsemu), suppunestu, suppunèra (suppòsera) ; imper. supponi, suppuniti; cong. pres. supponga, suppònganu; pp. suppunutu (suppostu) . Supporre, ritenere. [lat. supponere].
DE D. Intru lla mente toa t'ì' suppunutu / ca ieni e biti e binci e passi nnanti.

suppuntare tr.; pres. suppuntu, ecc.; (segue la coniugazione di ppuntare). Puntellare. V. pure ppuntiδδare.

suppuntu sm. Puntello, trave di sostegno; supporto. V. pure puntiδδu.

suppurare intr.; pres. suppuru,… suppuramu, ecc.; p. rem. suppurài, ecc.; pp. suppuratu. Suppurare. [lat. suppurare].

suppurazione sf. Suppurazione purulenta. [lat. suppuratio -onis].

suppurtare tr.; pres. supportu, suppuerti, supporta, suppurtamu, ecc.; p. rem. suppurtài, ecc.; pp. suppurtatu. Sopportare, tollerare, sostenere: nu llu supporta cchiùi non lo sopporta più . [lat. supportare].

suppurtazione sf. Sopportazione. [lat. supportatio -onis].

suppusizione sf. Supposizione. [dal lat. suppositio -onis].

supràbbetu sm. Soprabito.

suprana (lett.) sf. La sovrana, regina. Da una preghiera: Matonna, te li celi si' suprana, / te le donne si' lla matre divina.

supranu sf. Soprano, cantante dotata di voce soprano.

supremu agg. Supremo. [lat. supremus].

suranese agg. Di Surano * sm. e f. Abitante di Surano.

Suranu geogr. Surano.

surbetta, subbretta sf. Sorbetto, gelato di granita.

surchiare tr.; pres. sùrchiu, ecc.; impf. surchiàa, ecc.; p. rem. surchiài, ecc.; pp. surchiatu. Succhiare, sorbire, succiare, sùggere: la terra sicca surchiàa l'acquiceδδa la terra arsa suggeva la pioggerella; (De Dominicis) li cristiani se sùrchianu la morte gli uomini sorbiscono la morte * detto: la spùrchia l'ànima te la chianta sùrchia l'orobanche succhia la linfa vitale della pianta * 2- Rivoltare in bocca il cibo che scotta o il sorso per assaporare. [dal lat. volg. *surculare].

sùrchiu sm. Fossato nel cimitero, destinato a seppellirvi i defunti poveri, che in vita non hanno potuto iscriversi, come confratelli, alla congreca della buona morte per avere diritto ad un lòculo.

surcu, sùrchiu sm. Solco tracciato dall'aratro * provv. Oi ecchi, surchi ritti i buoi vecchi sono capaci di tracciare i solchi diritti § Nnu oi sulu nu ppote fare nnu buenu surcu un singolo bove non può tracciare un buon solco. [lat. sulcus].

surdatìcchiu sm. Soldatino di prima leva, che fa tenerezza. [vezz. di surdatu].

surdatieδδu sm. Soltatino; soldato semplice. [dim. di surdatu].

surdatu sm. Soldato: simu tutti surdati rasi siamo tutti soldati rasi * prov. La biàa face lu caδδu, lu liquore face lu surdatu l'avena fa robusto il cavallo, l'alcol fa valoroso il soldato. [dal lat. solidus>soldatus, assoldato].
DE D. Lu cappieδδu alla fessiante, / lu secàru mpezzecatu, / nu nc'è ceδδi cu llu para / ca s'ha ccuetu de surdatu.

surdazzi sm. pl. Molti soldi, quattrini a palate. [accr. di sordu].

surdellinu sm. Fischiatina sibilata, richiamo d'intesa rivolto ad una signorina simpatica.

surdiceδδu agg. Sordastro, alquanto difettoso nell'udito, un po' sordo. [dim. di surdu].

surdu agg. Sordo: te nna rìcchia ete surdu, te l'àutra nu nci sente pròpiu da un orecchio è sordo, dall'altro non ci sente affatto * detto: lu mègghiu matremòniu ete quiδδu te nnu surdu cu nna mmuta il matrimonio meglio assortito è quello tra un sordo e una mùtola. [lat. surdus]. Scherzo: Lu mmutu patarnosci sçia decendu, / lu surdu sçia te retu e llu sentìa;

surdu e mmutu sm. Sordomuto: ete surda e mmuta è sordomuta.

surecignu v. surgignu.

surella (neol.) sf. 1- Sorella * 2- Suora.

surellastra (neol.) sf. Sorellastra.

surfeggiare intr.; pres. surfèggiu, ecc.; impf. surfeggiàa, ecc.; p. rem. surfeggiài, ecc.; pp. surfeggiatu. Solfeggiare * fig. Tirarla per le lunghe.

surfèggiu sm. Solfeggio.

surfitu sm. Acido solforoso.

surfùriu, surfuru sm. Solfuro o acido solfidrico. [dal lat. sulphureus].

surge sm. Sorcio, topo * provv. A ccasa ècchia nu mmàncanu surgi in una vecchia casa non mancano topi § Quandu manca lu mùsciu, li surgi bàllanu quando manca il gatto, i topi ballano § A mmùscia ècchia surgi tiènneri a gatta vecchia (necessitano) topini teneri § Ci te mùscia nasce, surgi pìgghia chi da gatta nasce, naturalmente acchiappa topi. [lat. sorex -icis, it. sorce].

surge cu ll'ale sm. Pipistrello. V. anche arturigghiula.

surgelìndiu sm. Pipistrello. [comp. di surge + lindiu, leggero].

surgente (lett.) sf. Sorgente d'acqua. V. pure fonte.

surgepuerru, surge puerru sm. Talpa. [comp. del lat. sorex -icis + porrum, verruca].

sùrgere, surgìre tr.; pres. surgu,… surgimu, ecc.; p. rem. surgìi,… surgemmu, ecc.; pp. surtu. Tirare su un figlio, allevare curando ed educando: nu ffacìa a ttiempu cu ssurga nnu fìgghiu ca nde ccattàa nn'àutru non finiva di allevare un figlio che ne concepiva un altro; surgìa pàpare e puδδasce allevava papere e pollastre * prov. Mamma ete ci te surge nu cci te ccatta madre è chi ti alleva, ti cura e ti educa, non chi ti partorisce. [lat. surgere].
Da c. p. Quantu dulore ci pate nna mamma / pe ssùrgere nnu fìgghiu comu ole Diu!

surge ulante, surge volante sm. Altro nome del pipistrello.

surgìcchiu sm. Topolino, topino * fig. Dolcetto caramellato in involucro con due orecchiette. [dim. del lecc. surge].

surgignu, surecignu agg. 1- Sorcino, proprio del topo: sia ca sentu puzza surgigna mi sembra di sentire puzzo di topo * 2- Di colore simile a quello del sorcio: nnu vandu surecignu, nzomma cennerinu cupu una gonna color topo, insomma grigio scuro * 3- Abile cacciatore di topi: nna mùscia surgigna, surecigna una gatta sorcina. [dal lat. sorcinus>sorcineus].

surniune (lett.) agg. Sornione, taciturno. V. il più comune cattimmammune.

surpassare (neol.) tr.; pres. surpassu, ecc. (segue la coniugazione di passare). Sorpassare, superare. V. strapassare.

surpassatu agg. Superato dal progresso, desueto, anacronistico.

surpassu sm. Sorpasso di un veicolo.

surprèndere, surprendìre (lett.) tr.; pres. surprendu, surpriendi, surprende, surprendimu, ecc.; p. rem. surprendìi (surpresi), surprendisti, surprendìu (surprese), surprendemmu (surprèsemu), surprendestu, surprendèra (surprèsera) ; pp. surprendutu (surpresu) . Sorprendere, cogliere sul fatto. V. i più usati ccappare, truare.

surpresa sf. Sorpresa, sia gradevole che sgradevole.

surpresu agg. Sorpreso, meravigliato.

surrezzula sf., detta anche 'erva te li cardilli'. Calderugia volgare o senecione, pianta prataiola annuale, di consistenza carnosa ora glabra e ora pelosa; i fiori sono riuniti in capolini e formano una infiorescenza apicale gialla circondata da un globoso pappo setoloso bianco. Le cime erano usate in infusi sia come lassativo e sia come stimolante il vomito.

surrucatu sm. Surrogato: lu uèrgiu bbrustulutu lu usu comu surrucatu te lu cafè buenu uso l'orzo tostato come surrogato del vero caffè. [lat. subrogatus].

sursu (neol.) sm. Sorso: ni nnecàu puru nnu sursu te àcqua te la cisterna gli rifiutò persino un sorso di acqua della cisterna; a cquattru sursi scumbràu la ucala a quattro sorsi vuotò il boccale. V. ccune e gnuttu.

surseggiare (neol.) tr.; pres. sursèggiu, ecc.; impf. surseggiàa, ecc.; p. rem. surseggiài, ecc.; pp. surseggiatu. Sorseggiare. V. anche ssapurare.

sursìtiu sm. Sussidio in denaro: sta’ ppìgghiu lu sursìtiu te tisoccupazione sto prendendo il sussidio di disoccupazione. [lat. subsidium].

surtantu avv. Soltanto, solamente. [lat. solum tantum].
DE D. intra surtantu comu nu lamentu / la uce te lu riδδu se sentìa.

surteggiare (neol.) tr.; pres. surtèggiu, ecc.; impf. surteggiàa, ecc.; p. rem. surteggiài, ecc.; pp. surteggiatu. Sorteggiare. V. anche rriffare.

surtèggiu (neol.) sm. Sorteggio. V. il più comune rriffa.

surtieri sm. Scapolo, celibe: alli surtieri ànu misa nna tassa agli scapoli hanno imposto una tassa. [sp. soltero].

surure sf. Sorella. V. suluri e soru.

survegliante (neol.) sm. Sorvegliante, impiegato d'ordine addetto al controllo; usciere. V. cuntrullore e uardianu.

surveglianza (neol.) sf. Sorveglianza, controllo. V. uàrdia.

survegliare (neol.) tr.; pres. survègliu, ecc.; impf. survegliàa, ecc.; p. rem. survegliài, ecc.; pp. survegliatu. Sorvegliare. V. pure cuntrullare.

disegno
sùrvia

sùrvia sf. 1- Sorbo, l'albero il cui legno è ricercato per la sua durezza * 2- Sorba, il frutto, che è giallo rosato quando è attaccato al ramo e che diventa bruno porporino dopo che è stato fatto maturare sotto la paglia; viene mangiato all'occorrenza, avendo proprietà lassative * prov. Cu llu tiempu e cu lla pàgghia se suncira la sùrvia e lla canàgghia * fig. Sbornia: se nde inne cu nna bella sùrvia rientrò con una bella sbornia * modo di dire: fètere te sùrvia avere l'àlito greve di vino.

survinu agg. Di Surbo, proveniente da Surbo * sm. Abitante di Surbo. Gli abitanti di questo paese erano detti 'cazza-malote', schiaccia-scarafagi.

Survu geogr. Surbo * Diceria d'altri tempi: quandu rrìi a nnu paìse e biti ca unu fatìa e dèice uàrdanu, nu ppueti scarrare: ete Survu! quando arrivi in un paesetto e vedi che uno lavora e dieci altri guardano, non ti puoi sbagliare: è Surbo!

susamieδδu sm. Dolcetto casareccio; i susamieδδi erano fatti di farina impastata con il miele e cotti al forno a fuoco lento.

suscettìbbile agg. Suscettibile e ombroso. [lat. susceptibilis].

suscettibilità sf. Suscettibilità.

suscettu sm. Figlioccio; in generale, ragazzo simpatico, di cui non si conosce il nome proprio. V. sçiuscettu.

suspèndere, suspendìre (neol.) tr.; pres. suspendu, ecc.; (segue la coniugazione del semplice pèndere, pendìre). Sospendere, allontanare qualcuno dal suo incarico per punizione.

suspensione sf. Sospensione temporanea, interruzione. [lat. suspensio -onis].

suspensoru, suspensòriu sm. Cinto erniario. [lat. suspensorius].

suspesu agg. Sospeso, interrotto.

suspettare tr. e intr.; pres. suspettu,… suspettamu, ecc.; p. rem. suspettài, ecc.; pp. suspettatu. Sospettare, supporre; avere dei dubbi. [lat. suspectare].

suspettu (pl. suspietti) agg. Sospetto, poco rassicurante * sm. Sospetto, supposizione; timore.

suspettusu agg. Sospettoso, diffidente; guardingo.

suspirare intr. e tr.; pres. suspiru,… suspiramu, ecc.; p. rem. suspirài, ecc.; pp. suspiratu * intr. Sospirare, emettere sospiri di turbamento: uardàa intru intru e suspiràa guardava all'orizzonte ed emetteva sospiri * 2- Desiderare ansiosamente, ma con poca speranza: ae ci suspira nnu zitu! è tanto tempo che attende ansiosa un fidanzato!; l'ànu tantu suspirata nna fìgghia fìmmena hanno tanto a lungo desiderato una figlia. [lat. suspirare].
Da c. p. Suspiru suspirandu e mme rrecrìu, / suspiru tutte l'ure te lu giurnu, / suspiru quandu màngiu e cquandu biu,
Da c. p. Suspira, core, ca raggione nd'ài, / càcciale fore ste malencunèi!

suspiru sm. Sospiro.
Da c. p. Ci passa lu miu amante e dice "Addiu!", / dau prima nnu suspiru e poi respundu.

suspisulare tr.; pres. suspìsulu,… suspisulamu, ecc.; p. rem. suspisulài, ecc.; pp. suspisulatu. Spenzolare, tenere sospeso nel vuoto.

suspisulatu agg. Librato in aria.

sussistènzia sf. Sussistenza militare, vettovagliamento. [lat. subsistentia].

sustànzia, sustanza sf. Sostanza, essenza: càngia furma, culure e puru sustànzia muta forma, colore ed anche sostanza. [dal lat. substantia].

sustanziale agg. Sostanziale, essenziale, fondamentale.

sustanziusu agg. Sostanzioso, tangibile.

suste sf. pl. Bretelle, dande, strisce che pendono dal busto e sorreggono le calze lunghe delle donne; spalline che sorreggono il reggiseno o la sottoveste. [dall'it. susta, molla].

sustenìre (neol.) tr.; pres. sustegnu, ecc.; (si coniuga come il semplice tenìre) * 1- Sostenere, reggere; sopportare: sirma sustenìu (sustinne) tuttu lu spesatu mio padre sostenne il totale delle spese * 2- Asserire con convinzione: sustenìanu ca tie nu aìi sçiutu alla scola asserivano che tu non eri andato a scuola. [lat. sustinêre]. V. rispettivamente suppurtare e mpunìre.

sustentamientu sm. Sostentamento. [lat. sustentamentum].

sustentare tr.; pres. sustentu, sustienti, sustenta, sustentamu, ecc.; impf. sustentàa,… sustentaàmu, ecc.; p. rem. sustentài, ecc.; pp. sustentatu. Sostentare. [lat. sustentare].

sustenutu agg. Contegnoso, riservato con distacco; altezzoso: quandu face la sustenuta, senza sse nde ccorga rrizza li musi quando fa la contegnosa, senza accorgersene arriccia le labbra.

sustetuire tr.; pres. sustetuiscu,… sustetuimu, ecc.; p. rem. sustetuìi,… sustetuemmu, ecc.; pp. sustetuitu. Sostituire. [dal lat. substituere].

sustetutu agg. Sostituto, vicario. [dal lat. substitutus].

sustetuzione sf. Sostituzione. [lat. substitutio -onis].

sùstia, susta sf. 1- Tedio, indolenza, noia profonda, stanchezza di spirito * 2- Stato di insofferenza o di impazienza che tiene in apprensione.

sustiare rifl.; pres. me sùstiu, ecc.; impf. me sustiàa, ecc.; p. rem. me sustiài, ecc.; pp. sustiatu. Annoiarsi e nello stesso tempo irritarsi; infastidirsi non avendo nulla da fare: se sustiàanu senza cu ffàzzanu nienti si annoiavano e si innervosivano non avendo niente da fare. [da un incr. tra lat. subsultare e angustiare].

sustientu, sustentu (pl. sustienti) sm. Sostenimento. [dal lat. susten(amen)tum].

sustiusu, sustusu agg. Insofferente, di cattivo umore perché inattivo, smanioso di fare qualcosa.

susu avv. Su, di sopra, addosso: ieni susu, ca te susu se ite mègghiu vieni su, ché di sopra si vede meglio; cce sse minte susu ni stae qualsiasi cosa si metta addoso le sta bene * prov. Ccenca te llièi te lu musu, te lu minti susu quel che ti togli dalla bocca, te lo potrai mettere addosso * prep. Su, sopra: susu a ttie nu ttegnu de tìcere nei tuoi riguardi non ho da dire alcunché; stae scrittu susu allu libbru sta scritto sul libro; ssettàtiu susu a lli scaluni sedete sui gradini. [lat. susum].
Da c. p. susu a nna petra màrmula sedìa, / sulu, comu dulente nnamuratu.

susummieδδu Vino delizioso, vino caro; bicchiere di vino tanto desiderato; sorsellino da gustare.

sutare intr. e tr.; pres. sutu,… sutamu, ecc.; p. rem. sutài, ecc.; pp. sutatu * intr. Sudare: ci suti e stai alla currente, te nfursioni se sudi e stai agli spifferi, ti prendi un raffreddore; fatiàa allu mantagnu e sutàa lavorava in luogo troppo riparato e sudava * tr. Bagnare di sudore: sutàu la màglia e la camisa bagnò di sudore la maglia e la camicia * fig. Sprizzare dai pori: sutàra sangu cu sse nd'èssenu te ntra lli uài sudarono sangue per liberarsi dai debiti * 2- Guadagnare con fatica: lu postu se l'à ssutatu l'impiego se l'è sudato * modo di dire: pesciare a lliettu e dire ca se suta pisciare a letto e dire che si suda, trovare una scusa inaccettabile.

sutarinu sm. Pezzo di stoffa spugnosa a forma di mezzaluna, che viene sistemato sotto l'ascella per assorbire l'eccessivo sudore.

sutata sf. Sudata.

sutatu agg. Madito di sudore.

sutispare tr.; pres. sutispu,… sutispamu, ecc.; p. rem. sutispài, ecc.; pp. sutispattu. Soddisfare, appagare. [lat. satisfa(ce)re].

sutispattu agg. Soddisfatto e contento, appagato. [lat. satisfactus].

sutispazione sf. Soddisfazione. [dal lat. satisfactio -onis].

sutta prep. Sotto: sutta alli ìmbreci sotto gli embrici; stae sutta all'ecchi toi e nu lla iti? è sotto i tuoi occhi e non la vedi? * (te) sutta avv. Di sotto, giù; in fondo: mpuggiàtili te sutta poggiateli di sotto; cchiù' ssutta ncora ancora più giù; lu sìcchiu sçìu sutta il secchio andò in fondo * composti: cquassutta qui sotto, δδassutta là sotto: minti la firma cquassutta apponi la firma qui sotto. [lat. subtus].
Da c. p. Quantu e' bbellu ddermi a ccampagna / sutta a nnu àrveru te sita / cu nna caruseδδa zita.

suttabbancu avv. Sottobanco, di nascosto, clandestinamente.

suttacaδδu avv. A cavalcioni, a cavalluccio con una gamba di qua e una di là.

suttacanna sf. Sottogola, gorgiera. V. pure ncannàcchia.

suttacappa avv. Nascostamente, clandestinamente, furtivamente.

suttacàusi sm. Pezzo di stoffa posto a rinforzo della parte posteriore dei calzoni. V. pure fundieδδi.

suttachiài avv. Sottochiave.

suttàcqua avv. Sottacqua.

suttafacce sf. Il rovescio di una stoffa, la parte interna di un cuscino * avv. A faccia in giù, prono.

suttaientu avv. Sottovento.

suttamanu sf. 1- Mancia; dono illecito, tangente in danaro * 2- Buca prodòttasi sulla massicciata della strada e che dà un sobbalzo al carro che vi transita sopra * avv. 1- Nascostamente: me passàu nnu biiettinu suttamanu mi passò un bigliettino di nascosto * 2- Lì davanti a disposizione; a portata di mano: lu scarparu tene tutti li fierri suttamanu il calzolaio ha tutti gli attrezzi a portata di mano.

suttamarinu agg. Sottomarino, immerso nelle acque del mare: nna rutta suttamarina una grotta sottomarina * sm. Sottomarino, sommergibile.

suttame sf. 1- Bricioli o grumi che rimangono attaccati al fondo dei recipienti; residuo di fondo * 2- Strame che serve come lettiera per il bestiame.

suttamìntere, suttamentìre tr.; pres. suttamintu, ecc.; (segue la coniugazione di mìntere, mentìre). Sottomettere.

suttana sf. Sottana; sopravveste, spolverino da camera.

suttaninu sm. Piccolo locale ricavato al di sotto del tetto.

suttanu sm. Angusta abitazione posta un poco al di sotto del livello stradale.

suttapanza sf. Sottopancia, lunga e larga striscia di cuoio che, passando sotto la pancia di un equino, fissa i finimenti o la sella o il basto.

suttapassàggiu sm. Sottopassaggio, sottovia.

suttapostu agg. Sottoposto, dipendente.

suttarazzu avv. Sottobraccio, a braccetto: prima cu nni spusamu, suttarazzu nu nni putìamu zzeccare prima del matrimonio, era sfrontato che ci prendessimo a braccetto.
MAR. O suttarazzu o pe manu zzeccate / trasìanu a quattru a cinque le caruse.

suttascala sf. Sottoscala, sempre adibito a ripostiglio.

suttascrittu sm. Sottoscritto, il firmatario di un documento * fig. Io in persona; se stesso: lu suttascrittu nu sse face pigghiare pe ffessa il sottoscritto non si fa prendere in giro.

suttascrizione sf. Sottoscrizione, raccolta di adesioni ad una iniziativa e delle offerte in denaro necessarie a realizzarla: la suttascrizione pe lla festa de San Luisçi la sottoscrizione e la raccolta di fondi per i festeggiamenti in onore di S. Luigi.

suttasquatru sm. Sottosquadra, incavo ad angolo acuto.

suttastare intr.; pres. suttastau, ecc.; (segue la coniugazione di stare). Sottostare.

suttasusu avv. Sottosopra.

suttataccu sm. Penultimo strato di cuoio del tacco.

suttaterra avv. Sottoterra.

suttauècchiu avv. Sottecchi.

suttarranu, suttarràniu sm. Locali o lungo passaggio situati al di sotto del livello del terreno. [lat. subterraneus].

sutterrare tr.; pres. sutterru,… sutterramu, ecc.; p. rem. sutterrài, ecc.; pp. sutterratu. Sotterrare, seppellire.
Da c. p. E' lla sperànzia ci me fa' campare; / ca ci nun àggiu a ttie, fiuru d'amore, / listessu ièu me fazzu sutterrare!

sutterratu agg. Coperto di terra, sepolto.

suttile agg. 1- Sottile, fino, esile, snello, filiforme, magro * 2- Acuto, perspicace, scaltro, dalla mente lùcida. [lat. subtilis].

suttile (male -) sm. Tisi, tubercolosi.

suttilignu agg. Segaligno, falso magro.

suttintèndere tr.; pres. suttintendu,… suttintendimu, ecc.; p. rem. suttintendìi (suttintesi), suttintendisti, suttintendìu (suttintese), suttintendemmu (suttintèsemu), suttintendestu, suttintendèra (suttintèsera) ; pp. suttintendutu (suttintesu) . Sottintendere.

suttuce, sutta uce avv. Sottovoce, a voce sommessa.

suttumiessu, suttumessu agg. Sottomesso, docile e remissivo.

suture sm. Sudore: portu la camisa suppa te suture indosso la camicia madita di sudore * fig. Lavoro assai faticoso: ci me li paa li suturi mei? chi mai potrà ripagarmi dei miei sudori e delle mie fatiche? [lat. sudor -oris].

suvicenzi (capu te -) sf.; intercalare di sdegno, usato al posto dello squaiato e triviale (ma usatissimo) 'capu te cazzu': cce ccapu te suvicenzi te sta’ ppassa pe lla capu? che accidenti ti sta passando per la testa?; a mmie me face nna capu te suvicenzi non mi fa un bel niente; na, sta capu te suvicenzi! toh, prendi quest'accipicchia! [dal lat. (caput) sui censi, del suo censo].

suvversivu sm. Sovversivo, sovvertitore, rivoluzionario.

suzzu sm. 1- Grumo di brodo ristretto, rappreso per raffreddamento, brodo gelatinoso * 2- Salamoia molto concentrata; preparato per sottaceti: cepuδδe allu suzzu cipolle sotto aceto. [dal lat. sucidus e succus incr. con it. solcio].

suzzurra sf. Sozzura, sporcizia ripugnante. V. pure saurra.

svacare tr.; pres. svacu, svachi, svaca, svacamu, ecc.; p. rem. svacài, ecc.; pp. svacatu. Svagare per passatempo * rifl. Ricrearsi. [lat. evacari].

svacatu agg. Svagato, distratto con la testa fra le nuvole.

svacu sm. Svago, divertimento sereno, passatempo.

svantaggiare tr.; pres. svantàggiu, ecc.; impf. svantaggiàa, ecc.; p. rem. svantaggiài, ecc.; pp. svantaggiatu. Svantaggiare, danneggiare in un certo modo e misura.

svantaggiatu agg. Sfavorito.

svantàggiu sm. Svantaggio, sfavore.

svantaggiusu agg. Svantaggioso, sfavorevole.

svèglia (neol.) sf. Grosso orologio con soneria. V. spèglia.

svenimentu (pl. svenimienti) sm. Svenimento, perdita momentanea dei sensi. V. i più comuni mancanza, tristu.

svenire (neol.) intr.; pres. svengu, svieni, sviene, svenimu, ecc.; (si coniuga come enìre). Svenire, perdere d'improvviso i sensi: ntra llu surcu svenìu svenne e cadde nel solco.

svista sf. Svista, sbaglio involontario, errore non voluto.

svitare (neol.) tr.; pres. svitu,… svitamu, ecc.; p. rem. svitài, ecc.; pp. svitatu. Svitare, estrarre una vite. V. spanare.

svitatu agg. Di persona un poco tocca, strana.

svugliare (neol.) tr.; pres. svògliu, svuegli, svòglia, svugliamu, ecc.; p. rem. svugliài, ecc.; pp. svugliatu. Svogliare, demotivare, disamorare. V. spuniare.

svugliatu (neol.) agg. Svogliato, disinteressato. V. pure ncresciusu.