Home Page Inizio della pubblicazione
Li cunti te Papa Caliazzu
Racconto precedente: Racconto 13 Racconto successivo:
La tòneca te San Frangiscu Le sanguette Secundum Lucam

Le sanguette

Lu fattore te lu barone te picca ìa turnatu te lu giru te surveglianza, ìa surchiatu lu sangu a lli p˘ri culoni. Pròpriu quandu sta' spartìa li turnisi a doi pursioni, una pe llu patrunu e una pe iδδu stessu, tuttu te paru allu fattore ni catìu còccia a llu core, spalangàu la ucca pe lla tulore a mpiettu e rumase giuncu te lu razzu e de l'anca mancina.

Quiδδi te casa te pressa sçera cchiamàra lu miètecu e puru l'acciprete - nu sse sapìa mai!

Dopu ci lu visitàu, lu tuttore ni urdinàu la bellezza te tèice sanguette. Papa Caliazzu a stu puntu disse a llu tuttore:

- Ete mègghiu ci ni mini le coppe a ientu e poi ci ni faci la sagnìa.

- E percÚne? - ddummandàu lu miètecu - nc'ete nna raggione speciale, nnu mutivu particulare?

- Sì ca nc'ete - ni disse papa Caliazzu ntra nna rìcchia - Comu cane nu mmòzzeca cane, cussì sanguetta nu ssùrchia sanguetta!




Home Page Inizio della pubblicazione
Li cunti te Papa Caliazzu
Racconto precedente: Racconto 13 Racconto successivo:
La tòneca te San Frangiscu Le sanguette Secundum Lucam