Home Page Inizio della pubblicazione
Li cunti te Papa Caliazzu
Sezione precedente:
Racconto successivo:
Avvertenze sulla grafia e sulla pronunzia Presentazione Ecce Agnus Dei

PRESENTAZIONE

TRADUZIONE

Nnu amicu leccese verace, ci te muti anni àbbeta e fatìa a δδe mere - nu mme sta' rrecordu a ddune - tuttu presçiatu idde e se ccattàu Gli Aneddoti di Papa Galeazzo, per Ruggeri Rizzelli, Galatina 1912. Un amico leccese autentico, che da molti anni abita e lavora lontano - non ricordo dove - con vero piacere trovò e acquistò Gli Aneddoti di Papa Galeazzo, per Ruggeri Rizzelli, Galatina 1912.
Aprìu lu libbru, utàu le pàggine, leggìu quarche ricu cquài e δδai e nde rrumase nnu picca fiaccu: penzàa ca troa li cunti scritti a llìngua nòscia te Lecce o pe llu menu a dialettu lucugnanese e, nvece, stìanu scritti a llìngua taliana; e de cce ssìngula manera! scritti a nnu motu tantu llisciatu, cu nnu tonu tantu elevatu, ca nu parìanu cchiùi li 'fatti te papa Caliazzu'. Nu ssulu, ma li culacchi spicciàanu senza δδu pìzzecu te tiaulìcchiu ci la gente leccese nci sape mìntere quandu cunta fatti curiosi te rìtere. Aprì il testo, sfogliò le pagine, lesse qualche rigo ad apertura di libro e restò deluso: pensava di trovare i racconti scritti nell'idioma nostro leccese od anche nel vernacolo di Lucugnano e, invece, le storielle, le facezie erano presentate in lingua italiana; e in che stile! in forma tanto levigata, in tono tanto elevato, che non sembravano più 'le vicende di don Galeazzo'. Non solo, ma le lepidezze terminavano freddamente, senza quella verve piccante che la gente leccese sa adoperare quando racconta fatti spassosi.
Damme tiempu - ni tissi a llu amicu - damme tiempu e te giuru ca stu libbru te lu traspormu a dialettu leccese; statte tranquillu ca li cunti e li culacchi cchiù' ngraziati, li fatti te rìtere te li rendu pròpiu comu li tata nesci li cuntàanu a nnui strei, pròpriu comu li siri loru l'ìanu ntisi prima cuntare te li nannàsçeni loru. Dammi il tempo necessario - dissi all'amico - e ti prometto che tradurrò il testo in dialetto leccese; stai tranquillo che i brani e le barzellette più carini li presenterò nella forma e nel tono in cui i nostri padri li raccontavano a noi ragazzi, proprio come i loro nonni li avevano sentiti narrare dagli avi.
Àggiu mantenuta la palora e moi, pe llu amicu e pe tanti àutri ci se nde prèmenu te le tratizioni, te le usanze e de le abbetùtini nosce, pe cquiδδi ci se ntarèssanu de le cose e de li fatti te lu Salentu, de la curtura pupulare leccese a mparticulare, eccu li mègghiu cunti, li culacchi cchiùi ngraziati, li fatti cchiùi curiosi te papa Caliazzu (li fiacchi, li brutti e li lurdi l'àggiu sartati), scritti a llìngua leccese, secundu la parlata genuina te la cità te Lecce; filu però tratotti frase pe frase, palora pe palora, ma allu stessu motu e alla stessa manera te comu pe sièculi la gente l'à sçiuti cuntandu pe filu e pe segnu. Ho tenuto fede alla promessa e adesso, per l'amico e per gli appassionati cultori che si interessano della civiltà del Salento e, in particolare, della cultura popolare leccese, ecco una selezione di racconti burleschi1 espressi in dialetto leccese, in schietta parlata di Lecce città; non tradotti, però, alla lettera, ma resi nel ritmo, nel tono, nel modo tipici in cui per secoli il popolo li ha narrati.
1 Della raccolta del Rizzelli sono stati tralasciati quegli aneddoti del tutto privi di estro spiritoso ed altri di contenuto proprio indecente.



Home Page Inizio della pubblicazione
Li cunti te Papa Caliazzu
Sezione precedente:
Racconto successivo:
Avvertenze sulla grafia e sulla pronunzia Presentazione Ecce Agnus Dei