Home Page Inizio della pubblicazione
Grammatica del dialetto leccese
Capitolo precedente: Capitolo 7-b Capitolo successivo:
AGGETTIVI POSSESSIVI AGGETTIVI DIMOSTRATIVI AGGETTIVI INDEFINITI


AGGETTIVI DIMOSTRATIVI

Gli aggettivi dimostrativi sono:


- stu, sta, sti, ste (questo, questa, questi, queste):
sta rosa nu ndora (questa rosa non ha odore); li uèi sti nuci? (vuoi queste noci?); nu mme ntarèssanu ste fessarèi (non mi interessano queste sciocchezze);

- stasira, stanotte, stafiata, stannu equivalgono a sta sira (questa sera), sta notte (questa notte), sta fiata (questa volta), stu annu (quest'anno)

Il pronome corrispondente è quistu, quista, quisti, quiste.


- δδu, δδa, δδi, δδe (quello, quella, quelli, quelle):
δδu ciùcciu ete caucinaru (quel somaro è incline a tirare calci); sta' uardu δδe mmurfiuse (guardo quelle smorfiose).

Questi aggettivi precedono sempre il sostantivo.

Il pronome corrispondente è quiδδu, quiδδa, quiδδi, quiδδe.


- stessu, stessa, stessi, stesse (stesso, stessa, stessi, stesse):
papa Ronzu stessu l'à ppretecatu (don Oronzo stesso lo ha predicato); sorsa tene la stessa ità de sorma (sua sorella ha la medesima età di mia sorella); teniti li stessi izzi (avete i medesimi vizi);


- listessu, lu stessu è usato in senso avverbiale e significa: lo stesso, egualmente: ci puru nu mbole, ièu au listessu (anche se non vuole, io andrò ugualmente); pe mmie ete lu stessu (per me è la stessa cosa);


- metèsemu (medesimo) è voce dotta.


- àutru, àutra, àutri, àutre o àuru, àura, àuri, àure (altro, altra, altri, altre):
l'àutru o l'àuru giurnu (l'altro giorno), le àutre o le àure fiate (le altre volte), passàu te l'una all'àutra ripa (passò dall'una all'altra riva); l'àuri amici nu bènenu (gli altri amici non verranno); me faci nn'àuru faore? (mi fai un altro favore?)


- tale, tali (tale, tali):
tale lu sire menante, tali le fìgghie (tale il padre spendaccione, tali le fìglie); foi brutta nna tale sorte (fu brutta una tale sorte).


Gli aggettivi stessu, àutru, tale possono essere usati anche come pronomi: a iδδu n'à ddatu lu permessu, lu stessu à ffare cu mmie (a lui ha dato il permesso, la stessa cosa deve fare con me); l'àutri li lassu (gli altri li lascio); me l'à dditta nnu tale (un tale me lo ha riferito).




Home Page Inizio della pubblicazione
Grammatica del dialetto leccese
Capitolo precedente: Capitolo 7-b Capitolo successivo:
AGGETTIVI POSSESSIVI AGGETTIVI DIMOSTRATIVI AGGETTIVI INDEFINITI