Home Page Inizio della pubblicazione
Grammatica del dialetto leccese
Capitolo precedente: Capitolo 5 Capitolo successivo:
GLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI GRADI DEGLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI SECONDO TERMINE DI PARAGONE


GRADI DEGLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI

Gli aggettivi qualificativi possono essere di grado:


1. positivo: caru (caro), rande (grande), picciccu (piccino);


2. comparativo, il quale a sua volta si distingue in:

  1. comparativo di maggioranza, che si forma facendolo precedere dall'avverbio cchiù' (lat. plus, it. più): cchiù' caru (più caro), cchiù' rande (più grande), cchiù' picciccu (più piccino);
  2. comparativo di minoranza, che si forma facendolo precedere dall'avverbio menu (lat. minus, it. meno): menu caru (meno caro), menu rande (meno grande), menu picciccu (meno piccino);
  3. comparativo di uguaglianza, che è preceduto dagli avverbi cussì (così), spesso sottinteso, e tantu (tanto), ed è seguito dagli avverbi comu a (come), quantu a (quanto): cussì ccaru quantu a (così caro quanto); tantu rande comu a (tanto grande come);


3. superlativo, il quale a sua volta si distingue in:

  1. superlativo di maggioranza, facendo precedere l'avverbio cchiù' da un articolo determinativo: lu cchiù' caru (il più caro), li cchiù' randi (i più grandi), le cchiù' piccicche (le più piccole);
  2. superlativo di minoranza, facendo precedere l'avverbio menu da un articolo determinativo: la menu cara (la meno cara), lu menu rande (il meno rande), li menu piccicchi (i meno piccini);
  3. superlativo assoluto, che si forma:


Qualche superlativo formato con il suffisso -issemu (certamente dal lat. -issimus o dall'it. -issimo) è di derivazione dotta e letteraria, per es. santìssemu (santissimo), amatìssemu (amatissimo), ccellentìssemu (eccellentissimo).




Home Page Inizio della pubblicazione
Grammatica del dialetto leccese
Capitolo precedente: Capitolo 5 Capitolo successivo:
GLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI GRADI DEGLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI SECONDO TERMINE DI PARAGONE