Home Page Inizio della pubblicazione
La Cappella del Monte, il Camposanto, la Comunità di Cavallino nell'800
Capitolo successivo: Capitolo sedicesimo Capitolo successivo:
Strada de lu Tutu La chiazza Strada de lu Cumentu

La chiazza (Piazza Castromediano)

Lasciando Largo Loreto e procedendo verso sud, sùbito a sinistra si incontrava un cortile rettangolare, in cui si affacciavano il giardinetto de li Scicchi, l'abitazione-bottega de li Pingi, l'abitazione-beccheria di Antonio Gigante chiamato Ntoniceδδu Giangiarra, l'unico macellaio de tempo.

Nel 1935 fu inaugurato il primo edificio scolastico, con prospetto principale e ingressi sulla via A. Diaz; allora, per congiungere direttamente la scuola con il centro del paese, detta corte venne sfondata e prolungata divenendo l'attuale via Giuseppe De Dominicis, presto fiancheggiata da moderne abitazioni. Dando le spalle al cortile suddetto, lo sguardo si perdeva libero e lontano per la vasta spianata, la chiazza, senza intitolazione.

Sino ai primi anni dell''800 su un lato dello spiazzo c'era edificato - come si sa - il grande palazzo dei Castromediano, sul lato contiguo si scorgevano il fronte recintato della villa marchesale e i prospetti di tre botteghe delle sorelle Castromediano (dove oggi c'è l'ex municipio); più in là in un cantone era edificato il grande fabbricato di Frattumasi (Fra' Tommaso) e nell'altro si ergeva l'attigua Chiesa Matrice; vicino e un poco discosto era il pozzo pubblico sovrastato dalla statua litica di S. Domenico; più lontano, dirimpetto alle ali sporgenti (le alette) del Palazzo c'erano una fontanella asciutta e un monumentino dedicato al re di Spagna Filippo IV, a cavallo.

Nell'ampia piazza non c'era alcuna altra costruzione; o meglio, parallelo al muretto della villa, verso il 1815, fu scavato e poi coperto con lastroni di pietra un canale (c'è ancora) allo scopo di accogliere l'acqua piovana inondante, costringendola a defluire verso la vicina villa, in una voragine naturale; la "ora" ha compiuto questa sua funzione sino a non molti anni addietro.

Dopo l'abolizione del feudo (1806) e la conseguente caduta in sventura dei Castromediano, questi per necessità si misero a vendere e i nuovi benestanti cavallinesi presero ad acquistare i suoli ai margini della piazza grande e sorsero nuove e più comode abitazioni, queste ora con pareti di conci squadrati e coperture a volta (a liama) con terrazza solare (loggia).

Proprio dirimpetto alla Chiesa Madre l'esattore Clemente De Luca si fece costruire una casa con rimessa e corte antistanti; accanto, Pasquale Garrisi, sindaco di Cavallino dal 1832 al 1837, si fece fabbricare due appartamenti, uno a piano terra e l'altro a 1 p., con la corte accanto e con la stalla in fondo; di fianco si situò il medico don Giacinto Baldassarre in un'abitazione dall'ampia facciata con ingresso absidato ornato di due robuste colonne doriche; confinante seguì il palazzetto del possidente Raffaele Forcignanò del ramo Panesi, e questo immobile era formato da un ingresso ad androne e botteghe a piano terra e da un ampio appartamento con balconata al 1 piano.

Svoltato l'angolo a destra, si allungava la stretta curte d'Andrea, così chiamata dal cavallinese Andrea d'Andrea, un dotto latinista, ma più tardi essa fu detta curte de li Tramuntana; accanto alla casupola di mèsciu Chiccu Carlà seguiva l'abitazione a due piani dell'agricoltore Michelangelo Gigante; dirimpetto era la dimora di Zaccaria Ingrosso, che diede il soprannome Zacarìa ai discendenti; di ritorno, accanto c'erano la casupola del contadino Cesare Murrone e poi la casa dell'apprezzatore Gioacchino Totaro Aprile; l'intera cantonata era occupata dalla grande dimora a due piani con balconi dell'Economo Curato don Oronzo Totaro, papa Ronzu, zio dei Totaro Fila. Soltanto dopo il 1910 la corte de li Tramuntana venne prolungata fino a congiungersi con la nuova via A. Diaz; allora la corte diventata strada venne intitolata via Principe di Piemonte; e nel tratto nuovo la prima abitazione ad essere costruita fu la palazzina del sacerdote don Teodoro Gigante, papa Diatoru, per molti anni arciprete e parroco di Cavallino.

Nel breve tratto dell'odierna via Garibaldi, susseguenti alla dimora di papa Ronzu sorsero l'abitazione di Eduardo Ciccarese lu Pasularu, accanto quella di Ignazio De Giorgi a pianterreno e l'altra a 1 p. del sacerdote don Giovanni Battista De Giorgi o papa Titta; seguirono la dimora con corte adiacente del medico don Diego Garrisi (dove adesso è il bar Caricato & Capone), e ultima la casa con cortile antistante del sacerdote don Tommaso Dell'Anna, papa Masi.

Qualche decennio dopo, dirimpetto a questo fronte di case vennero edificati sei locali-botteghe di proprietà di Giuseppe Trotta da Nardò, la fucina del fabbro maniscalco Donato Chirizzi da Arnesano, due botteghe con abitazione soprastante di Vincenzo Ciccarese Cazzati, e altre due botteghe con abitazione soprastante di Lorenzo Giannone detto mèsciu Nenzu Surge.




Home Page Inizio della pubblicazione
La Cappella del Monte, il Camposanto, la Comunità di Cavallino nell'800
Capitolo successivo: Capitolo sedicesimo Capitolo successivo:
Strada de lu Tutu La chiazza Strada de lu Cumentu